Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Bayer 04 Leverkusen Fußball

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Bayer 04 Leverkusen
Calcio
Werkself (squadra della fabbrica),[1] Die Aspirin (le aspirine), Pillendreher (i prendipillole)[2]
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Rosso e nero
Simboli Leone
Inno Bayer 04 Leverkusen Hymne
Dati societari
Città Leverkusen
Nazione Bandiera della Germania Germania
Confederazione UEFA
Federazione DFB
Campionato Bundesliga
Fondazione 1904
Proprietario Bandiera della Germania Bayer
Presidente Bandiera della Spagna Fernando Carro
Allenatore Bandiera della Spagna Xabi Alonso
Stadio BayArena
(30 210 posti)
Sito web www.bayer04.de
Palmarès
Campionato tedesco Coppa di Germania Coppa UEFA
Titoli di Germania 1
Trofei nazionali 1 Coppe di Germania
Trofei internazionali 1 Coppe UEFA/Europa League
Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Bayer 04 Leverkusen Fußball, noto semplicemente come Bayer Leverkusen, è una società calcistica tedesca di Leverkusen, città della Renania Settentrionale-Vestfalia, militante in Bundesliga, la massima serie tedesca.

Di proprietà della multinazionale farmaceutica Bayer, il club fu fondato il 1º luglio 1904 come polisportiva dal nome Turn- und Spielverein Bayer 04 Leverkusen, la cui sezione calcistica fu creata nel 1907. Ha esordito nella Bundesliga, la massima divisione tedesca, nel 1979 e da allora vi milita ininterrottamente. Vanta nel proprio palmarès un campionato tedesco, una Coppa di Germania e una Coppa UEFA. In ambito continentale ha raggiunto in una circostanza la finale di UEFA Champions League.

Gioca le proprie partite casalinghe alla BayArena di Leverkusen, impianto da 30 210 posti.

Storia

Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Bayer 04 Leverkusen Fußball.

Il club fu fondato da alcuni impiegati dell'azienda farmaceutica Bayer il 1º luglio 1904 come polisportiva dal nome Turn- und Spielverein Bayer 04 Leverkusen, la cui sezione calcistica fu creata nel 1907. Nel 1928, in seguito a dissidi, la sezione calcistica e la sezione ginnica si separarono.

La sezione calcistica militò dalla fine degli anni venti fino ai primi anni trenta del XX secolo tra la terza e la quarta divisione tedesca, mentre nel 1936 ottenne la promozione in seconda divisione. Nel 1951 i rossoneri raggiunsero la Oberliga West, una delle massime divisioni di questo periodo. Qui si piazzarono per alcune stagioni a metà classifica ed ottennero il migliore risultato di questo periodo, il terzo posto, nella stagione 1954-1955. Ciononostante, il campionato seguente segnò il ritorno del club al secondo livello.

Ulf Kirsten, capocannoniere della Coppa delle Coppe 1993-1994 e della Coppa UEFA 1994-1995 con la maglia del Leverkusen.

Nel 1963 nacque la Bundesliga, ma il Bayer Leverkusen militò in questo periodo nella Regionalliga, il campionato di seconda divisione. Dopo aver mancato la promozione ai play-off nel 1968, nel 1973 il club retrocesse in terza divisione, per poi tornare nella neonata Zweite Bundesliga due anni dopo e ritrovare la massima serie venendo promosso nel 1979.

L'adattamento alla nuova categoria sembrò procedere lentamente: nei primi campionati il Leverkusen si mantenne lontano dal vertice e nella stagione 1981-1982, essendosi classificata al sedicesimo posto, ottenne la salvezza solo allo spareggio. Nel 1984 avvenne la riunificazione della sezione calcistica e quella ginnica, con la fondazione del TSV Bayer 04 Leverkusen e.V.

Nel 1985 venne assunto come allenatore Erich Ribbeck, che condusse la squadra al sesto posto in campionato. Questo risultato valse l'esordio del club nelle competizioni europee confederali nella stagione successiva: i tedeschi parteciparono infatti alla Coppa UEFA 1986-1987. Sesti anche nell'annata seguente, parteciparono alla Coppa UEFA, dove, eliminando squadre più quotate, raggiunsero la doppia finale, nella quale prevalsero ai tiri di rigore contro l'Espanyol.

Dopo la vittoria della coppa Ribbeck lasciò la squadra e fu sostituito dal pluridecorato allenatore olandese Rinus Michels, la cui breve gestione fu deludente. Quinto classificato nelle stagioni 1989-1990 e 1992-1993 del campionato tedesco, migliori piazzamenti di sempre fino a quel momento, il Bayer vinse la Coppa di Germania nel 1992-1993 ed esordì nella Coppa delle Coppe nell'edizione 1993-1994. Fu poi semifinalista della Coppa UEFA 1994-1995, competizione di cui fu capocannoniere il rossonero Ulf Kirsten, già migliore marcatore della Coppa delle Coppe 1993-1994.

I rossoneri ottennero per la prima volta il secondo posto finale in campionato nel 1996-1997, sotto la guida di Christoph Daum. Il risultato valse la partecipazione alla UEFA Champions League dell'edizione 1997-1998, dove il club raggiunse i quarti di finale. Nuovamente secondo in Bundesliga, nelle stagioni 1998-1999 e 1999-2000, il Bayer sfiorò la vittoria del campionato nella seconda di queste due stagioni, dilapidando un vantaggio di tre punti sul Bayern Monaco all'ultima giornata.[3]

Nella stagione 2001-2002, sotto la guida del tecnico Klaus Toppmöller, la squadra raggiunse per la prima volta la finale della UEFA Champions League, dove fu sconfitta per 2-1 dal Real Madrid. La stagione ebbe un epilogo beffardo, in quanto le aspirine avevano perso il campionato, dopo aver sperperato un vantaggio che ammontava a ben cinque punti a quattro giornate dalla fine,[4] e anche la finale di coppa nazionale.

Perse le stelle Michael Ballack e Zé Roberto, il Bayer esonerò Toppmöller nel febbraio 2003, con la squadra che stazionava pericolosamente in zona retrocessione. I rossoneri raggiunsero una sofferta salvezza nel 2002-2003, annata segnata dall'emergere di una situazione debitoria importante. Tornata a qualificarsi alla UEFA Champions League nel 2003-2004, negli anni a venire la squadra ottenne piazzamenti validi per la qualificazione alla Coppa UEFA, dove raggiunse i quarti per due volte. Sconfitta nella finale della coppa nazionale nel 2008-2009, nel 2009-2010 ottenne il titolo di campione d'inverno, ma il piazzamento finale in campionato fu fuori dalla zona UEFA Champions League. Secondo nel 2010-2011, annata del ritorno di Michael Ballack, e terzo nel 2012-2013, nel 2016-2017 il Bayer si salvò solo grazie al sedicesimo posto. Nel 2019-2020 fu raggiunta la finale di Coppa di Germania, che fu persa.

Terzo classificato in campionato nel 2021-2022, nel corso della stagione 2022-2023 il Bayer passò nelle mani del tecnico Xabi Alonso, che risollevò la squadra, portandola dai bassifondi della classifica al sesto posto finale e alle semifinali di Europa League. Nella stagione 2023-2024 il Bayer Leverkusen si è laureato campione di Germania per la prima volta, rompendo l'egemonia del Bayern Monaco che era reduce da 11 campionati vinti consecutivamente e tornando a vincere un trofeo per la prima volta dal 1993.[5]

Cronistoria

Piazzamenti a partire dal 1947:[6][7]

Cronistoria del Bayer 04 Leverkusen Fußball
  • 1904: fondazione del club
  • 1947-48 ·
  • 1948-49 ·
  • 1949-50 · 5º in 2.Oberliga West.

  • 1950-51 · 1º in 2.Oberliga West. Promosso in Oberliga West.
  • 1951-52 · 6º in Oberliga West.
  • 1952-53 · 10º in Oberliga West.
  • 1953-54 · 7º in Oberliga West.
  • 1954-55 · 3º in Oberliga West.
  • 1955-56 · 15º in Oberliga West. Retrocesso in 2.Oberliga West.
  • 1956-57 · 4º in 2.Oberliga West.
  • 1957-58 · 4º in 2.Oberliga West.
  • 1958-59 · 4º in 2.Oberliga West.
  • 1959-60 · 5º in 2.Oberliga West.

  • 1960-61 · 3º in 2.Oberliga West.
  • 1961-62 · 1º in 2.Oberliga West.
Promosso in Oberliga West.
Ammesso nel nuovo secondo livello, la Regionalliga West.
  • 1963-64 · 12º in Regionalliga West.
  • 1964-65 · 16º in Regionalliga West.
  • 1965-66 · 14º in Regionalliga West.
  • 1966-67 · 10º in Regionalliga West.
  • 1967-68 · 1º in Regionalliga West.
  • 1968-69 · 8º in Regionalliga West.
  • 1969-70 · 11º in Regionalliga West.

Salvo dopo lo spareggio con il Kickers Offenbach.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
Vince la DFB-Pokal (1º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa delle Coppe.
Semifinalista nella Coppa UEFA.
Eliminato nei quarti della Champions League.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gruppi della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.

Eliminato nella fase a gruppi della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Finalista nella Champions League.
Finalista nella DFB-Pokal.
Eliminato nella seconda fase a gruppi della Champions League.
Eliminato negli ottavi della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nei quarti della Coppa UEFA.
Eliminato nei quarti della Coppa UEFA.
Finalista nella DFB-Pokal.

Eliminato negli ottavi dell'Europa League.
Eliminato negli ottavi della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi dell'Europa League.
Eliminato negli ottavi della Champions League.
Eliminato negli ottavi della Champions League.
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Eliminato negli ottavi dell'Europa League.
Eliminato negli ottavi della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi dell'Europa League.
Finalista nella DFB-Pokal.
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Eliminato nei quarti dell'Europa League.

Eliminato nei sedicesimi dell'Europa League.
Eliminato negli ottavi della DFB-Pokal.
Eliminato nel secondo turno della DFB-Pokal.
Eliminato negli ottavi dell'Europa League
Eliminato nel primo turno della DFB-Pokal.
Fase a gironi di Champions League
Eliminato in semifinale di Europa League
  • 2023-2024 - Campione di Germania (1º titolo)
in DFB-Pokal.
in Europa League

Strutture

Stadio

Lo stesso argomento in dettaglio: BayArena.
Veduta panoramica della BayArena.

Dal 1958 il club disputa le proprie gare interne nella BayArena, che sorge a Leverkusen e che può ospitare 30 210 spettatori. Ristrutturato nel 1990 e nel 2009, l'impianto era conosciuto anche come stadio Ulrich-Haberland, per poi assumere l'attuale denominazione dal 2008.

Ha ospitato anche quattro partite del campionato mondiale di calcio femminile 2011, incluso un quarto di finale.

Allenatori e presidenti

Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Bayer 04 Leverkusen Fußball.

Tutti gli allenatori a partire dal 1948[8]:

Allenatori

Calciatori

I giocatori del Bayer Leverkusen posano prima della partita di Europa League contro il Metalist nel 2015
Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Bayer 04 Leverkusen Fußball.

Formazione del Secolo

Il 21 maggio 2004 il Bayer Leverkusen ha annunciato la Formazione del Secolo, secondo i voti via internet di oltre 4.000 tifosi, che hanno scelto i giocatori da una lista di 51 glorie antiche e recenti del club. Ecco la formazione votata:

Formazione del Secolo

Vincitori di titoli

I seguenti giocatori hanno ottenuto risultati di prestigio nel periodo di militanza nella società:

Palmarès

Statistiche e record

Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionali

Campionati nazionali

Dal dopoguerra il club ha giocato in massima divisione nell'Oberliga West soprattutto nella prima metà degli anni Cinquanta, prima di tornarvi stabilmente dalla Bundesliga 1979-1980. Qui ha ottenuto cinque secondi posti, l'ultimo dei quali nell'edizione 2010-2011, ed altrettanti terzi posti.

Dalla stagione 1949-1950 alla stagione 2023-2024 compresa, la squadra ha partecipato a:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Oberliga West 6 1951-1952 1962-1963 51
Bundesliga 45 1979-1980 2023-2024
2. Oberliga West 8 1949-1950 1961-1962 22
Regionalliga West 10 1963-1964 1972-1973
2. Fußball-Bundesliga 4 1975-1976 1978-1979
Verbandsliga Mittelrhein 2 1973-1974 1974-1975 2

Partecipazione alle coppe europee

Il Bayer Leverkusen ha vinto la Coppa UEFA 1987-1988 dopo aver battuto l'Espanyol nel doppio confronto: i tedeschi erano stati sconfitti per 3-0 in Spagna, avevano prevalso nell'incontro casalingo con identico punteggio al termine dei tempi regolamentari e supplementari e lo avevano poi vinto ai calci di rigore. Un altro risultato prestigioso raggiunto dal club è stato la disputa della finale della Champions League 2001-2002, persa per 2-1 contro il Real Madrid. Notevole anche il raggiungimento della semifinale della Coppa UEFA 1994-1995: ad avanzare è stato il Parma poi vincitore.

Alla stagione 2023-2024 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali[11]:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Coppa dei Campioni/UEFA Champions League 13 1997-1998 2022-2023
Coppa delle Coppe 1 1993-1994
Coppa UEFA/UEFA Europa League 19 1986-1987 2023-2024
Coppa Intertoto 1 1995

Statistiche individuali

Con 401 partite di Bundesliga giocate dal 1984 al 1999, Rüdiger Vollborn è il giocatore del Bayer Leverkusen con più presenze nella massima divisione tedesca. Sebbene sia stato il portiere titolare fino al 1996, è stato utilizzato solo sporadicamente fino al 1999 e poi ha concluso la sua carriera professionistica; è stato l'allenatore dei portieri del club fino al 2012. Gli altri giocatori del Bayer Leverkusen con più presenze sono Ulf Kirsten (1990-2003) con 350, Stefan Kießlin (2006-2018) con 344, Carsten Ramelow (1996-2008) con 333, Thomas Hörster (1977-1991) con 332, Simon Rolfes (2005- 2015) con 288, Gonzalo Castro (2005-2015) con 286, Bernd Schneider (1999-2009) con 263 e Jens Nowotny (1996-2006) con 230 presenze in Bundesliga.

Ulf Kirsten è il miglior marcatore del Bayer Leverkusen, avendo realizzato 181 reti durante tutta la sua militanza nel club.[11]

Statistiche di squadra

Nelle competizioni europee il Bayer Leverkusen ha ottenuto contro i georgiani della Dinamo Tbilisi la miglior vittoria in assoluto, un 6-1 nel secondo turno preliminare della UEFA Champions League 1997-1998, mentre la peggior sconfitta, un 7-1, è avvenuta contro gli spagnoli del Barcellona nel ritorno degli ottavi della UEFA Champions League 2011-2012[11].

Tifoseria

Rivalità

Tifosi del Leverkusen in trasferta a Colonia.

La più grande rivalità campanilistica è quella con il Colonia, a causa della vicinanza delle due città.[12] Nel corso degli anni vari eventi hanno contribuito all'acuirsi della rivalità: nel 1996-1997 le speranze del Leverkusen di vincere il campionato per la prima volta furono spente dalla vittoria del Colonia per 4-0; al contrario nell'annata successiva un pareggio contro il Bayer per 2-2 sancì la prima retrocessione del Colonia in seconda serie.[13]

Organico

Lo stesso argomento in dettaglio: Bayer 04 Leverkusen Fußball 2023-2024.

Rosa 2023-2024

Rosa e numerazione aggiornate al 27 gennaio 2024.

N. Ruolo Calciatore
1 Bandiera della Finlandia P Lukáš Hrádecký (capitano)
2 Bandiera della Croazia D Josip Stanišić
3 Bandiera dell'Ecuador D Piero Hincapié
4 Bandiera della Germania D Jonathan Tah
6 Bandiera della Costa d'Avorio D Odilon Kossounou
7 Bandiera della Germania C Jonas Hofmann
8 Bandiera della Germania C Robert Andrich
9 Bandiera della Spagna A Borja Iglesias
10 Bandiera della Germania C Florian Wirtz
12 Bandiera del Burkina Faso D Edmond Tapsoba
13 Bandiera del Brasile D Arthur
14 Bandiera della Rep. Ceca A Patrik Schick
17 Bandiera della Rep. Ceca P Matěj Kovář
18 Bandiera del Belgio C Noah Mbamba
N. Ruolo Calciatore
19 Bandiera della Nigeria A Nathan Tella
20 Bandiera della Spagna D Alejandro Grimaldo
21 Bandiera del Marocco C Amine Adli
22 Bandiera della Nigeria A Victor Boniface
23 Bandiera della Rep. Ceca C Adam Hložek
24 Bandiera dei Paesi Bassi D Timothy Fosu-Mensah
25 Bandiera dell'Argentina C Exequiel Palacios
30 Bandiera dei Paesi Bassi D Jeremie Frimpong
31 Bandiera del Belgio D Madi Monamay
32 Bandiera della Colombia C Gustavo Puerta
34 Bandiera della Svizzera C Granit Xhaka
36 Bandiera della Germania P Niklas Lomb
47 Bandiera della Germania C Ayman Aourir

Staff tecnico

Staff dell'area tecnica
  • Bandiera della Spagna Xabi Alonso - Allenatore
  • Bandiera dell'Argentina Sebastián Parrilla - Allenatore in seconda
  • Bandiera della Spagna Alberto Encinas - Allenatore in seconda
  • Bandiera della Germania David Thiel - Preparatore dei portieri
  • Bandiera della Germania Marcel Daum - Collaboratore tecnico
  • Bandiera del Brasile Daniel Jouvin - Preparatore atletico
  • Bandiera della Germania Schahriar Bigdeli - Preparatore atletico
  • Bandiera della Germania Hans-Peter Lehnhoff - Team manager

Bayer Giants Leverkusen

Lo stesso argomento in dettaglio: Bayer Giants Leverkusen.

La sezione cestistica, fondata nel 1961, nel settembre 2008 ha dovuto ripartire dalle serie inferiori a causa di gravi problemi finanziari. Attualmente gioca in ProA, seconda divisione del campionato tedesco. Con 14 vittorie del campionato tedesco, di cui 7 consecutive tra il 1989 e il 1996 è una delle squadre più titolate di Germania. Con 10 titoli inoltre, detiene il record di coppe di Germania vinte.

Note

  1. ^ Dario Guglielmi, I soprannomi delle squadre della Fußball-Bundesliga, su paneecalcio.com, 21 febbraio 2014. URL consultato l'11 agosto 2021 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2021).
  2. ^ (FR) #277 – Bayer Leverkusen : Pillendreher, su footnickname.wordpress.com, 17 ottobre 2020. URL consultato il 16 aprile 2024.
  3. ^ (DE) 1. Bundesliga - Spieltag / Tabelle, in www.kicker.de. URL consultato il 23 aprile 2014.
  4. ^ (DE) 1. Bundesliga - Spieltag / Tabelle, in www.kicker.de. URL consultato il 23 aprile 2014.
  5. ^ Bayer Leverkusen nella storia: per la prima volta è campione di Germania, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 15 aprile 2024.
  6. ^ (EN) Gerd Heuser, Germany - Oberliga West 1947-63, su rsssf.com, 4 novembre 2011. URL consultato il 16 aprile 2024.
  7. ^ (EN) Andreas Werner, Germany - Regionalliga West 1963-1974 (2nd level), su rsssf.com, 1º gennaio 2000. URL consultato il 16 aprile 2024.
  8. ^ Bayer Leverkusen » Storia Allenatore, su calcio.com. URL consultato il 9 maggio 2021.
  9. ^ nel 1999, 2001, 2002, 2003, 2005, 2006 e 2008 vinse il premio con altra maglia
  10. ^ nel 2007, 2008, 2009 e 2010 vinse il premio con la maglia del Manchester United
  11. ^ a b c (EN) Bayer 04 Leverkusen, in www.uefa.com. URL consultato il 31 marzo 2016.
  12. ^ Germania: Ballack multato per offese al Colonia, su rolling-balls.blogspot.com, 4 giugno 2011. URL consultato il 15 aprile 2024.
  13. ^ (DE) Marc Merten, Köln gegen Bayer – Rivalität auf allen Ebenen, su t-online.de, 10 marzo 2022. URL consultato il 16 aprile 2024.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN316878903 · LCCN (ENn80069893 · WorldCat Identities (ENlccn-n80069893
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio