Pagina principale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benvenuti su Wikipedia
L'enciclopedia libera e collaborativa
1 221 431 voci in italiano

Versione per dispositivi mobili

Clicca qui per sfogliare l'indice delle voci! Sfoglia l'indice   1rightarrow.pngConsulta il sommario   Clicca qui per navigare tra i portali tematici! Naviga tra i portali tematici

Vetrina
Vetrina
Charge of the French Cuirassiers at Waterloo.jpg

La battaglia di Waterloo (denominata inizialmente dai francesi battaglia di Mont Saint-Jean e dai prussiani battaglia di Belle-Alliance) si svolse il 18 giugno 1815 durante la guerra della Settima coalizione fra le truppe francesi guidate da Napoleone Bonaparte e gli eserciti britannico del Duca di Wellington e prussiano del feldmaresciallo Gebhard Leberecht von Blücher. Fu una delle più combattute e sanguinose battaglie delle guerre napoleoniche, nonché l'ultima battaglia di Napoleone, che segnò la sua definitiva sconfitta e il conseguente esilio a Sant'Elena. La battaglia in realtà ebbe luogo nel territorio del villaggio di Mont-Saint-Jean, situato alcuni chilometri a sud della cittadina di Waterloo, nella quale si trovava il quartier generale del Duca di Wellington.

Dopo la fuga di Napoleone dall'isola d'Elba nel marzo 1815 numerosi Stati europei si unirono in un'alleanza militare dando vita alla settima coalizione, con lo scopo di sconfiggere definitivamente l'imperatore francese. Napoleone decise di attaccare di sorpresa i due eserciti che Regno Unito e Prussia avevano raggruppato in Belgio; l'imperatore sperava di raggiungere una rapida vittoria sfruttando la scarsa coesione dei suoi avversari.

Due giorni prima di Waterloo i francesi avevano sconfitto i prussiani nella battaglia di Ligny ma Wellington, informato che Blücher era riuscito a riorganizzare il suo esercito e sembrava intenzionato a marciare in suo aiuto, prese la decisione di rischiare una battaglia contro le forze di Napoleone. Il generale britannico schierò i suoi uomini in difesa lungo la scarpata di Mont-Saint-Jean, vicino alla strada per Bruxelles, confidando nell'aiuto dei prussiani. Napoleone sferrò una serie di sanguinosi attacchi contro le linee britanniche a partire dalle ore 11:30 e nel tardo pomeriggio sembrò vicino alla vittoria, ma l'ostinata resistenza del nemico e l'arrivo in massa dei prussiani decise alla fine la battaglia a favore dei coalizzati.

Ancora oggi nei pressi di Waterloo è ricordata la grande battaglia con una serie di monumenti, ed esiste un museo dedicato al famoso scontro. L'intera zona è un parco storico.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina

Voci di qualità
Voci di qualità
John Henry Newman (by Emmeline Deane).jpg

John Henry Newman (Londra, 21 febbraio 1801 - Birmingham, 11 agosto 1890) è stato un cardinale, teologo e filosofo inglese. Cresciuto inizialmente come anglicano, Newman visse con profondo sgomento il processo di laicizzazione in cui versava la Chiesa inglese, animando così il Movimento di Oxford. Convertitosi al cattolicesimo dopo una drammatica esperienza di fede, Newman fu poi ordinato sacerdote della Chiesa cattolica, impiantando sul suolo britannico l'ordine degli oratoriani cui decise di appartenere. Elevato al cardinalato nel 1879 da Leone XIII, morì nel 1890. Considerato uno dei «padri assenti» del Concilio Vaticano II per l'influsso che il suo profondo ed originale pensiero teologico e filosofico ebbe sull'assise vaticana, Newman fu particolarmente osteggiato, da parte delle gerarchie cattoliche del suo tempo, per la decisa convinzione che anche i laici dovessero partecipare alla vita della Chiesa. Il cardinale Newman è considerato uno dei più grandi prosatori inglesi e il più autorevole apologista della fede che la Gran Bretagna abbia prodotto, e uno dei più importanti nella storia del cristianesimo. Sul piano filosofico Newman contribuì allo sviluppo della filosofia dell'azione. Per il suo spirito di tolleranza e per la sua mitezza fu, ed è, apprezzato anche in ambienti non cattolici.

Leggi la voce · Tutte le voci di qualità

Lo sapevi che...
Lo sapevi che...
Arts et Metiers Pascaline dsc03869.jpg

La pascalina (pascaline in francese) è uno strumento di calcolo precursore della moderna calcolatrice. Fu inventata nel 1642 dal matematico e filosofo francese Blaise Pascal. Lo strumento consente di addizionare e sottrarre numeri composti da un massimo di dodici cifre, operando automaticamente i riporti.

Per molti secoli si pensò che fosse la prima macchina aritmetica mai realizzata. In realtà, questo dispositivo a ruote era stato preceduto di circa vent'anni da un analogo tentativo dello scienziato tedesco Wilhelm Schickard.

La sua notorietà fu notevolmente amplificata dall'accurata descrizione che di essa diedero Diderot e d'Alembert nella Encyclopédie e che la rese punto di riferimento per la realizzazione di molte calcolatrici successive.

Leggi la voce  · Proponi un'altra voce

Ricorrenze
Ricorrenze
Freddie Mercury performing in New Haven, CT, November 1977.jpg
Freddie Mercury

Nati il 5 settembre...
Luigi XIV di Francia (1638)
Goffredo Mameli (1827)
Freddie Mercury (1946)

... e morti
Pierre Choderlos de Laclos (1803)
Cavallo Pazzo (1877)
Madre Teresa di Calcutta (1997)

In questo giorno accadde...
1939 - Allo scoppio della seconda guerra mondiale gli Stati Uniti d'America si dichiarano neutrali.
1948 - Robert Schuman diventa primo ministro di Francia.
1972 - Un commando di terroristi palestinesi irrompe nel villaggio olimpico di Monaco di Baviera, uccide due componenti della squadra israeliana e ne prende in ostaggio altri nove. L'episodio passa alla storia con il nome di massacro di Monaco.
2003 - Dino Meneghin è il primo giocatore di pallacanestro italiano a essere inserito nella Basketball Hall of Fame.

Ricorre oggi: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Bertino di Sithiu, Boris e Gleb e della beata Madre Teresa di Calcutta.

Nelle altre lingue
Nelle altre lingue

Di seguito sono elencate le 10 versioni maggiori di Wikipedia e una selezione casuale di altre edizioni con un numero minore di voci:

Le 10 maggiori (al 5 settembre 2015): English (inglese) (4.960.520+) · Svenska (svedese) (1.997.021+) · Deutsch (tedesco) (1.850.887+) · Nederlands (olandese) (1.834.381+) · Français (francese) (1.658.538+) · Winaray (waray) (1.259.257+) · Русский (russo) (1.250.816+) · Italiano (1 221 431) · Binisaya (cebuano) (1.208.913+) · Español (spagnolo) (1.198.521+)

Dal mondo di Wikipedia: Suomi (finlandese) · Slovenčina (slovacco) · Simple English (inglese semplice) · ქართული (georgiano) · Tagalog (tagalog) · Basa Sunda (sundanese) · اردو (urdu) · ગુજરાતી (gujarati) · Alemannisch (alemanno) · Føroyskt (færøese) · Gaelg (mannese) · Ilokano (ilokano) · Englisc (anglosassone o inglese antico) · Lingala (lingala) · Emiliàn e rumagnòl (emiliano-romagnolo) · ພາສາລາວ (lao) · Lia-tetun (tetum) · ᏣᎳᎩ ᎧᏬᏂᎯᏍᏗ (cherokee) · ᐃᔨᔫ ᐊᔨᒧᐎᓐ (cree)

Oltre Wikipedia
Oltre Wikipedia

Wikipedia è gestita da Wikimedia Foundation, fondazione senza fini di lucro, che supporta diversi altri progetti wiki dal contenuto libero e multilingue:

Commons-logo.svg
Commons
Risorse multimediali condivise
Wikiquote-logo.svg
Wikiquote
Raccolta di citazioni
Wiktionary-logo.svg
Wikizionario
Dizionario e lessico
Wikinews-logo.svg
Wikinotizie
Notizie a contenuto aperto
Wikispecies-logo.svg
Wikispecies
Catalogo delle specie
Wikimedia Community Logo.svg
Meta-Wiki
Progetto di coordinamento Wikimedia
Wikibooks-logo.svg
Wikibooks
Manuali e libri di testo liberi scritti ex novo
Wikisource-logo.svg
Wikisource
Opere già pubblicate e libere da copyright
Wikiversity-logo.svg
Wikiversità
Risorse e attività didattiche
Wikidata-logo.svg
Wikidata
Database di conoscenza libera
Wikivoyage-Logo-v3-icon.svg
Wikivoyage
Guida turistica mondiale

Wikipedia
Wikipedia

Wikipedia è un'enciclopedia online, collaborativa e gratuita. Disponibile in oltre 280 lingue, affronta sia gli argomenti tipici delle enciclopedie tradizionali sia quelli presenti in almanacchi, dizionari geografici e pubblicazioni specialistiche.

Wikipedia è liberamente modificabile: chiunque può contribuire alle voci esistenti o crearne di nuove. Ogni contenuto è pubblicato sotto licenza Creative Commons CC BY-SA e può pertanto essere copiato e riutilizzato adottando la medesima licenza.

Cosa posso fare?
Cosa posso fare?

Chi fa Wikipedia?
Chi fa Wikipedia?

La comunità di Wikipedia in lingua italiana è composta da 1 260 502 utenti registrati, dei quali 7 749 hanno contribuito con almeno una modifica nell'ultimo mese e 104 hanno funzioni di servizio. Gli utenti costituiscono una comunità collaborativa, in cui tutti i membri, grazie anche ai progetti tematici e ai rispettivi luoghi di discussione, coordinano i propri sforzi nella redazione delle voci.

Novità da Wikipedia
Novità da Wikipedia

Voci nuove in evidenza:

Lingue lushootseed · Chili con Linda · Peștera cu Oase

Voci sostanzialmente modificate in evidenza:

Tarrare · Torah · Alain Rolland

Sono nati i portali:

Afghanistan · Corea del Nord · Turkmenistan · Nuoto · Uzbekistan

il Wikipediano, notizie dalla comunità

Lavori in corso
Lavori in corso

Dagli altri progetti
Dagli altri progetti
Wikimedia-logo-meta.svg Traduzione della settimana da Meta-Wiki

Questa settimana la voce da tradurre è:

(versione in italiano: Vsevolod Nestajko)

Wikiquote-logo.svg Citazione del giorno da Wikiquote

Fermare la diffusione del sapere è uno strumento di controllo per il potere perché conoscere è saper leggere, interpretare, verificare di persona e non fidarsi di quello che ti dicono. La conoscenza ti fa dubitare. Soprattutto del potere. Di ogni potere.
Dario Fo

Commons-logo.svg Immagine del giorno da Commons
Museo marítimo Ósvör, Bolungarvík, Vestfirðir, Islandia, 2014-08-15, DD 066.JPG

Vista del museo marittimo Ósvör nel villaggio di Bolungarvík in Islanda. Il museo consiste di una doppia base di pesca del XIX secolo, una capanna per la salatura, una zona di essicazione del pesce e una tipica barca da pesca dell'epoca.

Wikinews-logo.svg Ultime notizie da Wikinotizie
Wikisource-logo.svg Rilettura del mese su Wikisource
Wikivoyage-Logo-v3-icon.svg Destinazione del mese su Wikivoyage

Vicenza

Vicenza banner2.jpg

Questo mese proponiamo Vicenza, città del Palladio e patrimonio dell'UNESCO.

Wikipedia non dà garanzie sulla validità dei contenuti
Il progetto è ospitato dalla Wikimedia Foundation, che non può essere ritenuta responsabile di eventuali errori contenuti in questo sito.
Ogni contributore è responsabile dei propri inserimenti.