Calcio di punizione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo termine rugbistico, vedi Calcio di punizione (rugby).

1leftarrow blue.svgVoce principale: Regole del gioco del calcio.

Il calcio di punizione è, nel calcio, la ripresa di gioco utilizzata dopo che è stata commessa un'infrazione con il pallone in gioco.[1][2]

La squadra in attacco - con la divisa bianca e rossa - si appresta a battere un calcio di punizione.[3]

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

La «barriera», formata da uno o più giocatori, per contrastare il calcio di punizione.[4][5]

È disciplinato dal punto 13 del regolamento.[1] Il pallone viene posto nel punto in cui è avvenuta l'infrazione, oppure (per infrazioni riguardanti l'entrata ed uscita non autorizzate dal campo o l'utilizzo reiterato di equipaggiamento non idoneo) nella zona in cui si trovava al momento dell'interruzione di gioco.[1] I calciatori avversari devono rispettare una distanza minima di 9,15 m dal pallone finché questo non è in gioco: a tal fine, l'incontro si considera ripreso quando la palla è toccata dalla squadra che beneficia del calcio piazzato.[1][4]

Se la punizione è accordata all'interno della propria area di porta, può essere battuta da qualsiasi punto del rettangolo.[1] Viceversa, un calcio di punizione accordato nell'area di porta avversaria va eseguito sulla linea della stessa - parallelamente alla linea di porta - nel punto più prossimo a quello in cui il calcio piazzato andrebbe effettivamente battuto.[6] Non è infine possibile realizzare un'autorete su calcio di punizione, contro la squadra che ha beneficiato dello stesso: qualora ciò accada, il gioco riprende con un calcio d'angolo a favore della formazione opposta.[1]

Alla squadra che subisce il calcio di punizione è consentito formare una "barriera", composta da un numero discrezionale di uomini.[4] Essi devono rispettare la distanza dal pallone e non interferire con la ripresa del gioco.[2][5]

Calcio di punizione diretto[modifica | modifica wikitesto]

È accordato quando, in campo, un calciatore titolare commette uno dei 10 falli individuati dal punto 12.[1][7] Se il fallo è commesso all'interno della propria area di rigore, viene assegnato un tiro dagli 11 metri.[1] Su calcio di punizione diretto, è possibile segnare un gol nella porta avversaria.[8]

Calcio di punizione indiretto[modifica | modifica wikitesto]

È assegnato quando, con il pallone in gioco, viene commesso uno degli altri 8 falli indicati al punto 12.[9][1] Viene altresì accordato per l'infrazione del fuorigioco, per scorrettezze compiute prima dell'esecuzione di un rigore (un calciatore, compagno di squadra del tiratore, entra in area prima che il pallone venga calciato) e per il secondo tocco da parte di uno stesso giocatore (non con le mani) dopo aver eseguito correttamente una ripresa di gioco.[1]

Per indicare l'assegnazione di un calcio di punizione indiretto, l'arbitro mantiene il braccio sollevato fin quando il pallone non viene toccato - regolarmente - da due calciatori diversi.[1] Non è consentito segnare direttamente un gol su punizione indiretta, circostanza che all'eventuale compimento comporterebbe un calcio di punizione indiretto in favore dell'altra squadra.[6][1] A differenza del calcio di punizione diretto, questo può venire eseguito anche nell'area di rigore avversaria senza che l'infrazione causi un tiro dagli 11 metri.[6][10]

A causa della regolamentazione che lo concerne, il calcio di punizione indiretto è chiamato anche "di seconda" oppure "a due".[6][2]

Infrazioni e sanzioni[modifica | modifica wikitesto]

All'esecutore del calcio di punizione non è consentito toccare il pallone una seconda volta, prima che la sfera venga toccata da un altro giocatore.[1] L'infrazione a tale regola comporta una punizione indiretta a favore degli avversari: se il secondo - e quindi irregolare - contatto con la palla avviene con le mani, l'arbitro assegna invece una punizione diretta (oppure un calcio di rigore, se il fatto avviene all'interno dell'area).[1][11] Altri tipi di irregolarità causano la ripetizione del calcio piazzato.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n Claudio Ferretti e Augusto Frasca, Enciclopedia dello Sport, Garzanti Libri, 2008, p. 1670, ISBN 9788811505228.
  2. ^ a b c d Il calcio di punizione, su rssra.it. URL consultato il 23 maggio 2018.
  3. ^ Giovanni Battista Olivero, Il calcio di punizione? È da scienziati, in La Gazzetta dello Sport, 11 luglio 2002.
  4. ^ a b c Valerio Clari, La distanza della barriera, in La Gazzetta dello Sport, 29 ottobre 2005.
  5. ^ a b La barriera innovativa: uomo sdraiato contro le punizioni rasoterra, su video.repubblica.it, 7 maggio 2014.
  6. ^ a b c d Alessandro Dinoia, Punizioni a due in area: alla riscoperta di una regola troppo spesso dimenticata, su it.eurosport.com, 2 febbraio 2016.
  7. ^ Ricadono sotto la definizione i seguenti comportamenti, avuti nei confronti di un avversario: colpire o tentare di colpirlo, sgambettarlo, caricarlo, spingerlo, saltargli addosso, trattenerlo, sputargli contro, entrare in tackle su di lui. A questi va aggiunto il tocco intenzionale del pallone con le mani.
  8. ^ Lanfredo Bindelli, Record Mihajlovic: mai 3 gol su punizione diretta, in La Gazzetta dello Sport, 14 dicembre 1998.
  9. ^ Relativamente al portiere sono sanzionati: il mantenere la palla in possesso per oltre 6", il toccare nuovamente la palla dopo essersene spossessato e prima che venga toccata da un secondo calciatore, il toccare con le mani un pallone ricevuto su retropassaggio di piede o su rimessa laterale. Gli altri falli riguardano: il gioco pericoloso, l'ostruzione nei confronti dell'avversario (senza contatto fisico), l'ostacolare il portiere al momento del rinvio e altre infrazioni (non specificate al punto 12) che comportino l'interruzione del gioco con conseguente ammonizione o espulsione del calciatore reo.
  10. ^ Nel calcio, la punizione a due in area è stata abolita?, in La Gazzetta dello Sport, 18 marzo 2000.
  11. ^ In caso di infrazione commessa dal portiere, per un calcio di punizione battuto all'interno della propria area, viene accordata una punizione indiretta.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio