Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati
Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni

Juventus Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Juve)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Juve" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Juve (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Juventus" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Juventus (disambigua).
Juventus FC
Calcio Football pictogram.svg
Campione d'Italia in carica Campione d'Italia in carica
Juventus FC 2017 icon (black).svg
La Vecchia Signora, Madama, La fidanzata d'Italia,
Le Zebre, I Bianconeri
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Nero e Bianco (Strisce).svg Bianco, nero
Simboli Zebra
Inno Juve (storia di un grande amore)
Paolo Belli
Dati societari
Città Torino
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie A
Fondazione 1897
Proprietario Italia Famiglia Agnelli
Presidente Italia Andrea Agnelli
Allenatore Italia Andrea Pirlo
Stadio Allianz Stadium
(41 507 posti)
Sito web www.juventus.com
Palmarès
10 scudetti10 scudetti10 scudettiScudettoScudettoScudettoScudettoScudettoScudetto 10 coppe ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa Italia Supercoppa italianaSupercoppa italianaSupercoppa italianaSupercoppa italianaSupercoppa italianaSupercoppa italianaSupercoppa italianaSupercoppa italiana Coppa Ali della Vittoria Coppa dei CampioniCoppa dei Campioni Coppa delle Coppe Coppa UEFACoppa UEFACoppa UEFA Supercoppa europeaSupercoppa europea Coppa Intertoto Coppa IntercontinentaleCoppa Intercontinentale
Scudetti 36
Titoli nazionali 1 campionato di Serie B
Trofei nazionali 13 Coppe Italia
8 Supercoppe italiane
Trofei internazionali 2 Coppe dei Campioni/Champions League
1 Coppe delle Coppe
3 Coppe UEFA/Europa League
2 Supercoppe UEFA
1 Coppe Intertoto
2 Coppe Intercontinentali
1 Coppa delle Alpi
1 Coppa dell'Amicizia
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

La Juventus Football Club (dal latino: iuventūs, «gioventù»), meglio nota come Juventus (/juˈvɛntus/),[1] è una società calcistica italiana con sede nella città di Torino.

Fondata nel 1897 da un gruppo di studenti liceali locali,[2] la Juve, com'è colloquialmente abbreviata,[3] è il secondo club calcistico professionistico per anzianità tra quelli tuttora attivi nel Paese, dopo il Genoa (1893); è il più titolato e con maggiore tradizione sportiva FIGC, oltreché uno dei più blasonati al mondo con 68 trofei ufficiali vinti durante la militanza al vertice della piramide sportiva nazionale, tra cui il primato di 36 titoli di campione d'Italia e 11 in competizioni UEFA.[4] Partecipa alla Serie A, il massimo campionato italiano, a cui ha preso parte stabilmente sin dall'esordio nel 1900, eccezione fatta per la stagione 2006-2007. Dopo aver esordito in divisa rosanero, nel 1903 adottò l'odierna tenuta di gioco bianconera.

Il legame con la famiglia Agnelli, che dura in modo quasi ininterrotto dal 1923, è il primo e più duraturo sodalizio imprenditoriale-sportivo in Italia;[5] attraverso un peculiare modello gestionale instaurato nel frattempo, quella bianconera divenne una delle prime società sportive italiane a raggiungere uno status professionistico ante litteram,[6] affermandosi a livello nazionale dal decennio successivo e in ambito internazionale dalla metà degli anni 1970.[7] Nel decennio seguente diventò il primo club ad aver vinto tutte e tre le maggiori competizioni europee: la Coppa UEFA (1976-1977, prima squadra sudeuropea nel farlo), Coppa delle Coppe (1983-1984) e Coppa dei Campioni (1984-1985);[8] coi trionfi nella Supercoppa UEFA 1984 e nella Coppa Intercontinentale 1985 divenne inoltre il primo e tuttora unico al mondo ad avere conquistato tutti i trofei ufficiali maschili della propria confederazione di appartenenza, un record ulteriormente migliorato con il successo in Coppa Intertoto 1999.[9]

Quotata alla Borsa Italiana dal 2001,[10] la Juventus è una società per azioni posizionata pressoché stabilmente, dalla seconda metà degli anni 1990, tra i primi dieci club calcistici su scala mondiale in ambito finanziario per fatturato, valore borsistico e profitti.[11] Numerosi calciatori sono stati premiati durante la militanza nel club con riconoscimenti quali il Pallone d'oro (8), il FIFA World Player (3) e il migliore calciatore assoluto AIC (11) — tutti i tre, record a livello italiano —; il suo contributo alla nazionale italiana, ininterrotto dai primi anni 1920 oltreché il maggiore tra le squadre italiche, è stato decisivo per i successi della rappresentativa nazionale.[12] È inoltre forte del più numeroso sostegno a carattere nazionale oltreché molto esteso su scala globale,[13][14] principalmente nei Paesi a forte emigrazione italiana, che ne fanno contemporaneamente un simbolo anticampanilistico e di italianità.[15][16] Nel 2000 la Juventus fu inserita dalla FIFA al settimo posto (prima italiana) nella classifica secolare sui migliori club al mondo,[17] mentre nel 2009 fu nominata dall'IFFHS migliore squadra nel Paese e seconda a livello europeo, dopo il Real Madrid, del XX secolo.[18]

Storia

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia della Juventus Football Club.
La Juventus di Carlo Carcano della stagione 1933-1934, al quarto scudetto del Quinquennio d'oro

Nell'autunno del 1897 vide la luce a Torino lo Sport-Club Juventus per iniziativa di un gruppo di studenti del liceo classico Massimo d'Azeglio; tra essi i fratelli Eugenio ed Enrico Canfari.[2] Tre anni più tardi, con il nome di Foot-Ball Club Juventus,[19] la società si iscrisse al suo primo campionato italiano.[20] Il primo titolo nazionale arrivò già nel 1905,[20] tuttavia appena l'anno dopo il presidente della società, lo svizzero Alfred Dick, a seguito di accese discussioni di spogliatoio lasciò la Juventus e, assieme a un gruppo di soci dissidenti, si unì alla Torinese per dare vita al Torino:[21] l'episodio, oltre a segnare l'origine del derby della Mole, fu l'inizio di una serie di problemi finanziari e sportivi che culminarono nel 1913, quando la squadra bianconera evitò la retrocessione in Promozione grazie a un ripescaggio.[22]

Dopo la prima guerra mondiale la Juventus, risollevatasi con la presidenza di Giuseppe Hess e Corrado Corradini, migliorò il suo piazzamento in campionato e fornì i primi giocatori alla nazionale italiana.[23] Edoardo Agnelli assunse la presidenza della società il 24 luglio 1923.[5] Con l'ulteriore arrivo del primo allenatore professionista, l'ungherese Jenő Károly, giunse la vittoria del secondo tricolore nella stagione 1925-1926.[24]

Omar Sívori, John Charles e Giampiero Boniperti, il Trio Magico dei torinesi tra gli anni 1950 e 1960: per la leggenda juventina Boniperti, prima 15 anni da calciatore bianconero e poi 19 da presidente del club

Il primo ciclo vincente della società, grazie all'apporto di elementi come Giovanni Ferrari, Raimundo Orsi, Luis Monti e il trio difesivo Combi-Rosetta-Caligaris,[25] giunse tra il 1930-1931 e il 1934-1935, quando arrivarono cinque scudetti consecutivi, uniti al raggiungimento delle semifinali di Coppa dell'Europa Centrale per quattro anni di fila; allenatore della squadra in quattro delle cinque vittoriose stagioni fu Carlo Carcano, uno dei precursori del «metodo».[26] Molti giocatori di quella Juventus formarono il nucleo della nazionale italiana vittoriosa nella Coppa Internazionale e nel campionato del mondo 1934.[27] La prematura morte di Edoardo Agnelli, avvenuta nel 1935, coincise con la fine del cosiddetto «Quinquennio d'oro». Sul finire del periodo interbellico arrivò comunque la prima Coppa Italia dei bianconeri (1938).

Nel secondo dopoguerra sotto la presidenza di Gianni Agnelli e in seguito di suo fratello Umberto la Juventus tornò alla ribalta dopo tre lustri conoscendo un secondo ciclo di vittorie, grazie anche all'arrivo di Omar Sívori e John Charles, che insieme a Giampiero Boniperti formarono il «Trio Magico»:[28] tre scudetti tra il 1958 e il 1961, il primo dei quali fu il decimo e le valse il diritto a poter esporre sulle maglie la stella.[29] Sívori divenne inoltre nel 1961 il primo calciatore proveniente dalla Serie A a vincere il Pallone d'oro.[30]

La Juventus di Giovanni Trapattoni della stagione 1983-1984, che centrò il double composto da scudetto e Coppa delle Coppe

Nel 1971 Boniperti diventò presidente del club e il suo primo scudetto in tale nuova veste giunse subito alla sua prima stagione, nel 1971-1972, bissato da quello successivo del 1972-1973: furono i primi di un terzo vittorioso ciclo che nei successivi quindici anni, sotto la guida tecnica dapprima di Čestmír Vycpálek, poi di Carlo Parola e infine di Giovanni Trapattoni, portarono a Torino nove scudetti, due Coppe Italia e vittorie internazionali che fecero della Juventus la prima a vincere tutte le competizioni dell'UEFA e, a seguire, la prima al mondo a conquistare tutte le competizioni ufficiali per club.

In particolare nel 1977 arrivò la prima vittoria internazionale in Coppa UEFA, al termine di un'accesa finale contro gli spagnoli dell'Athletic Bilbao.[31] Il titolo nella Coppa dei Campioni 1984-1985, conseguito a Bruxelles il 29 maggio 1985 sul Liverpool circa un anno dopo la vittoria da imbattuta in Coppa delle Coppe, fu invece oscurato da gravi incidenti pre-gara generati dagli hooligan britannici che portarono alla morte di 39 spettatori. Lo scudetto vinto nel 1986 chiuse il decennio di Trapattoni: durante la sua gestione complessivamente 9 elementi della Juventus giocarono nella nazionale italiana al campionato del mondo di Argentina 1978 e 6 in quella che si laureò campione nella successiva edizione di Spagna 1982.

La Juventus di Marcello Lippi celebra i trionfi del 1996 in Champions League e Coppa Intercontinentale

Tramontata la generazione di calciatori che avevano costituito l'asse portante della squadra, la Juventus affrontò un periodo di nove anni privo di risultati in campo nazionale, anche se giunsero a Torino una Coppa Italia (1990) e due Coppe UEFA (1990 e 1993).[29] Nel 1994 l'arrivo in panchina di Marcello Lippi fu il preludio al quarto ciclo vincente dei bianconeri: in dieci stagioni — con l'intervallo di un biennio d'interregno di Carlo Ancelotti, il quale vinse la Coppa Intertoto — la squadra fece suoi cinque scudetti e una Coppa Italia, raggiunse quattro finali di Champions League vincendo quella del 1996 a Roma e conquistò una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa UEFA e quattro Supercoppe di Lega.

