UEFA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Union of European Football Associations (UEFA)
Logo
Logo
 
Discipline Calcio
Calcio a 5
Fondazione15 giugno 1954, Basilea, Svizzera
GiurisdizioneEuropa più Israele e Turchia
Federazioni affiliate55
ConfederazioneFIFA (dal 1954)
SedeBandiera della Svizzera Nyon
PresidenteBandiera della Slovenia Aleksander Čeferin
MottoWe care about football
Sito ufficialewww.uefa.com

La Union of European Football Associations (in francese Union des associations européennes de football, "Unione delle federazioni calcistiche europee", acronimo UEFA)[1] è una società, legalmente costituita e registrata ai sensi del codice civile svizzero nel 1954, con sede principale a Nyon, Svizzera,[2] che gestisce il calcio e il calcio a 5 in Europa.

La sua attività, fin dalla costituzione, si è sempre estesa oltre i confini dell'Europa fisica: infatti, oltre ad avere tra gli affiliati originali l'Unione Sovietica (e, a seguire, la Russia) e la Turchia, entrambi Paesi transcontinentali, vanta l'affiliazione di Cipro e Israele, geograficamente appartenenti all'Asia; dopo lo scioglimento dell'URSS, sono anche entrate a farne parte le ex repubbliche sovietiche di Armenia, Azerbaigian, Georgia ed Kazakistan.

La UEFA organizza, a livello seniores, i campionati europei maschile (dal 1960) e femminile (1984) di calcio, mentre in ambito di club organizza dal 1955 la Champions League, originariamente chiamata Coppa dei Campioni d'Europa, dal 1971 l'Europa League, originariamente Coppa UEFA, e dal 2021 la UEFA Conference League; dal 1961 al 1999, organizzò anche la Coppa delle Coppe.[3] Dal 2001, organizza la Women's Champions League, originariamente chiamata Women's Cup. Dal 2013 organizza inoltre la Youth League, competizione riservata alle squadre primavera o Under 19.

Il suo presidente è, dal 2016, lo sloveno Aleksander Čeferin.

Il vecchio logo della UEFA in uso fino al 2012

Compiti istituzionali

[modifica | modifica wikitesto]
La giurisdizione della UEFA

Una delle sei confederazioni continentali affiliate alla FIFA, la UEFA rappresenta tutte le federazioni calcistiche d'Europa (più quelle di Armenia, Azerbaigian, Cipro, Georgia, Israele, Kazakistan, Russia e Turchia).

La UEFA organizza nove competizioni ufficiali per nazionali e cinque per club.

Dal punto di vista geopolitico la federazione calcistica europea è di gran lunga la più influente e ricca. In pratica tutti i migliori calciatori del mondo giocano nelle varie serie calcistiche europee, anche per via dei migliori stipendi assicurati dai vari club continentali, soprattutto inglesi, francesi, tedeschi, italiani e spagnoli. Ai Mondiali di Russia 2018 la UEFA ha raggiunto la quota massima di 14 nazionali sulle 32 ammesse alla fase finale.

La UEFA nacque il 15 giugno 1954 a Basilea, Svizzera, per iniziativa delle federazioni calcistiche francese, belga e italiana. La sede fu Parigi fino al 1959, anno in cui la UEFA si spostò a Berna. Il primo segretario generale fu Henri Delaunay, inventore del Campionato europeo per nazioni. Dal 1995 la UEFA ha sede sempre in Svizzera,[4] ma a Nyon. All'inizio la UEFA raggruppava 25 federazioni; oggi sono 55.

In quanto rappresentante delle federazioni europee, la UEFA ha avuto parecchie frizioni con gli organi di giustizia dell'Unione europea. Le sentenze dell'Unione avverse alla UEFA più eclatanti sono state quelle sui diritti televisivi e soprattutto quella sui trasferimenti dei calciatori (la famosa sentenza Bosman), che ha costretto l'organizzazione a riformulare alcune regole per poter essere in linea con le nuove direttive europee in tema di libera circolazione.

L'attuale segretario generale ad interim della UEFA è il greco Theodore Theodoridis, in sostituzione dell'italo-svizzero Gianni Infantino, eletto nel 2016 presidente della FIFA. L'attuale presidente, dal 14 settembre 2016, è lo sloveno Aleksander Čeferin, che, dopo la breve presidenza ad interim dello spagnolo Ángel María Villar, sostituisce l'ex stella del calcio francese Michel Platini, sospeso dall'incarico in seguito alla squalifica del Comitato etico della FIFA.

Presidenti della UEFA

[modifica | modifica wikitesto]
Periodo Presidente Note
1954-1962 Bandiera della Danimarca Ebbe Schwartz
1962-1972 Bandiera della Svizzera Gustav Wiederkehr
1972-1973 Bandiera dell'Ungheria Sándor Barcs Ad interim
1973-1983 Bandiera dell'Italia Artemio Franchi
1983-1990 Bandiera della Francia Jacques Georges
1990-2007 Bandiera della Svezia Lennart Johansson
2007-2015 Bandiera della Francia Michel Platini Sospeso dal Comitato etico FIFA per sei anni.
2015-2016 Bandiera della Spagna Ángel María Villar Ad interim
dal 2016 Bandiera della Slovenia Aleksander Čeferin

Segretari generali della UEFA

[modifica | modifica wikitesto]
Periodo Segretario generale Note
Direttore generale (1989-2007)
1989-2003 Bandiera della Germania Gerhard Aigner
2003-2007 Bandiera della Svezia Lars-Christer Olsson
2007 Bandiera della Svizzera Gianni Infantino
Segretario generale (dal 2007)
2007-2009 Bandiera del Regno Unito David Taylor
2009-2016 Bandiera della Svizzera Gianni Infantino
dal 2016 Bandiera della Grecia Theodore Theodoridis Le cerimonie per i sorteggi sono presiedute dal vice segretario Bandiera dell'Italia Giorgio Marchetti

Competizioni UEFA

[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, come detto, la UEFA organizza nove competizioni per squadre nazionali e cinque per squadre di club;[5] i tornei per le squadre nazionali riguardano anche le categorie giovanili, le squadre femminili e il calcio a cinque.

