Juventus Football Club 1987-1988

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Juventus Football Club 1987-1988.jpg
Stagione 1987-1988
AllenatoreItalia Rino Marchesi
PresidenteItalia Giampiero Boniperti
Serie A6º posto (in Coppa UEFA[1])
Coppa UEFASedicesimi di finale
Coppa ItaliaSemifinale
Maggiori presenzeCampionato: Tacconi (30)
Totale: Tacconi (46)
Miglior marcatoreCampionato: Rush (7)
Totale: Rush (13)
StadioComunale Vittorio Pozzo
Abbonati13 853[2]
Media spettatori33 081[3]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 1987-1988.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il neoacquisto Luigi De Agostini in azione sotto lo sguardo di Laudrup.

La squadra piemontese dovette prepararsi ad affrontare la stagione senza l'apporto di Platini, protagonista assoluto dell'ultimo vittorioso lustro bianconero, ritiratosi a sorpresa pochi mesi prima, all'età di trentadue anni, a causa di sempre più pressanti malanni fisici.[4] La società sabauda confermò il tecnico Marchesi in panchina mentre all'attacco, in sostituzione del partente Serena di ritorno all'Inter, mise a segno quello che sulla carta era il colpo di mercato dell'anno con l'ingaggio di Ian Rush, prolifico attaccante gallese prelevato dagli inglesi del Liverpool, il quale tuttavia non riuscì a emulare in maglia bianconera le gesta del suo storico connazionale Charles.[5]

L'annata della Juventus risultò al di sotto delle aspettative. Tutta la rosa si mostrò indebolita dall'assenza delle giocate di Platini, cui Marchesi cercò di sopperire con un robusto centrocampo guidato dall'onesto mestierante Marino Magrin, arrivato dall'Atalanta; una scelta che non diede i frutti sperati. La delusione maggiore fu rappresentata da Rush che patì diversi problemi d'ambientamento,[6][7] non legò coi compagni[8] e soprattutto non riuscì ad adattarsi ai ritmi — e alle difese — del calcio italiano[9] tanto che, pur affermandosi come il capocannoniere della squadra, mise a referto 13 reti totali (al di sotto dei suoi standard in terra inglese) di cui solo 7 in Serie A.

La formazione sabauda chiuse il campionato al sesto posto, raggiunto dopo la vittoria ai rigori sui concittadini del Torino nello speciale derby di spareggio per l'accesso alla Coppa UEFA. Nella seconda manifestazione continentale per club, il cammino dei bianconeri s'interruppe presto già ai sedicesimi, estromessi dai greci del Panathīnaïkos, mentre in Coppa Italia la Juventus si spinse fino alle semifinali, dove stavolta furono i succitati granata ad avere la meglio. Fu questa l'ultima stagione da calciatore di Scirea; il capitano bianconero appenderà gli scarpini al chiodo al termine del campionato,[10] deciso a intraprendere la carriera di allenatore.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Ian Rush nella sua unica stagione alla Juventus. Qui il gallese indossa la speciale divisa rosanero sfoggiata dalla squadra il 1º novembre 1987, ispirata a quella delle origini, per il novantenario del club.

Il fornitore tecnico della stagione è Kappa, mentre lo sponsor ufficiale è Ariston. Come da consuetudine dei piemontesi nella seconda metà degli anni 1980, alla classica divisa casalinga a strisce verticali bianconere, con pantaloni e calze bianche, venne affiancata una muta da trasferta gialloblù — i colori comunali della Città di Torino — composta da maglia e calzettoni gialli, e pantaloncini blu. Sul petto, all'altezza del cuore, era presente la "scatolina" bordata d'oro atta a contenere le simboliche due stelle.[11]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Novantenario

Inoltre il 1º novembre 1987, data in cui cadde il novantesimo anniversario di fondazione dell'allora Sport-Club Juventus, in occasione della sfida di campionato contro l'Avellino la squadra scese in campo al Comunale con una speciale casacca celebrativa rosanero, ispirata alla storica uniforme usata dai calciatori juventini sino ai primi anni del XX secolo; tale rielaborazione si caratterizzò per una maglia rosa, con un grande colletto bianco, e numeri di gioco neri come pantaloni e calze.[11] Realizzate in una tiratura limitata di 999 esemplari, tali divise andarono in seguito a un'asta benefica in favore dell'AIRC.[12]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª portiere
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
3ª portiere

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Luciano Bodini
Italia P Stefano Tacconi
Italia D Sergio Brio
Italia D Pasquale Bruno
Italia D Antonio Cabrini
Italia D Luigi De Agostini
Italia D Luciano Favero
Italia D Stefano Lo Porto
Italia D Nicolò Napoli
Italia D Gaetano Scirea (capitano)
Italia D Paolo Siroti
Italia D Roberto Tricella
N. Ruolo Giocatore
Italia C Angelo Alessio
Italia C Ivano Bonetti
San Marino C Massimo Bonini
Italia C Mauro Conte
Danimarca C Michael Laudrup
Italia C Marino Magrin
Italia C Massimo Mauro
Italia C Beniamino Vignola
Italia A Renato Buso
Italia A Andrea Caverzan
Italia A Antonino Gambino
Galles A Ian Rush

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1987-1988.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Torino
13 settembre 1987, ore 16:00
1ª giornata
Juventus1 – 0
referto
ComoStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Fabricatore (Roma)

Empoli
20 settembre 1987, ore 16:00
2ª giornata
Empoli1 – 0
referto
JuventusStadio Carlo Castellani
Arbitro:  Longhi (Roma)

Torino
27 settembre 1987, ore 15:00
3ª giornata
Juventus3 – 1
referto
PescaraStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Verona
4 ottobre 1987, ore 15:00
4ª giornata
Verona2 – 1
referto
JuventusStadio Marcantonio Bentegodi
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Torino
11 ottobre 1987, ore 15:00
5ª giornata
Juventus1 – 0
referto
RomaStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Milano
25 ottobre 1987, ore 14:30
6ª giornata
Inter2 – 1
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Lanese (Messina)

Torino
1º novembre 1987, ore 14:30
7ª giornata
Juventus3 – 0
referto
AvellinoStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Baldas (Trieste)

Pisa
8 novembre 1987, ore 14:30
8ª giornata
Pisa1 – 2
referto
JuventusStadio Arena Garibaldi
Arbitro:  Casarin (Milano)

Torino
22 novembre 1987, ore 14:30
9ª giornata
Juventus0 – 2
a tavolino[13]
referto
CesenaStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Torino
29 novembre 1987, ore 14:30
10ª giornata
Juventus1 – 0
referto
AscoliStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Frigerio (Milano)

Napoli
13 dicembre 1987, ore 14:30
11ª giornata
Napoli2 – 1
referto
JuventusStadio San Paolo
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Torino
20 dicembre 1987, ore 14:30
12ª giornata
Juventus1 – 1
referto
SampdoriaStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Casarin (Milano)

Torino
3 gennaio 1988, ore 14:30
13ª giornata
Torino2 – 2
referto
JuventusStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  D'Elia (Salerno)

Torino
10 gennaio 1988, ore 14:30
14ª giornata
Juventus0 – 1
referto
MilanStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Longhi (Roma)

Firenze
17 gennaio 1988, ore 14:30
15ª giornata
Fiorentina1 – 1
referto
JuventusStadio Comunale
Arbitro:  Casarin (Milano)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Como
24 gennaio 1988, ore 14:30
16ª giornata
Como1 – 1
referto
JuventusStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Torino
31 gennaio 1988, ore 15:00
17ª giornata
Juventus4 – 0
referto
EmpoliStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Sguizzato (Verona)

Pescara
7 febbraio 1988, ore 15:00
18ª giornata
Pescara2 – 0
referto
JuventusStadio Adriatico
Arbitro:  Baldas (Trieste)

Torino
14 febbraio 1988, ore 15:00
19ª giornata
Juventus0 – 0
referto
VeronaStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Magni (Bergamo)

Roma
28 febbraio 1988, ore 15:00
20ª giornata
Roma2 – 0
referto
JuventusStadio Olimpico
Arbitro:  Lombardo (Marsala)

Torino
6 marzo 1988, ore 15:30
21ª giornata
Juventus1 – 0
referto
InterStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Pezzella (Frattamaggiore)

Avellino
13 marzo 1988, ore 15:30
22ª giornata
Avellino1 – 0
referto
JuventusStadio Partenio
Arbitro:  Sguizzato (Verona)

Torino
20 marzo 1988, ore 15:30
23ª giornata
Juventus2 – 1
referto
PisaStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Lanese (Messina)

Cesena
27 marzo 1988, ore 15:30
24ª giornata
Cesena0 – 0
referto
JuventusStadio Dino Manuzzi
Arbitro:  Pezzella (Frattamaggiore)

Ascoli Piceno
10 aprile 1988, ore 15:30
25ª giornata
Ascoli1 – 1
referto
JuventusStadio Cino e Lillo Del Duca
Arbitro:  Longhi (Roma)

Torino
17 aprile 1988, ore 15:30
26ª giornata
Juventus3 – 1
referto
NapoliStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Lanese (Messina)

Genova
24 aprile 1988, ore 15:30
27ª giornata
Sampdoria2 – 2
referto
JuventusStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Pezzella (Frattamaggiore)

Torino
1º maggio 1988, ore 16:00
28ª giornata
Juventus2 – 1
referto
TorinoStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Milano
8 maggio 1988, ore 16:00
29ª giornata
Milan0 – 0
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Lanese (Messina)

Torino
15 maggio 1988, ore 16:00
30ª giornata
Juventus1 – 2
referto
FiorentinaStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Casarin (Milano)

Spareggio per il 6º posto[modifica | modifica wikitesto]

Torino
23 maggio 1988, ore 20:30
Juventus0 – 0
(d.t.s.)
TorinoStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  D'Elia (Salerno)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1987-1988.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Lecce
23 agosto 1987, ore 20:30
Lecce0 – 3
referto
JuventusStadio Via del Mare
Arbitro:  Lombardo (Marsala)

Roma
26 agosto 1987, ore 20:30
Lazio1 – 1
referto
JuventusStadio Olimpico
Arbitro:  Casarin (Milano)

Torino
30 agosto 1987, ore 20:30
Juventus3 – 0
referto
CatanzaroStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Torino
2 settembre 1987, ore 20:30
Juventus0 – 0
referto
CasertanaStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Cornieti (Forlì)

Pisa
6 settembre 1987, ore 20:30
Pisa2 – 1
referto
JuventusStadio Arena Garibaldi
Arbitro:  D'Elia (Salerno)

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Torino
6 gennaio 1988, ore 14:30
Ottavi di finale - Andata
Juventus1 – 0
referto
PescaraStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Sguizzato (Verona)

Pescara
20 gennaio 1988, ore 14:30
Ottavi di finale - Ritorno
Pescara2 – 6
referto
JuventusStadio Adriatico
Arbitro:  Magni (Bergamo)

Avellino
10 febbraio 1988, ore 14:30
Quarti di finale - Andata
Avellino1 – 1
referto
JuventusStadio Partenio
Arbitro:  Longhi (Roma)

Torino
2 marzo 1988, ore 15:00
Quarti di finale - Ritorno
Juventus1 – 0
referto
AvellinoStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Amendolia (Messina)

Torino
6 aprile 1988, ore 20:30
Semifinale - Andata
Torino2 – 0
referto
JuventusStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  Casarin (Milano)

Torino
20 aprile 1988, ore 20:30
Semifinale - Ritorno
Juventus2 – 1
referto
TorinoStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro:  D'Elia (Salerno)

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 1987-1988.
La Valletta
16 settembre 1987, ore 14:15
Trentaduesimi di finale - Andata
Valletta0 – 4JuventusTa' Qali Stadium
Arbitro: Inghilterra John Martin

Torino
30 settembre 1987, ore 17:30
Trentaduesimi di finale - Ritorno
Juventus3 – 0VallettaStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro: Cipro Michalakis Antoniou

Atene
21 ottobre 1987, ore 19:00
Sedicesimi di finale - Andata
Panathīnaïkos1 – 0JuventusStadio Olimpico
Arbitro: Galles Ron Bridges

Torino
4 novembre 1987, ore 20:30
Sedicesimi di finale - Ritorno
Juventus3 – 2PanathīnaïkosStadio Comunale Vittorio Pozzo
Arbitro: Francia Joël Quiniou

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dopo spareggio col Torino (0-0; 4-2 ai tiri di rigore).
  2. ^ Spettatori ed Incassi dal 1962-63 al 2000-01 (PDF), su stadiapostcards.com.
  3. ^ (EN) Attendance Statistics of Serie A – 1986-87 to 1997-98, su stadiapostcards.com.
  4. ^ Platini ricorda il passaggio sfumato all'Inter ("Io avevo dato la mia parola") e manda un messaggio all'Italia: "Grazie dell'amore e simpatia", su goal.com, 18 novembre 2010.
  5. ^ Caroli.
  6. ^ Licia Granello, Un giorno Rush farà la Juve, in la Repubblica, 27 ottobre 1987.
  7. ^ Il grande assente, in la Repubblica, 29 dicembre 1987.
  8. ^ "Lasciatemi in pace", in la Repubblica, 9 dicembre 1987.
  9. ^ Vitali.
  10. ^ Mario Sironi, 15 maggio 1988 allo stadio: la Fiorentina e l’ultima di Scirea, su juventibus.com, 12 dicembre 2015.
  11. ^ a b Maglie Juve, su tifosibianconeri.com.
  12. ^ Calzaretta, 90 anni in rosa, p. 210.
  13. ^ Durante l'intervallo, il centrocampista cesenate Dario Sanguin venne stordito da un petardo proveniente dalla tifoseria juventina e fu costretto a lasciare il terreno di gioco; al termine della sfida, la società romagnola presentò reclamo al giudice sportivo, che inflisse ai torinesi la sconfitta a tavolino per responsabilità oggettiva, cfr. 'Ma la ferita dov'è?', in la Repubblica, 24 novembre 1987.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo Caroli, Ho conosciuto la Signora. Juventus intima, Graphot, 1990.
  • Cristian Vitali, Ian Rush, in Calciobidoni - Non comprate quello straniero, Piano B Edizioni, 2010.
  • Nicola Calzaretta, I colori della vittoria, Pisa, Goalbook Edizioni, 2014, ISBN 978-88-908115-9-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]