I successi ottenuti in campionato sotto la gestione tecnica di Fabio Capello a metà degli anni 2000 vennero annullati dall'esito del caso Calciopoli: nell'estate 2006 la giustizia sportiva revocò ai bianconeri il titolo conseguito nel 2005 e li declassò dal primo all'ultimo posto in classifica nel 2006, relegandoli d'ufficio per la prima volta nella loro storia in Serie B.[32] La Juventus fu promossa in massima categoria un anno più tardi vincendo il campionato cadetto.

Nel 2010 Andrea Agnelli, quarto esponente della dinastia torinese, assume la presidenza del club. Sotto il suo mandato, con le guide tecniche di Antonio Conte, poi Massimiliano Allegri e infine Maurizio Sarri, i bianconeri danno vita a un quinto ciclo di successi superando la squadra del Quinquennio d'oro e inanellando nove scudetti consecutivi dal 2012 al 2020, un unicum nel calcio italiano;[33] nello stesso decennio arrivano inoltre a Torino quattro double consecutivi grazie alle vittorie in Coppa Italia, altro primato nazionale,[34] e quattro Supercoppe di Lega.

Cronistoria

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cronistoria della Juventus Football Club.
Cronistoria essenziale della Juventus Football Club
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (4º titolo).
UEFA CUP.svg Vince la Coppa UEFA (1º titolo).
Coppa delle Coppe.svg Vince la Coppa delle Coppe (1º titolo).
Supercoppa UEFA.svg Vince la Supercoppa UEFA (1º titolo, 1ª partecipazione).
Coppa Intercontinentale.svg Vince la Coppa Intercontinentale (1º titolo).
UEFA CUP.svg Vince la Coppa UEFA (2º titolo).
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (9º titolo).
Coppa Campioni.svg Vince la Champions League (2º titolo).
Supercoppa UEFA.svg Vince la Supercoppa UEFA (2º titolo).
Coppa Intercontinentale.svg Vince la Coppa Intercontinentale (2º titolo).
Supercoppa Italiana.svg Vince la Supercoppa italiana (2º titolo).
Supercoppa Italiana.svg Vince la Supercoppa italiana (3º titolo).
Supercoppa Italiana.svg Vince la Supercoppa italiana (5º titolo).
Supercoppa Italiana.svg Vince la Supercoppa italiana (6º titolo).
CoccardaCoppaItalia10.svg Vince la Coppa Italia (10º titolo).
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (11º titolo).
Supercoppa Italiana.svg Vince la Supercoppa italiana (7º titolo).
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (12º titolo).
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (13º titolo).
Supercoppa Italiana.svg Vince la Supercoppa italiana (8º titolo).

Colori e simboli

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Colori e simboli della Juventus Football Club.

Colori

I fondatori-giocatori dello Sport-Club Juventus nel biennio 1897-1898 con indosso l'originaria divisa rosanero

L'uniforme di gioco della Juventus è una maglia a strisce verticali bianche e nere,[36] tradizionalmente abbinata a pantaloncini e calzettoni bianchi. La divisa degli esordi adottata a cavallo tra XIX e XX secolo era invece composta da una camicia rosa (abbinata a scelta con cravatta o farfallino) e pantaloni neri. In seguito a causa dei frequenti lavaggi il rosa scolorì in maniera talmente evidente che il club ne decise il cambio.[36]

Nel 1903 fu così chiesto all'inglese Savage (tra i membri della società) di cercare nel suo Paese un kit da gioco più consono e resistente all'usura. Savage aveva un amico di Nottingham tifoso del Notts County, la cui maglia è a strisce bianconere: per tale ragione fu spedito a Torino un set di uniformi analogo a quello usato dai Magpies.[37]

Simboli ufficiali

Stemma

La zebra rampante, già parte dell'iconografia del club, ha inoltre affiancato lo stemma sociale da fine anni 1970 ai primi anni 1990

Eccezion fatta per un particolare simbolo in uso dal 1979 all'inizio degli anni 1990 — e che ha solo affiancato lo stemma ufficiale — ovvero la silhouette nera di una zebra rampante,[38] dagli albori al 2017 l'emblema identificativo della Juventus è rimasto sostanzialmente invariato:[39] uno scudo ovale riempito da pali bianchi e neri, con il nome del club impresso nella parte superiore, mentre in quella inferiore trovava posto il toro, simbolo civico torinese; altri dettagli erano in oro, o in alternativa in blu Savoia, quest'ultimo un omaggio alla tradizione sabauda di Torino.[39]

Con la stagione 2017-2018 il club ha adottato un diverso stemma volto a inaugurare una rinnovata identità societaria,[40] di fatto un logo che si distacca nettamente dalla tradizionale araldica calcistica europea:[41] si tratta di un pittogramma che riproduce la lettera «J» stilizzata, composta da strisce verticali bianconere che, incurvandosi, vanno a proiettare i bordi di uno scudo francese antico, rimandando esplicitamente anche allo scudetto;[40] il tutto è sormontato dalla denominazione societaria.[40] Tale logo viene ristilizzato nella stagione 2020-2021 con l'eliminazione del wordmark.[42]

Inno

L'inno ufficiale della Juventus — il quinto nella storia del club — è Juve (storia di un grande amore), scritto da Alessandra Torre e Claudio Guidetti, nella versione del cantante e musicista emiliano Paolo Belli composta nel 2007.[43] Tra quelle composte dagli artisti più noti figura Juvecentus, opera di Pierangelo Bertoli nel 1997, in occasione del centesimo anniversario della fondazione del club.[44]

Strutture

Stadio

L'ingresso del Campo Juventus, impianto interno dal 1922 al 1933 nonché di proprietà del club

Nel biennio 1897-1898 i primi campi utilizzati dal club furono al Parco del Valentino e al Giardino della Cittadella. Fino al 1908 la squadra si spostò nella piazza d'armi torinese, all'epoca sita tra i corsi Galileo Ferraris e Duca degli Abruzzi, tranne nel biennio 1905-1906 durante il quale il terreno di casa fu il motovelodromo Umberto I.[45] Dal 1909 al 1922 l'impianto utilizzato fu quello di Corso Sebastopoli, e da qui al 1933 quello di Corso Marsiglia che fu teatro della conquista di quattro campionati, tre dei quali consecutivi.[46]

Dal 1933 al 1990 il club ha disputato i suoi incontri interni allo stadio Comunale nella zona di Santa Rita. Nato col nome di Municipale "Benito Mussolini" per dotare la città di un impianto che potesse ospitare le gare del campionato del mondo 1934, ribattezzato dopo la seconda guerra mondiale dapprima in Comunale e in seguito Comunale "Vittorio Pozzo", esso ospitò 890 incontri di campionato della Juventus;[47] dopo la definitiva dismissione dello stadio Filadelfia, il Comunale fu condiviso dal 1963 con i concittadini del Torino. Il Comunale fu utilizzato fino al 1990, anno in cui le due compagini cittadine si trasferirono allo stadio delle Alpi, costruito nel quartiere di Vallette in occasione del campionato del mondo 1990, e che fu l'impianto interno dei bianconeri dal 1990 al 2006.[48]

L'Allianz Stadium, impianto casalingo dal 2011

Nel 2002 la giunta torinese concesse alla Juventus lo sfruttamento dell'area del Delle Alpi per novantanove anni,[48] sicché nel 2008 si decise la costruzione di un nuovo stadio cittadino,[49] sito nell'area dell'ormai abbandonato impianto. Dal 2006 al 2011 la squadra ritornò temporaneamente a disputare i suoi incontri interni al Comunale, rinnovato in occasione dei XX Giochi olimpici invernali e ribattezzato Olimpico;[47] come già accaduto nei decenni passati, anche stavolta l'impianto è stato condiviso con la squadra granata. Dal 2011 il club bianconero gioca le sue partite interne allo Juventus Stadium, poi rinominato Allianz Stadium, costruito sulle ceneri del vecchio Delle Alpi e primo impianto moderno realizzato in Italia nonché di proprietà di una società calcistica,[50] concepito prettamente per la disciplina.[51]

Centro di allenamento

Morini, Salvadore e il tecnico Vycpálek nel 1972 al Campo Combi, centro di allenamento della Juventus per oltre cinquant'anni

Nei suoi primi decenni la Juventus non disponeva di strutture ad hoc per le sue sedute di allenamento, sfruttando gli stessi campi amatoriali nei quali si svolgevano le prime sfide calcistiche della sua storia: la piazza d'armi cittadina, e il Velodromo Umberto I nel quartiere Crocetta, con l'eccezione della patinoire al Parco del Valentino; prima dello scoppio della Grande Guerra la società usufruì fugacemente anche di quello che era il maggiore impianto polisportivo della Torino del tempo, lo Stadium.[52]

Nel periodo interbellico i bianconeri svolgevano gli allenamenti nelle loro sedi di gara casalinghe, dapprima al Campo Juventus e poi dal 1933 allo stadio Mussolini,[52] fino al 1943 quando venne inaugurato il primo centro d'allenamento del club, il Campo Combi nel quartiere Santa Rita, a pochi passi dal Mussolini, dove la squadra rimase per il successivo mezzo secolo.[52]

Nel 1990 la Juventus abbandonò il Combi per le strutture Sisport a Orbassano,[53] dove si allenò per un quadriennio prima di far ritorno a Santa Rita,[52] stavolta allo stadio Comunale nel frattempo dismesso dall'attività agonistica.[54] I bianconeri lasciarono definitivamente il quartiere nel 2003, per via della riqualificazione dello stesso in vista dei XX Giochi olimpici invernali.

Inizialmente la squadra migrò a poca distanza nel centro Sisport di via Guala,[55] dove rimase fino al 2006 quando venne inaugurato lo Juventus Center di Vinovo,[56] sede di allenamento per i successivi dodici anni. Dal 2018 la prima squadra maschile si allena presso il nuovo Juventus Training Center, sito all'interno del complesso J-Village nella zona della Continassa.[57]

Società

Umberto (sopra) e Gianni Agnelli (sotto) con la Juventus, rispettivamente nel 1959 e nel 1993; la famiglia Agnelli è legata al club fin dal 1923, un unicum nel calcio mondiale, e ne detiene la maggioranza dal 1949, facendone la proprietà più longeva dello sport italiano[5]

Fondata sotto la forma di associazione,[58] la Juventus acquisì dimensione aziendale indipendente come società a responsabilità limitata nell'agosto 1949,[59] essendo guidata da allora da un consiglio di amministrazione, mutando ragione sociale in una società per azioni a capitale interamente privato il 27 giugno 1967.[60] Dal 1º marzo 2009 la società che controlla la maggioranza del capitale azionario del club (63,8%) è la finanziaria Exor, holding a sua volta controllata (52,99%) dalla Giovanni Agnelli e C.;[61] il rimanente capitale azionario è detenuto dall'azienda irlandese Lindsell Train Investment Trust Ltd. (10%) e da azionisti diffusi (26,2%)[61] attraverso l'Associazione Piccoli Azionisti della Juventus Football Club, fondata nel 2010 e costituita da oltre 40 000 membri,[62] includendo investitori quali il Royal Bank of Scotland, il governo di Norvegia, il fondo pensione degli impiegati pubblici della California e la società finanziaria BlackRock.[63]

Terza società calcistica in Italia, dopo Lazio e Roma, a essere quotata in Borsa, dal 3 dicembre 2001[64] al 19 settembre 2011[65] la Juventus fu listata nel segmento STAR. Dall'ottobre 2016 al dicembre 2018,[66] e nuovamente dal marzo 2020,[67] il titolo è presente nell'indice FTSE Italia Mid Cap del mercato telematico azionario; tra il dicembre 2019 e il marzo 2020 era stato invece quotato nell'indice FTSE MIB.[68]

La Juventus risulta il decimo club a livello mondiale in termini di fatturato (459,7 milioni di euro al 30 giugno 2019) in base all'edizione 2019 del Deloitte Football Money League,[69] e si piazza sempre al decimo posto in ambito internazionale, come valore borsistico, nella classifica annuale stilata dalla rivista statunitense Forbes (1 512 miliardi di dollari equivalenti a 1 357 miliardi di euro al 31 maggio 2019), divenendo nel maggio 2016 la prima società calcistica nel Paese a superare la soglia del miliardo di euro;[70] in entrambe le graduatorie, inoltre, si afferma come la prima società italiana.[71]

Il club è stato inserito al nono posto nella classifica globale stilata dall'organizzazione di consulenza inglese Brand Finance sia in termini di potenza di marchio, dov'è stato valutato con una classificazione AAA («estremamente forte») con un score di 86.8, sia per valore dell'impresa (2 332 miliardi di euro al 16 maggio 2019).[72] Tutto ciò ne fece complessivamente, nel 2015, la seconda società sportiva per patrimonio di marca in Italia — prima nel settore calcistico — dopo la Scuderia Ferrari.[73] Il club è anche tra i membri fondatori dell'European Club Association, organizzazione che ha preso il posto del soppresso G-14 di cui era stato a sua volta membro fondatore, e composta dalle principali società calcistiche internazionali, riunitesi in consorzio al fine di ottenere una tutela comune dei diritti sportivi, legali e televisivi di fronte alla FIFA.

Organigramma societario

Organigramma aggiornato al 12 luglio 2020.

Staff dell'area amministrativa
Organi di amministrazione e controllo[74]
  • Italia Andrea Agnelli - Presidente
  • Rep. Ceca Pavel Nedvěd - Vicepresidente
  • Italia Maurizio Arrivabene - Amministratore
  • Italia Paolo Garimberti - Amministratore indipendente
  • Italia Assia Grazioli Venier - Amministratore indipendente
  • Galles Caitlin Hughes - Amministratore indipendente
  • Italia Daniela Marilungo - Amministratore indipendente
  • Italia Francesco Roncaglio - Amministratore
  • Italia Enrico Vellano - Amministratore

Management[75]
  • Italia Fabio Paratici - Chief Football Officer
  • Italia Stefano Bertola - Chief Financial Officer / Chief of Staff / Investor Relator
  • Italia Giorgio Ricci - Chief Revenue Officer

Impegno nel sociale

La Juventus è attiva nel campo sociale e umanitario. Tra i programmi sociali intrapresi figurano Fatti e Progetti per i Giovani, orientato al miglioramento della qualità di vita e a favorire l'accesso all'istruzione a giovani extracomunitari.[76] Con l'azienda ospedaliera Regina Margherita-Sant'Anna di Torino, partecipa al progetto Crescere insieme al Sant'Anna[77] volto alla ristrutturazione del reparto di neonatologia del Sant'Anna,[77] e sostiene la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro.[76] Altro progetto comunitario, in collaborazione con l'Associazione Gruppi di Volontariato Vincenziano, è un centro di accoglienza intitolato a Edoardo Agnelli, che accoglie madri in condizioni disagiate.[76]

Nel 2000 il club intraprese il progetto Un sogno per il Gaslini allo scopo di dotare l'istituto Giannina Gaslini di Genova di una dépendance (l'ex abbazia di San Gerolamo di Quarto) da adibire a luogo di studio e svago per i bambini degenti. La raccolta fondi juventina si articolò in donazioni e iniziative di beneficenza, come la partecipazione della squadra in veste di ospite al Festival di Sanremo 2003[78] e al programma televisivo Juventus, una squadra per amico,[79] oltre a libri e a un album musicale, Il mio canto libero,[80] che sempre nel 2003 ottenne il disco di platino.[81]

Nel 2009 il club promosse due iniziative per la lotta antirazzista e l'integrazione socio-culturale, Un calcio al razzismo[82] e Gioca con me,[83] poi incluse nel 2013 dall'UNESCO nei programmi della Giornata mondiale dei diritti umani,[84] e presentate nel 2014 al NGO UNESCO Liaison Committee a Parigi.[85]

Dal 2017 il club partecipa con il progetto Juventus for Special al campionato di calcio a 7 "Quarta Categoria", promosso da CSI e FIGC, e riservato a persone con disabilità cognitivo-relazionali.[86]

Settore giovanile

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Juventus Football Club U23.
La formazione giovanile della Juventus vincitrice nel 1994 del Campionato Primavera, trascinata da un ventenne Alessandro Del Piero (a destra), futura bandiera della prima squadra per i successivi due decenni

Il settore giovanile della Juventus è composto da 17 squadre maschili che competono a livello nazionale e internazionale nei vari tornei di categoria.[87] A queste, dall'annata 2018-2019 si aggiunge una seconda squadra, la Juventus U23, iscritta al campionato di Serie C[88] e che, con la vittoria della Coppa Italia Serie C al suo secondo anno di attività, è diventata la prima squadra B nella storia del calcio italiano a vincere un trofeo nazionale.[89]

Per quanto concerne l'attività di base, e analogamente a club di altri Paesi, la Juventus ha istituito scuole calcio sotto forma di club-satellite,[90] e Summer Camps riservati agli adolescenti in Italia e in Inghilterra.[91] Porta inoltre avanti progetti come Juventus University, la prima università calcistica al mondo,[92] Juventus National Academy, volto alla creazione di una rete di scuole calcio preadolescenziali dislocate sul territorio nazionale,[93] e il programma Juventus Soccer Schools International attraverso la gestione di scuole calcio in 18 Paesi.

Storicamente la Juventus gode di una rete di osservatori giovanili sia su tutto il territorio nazionale sia all'estero.[90] Tra coloro i quali hanno iniziato a militare in giovane età nei piemontesi, nella prima parte del XX secolo si segnalano Carlo Bigatto, i campioni del mondo Gianpiero Combi e, questi anche olimpico, Pietro Rava, Carlo Parola, Giovanni Viola e soprattutto Giampiero Boniperti, da sempre legato ai colori bianconeri, dalle giovanili ai successivi incarichi dirigenziali.

Nella seconda metà del Novecento, tra i calciatori di prestigio cresciuti nel vivaio bianconero ci sono due bandiere del club quali Giuseppe Furino e Roberto Bettega, oltre a elementi quali Pietro Anastasi, Franco Causio e il Pallone d'oro 1982 Paolo Rossi. All'inizio del III millennio dal settore giovanile della Juventus si è messo in evidenza il torinese Claudio Marchisio, entrato nella società bianconera da bambino fino ad arrivare alla prima squadra.

Diffusione nella cultura di massa

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Juventus Football Club nella cultura di massa.

Nel corso degli anni la Juventus, oltre a imporsi come realtà sportiva nazionale e internazionale, ha acquisito un posto di rilievo in ambito socioculturale.[94] A testimonianza di ciò, diversi studiosi ritengono che la sua storia societaria s'intreccia con quella di Torino e d'Italia;[95] ciò in virtù di un insieme di fattori quali il legame che dal 1923 unisce la squadra alla dinastia industriale Agnelli — e che ha dato origine al sodalizio imprenditoriale più antico e duraturo dello sport italiano[5] —, che da allora ha permesso al club di essere gestito da imprenditori provenienti dalla regione settentrionale della Penisola, pur rimanendo estremamente popolare tra le classi lavoratrici a livello nazionale che generalmente erano di origini meridionali[96] in parziale conseguenza della diffusione delle fabbriche della casa automobilistica FIAT;[95] le numerose vittorie ottenute dalla squadra in ambito federale e confederale sono spesso coincise temporalmente con i principali successi ottenuti dalla squadra nazionale, della quale la Juventus è la principale fornitrice,[12] facendo di essa una delle formazioni italiane più rappresentative, oltre a suscitare molteplici e forti sentimenti ambivalenti in altre società di calcio e nei relativi tifosi in ragione della diffusione su scala globale della propria tifoseria e a diverse rivendicazioni anticampanilistiche.[97]

Tra le prime squadre sportive le cui partite sono state trasmesse in diretta radiofonica e televisiva in Italia,[98][99] il prestigio sportivo internazionale raggiunto ha permesso alla società torinese d'influire, seppur indirettamente, nella fondazione e/o nell'identità visiva di numerose squadre sportive in giro per il mondo, legate in parte all'emigrazione italiana, divenendo contemporaneamente uno strumento d'italianità;[15] mentre il consenso che suscitava come riflesso dell'identità sabauda-industriale della città di Torino,[100][101] l'avrebbe convertita in uno degli elementi che rappresentano universalmente la propria metropoli e regione d'origine.[102] L'evoluzione storica del club, la sua popolarità e la larga fetta di antipatia da parte dei tifosi di squadre rivali, illustrati sia attraverso diverse analisi artistiche e/o accademiche, ne fanno oggetto e sfondo di alcuni lungometraggi, canzoni e testi letterari anche estranei all'ambito strettamente sportivo.

Allenatori e presidenti

Allenatori

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Allenatori della Juventus Football Club.
Giovanni Trapattoni, con 14 trofei in 13 stagioni, è il tecnico più vincente nella storia della Juventus

Sono 44 gli allenatori ad avere avuto a tutt'oggi la conduzione tecnica della Juventus; 10 di essi hanno ricoperto l'incarico ad interim.[103][104]

Il primo allenatore della storia bianconera fu l'ungherese Jenő Károly, scelto dal presidente Edoardo Agnelli nel 1923 al fine di introdurre innovazioni dal punto di vista tattico e strategico nel gioco della squadra. Károly allenò la squadra per 70 incontri fino alla morte, avvenuta nel 1926.[24]

A vantare il mandato tecnico più lungo è tuttora Giovanni Trapattoni, rimasto alla guida della squadra per 13 stagioni di cui 10 consecutive, dal 1976-1977 al 1985-1986 e poi dal 1991-1992 al 1993-1994. Sia il numero di annate consecutive sia quello totale sono un primato per i tecnici di club italiani, ma Trapattoni vanta anche il record complessivo di panchine (596) e di trofei vinti con il club (14, primato tra gli allenatori italiani).[103]

Da menzionare inoltre Massimiliano Allegri, tecnico nel vittorioso ciclo degli anni 2010, l'unico nella storia del calcio italiano ad avere vinto 5 campionati consecutivi in panchina,[105] e Carlo Carcano, deus ex machina della squadra del Quinquennio d'oro nella prima metà degli anni 1930.[26]

Presidenti

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Presidenti della Juventus Football Club.
Edoardo Agnelli, primo esponente della famiglia torinese a legare il suo nome al club; il suo mandato, dal 1923 al 1935, culminò nel Quinquennio d'oro

In più di 120 anni di storia societaria alla guida della Juventus si sono avvicendati 23 presidenti e 2 comitati di gestione.[106]

Il primo presidente della società bianconera fu Eugenio Canfari, uno dei soci fondatori.[24] Il periodo più lungo in carica è appannaggio di Giampiero Boniperti, alla guida della Juventus per 19 anni dal 1971 al 1990.[106] Boniperti, al pari del suo successore Vittorio Caissotti di Chiusano, presidente dal 1990 al 2003, vanta il palmarès più ampio della storia del club.[107]

L'imprenditore Umberto Agnelli, divenuto presidente ventiduenne nel 1956,[5] fu il più giovane a ricoprire tale carica.[24] Da citare anche le presidenze dello svizzero Alfred Dick e del francese Jean-Claude Blanc, gli unici non italiani ad assumere la massima carica del club;[24] in particolare, Dick fu il presidente del primo scudetto bianconero (1905). Dal 2010 la presidenza bianconera è ricoperta dall'imprenditore Andrea Agnelli.[108]

Calciatori

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della Juventus Football Club.

In più di 120 anni di storia hanno vestito la maglia della Juventus oltre 700 calciatori, in gran parte italiani,[109] alcuni dei quali hanno anche militato nella nazionale italiana.

Tra i giocatori italiani di rilievo che hanno indossato il bianconero figurano Carlo Bigatto, il primo giocatore-simbolo del club,[110] Giampiero Boniperti, riconosciuto come il calciatore più rappresentativo nella storia della società,[111] Carlo Parola — autore della più famosa rovesciata del calcio italiano[112] —, e plurivittoriosi elementi quali lo UEFA Golden Player italiano Dino Zoff,[113] il Pallone d'oro 1982 Paolo Rossi, Gaetano Scirea, Sergio Brio, Antonio Cabrini e Stefano Tacconi — questi ultimi, quattro dei cinque soli calciatori ad aver vinto tutte le competizioni confederali per club[114] —, il Pallone d'oro 1993 Roberto Baggio, Alessandro Del Piero, giocatore-simbolo della squadra a cavallo di II e III millennio, e Gianluigi Buffon, pluripresente in maglia azzurra.

Il francese Michel Platini, vincitore in bianconero per tre anni consecutivi del Pallone d'oro di France Football

Tra i giocatori non italiani ad aver difeso i colori della Juventus, si segnalano negli anni 1950 e 1960 l'argentino Omar Sívori, il quale da oriundo fu il primo Pallone d'oro bianconero nel 1961, e il gallese John Charles, i quali insieme a Boniperti formarono un trio d'attacco tra i più prolifici nella storia del club e del calcio italiano; tra gli anni 1960 e 1970 ci fu il tedesco Helmut Haller, mentre dagli anni 1980 in avanti figurarono i francesi Michel Platini, tre volte consecutive Pallone d'oro durante gli anni a Torino, e Zinédine Zidane, Pallone d'oro 1998, oltre al ceco Pavel Nedvěd, primo straniero per numero di presenze in competizioni ufficiali con la maglia bianconera[115] nonché Pallone d'oro 2003, e al franco-argentino David Trezeguet, miglior marcatore straniero della storia juventina.[116]

Contributo alle nazionali di calcio

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Juventus Football Club e Nazionali di calcio.

All'11 ottobre 2020 la Juventus è il club che ha fornito il maggior numero di giocatori alla nazionale italiana: a tale data infatti 146 elementi hanno ricevuto una convocazione in maglia azzurra durante la loro militanza juventina (a fronte dei 115 dell'Inter e dei 109 del Milan).[117]

Sono 22 in totale i giocatori della Juventus militanti nelle selezioni nazionali italiane campioni del mondo: nove nel 1934 (Bertolini, Borel II, Caligaris, Combi, Ferrari, Monti, Orsi, Rosetta e Varglien I), due nel 1938 (Foni e Rava), sei nel 1982 (Zoff, Gentile, Cabrini, Scirea, Tardelli e Rossi) e cinque nel 2006 (Buffon, Cannavaro, Camoranesi, Zambrotta e Del Piero).[118] Tre sono invece i calciatori della Juventus laureatisi campioni d'Europa con la nazionale nell'edizione di Italia 1968 (Bercellino, Castano e Salvadore).

La nazionale italiana all'esordio al campionato del mondo 1978: vi figurano 8 giocatori all'epoca militanti nella Juventus

I maggiori contributi della Juventus alla nazionale risalgono alla Coppa Internazionale 1933-1935 (torneo predecessore del campionato europeo di calcio), e al campionato del mondo 1978, quando in entrambi i casi gli azzurri ricorsero a ben 9 juventini tra gli 11 titolari: in Coppa Internazionale, l'Italia che affrontò l'Ungheria il 20 ottobre 1933 schierò Bertolini, Borel II, Caligaris, Cesarini, Combi, Ferrari, Monti, Orsi e Rosetta,[119] mentre ai Mondiali 1978, nella prima fase contro i padroni di casa dell'Argentina e nella seconda fase contro i Paesi Bassi, gli azzurri si affidarono a Benetti, Bettega, Cabrini, Causio, Cuccureddu, Gentile, Scirea, Tardelli e Zoff — il che costituisce un primato nazionale in competizioni ufficiali.[120]

La Juventus, con 25 elementi, guida la particolare classifica dei club che vantano giocatori campioni del mondo con la propria nazionale: ai succitati 22 italiani, vanno infatti aggiunti 3 francesi, ovvero Didier Deschamps e Zinédine Zidane nell'edizione di Francia 1998, e Blaise Matuidi in quella di Russia 2018.[121] Quanto al campionato d'Europa, oltre ai 3 sopracitati, altri 3 giocatori sono vincitori del torneo con nazionali diverse da quella italiana: Luis del Sol con la Spagna (Spagna 1964), e Michel Platini (Francia 1984) e Zidane (Belgio-Paesi Bassi 2000) con la Francia.

In occasione della finale del campionato mondiale di calcio 2006 la Juventus stabilì un ulteriore primato internazionale in quanto, oltre ai succitati 5 nazionali italiani, scesero in campo 3 bianconeri con la maglia francese: Lilian Thuram, Patrick Vieira e David Trezeguet,[122] per un totale di 8 tesserati di uno stesso club sul terreno di gioco, eguagliando così il primato stabilito nella finale di 72 anni prima dai cecoslovacchi dello Slavia Praga.[123]

Palmarès

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Palmarès della Juventus Football Club.

Competizioni nazionali

La squadra del 1905 per la prima volta campione d'Italia dopo la vittoria nel torneo di Prima Categoria

57 trofei (record italiano)

1905; 1925-1926; 1930-1931; 1931-1932; 1932-1933; 1933-1934; 1934-1935; 1949-1950; 1951-1952; 1957-1958 Stella 10 Scudetti.svg
1959-1960; 1960-1961; 1966-1967; 1971-1972; 1972-1973; 1974-1975; 1976-1977; 1977-1978; 1980-1981; 1981-1982 Stella 10 Scudetti.svg Stella 10 Scudetti.svg
1983-1984; 1985-1986; 1994-1995; 1996-1997; 1997-1998; 2001-2002; 2002-2003; 2011-2012; 2012-2013; 2013-2014 Stella 10 Scudetti.svg Stella 10 Scudetti.svg Stella 10 Scudetti.svg
2014-2015; 2015-2016; 2016-2017; 2017-2018; 2018-2019; 2019-2020
1937-1938; 1941-1942; 1958-1959; 1959-1960; 1964-1965; 1978-1979; 1982-1983; 1989-1990; 1994-1995; 2014-2015 CoccardaCoppaItalia10.svg
2015-2016; 2016-2017; 2017-2018
1995; 1997; 2002; 2003; 2012; 2013; 2015; 2018

Competizioni internazionali

Giuseppe Furino, tra gli storici capitani bianconeri, con la Coppa UEFA 1976-1977, il primo trofeo confederale vinto dalla Juventus

11 trofei

1985; 1996
1984-1985; 1995-1996
1983-1984
1976-1977; 1989-1990; 1992-1993
1984; 1996
1999

Altre competizioni

1963
2006-2007

Competizioni giovanili

La sezione giovanile della Juventus è una delle più vittoriose della sua categoria sia a livello nazionale, potendo vantare 9 titoli di campione d'Italia, sia internazionale, con più di 100 trofei ufficiali compresi quelli di alcuni tra le competizioni più importanti al mondo nella categoria, come il Torneo di Viareggio vinto per 9 volte (record).[125] Inoltre la squadra fu finalista del Blue Stars/FIFA Youth Cup nel 1962.[126]

Statistiche e record

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record della Juventus Football Club.

Statistiche di squadra

La Juventus della stagione 1976-1977 rimane l'unica formazione italiana ad aver vinto un trofeo internazionale, la Coppa UEFA, con una rosa di soli giocatori nazionali

La Juventus esordì nel campionato italiano l'11 marzo 1900. Quella 2019-2020 sarà dunque la sua 115ª stagione sportiva; nelle 114 precedenti, ha partecipato a 106 campionati di massima serie (2 di Campionato Federale, 9 di Prima Categoria Nazionale, 5 di Prima Divisione, 4 di Divisione Nazionale e 86 di Serie A propriamente detta) e uno di Serie B (nel 2006-2007), mentre in altre 7 occasioni non superò le eliminatorie del Comitato Regionale Piemontese. Nel corso delle 113 stagioni nei campionati di massima serie la Juventus si è classificata al primo posto in 37 occasioni (record italiano), sebbene il club abbia in realtà vinto 36 titoli di campione d'Italia.[32] La Juventus, inoltre, è giunta seconda in 21 tornei e terza in 12, totalizzando il 61,06% di piazzamenti nelle prime tre rispetto alle partecipazioni.

La vittoria in gara ufficiale con il maggior scarto fu un 15-0 in casa del Cento, secondo turno di Coppa Italia 1926-1927; il suddetto primato lo è anche per la competizione, a pari merito con l'incontro tra Alessandria e A.C. Bologna (17-2, disputatosi nel medesimo turno della citata edizione del torneo) e quello tra Cittadella e Potenza (15-0 nel primo turno eliminatorio dell'edizione 2015-2016).[127] In campionato il record fu invece un 11-0, realizzato due volte nel torneo 1928-1929 contro Fiorentina e Fiumana, rispettivamente nella 2ª e 6ª giornata.[127] La sconfitta con il maggior scarto fu invece uno 0-8 subìto dal Torino nel campionato di Prima Categoria 1912-1913.[128]

Nell'annata 1976-1977 la Juventus stabilì il primato di punti per campionati italiani a 16 squadre (51).[129] Nella stagione 2011-2012 stabilì il primato d'imbattibilità assoluta in una singola stagione della Serie A (con zero sconfitte in 38 partite), stabilendo anche il record d'imbattibilità nel corso di una singola stagione (42).[130]

Tra i numerosi primati ottenuti dalla squadra nel triennio 2014-2016 ci sono il maggior numero di punti in una singola edizione di Serie A (102 nella stagione 2013-2014, anche record nei principali campionati del continente europeo).[131] Nella stagione 2015-2016 ha inanellato il suo primo treble nazionale, unendo a campionato e coppa nazionale anche la Supercoppa di Lega.[132]

In ambito nazionale la squadra ha disputato un record di 18 finali di Coppa Italia (13 vittorie, primato nazionale) e un record di 15 in Supercoppa LNP (8 vittorie, idem).

I bianconeri dell'annata 1984-1985 che trionfando in Coppa dei Campioni fecero del club piemontese il primo nella storia del calcio a fare suoi tutti i maggiori tornei dell'UEFA

Il club vanta il record italiano di stagioni disputate nelle competizioni UEFA, che fino all'annata 2018-2019 sono 49 (considerando che nelle stagioni 2009-2010 e 2013-2014 ha partecipato prima alla fase a gironi di Champions League, e poi a quella a eliminazione diretta di Europa League). Di esse, 33 sono relative a partecipazioni in Coppa dei Campioni/Champions League, 4 in Coppa delle Coppe e 14 complessive in Coppa UEFA/Europa League).[133] Nel computo globale delle competizioni a livello confederale, risulta il primo club italiano e quarto a livello europeo per numero di punti conquistati (563), ed è il club italiano con il maggior numero di partite disputate (430), vinte (234), gol realizzati (737), differenza reti (+344) e percentuale di vittorie (54,4%) a tutto il 18 settembre 2019.[134] I risultati nei tre tornei stagionali permisero al club di occupare il primo posto del ranking UEFA per sette volte dalla sua istituzione nel 1979, corrispondenti ai quinquenni 1982-1986; 1983-1987; 1984-1988; 1987-1991; 1993-1997; 1995-1999 e 1996-2000 — primato italiano e secondo a livello europeo, ex aequo con il Barcellona, dopo il Real Madrid (15).[135]

La formazione bianconera ha disputato un totale di 20 finali in competizioni ufficiali a livello internazionale, nona al mondo nonché quinta in Europa e seconda tra i club italiani in questa graduatoria.[136] Delle 20 finali citate, 9 sono state giocate in Coppa dei Campioni/UEFA Champions League (2 vittorie complessive), una in Coppa delle Coppe (1 vittoria), 4 in Coppa UEFA (3 vittorie), una in Coppa Intertoto (1 vittoria), 2 in Supercoppa UEFA (2 vittorie) e 3 in Coppa Intercontinentale (2 vittorie).[9] Il trionfo in Coppa UEFA 1976-1977 fu il primo ottenuto da una squadra italiana, e fece della Juventus l'unica ad aver vinto una manifestazione internazionale ufficiale con una rosa composta esclusivamente da calciatori provenienti da un solo Paese.[31]

Sempre in ambito internazionale, è l'unico club del mondo ad avere vinto tutte le competizioni per club maschili organizzate dalla confederazione di appartenenza[137] oltreché il primo ad aver vinto tutte le tre principali competizioni dell'UEFA: la Juventus raggiunse tale traguardo nel 1985, e rimane l'unica ad averlo fatto sotto un'unica gestione tecnica;[138] per tale ragione nel 1988 le fu riconosciuta la speciale Targa UEFA.[139]

Statistiche individuali

Alessandro Del Piero, primatista di presenze e reti nella storia juventina

Al 20 maggio 2012 il giocatore juventino primatista di presenze in Serie A è Alessandro Del Piero con 478, cui vanno sommate 35 presenze in Serie B, che ne fanno complessivamente il bianconero con il maggior numero di gare nei campionati italiani con 513.[115] Il precedente record fu superato il 6 febbraio 2011 e apparteneva a Giampiero Boniperti, che dal 1946 al 1961 scese in campo 443 volte.[140]

Ancora Del Piero detiene il primato assoluto di presenze ufficiali con la maglia bianconera (705), nonché quello di gol (289, altro record), dei quali 188 in Serie A e 54 nelle competizioni internazionali.[141] Il precedente primato di gol fu superato nel gennaio 2006 e apparteneva al succitato Boniperti con 182.[142]

Il miglior marcatore della Juventus in un campionato a girone unico fu Borel II con 32 gol in 34 gare nel campionato 1933-1934,[143] mentre l'ungherese Ferenc Hirzer detenne in precedenza il primato assoluto di gol segnati in una singola edizione del campionato italiano con 35 in 26 incontri nella Prima Divisione 1925-1926.[144] Infine Omar Sívori detiene insieme a Silvio Piola il record di marcature in una singola partita: 6 gol, segnati all'Inter nella 28ª giornata del campionato 1960-1961.[145]

Tifoseria

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Tifoseria della Juventus Football Club.
Striscione celebrativo del 109º anniversario della Juventus, stadio Olimpico, 1º novembre 2006

Al 2016 i tifosi della Juventus sono stimati tra i 12 e i 14 milioni in Italia.[146] Secondo il sondaggio condotto dall'istituto Demos & Pi e pubblicato nel settembre 2016 su la Repubblica il club risulta essere il più sostenuto del Paese con il 34% di preferenze da parte del campione esaminato.[13]

La società vanta inoltre al 2019, in base a un'analisi pubblicata dall'agenzia d'indagini sul mercato Nielsen Sports, 41 milioni di sostenitori in Europa e 423 milioni nel resto del mondo.[14] Numerosi sono anche i fan club sparsi a livello internazionale,[147] in particolare nei Paesi a forte emigrazione italiana.[148]

Il tifo per la Juventus è tradizionalmente eterogeneo dal punto di vista sociologico e geograficamente uniforme in tutto il Paese,[149] è molto marcato anche nel Mezzogiorno d'Italia e nelle isole,[150] il che garantisce un seguito rilevante alla squadra anche durante gli incontri esterni. Tale caratteristica di diffusione del tifo fa della Juventus dal punto di vista sociologico una squadra «nazionale».[151]

Storia

Il pensiero comune d'inizio XX secolo voleva che il tifo per la Juventus fosse appannaggio delle classi borghesi, laddove quello per la rivale cittadina del Torino traesse linfa dalle classi popolari e proletarie.[152] Qualche decennio dopo, con l'ingresso degli Agnelli nell'amministrazione della Vecchia Signora (1923), il tifo per la squadra si diffuse anche tra gli operai meccanici dell'industria di proprietà della famiglia, la FIAT. Essendo iniziato un fenomeno migratorio — poi divenuto massiccio nel secondo dopoguerra — verso Torino e gli altri grandi poli industriali del Settentrione da parte dei lavoratori meridionali in cerca di impiego, la Juventus già dagli anni 1930 divenne il primo club italiano ad avere una tifoseria non più connotata campanilisticamente o al più regionalmente, ma a carattere nazionale.[153][154]

Tifoseria juventina allo stadio Comunale al termine del campionato 1974-1975

Con il consolidamento dei flussi migratori interni avvenuti tra gli anni 1950 e i primi anni 1970 la Juventus sembrò rappresentare attraverso i suoi tifosi lo spirito del nuovo lavoratore immigrato piemontese, mentre la tifoseria del Torino rimase legata all'ambiente culturale di marca prettamente torinese e cittadina.[153] In anni più recenti le differenze sociali e culturali fra le due opposte tifoserie si sono sempre più affievolite fino a essere oramai di fatto nulle.

Gemellaggi e rivalità

In ragione della posizione raggiunta dalla squadra al vertice del calcio nazionale, in maniera pressoché duratura dal cosiddetto «dopoguerra calcistico», della diffusione del suo tifo e anche di diverse rivendicazioni anticampanilistiche, le rivalità sono molteplici e molto sentite:[97] la tifoseria rivale d'elezione è quella del concittadino Torino.[155] A seguire quella dell'Inter, fin dagli anni 1960 e rinfocolata dopo le decisioni giudiziarie riguardanti lo scandalo del calcio italiano del 2006,[156] oltre a quella del Milan, nonostante per lungo tempo le due società abbiano tenuto buoni rapporti sportivo-commerciali con reciproci scambi di giocatori.[157]

Murale a L'Aia dedicato al gemellaggio tra la tifoseria della Juventus e quella dell'ADO Den Haag, nonché in ricordo delle vittime della strage dell'Heysel

Più recenti e legate all'imporsi alla ribalta negli anni 1980 delle loro squadre con conseguente lotta sportiva per la conquista del primato nazionale sono le rivalità con la tifoseria della Fiorentina, legata principalmente alla lotta-scudetto del campionato 1981-1982,[158] e con quella della Roma, che fino alla metà di quel decennio fu la più valida contendente della Juventus al titolo.[95] Non è inoltre da tralasciare l'antagonismo col Napoli, in essere fin dagli anni 1950, ma acuitasi all'inizio del III millennio.[159]

In senso opposto a partire dagli anni 1980 vi è un legame di amicizia tra la tifoseria juventina e quella dell'Avellino, andato a scemare a fine anni 1990, ma poi rinsaldatosi nei primi anni 2010.[160] Fuori dall'Italia esistono saldi gemellaggi con i tifosi organizzati dell'ADO Den Haag dell'Aia e con quelli del Legia Varsavia.[161] Dagli anni 2010 si è inoltre rinforzata l'amicizia con i tifosi del Notts County — squadra di Nottingham che vanta legami storici con la Juventus[162] — così come è nata un'amicizia con i sostenitori dell'Elche.[163]

Organico

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Juventus Football Club 2020-2021.

Rosa 2020-2021

Rosa aggiornata al 7 ottobre 2020.[164]

N. Ruolo Giocatore
1 Polonia P Wojciech Szczęsny
3 Italia D Giorgio Chiellini (capitano)
4 Paesi Bassi D Matthijs de Ligt
5 Brasile C Arthur
6 Germania C Sami Khedira
7 Portogallo A Cristiano Ronaldo
8 Galles C Aaron Ramsey
9 Spagna A Álvaro Morata
10 Argentina A Paulo Dybala
12 Brasile D Alex Sandro
13 Brasile D Danilo
N. Ruolo Giocatore
14 Stati Uniti C Weston McKennie
16 Colombia D Juan Cuadrado
19 Italia D Leonardo Bonucci (vicecapitano)
22 Italia C Federico Chiesa
25 Francia C Adrien Rabiot
28 Turchia D Merih Demiral
30 Uruguay C Rodrigo Bentancur
31 Italia P Carlo Pinsoglio
33 Italia C Federico Bernardeschi
44 Svezia C Dejan Kulusevski
77 Italia P Gianluigi Buffon

Staff tecnico

Staff aggiornato al 23 agosto 2020.[165]

Staff dell'area tecnica
Staff tecnico
  • Italia Andrea Pirlo - Allenatore
  • Croazia Igor Tudor - Allenatore in seconda
  • Italia Roberto Baronio - Collaboratore tecnico
  • Italia Antonio Gagliardi - Collaboratore tecnico
  • Italia Claudio Filippi - Preparatore portieri
  • Italia Tommaso Orsini - Collaboratore prep. portieri

Preparazione atletica
  • Italia Paolo Bertelli - Responsabile
  • Italia Andrea Pertusio - Preparatore atletico
  • Italia Enrico Maffei - Preparatore atletico

Forza & Sport Science
  • Italia Duccio Ferrari Bravo - Responsabile
  • Italia Antonio Gualtieri - Collaboratore

Match Analysis
  • Italia Riccardo Scirea - Responsabile
  • Italia Domenico Vernamonte - Collaboratore
  • Italia Giuseppe Maiuri - Collaboratore

Staff medico
  • Italia Luca Stefanini - Responsabile sanitario
  • Grecia Nikos Tzouroudis - Responsabile prima squadra
  • Italia Marco Freschi - Medico prima squadra

Attività polisportiva

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Juventus Organizzazione Sportiva Anonima e Juventus Football Club (femminile).

Il club svolse attività polisportiva a periodi alterni sino alla fine degli anni 1970. Inizialmente, dalla fondazione fino al 1899 furono presenti le sezioni di ciclismo, atletica, lotta e podismo, sport quest'ultimo che fu quello che raggiunse i maggiori risultati.[166]

Nella prima metà degli anni 1920 l'attività della Juventus fu nuovamente estesa ad altri sport, per iniziativa del nepresidente Edoardo Agnelli, con la nascita della Juventus Organizzazione Sportiva Anonima che fino al dopoguerra, quando venne liquidata, partecipò ai principali campionati nazionali di diverse discipline quali le bocce, il nuoto, il disco su ghiaccio e il tennis,[167] ottenendo con quest'ultima i maggiori successi.[168]

Nella stagione 2017-2018 il club ha istituito una sua sezione di calcio femminile, con una prima squadra iscritta al campionato di Serie A.[169] Con la vittoria dello scudetto al loro primo anno di attività, le Women hanno bissato il titolo conseguito dalla squadra maschile, facendo della Juventus il primo club capace di detenere contemporaneamente i maggiori campionati italiani di calcio, maschile e femminile.[170]