Competizioni per squadre nazionali

[modifica | modifica wikitesto]
  • Campionato europeo di calcio, che ebbe inizio con le qualificazioni tra il 1958 e il 1960 e la cui fase finale si disputa negli anni pari non interessati dalla fase finale del campionato mondiale; le prime due edizioni (1960 e 1964) furono note anche come Coppa Europea per Nazioni. Le prime cinque edizioni si disputarono con la formula della finale a quattro in un Paese: la seconda e terza edizione furono vinte dal Paese ospitante (1964, Spagna, sull'URSS; 1968, Italia, sulla Jugoslavia); mentre la prima che si svolse in Francia dall'URSS che sconfisse in finale la Jugoslavia e la quarta invece in Belgio dalla Germania Ovest che batté nell'ultimo atto l'URSS. La quinta edizione si svolse in Jugoslavia nel 1976 e fu vinta dalla Cecoslovacchia (in finale sulla Germania Ovest).
    Dal 1980 il campionato vide otto squadre nella fase finale. Si disputò in Italia e lo vinse la Germania Ovest in finale sul Belgio. Nel 1984 fu la Francia, in casa, a prevalere sulla Spagna in finale. Nel 1988, in Germania Ovest, i Paesi Bassi vinsero il loro primo campionato europeo battendo in finale l'URSS. Nel 1992, in Svezia, la Danimarca fu richiamata a partecipare alla competizione (a pochi giorni dall'inizio) in sostituzione della Jugoslavia (squalificata a causa della guerra civile). In fretta venne allestita la rosa dei 22 partecipanti (i giocatori, quasi tutti in vacanza, vennero rintracciati nei luoghi di villeggiatura) e a sorpresa i danesi vinsero il torneo, battendo 2-0 in finale la Germania campione del mondo in carica.
    Dal 1996 la formula è cambiata e il campionato è stato a sedici squadre nella fase finale, fino al 2012. In quell'edizione, disputatasi in Inghilterra, la Germania batté in finale la Repubblica Ceca. Nel 2000, nella prima edizione disputatasi in due nazioni distinte (Paesi Bassi e Belgio), l'Italia si vide soffiare dalla Francia all'ultimo secondo la Coppa. L'edizione del 2004 ha visto l'exploit della Grecia, che ha vinto battendo inaspettatamente il Portogallo, squadra di casa, in finale. L'edizione del 2008 si è tenuta in Svizzera e Austria, conclusasi con la vittoria della Spagna. L'edizione del 2012 è invece svolta in Polonia e Ucraina, e ha visto in finale l'Italia contro la Spagna campione in carica euro-mondiale, che con un perentorio 4-0 si è confermata campione d'Europa, diventando la prima squadra a vincere due edizioni consecutive del torneo. Dal 2016 la fase finale della competizione è a ventiquattro squadre. L'edizione 2016, disputata in Francia, la prima con il nuovo format, è stata vinta dal Portogallo, che ha battuto 1-0 ai supplementari la Francia padrona di casa in finale. Per la nazionale portoghese è stato il primo successo nella competizione. Nel 2021, mantenendo per ragioni di marketing la denominazione Euro 2020, si è affermata l'Italia, al suo secondo successo nella manifestazione, al termine di una final four tenutasi in Inghilterra e culminata nella finale di Wembley, disputatasi l'11 luglio 2021, tra gli Azzurri e i Tre Leoni, e decisa dai calci di rigore. Curiosamente, è anche il miglior risultato di sempre, in campo europeo, della nazionale inglese.
  • UEFA Nations League: questa competizione prevede la divisione in quattro categorie delle nazionali e la qualificazione di quattro squadre della categoria maggiore alla fase finale. Questa competizione ha dato anche un'opportunità alle nazionali non qualificate normalmente ad Euro 2020 di poterlo fare con i play-off, dove hanno partecipato le 16 squadre che hanno vinto i propri gironi della competizione. La stessa situazione si verificherà per l'Europeo 2024. Il detentore del torneo è la Spagna, che ha vinto l'edizione del 2022-2023.
  • Coppa dei Campioni CONMEBOL-UEFA: competizione disputata tra i vincitori del campionato europeo e quelli della Copa América. Il detentore è l'Argentina, che ha vinto contro l'Italia l'edizione 2022.
  • Campionato europeo di calcio Under-21: si è disputato la prima volta nel 1978, vinto dalla Jugoslavia. Dal 1972 al 1976, il campionato era riservato ai giocatori delle nazionali Under-23. L'Italia ha vinto ben 5 volte questo campionato, come la Spagna. L'ultima edizione (2023) è stata vinta dall'Inghilterra.
  • Campionato europeo di calcio Under-19: si è disputato la prima volta nel 1974-1975, ed è stato vinto dall'Inghilterra. L'Italia ha vinto questo campionato cinque volte. L'ultima edizione è stata vinta dall'Italia.
  • Campionato europeo di calcio Under-17: prima edizione nel 1982, vinto dall'Italia, che riuscì a ripetersi nella stagione 1987, che però fu anche l'ultima. I detentori della coppa sono i Paesi Bassi.
  • Campionato europeo femminile di calcio: competizione prima biennale e poi quadriennale dal 1997. La prima edizione, svoltasi in Europa nel 1984, ha visto la Svezia battere l'Inghilterra in una gara andata e ritorno finita ai tiri a rigore. La Germania ha vinto 8 trofei nella storia della competizione, mentre detentrice del trofeo è l'Inghilterra stessa, che nella finale dell'edizione 2022 (che si sarebbe tra l'altro dovuta tenere nel 2021) ha battuto le tedesche.
  • UEFA Women's Nations League
  • Coppa dei Campioni CONMEBOL-UEFA (femminile): competizione disputata nel 2023 tra l'Inghilterra, vincitrice del campionato europeo, e il Brasile, che ha vinto la Copa América, e vinta dalla prima.
  • Campionato europeo femminile Under 19 di calcio: si svolge a cadenza annuale e la prima edizione, svoltasi nel 1998, ha visto il successo della Danimarca contro la Francia in una partita andata e ritorno (unica nella storia della competizione). Dall'edizione 2002 la competizione ospita le nazionali femminili under-19 e non più under-18. Detentrice del trofeo è la Spagna, al suo quinto titolo insieme alla Francia mentre i maggiori successi vanno alla Germania, che ha vinto sei volte la competizione.
  • Campionato europeo femminile Under 17 di calcio: si svolge a cadenza annuale e la prima edizione, svoltasi in Svizzera nel 2008, ha visto il successo della Germania contro la Francia; le tedesche detengono ad oggi il maggior numero di trofei (8). Detentrice del trofeo è la Francia stessa, al suo primo successo nella competizione.
  • Campionato europeo di calcio a 5: disputatosi per la prima volta nel 1996 in Spagna, ha visto una forte supremazia della Spagna che ha vinto sei edizioni su otto, compresa l'edizione 2012 in Croazia. L'Italia ha vinto questo campionato due volte nel 2003 e nel 2014.
  • Campionato europeo di calcio a 5 Under-21: l'unica edizione si è tenuta a San Pietroburgo nel 2008 e ha visto la vittoria della Russia padrona di casa, con l'Italia seconda.
  • Coppa Internazionale: disputata per sei edizioni dal 1927 al 1960, è da considerarsi il precursore dell'Europeo. Si svolgeva con la formula di un girone all'italiana con partite di andata e ritorno in casa delle squadre partecipanti. Solo l'ultima edizione, disputata nel periodo 1955/1960, fu disputata sotto l'egida della UEFA.
  • UEFA-CAF Meridian Cup: era un torneo di calcio disputato nel periodo 1997-2007 che ha caratterizzato le squadre nazionali provenienti dall'Europa e dall'Africa fra i giocatori Under-18 e faceva parte del programma di cooperazione tra la UEFA e la CAF.

Competizioni per club

[modifica | modifica wikitesto]

La Juventus, l'Ajax, il Bayern Monaco, il Chelsea[6] e il Manchester Utd sono le sole squadre ad aver vinto tutte le competizioni UEFA stagionali in vigore fino alla stagione 2020-2021 (Coppa dei Campioni/Champions League, Coppa delle Coppe e Coppa UEFA/Europa League).[7][8] La Juventus, essendo stata la prima società a centrare le tre coppe europee stagionali, ha ricevuto come riconoscimento dalla confederazione europea di calcio una Targa UEFA[9] (en. UEFA Plaque) il 12 luglio 1988 a Ginevra (Svizzera).[10][11] Inoltre la Juventus è stata, fino alla disputa della prima finale di Europa Conference League nel maggio 2022, la sola squadra ad aver vinto tutte le sei competizioni ufficiali per club, gestite dalla UEFA fino alla stagione 2020-2021.[12]

Detentori dei titoli

[modifica | modifica wikitesto]
Competizione Campione Titolo Secondo posto Edizione in corso
Club maschili
UEFA Champions League Bandiera della Spagna Real Madrid 15º Bandiera della Germania Borussia Dortmund 2023-2024
UEFA Europa League Bandiera dell'Italia Atalanta Bandiera della Germania Bayer Leverkusen 2023-2024
UEFA Europa Conference League Bandiera della Grecia Olympiacos Bandiera dell'Italia Fiorentina 2023-2024
Supercoppa UEFA Bandiera dell'Inghilterra Manchester City Bandiera della Spagna Siviglia 2023
UEFA-CONMEBOL Club Challenge Bandiera della Spagna Siviglia Bandiera dell'Ecuador Independiente del Valle 2023
UEFA Youth League Bandiera della Grecia Olympiacos Bandiera dell'Italia Milan 2023-2024
UEFA Futsal Champions League Bandiera della Spagna Palma Bandiera della Spagna Barcellona 2023-2024
Club femminili
UEFA Women's Champions League Bandiera della Spagna Barcellona Bandiera della Francia Olympique Lione 2023-2024
Nazionali maschili
Campionato europeo di calcio Bandiera dell'Italia Italia Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra 2020
UEFA Nations League Bandiera della Spagna Spagna Bandiera della Croazia Croazia 2022-2023
Coppa dei Campioni CONMEBOL-UEFA Bandiera dell'Argentina Argentina Bandiera dell'Italia Italia 2022
Campionato europeo di calcio Under-21 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Bandiera della Spagna Spagna 2023
Campionato europeo di calcio Under-19 Bandiera dell'Italia Italia Bandiera del Portogallo Portogallo 2023
Campionato europeo di calcio Under-17 Bandiera dell'Italia Italia Bandiera del Portogallo Portogallo 2024
UEFA Futsal Championship Bandiera del Portogallo Portogallo Bandiera della Russia Russia 2022
UEFA Under-19 Futsal Championship Bandiera del Portogallo Portogallo Bandiera della Spagna Spagna 2023
Nazionali femminili
Campionato europeo femminile di calcio Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Bandiera della Germania Germania 2022
Campionato europeo femminile Under 19 di calcio Bandiera della Spagna Spagna Bandiera della Germania Germania 2023
Campionato europeo femminile Under 17 di calcio Bandiera della Spagna Spagna Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra 2024
UEFA Women's Futsal Championship Bandiera della Spagna Spagna Bandiera dell'Ucraina Ucraina 2023

Federazioni aderenti alla UEFA

[modifica | modifica wikitesto]

Le Federazioni aderenti alla UEFA sono 55.

Nazione Federazione Anno di adesione Membro FIFA
Bandiera dell'Albania Albania Federata Shqiptare e Futbollit 1954 SI
Bandiera di Andorra Andorra Federació Andorrana de Futbol 1996 SI
Bandiera dell'Armenia Armenia Football Federation of Armenia 1992 SI
Bandiera dell'Austria Austria Österreichischer Fussball-Bund 1954 SI
Bandiera dell'Azerbaigian Azerbaigian Azərbaycan Futbol Federasiyaları Assosiasiyası 1994 SI
Bandiera del Belgio Belgio Union Royale Belge des Sociétés de Football Association/Koninklijke Belgische Voetbalbond 1954 SI
Bandiera della Bielorussia Bielorussia Football Federation of Belarus 1993 SI
Bandiera della Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Fudbalski Savez Bosne i Hercegovine 1998 SI
Bandiera della Bulgaria Bulgaria Bulgarski Futbolen Soius 1954 SI
Bandiera di Cipro Cipro Cyprus Football Association 1962 SI
Bandiera della Croazia Croazia Hrvatski Nogometni Savez 1993 SI
Bandiera della Danimarca Danimarca Dansk Boldspil Union 1954 SI
Bandiera dell'Estonia Estonia Eesti Jalgpalli Liit 1992 SI
Bandiera delle Fær Øer Fær Øer Fótbóltssamband Føroya 1990 SI
Bandiera della Finlandia Finlandia Suomen Palloliitto 1954 SI
Bandiera della Francia Francia Fédération Française de Football 1954 SI
Bandiera del Galles Galles The Football Association of Wales 1954 SI
Bandiera della Georgia Georgia Georgian Football Federation 1992 SI
Bandiera della Germania Germania Deutscher Fußball-Bund 1954 SI
Bandiera di Gibilterra Gibilterra Gibraltar Football Association 2013 SI
Bandiera della Grecia Grecia Hellenic Football Federation 1954 SI
Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra The Football Association 1954 SI
Bandiera dell'Irlanda Irlanda The Football Association of Ireland 1954 SI
Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del Nord The Irish Football Association 1954 SI
Bandiera dell'Islanda Islanda Knattspyrnusamband Íslands 1954 SI
Bandiera d'Israele Israele HaHitakhdut leKaduregel beYisrael 1994 SI
Bandiera dell'Italia Italia Federazione Italiana Giuoco Calcio 1954 SI
Bandiera del Kazakistan Kazakistan Football Federation of Kazakhstan 2002 SI
Bandiera del Kosovo Kosovo Federata e Futbollit e Kosovës 2016 SI
Bandiera della Lettonia Lettonia Latvijas Futbola Federācija 1992 SI
Bandiera del Liechtenstein Liechtenstein Liechtensteiner Fussballverband 1974 SI
Bandiera della Lituania Lituania Lietuvos futbolo federacija 1992 SI
Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo Fédération Luxembourgeoise de Football 1954 SI
Bandiera della Macedonia del Nord Macedonia del Nord Football Federation of North Macedonia 1994 SI
Bandiera di Malta Malta Malta Football Association 1960 SI
Bandiera della Moldavia Moldavia Federaţia Moldovenească de Fotbal 1993 SI
Bandiera del Montenegro Montenegro Fudbalski savez Crne Gore 2007 SI
Bandiera della Norvegia Norvegia Norges Fotballforbund 1954 SI
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Koninklijke Nederlandsche Voetbal Bond 1954 SI
Bandiera della Polonia Polonia Polski Związek Piłki Nożnej 1954 SI
Bandiera del Portogallo Portogallo Federação Portuguesa de Futebol 1954 SI
Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Fotbalová asociace České republiky 1954 SI
Bandiera della Romania Romania Federaţia Română de Fotbal 1954 SI
Bandiera della Russia Russia Rossijskij Futbol'nyj Sojuz 1954 SI
Bandiera di San Marino San Marino Federazione Sammarinese Giuoco Calcio 1988 SI
Bandiera della Scozia Scozia The Scottish Football Association 1954 SI
Bandiera della Serbia Serbia Fudbalski Savez Srbije[13] 1954 SI
Bandiera della Slovacchia Slovacchia Slovenský futbalový zväz 1993 SI
Bandiera della Slovenia Slovenia Nogometna zveza Slovenije 1992 SI
Bandiera della Spagna Spagna Real Federación Española de Fútbol 1954 SI
Bandiera della Svezia Svezia Svenska Fotbollförbundet 1954 SI
Bandiera della Svizzera Svizzera Associazione Svizzera di Football 1954 SI
Bandiera della Turchia Turchia Türkiye Futbol Federasyonu 1962 SI
Bandiera dell'Ucraina Ucraina Federatsija Futbolu Ukrajini 1992 SI
Bandiera dell'Ungheria Ungheria Magyar Labdarúgó Szövetség 1954 SI

NB: Lo sfondo grigio scuro indica le Federazioni che hanno aderito alla UEFA nell'anno della fondazione (1954).

Membri sospesi

[modifica | modifica wikitesto]

Tra le federazioni fondatrici nel 1954 c'erano anche le disciolte federazioni:

Nazionali partecipanti alle fasi finali dei Campionati del Mondo

[modifica | modifica wikitesto]

Questi sono i 274[15][16] arbitri a disposizione della UEFA.

Categoria Elite

[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 20 giugno 2024.

Nazione Arbitro Dal
Bandiera della Bielorussia Bielorussia Aljaksej Kul'bakoŭ 2006
Bandiera della Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Irfan Peljto 2023
Bandiera della Francia Francia Benoît Bastien 2014
Bandiera della Francia Francia François Letexier 2017
Bandiera della Francia Francia Clément Turpin 2010
Bandiera della Germania Germania Daniel Siebert 2015
Bandiera della Germania Germania Tobias Stieler 2014
Bandiera della Germania Germania Felix Zwayer 2012
Bandiera della Grecia Grecia Anastasios Sidīropoulos 2011
Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Michael Oliver 2012
Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Anthony Taylor 2013
Bandiera d'Israele Israele Orel Grinfeld 2012
Bandiera dell'Italia Italia Marco Guida 2023
Bandiera dell'Italia Italia Davide Massa 2014
Bandiera dell'Italia Italia Daniele Orsato 2010
Bandiera della Norvegia Norvegia Espen Eskås 2023
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Serdar Gözübüyük 2012
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Danny Makkelie 2011
Bandiera della Polonia Polonia Szymon Marciniak 2011
Bandiera del Portogallo Portogallo Artur Soares Dias 2010
Bandiera della Romania Romania Ovidiu Hațegan 2008
Bandiera della Romania Romania István Kovács 2010
Bandiera della Russia Russia Sergej Karasëv 2010
Bandiera della Serbia Serbia Srđan Jovanović 2015
Bandiera della Slovacchia Slovacchia Ivan Kružliak 2011
Bandiera della Slovenia Slovenia Slavko Vinčić 2010
Bandiera della Spagna Spagna Jesús Gil Manzano 2014
Bandiera della Spagna Spagna José María Sánchez Martínez 2017
Bandiera della Spagna Spagna Alejandro José Hernández Hernández 2023
Bandiera della Svezia Svezia Glenn Nyberg 2023
Bandiera della Svizzera Svizzera Sandro Schärer 2015
Bandiera della Turchia Turchia Halil Umut Meler 2017

Categoria First

[modifica | modifica wikitesto]
Nazione Arbitro Dal
Bandiera dell'Albania Albania Enea Jorgji 2012
Bandiera dell'Albania Albania Juxhin Xhaja 2023
Bandiera dell'Austria Austria Sebastian Gishamer 2023
Bandiera dell'Austria Austria Harald Lechner 2010
Bandiera dell'Austria Austria Julian Weinberger 2018
Bandiera dell'Azerbaigian Azerbaigian Əliyar Ağayev 2013
Bandiera del Belgio Belgio Erik Lambrechts 2014
Bandiera del Belgio Belgio Lawrence Visser 2017
Bandiera della Bulgaria Bulgaria Georgi Kabakov 2013
Bandiera della Croazia Croazia Igor Pajač 2023
Bandiera della Croazia Croazia Duje Strukan 2017
Bandiera della Danimarca Danimarca Jakob Kehlet 2011
Bandiera della Danimarca Danimarca Morten Krogh 2023
Bandiera dell'Estonia Estonia Kristo Tohver 2010
Bandiera della Francia Francia Jérôme Brisard 2018
Bandiera della Francia Francia Willy Dejalod 2023
Bandiera della Francia Francia Stéphanie Frappart 2009
Bandiera della Georgia Georgia Giorgi Kruashvili 2015
Bandiera della Germania Germania Sven Jablonski 2024
Bandiera della Germania Germania Harm Osmers 2020
Bandiera della Germania Germania Sascha Stegemann 2023
Bandiera della Grecia Grecia Anastasios Papapetrou 2023
Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra John Brooks 2024
Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Chris Kavanagh 2019
Bandiera d'Israele Israele Yigal Frid 2024
Bandiera dell'Italia Italia Marco Di Bello 2018
Bandiera dell'Italia Italia Maurizio Mariani 2019
Bandiera dell'Italia Italia Simone Sozza 2024
Bandiera della Lettonia Lettonia Andris Treimanis 2011
Bandiera della Lituania Lituania Manfredas Lukjančukas 2023
Bandiera della Lituania Lituania Donatas Rumšas 2016
Bandiera della Macedonia del Nord Macedonia del Nord Aleksandar Stavrev 2006
Bandiera del Montenegro Montenegro Nikola Dabanović 2009
Bandiera della Norvegia Norvegia Rohit Saggi 2023
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Allard Lindhout 2023
Bandiera della Polonia Polonia Bartosz Frankowski 2014
Bandiera della Polonia Polonia Paweł Raczkowski 2013
Bandiera della Polonia Polonia Damian Sylwestrzak 2024
Bandiera del Portogallo Portogallo Luís Miguel Branco Godinho 2024
Bandiera del Portogallo Portogallo Antonio Emanuel Carvalho Nobre 2023
Bandiera del Portogallo Portogallo João Pinheiro 2016
Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Ondrej Berka 2024
Bandiera della Romania Romania Marian Barbu 2024
Bandiera della Romania Romania Horațiu Feșnic 2015
Bandiera della Romania Romania Radu Petrescu 2009
Bandiera della Russia Russia Sergej Ivanov 2014
Bandiera della Scozia Scozia John Beaton 2012
Bandiera della Scozia Scozia Nick Walsh 2018
Bandiera della Serbia Serbia Nenad Minakovič 2024
Bandiera della Slovacchia Slovacchia Filip Glova 2016
Bandiera della Slovenia Slovenia Matej Jug 2007
Bandiera della Slovenia Slovenia Rade Obrenović 2017
Bandiera della Spagna Spagna Ricardo de Burgos Bengoetxea 2018
Bandiera della Spagna Spagna Juan Martinez Munuera 2023
Bandiera della Svezia Svezia Mohammed Al-Hakim 2015
Bandiera della Svezia Svezia Andreas Ekberg 2013
Bandiera della Svizzera Svizzera Urs Schnyder 2023
Bandiera dell'Ucraina Ucraina Mykola Balakin 2023
Bandiera dell'Ungheria Ungheria Balász Berke 2023
Bandiera dell'Ungheria Ungheria Tamás Bognár 2009

I valori UEFA

[modifica | modifica wikitesto]

Gli 11 valori UEFA sono i valori che l'UEFA si prefigge di trasmettere attraverso tutte le sue competizioni: sono undici in quanto rappresentano simbolicamente una formazione di calcio e furono presentati da Platini, allora presidente della confederazione, nel 2009.[17]

Essi sono i seguenti:

  1. Calcio in primo piano. In una qualunque scelta presa dalla UEFA, il calcio deve essere inteso come gioco, sport e fonte di spettacolo.
  2. Struttura piramidale e sussidiarietà. A livello internazionale ed europeo la UEFA, la FIFA e le altre federazioni nazionali cooperano per difendere meglio gli interessi del calcio.
  3. Unità e leadership. La UEFA prende le sue decisioni in un ambito di consenso generale tra i club e non attraverso dettami.
  4. Buon governo e autonomia. Le decisioni UEFA sono prese in modo trasparente e democratico, difendendo l'autonomia della struttura sportiva.
  5. Calcio di base e solidarietà. La UEFA si impegna a promuovere i giovani calciatori e a creare strutture in grado di garantire una crescita per i talenti in erba.
  6. Protezione dei giovani e istruzione. La UEFA garantisce un'istruzione ai giovanissimi che intraprendono questo sport e si trovano a giocare nelle più alte competizioni; si impegna inoltre a proteggerli evitando che i minorenni si trasferiscano troppo presto in altri paesi.
  7. Integrità dello sport e scommesse. Le scommesse sono una buona fonte d'entrata per il calcio, ma devono essere effettuate in un ambito di integrità sportiva.
  8. Fair play finanziario e regolarità delle competizioni. La UEFA approva e fa rispettare il fair play finanziario in modo che le competizioni siano sempre regolari dal punto di vista sportivo.
  9. Nazionali e club. La UEFA si impegna a mantenere un equilibrio tra livello di nazionale e livello di club.
  10. Rispetto. La UEFA non tollera comportamenti violenti, episodi di razzismo e doping. Il rispetto verso tutti coloro che fanno parte del mondo del calcio è fondamentale.
  11. Il modello sportivo europeo e la specificità dello sport. La UEFA si basa su un modello europeo; nelle competizioni ci saranno possibilità di promozioni o di retrocessioni, competizione aperta e principi di solidarietà.

