Angelo Colombo (calciatore 1961)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Colombo
Angelo colombo milan scudetto.jpg
Colombo al Milan nella stagione 1988-1989
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177[1] cm
Peso 72[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Termine carriera 1995 - giocatore
Carriera
Giovanili
1974-1979Monza
Squadre di club1
1979-1984Monza108 (4)
1984-1985Avellino30 (6)
1985-1987Udinese51 (1)
1987-1990Milan77 (7)
1990-1992Bari26 (2)
1994-1995Marconi Stallions17 (2)
Nazionale
1988Italia Italia Olimpica7 (0)
Carriera da allenatore
????-????MilanGiovanili
2009Montebelluna
2010-2011Carpenedolo
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Angelo Colombo (Mezzago, 24 febbraio 1961) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Era un esterno destro di centrocampo, poco raffinato tecnicamente ma dalla forte predisposizione al sacrificio e al gioco di squadra, tanto da essere definito da Arrigo Sacchi, nel suo periodo milanista, «più importante di Maradona».

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Colombo in maglia rossonera nel 1988, in gol contro il Pisa.

Angelo Colombo è cresciuto calcisticamente nel Monza, alle cui giovanili approdò all'età di tredici anni. Nel 1984 fu voluto da Pierpaolo Marino all'Avellino, con cui ha esordito in Serie A il 16 settembre 1984 in Avellino-Roma (0-0). La stagione seguente passò all'Udinese e nel 1987 venne acquistato dal Milan, con cui sul finire degli anni 1980 vinse uno scudetto, due Coppe dei Campioni, una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa UEFA e una Supercoppa italiana.

Nel 1990 Colombo si trasferì al Bari, voluto da Gaetano Salvemini per rimpiazzare Angelo Carbone, acquistato proprio dai rossoneri. Nel 1992 lasciò i pugliesi e rimase inattivo per due anni, fino a quando, nel 1994, firmò per gli australiani del Marconi Stallions, con cui disputò la sua ultima stagione agonistica nel 1994-1995.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi ritirato dal calcio giocato Colombo è diventato allenatore, ricoprendo per cinque anni la carica di coordinatore del settore giovanile del Milan, di cui poi è diventato responsabile per quattro anni. Il 26 gennaio 2009 ha firmato un contratto per allenare il Montebelluna, in Serie D, subentrando a Gianfranco Borgato[2] e salvando la squadra ai play-out contro il Somma.

Nel maggio del 2010 è subentrato alla guida del Carpenedolo per i play-out della Lega Pro Seconda Divisione contro la Villacidrese,[3] terminati con la retrocessione nei dilettanti. Nella stagione seguente la squadra ha perso i play-out della Serie D 2010-2011 contro il Ponsacco, evitando tuttavia la retrocessione in Eccellenza grazie a un ripescaggio. Il 30 ottobre 2011 Colombo è stato esonerato dalla società lombarda,[4] che occupava le penultima posizione nel girone B del campionato di Serie D.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1987-1988
Milan: 1988

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1988-1989, 1989-1990
Milan: 1989
Milan: 1989

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 41.
  2. ^ Calcio Montebelluna - News gennaio 2009, su calciomontebelluna.it. URL consultato il 21 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2009).
  3. ^ Luca Canini, Carpenedolo, ora tocca a Colombo [collegamento interrotto], su bresciaoggi.it. URL consultato il 25 agosto 2010.
  4. ^ Esonerato Mister Colombo [collegamento interrotto], su accarpenedolo.it. URL consultato il 31 ottobre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]