Nazionale di calcio del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portogallo Portogallo
Stemma
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione FPF
Federação Portuguesa de Futebol
Codice FIFA POR
Soprannome Selecção das Quinas
Selezionatore Portogallo Fernando Santos
Record presenze Luís Figo (127)
Capocannoniere Cristiano Ronaldo (55)
Ranking FIFA
Esordio internazionale
Spagna Spagna 3 - 1 Portogallo Portogallo
Madrid, Spagna; 18 novembre 1921
Migliore vittoria
Portogallo Portogallo 8 - 0 Liechtenstein Liechtenstein
Lisbona, Portogallo; 18 novembre 1994
Portogallo Portogallo 8 - 0 Liechtenstein Liechtenstein
Coimbra, Portogallo; 9 giugno 1999
Portogallo Portogallo 8 - 0 Kuwait Kuwait
Leiria, Portogallo; 19 novembre 2003
Peggiore sconfitta
Portogallo Portogallo 0 - 10 Inghilterra Inghilterra
Lisbona, Portogallo; 25 maggio 1947
Campionato del mondo
Partecipazioni 6 (esordio: 1966)
Miglior risultato Terzo posto nel 1966
Campionato d'Europa
Partecipazioni 6 (esordio: 1984)
Miglior risultato Secondo posto nel 2004

La Nazionale di calcio portoghese (in portoghese Seleção Portuguesa de Futebol) è la rappresentativa calcistica del Portogallo ed è gestita dalla Federação Portuguesa de Futebol.

Nella classifica mondiale FIFA, nata nell'agosto 1993, ha ottenuto come posizione più alta il 3º posto per tre volte (l'ultima delle quali nell'aprile 2014): la posizione più bassa è stata invece il 43º posto dell'agosto 1998.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Esordio e primi anni[modifica | modifica wikitesto]

La partita d'esordio contro la Spagna, 18 novembre 1921.

L'esordio ufficiale avvenne il 18 novembre 1921, in un'amichevole persa 3-1 contro la Spagna: quella con gli spagnoli sarebbe poi divenuta una rivalità storica, tanto da essere ribattezzata "derby iberico". La prima presenza in un evento internazionale fu nel 1928, con la partecipazione al torneo olimpico di Amsterdam: il Portogallo fu eliminato nei quarti di finale dall'Egitto.

Le mancate qualificazioni ai Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni trenta agli anni sessanta, infilò una serie di fallimenti nelle qualificazioni ai campionati mondiali perdendo spesso negli spareggi. Fu infatti eliminato dalla Spagna in due occasioni (per l'accesso a Italia 1934 e a Brasile 1950), oltre che dalla Svizzera (nel 1938) e dall'Austria (nel 1954).

Le negative prestazioni si estesero anche ai campionati europei, con la squadra che nel 1960 non superò i quarti di finale e nel 1964 fu eliminata dalla Bulgaria allo spareggio.

Mondiali 1966: l'esordio e il terzo posto[modifica | modifica wikitesto]

La prima partecipazione ai Mondiali si verificò nel 1966, in Inghilterra: il Portogallo superò le qualificazioni eliminando la Cecoslovacchia, la Romania e la Turchia. Nella fase finale la squadra, trascinata dallo storico attaccante Eusébio, vinse il proprio girone (davanti all'Ungheria, alla Bulgaria e al Brasile detentore della coppa) per poi eliminare la Corea del Nord con una rimonta da 0-3 a 5-3. Il suo cammino fu interrotto nelle semifinali dall'Inghilterra, poi campione. Non sfuggì però la conquista del terzo posto, grazie alla vittoria sull'Unione Sovietica; sull'altro fronte, Eusébio fece suo il titolo di capocannoniere con nove reti.

Anni Settanta e Ottanta: periodo di anonimato[modifica | modifica wikitesto]

Il terzo posto del Mondiale inglese rimase un traguardo isolato per i successivi decenni, in cui la squadra mancò otto qualificazioni tra Europei e Mondiali: nel 1972 partecipò alla Minicopa, un torneo in Brasile, perdendo in finale contro i rivali verdeoro (l'incontro fu deciso dalla rete di Jairzinho, segnata ad un minuto dalla fine).

L'Europeo 1984 segnò il ritorno lusitano sulla scena internazionale, con il raggiungimento delle semifinali e l'eliminazione per opera della Francia. Deludente fu invece la partecipazione, due anni più tardi, ai Mondiali in Messico con l'eliminazione al primo turno (superato dall'esordiente Marocco, dall'Inghilterra e dalla Polonia che, giunta terza, beneficiò del ripescaggio).

Anni Novanta: successi a livello giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni novanta, le selezioni giovanili salirono agli onori della cronaca vincendo due Mondiali Under-20 consecutivi (1989 e 1991), un'Europeo Under-19 (1994) e tre Europei Under-17 (1989, 1995 e 1996). L'Under-21 fu finalista dell'Europeo di categoria nel 1994, perdendo contro l'Italia per il golden goal di Orlandini.

Tra le stelle di queste formazioni spiccavano Rui Costa, Fernando Couto e Luís Figo che di lì a poco avrebbero vestito la maglia della Nazionale maggiore: la quale, intanto, era arrivata ai quarti di finale dell'Europeo 1996.

La rinascita degli Anni Duemila[modifica | modifica wikitesto]

Un'immagine della tifoseria portoghese durante l'Europeo 2004, ospitato in casa.

I successi di carattere giovanile furono seguiti, nel nuovo millennio, dal riaffacciarsi della Nazionale maggiore sul palcoscenico internazionale: all'Europeo 2000 venne fermata solo in semifinale, dalla Francia.[1] Nel 2004 ospitò invece la rassegna in casa propria, giungendo per la prima volta in finale: qui perse contro la Grecia[2], cui avevo ceduto anche nell'incontro inaugurale.[3] Durante questo periodo, dal campionato locale sono emerse stelle del calibro di Cristiano Ronaldo e Deco.

Ai Mondiali 2006 confermò l'ottimo stato di forma, classificandosi quarta dopo la sconfitta contro la Germania nella finale di consolazione.[4] Sempre la Germania è stata artefice dell'eliminazione agli Europei 2008, nei quarti di finale.

I Mondiali 2010 e gli Europei 2012 hanno visto incroci con la Spagna, che in entrambi i casi ha superato il turno (rispettivamente, gli ottavi di finale e la semifinale). Al Mondiale 2014, il Portogallo è uscito nella fase a gironi.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

La divisa di gioco riprende i colori della bandiera nazionale: il rosso e il verde, cui viene aggiunto il giallo. L'attuale sponsor della Nazionale è la Nike, succeduta all'Olympic e all'Adidas.

Nei primi anni duemila, la maglia era di color vino anziché rosso: fu usata per l'Europeo 2000 e per i Mondiali 2002 e 2006. La maglia da trasferta era invece bianca, con due tipi di dettagli: blu scuro e gialli oppure verdi e rossi.

Completi[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1966 Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1966 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1984 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1986 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1996 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1996 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1998 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1998 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2000 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2000 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2002 Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2002 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2004 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2004 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2006 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2006 Fuori casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2008 Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2008 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2010 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2010 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2012 Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2012 Fuori casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2014 Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2014 Fuori casa

Partecipazioni ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Cristiano Ronaldo in maglia rosso-verde
Campionato del mondo
Edizione Risultato
1930 Non partecipante
1934 Non qualificata
1938 Non qualificata
1950 Non qualificata
1954 Non qualificata
1958 Non qualificata
1962 Non qualificata
1966 Terzo posto Bronzen medaille.svg
1970 Non qualificata
1974 Non qualificata
1978 Non qualificata
1982 Non qualificata
1986 Primo turno
1990 Non qualificata
1994 Non qualificata
1998 Non qualificata
2002 Primo turno
2006 Quarto posto
2010 Ottavi di finale
2014 Primo turno
Campionato europeo
Edizione Risultato
1960 Non qualificata
1964 Non qualificata
1968 Non qualificata
1972 Non qualificata
1976 Non qualificata
1980 Non qualificata
1984 Semifinali
1988 Non qualificata
1992 Non qualificata
1996 Quarti di finale
2000 Semifinali
2004 Secondo posto Silver medal europe.svg
2008 Quarti di finale
2012 Semifinali
Giochi olimpici[5]
Edizione Risultato
1924 Non partecipante
1928 Quarti di finale
1936 Non partecipante
1948 Non partecipante
Confederations Cup
Edizione Risultato
1992 Non invitata
1995 Non invitata
1997 Non qualificata
1999 Non qualificata
2001 Non qualificata
2003 Non qualificata
2005 Non qualificata
2009 Non qualificata
2013 Non qualificata


Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni


Statistiche dettagliate sui tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930 Uruguay Uruguay Non partecipante - - - -
1934 bandiera Italia Non qualificata - - - -
1938 Francia Francia Non qualificata - - - -
1950 Brasile Brasile Non qualificata - - - -
1954 Svizzera Svizzera Non qualificata - - - -
1958 Svezia Svezia Non qualificata - - - -
1962 Cile Cile Non qualificata - - - -
1966 Inghilterra Inghilterra Terzo posto 5 0 1 17:8
1970 Messico Messico Non qualificata - - - -
1974 bandiera Germania Ovest Non qualificata - - - -
1978 Argentina Argentina Non qualificata - - - -
1982 Spagna Spagna Non qualificata - - - -
1986 Messico Messico Primo turno 1 0 2 2:4
1990 Italia Italia Non qualificata - - - -
1994 Stati Uniti Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998 Francia Francia Non qualificata - - - -
2002 Corea del Sud Corea del Sud / Giappone Giappone Primo turno 1 0 2 6:4
2006 Germania Germania Quarto posto 4 1 2 7:5
2010 Sudafrica Sudafrica Ottavi di finale 1 2 1 7:1
2014 Brasile Brasile Primo turno 1 1 1 4:7

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1960 Francia Francia Non qualificata - - - -
1964 Spagna Spagna Non qualificata - - - -
1968 Italia Italia Non qualificata - - - -
1972 Belgio Belgio Non qualificata - - - -
1976 Jugoslavia Jugoslavia Non qualificata - - - -
1980 Italia Italia Non qualificata - - - -
1984 Francia Francia Semifinali 1 2 1 4:4
1988 bandiera Germania Ovest Non qualificata - - - -
1992 Svezia Svezia Non qualificata - - - -
1996 Inghilterra Inghilterra Quarti di finale 2 1 1 5:2
2000 Belgio Belgio / Paesi Bassi Paesi Bassi Semifinali 4 0 1 10:3
2004 Portogallo Portogallo Secondo posto 3 1 2 8:6
2008 Austria Austria / Svizzera Svizzera Quarti di finale 2 0 2 7:6
2012 Polonia Polonia / Ucraina Ucraina Semifinali 3 1 1 6:4

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1924 Parigi Non partecipante - - - -
1928 Amsterdam Quarti di finale 2 0 1 7:5
1936 Berlino Non partecipante - - - -
1948 Londra Non partecipante - - - -

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

NOTA: Per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Convocati per i mondiali FIFA 2014

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Gol Squadra
1 P Eduardo 19 settembre 1982 (31 anni) 32 -? Portogallo Braga Braga
2 D Bruno Alves 27 novembre 1981 (32 anni) 70 9 Turchia Fenerbahçe Fenerbahçe
3 D Pepe 26 febbraio 1983 (31 anni) 57 3 Spagna Real Madrid Real Madrid
4 C Miguel Veloso 11 maggio 1986 (28 anni) 43 2 Ucraina Dinamo Kiev
5 D Fábio Coentrão 11 marzo 1988 (26 anni) 43 2 Spagna Real Madrid Real Madrid
6 C William Carvalho 7 aprile 1992 (22 anni) 2 0 Portogallo Sporting Lisbona Sporting CP
7 A Cristiano Ronaldo Captain sports.svg 5 febbraio 1985 (29 anni) 110 49 Spagna Real Madrid Real Madrid
8 C João Moutinho 8 settembre 1986 (27 anni) 66 2 Francia Monaco Monaco
9 A Hugo Almeida 23 maggio 1984 (30 anni) 52 17 Turchia Besiktas Beşiktaş
10 A Vieirinha 24 gennaio 1986 (28 anni) 6 0 Germania Wolfsburg Wolfsburg
11 A Éder 22 dicembre 1987 (26 anni) 6 0 Portogallo Braga Braga
12 P Rui Patrício 15 febbraio 1988 (26 anni) 29 -31 Portogallo Sporting Lisbona Sporting CP
13 D Ricardo Costa 16 maggio 1981 (33 anni) 16 1 Spagna Valencia Valencia
14 D Luís Neto 26 maggio 1988 (26 anni) 6 0 Russia Zenit Zenit S. Pietroburgo
15 A Rafa Silva 17 maggio 1993 (21 anni) 1 0 Portogallo Braga Braga
16 C Raul Meireles 17 marzo 1983 (31 anni) 73 10 Turchia Fenerbahçe Fenerbahçe
17 C Nani 17 novembre 1986 (27 anni) 72 14 Inghilterra Manchester Utd
18 A Silvestre Varela 2 febbraio 1985 (29 anni) 29 8 Portogallo Porto Porto
19 D André Almeida 10 settembre 1990 (23 anni) 1 0 Portogallo Benfica Benfica
20 C Rúben Amorim 27 gennaio 1985 (29 anni) 10 0 Portogallo Benfica Benfica
21 D João Pereira 25 febbraio 1984 (30 anni) 34 0 Spagna Valencia Valencia
22 P Beto 1º maggio 1982 (32 anni) 6 -? Spagna Siviglia Siviglia
23 A Hélder Postiga 2 agosto 1982 (31 anni) 66 27 Spagna Deportivo Deportivo

Record individuali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della Nazionale portoghese.

Dati aggiornati al 13 giugno 2015.

Nota: in grassetto i giocatori tuttora in attività
Record presenze
# Giocatore Periodo Pres. Reti
1 Luís Figo 1991-2006 127 32
2 Cristiano Ronaldo 2003-in corso 120 55
3 Fernando Couto 1990-2004 110 8
4 Rui Costa 1993-2004 94 26
5 Pauleta 1997-2006 88 47
6 Simão Sabrosa 1998-2010 85 22
7 Nani 2006-in corso 85 15
8 João Vieira Pinto 1991-2002 81 23
9 Vítor Baía 1990-2002 80 0
10 Ricardo Carvalho 2003-in corso 80 5
Record reti
# Giocatore Periodo Reti Pres. Reti/pr.
1 Cristiano Ronaldo 2003-in corso 55 120 0,46
2 Pauleta 1997-2006 47 88 0,53
3 Eusébio 1961-1973 41 64 0,64
4 Luís Figo 1991-2006 32 127 0,25
5 Nuno Gomes 1996-2011 29 79 0,37
6 Hélder Postiga 2003-in corso 27 71 0,38
7 Rui Costa 1993-2004 26 94 0,28
8 João Vieira Pinto 1991-2002 23 81 0,28
9 Nené 1971-1984 22 66 0,33
10 Simão Sabrosa 1998-2010 22 85 0,26

Confronti con altre Nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Incontri ufficiali della Nazionale di calcio del Portogallo.

Tra gli avversari nazionali contro cui sono stati disputati almeno 10 incontri, il Portogallo presenta i seguenti saldi:

Saldo positivo[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale Giocate Vinte Nulle Perse Reti Fatte Reti Subite Differenza Ultima vittoria Ultimo pari Ultima sconfitta
Scozia Scozia 14 7 3 4 18 13 +5 20 novembre 2002 14 ottobre 1992 26 marzo 1980
Danimarca Danimarca 15 10 2 3 30 18 +12 13 ottobre 2014 5 settembre 2009 11 ottobre 2011
Lussemburgo Lussemburgo 14 12 1 1 44 7 +37 15 ottobre 2013 12 ottobre 1991 8 ottobre 1961
Irlanda del Nord Irlanda del Nord 13 4 7 2 14 13 +1 6 settembre 2013 16 ottobre 2012 29 aprile 1981
Irlanda Irlanda 12 6 2 4 15 9 +6 29 maggio 1996 2 giugno 2001 9 febbraio 2005
Paesi Bassi Paesi Bassi 12 7 4 1 15 7 +8 17 giugno 2012 14 agosto 2013 16 ottobre 1991
Romania Romania 11 5 2 4 11 9 +2 17 giugno 2000 8 settembre 1999 10 ottobre 1991
Finlandia Finlandia 10 5 4 1 14 6 +8 29 marzo 2011 21 novembre 2007 27 marzo 2002
Norvegia Norvegia 10 7 2 1 15 5 +10 4 giugno 2011 20 aprile 1994 7 settembre 2010
Ungheria Ungheria 10 7 3 0 23 7 +16 10 ottobre 2009 13 aprile 1983
Polonia Polonia 10 4 3 3 13 9 +4 10 giugno 2002 29 febbraio 2012 11 ottobre 2006
Cipro Cipro 10 9 1 0 31 6 +25 2 settembre 2011 3 settembre 2010
Malta Malta 10 9 1 0 28 5 +23 14 ottobre 2009 29 marzo 1987

Saldo neutro[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale Giocate Vinte Nulle Perse Reti Fatte Reti Subite Differenza Ultima vittoria Ultimo pari Ultima sconfitta
Belgio Belgio 16 5 6 5 19 21 –2 2 giugno 2007 23 febbraio 2000 6 settembre 1989

Saldo negativo[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale Giocate Vinte Nulle Perse Reti Fatte Reti Subite Differenza Ultima vittoria Ultimo pari Ultima sconfitta
Spagna Spagna 38 8 13 17 44 75 –31 17 novembre 2010 27 giugno 2012 29 giugno 2010
Italia Italia 25 5 2 18 22 51 –29 16 giugno 2015 31 maggio 1992 6 febbraio 2008
Inghilterra Inghilterra 22 3 10 9 25 45 –20 12 giugno 2000 1º luglio 2006 22 aprile 1998
Francia Francia 22 5 1 16 27 46 –19 26 aprile 1975 29 aprile 1928 5 luglio 2006
Svizzera Svizzera 20 6 5 9 25 30 –5 13 ottobre 1993 31 marzo 1993 15 giugno 2008
Brasile Brasile 20 4 3 13 16 39 –23 6 febbraio 2007 25 giugno 2010 19 novembre 2008
Germania Germania 18 3 5 10 16 29 –13 20 giugno 2000 6 settembre 1997 16 giugno 2014
Svezia Svezia 17 5 6 6 18 26 –8 19 novembre 2013 28 marzo 2009 14 novembre 1984
Grecia Grecia 14 4 5 5 16 18 –2 27 marzo 1996 31 maggio 2014 26 marzo 2008
Bulgaria Bulgaria 12 4 3 5 16 17 –1 11 novembre 1992 15 aprile 1981 16 dicembre 1981
Austria Austria 10 2 5 3 11 19 –8 13 novembre 1994 11 ottobre 1995 21 novembre 1979

In accordo al regolamento FIFA, gli incontri terminati ai tiri di rigore sono computati in pareggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Golden gol di Zidane La Francia in finale, La Repubblica, 28 giugno 2000. URL consultato il 24 marzo 2015.
  2. ^ Diego Antonelli, Grecia mito d'Europa, La Gazzetta dello Sport, 4 luglio 2004. URL consultato il 25 marzo 2015.
  3. ^ Nicola Apicella, Portogallo-Grecia 1-2 in La Repubblica, 12 giugno 2004. URL consultato il 24 aprile 2015.
  4. ^ Portogallo, fantasisti al potere, Il Piccolo, 1º giugno 2006. URL consultato il 21 marzo 2015.
  5. ^ Come da regolamento FIFA vengono considerate le sole edizioni comprese tra il 1908 ed il 1948 in quanto sono le uniche ad essere state disputate dalle Nazionali maggiori. Per maggiori informazioni si invita a visionare questa pagina.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]