European Club Forum

[modifica | modifica wikitesto]

L'European Club Forum (ECF) fu un'unità operativa istituita dalla UEFA nel 2002 per rafforzare i legami tra la Confederazione e i principali club delle allora 52 associazioni membro.[18] Era composto da 102 club calcistici, includendo tutte le società affiliate al G-14,[19] riuniti al fine di ottenere una tutela comune dei diritti sportivi, legali e televisivi di fronte alla FIFA, di cui undici erano eletti per il proprio comitato in virtù del ranking confederale.[20] I club che avevano vinto almeno cinque trofei in competizioni internazionali ufficiali durante il periodo d'attività dell'ECF: Real Madrid, Milan, Juventus, Liverpool, Ajax, Bayern Monaco, Inter, Barcellona, Porto, Manchester Utd, Anderlecht e Valencia erano designati membri permanenti del Forum.[21]

Nell'estate 2008 l'organismo fu fuso con il citato G-14 per creare l'European Club Association (ECA).[19]

  1. ^ Articolo 1, comma 1 dello statuto della UEFA.
  2. ^ 2003/778/CE: Decisione della Commissione, del 23 luglio 2003, relativa ad un procedimento a norma dell'articolo 81 del trattato CE e dell'articolo 53 dell'accordo SEE, su eur-lex.europa.eu, Gazzetta ufficiale n. L 291 del 08/11/2003 pag. 0025 - 0055.
  3. ^ L'edizione 1960-61 fu ufficializzata a posteriori.
  4. ^ Secondo l'articolo 1, comma 2 dello statuto, la sede della UEFA deve essere situata sempre in Svizzera.
  5. ^ (EN) Competizioni riconosciute dalla UEFA per club - ufficio stampa (pagina 23) (archivio .PDF) - www.uefa.com, 25 agosto 2006.
  6. ^ Il Chelsea si qualificò alla fase ad eliminazione diretta dell'UEFA Europa League dopo essersi classificata al terzo posto finale nella fase a gironi della Champions League 2012-2013.
  7. ^ (ES) Un dilema histórico (PDF), in El Mundo Deportivo, 23 settembre 2003.
  8. ^ (ES) El Barça, gran atracción del sorteo (PDF), in El Mundo Deportivo, 12 luglio 1992.
  9. ^ Tutto iniziò con un po' di poesia, in La Gazzetta dello Sport, 24 maggio 1997.
  10. ^ (PDF(ES) Sorteo de las competiciones europeas de fútbol: el Fram de Reykjavic, primer adversario del F.C. Barcelona en la Recop a, in La Vanguardia, 13 luglio 1988, p. 53. URL consultato il 15 novembre 2009.
  11. ^ (EN) Classic Football - Juventus F.C., su fifa.com, Fédération Internationale de Football Association. URL consultato il 22 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2012).
  12. ^ (ES) La primera final italiana (PDF), in La Vanguardia, 15 maggio 2003, p. 55. URL consultato il 15 novembre 2009.
  13. ^ All'epoca federazione della Repubblica Federale Jugoslava
  14. ^ I risultati conseguiti dalla Germania Est non vengono accreditati alla Germania né dalla FIFA né dalla UEFA, dunque la Germania Est viene considerata come una nazionale che è esistita, ma che successivamente è scomparsa. Nessuna nazionale iscritta alla FIFA e/o alla UEFA viene considerata erede della Germania Est.
  15. ^ Elenco aggiornato al gennaio 2013
  16. ^ http://www.fotball.no/Documents/PDF/2012/Dommer/All%20categories%20-%20Men%20-%202nd%20half%20of%202012-13.pdf
  17. ^ (EN) Mark Chaplin, The values of UEFA for European football's future, su uefa.com, 27 marzo 2009. URL consultato il 15 aprile 2021.
  18. ^ (EN) Green light for European Club Forum, in Union des Associations Européennes de Football, 5 giugno 2002. URL consultato il 20 luglio 2014.
  19. ^ a b (EN) The European Club Forum gives way to the European Club Association (PDF), in UEFA direct, n. 71, Union des Associations Européennes de Football, febbraio 2008, pp. 8-9.
  20. ^ (EN) Matthew Holt, UEFA, Governance, and the Control of Club Competition in European Football, vol. 2, n. 1, gennaio 2009, p. 97, ISSN 1756-8811 (WC · ACNP). URL consultato il 20 luglio 2014.
  21. ^ (EN) European Club Forum, in Union des Associations Européennes de Football. URL consultato l'11 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2007).

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN143672393 · ISNI (EN0000 0004 0391 2136 · LCCN (ENn80144992 · GND (DE2040319-7 · BNF (FRcb145035925 (data) · J9U (ENHE987007446748205171 · WorldCat Identities (ENlccn-n80144992
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio