Juventus Football Club 1945-1946

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Juventus Football Club 1945-1946.jpg
Stagione 1945-1946
AllenatoreItalia Felice Borel II
PresidenteItalia Piero Dusio
Divisione Nazionale2º posto (girone finale)
Miglior marcatoreCampionato: Piola (16)
Totale: Piola (16)
StadioComunale

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 1945-1946.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La società torinese cambiò denominazione e assunse il nome di Juventus Football Club,[1] rinforzandosi con l'ingaggio del prolifico bomber Silvio Piola, strappato ai concittadini del Torino e desideroso di stabilirsi definitivamente in Piemonte; di proprietà della Lazio, il cartellino dell'attaccante venne acquistato dai bianconeri per circa tre milioni di lire.[2]

In campo, la squadra prese parte al complesso campionato di Divisione Nazionale, il primo torneo regolare di massima serie organizzato dal termine del secondo conflitto mondiale. A causa della disastrata situazione in cui versava l'Italia — coi combattimenti lungo la Linea Gotica che avevano, di fatto, spezzato in due la penisola — la Federcalcio decise per l'abbandono momentaneo del girone unico in favore di due distinti campionati, la Serie A Alta Italia al Nord e la Serie Mista A-B al Centro-Sud.

La Juventus confluì nel torneo settentrionale organizzato dalla reggente Lega Alta Italia, debuttando il 14 ottobre 1945 con un successo 2-1 nel derby torinese, ove Piola trovò subito la prima marcatura in maglia bianconera.[3] A metà aprile la formazione piemontese concluse la prima fase di quel campionato al terzo posto, a otto lunghezze dai concittadini granata, entrando nel novero delle quattro squadre che, assieme alle prime quattro classificate dell'altro torneo misto centro-meridionale, vennero ammesse al girone finale atto a decretare i primi campioni d'Italia del dopoguerra.

Il neoacquisto Silvio Piola, leggenda del calcio italiano e migliore marcatore juventino della stagione con 16 gol.

La lotta sportiva fu nuovamente col Torino cui stavolta la Juventus diede filo da torcere sino all'ultima giornata quando, giunti agli sgoccioli di luglio e con le due torinesi appaiate in vetta a pari punti, i bianconeri furono fermati sul pari al Vomero dal Napoli lasciando così via libera per lo scudetto ai granata, vittoriosi in goleada al Filadelfia sulla Pro Livorno.

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Portiere

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Luicidio Sentimenti (IV)
Italia P Giovanni Viola
Italia D Alfredo Foni
Italia D Pietro Rava (capitano)
Italia D Giovanni Varglien (II)
Italia C Teobaldo Depetrini
Italia C Ugo Locatelli
Italia C Pietro Magni
Italia C Carlo Parola
N. Ruolo Giocatore
Italia C Vittorio Sentimenti (III)
Italia C Francesco Tortarolo
Italia A Mario Bo
Italia A Felice Borel (II)
Italia A Ugo Conti
Italia A Aristide Coscia
Italia A Alceo Lipizer
Italia A Silvio Piola
Italia A Alfredo Spadavecchia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'ultima fase della Seconda guerra mondiale, tra gli anni 1943 e 1945, la società juventina prese il nome di Juventus Cisitalia, in abbinamento con la casa automobilistica, il cui titolare, Piero Dusio, era l'allora presidente bianconero. Curiosamente la FIAT, storicamente legata alla Juventus e allora concorrente della Cisitalia, in quel periodo si abbinò al Torino che assunse la denominazione di Torino FIAT, cfr. La Storia siamo noi: Spalti di guerra: La storia del campionato di calcio 1943-1944, RAI (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2009).
  2. ^ Mario Pennacchia, Piola: il Gol. 14: Torna azzurro a 39 anni, da Corriere dello Sport, 81 (IL), 4 aprile 1968, p. 10
  3. ^ 14 ottobre 1945, l'esordio di Piola, su juventus.com, 14 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2014).