Note

  1. ^ Luciano Canepari, Juventus, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  2. ^ a b Manzo, Peirone, «Calcio», p. 86.
  3. ^ Fabio Rossi, Sport e comunicazione nella società moderna, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2003.
  4. ^ (EN) Juventus building bridges in Serie B, su fifa.com, 20 novembre 2006 (archiviato il 26 novembre 2016).
  5. ^ a b c d e Roberto Beccantini, AGNELLI; Edoardo, Giovanni, Umberto, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002.
  6. ^ Tranfaglia, et al., p. 193.
  7. ^ (EN) Breathing in football and Alpine air in Turin, su uefa.com, 8 gennaio 2015 (archiviato il 9 ottobre 2017).
  8. ^ Le cinque che hanno vinto tutto, su it.uefa.com, 21 giugno 2019 (archiviato il 29 ottobre 2019).
  9. ^ a b Paul Saffer, Paris sulle orme della Juventus, su it.uefa.com, 10 aprile 2016 (archiviato il 14 gennaio 2017).
  10. ^ Juventus Football Club, su borsaitaliana.it (archiviato il 12 gennaio 2015).
  11. ^ (EN) Deloitte Sports Business Group, Planet Football (PDF), in Deloitte Football Money League 2017, Deloitte Touche Tohmatsu Ltd., gennaio 2017, p. 5 (archiviato il 19 novembre 2017)., cfr. anche The Business Of Soccer, «Juventus»
  12. ^ a b (ES) José López Carreño, Los Campeones de los Mundiales y la influencia de sus jugadores, in Cuadernos de Fútbol, n. 58, Centro de Investigaciones de Historia y Estadística del Fútbol Español, ottobre 2014, ISSN 1989-6379 (WC · ACNP) (archiviato il 6 dicembre 2014).
  13. ^ a b Demos & Pi, LI Osservatorio sul Capitale Sociale degli italiani - Il tifo calcistico in Italia (PDF), settembre 2016, pp. 3; 10 (archiviato il 31 ottobre 2016).
  14. ^ a b Juve, oltre un milione di magliette vendute nel 2019, su calcioefinanza.it, 16 ottobre 2019 (archiviato il 24 ottobre 2019).
  15. ^ a b Filmato audio Giovanni De Luna, 100 secondi: Nasce la Juventus, RAI Storia, 2014, a 0:01:13 (archiviato dall'url originale).
  16. ^ (FR) Adrien Lelièvre, La Juventus, dernier rescapé d'un football italien en déclin, in Le Monde, 14 aprile 2015 (archiviato il 5 aprile 2019).
  17. ^ (EN) The FIFA Clubs of the 20th Century (PDF), su fifa.com, 23 dicembre 2000 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2007).
  18. ^ (EN) Europe's Club of the Century, International Federation of Football History & Statistics, 10 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2012).
  19. ^ Manzo, Peirone, «Calcio», p. 92.
  20. ^ a b Manzo, Peirone, «Calcio», p. 91.
  21. ^ Manzo, Peirone, «Calcio», p. 87.
  22. ^ La Guerra e lo Sport. Anno I (1914), in Almanacco dello Sport: La vita sportiva dell'Italia e dell'estero in tutte le Sue manifestazioni, Firenze, R. Bemporad e Figlio, 1914, p. 359.
  23. ^ Tavella, Ossola, pp. 282 e sqq.
  24. ^ a b c d e La storia, su juventus.com (archiviato l'11 giugno 2016).
  25. ^ Cascioli, p. 324.
  26. ^ a b Sappino, p. 593.
  27. ^ Patrick Hazard, David Gould, Three Confrontations and a Coda: Juventus of Turin and Italy, pp. 208-209.
  28. ^ (ES) Marco Ruiz, «Vi a Del Piero con 18 años y lo contraté en 24 horas», su as.com, 5 novembre 2008.
  29. ^ a b Prospetto informativo OPV 2007, p. 14.
  30. ^ (FR) Victor Sinet, Palmarès Ballon d'Or: 1961 - Omar Sivori, su francefootball.fr, 12 dicembre 1961 (archiviato il 6 ottobre 2014).
  31. ^ a b (EN) Sergio Di Cesare, Hard work pays off for Zoff, su uefa.com, 1º aprile 2008 (archiviato l'11 dicembre 2019).
  32. ^ a b c d A seguito della sentenza della Commissione di Appello Federale in merito ai fatti oggetto di Calciopoli, il titolo di campione d'Italia 2004-2005 fu revocato alla Juventus e non più assegnato; quanto al titolo del 2005-2006, la società fu declassata dal 1º al 20º posto della classifica e retrocessa d'ufficio in Serie B per la stagione 2006-2007 con una penalizzazione di punti, per «una fattispecie di illecito associativo» — termine allora non previsto dall'ordinamento giuridico sportivo italiano, ma che fu giudicato dalla Corte Federale come una violazione dell'articolo 6 del Codice di Giustizia Sportiva allora in vigore riguardante i casi di «illecito sportivo» —, correlato all'annata precedente; la posizione finale in classifica raggiunta dalla squadra nel campionato 2004-2005, nonché i punti e i risultati ottenuti nelle partite del succitato biennio rimasero inalterati dopo i verdetti in via definitiva sia della giustizia sportiva sia ordinaria (2015), cfr. Appello: ecco le motivazioni, su gazzetta.it, 4 agosto 2006 (archiviato il 7 aprile 2016).
  33. ^ Campioni d'Italia. Ancora. Stron9er, su juventus.com, 26 luglio 2020.
  34. ^ Chi ha vinto più coppe nazionali in Europa?, su it.uefa.com, 10 maggio 2018 (archiviato il 14 maggio 2018).
  35. ^ a b Titolo disconosciuto a posteriori dalla FIGC in quanto il campionato fu oggetto di boicottaggio.
  36. ^ a b Manzo, Peirone, «Calcio», pp. 86-87.
  37. ^ (EN) Black and White, su nottscountyfc.co.uk, 21 maggio 2008 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2012).
  38. ^ D'Innocenzo, p. 17.
  39. ^ a b Il marchio Juventus, su museodelmarchioitaliano.it (archiviato il 20 gennaio 2017).
  40. ^ a b c Juventus: Black and White and More, su juventus.com (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2017).
  41. ^ La Juve è moderna. Il Barça all'antica, in SportWeek, 4 [817], RCS MediaGroup, 28 gennaio 2017, pp. 24-25, ISSN 1388-3356 (WC · ACNP).
  42. ^ Iconici, su juventus.com, 1º agosto 2020.
  43. ^ Paolo Belli: biografia e discografia, su rockol.it. URL consultato il 29 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2013).
  44. ^ Bertoli Fans Club: Partecipazioni - Juvecentus, su win.bertolifansclub.org. URL consultato il 25 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2009).
  45. ^ Giovanni De Luna, La storia nel pallone, in La Stampa, 26 marzo 2005, p. 1 (archiviato il 2 ottobre 2013).
  46. ^ Tavella, Ossola, pp. 58-63.
  47. ^ a b Gli stadi della Juve, su juventus.com (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2016).
  48. ^ a b Enrica Tarchi, Finalmente nostro!, in Hurrà Juventus, 7 [162], Juventus Football Club S.p.A., luglio 2002, pp. 8-12, ISSN 1594-5189 (WC · ACNP).
  49. ^ Il Cda approva la realizzazione del nuovo stadio, su juventus.com, 18 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2008).
  50. ^ Centro studi e ricerche del Settore Tecnico, FIGC - ReportCalcio 2013 (PDF), 3ª ed., Federazione Italiana Giuoco Calcio, 4 aprile 2013, p. 154 (archiviato il 22 dicembre 2016).
  51. ^ Massimiliano Nerozzi, Juve, lo stadio dei sogni, su lastampa.it, 21 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2012).
  52. ^ a b c d Marco Ansaldo, Da piazza d'Armi a Orbassano, in La Stampa, 28 giugno 1995, p. 34 (archiviato il 12 agosto 2017).
  53. ^ Piero Abrate, La Juventus trasloca per colpa di una gabbia, in Stampa Sera, 26 settembre 1990, p. 18 (archiviato il 13 agosto 2017).
  54. ^ Maurizio Caravella, Cattedrali dello sport da salvare, in La Stampa, 28 febbraio 1996, p. 40 (archiviato il 17 febbraio 2016).
  55. ^ La nuova casa dei bianconeri, in La Stampa, 8 gennaio 2003, p. 29 (archiviato il 12 agosto 2017).
  56. ^ Fabio Vergnano, Vinovo è un cantiere, Capello rinvia il trasloco, in La Stampa, 28 dicembre 2005, p. 30 (archiviato il 13 agosto 2017).
  57. ^ Romeo Agresti, Guida alla Continassa: Juventus Training Center, J-Hotel e J-Village, su goal.com, 9 luglio 2018 (archiviato il 13 luglio 2018).
  58. ^ Patrick Hazard, David Gould, Three Confrontations and a Coda: Juventus of Turin and Italy, p. 208.
  59. ^ Iscritta con codice 214687, cfr. Movimento anagrafico – Iscrizioni dal 1º al 31 agosto 1949, in Cronache economiche, n. 63, Camera di Commercio, Industria e Agricoltura di Torino, 5 agosto 1949, p. 5.
  60. ^ Prospetto informativo OPV 2007, p. 53.
  61. ^ a b Relazione finanziaria annuale 2016 (PDF), Juventus Football Club S.p.A., 30 giugno 2016, p. 30 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  62. ^ Nasce l'associazione «Piccoli azionisti della Juventus», su tuttosport.com, 24 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2010).
  63. ^ Marco Bonetto, Juve, in Norvegia si punta sul marchio della Signora, su tuttosport.com, 28 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2014).
  64. ^ Juventus Football Club: Finance (Faq - Quotazione in Borsa), su juventus.com, 2008 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2010).
  65. ^ Juventus lascia segmento Star di Borsa, su ansa.it, 19 settembre 2011 (archiviato il 27 giugno 2018).
  66. ^ Indice FTSE Italia Mid Cap: Titoli che appartengono all'Indice, su borsaitaliana.it, 2016, p. 3 (archiviato il 20 dicembre 2016).
  67. ^ Borsa: azioni Juventus fuori dal Ftse Mib, andranno sul Mid Cap, su gazzetta.it, 5 marzo 2020 (archiviato il 17 marzo 2020).
  68. ^ Borsa, Amplifon e Juventus entrano nel FTSE MIB. Fuori Mediaset e Mediolanum, su finanza.lastampa.it, 6 dicembre 2018 (archiviato il 7 febbraio 2019).
  69. ^ (EN) Deloitte Sports Business Group, Deloitte Football Money League 2019 (PDF), Deloitte Touche Tohmatsu Ltd., gennaio 2020, pp. 9; 28-29 (archiviato il 3 aprile 2020).
  70. ^ 1 299 miliardi di dollari equivalenti a 1 150 miliardi di euro a maggio 2016, cfr. The Business Of Soccer, «Juventus»
  71. ^ The Business Of Soccer, «Juventus».
  72. ^ (EN) Brand Finance Football 50 2019 (PDF), Brand Finance plc., maggio 2019, pp. 9; 15; 18-19 (archiviato il 7 giugno 2020).
  73. ^ (EN) Ferrari, in The World's Most Valuable Sports Teams 2015, Forbes, 15 luglio 2015, p. 32 (archiviato il 23 giugno 2016).
  74. ^ Organi di amministrazione e controllo, su juventus.com.
  75. ^ Management, su juventus.com.
  76. ^ a b c Charity: Altre iniziative, su juventus.com (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2017).
  77. ^ a b Charity: Crescere insieme al Sant'Anna, su juventus.com (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2016).
  78. ^ Marcello Giannotti, L'enciclopedia di Sanremo. 55 anni di storia del Festival dalla A alla Z, Roma, Gremese Editore, 2005, p. 119, ISBN 88-8440-379-0.
  79. ^ Juventus, una squadra per amico, RAI Italia, 29 gennaio 2003 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).
  80. ^ 2003 – Il mio canto libero. I calciatori della Juventus e i più grandi artisti italiani insieme per il progetto 'Un sogno per il Gaslini', CD Sony Music nº 5099751048121
  81. ^ Gaslini, è di platino il disco della Juve, in la Repubblica, 20 marzo 2003 (archiviato il 7 marzo 2014).
  82. ^ Charity: Un calcio al razzismo, su juventus.com (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2016).
  83. ^ Charity: Gioca con me, su juventus.com (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2016).
  84. ^ La Juve all'UNESCO, su juventus.com, 15 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2018).
  85. ^ (EN) Education, Sport and Cultural diversity: New ways to promote human rights around the world (PDF), United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization, 6 marzo 2014 (archiviato il 23 marzo 2014).
  86. ^ Nasce Juventus for Special, su juventus.com, 7 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2018).
  87. ^ Prospetto informativo OPV 2007, p. 64.
  88. ^ La seconda squadra bianconera è realtà!, su juventus.com, 3 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2018).
  89. ^ Under 23 storica: conquistata la Coppa Italia Serie C!, su juventus.com, 27 giugno 2020 (archiviato il 29 giugno 2020).
  90. ^ a b 6 domande a Camillo De Nicola, su settoregiovanile.figc.it (archiviato il 15 maggio 2006).
  91. ^ Juventus Soccer Schools: Summer Camps, su juventus.com (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2013).
  92. ^ Cos'è University, su juvesoccerschool.com (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2013).
  93. ^ National Academy, su juvesoccerschool.com (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2012).
  94. ^ Gian Paolo Ormezzano, Juventus, 90 anni di giuventù, in La Stampa, 1º novembre 1987, p. 27 (archiviato il 25 aprile 2017).
  95. ^ a b c (EN) Juventus & Roma, a duel of north & south, su fifa.com, 4 ottobre 2014 (archiviato il 7 gennaio 2017).
  96. ^ Osella, 8 min 40 s e sqq.
  97. ^ a b Patrick Hazard, David Gould, Three Confrontations and a Coda: Juventus of Turin and Italy, pp. 200-201; 203-207.
  98. ^ Vito Maggio, Nicolò Carosio. Una storica "voce" per due città (PDF), in La Casana, n. 1, Banca Carige S.p.A., 2001, p. 61 (archiviato il 6 agosto 2016).
  99. ^ Pino Frisoli, La TV per Sport, Pescara, Tracce, 2007, p. 16, ISBN 88-7433-392-7.
  100. ^ Osella, 1 min 10 s.
  101. ^ Osella, 3 min 11 s.
  102. ^ (EN) Cristian Bonetto, Duncan Garwood e Paula Hardy et al., Turin, in Grand Tour of Italy. Road Trips, Londra, Lonely Planet Publishing Co., 2016, ISBN 1-76034-157-6.
  103. ^ a b Elenco allenatori della Juventus F.C., su myjuve.it (archiviato il 6 ottobre 2008).
  104. ^ Bruno Bernardi, Il mister, in Un secolo di football a Torino: 1917-1926, Torino Sette, La Stampa, 20 dicembre 1996, p. 1 (archiviato il 20 dicembre 2016).
  105. ^ Stefano Fiori, Juventus, lo scudetto di Allegri: il quinto, triste capolavoro, su foxsports.it, 20 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2019).
  106. ^ a b Elenco presidenti della Juventus F.C., su myjuve.it (archiviato il 18 febbraio 2009).
  107. ^ Presidenti della Juventus F.C.: Palmarès, su myjuve.it (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2017).
  108. ^ Elkann: «Andrea Agnelli presidente», su juventus.com, 28 aprile 2010 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2013).
  109. ^ Area statistica: Tutti i giocatori della Juventus FC, su juworld.net. URL consultato il 29 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2009).
  110. ^ A un secolo dall'esordio della Leggenda Bigatto, su juventus.com, 12 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2016).
  111. ^ La Juventus festeggia Boniperti, su juventus.com, 4 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2008).
  112. ^ Addio mister rovesciata, RAI Sport, 22 marzo 2000. URL consultato il 15 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2011).
  113. ^ (EN) Golden Players take centre stage, su uefa.com, 29 novembre 2003 (archiviato il 12 gennaio 2012).
  114. ^ (EN) Didier Fort, Trivia on Players regarding European Club Cups, su rsssf.com, 5 giugno 2005 (archiviato il 21 giugno 2009).
  115. ^ a b Giocatori con più partite, su transfermarkt.it (archiviato il 7 aprile 2017).
  116. ^ Marcatori record, su transfermarkt.it (archiviato il 20 settembre 2016).
  117. ^ Nazionale in cifre: i convocati di una società alla Nazionale A, su figc.it (archiviato il 9 novembre 2018).
  118. ^ (EN) Report and Statistics 2006 FIFA World Cup Germany (PDF), vol. 2, Fédération Internationale de Football Association, 9 giugno - 9 luglio 2006, pp. 192; 208 (archiviato il 2 aprile 2016).
  119. ^ Tavella, Ossola, p. 111.
  120. ^ Bruno Perucca, Juventus e Milan vestite d'azzurro, in La Stampa, 6 marzo 1994, p. 4 (archiviato il 24 dicembre 2016).
  121. ^ Quali club hanno avuto più campioni del mondo nella storia?, su it.uefa.com, 16 luglio 2018 (archiviato il 16 luglio 2018).
  122. ^ (EN) Report and Statistics 2006 FIFA World Cup Germany (PDF), vol. 1, Fédération Internationale de Football Association, 9 giugno - 9 luglio 2006, p. 115 (archiviato il 6 settembre 2015).
  123. ^ (DE) Fußball Weltmeisterschaft 1934 in Italien, su fussballweltmeisterschaft.npage.de (archiviato il 28 maggio 2015).
  124. ^ A seguito degli incidenti della finale contro il Liverpool allo stadio Heysel di Bruxelles, e del successivo bando di esclusione dalle competizioni UEFA inflitto alle squadre inglesi, la prevista finale di Supercoppa UEFA 1985 tra Juventus ed Everton non si disputò. Successivamente l'UEFA decise di consegnare ugualmente la coppa alla Juventus, che possiede fisicamente il trofeo, ma dato che non ci fu mai un'assegnazione ufficiale, non può annoverarlo nel palmarès.
  125. ^ La Juve vince la 68ª Viareggio Cup, su viareggiocup.com, 30 marzo 2016 (archiviato il 2 aprile 2016).
  126. ^ (EN) Blue Stars/FIFA Youth Cup (PDF), Fédération Internationale de Football Association, pp. 7-8 (archiviato il 13 aprile 2013).
  127. ^ a b Coppa Italia: Potenza con juniores, Cittadella da record vince 15-0!, su tuttosport.com, 2 agosto 2015 (archiviato il 23 dicembre 2016).
  128. ^ Torino-Juventus, un derby lungo 102 anni, su tuttosport.com, 5 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2014).
  129. ^ Ferruccio Cavallero, Juve e Toro, due squadroni, in La Stampa, 23 maggio 1977, p. 11 (archiviato il 14 dicembre 2011).
  130. ^ Paolo Menicucci, Riepilogo stagione: Italia, su it.uefa.com, 21 maggio 2012 (archiviato il 31 agosto 2012).
  131. ^ Il Club dei 100, su it.uefa.com, 19 maggio 2014 (archiviato il 20 maggio 2014).
  132. ^ I numeri di un'ennesima impresa, su juventus.com, 22 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2016).
  133. ^ (EN) Maurizio Mariani e Roberto Di Maggio, Italian Clubs in European Cups, su rsssf.com, 6 giugno 2008 (archiviato il 30 marzo 2014).
  134. ^ (EN) All-time statistics, UEFA competitions (PDF), su uefa.com, 14 settembre 2012, p. 76 (archiviato il 26 novembre 2012).
    (EN) All-time statistics, UEFA competitions (2012-2013) (PDF), su uefa.com, 16 settembre 2012, p. 100 (archiviato il 9 novembre 2013). In base alla procedura di calcolo standard del coefficiente UEFA si applica il sistema di punteggio 2-1-0 rispettivamente per le vittorie, pareggi e sconfitte, indipendentemente dalla formula in vigore, cfr. (EN) Top 125, in Champions Magazine, n. 30, Union des Associations Européennes de Football, agosto/settembre 2008, p. 96, ISSN 1740-9969 (WC · ACNP).
  135. ^ (EN) Bert Kassies, UEFA European Cup Coefficients Database: Historical info, su xs4all.nl (archiviato il 28 ottobre 2009).
  136. ^ Real Madrid: 35 finali in competizioni internazionali ufficiali per club; Milan: 29; Boca Juniors: 29; Barcellona: 28; Al-Ahly: 26; Independiente: 25; Liverpool: 24; San Paolo: 21 (statistiche aggiornate a tutto il 21 dicembre 2019); cfr. (EN) Roberto Di Maggio, International Finalists, su rsssf.com, 19 dicembre 2013 (archiviato il 29 marzo 2014).
  137. ^ (EN) Legend - UEFA club competition (PDF), Union des Associations Européennes de Football, 11 settembre 2009, p. 99 (archiviato l'11 gennaio 2012).
  138. ^ Salvatore Lo Presti, TRAPATTONI, Giovanni, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002.
  139. ^ Giorgio Viglino, Boniperti e Futre, è la volta buona, in La Stampa, 13 luglio 1988, p. 22 (archiviato il 22 luglio 2011).
  140. ^ Giovanni Battista Olivero, 444 Ale tra record e nuovo contratto, in La Gazzetta dello Sport, 5 febbraio 2011 (archiviato il 24 dicembre 2016).
  141. ^ Gol e numeri record, Del Piero cuore Juve, su ansa.it, 8 novembre 2014 (archiviato il 24 dicembre 2016).
  142. ^ Francesca Fanelli, 2005, Del Piero-Juve 182 gol come Boniperti, su corrieredellosport.it, 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2016).
  143. ^ Paradosso Higuain, gol n.30 nel giorno peggiore, su ansa.it, 3 aprile 2016 (archiviato il 23 dicembre 2016).
  144. ^ Da Nordahl a Angelillo: i bomber con più di 30 centri nel massimo campionato italiano in un'unica stagione, su repubblica.it, 25 gennaio 2016 (archiviato il 23 dicembre 2016).
  145. ^ Antonio Pannullo, Anche la Lazio ebbe il suo Totti leggendario: si chiamava Silvio Piola..., su secoloditalia.it, 3 ottobre 2016 (archiviato il 23 dicembre 2016).
  146. ^ (EN) Massimo Franchi, Gentile, Boniek, Zidane and friends (PDF), in The FIFA Weekly, n. 10, 13 marzo 2015, p. 12, OCLC 862248672 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2016).
  147. ^ I club esteri, su juventus.com, 20 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2017).
  148. ^ Parrish, Nauright, p. 142.
  149. ^ Sondaggio Demos & Pi 2013, Ilvo Diamanti, «Calcio, il declino del tifo. In curva solo gli ultras», p. 5.
  150. ^ Sondaggio Demos & Pi 2013, p. 20.
  151. ^ Patrick Hazard, David Gould, Three Confrontations and a Coda: Juventus of Turin and Italy, p. 203.
  152. ^ Speciale 100 anni del Derby di Torino, in La Stampa, 30 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  153. ^ a b (EN) Injuries clouding Turin derby, su fifa.com, 24 ottobre 2008 (archiviato il 3 giugno 2013).
  154. ^ Papa, Panico, p. 271.
  155. ^ Patrick Hazard, David Gould, Three Confrontations and a Coda: Juventus of Turin and Italy, pp. 210-214.
  156. ^ Juve-Inter, storia di una rivalità, su tuttosport.com, 22 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2009).
  157. ^ Corrado Sannucci, Juve e Milan, la sfida infinita: storia di rivalità e di campioni, in la Repubblica, 15 maggio 2003 (archiviato il 6 gennaio 2010).
  158. ^ Patrick Hazard, David Gould, Three Confrontations and a Coda: Juventus of Turin and Italy, pp. 200-201.
  159. ^ Patrick Hazard, David Gould, Three Confrontations and a Coda: Juventus of Turin and Italy, pp. 214-217.
  160. ^ Guido Vaciago, Gemellaggio fra i tifosi di Juventus e Avellino, su tuttosport.com, 18 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  161. ^ Paola Cipriani, Marco Mensurati e Fabio Tonacci, L'internazionale degli ultrà, in R'E Le inchieste, Gruppo Editoriale L'Espresso, 20 marzo 2014 (archiviato il 17 novembre 2016).
  162. ^ (EN) Dan Robinson, Notts County has second largest number of overseas fans in Football League, su nottinghampost.com, 24 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2015).
  163. ^ (ES) Intercambio de camisetas con la Juventus, su elchecf.es, 13 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2013).
  164. ^ Prima Squadra Maschile, su juventus.com. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  165. ^ Lo staff di Andrea Pirlo, su juventus.com, 23 agosto 2020.
  166. ^ Tavella, Ossola, p. 279.
  167. ^ In Corso IV Novembre impianti sportivi in via di realizzazione per le nuove attività della Juventus, in La Stampa, 10 marzo 1941, p. 4 (archiviato il 15 giugno 2018).
  168. ^ Serie A1: Albo d'oro, su federtennis.it (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2017).
  169. ^ La Juventus giocherà il campionato di Serie A Femminile, su juventus.com, 1º luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2017).
  170. ^ La Juventus vince anche al femminile, è scudetto nello spareggio con il Brescia, su torino.repubblica.it, 21 maggio 2018.

Bibliografia

Libri

  • (EN) Gary Armstrong e Richard Giulianotti, Fear and Loathing in World Football, Oxford, Berg Publishers, 2001, ISBN 1-85973-463-4.
  • Lino Cascioli, Storia fotografica del calcio italiano: dalle origini al campionato del mondo 1982, Roma, Newton & Compton, 1982.
  • Santa D'Innocenzo, Il merchandising come contratto sportivo, Milano, Wolters Kluwer Italia, 2010, ISBN 88-13-29956-7.
  • Luciana Manzo e Fulvio Peirone (a cura di), Sport a Torino. Luoghi, eventi e vicende tra Ottocento e Novecento nei documenti dell'Archivio Storico della Città (PDF), Archivio Storico Città di Torino, 19 dicembre 2005 - 3 marzo 2006, TO01465329.
  • Antonio Papa e Guido Panico, Storia sociale del calcio in Italia, Bologna, Il Mulino, 2002 [1993], ISBN 88-15-08764-8.
  • (EN) Charles Parrish e John Nauright, Soccer Around the World: A Cultural Guide to the World's Favorite Sport, Santa Barbara, California, ABC-CLIO, 2014, ISBN 1-61069-303-5.
  • Marco Sappino (a cura di), Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, vol. 2, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2000, ISBN 88-8089-862-0.
  • Renato Tavella e Franco Ossola, Il Romanzo della Grande Juventus, Roma, Newton & Compton, 2003 [1997], ISBN 88-8289-900-4.
  • Nicola Tranfaglia e Pier Giorgio Zunino, Guida all'Italia contemporanea, 1861-1997, a cura di Massimo Firpo, vol. 4, Garzanti, 1998, ISBN 88-11-34204-X.

Pubblicazioni varie

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 1º aprile 2009 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci in vetrina in altre lingue  ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki

Controllo di autoritàVIAF (EN241856258 · ISNI (EN0000 0004 1795 824X · LCCN (ENn79058447 · GND (DE4493359-9 · WorldCat Identities (ENlccn-n79058447