Campionato europeo di calcio 1988

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato europeo 1988
Fußball-Europameisterschaft 1988
Competizione Campionato europeo di calcio
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Date 10 - 25 giugno 1988
Luogo bandiera Germania Ovest
(8 città)
Partecipanti 8 (33 alle qualificazioni)
Impianto/i 8 stadi
Risultati
Vincitore Paesi Bassi Paesi Bassi
(1º titolo)
Secondo URSS URSS
Semi-finalisti Italia Italia
Germania Ovest Germania Ovest
Statistiche
Miglior marcatore Paesi Bassi Marco van Basten (5)
Incontri disputati 15
Gol segnati 34 (2,27 per incontro)
EK voetbal in West Duitsland; Nederland tegen Ierland 1 Van Basten, Rijkaard, R. Koeman, E. Koeman, Gullit en Van Breukelen.jpg
Gli Oranje per la prima volta campioni d'Europa
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1984 1992 Right arrow.svg

Il Campionato europeo di calcio UEFA 1988 (ufficialmente de. UEFA Fußball-Europameisterschaft), noto più semplicemente come UEFA '88, fu l'ottava edizione del torneo calcistico continentale europeo per squadre nazionali maschili, organizzato dall'Union of European Football Associations (UEFA).

Fu confermata, per la terza edizione di fila, la formula inaugurata nel 1980.

Qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato europeo di calcio 1988.

Le eliminatorie si svolsero dal settembre 1986 al novembre 1987, qualificando le seguenti squadre:

Squadre qualificate
Gr. 1 Spagna Spagna Gr. 2 Italia Italia Gr. 3 URSS URSS Gr. 4 Inghilterra Inghilterra
Gr. 5 Paesi Bassi Paesi Bassi Gr. 6 Danimarca Danimarca Gr. 7 Irlanda Irlanda Germania Ovest Germania Ovest[1]

La fase eliminatoria vide la partecipazione di 32 squadre, suddivise in 7 raggruppamenti: si sarebbero qualificate le vincitrici di ogni girone. A destare sorpresa fu l'esclusione della Francia che, da campione in carica, fu superata dall'Unione Sovietica nel proprio gruppo eliminatorio.[2][3]

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

Monaco di Baviera Gelsenkirchen
Olympiastadion Parkstadion
Capienza: 69 000 Capienza: 62 000
Olympiastadion Muenchen.jpg Parkstadion 1998-09-12.jpg
Amburgo Frankfurt
Volksparkstadion Waldstadion
Capienza: 61 200 Capienza: 61 000
AOL Arena.jpg
Düsseldorf Hannover Stoccarda Colonia
Rheinstadion Niedersachsenstadion Neckarstadion Müngersdorfer Stadion
Capienza: 55 850 Capienza: 50 423 Capienza: 50 000 Capienza: 47 000
Altes Rheinstadion.jpg Gottlieb-Daimler-Stadion Stuttgart innen.JPG RheinEnergieStadion Köln 001.jpg

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Convocazioni per il campionato europeo di calcio 1988.

Per la fase finale, le rose potevano essere composte da un massimo di 20 calciatori: il termine ultimo per le convocazioni fu il 16 maggio 1988.[4][5]

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia, che dopo la fallimentare spedizione al campionato del mondo 1986 era stata affidata a Vicini, era forse la squadra che destava maggiori curiosità: l'alta componente giovanile della rosa, con il commissario tecnico che promosse gran parte degli elementi già allenati nell'Under-21, era vista allo stesso tempo sia come un punto di forza sia di debolezza, considerata l'inesperienza e la scarsa maturità del gruppo a livello internazionale.[6] Ci fu attenzione mediatica anche per i Paesi Bassi, confortati dal recente successo del PSV in Coppa dei Campioni: vari elementi della squadra di Eindhoven furono scelti per la fase finale, in aggiunta a Marco van Basten e Ruud Gullit i quali avevano da par loro vinto il titolo italiano con il Milan.[7]

Furono gli azzurri a inaugurare il torneo, pareggiando 1-1 contro i tradizionali rivali della Germania Ovest.[8] Mentre Spagna e Danimarca, tra le protagoniste della precedente edizione, non confermarono le aspettative[9] nel girone B gli Oranje si ersero a primattori, grazie anche al 4-1 sull'Inghilterra in cui van Basten segnò per tre volte.[10] Alle semifinali ebbero accesso l'Italia, i padroni di casa,[11] gli stessi olandesi e l'Unione Sovietica.[12] I tedeschi vennero battuti in rimonta dall'undici di Michels,[13] mentre i sovietici sconfissero gli azzurri confermandosi una loro «bestia nera».[14] La finale fu quindi una rivincita, essendosi olandesi e sovietici già affrontati all'esordio del girone B, ma stavolta l'esito dell'atto conclusivo fu differente, con la vittoria per 2-0 dei Paesi Bassi:[15] rimane celebre il gol del raddoppio, siglato da van Basten con un tiro al volo quasi dalla linea di fondo.[16]

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Germania Ovest Germania Ovest 5 3 2 1 0 5 1 +4
2. Italia Italia 5 3 2 1 0 4 1 +3
3. Spagna Spagna 2 3 1 0 2 3 5 −2
4. Danimarca Danimarca 0 3 0 0 3 2 7 −5
Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Düsseldorf
10 giugno 1988, ore 20:15 UTC+1
Germania Ovest Germania Ovest 1 – 1
referto
Italia Italia Rheinstadion (62 552 spett.)
Arbitro Inghilterra Hackett

Hannover
11 giugno 1988, ore 15:30 UTC+1
Danimarca Danimarca 2 – 3
referto
Spagna Spagna Niedersachsenstadion (60 366 spett.)
Arbitro Paesi Bassi Thomas

Gelsenkirchen
14 giugno 1988, ore 17:15 UTC+1
Germania Ovest Germania Ovest 2 – 0
referto
Danimarca Danimarca Parkstadion (70 000 spett.)
Arbitro Scozia Valentine

Francoforte
14 giugno 1988, ore 20:15 UTC+1
Italia Italia 1 – 0
referto
Spagna Spagna Waldstadion (47 506 spett.)
Arbitro Svezia Fredriksson

Monaco di Baviera
17 giugno 1988, ore 20:15 UTC+1
Germania Ovest Germania Ovest 2 – 0
referto
Spagna Spagna Olympiastadion (63 802 spett.)
Arbitro Francia Vautrot

Colonia
17 giugno 1988, ore 20:15 UTC+1
Italia Italia 2 – 0
referto
Danimarca Danimarca Müngersdorfer Stadion (60 500 spett.)
Arbitro Svizzera Galler

Gruppo B[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. URSS URSS 5 3 2 1 0 5 2 +3
2. Paesi Bassi Paesi Bassi 4 3 2 0 1 4 2 +2
3. Irlanda Irlanda 3 3 1 1 1 2 2 0
4. Inghilterra Inghilterra 0 3 0 0 3 2 7 −5
Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Stoccarda
12 giugno 1988, ore 15:30 UTC+1
Inghilterra Inghilterra 0 – 1
referto
Irlanda Irlanda Neckarstadion (51 373 spett.)
Arbitro Germania Est Kirschen

Colonia
12 giugno 1988, ore 20:15 UTC+1
Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1
referto
URSS URSS Müngersdorfer Stadion (54 336 spett.)
Arbitro Germania Pauly

Düsseldorf
15 giugno 1988, ore 15:30 UTC+1
Inghilterra Inghilterra 1 – 3
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Rheinstadion (63 940 spett.)
Arbitro Italia Casarin

Hannover
15 giugno 1988, ore 20:15 UTC+1
Irlanda Irlanda 1 – 1
referto
URSS URSS Niedersachsenstadion (38 808 spett.)
Arbitro Spagna Soriano Aladrén

Francoforte
18 giugno 1988, ore 15:30 UTC+1
Inghilterra Inghilterra 1 – 3
referto
URSS URSS Waldstadion (48 335 spett.)
Arbitro Portogallo Rosa dos Santos

Gelsenkirchen
18 giugno 1988, ore 15:30 UTC+1
Irlanda Irlanda 0 – 1
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Parkstadion (64 731 spett.)
Arbitro Austria Brummeier

Albero della fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

  Semifinali Finale
22 giugno - 20:15
 1B. URSS URSS 2  
 2A. Italia Italia 0  
 
25 giugno - 15:30
     URSS URSS 0
   Paesi Bassi Paesi Bassi 2
21 giugno - 20:15
 1A. Germania Ovest Germania Ovest 1
 2B. Paesi Bassi Paesi Bassi 2  

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Amburgo
21 giugno 1988, ore 20:15 UTC+1
Germania Ovest Germania Ovest 1 – 2
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Volksparkstadion (56 115 spett.)
Arbitro Romania Igna

Stoccarda
22 giugno 1988, ore 20:15 UTC+1
URSS URSS 2 – 0
referto
Italia Italia Neckarstadion (61 606 spett.)
Arbitro Belgio Ponnet

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Finale del campionato europeo di calcio 1988.
Monaco di Baviera
25 giugno 1988, ore 15:30 UTC+1
URSS URSS 0 – 2
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Olympiastadion (72 308 spett.)
Arbitro Francia Vautrot

Statistiche del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

5 reti

2 reti

1 rete

Migliori 11[modifica | modifica wikitesto]

Formazione dei migliori 11 giocatori del torneo, selezionata dalla UEFA:[17][18]

La squadra vincitrice[modifica | modifica wikitesto]

Paesi Bassi Paesi Bassi
Numero Giocatore Squadra[19]
Portieri
1 Hans van Breukelen Paesi Bassi PSV Eindhoven
16 Joop Hiele Paesi Bassi Feyenoord
Difensori
2 Adri van Tiggelen Belgio Anderlecht
3 Sjaak Troost Paesi Bassi Feyenoord
4 Ronald Koeman Paesi Bassi PSV Eindhoven
6 Berry van Aerle Paesi Bassi PSV Eindhoven
15 Wim Koevermans Paesi Bassi Fortuna Sittard
17 Frank Rijkaard Spagna Real Saragozza
18 Wilbert Suvrijn Paesi Bassi Roda Kerkrade
Centrocampisti
5 Aron Winter Paesi Bassi Ajax
7 Gerald Vanenburg Paesi Bassi PSV Eindhoven
8 Arnold Mühren Paesi Bassi Ajax
10 Ruud Gullit Italia Milan
13 Erwin Koeman Belgio K.V. Mechelen
20 Jan Wouters Paesi Bassi Ajax
Attaccanti
9 Johnny Bosman Paesi Bassi Ajax
11 John van't Schip Paesi Bassi Ajax
12 Marco van Basten Italia Milan
14 Wim Kieft Paesi Bassi PSV Eindhoven
19 Hendrie Krüzen Paesi Bassi Den Bosch
Commissario tecnico: Rinus Michels

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ammessa di diritto in qualità di nazione ospitante l'evento.
  2. ^ Gullit e Rush, gol d'oro, in la Repubblica, 30 aprile 1987, p. 19.
  3. ^ Francesco Ufficiale, L'Olanda entra nel club Europa, in la Repubblica, 10 dicembre 1987, p. 24.
  4. ^ Fabrizio Bocca, Resta a casa Salvatore..., in la Repubblica, 29 marzo 1988, p. 27.
  5. ^ Giorgio Viglino, Ancelotti nuovo Bagni (e Cravero in panchina), in La Stampa, 17 maggio 1988, p. 24.
  6. ^ Fabrizio Bocca, Operazione sorriso, in la Repubblica, 3 giugno 1988, p. 26.
  7. ^ Ammoniti: in tre rischiano lo stop, in la Repubblica, 8 giugno 1988, p. 35.
  8. ^ Bruno Perucca, Italia e Germania, tregua armata, in La Stampa, 11 giugno 1988, p. 19.
  9. ^ Gianni Mura, Spagna, la furia ritrovata, in la Repubblica, 12 giugno 1988, p. 21.
  10. ^ Giorgio Gandolfi, Il Milan silura l'Inghilterra, in La Stampa, 16 giugno 1988, p. 22.
  11. ^ Giorgio Viglino, Voeller si riscopre goleador, in La Stampa, 18 giugno 1988, p. 21.
  12. ^ In perfetto equilibrio i confronti diretti, in la Repubblica, 22 giugno 1988, p. 44.
  13. ^ Gian Piero Ormezzano, Ci hanno fatto dimenticare che era un derby «italiano», in La Stampa, 22 giugno 1988, p. 23.
  14. ^ Bruno Bernardi, Molti rimpianti e uno slogan facile: «Arrivederci al '90», in La Stampa, 25 giugno 1988, p. 19.
  15. ^ Gianni Brera, Irresistibile Olanda, in la Repubblica, 26 giugno 1988, p. 31.
  16. ^ Gianni Mura, La bella rivincita di un uomo freddo, in la Repubblica, 26 giugno 1988, p. 31.
  17. ^ Squadra del Torneo, it.uefa.com. URL consultato il 31 luglio 2012.
  18. ^ (EN) Championship squad, linguasport.com. URL consultato il 31 luglio 2012.
  19. ^ Si intende la società per cui il giocatore era tesserato al momento della convocazione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN139061842 · GND: (DE2101490-5
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio