Girone all'italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il girone all'italiana è una particolare formula degli sport di squadra.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Per la composizione di un girone è necessaria la presenza di almeno 3 squadre: un confronto tra 2 porterebbe infatti all'eliminazione di una di esse, come avviene nell'eliminazione diretta.[1]

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il girone si compone di un calendario che, mediante l'apposito algoritmo, programma l'ordine degli incontri ("giornata" o "turno"). Non è necessario che il numero di partecipanti sia potenza di due[2], ma è solitamente pari.[2] Ciò consente di abbinare, per ogni turno, le squadre: il totale degli incontri risulta perciò la metà del numero di partecipanti.[2] Qualora il numero sia dispari, viene aggiunto l'elemento riposo: ad ogni turno esso è accoppiato ad una squadra.[2] Se le squadre si affrontano con partite di andata e ritorno, ovvero con inversione dei campi di gara, il girone è definito "a doppio turno": ogni squadra usufruisce così del fattore campo lo stesso numero di volte.[2] L'ordine stabilito dal calendario (cronologico) può non coincidere con quello effettivo, per esempio a causa del rinvio di gare.

Schema di un girone all'italiana, con 14 partecipanti.

Per ogni giornata, vengono assegnati dei punti il cui numero varia in funzione dei risultati: di norma non è assegnato alcun punto per la gara persa, mentre in caso di parità le 2 squadre ottengono gli stessi punti.[1] Sulla base degli stessi, viene composta la classifica finale che prevede anche criteri per eventuali situazioni di pari punti: classifica avulsa (punti dei confronti diretti), differenza o quoziente punti (differenza o rapporto tra numero di punti all'attivo ed al passivo), spareggio (le cui statistiche sono escluse dal computo del girone).[1][2] Il girone all'italiana è considerato il metodo più corretto di svolgimento per le competizioni, in quanto ogni squadra affronta ciascuna avversaria[2]: per contro, richiede più tempo dell'eliminazione diretta per il completamento e la sua natura può favorire eventuali "combine".[2]

Esempio[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito, viene riportato un esempio esplicativo tratto dal girone finale dei Mondiali 1950.

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Brasile Spagna Svezia Uruguay
Brasile ---- 6-1 7-1 1-2
Spagna 1-6 ---- 1-3 2-2
Svezia 1-7 3-1 ---- 2-3
Uruguay 2-1 2-2 3-2 ----

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Uruguay Uruguay 7 3 2 1 0 7 5 +2
2. Brasile Brasile 6 3 2 0 1 14 4 +10
3. Svezia Svezia 3 3 1 0 2 6 11 −5
4. Spagna Spagna 1 3 0 1 2 4 11 −7

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle discipline collettive (calcio, hockey, pallacanestro, rugby) è presente anche in quelle individuali come badminton, scacchi e tennis.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il girone all'italiana (in PDF)
  2. ^ a b c d e f g h Paolo Alessandrini, La matematica nel pallone, 40K Unofficial, 2015, p. 74.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport