Jan Heintze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jan Heintze
Jan Heintze 1987.jpg
Nazionalità Danimarca Danimarca
Altezza 170 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2003
Carriera
Giovanili
1970-1980 Tårnby
1980 KB
1981-1982 Kastrup
Squadre di club1
1982-1994 PSV 313 (6)
1994-1996 Uerdingen 05 53 (3)
1996-1999 Bayer Leverkusen 87 (5)
1999-2003 PSV 82 (1)
Nazionale
1987-2002 Danimarca Danimarca 86 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2003

Jan Heintze (Tårnby, 17 agosto 1963) è un ex calciatore danese, di ruolo difensore sinistro o centrocampista.

Cominciò è terminò la sua carriera nei Paesi Bassi, con il PSV Eindhoven. Fece parte della squadra del PSV che vinse la Coppa dei Campioni nel Coppa dei Campioni 1987-1988.

Giocò 86 gare per la Danimarca nell'arco di 15 anni, prendendo parte a quattro tornei tra Europei e Mondiali, capitanando la sua nazionale negli ultimi due anni prima del ritiro, avvenuto nel 2003.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Heintze cominciò a giocare per il Tårnby Boldklub. Ebbe una breve esperienza al KB, a fianco del futuro campione Michael Laudrup, ma presto si trasferì al Kastrup Boldklub (gennaio 1981), squadra di prima divisione. Dopo che la squadra retrocesse, il diciassettenne Heintze rimase al Kastrup per volere della madre.

Fu prelevato dal PSV nel 1982, come ala sinistra. Una volta in Olanda, arretrò in difesa, e dopo una prima stagione parca di presenze, fece suo il ruolo di terzino sinistro. Vinse sei Eredivisie e una Coppa dei Campioni con il PSV (che all'epoca includeva altri tre danesi, Frank Arnesen, Søren Lerby e Ivan Nielsen), prima dell'arrivo dell'allenatore Aad de Mos che non lo volle in squadra. Heintze andò quindi a giocare in Bundesliga, al Bayer Uerdingen, nel 1994, e quando l'Uerdingen retrocedette, nel 1996, andò al Bayer Leverkusen, guidato da Christoph Daum, allenatore con cui il Bayer giunse nei primi tre posti in classifica per tre anni di fila. Heintze ritornò al PSV, per chiudere la carriera, nel 1999, con il vecchio compagno di squadra Eric Gerets come allenatore. Vicino ai 40 anni, aiutò il giovane Wilfred Bouma ad affermarsi in squadra come nuovo difensore sinistro. Vinse altri tre campionati olandesi prima del ritiro, nel 2003.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Heintze debuttò con la Danimarca il 29 aprile 1987, in una gara di qualificazione al campionato d'Europa 1988, contro la Finlandia, vinta 1-0. Giocò tutti i tre incontri della fase finale di Euro 88, benché la Danimarca li perse tutti.

In occasione dell'ultima gara di qualificazione al campionato d'Europa 1992 contro la Jugoslavia, il 1º giugno 1991, l'allora suo club, il PSV, voleva che restasse in Olanda a giocare un importante match di campionato. Lui decise di partire con la sua Nazionale, benché fossero già eliminati. Una volta in ritiro con la Danimarca, seppe che il CT Richard Møller Nielsen non lo avrebbe fatto giocare. Dopo essersi consultato con alcuni dirigenti del PSV, che volevano ancora che rientrasse, decise di tornare in Olanda senza che Møller Nielsen lo sapesse. Di nuovo a Eindhoven, Heintze scoprì che non era schierabile nella gara del PSV dato che era previsto che avrebbe giocato con la sua Nazionale. Heintze dovette vedere il match da bordo campo, e, come punizione per aver lasciato il ritiro danese, ricevette un anno di allontanamento dalla Nazionale da parte di Møller Nielsen.

Il bando terminò poco prima di Euro 1992, e Heintze fu di nuovo convocato: un infortunio però lo tenne lontano dal campo. Così, non poté prendere parte ai vittoriosi europei, ai quali la Danimarca partecipava dopo che la Jugoslavia era stata esclusa a causa della guerra. Giocò ancora quattro gare sotto la guida di Møller Nielsen, prima di un lungo periodo in cui non venne mai chiamato.

Quando la DBU assunse come nuovo CT Bo Johansson, nel 1996, Heintze venne nuovamente convocato e poté partecipare al campionato del mondo 1998 e al campionato d'Europa 2000. Dopo il ritiro dalle gare internazionali di Peter Schmeichel nell'aprile 2001, Heintze capitanò il suo paese, guidato in panchina da Morten Olsen, al campionato del mondo 2002. In quel torneo Heintze soffrì molto il caldo, e, dopo essere stato sostituito nel secondo match, guardò gli altri due dalla panchina, prima dell'eliminazione.

Chiuse la carriera in Nazionale dopo quella competizione, a 38 anni. Continuò invece a giocare nel PSV per ancora una stagione.

Il 5 giugno 1999, nella partita di qualificazione al campionato d'Europa 2000 contro la Bielorussia, Heintze realizzò un gol direttamente da calcio d'angolo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

PSV Eindhoven: 1985-1986, 1986-1987, 1987-1988, 1988-1989, 1990-1991, 1991-1992, 1999-2000, 2000-2001, 2002-2003
PSV Eindhoven: 1987-1988, 1988-1989, 1989-1990
PSV Eindhoven: 1992, 2000, 2001
PSV Eindhoven: 1987-1988

Privato[modifica | modifica wikitesto]

Il suo trasferimento al PSV Eindhoven nel 1982, dovrebbe essere quello di emigrare nei Paesi Bassi, in quanto è stata risolta entro la fine della sua carriera in Olanda. Jan Heintze opera nella casa adottiva gestisce una società di stampa che ha fondato 22 anni, e ha avuto, a volte anche un impero che ha prodotto tra gli altri tifosi PSV Eindhoven e come uomo d'affari è stato anche uno degli sponsor del club. Così era quando non giocava volte, stare nel salotto sponsor allo stadio.[1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jan Heintze, "Tyve år på toppen" ("Venti anni al massimo"), Danimarca, 2002, ISBN 87-7714-459-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cita web[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Lars Werge, Der Sponsor auf dem Platz, Berliner Zeitung, 24 maggio 2002.