Questa pagina è protetta dallo spostamento

Wikipedia:Pagina delle prove

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Benvenuto nella pagina delle prove (o sandbox) di Wikipedia!

Lo scopo di questa pagina è permetterti di fare degli esperimenti. Per modificarla, clicca sulla linguetta Modifica wikitesto più sopra, fai le tue prove, usa il pulsante Visualizza anteprima e quando il risultato ti soddisfa clicca sul tasto Salva la pagina. Il tuo testo non rimarrà a lungo: la pagina, infatti, viene spesso sovrascritta da altri utenti e ripulita regolarmente. Per maggiori informazioni, vedi Aiuto:Pagina delle prove.

Se vuoi fare una prova di modifica con la nuova interfaccia di modifica VisualEditor puoi utilizzare la pagina delle prove dedicata.

Se sei un utente registrato, puoi anche decidere di usare una sandbox personale.

Per favore, non inserire contenuto protetto da copyright o diffamatorio. Per esempio: non fare copia-incolla da altri siti Internet (nemmeno dal tuo sito personale!), perché, salvo poche eccezioni, è una violazione della legge.

Template:Il Cosmo

Il Cosmo è narrato nei libri del Cosmo, una serie fantasy mai stata scritta da nessuno.

Storia del Cosmo[modifica wikitesto]

L'origine del Cosmo non è conosciuta odiernamente, questo perchè le uniche tracce di storia sono quelle tramandate dagli antichi regni di Sin e Bon.

Sin e Bon[modifica wikitesto]

Sin e Bon sono due mondi gemelli, in guerra da sempre, che occupavano l'intero Cosmo. Gli ultimi giorni di Sin e Bon sono narrati nel "Libro dodecaidale", un libro che parla degli ultimi dodici giorni di Sin. Durante l'Era Sopressa, l'ultima era corrente, Sin e Bon decisero di stringere una pace, voluta dall'Ultimo Principe di Sin per fermare lo spargimento di sangue, il quale vedeva la vittoria di Bon su tutti i fronti. Le Carte degli Otto sono state redatte dall'Ultimo Principe e dal Cartografo, una figura misteriosa legata al destino dei due regni; le Carte avevano lo scopo di ripristinare l'economia di Sin e riportare la pace nel Cosmo, ma esse portarono inevitabilmente alla distruzione dei due regni, poli centrali del Cosmo.

1°Era[modifica wikitesto]

La Prima Era si sviluppa con la firma delle Carte, portando in modo ignoto alla decaduta di Sin e Bon. Il Cartografo chiamò a se un famoso artigiano, il Demiurgo, capace di modellare la materia e darle poteri infiniti. Il Cartografo richiese al Demiurgo la costruzione di otto troni, lavorati con materiali diversi tra loro, quindi l'artigiano creò il primo prototipo con le lastre di Sin e le lastre di Bon, noto con il tempo "Nono Trono". Il Demiurgo creò gli otto troni sul Piano di Fulcro, un luogo distante dal centro del Cosmo. I primi quattro troni furono i quattro elementi (fuoco,acqua,terra,fuoco): il trono ligneo, il trono di marmo, il trono d'ossidiana e il trono di sale. Dopo la completazione degli Otto Troni, il Cartografo decise di riscrivere le Carte di Sin, trasformandole nelle Carte degli Otto, una costituzione di regole per fermare le guerre passate. L'Ultimo Principe affidò due troni (il trono di sale e quello d'ossidiana) ai suoi due nipoti: Ason I prese quello d'ossidiana, Soan I prese quello del sale.

Ason II e Soan II iniziarono i primi scontri tra le loro stirpi, scatenando le ire degli altri detentori, i quali si rivolsero al Notaio, successore del Cartografo, per fermare la guerra. Varaf I, seconda detentrice del trono cubico, decise di rivedere le Carte e creò lo Scudo Cosmico, un'organizzazione di difesa formata da cavalieri con rigide regole, la più importante di tutte è quella di non attraversare i confini del Fulcro, entrando nei territori delle monarchie. Vorf, primo Cavaliere Comandante dello Scudo e nipote di Varaf I, fece spegnere gli ardori di battaglia dei due eredi di Sin.

Ason XV, quindicesimo detentore del trono d'ossidiana, decide di applicare nuove regole alle Carte, portando alla Prima Crisi del Cosmo, iniziando una feroce guerra contro il Cosmo. Ason XV intende appropriarsi dei troni discendenti di Sin, affermando che sia grazie al suo sangue se gli Otto esistono, Saron II,detentore del trono di sale, blocca Ason all’entrata del Fulcro, aiutando lo Scudo; milioni di morti. Il Notaio decide di rivedere le Carte, creando una struttura nota come la Cornice, una lunga catena che si estende concentricamente all’infinito, utilizzata come tribunale per processare coloro che si sono macchiati di grandi crimini contro il Cosmo. Ason XV è portato dinanzi alla Cornice, accusato di congiurare contro gli Otto e ristabilire la monarchia di Sin. Ason declina le accuse, affermando che il Notaio lo ha estromesso per aver osato entrare in un ruolo che non li spetta:quello di decidere. L’intera corte accusa Ason, arrivando a volerlo esiliare e destituire, ma l’unanimità è rotta a causa di un unico voto contrario, quello di Saron II stesso. Saron II e Ason XV decidono di riappacificarsi, firmando la pace e aggiungendola nelle Carte; il Capitano Cavaliere dello Scudo Cosmico, Fossa Barbabianca, non accetta le condizioni di pace, affermando che vuole essere risarcito dei danni subiti dai suoi cavalieri.

Passano gli anni, facendo si che gli otto non riescano a prendere decisioni e scatenando scontr Lelio XXIII, detentore del trono di platino, si sente minacciato, convocando un concilio generale con i nobili del suo regno e decidendo di scegliere un successore di difesa, così da poter avere una giusta mente se dovesse morire. Lelio XXIII muore a causa di malori allo stomaco, facendo ascendere al trono il figlio Lao VI, ma si verificano spiacevoli inconvenienti: il Notaio non delinea immediatamente Lao come successore di Lelio al Trono di platino, ritenendo che bisogna accertarsi riguardo le decisioni prese dal padre; l’assemblea verde, che ha deciso il successore, non accetta che Lao governi senza interpellare la mente fisica di Lando, il ragazzo scelto da Lelio. Lando e Lao si scontrano per il trono, ma il Notaio non sa chi affermare come detentore; dopo aver consultato le Carte si arriva ad una soluzione: Lao sarà sovrano, ma Lando sarà detentore. I Sette elementi affermano che non vada bene spezzare la dinastia di Bon affidando il trono nelle mani di un successore; il Notaio, spinto dallo Scudo Cosmico, decide di riconfermare le sue scelte e spedire Lando al trono. Lando sarà successivamente ucciso senza eredi, lasciando che Lao salga al suo ruolo di detentore e sovrano; questo incoveniente farà eleggere al ruolo di Cavaliere Comandante Ottone il Sadico. Ottone decide in seguito di assalire il Fulcro, attaccando gli Otto e tentando di farsi eleggere Notaio. Ottone sarà il primo a parlare di un nono trono che comanda sugli altri, venendo giudicato accusatore dalla Cornice, in seguito sarà esiliato oltre il Punto di Fuoco, il centro del Cosmo.


Passano ancora anni su anni e ancora anni, ma niente riesce a calmare le spinte di superiorità dello Scudo, tanto che il Notaio decide di agevolare le Carte, arrivando a limitare i poteri dello Scudo solamente ai confini del Fulcro, togliendoli la libertà di movimento, in questo momento si scatena la crisi del Cosmo. Altre due guerre si erano combattute tra i detentori dei vari troni, guerre terminate in modo pacifico alla Cornice; la scintilla arrivò quando lo Scudo iniziò a rivelarsi inutile alla protezione del Fulcro e del Cosmo.

Il Notaio chiamò gli Otto, chiedendo la loro approvazione per diminuire ancor di più l’influenza dello Scudo e creare un nuovo sistema difensivo.Il Cavaliere Comandante Exilon Za, cresciuto nei lontani bordi del Punto di Fuga, decide di organizzare un complotto ai danni degli Otto, spingendo lo Scudo a compiere il limite inviolabile, attraversando il Fulcro e scatenando una guerra. Lo Scudo attacca il Fulcro, facendo si che Exilon Za prendesse il potere sugli Otto Troni e condannando i detentori a scappare, ma la pazzia porterà il cavaliere a massacrare i suoi più fedeli uomini pur di attraversare il limite inviolavile, massacro passato alla storia come il massacro del Fulcro; lo Scudo si ritroverà smarrito con la morte di grandi cavalieri, portando all'ascensione totale di Exilon Za. Il Cosmo, da prima sostenitore dello Scudo, si trasforma in un nemico adirato a causa della rottura delle Carte, attaccando i membri dell'organizzazione fino allo sfinimento.

La Cornice catturerà tutti i dissidenti e i membri dello Scudo, condannando Exilon alla morte nel Piano di Fuga.Il Notaio rivedrà completamente le Carte, capendo che la costituzione dello Scudo non serva a niente essendo stata dichiarata violabile, per questo motivo il Cavaliere Comandante provvisorio, Rodolfo Barbarossa, scioglierà il gruppo, creando i cavalieri erranti, dai quali in seguito nascerà l'ESercito Inferiore. La Cornice sarà anch’essa sciolta, essendo dichiarata ormai inefficiente contro le minacce interne e le guerre tra troni; per questo motivo viene firmato un nuovo trattato dei mondi, aggiunto in seguito alle Carte, trattato che delinea la creazione dei differenti mondi e la soppressione di monarchie illegittime. Il Notaio decide di rimanere a vivere all’interno del Fulcro, invitando tutti gli artigiani a lavorare per ricostituire l’armata di difesa. Un artigiano sarà investito del potere ancestrale del Demiurgo, creando il Cerchio Cromatico o solamente il Cerchio, un potentissimo strumento con il potere dell’armonia e del colore capace di salvaguardare l’intero Cosmo; questo artigiano sarà chiamato in seguito l’Artista. Con lo disfacimento dello Scudo Cosmico e l’inizio dei mondi finisce la prima era.

2°Era[modifica wikitesto]

3° Era[modifica wikitesto]

Era attuale

Organizzazione del Cosmo[modifica wikitesto]

Il Cosmo è guidato dagli Otto Troni, otto potenti troni creati dal leggendario Demiurgo; ogni trono dona poteri formidabili a chi ne è il detentore. A convergere le informazioni del Cosmo agli Otto è il Notaio, figura nata con il Cartografo, comprendente il compito di firmare la pace nel Cosmo e fermare ogni incrinazione. Nel Punto di Fuoco, centro del Cosmo, esistono vari governi, piccoli e minuscoli rispetto alle otto potenti monarchie che regnano dal Fulcro. Il Colleggio Docenti, massima struttura giuridica, svolge il ruolo di creare le graduatorie di lavoro e quelle scolastiche, vantando il ruolo di poter avere una vasta influenza sulle decisioni dei Rettori, coloro che guidano le Accademie, luoghi molto simili a città-stato. A capo del Colleggio Docenti c'è il Preside, figura eletta ogni venti anni oppure alla morte del predecessore.

Gli Otto Troni sono:

Ognuno di questi troni da poteri al suo detentore: il trono ligneo è il più potente mentre quello cubico il più debole. Attualmente gli unici discendenti della dinastia di Sin che detengono il trono sono Ason MXXXVI e Sona CIX. I detentori del trono non sono per forza i sovrani del loro regno, però non perdono il controllo sul trono che possiedono nel Fulcro. Il Fulcro è un luogo neutro, guidato solamente dal Notaio e i suoi assistenti, di cui uno che li succederà alla morte.

Struttura del Cosmo[modifica wikitesto]

Esistono molte zone all'interno del Cosmo, ma le più importanti sono:

Esistono anche molte altre zone, ma queste sono considerate le più importanti essendo esse esistenti sin dalla Prima Era, diversamente da altre zone più conosciute, come le Terre Inferiori.