Foot-Ball Club Juventus 1907-1908

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Foot-Ball Club Juventus
Foot-Ball Club Juventus 1908.jpg
I bianconeri vincitori del titolo "federale"
Stagione 1907-1908
AllenatoreInghilterra Harry Goodley
PresidenteItalia Carlo Vittorio Varetti
Campionato FederaleVincitore
Campionato ItalianoEliminatoria regionale
Palla DapplesVincitore (2 volte)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Foot-Ball Club Juventus nelle competizioni ufficiali della stagione 1907-1908.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella seduta straordinaria della Federazione Italiana Foot-Ball del 20 ottobre 1907, il presidente della Doria, Oberti, presentò un ordine del giorno che venne approvato a maggioranza con cui si proponeva di organizzare due "gare di campionato": una italiana, riservata ai soli atleti nazionali e assegnataria della Coppa Romolo Buni, e una federale, aperta anche agli stranieri e abbinata alla Coppa Spensley:[1][2][3]

«L'Assemblea delibera che il Regolamento organico sia modificato in modo da comprendere due gare di campionato: la prima chiamata Campionato Federale, libera a tutti i soci appartenenti alle società iscritte alla Federazione, anche se stranieri..., e la seconda chiamata Campionato italiano e riservata ai soli giuocatori italiani o nazionalizzati... Alla prima sarà assegnata la Coppa Spensley... Alla seconda sarà invece assegnata la Coppa Buni...»

I delegati dei cosiddetti Football Club (Milan, Torino, Libertas, Genoa e Naples), tuttavia, lasciarono la seduta per protesta in quanto non accettavano che i calciatori stranieri venissero esclusi dalla competizione per il titolo di "Campione d'Italia" e relegati a disputarsi il riconoscimento creato ex novo di "Campione Federale d'Italia". In particolare il Milan, detentore della Coppa Spensley, criticò la decisione della FIF di abbinare tale trofeo (ex coppa dei "Campioni d'Italia") al nuovo titolo di "Campione Federale".[4]

Il torneo si ridusse quindi a una finale a due tra la Juventus e l'Andrea Doria.[5] Il 19 gennaio dello stesso anno si giocò la gara di andata della finale del Campionato federale a Genova contro l'Andrea Doria, dove la Signora vinse per 3-0.[6] Un mese dopo si rigiocò, a Torino, coi doriani che uscirono vincitori per 0-1.[7] Fu dunque necessario uno spareggio, giocatosi a Torino per la maggior differenza reti bianconera nel doppio confronto il 15 marzo: a pochi minuti dalla fine, mentre la Juventus era in vantaggio per 2-1, il doriano Sardi colpì di testa, e il barone Mazzonis, allora giocatore bianconero, per respingere il pallone infilò Durante di testa per il 2-2 finale; l'incontro fu successivamente annullato per un errore tecnico arbitrale.[8] Passarono due mesi e il 10 maggio si poté rigiocare lo spareggio, sempre in Corso Sebastopoli – campo juventino fino al 1922 – e la Juventus vinse per 5-1 con Ernesto Borel (padre di Aldo, il Borel I, e Felice, il Borel II, entrambi futuri calciatori bianconeri) mattatore dell'incontro e del Campionato Federale F.I.F. 1908. Alla Juventus non fu assegnata la Coppa Spensley che le spettava di diritto in quanto Campione Federale, perché il Milan detentore in carica l'aveva polemicamente riconsegnata a Spensley, rappresentante del Genoa; all'inizio della stagione successiva, fu deliberato che la Coppa venisse assegnata permanentemente al Milan, la società che l'aveva vinta per due volte di fila (1906 e 1907), a titolo risarcitorio. Il Campionato Federale venne, quindi, disconosciuto a posteriori dalla FIF.[9]

La Juventus giocò, ancora prima che diventasse "Campione Federale d'Italia" (poiché la partita decisiva si disputò soltanto il 10 maggio), il campionato italiano, Coppa Romolo Buni, iniziato a marzo dello stesso anno, con altre tre squadre. Il 1º marzo i bianconeri pareggiarono 1-1 a Vercelli contro la Pro Vercelli, poi vincitrice del torneo, nella gara d'andata delle eliminatorie regionali, e perse 2-0 la partita di ritorno (doppietta di Rampini per i vercellesi), venendo eliminata dal torneo.[10] Il titolo di "Campione d'Italia" fu poi vinto dalla Pro Vercelli.

Nello stesso anno la società juventina conquistò due Palle d'Argento Henry Dapples – un'altra competizione pionieristica – nelle finali disputate il 22 novembre e il 13 dicembre, battendo in entrambe le occasioni la Pro Vercelli.[11]

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

[12]

N. Ruolo Giocatore
Italia D Armano I
Italia C Armano II
Italia A Borel I
Italia A Sandro Collino
Italia C Aldo Colombo
Italia A Domenico Donna
Italia P Domenico Durante
N. Ruolo Giocatore
Italia A Giovanni Goccione
Italia A Maloun [13]
Italia D Chiaffredo Mastrella
Italia C Giovanni Mazzonis
Italia D Michela
Italia C Casimiro Nay
Italia C Steso

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato Federale di Prima Categoria[modifica | modifica wikitesto]

Il calendario originario, secondo alcune fonti, era il seguente:[14]

  • 5 gennaio 1908: Milan-Doria
  • 19 gennaio 1908: Doria-Juventus
  • 26 gennaio 1908: Milan-Juventus
  • 2 febbraio 1908: Milan-Doria
  • 9 febbraio 1908: Juventus-Milan
  • 23 febbraio 1908: Juventus-Doria

Il Milan, tuttavia, si ritirò dal torneo il 1º gennaio, riducendo il torneo a una finale a due tra Juventus e Doria.

Finali[modifica | modifica wikitesto]

[12]

Genova
19 gennaio 1908
Andrea Doria0 – 3
referto
Juventus

Torino
23 febbraio 1908
Juventus0 – 1[14]
referto
Andrea Doria
Arbitro:  Meazza (USM) (Milano)

Poiché a parità di punti (due a testa), la differenza reti (o il risultato aggregato) non conta, si dovette disputare una "bella" nel campo della squadra con la migliore differenza reti (quindi Torino, avendo la Juventus segnato tre reti contro l'unica della Doria).

Torino
15 marzo 1908
Juventus2 – 2 (ann.)
(d.t.s.)
referto
Andrea Doria

La partita venne però annullata per errore tecnico dell'arbitro (relativo alla rimessa in gioco del pallone, che favorì la rete del 2-2 definitivo) e la partita di spareggio fu ripetuta, sempre a Torino, il 10 maggio.

Torino
10 maggio 1908
Juventus5[14] – 1
referto
Andrea Doria

Alla Juventus non fu però assegnata la Coppa Spensley che le spettava di diritto in quanto Campione Federale, perché il Milan detentore in carica l'aveva polemicamente riconsegnata a Spensley, rappresentante del Genoa; all'inizio della stagione successiva, fu deliberato che la Coppa venisse assegnata permanentemente al Milan, la società che l'aveva vinta per due volte di fila (1906 e 1907).

Campionato Italiano di Prima Categoria[modifica | modifica wikitesto]

Eliminatoria regionale[modifica | modifica wikitesto]

Vercelli
1º marzo 1908
Pro Vercelli1 – 1Juventus
Arbitro:  Meazza

Torino
8 marzo 1908
Juventus0 – 2Pro Vercelli
Arbitro:  Recalcati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chiesa, p. 18.
  2. ^ Archivio Storico Città di Torino – Calcio (2005) (PDF), su comune.torino.it. URL consultato il 30 gennaio 2010.
  3. ^ Le vittorie nei Campionati Federali F.I.F. 1908 e 1909, su bianconerionline.com. URL consultato il 26 settembre 2008.
  4. ^ L'astensione del Milan Club dai Campionati. (La Stampa), 2 gennaio 1908, p. 4.
  5. ^ Chiesa, pp. 17-20, il quale tuttavia s'inganna nel sostenere che, oltre al Milan, si erano iscritte anche Torino e Genoa; infatti La Stampa afferma esplicitamente che alla chiusura delle richieste si erano iscritte al Campionato Federale solo Juventus, Doria e Milan.
  6. ^ I matches di football d'ieri a Torino, Milano e Genova, in La Stampa, 20 gennaio 1908, p. 5. URL consultato il 17 aprile 2012.
  7. ^ La gran finale del Campionato Federale, in La Stampa, 22 febbraio 1908, p. 5. URL consultato il 17 aprile 2012.
  8. ^ I matches di Campionato a Torino, in La Stampa, 16 marzo 1908, p. 2. URL consultato il 17 aprile 2012.
  9. ^ Chiesa, pp. 20-21.
  10. ^ Juventus-Pro Vercelli 0-2, su La Stampa del 9 marzo 1908, p. 5
  11. ^ La Palla Dapples si giocherà finalmente a Torino (La Stampa), 3 dicembre 1908, p. 5. URL consultato il 17 aprile 2012.
  12. ^ a b Chiesa, p. 19.
  13. ^ La Stampa, 10 maggio 1908, p. 4.
  14. ^ a b c Luca Fornara, I Campionati vinti dalla Juventus nel 1908 e 1909: la storia e i tabellini completi, juworld.net, 29 maggio 2012.
  15. ^ a b c Gol nel primo tempo.
  16. ^ Gol dell'1-0.
  17. ^ Gol del 2-1, ai tempi supplementari.
  18. ^ Gol dell'1-1, nel secondo tempo.
  19. ^ Gol del 2-2, ai tempi supplementari.
  20. ^ a b c Gol nel secondo tempo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo F. Chiesa, La grande storia del calcio italiano (Guerin Sportivo).
  • Archivio online de La Stampa.