Emerson Ferreira da Rosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emerson
Emerson 2005.jpg
Emerson nel 2005
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 182 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
1992 Grêmio
1993 Botafogo-SP
Squadre di club1
1994-1997 Grêmio 70 (10)
1997-2000 Bayer Leverkusen 82 (11)
2000-2004 Roma 105 (13)
2004-2006 Juventus 67 (4)
2006-2007 Real Madrid 27 (1)
2007-2009 Milan 27 (0)
2009 Santos 6 (0)
Nazionale
1995 Brasile Brasile U-20  ? (2+)
1997-2006 Brasile Brasile 73 (6)[1]
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Francia 1998
Transparent.png Confederations Cup
Argento Messico 1999
Oro Germania 2005
Coppa America calcio.svg Copa América
Oro Paraguay 1999
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 settembre 2009

Emerson Ferreira da Rosa, noto come Emerson (Pelotas, 4 aprile 1976), è un ex calciatore brasiliano con passaporto tedesco e italiano,[2] di ruolo centrocampista.

Soprannominato il "puma" per i suoi movimenti felini nel catturare la palla a centrocampo e nell'impostare rapidamente il gioco, ha maturato una grande esperienza internazionale, avendo giocato in Europa con Bayer Leverkusen, Roma, Juventus, Real Madrid e Milan oltre che con la Nazionale brasiliana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ricopriva normalmente il ruolo di centrocampista centrale e si distingueva per l'abilità nell'interdire l'azione avversaria[3] e nell'impostare il gioco.[2] Era inoltre in possesso di un efficace tiro da lontano.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Grêmio[modifica | modifica wikitesto]

Emerson ha cominciato la sua carriera professionistica nel 1994, quando ha debuttato nelle file del Grêmio. Con la squadra di Porto Alegre ha vinto la Coppa del Brasile nel 1994 e nel 1997 (rispettivamente 6 e 7 presenze), il Campionato Gaúcho nel 1995 e nel 1996 e il campionato brasiliano nel 1996, nel quale ha disputato 25 partite segnando 5 gol.

Bayer Leverkusen[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 si è trasferito in Germania, al Bayer Leverkusen. Con la squadra tedesca ha ottenuto un terzo posto nella Bundesliga 1997-1998, in cui ha esordito il 1º agosto 1997 contro lo Schalke 04, e due secondi posti nelle due stagioni seguenti, in entrambi i casi alle spalle del Bayern Monaco.

Il 13 agosto 1997 ha esordito nelle competizioni UEFA per club nella partita del turno preliminare di Champions League 1997-1998 Bayer Leverkusen-Dinamo Tbilisi (6-1).

In tre stagioni a Leverkusen Emerson ha totalizzato 108 presenze e 15 reti.

Roma[modifica | modifica wikitesto]

La Roma lo ha acquistato nell'estate del 2000 per 22 milioni di dollari.[5]

La sua esperienza a Roma non è cominciata nel migliore dei modi, dato che in allenamento si è procurato la rottura dei legamenti del ginocchio sinistro, che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per 6 mesi.[6] Alla presentazione della squadra allo Stadio Olimpico per la stagione 2000-2001, Emerson era in tribuna ad assistere all'amichevole dei suoi nuovi compagni contro l'AEK Atene (0-0) ed è scoppiato in lacrime dopo che i 70.000 tifosi presenti lo hanno acclamato all'annuncio del suo nome.[7] Ha esordito il 28 gennaio 2001 (in Roma-Napoli 3-0) e ha realizzato il suo primo gol con la maglia giallorossa l'11 febbraio 2001 in Bologna-Roma 1-2. Le sue ottime prestazioni insieme a quelle di tutta la squadra hanno portato alla vittoria dello scudetto il 17 giugno 2001[8] e della Supercoppa italiana nell'agosto seguente.

Nell'estate del 2004 ha cominciato a dare segni di insofferenza e ha deciso di seguire anche lui Fabio Capello a Torino. Sul perché della scelta di lasciare Roma, il giocatore ha risposto di avere problemi di depressione[9][10] e che il cambiamento di città avrebbe potuto giovargli.[11] Questa motivazione non è piaciuta ai tifosi romanisti che lo hanno additato come "traditore" e "mercenario".[10][12]

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

La Juventus lo ha acquistato dai capitolini nell'estate del 2004 dopo una lunga ed estenuante trattativa.[13][14]

Il suo innesto a centrocampo ha contribuito alla vittoria del campionato 2004-2005 e del campionato successivo sub-judice. A seguito dello scandalo di Calciopoli il primo titolo è stato revocato e il secondo assegnato dalla FIGC all'Inter.[15]

Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Emerson con la maglia del Real Madrid nel 2007

Nell'estate 2006, a seguito delle vicende giudiziarie che hanno visto implicata la Juventus, si è trasferito al Real Madrid con il compagno Fabio Cannavaro, firmando un contratto biennale.[16] Le sue prestazioni nella prima parte della stagione non sono state molto brillanti, tanto che, in un'intervista, Emerson avrebbe fatto intendere che non gli sarebbe dispiaciuto tornare alla Juventus.[17] Durante la seconda parte del campionato spagnolo, e in particolare negli ultimi mesi di Liga, invece, è riuscito a dimostrare il suo valore, tanto da venire schierato in diverse partite consecutive dando una mano non indifferente a centrocampo, e riuscendo a vincere il campionato.

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 agosto 2007 è passato al Milan per circa 5 milioni di euro[18][19] grazie alla mediazione di Ernesto Bronzetti,[20] dopo una trattativa laboriosa che aveva avuto il suo punto più difficile quando Ramón Calderón, presidente del club spagnolo, ad accordo già raggiunto tra il suo direttore sportivo Predrag Mijatović e Adriano Galliani, aveva disdetto tutto chiedendo 11 milioni di euro.[21] Il clamoroso dietrofront ha colto di sorpresa anche La Gazzetta dello Sport che il giorno dopo aver dato per fatto l'affare Emerson era stata costretta a scusarsi con i lettori per la gaffe in prima pagina.[22] Dal suo arrivo in rossonero Emerson ha faticato a trovare un posto nell'undici titolare di Ancelotti, anche a causa di una forma fisica non ottimale.[23] È riuscito tuttavia a disputare uno spezzone della partita di Supercoppa UEFA contro il Siviglia e della finale di Coppa del mondo per club contro il Boca Juniors, entrambe vinte. Operatosi il 13 maggio 2008 a causa di un frattura alla tibia,[24] è tornato a disposizione per l'inizio della stagione 2008-2009, giocando la prima partita di campionato a San Siro contro il Bologna (1-2). In tutto gioca col Milan 40 gare senza riuscire a segnare. L'esperienza si rivela fallimentare.

Il 21 aprile 2009 ha chiesto e ottenuto la rescissione consensuale del contratto con i rossoneri per motivi personali.[25]

Santos[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 luglio 2009 ha firmato un contratto con il Santos.[26]

Dopo aver disputato solo 6 partite, il 16 ottobre 2009 ha deciso di rescindere il contratto con il club brasiliano per potersi operare senza gravare economicamente sulla squadra.[27]

L'8 marzo 2010 ha dichiarato di aver deciso di porre fine alla sua carriera di calciatore e di aver iniziato un corso da direttore sportivo.[28]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Emerson è stato a lungo titolare della Nazionale brasiliana, con la quale ha disputato i Mondiali del 1998 e del 2006. Convocato in extremis nel '98 solo dopo la decisione del CT di rinunciare all'ultimo momento all'attaccante Romário, fu invece costretto a saltare l'edizione del 2002 (poi vinta dal Brasile) a causa dell'infortunio ad una spalla prima dell'inizio del torneo, procuratosi in allenamento facendo il portiere.[29] Emerson in quel Mondiale doveva essere il capitano del Brasile e venne sostituito da Cafu[30]; il suo posto nella rosa dei 23 venne preso da Ricardinho.

Nel 1999 ha vinto la Coppa America, disputata in Paraguay, e nel 2005 la Confederations Cup, svoltasi in Germania.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 2 settembre 2009.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1994 Brasile Grêmio A 18 2 CB 6 0 - - - - - - 24 2
1995 A 11 1 CB 1 0 - - - - - - 12 1
1996 A 25 5 CB 5 0 - - - RSA 1 0 31 5
1997 A - - CB 7 0 - - - - - - 7 0
Totale Grêmio 54 8 19 0  ?  ? 1 0 74 8
1997-1998 Germania Bayer Leverkusen BL 25 1 CG 3 0 UCL 9 4 CLG 1 0 38 5
1998-1999 BL 28 5 CG 1 0 CU 3 0 CLG 1 0 33 5
1999-2000 BL 29 5 CG 0 0 UCL+CU 6+2 0 - - - 37 5
Totale Bayer Leverkusen 82 11 4 0 20 4 2 0 108 15
2000-2001 Italia Roma A 13 3 CI 0 0 CU 1 0 - - - 14 3
2001-2002 A 28 5 CI 2 0 UCL 11 2 - - - 41 7
2002-2003 A 31 2 CI 6 3 UCL 11 1 - - - 48 6
2003-2004 A 33 3 CI 1 0 CU 8 2 - - - 42 5
Totale Roma 105 13 9 3 31 5 - - 145 21
2004-2005 Italia Juventus A 33 2 CI 0 0 UCL 11 1 - - - 44 3
2005-2006 A 34 2 CI 3 0 UCL 9 1 SI 1 0 47 3
Totale Juventus 67 4 3 0 20 2 1 0 91 6
2006-2007 Spagna Real Madrid PD 27 1 CR 0 0 UCL 6 0 - - - 33 1
2007-2008 Italia Milan A 15 0 CI 2 0 UCL 3 0 SU+Cmc 1+1 0 22 0
2008-apr. 2009 A 12 0 CI 1 0 CU 5 0 - - - 18 0
Totale Milan 27 0 3 0 8 0 2 0 40 0
lug.-ott. 2009 Brasile Santos A 6 0 - - - - - - - - - 6 0
Totale 368 37 38 3 85 11 6 0 497 51

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10/09/1997 Salvador Brasile Brasile 4 – 2 Ecuador Ecuador Amichevole 1
09/10/1997 Belém Brasile Brasile 2 – 0 Marocco Marocco Amichevole -
11/11/1997 Brasilia Brasile Brasile 3 – 0 Galles Galles Amichevole -
03/07/1998 Nantes Brasile Brasile 3 – 2 Danimarca Danimarca Mondiali 1998 - Quarti -
07/07/1998 Marsiglia Brasile Brasile 1 – 1 dts
(4-2 dcr)
Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1998 - Semifinale -
31/03/1999 Tokyo Giappone Giappone 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole 1
05/06/1999 Salvador Brasile Brasile 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
08/06/1999 Goiânia Brasile Brasile 3 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
26/06/1999 Curitiba Brasile Brasile 3 – 0 Lettonia Lettonia Amichevole -
30/06/1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 7 – 0 Venezuela Venezuela Coppa America 1999 - 1º turno 1
03/07/1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 2 – 1 Messico Messico Coppa America 1999 - 1º turno -
11/07/1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 2 – 1 Argentina Argentina Coppa America 1999 - Quarti -
14/07/1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 2 – 0 Messico Messico Coppa America 1999 - Finale - 6º titolo
18/07/1999 Asunción Brasile Brasile 3 – 0 Uruguay Uruguay Coppa America 1999 -
24/07/1999 Guadalajara Brasile Brasile 4 – 0 Germania Germania Conf. Cup 1999 - 1º turno -
28/07/1999 Guadalajara Brasile Brasile 1 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Conf. Cup 1999 - 1º turno -
01/08/1999 Guadalajara Brasile Brasile 8 – 2 Arabia Saudita Arabia Saudita Conf. Cup 1999 - Semifinale -
04/08/1999 Città del Messico Messico Messico 4 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 1999 - Finale - 2º posto
04/09/1999 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
07/09/1999 Porto Alegre Brasile Brasile 4 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
09/10/1999 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
13/11/1999 Vigo Spagna Spagna 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
23/02/2000 Bangkok Thailandia Thailandia 0 – 7 Brasile Brasile Amichevole 2
28/03/2000 Bogotá Colombia Colombia 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
23/05/2000 Cardiff Galles Galles 0 – 3 Brasile Brasile Amichevole -
27/05/2000 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
04/06/2000 Lima Perù Perù 0 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
28/06/2000 Rio de Janeiro Brasile Brasile 1 – 1 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2002 -
26/07/2000 San Paolo Brasile Brasile 3 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 -
15/08/2000 Santiago del Cile Cile Cile 3 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
03/03/2001 Pasadena Stati Uniti Stati Uniti 1 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
07/03/2001 Guadalajara Messico Messico 3 – 3 Brasile Brasile Amichevole -
28/03/2001 Quito Ecuador Ecuador 1 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
01/07/2001 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
12/07/2001 Cali Messico Messico 1 – 0 Brasile Brasile Coppa America 2001 - 1º turno -
15/07/2001 Cali Brasile Brasile 2 – 0 Perù Perù Coppa America 2001 - 1º turno -
18/07/2001 Cali Brasile Brasile 3 – 1 Paraguay Paraguay Coppa America 2001 - 1º turno -
23/07/2001 Manizales Honduras Honduras 2 – 0 Brasile Brasile Coppa America 2001 - Quarti -
07/10/2001 Curitiba Brasile Brasile 2 – 0 Cile Cile Qual. Mondiali 2002 -
07/11/2001 La Paz Bolivia Bolivia 3 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
14/11/2001 São Luís Brasile Brasile 3 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2002 -
27/03/2002 Fortaleza Brasile Brasile 1 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
17/04/2002 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
25/05/2002 Kuala Lumpur Malesia Malesia 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
21/08/2002 Fortaleza Brasile Brasile 0 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole -
12/02/2003 Canton Cina Cina 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
30/04/2003 Guadalajara Messico Messico 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
11/06/2003 Abuja Nigeria Nigeria 0 – 3 Brasile Brasile Amichevole -
19/06/2003 Saint-Denis Brasile Brasile 0 – 1 Camerun Camerun Conf. Cup 2003 - 1º turno -
21/06/2003 Lione Brasile Brasile 1 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Conf. Cup 2003 - 1º turno -
23/06/2003 Saint-Étienne Brasile Brasile 2 – 2 Turchia Turchia Conf. Cup 2003 - 1º turno -
07/09/2003 Barranquilla Colombia Colombia 1 – 2 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
10/09/2003 Manaus Brasile Brasile 1 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2006 -
12/10/2003 Leicester Giamaica Giamaica 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
16/11/2003 Lima Perù Perù 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
09/02/2005 Hong Kong Hong Kong Hong Kong 1 – 7 Brasile Brasile Amichevole -
27/03/2005 Goiânia Brasile Brasile 1 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2006 -
30/03/2005 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 1
05/06/2005 Porto Alegre Brasile Brasile 4 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2006 -
08/06/2005 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
16/06/2005 Lipsia Brasile Brasile 3 – 0 Grecia Grecia Conf. Cup 2005 - 1º turno -
19/06/2005 Hannover Messico Messico 1 – 0 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - 1º turno -
25/06/2005 Norimberga Germania Germania 2 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - Semifinale -
29/06/2005 Francoforte Brasile Brasile 4 – 1 Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - Finale - 2º titolo
17/08/2005 Spalato Croazia Croazia 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
04/09/2005 Brasilia Brasile Brasile 5 – 0 Cile Cile Qual. Mondiali 2006 -
12/10/2005 Belém Brasile Brasile 3 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2006 -
12/11/2005 Abu Dhabi Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 0 – 8 Brasile Brasile Amichevole -
01/03/2006 Mosca Russia Russia 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
04/06/2006 Ginevra Brasile Brasile 4 – 0 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole -
13/06/2006 Berlino Brasile Brasile 1 – 0 Croazia Croazia Mondiali 2006 - 1º turno -
18/06/2006 Monaco di Baviera Brasile Brasile 2 – 0 Australia Australia Mondiali 2006 - 1º turno -
27/06/2006 Dortmund Brasile Brasile 3 – 0 Ghana Ghana Mondiali 2006 - Ottavi -
Totale Presenze (24º posto) 73 Reti (63º posto) 6
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale (partite non ufficiali) ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28/04/1999 Barcellona Barcellona 600px Blue HEX-00529F Gold HEX-FFDF1A White Purple HEX-A2214B Red HEX-E1393D.svg 2 – 2 Brasile Brasile -
18/05/2002 Barcellona Catalogna Catalogna 1 – 3 Brasile Brasile -
06/09/2005 Siviglia Siviglia 600px Rosso Bianco e Rosso con pallone di Siviglia.png 1 – 1 Brasile Brasile -
30/05/2006 Basilea Brasile Brasile 8 – 0 Svizzera Lucerna XI -
Totale Presenze 4 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Grêmio: 1994, 1997
Grêmio: 1995, 1996
Grêmio: 1996
Roma: 2000-2001
Roma: 2001
Juventus: 2004-2005[31]
Real Madrid: 2006-2007

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Grêmio: 1995
Grêmio: 1996
Milan: 2007
Milan: 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 77 (6) se si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate con la Nazionale maggiore brasiliana.
  2. ^ a b Stefano Petrucci, La sfida di Emerson: voglio vincere come Falcao, Corriere della Sera, 25 gennaio 2001. URL consultato il 16 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2015).
  3. ^ Michele Weiss, Tranquilli, siamo fortissimi!, ESPN, 29 settembre 2007. URL consultato il 16 dicembre 2008.
  4. ^ (ES) Real Madrid: Emerson: "Estoy muy feliz", noticias.info, 26 luglio 2006. URL consultato il 16 dicembre 2008.
  5. ^ Emerson andrà alla Roma, Rai Sport, 30 maggio 2000. URL consultato il 3 giugno 2009.
  6. ^ Silvia Scotti, Emerson ko, fermo 6 mesi. La Roma comincia in salita, La Repubblica, 19 agosto 2000. URL consultato il 3 giugno 2009.
  7. ^ Stefano Petrucci, Emerson si emoziona e piange per i settantamila applausi alla presentazione della Roma, Corriere della Sera, 25 agosto 2000. URL consultato il 3 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2014).
  8. ^ Paolo Ciarravano, Emerson da Rosa, sport.it, 10 giugno 2004. URL consultato il 3 giugno 2009.
  9. ^ Luca Valdiserri, Emerson si scopre malato. «Depresso per la Roma», Corriere della Sera, 11 luglio 2004. URL consultato il 3 giugno 2009.
  10. ^ a b Alessandro Catapano, Il medico certifica: Emerson depresso, La Gazzetta dello Sport, 11 luglio 2004. URL consultato il 3 giugno 2009.
  11. ^ Stefano Boldrini e Luca Curino, Emerson alla Juve conto alla rovescia, La Gazzetta dello Sport, 14 luglio 2004. URL consultato il 3 giugno 2009.
  12. ^ Luca Valdiserri, Emerson si scopre malato. «Depresso per la Roma», Corriere della Sera, 11 luglio 2004. URL consultato il 3 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2014).
  13. ^ Emerson dalla Roma alla Juve, una telenovela durata due mesi, La Repubblica, 27 luglio 2004. URL consultato il 3 giugno 2009.
  14. ^ Finisce la lunga telenovela di Emerson, agronline.it, 28 luglio 2004. URL consultato il 3 giugno 2009.
  15. ^ Assegnato all'Inter lo scudetto 2005/2006 (PDF), FIGC, 26 luglio 2006. URL consultato il 3 giugno 2009.
  16. ^ Calcio. Emerson e Cannavaro al Real, Zambrotta e Thuram verso Barcellona. Trezeguet in prestito al Lione?, newscontrol.repubblica.it, 20 luglio 2006. URL consultato il 3 giugno 2009.
  17. ^ Juventus: offerti 5 milioni per Emerson, ESPN, 19 gennaio 2007. URL consultato il 3 giugno 2009.
  18. ^ Milan: preso Emerson!, La Gazzetta dello Sport, 21 luglio 2007. URL consultato il 3 giugno 2009.
  19. ^ Milan-Emerson, affare fatto. Il Napoli prende Blasi e Zalayeta, La Repubblica, 21 luglio 2007. URL consultato il 3 giugno 2009.
  20. ^ Bocci Alessandro, Milan-Emerson, affare fatto. Il Napoli prende Blasi e Zalayeta, Corriere della Sera, 21 luglio 2007. URL consultato il 3 giugno 2009.
  21. ^ Alessandro Bocci, Milan: Emerson era fatta. Calderon ha rotto l'accordo, La Gazzetta dello Sport, 17 agosto 2009. URL consultato il 4 giugno 2008.
  22. ^ Bocci Alessandro, Milan-Emerson, affare fatto. Il Napoli prende Blasi e Zalayeta, Corriere della Sera, 21 luglio 2007. URL consultato il 3 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2008).
  23. ^ Milan: Emerson pronto al rientro, calcio.com, 15 novembre 2007. URL consultato il 3 giugno 2009.
  24. ^ Puma Emerson il ritorno, acmilan.com, 1º luglio 2008. URL consultato il 2 settembre 2008.
  25. ^ A.C. Milan comunicato ufficiale[collegamento interrotto], acmilan.com, 21 aprile 2009. URL consultato il 21 aprile 2008.
  26. ^ (PT) Emerson é o mais novo jogador do Santos FC, santos.globo.com, 26 luglio 2009. URL consultato il 28 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2009).
  27. ^ (PT) Em razão de cirurgia, Emerson rescinde contrato com o Peixe, santos.globo.com, 16 ottobre 2009. URL consultato il 16 ottobre 2009.
  28. ^ Il "Puma" ha deciso, calciomercato.it, 8 marzo 2010. URL consultato il 26 settembre 2010.
  29. ^ Luca Valdiserri, Prima il capolavoro, poi Ronaldo sfida l'Italia, Corriere della Sera, 4 maggio 2002. URL consultato il 3 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2014).
  30. ^ Giancarlo Mola, Brasile bello e sprecone, vittoria grazie all'arbitro, La Repubblica, 3 giugno 2002. URL consultato il 3 giugno 2009.
  31. ^ A seguito della sentenza della Commissione di Appello Federale in merito ai fatti oggetto dello scandalo del calcio italiano del 2006, lo scudetto vinto dalla Juventus nel campionato 2004-2005 fu revocato e non più assegnato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]