Luigi De Agostini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi De Agostini
Luigi De Agostini.jpg
De Agostini con la maglia dell'Italia nel 1990
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174[1] cm
Peso 70[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 1995
Carriera
Giovanili
19??-19?? Udinese
Squadre di club1
1978-1981 Udinese 7 (0)
1981-1982 Trento 28 (3)
1982-1983 Catanzaro 24 (4)
1983-1986 Udinese 80 (3)
1986-1987 Verona 30 (3)
1987-1992 Juventus 146 (20)
1992-1993 Inter 31 (1)
1993-1995 Reggiana 61 (2)
Nazionale
1987-1991 Italia Italia 36 (4)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Italia 1990
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luigi De Agostini (Udine, 7 aprile 1961) è un ex calciatore italiano, di ruolo terzino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha un figlio, Michele, anche lui calciatore.[2][3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore duttile,[4][5] dotato tecnicamente e apprezzato per la sua professionalità, era un affidabile rigorista.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

De Agostini alla Juventus nella stagione 1987-1988

Debutta in Serie A con la maglia dell'Udinese il 23 marzo 1980, in Udinese-Napoli (0-0). In seguito passa al Catanzaro, poi al Verona e, nel 1987, alla Juventus per 5,5 miliardi di lire,[7] dove milita fino al 1992. Nella stagione 1989-1990, in cui offre un rendimento particolarmente alto,[4] vince una Coppa UEFA e una Coppa Italia. In Fiorentina-Juventus della Serie A 1990-1991, è lui a battere il famoso calcio di rigore che Roberto Baggio si rifiuta di calciare, sbagliandolo.[8]

Si trasferisce quindi all'Inter, per 2 miliardi di lire,[9] e nel 1993 alla Reggiana dove rimane per due annate prima di chiudere, all'età di trentaquattro anni, la carriera agonistica. Nella massima divisione italiana conta 378 partite e 33 gol.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera in nazionale coincide con la gestione del commissario tecnico Azeglio Vicini. Esordisce contro la Norvegia il 28 maggio 1987; successivamente partecipa al campionato d'Europa 1988, dov'è autore di un gol contro la Danimarca, e al Mondiale 1990, in cui si afferma come titolare dopo alcune buone prestazioni da subentrato.[4][5] Conclude la sua militanza in azzurro con 36 presenze e 4 reti, disputando l'ultima gara il 25 settembre 1991, contro la Bulgaria.

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 è stato assunto come team manager dell'Udinese,[10] lasciando poi l'incarico dopo sei mesi.[11] Nel 2009 comincia a dedicarsi all'organizzazione di campi e scuole calcio per ragazzi, diventando il responsabile tecnico per i camp del Real Madrid organizzati in Italia.[12]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28-5-1987 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
3-6-1987 Stoccolma Svezia Svezia 1 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1988 -
10-6-1987 Zurigo Italia Italia 3 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
23-9-1987 Pisa Italia Italia 1 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
14-11-1987 Napoli Italia Italia 2 – 1 Svezia Svezia Qual. Euro 1988 -
5-12-1987 Milano Italia Italia 3 – 0 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1988 1
20-2-1988 Bari Italia Italia 4 – 1 URSS URSS Amichevole -
31-3-1988 Spalato Jugoslavia Jugoslavia 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
27-4-1988 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 3 Italia Italia Amichevole 1
4-6-1988 Brescia Italia Italia 0 – 1 Galles Galles Amichevole -
10-6-1988 Düsseldorf Germania Ovest Germania Ovest 1 – 1 Italia Italia Euro 1988 - 1º turno -
14-6-1988 Francoforte sul Meno Italia Italia 1 – 0 Spagna Spagna Euro 1988 - 1º turno -
17-6-1988 Colonia Italia Italia 2 – 0 Danimarca Danimarca Euro 1988 - 1º Turno 1
22-6-1988 Stoccarda URSS URSS 2 – 0 Italia Italia Euro 1988 - Semifinale -
19-10-1988 Pescara Italia Italia 2 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
16-11-1988 Roma Italia Italia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
25-3-1989 Vienna Austria Austria 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
22-4-1989 Verona Italia Italia 1 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole -
20-9-1989 Cesena Italia Italia 4 – 0 Bulgaria Bulgaria Amichevole -
14-10-1989 Bologna Italia Italia 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
11-11-1989 Vicenza Italia Italia 1 – 0 Algeria Algeria Amichevole -
21-12-1989 Cagliari Italia Italia 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
21-2-1990 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
31-3-1990 Basilea Svizzera Svizzera 0 – 1 Italia Italia Amichevole 1
9-6-1990 Roma Italia Italia 1 – 0 Austria Austria Mondiali 1990 - 1º turno -
19-6-1990 Roma Italia Italia 2 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Mondiali 1990 - 1º turno -
25-6-1990 Roma Italia Italia 2 – 0 Uruguay Uruguay Mondiali 1990 - Ottavi -
30-6-1990 Roma Italia Italia 1 – 0 Irlanda Irlanda Mondiali 1990 - Quarti -
3-7-1990 Napoli Argentina Argentina 1 – 1 dts
(4-3 dcr)
Italia Italia Mondiali 1990 - Semif. -
7-7-1990 Bari Italia Italia 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 1990 - 3-4 Posto -
26-9/1990 Palermo Italia Italia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
17-10-1990 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1992 -
3-11-1990 Roma Italia Italia 0 – 0 URSS URSS Qual. Euro 1992 -
13-2-1991 Terni Italia Italia 0 – 0 Belgio Belgio Amichevole -
16-6-1991 Stoccolma Italia Italia 3 – 2 URSS URSS Scania Cup -
25-9-1991 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 1 Italia Italia Amichevole -
Totale Presenze (79º posto) 36 Reti 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Udinese: 1978-1979
Juventus: 1989-1990

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Udinese: 1979-1980
Juventus: 1989-1990

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma. 30 settembre 1991. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Panini, 1987-1988, p. 39.
  2. ^ Scheda anagrafica di Michele De Agostini, aic.football.it.
  3. ^ Pro Patria scatenata: tre acquisti e tre conferme, www3.varesenews.it.
  4. ^ a b c Bruno Perucca, Stasera gli azzurri che hanno battuto i ceki, in Stampa Sera, 25 giugno 1990, p. 6.
  5. ^ a b Fabio Vergnano, De Agostini, arriva la grande occasione, in Stampa Sera, 25 giugno 1990, p. 8.
  6. ^ Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: Luigi DE AGOSTINI, tuttojuve.com, 7 aprile 2016.
  7. ^ Panini, 1987-1988, p. 10.
  8. ^ Giuseppe Bagnati, Quell'antica ruggine tra Juve e Fiorentina, gazzetta.it, 22 gennaio 2009.
  9. ^ Panini, 1992-1993, p. 10.
  10. ^ Udinese: De Agostini è il nuovo team manager, ilsole24ore.com.
  11. ^ Team manager De Agostini lascia, udineseblog.it.
  12. ^ De Agostini: "Udinese? È ora di vincere qualcosa", tuttomercatoweb.com.
  13. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Luigi De Agostini, quirinale.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012.
  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 9 (1992-1993), Panini, 2 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]