Turn- und Sportgemeinschaft 1899 Hoffenheim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TSG Hoffenheim
Calcio Football pictogram.svg
TSG Hoffenheim.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Azzurro e Bianco in diagonale.svg Azzurro · bianco
Dati societari
Città Sinsheim
Nazione Germania Germania
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Germany.svg DFB
Campionato Bundesliga
Fondazione 1899
Presidente Germania Frank Briel
Allenatore Germania Julian Nagelsmann
Stadio Wirsol Rhein-Neckar-Arena
(30 000 posti)
Sito web www.tsg-hoffenheim.de
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Turn- und Sportgemeinschaft 1899 Hoffenheim e.V., noto più semplicemente come TSG 1899 Hoffenheim, Hoffenheim , è una società calcistica tedesca di Hoffenheim, frazione di Sinsheim, nel Baden-Württemberg. Essa prende il nome dall'omonimo sobborgo cittadino, in cui si trova la sua sede. Dalla stagione 2008-2009 milita in Bundesliga, massima serie del campionato tedesco di calcio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale club nacque nel 1945, anno in cui la società di ginnastica TV Hoffenheim, fondata nel 1899, si fuse con quella di calcio FV Hoffenheim, nata nel 1921. Fino all'inizio degli anni novanta disputò le serie minori regionali, giocando per la maggior parte della sua attività in Baden-Württemberg A-Liga, la settima divisione. Nel 1996 la squadra migliorò i risultati e fu promossa in Verbandsliga Nordbaden (V).

Nel 1999 l'industriale dell'informatica Dietmar Hopp, cofondatore della SAP e in gioventù giocatore dilettante nell'Hoffenheim, investì finanziariamente nel club e già nel 2000 la squadra finì prima in Vebandsliga e fu promossa in Oberliga Baden-Württemberg (IV). Con un altro primo posto l'anno successivo fu ammessa in Regionalliga Süd (III) per la stagione 2001-02. Al primo anno in terza serie l'Hoffenheim terminò il campionato al 13º posto, ma l'anno seguente fu quinto.

Nel 2003-04 partecipò per la per prima volta alla Coppa di Germania, giungendo fino ai quarti di finale, ai quali fu eliminata dal Lubecca, compagine di seconda divisione, dopo avere eliminato Eintracht Trier, Karlsruhe e a seguire il Bayer Leverkusen, squadra di Bundesliga. Nella stessa stagione finì al quinto posto in Lega, al sesto l'anno successivo e al quarto nel 2005-06.

Nel 2006 la società avviò la costruzione di uno stadio da 30 000 posti a Sinsheim, abbandonando un progetto iniziale che lo prevedeva ad Heidelberg, inaugurato nel gennaio 2009 e battezzato Rhein-Neckar-Arena, che rimpiazzò il vecchio Dietmar Hopp stadion. Grazie all'acquisto di giocatori come Jochen Seitz e Tomislav Marić e l'allenatore Ralf Rangnick, ex Stoccarda, Hannover 96 e Schalke 04 la squadra giunse al secondo posto di Regionalliga guadagnando la promozione in seconda divisione con quattro giornate d'anticipo.

Nella stagione 2007-08, da neopromossa, si classificò seconda Zweite Liga conseguendo una storica promozione in Bundesliga. Nella prima parte della stagione 2008-09 l'Hoffenheim destò l'attenzione internazionale essendosi aggiudicata il titolo di campione d'inverno con 35 punti. In seguito, soprattutto a causa del grave infortunio occorso all'attaccante Vedad Ibišević, il rendimento della squadra calò sensibilmente, anche se la stagione fu conclusa con un settimo posto considerato più che soddisfacente.

Nella stagione successiva chiuse altresì all'11º posto con 42 punti conquistati (11 vittorie, 9 pareggi e 14 sconfitte). Il capocannoniere stagionale di squadra fu nuovamente Ibišević con 12 reti.

Nelle stagioni 2010-11 e 2011-12 l'Hoffenheim terminò di nuovo undicesimo e, nel 2012-13, si aggiudicò la salvezza e la permanenza in Bundesliga grazie a una vittoria giunta nei minuti finali dell'ultima giornata di campionato, tramite la quale riuscì a raggiungere il terzultimo posto, piazzamento valido per accedere allo spareggio salvezza contro il Kaiserslautern, poi battuto nel doppio confronto per 3-1 in casa e 2-1 in trasferta.

Nell' annata 2016-2017, la squadra di Hoffenheim riesce, a sorpresa, a raggiungere il quarto posto in classifica in Bundes Liga, valido per i preliminari della UEFA Champions League 2017-2018.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria Turn-und Sportgemeinschaft 1899 Hoffenheim
  • 1899 - Nasce il Turn-und Sportgemeinschaft 1899 Hoffenheim.
  • ...


Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Wirsol Rhein-Neckar-Arena.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni minori[modifica | modifica wikitesto]

2002, 2003, 2004, 2005
2001
2000

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Organico[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Germania P Oliver Baumann
3 Rep. Ceca D Pavel Kadeřábek
4 Bosnia ed Erzegovina D Ermin Bičakčić
8 Polonia C Eugen Polanski
12 Brasile D Danilo Soares
13 Germania C Kerem Demirbay
14 Germania A Sandro Wagner
15 Germania D Jeremy Toljan
17 Svizzera C Steven Zuber
18 Germania C Nadiem Amiri
19 Germania A Mark Uth
21 Germania D Benjamin Hübner
N. Ruolo Giocatore
22 Germania C Kevin Vogt
23 Germania A Marco Terrazzino
27 Croazia A Andrej Kramarić
28 Ungheria A Ádám Szalai
30 Germania C Philipp Ochs
32 Germania C Dennis Geiger
33 Germania P Alexander Stolz
36 Svizzera P Gregor Kobel
Austria C Florian Grillitsch
Brasile C Bruno Nazário
Germania D Kevin Akpoguma
Corea del Sud A In-Hyeok Park
Croazia A Antonio Colak

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore: Germania Julian Nagelsmann
Vice-Allenatore: Germania Frank Kaspari
Allenatore Portieri: Ungheria Zsolt Petry
Preparatore Atletico: Germania Nicklas Dietrich
Preparatore Atletico: Germania Otmar Rösch

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN134657306