MicroRNA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Struttura secondaria di un precursore miRNA di Brassica oleracea, modellato digitalmente

I microRNA (miRNA) sono piccole molecole endogene di RNA non codificante a singolo filamento riscontrate nel trascrittoma di piante, animali ed alcuni virus. Si tratta di polimeri codificati dal DNA nucleare eucariotico lunghi circa 20-22 nucleotidi e principalmente attivi nella regolazione dell'espressione genica a livello trascrizionale e post-trascrizionale. I miRNA vengono inglobati nel complesso di silenziamento indotto da RNA (RISC) ed inducono il silenziamento genico tramite sovrapposizione con sequenze complementari presenti su molecole di RNA messaggero (mRNA) bersaglio. Tale legame comporta una repressione della traduzione o la degradazione della molecola bersaglio.[1][2][3]

Il silenziamento può avvenire secondo i seguenti meccanismi:

  1. taglio della molecola di mRNA;
  2. destabilizzazione della molecola di mRNA tramite accorciamento della coda di poli(A);
  3. diminuzione dell’efficienza di traduzione del messaggero;[3][4]

Il genoma umano codifica per centinaia di micro RNA[5] i quali risultano abbondanti in tutti i tipi cellulari dei mammiferi.[6][7] Svolgono la loro attività di silenziamento su un’ampia gamma di trascritti derivanti dall’espressione di migliaia di geni.[8][9] L’espressione aberrante dei miRNA è implicata nell’insorgenza di numerose patologie.[10][11] Essi possono essere utilizzati a scopi terapeutici.[12][13]

I miRNA ricordano gli siRNA (small interfering RNAs) del pathway biologico dell’interferenza a RNA (RNAi), ma differiscono da questi in quanto derivano da regioni di RNA che si ripiegano autonomamente a formare delle corte forcine, mentre gli siRNA derivano da sequenze di dsRNA più lunghe.[2]

Cenni Storici[modifica | modifica wikitesto]

Il primo miRNA fu scoperto nel 1993 da Victor Ambros, Rosalind Lee e Rhonda Feinbaum in uno studio condotto su lin-4, un gene noto per il controllo esercitato sulle tempistiche di sviluppo larvale di “C. elegans”.[14] Quando isolarono il gene si accorsero che invece di produrre un RNA messaggero generava piccoli filamenti di RNA uno dei quali era lungo 22 nucleotidi e parzialmente simile a sequenze multiple presenti nella regione 3’UTR dell’mRNA del gene lin-14.[14] Fu proposto per queste molecole appena scoperte un ruolo nel silenziamento dell’espressione genica di lin-14, ma si pensò fosse un prodotto genico caratteristico di “C.elegans”. Nel 2000 fu individuata una seconda piccola molecola di RNA codificata dal gene lin-7 con azione repressiva sull’mRNA del gene lin-41.[15] Nel corso degli anni furono individuati altri composti simili in numerose specie.[16] Un anno dopo si riscontrò che gli RNA lin-4 e lin-7 sono parte di una grande classe di piccole molecole di RNA presenti nelle cellule di C.elegans, Drosophila ed “Homo Sapiens”.[17][18][19] Inizialmente si pensava che tali molecole fossero coinvolte in processi cellulari specifici inerenti la regolazione dello sviluppo, ma ne furono scoperti di nuovi tipi. Queste piccole molecole di RNA vennero denominate microRNA.[17][18][19]

Biogenesi e maturazione[modifica | modifica wikitesto]

Trascrizione[modifica | modifica wikitesto]

I miRNA derivano da trascritti di sequenze codificate da geni autonomi oppure inclusi in introni di altri geni. Le sequenze nucleotidiche codificanti i miRNA sono trascritti dalla RNA polimerasi II[20][21] e, in misura minore, dalla RNA polimerasi III. Queste legano un promotore localizzato in prossimità della sequenza codificante. Il trascritto subisce poi un processo di capping al 5’, di poliadenilazione al 3’ e di splicing.[20][22] Negli animali i miRNA sono trascritti come una sequenza stem-loop lunga circa 80 nucleotidi facente parte di una sequenza più lunga denominata pri-miRNA.[20][21] Se lo stem-loop precursore è localizzato nella 3’-UTR, il trascritto potrebbe avere sia funzione di pre-RNA, sia di mRNA.[22]

Processamento nel nucleo[modifica | modifica wikitesto]

Un singolo pre-miRNA può contenere da uno a 6 precursori per miRNA con struttura ad hairpin-loop ognuna delle quali è fiancheggiata da sequenze nucleotidiche necessarie ai fini della maturazione della molecola. Il pre-RNA ha una struttura a doppio filamento riconosciuta dalla proteina del nucleo nota come DiGeorge Syndrome Critical Region 8 (DGCR8 o "Pasha" negli invertebrati) che si associa alla RNAasi di tipo III Drosha a formare il così detto complesso microprocessore.[23][24] DGCR8 orienta il dominio catalitico di Drosha in modo da consentire all’enzima di tagliare l’RNA a circa 11 residui dall’inizio della forcina. Una delle due eliche del dsRNA andrà a costituire la forcina.[25][26] Il prodotto risultante reca un’estremità sporgente al 3’ recante un gruppo idrossile. Al 5’ è invece presente un gruppo fosfato. Tale molecola è anche detta miRNA precursore (pre-miRNA). Tali molecole possono derivare dallo splicing diretto degli introni in maniera indipendente dal complesso microprocessore e prendono il nome di Mirtrons. Tali molecole furono osservate per la prima volta in Drosophila e C.elegans e sono state osservate anche nei mammiferi.[27] I pre-miRNA possono inoltre subire ulteriori processi di maturazione all’interno del nucleo.[28][29][30]

Esportazione dal nucleo[modifica | modifica wikitesto]

Al termine del processamento nucleare i pre-miRNA sono esportati nel citoplasma in un processo che coinvolge il trasportatore nucleocitoplasmatico Espotina-5 il quale riconosce i due nucleotidi sporgenti al 3’ lasciati dall’enzima Dosha. Il trasporto del trascritto è attivo ed usa quale fonte di energia GTP legato alla proteina Ran.[31]

Processamento nel citoplasma[modifica | modifica wikitesto]

Nel citoplasma i pre-miRNA sono tagliati dalla RNAasi di tipo III Dicer.[32] L’enzima interagisce con le estremità 5’ e 3’ delle forcine costituenti i pre-miRNA[33] tramite il dominio Paz. Il taglio genera molecole di RNA a doppio filamento lunghe circa 22 basi.[32] La lunghezza dei loop costituenti le forcine influenza l’efficienza di taglio di Dicer.[32][34] Successivamente, i miRNA interagiscono in maniera specifica con le proteine Argonauta della sottofamiglia Ago e sono incorporati in grandi complessi di ribonucleoproteine effettrici chiamati RISC (RNA-induced silencing complex, complesso di silenziamento indotto da RNA) all'interno dei quali avviene l'interazione tra miRNA ed RNA bersaglio.

Turnover[modifica | modifica wikitesto]

Il turnover del miRNA maturo è necessario al fine di garantire un eventuale rapido cambiamento nei profili di espressione di tali molecole. Durante la maturazione nel citoplasma, il legame con la proteina Argonauta stabilizza il filamento che diventerà funzionale, mentre il filamento opposto viene degradato. Le proteine Ago possono utilizzare o trattenere i miRNA con molti bersagli e mantenere quelli con pochi o nessun bersaglio.[35] In C.elegans la degradazione dei miRNA è mediata dall’esoribonucleasi XRN2.[36] Nelle piante i membri della famiglia di proteine SDN (small RNA degrading nuclease) degradano i miRNA in direzione 3’- 5’. Proteine simili sono sintetizzate anche nei genomi di animali, ma il loro ruolo non è stato ancora descritto.[35] Molte modifiche chimiche ai miRNA hanno effetto sulla loro stabilità, tuttavia i meccanismi molecolari in gioco non sono ancora del tutto noti. In particolare sono stati identificati miRNA contenenti residui di uracile e miRNA contenenti gruppi metilici legati al 2’ ossidrile. La presenza di residui di uracile potrebbe rappresentare un segnale che promuove la degradazione, mentre la metilazione impedirebbe l’aggiunta di uracile e quindi avrebbe un effetto protettivo nei confronti della degradazione.

Il complesso di silenziamento indotto da RNA[modifica | modifica wikitesto]

I miRNA maturi costituiscono, insieme all’enzima Dicer ed altre proteine, l’RNA-induced silencing complex (RISC).[37] RISC è noto anche come miRNA ribonucleoproteincomplesso (miRNP).[38] Solo uno dei due filamenti viene incorporato nel complesso di silenziamento all’interno del quale avviene l’interazione tra miRNA ed RNA bersaglio.[39][40][41] La posizione dello stem loop potrebbe influenzare la scelta del filamento funzionale.[42] L’altro filamento è indicato con un asterisco (*) e, in alcune circostanze, agisce anch’esso da miRNA funzionale su altri RNA bersaglio.[43] Il ruolo catalitico svolto dalle proteine Argonauta è di importanza fondamentale per la normale fisiologia del RISC. Sono proteine del peso di circa 100 kDa conteneti due domini di legame all’RNA altamente conservati (PAZ e PIWI) necessarie per la formazione del complesso di silenziamento indotto da miRNA. Il dominio PAZ lega l’estremità 3’ a singolo filamento del miRNA maturo, mentre il dominio PIWI lega l’estremità 5’. Tali interazioni forniscono al miRNA l’orientazione corretta ai fini dell’interazione con la molecola di mRNA bersaglio. Alcune Argonauta, come la proteina umana Ago2, possono tagliare il trascritto bersaglio direttamente.[44] Il genoma umano codifica per per 8 proteine Argonauta divise in base alla similarità di sequenza in due famiglie: AGO (4 membri presenti in tutte le cellule di mammifero e denominate E1F2C/hAgo in Homo Sapiens) e PIWI (presenti nelle cellule della linea germinale e nelle cellule staminali emopoietiche).[38][44] Altri componenti del RISC sono TRBP (human immunodeficiency virus (HIV) transactivating response RNA (TAR) binding protein)[45], PACT (protein activator of the interferon induced protein kinase), il complesso SMN, FMRP (fragile X mental retardation protein), Tudor-SN (Tudor staphylococcal nuclease-domain-containing protein), la DNA elicasi MOV10 e la proteina contenente motivi di legame all’RNA TNRC6B.[31][46][47] Nelle piante il complesso costituito da miRNA e RISC si associa per complementarità perfetta alla CDS degli mRNA bersaglio causandone il taglio, mentre negli animali l'associazione avviene in maniera imperfetta a livello della regione 3'UTR causando un blocco della traduzione dell'mRNA messaggero e successiva degradazione.

Modalità di silenziamento[modifica | modifica wikitesto]

Il silenziamento genico può avvenire sia tramite degradazione dell’mRNA sia tramite blocco della traduzione. Ad esempio, miR16 contiene una sequenza complementare ricca in AU riscontrata in molti mRNA funzionali.[48] È stato dimostrato che se c’è sovrapposizione completa tra il miRNA ed il messaggero bersaglio, la proteina Ago2 può tagliare l’mRNA e portare alla sua degradazione. Se invece non c’è una sovrapposizione completa il silenziamento avviene tramite blocco della traduzione.[49] La relazione tra miRNA e messaggero target può essere basata sulla semplice regolazione negativa, ma sembra che siano possibili altri meccanismi.[50] È stato inoltre dimostrato che alcuni miRNA lavorano quali regolatori della corretta espressione genica in risposta all’eventuale espressione casuale di geni dovuta a ad eventi stocastici di trascrizione e traduzione.[50]

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

I miRNA risultano essere evolutivamente molto conservati e si pensa siano elementi molto antichi dei meccanismi di regolazione dell’espressione genica. Le molecole costituenti i loro sistemi di espressione risultano essere simili nelle piante e negli animali, ma vi sono delle differenze inerenti i loro meccanismi di espressione.[51][52] I miRNA delle piante presentano sequenze perfettamente complementari all’RNA bersaglio ed inducono il silenziamento genico tramite taglio di quest’ultimo.[53] I miRNA animali, invece, sono in grado di riconoscere il messaggero bersaglio tramite 6-8 nucleotidi localizzati al 5’ della sequenza.[8][54] La similarità di struttura non è sufficiente ad innescare il taglio della molecola di mRNA.[3]

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

I miRNA regolano l’espressione genica secondo meccanismi diversi nelle piante e negli animali. L’appaiamento perfetto tra miRNA ed mRNA promuove la degradazione del messaggero. Questa è la principale modalità di silenziamento nelle piante.[55][56][57] Negli animali i miRNA hanno solo una parziale similarità di sequenza con il trascritto bersaglio. L’appaiamento è dunque imperfetto e coinvolge pochi nucleotidi.[8][54][58] Il silenziamento dell’espressione genica avviene per inibizione della sintesi proteica.[59] Questo meccanismo esiste anche nelle piante, ma è meno comune.[57] I miRNA parzialmente complementari ad un bersaglio possono inoltre aumentare la velocità di deadenilazione dello stesso provocando una più rapida degradazione del trascritto.[60] Il meccanismo di taglio dell’ miRNA è ben documentato, mentre vi sono pochissimi dati inerenti il silenziamento per repressione della traduzione, per aumentata degradazione e per loro combinazione.[61][62] I miRNA a possono raramente essere causa di modifiche agli istoni e di metilazione del DNA a livello di specifici siti di promozione dell’espressione genica.[63][64]

Sono stati descritti 9 meccanismi di silenziamento indotti da miRNA[65]:

  1. Inibizione della formazione del Cap-40S;
  2. Inibizione dell’unione della subunità 60S al ribosoma;
  3. Inibizione dell’allungamento della sequenza;
  4. Terminazione prematura della traduzione (Ribosome drop-off);
  5. Degradazione proteica in fase di traduzione;
  6. Sequestro nei P-bodies;
  7. destabilizzazione dell’mRNA bersaglio;
  8. taglio dell’mRNA bersaglio;
  9. Inibizione della trascrizione tramite rimodellamento della cromatina indotta miRNA;

Tali meccanismi presentano dinamiche e cinetiche caratteristiche.[65]

Patologie Correlate[modifica | modifica wikitesto]

Le alterazioni del normale pathway di espressione dei miRNA può avere conseguenze sulla normale fisiologia cellulare e portare a diversi tipi di patologie. Molti miRNA sono stai associati a varie forme di cancro (si fa riferimento a queste molecole come oncomiR).[66][67]

Neoplasie[modifica | modifica wikitesto]

La prima patologia umana associata ad alterazioni dei pathway dei miRNA è stata la leucemia linfatica cronica.[68][66] La leucemia potrebbe essere causata dall’inserzione di un tratto di sequenza di genoma virale ai miRNA con conseguente aumento della sua espressione.[69] Un altro studio ha riscontrato che due tipi di miRNA inibiscono la proteina E2F1, la quale regola la proliferazione cellulare. Sembra che il messaggero venga silenziato prima della traduzione.[70] Misurando l’attività dei geni codificanti per i miRNA è possibile distinguere tra i diversi tipi di cancro.[71] Il profilo di espressione dei miRNA permette di diagnosticare la leucemia linfatica cronica.[67] Studi condotti su topi transgenici che sovraesprimono o mancano di specifici miRNA hanno consentito di determinare il ruolo di queste piccole molecole di RNA in varie forme di neoplasia.[72] È possibile utilizzare i livelli di espressione di specifici miRNA per scopi prognostici. Ad esempio, uno studio condotto su un campione di cellule affetto da carcinoma polmonare non microcitico ha riscrontrato che bassi livelli di miR-324a sono indice di scarsa sopravvivenza.[73] Invece, alti livelli di miR-185 o bassi livelli di miR-133B sono indice di metastasi e scarsa sopravvivenza in cellule neoplastiche di colon e retto.[74] La proliferazione delle cellule tumorali epatiche può aumentare per interazione di miR-21 con MAP2K3, un gene in grado di reprimere lo sviluppo neoplastico. miR-205, invece, è in grado di inibire la tendenza allo sviluppo di metastasi del tumore della mammella.[75] In questo tipo di neoplasia è stato riscontrato un calo dei livelli di espressione di cinque membri della famiglia miRNA-200.[76]

Malattie cardiache[modifica | modifica wikitesto]

Studi condotti sul cuore di topi nei quali era stata indotta l’inibizione della maturazione dei miRNA hanno rivelato il ruolo essenziale svolto da queste molecole nello sviluppo dell’organo.[77][78] I livelli di espressione di determinati miRNA subiscono delle modifiche nelle cardiomiopatie.[79][80][81] Vi sono specifici miRNA con ruoli diversi in vari processi dello sviluppo e della fisiologia della cellula.[78][82][83][84][85][86]

Sistema Nervoso[modifica | modifica wikitesto]

I miRNA potrebbero essere implicati nei processi regolativi dello sviluppo del sistema nervoso.[87] Si pensa che miR-132, miR-134 e miR-124 siano coinvolti nei meccanismi di sviluppo dei dendriti, mentre miR-134 e miR-138 sarebbero implicati nei processi di maturazione delle sinapsi.[88] Alcuni studi hanno riscontrato delle alterazioni nei livelli di espressione di specifici miRNA in patologie quali la schizofrenia, il disturbo bipolare ed il disturbo depressivo.[89][90][91]

Diabete[modifica | modifica wikitesto]

In recenti ricerche in ambito biomedico si è scoperto che miR-375, espresso in maniera specifica nelle cellule pancreatiche, è essenziale per la sopravvivenza, la crescita e la divisione delle cellule β, mentre induce un aumento della massa delle cellule α. miR-375 inoltre è in grado di influenzare i processi di regolazione della secrezione di insulina andando ad influenzare l’espressione dei geni Mtpn e Pdk1. miR-375 gioca un ruolo importante nel complesso meccanismo di regolazione dello sviluppo pancreatico. Si pensa possa regolare l’espressione di geni quali NeuroD1, Ngn3, Pdx1 e Hnf6.[92] È stato inoltre scoperto un legame tra il trascritto in questione ed il diabete mellito di tipo 2. La sua espressione nelle cellule di topi obesi è maggiore rispetto a topi normali. La rimozione del gene codificante per miR-375 dal genoma delle cellule pancreatiche dei topi obesi causa una diminuzione della massa di cellule β e lo sviluppo della malattia.[93]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ambros V, The functions of animal microRNAs in Nature, vol. 431, nº 7006, Settembre 2004, pp. 350–5, DOI:10.1038/nature02871, PMID 15372042.
  2. ^ a b MicroRNAs: genomics, biogenesis, mechanism, and function in Cell, vol. 116, nº 2, Gennaio 2004, pp. 281–97, DOI:10.1016/S0092-8674(04)00045-5, PMID 14744438.
  3. ^ a b c Bartel DP, MicroRNAs: target recognition and regulatory functions in Cell, vol. 136, nº 2, Gennaio 2009, pp. 215–33, DOI:10.1016/j.cell.2009.01.002, PMC 3794896, PMID 19167326.
  4. ^ Fabian MR, Sonenberg N,, Regulation of mRNA translation and stability by microRNAs in Annual review of biochemistry, vol. 79, 2010, pp. 351–79, DOI:10.1146/annurev-biochem-060308-103103, PMID 20533884.
  5. ^ Bentwich I, Avniel A, Karov Y, Aharonov R, Gilad S, Barad O, Barzilai A, Einat P, Einav U, Meiri E, Sharon E, Spector Y, Bentwich Z, Identification of hundreds of conserved and nonconserved human microRNAs in Nat. Genet., vol. 37, nº 7, Luglio 2005, pp. 766–70, DOI:10.1038/ng1590, PMID 15965474.
  6. ^ Lim LP, Lau NC, Weinstein EG, Abdelhakim A, Yekta S, Rhoades MW, Burge CB, Bartel DP, The microRNAs of Caenorhabditis elegans in Genes Dev., vol. 17, nº 8, Aprile 2003, pp. 991–1008, DOI:10.1101/gad.1074403, PMC 196042, PMID 12672692.
  7. ^ Lagos-Quintana M, Rauhut R, Yalcin A, Meyer J, Lendeckel W, Tuschl T, Identification of tnumero-specific microRNAs from mouse in Curr. Biol., vol. 12, nº 9, Aprile 2002, pp. 735–9, DOI:10.1016/S0960-9822(02)00809-6, PMID 12007417.
  8. ^ a b c Lewis BP, Burge CB, Bartel DP, Conserved seed pairing, often flanked by adenosines, indicates that thousands of human genes are microRNA targets in Cell, vol. 120, nº 1, 2005, pp. 15–20, DOI:10.1016/j.cell.2004.12.035, PMID 15652477.
  9. ^ Friedman RC, Farh KK, Burge CB, Bartel DP, Most mammalian mRNAs are conserved targets of microRNAs in Genome Res., vol. 19, nº 1, Gennaio 2009, pp. 92–105, DOI:10.1101/gr.082701.108, PMC 2612969, PMID 18955434.
  10. ^ Trang P, Weidhaas JB, Slack FJ, MicroRNAs as potential cancer therapeutics in Oncogene, 27 Suppl 2, Decembre 2008, pp. S52–7, DOI:10.1038/onc.2009.353, PMID 19956180.
  11. ^ Li C, Feng Y, Coukos G, Zhang L, Therapeutic microRNA strategies in human cancer in AAPS J, vol. 11, nº 4, Dicembre 2009, pp. 747–57, DOI:10.1208/s12248-009-9145-9, PMC 2782079, PMID 19876744.
  12. ^ Fasanaro P, Greco S, Ivan M, Capogrossi MC, Martelli F, microRNA: emerging therapeutic targets in acute ischemic diseases in Pharmacol. Ther., vol. 125, nº 1, Gennaio 2010, pp. 92–104, DOI:10.1016/j.pharmthera.2009.10.003, PMID 19896977.
  13. ^ Per Hydbring e Badalian-Very, Gayane, Clinical applications of microRNAs in F1000Research, vol. 2, agosto 2013, DOI:10.12688/f1000research.2-136.v2.
  14. ^ a b Lee RC, Feinbaum RL, Ambros V, The C. elegans heterochronic gene lin-4 encodes small RNAs with antisense complementarity to lin-14 in Cell, vol. 75, nº 5, Dicembre 1993, pp. 843–54, DOI:10.1016/0092-8674(93)90529-Y, PMID 8252621.
  15. ^ Reinhart BJ, Slack FJ, Basson M, Pasquinelli AE, Bettinger JC, Rougvie AE, Horvitz HR, Ruvkun G, The 21-nucleotide let-7 RNA regulates developmental timing in Caenorhabditis elegans in Nature, vol. 403, nº 6772, Febbraio 2000, pp. 901–6, Bibcode:2000Natur.403..901R, DOI:10.1038/35002607, PMID 10706289.
  16. ^ Pasquinelli AE, Reinhart BJ, Slack F, Martindale MQ, Kuroda MI, Maller B, Hayward DC, Ball EE, Degnan B, Müller P, Spring J, Srinivasan A, Fishman M, Finnerty J, Corbo J, Levine M, Leahy P, Davidson E, Ruvkun G, Conservation of the sequence and temporal expression of let-7 heterochronic regulatory RNA in Nature, vol. 408, nº 6808, Novembre 2000, pp. 86–9, DOI:10.1038/35040556, PMID 11081512.
  17. ^ a b Lagos-Quintana M, Rauhut R, Lendeckel W, Tuschl T, Identification of novel genes coding for small expressed RNAs in Science, vol. 294, nº 5543, Ottobre 2001, pp. 853–8, DOI:10.1126/science.1064921 bibcode = 2001Sci...294..853L, PMID 11679670.
  18. ^ a b Lau NC, Lim LP, Weinstein EG, Bartel DP, An abundant class of tiny RNAs with probable regulatory roles in Caenorhabditis elegans in Science, vol. 294, nº 5543, Ottobre 2001, pp. 858–62, Bibcode:2001Sci...294..858L, DOI:10.1126/science.1065062, PMID 11679671.
  19. ^ a b Lee RC, Ambros V, An extensive class of small RNAs in Caenorhabditis elegans in Science, vol. 294, nº 5543, Ottobre 2001, pp. 862–4, Bibcode:2001Sci...294..862L, DOI:10.1126/science.1065329, PMID 11679672.
  20. ^ a b c Lee Y, Kim M, Han J, Yeom KH, Lee S, Baek SH, Kim VN, MicroRNA genes are transcribed by RNA polymerase II in EMBO J., vol. 23, nº 20, Ottobre 2004, pp. 4051–60, DOI:10.1038/sj.emboj.7600385, PMC 524334, PMID 15372072.
  21. ^ a b Zhou X, Ruan J, Wang G, Zhang W, Characterization and identification of microRNA core promoters in four model species in PLoS Comput. Biol., vol. 3, nº 3, Marzo 2007, pp. e37, Bibcode:2007PLSCB...3...37Z, DOI:10.1371/rivista.pcbi.0030037, PMC 1817659, PMID 17352530.
  22. ^ a b Cai X, Hagedorn CH, Cullen BR, Human microRNAs are processed from capped, polyadenylated transcripts that can also function as mRNAs in RNA, vol. 10, nº 12, Dicembre 2004, pp. 1957–66, DOI:10.1261/rna.7135204, PMC 1370684, PMID 15525708.
  23. ^ Lee, Y; Ahn, C; Han, J; Choi, H; Kim, J; Yim, J; Lee, J; Provost, P; Rådmark, O; Kim, S; Kim, VN, The nuclear RNase III Drosha initiates microRNA processing. in Nature, vol. 425, nº 6956, September 2003, pp. 415–9, PMID 14508493.
  24. ^ Gregory RI, Chendrimada TP, Shiekhattar R, MicroRNA biogenesis: isolation and characterization of the microprocessor complex in Methods Mol. Biol., vol. 342, 2006, pp. 33–47, DOI:10.1385/1-59745-123-1:33, ISBN 1-59745-123-1, PMID 16957365.
  25. ^ Han, J; Lee, Y; Yeom, KH; Kim, YK; Jin, H; Kim, VN, The Drosha-DGCR8 complex in primary microRNA processing. in Genes & development, vol. 18, nº 24, Dicembre 2004, pp. 3016–27, PMID 15574589.
  26. ^ Han, J; Lee, Y; Yeom, KH; Nam, JW; Heo, I; Rhee, JK; Sohn, SY; Cho, Y; Zhang, BT; Kim, VN, Molecular basis for the recognition of primary microRNAs by the Drosha-DGCR8 complex. in Cell, vol. 125, nº 5, Giugno 2006, pp. 887–901, PMID 16751099.
  27. ^ Berezikov E, Chung WJ, Willis J, Cuppen E, Lai EC, Mammalian mirtron genes in Mol. Cell, vol. 28, nº 2, Ottobre 2007, pp. 328–36, DOI:10.1016/j.molcel.2007.09.028, PMC 2763384, PMID 17964270.
  28. ^ Kawahara Y, Megraw M, Kreider E, Iizasa H, Valente L, Hatzigeorgiou AG, Nishikura K, Frequency and fate of microRNA editing in human brain in Nucleic Acids Res., vol. 36, nº 16, Settembre 2008, pp. 5270–80, DOI:10.1093/nar/gkn479, PMC 2532740, PMID 18684997.
  29. ^ Winter J, Jung S, Keller S, Gregory RI, Diederichs S, Many roads to maturity: microRNA biogenesis pathways and their regulation in Nat. Cell Biol., vol. 11, nº 3, Marzo 2009, p. 228–34, DOI:10.1038/ncb0309-228, PMID 19255566.
  30. ^ Ohman M, A-to-I editing challenger or ally to the microRNA process in Biochimie, vol. 89, nº 10, Ottobre 2007, pp. 1171–6, DOI:10.1016/j.biochi.2007.06.002, PMID 17628290.
  31. ^ a b Murchison EP, Hannon GJ, miRNAs on the move: miRNA biogenesis and the RNAi machinery in Curr. Opin. Cell Biol., vol. 16, nº 3, Giugno 2004, pp. 223–9, DOI:10.1016/j.ceb.2004.04.003, PMID 15145345.
  32. ^ a b c Lund E, Dahlberg JE, Substrate selectivity of exportin 5 and Dicer in the biogenesis of microRNAs in Cold Spring Harb. Symp. Quant. Biol., vol. 71, 2006, pp. 59–66, DOI:10.1101/sqb.2006.71.050, PMID 17381281.
  33. ^ Park JE, Heo I, Tian Y, Simanshu DK, Chang H, Jee D, Patel DJ, Kim VN, Dicer recognizes the 5' end of RNA for efficient and accurate processing. in Nature, vol. 475, nº 7355, Luglio 2011, pp. 201–5, PMID 21753850.
  34. ^ Ji X, The mechanism of RNase III action: how dicer dices in Curr. Top. Microbiol. Immunol., vol. 320, 2008, pp. 99–116, DOI:10.1007/978-3-540-75157-1_5, ISBN 978-3-540-75156-4, PMID 18268841.
  35. ^ a b Kai ZS, Pasquinelli AE, MicroRNA assassins: factors that regulate the disappearance of miRNAs in Nat. Struct. Mol. Biol., vol. 17, nº 1, Gennaio 2010, pp. 5–10, DOI:10.1038/nsmb.1762, PMID 20051982.
  36. ^ Chatterjee S, Großhans H, Active turnover modulates mature microRNA activity in Caenorhabditis elegans in Nature, vol. 461, nº 7263, Settembre 2009, pp. 546–459, Bibcode:2009Natur.461..546C, DOI:10.1038/nature08349, PMID 19734881.
  37. ^ Rana TM, Illuminating the silence: understanding the structure and function of small RNAs in Nat. Rev. Mol. Cell Biol., vol. 8, nº 1, Gennaio 2007, pp. 23–36, DOI:10.1038/nrm2085, PMID 17183358.
  38. ^ a b Schwarz DS, Zamore PD, Why do miRNAs live in the miRNP? in Genes Dev., vol. 16, nº 9, Maggio 2002, pp. 1025–31, DOI:10.1101/gad.992502, PMID 12000786.
  39. ^ Krol J, Sobczak K, Wilczynska U, Drath M, Jasinska A, Kaczynska D, Krzyzosiak WJ, Structural features of microRNA (miRNA) precursors and their relevance to miRNA biogenesis and small interfering RNA/short hairpin RNA design in J Biol Chem, vol. 279, nº 40, 2004, pp. 42230–9, DOI:10.1074/jbc.M404931200, PMID 15292246.
  40. ^ Khvorova A, Reynolds A, Jayasena SD, Functional siRNAs and miRNAs exhibit strand bias in Cell, vol. 115, nº 2, 2003, pp. 209–16, DOI:10.1016/S0092-8674(03)00801-8, PMID 14567918.
  41. ^ Schwarz DS, Hutvágner G, Du T, Xu Z, Aronin N, Zamore PD, Asymmetry in the assembly of the RNAi enzyme complex in Cell, vol. 115, nº 2, 2003, pp. 199–208, DOI:10.1016/S0092-8674(03)00759-1, PMID 14567917.
  42. ^ Lin SL, Chang D, Ying SY, Asymmetry of intronic pre-miRNA structures in functional RISC assembly in Gene, vol. 356, 2005, pp. 32–8, DOI:10.1016/j.gene.2005.04.036, PMC 1788082, PMID 16005165.
  43. ^ Okamura K, Chung WJ, Lai EC, The long and short of inverted repeat genes in animals: microRNAs, mirtrons and hairpin RNAs in Cell Cycle, vol. 7, nº 18, 2008, pp. 2840–5, DOI:10.4161/cc.7.18.6734, PMC 2697033, PMID 18769156.
  44. ^ a b Pratt AJ, MacRae IJ, The RNA-induced silencing complex: a versatile gene-silencing machine in J. Biol. Chem., vol. 284, nº 27, Luglio 2009, pp. 17897–901, DOI:10.1074/jbc.R900012200, PMC 2709356, PMID 19342379.
  45. ^ MacRae IJ, Ma E, Zhou M, Robinson CV, Doudna JA, In vitro reconstitution of the human RISC-loading complex in Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A., vol. 105, nº 2, Gennaio 2008, pp. 512–7, Bibcode:2008PNAS..105..512M, DOI:10.1073/pnas.0710869105, PMC 2206567, PMID 18178619.
  46. ^ Mourelatos Z, Dostie J, Paushkin S, Sharma A, Charroux B, Abel L, Rappsilber J, Mann M, Dreyfuss G, miRNPs: a novel class of ribonucleoproteins containing numerous microRNAs in Genes Dev., vol. 16, nº 6, Marzo 2002, pp. 720–8, DOI:10.1101/gad.974702, PMC 155365, PMID 11914277.
  47. ^ Meister G, Landthaler M, Peters L, Chen P, Urlaub H, Lurhmann R, Tuschl T, Identification of Novel Argonaute-Associated Proteins in Current Biology, vol. 15, nº 23, Dicembre 2005, pp. 2149–55, DOI:10.1016/j.cub.2005.10.048, PMID 16289642.
  48. ^ Jing Q, Huang S, Guth S, Zarubin T, Motoyama A, Chen J, Di Padova F, Lin SC, Gram H, Han J, Involvement of microRNA in AU-rich element-mediated mRNA instability in Cell, vol. 120, nº 5, 2005, pp. 623–34, DOI:10.1016/j.cell.2004.12.038, PMID 15766526.
  49. ^ Lim LP, Lau NC, Garrett-Engele P, Grimson A, Schelter JM, Castle J, Bartel DP, Linsley PS, Johnson JM, Microarray analysis shows that some microRNAs downregulate large numbers of target mRNAs in Nature, vol. 433, nº 7027, Febbraio 2005, pp. 769–73, Bibcode:2005Natur.433..769L, DOI:10.1038/nature03315, PMID 15685193.
  50. ^ a b Musilova K, Mraz M, MicroRNAs in B cell lymphomas: How a complex biology gets more complex in Leukemia, 2014, DOI:10.1038/leu.2014.351, PMID 25541152.
  51. ^ Shabalina SA, Koonin EV, Origins and evolution of eukaryotic RNA interference in Trends in Ecology and Evolution., vol. 10, nº 10, Ottobre 2008, pp. 578–587, DOI:10.1016/j.tree.2008.06.005, PMC 2695246, PMID 18715673.
  52. ^ Axtell MJ, Westholm JO, Lai EC, Vive la différence: biogenesis and evolution of microRNAs in plants and animals in Genome Biology, vol. 12, nº 4, 2011, p. 221, DOI:10.1186/gb-2011-12-4-221, PMC 3218855, PMID 21554756.
  53. ^ Jones-Rhoades MW, Bartel DP, Bartel B, MicroRNAS and their regulatory roles in plants in Annual review of plant biology, vol. 57, 2006, pp. 19–53, DOI:10.1146/annurev.arplant.57.032905.105218, PMID 16669754.
  54. ^ a b Lewis BP, Shih IH, Jones-Rhoades M, Bartel DP, Burge CB, Prediction of Mammalian MicroRNA Targets in Cell, vol. 115, nº 7, 2003, pp. 787–798, DOI:10.1016/S0092-8674(03)01018-3, PMID 14697198.
  55. ^ Wang XJ, Reyes JL, Chua NH, Gaasterland T, Prediction and identification of Arabidopsis thaliana microRNAs and their mRNA targets in Genome Biol., vol. 5, nº 9, 2004, pp. R65, DOI:10.1186/gb-2004-5-9-r65, PMC 522872, PMID 15345049.
  56. ^ Kawasaki H, Taira K e Taira, MicroRNA-196 inhibits HOXB8 expression in myeloid differentiation of HL60 cells in Nucleic Acids Symp Ser, vol. 48, nº 1, 2004, pp. 211–2, DOI:10.1093/nass/48.1.211, PMID 17150553.
  57. ^ a b Moxon S, Jing R, Szittya G, Schwach F, Rusholme Pilcher RL, Moulton V, Dalmay T, Deep sequencing of tomato short RNAs identifies microRNAs targeting genes involved in fruit ripening in Genome Res., vol. 18, nº 10, Ottobre 2008, pp. 1602–9, DOI:10.1101/gr.080127.108, PMC 2556272, PMID 18653800.
  58. ^ Mazière P, Enright AJ, Prediction of microRNA targets in Drug Discov. Today, vol. 12, 11–12, Giugno 2007, pp. 452–8, DOI:10.1016/j.drudis.2007.04.002, PMID 17532529.
  59. ^ Williams AE, Functional aspects of animal microRNAs in Cell. Mol. Life Sci., vol. 65, nº 4, Febbraio 2008, pp. 545–62, DOI:10.1007/s00018-007-7355-9, PMID 17965831.
  60. ^ Eulalio A, Huntzinger E, Nishihara T, Rehwinkel J, Fauser M, Izaurralde E, Deadenylation is a widespread effect of miRNA regulation in RNA, vol. 15, nº 1, Gennaio 2009, pp. 21–32, DOI:10.1261/rna.1399509, PMC 2612776, PMID 19029310.
  61. ^ Bazzini AA, Lee MT, Giraldez AJ, Ribosome profiling shows that miR-430 reduces translation before causing mRNA decay in zebrafish in Science, vol. 336, nº 6078, Aprile 2012, pp. 233–7, Bibcode:2012Sci...336..233B, DOI:10.1126/science.1215704, PMC 3547538, PMID 22422859.
  62. ^ Djuranovic S, Nahvi A, Green R, miRNA-mediated gene silencing by translational repression followed by mRNA deadenylation and decay in Science, vol. 336, nº 6078, Aprile 2012, pp. 237–40, Bibcode:2012Sci...336..237B, DOI:10.1126/science.1215691, PMC 3971879, PMID 22499947.
  63. ^ Tan Y, Zhang B, Wu T, Skogerbø G, Zhu X, Guo X, He S, Chen R, Transcriptional inhibiton of Hoxd4 expression by miRNA-10a in human breast cancer cells in BMC Mol. Biol., vol. 10, 2009, p. 12, DOI:10.1186/1471-2199-10-12, PMC 2680403, PMID 19232136.
  64. ^ Hawkins PG, Morris KV e Morris, RNA and transcriptional modulation of gene expression in Cell Cycle, vol. 7, nº 5, Marzo 2008, pp. 602–7, DOI:10.4161/cc.7.5.5522, PMC 2877389, PMID 18256543.
  65. ^ a b Morozova N, Zinovyev A, Nonne N, Pritchard LL, Gorban AN, Harel-Bellan A, Kinetic signatures of microRNA modes of action in RNA, vol. 18, nº 9, Settembre 2012, pp. 1635–55, DOI:10.1261/rna.032284.112, PMC 3425779, PMID 22850425.
  66. ^ a b Kusenda B, Mraz M, Mayer J, Pospisilova S, MicroRNA biogenesis, functionality and cancer relevance in Biomedical Papers of the Medical Faculty of the University Palacký, Olomouc, Czechoslovakia, vol. 150, nº 2, Novembre 2006, pp. 205–15, DOI:10.5507/bp.2006.029, PMID 17426780.
  67. ^ a b Mraz M, Pospisilova S, Malinova K, Slapak I, Mayer J, MicroRNAs in chronic lymphocytic leukemia pathogenesis and disease subtypes in Leuk. Lymphoma, vol. 50, nº 3, Marzo 2009, pp. 506–9, DOI:10.1080/10428190902763517, PMID 19347736.
  68. ^ Mraz M, Pospisilova S, MicroRNAs in chronic lymphocytic leukemia: from causality to associations and back in Expert Review of Hematology, vol. 5, nº 6, Dicembre 2012, pp. 579–81, DOI:10.1586/ehm.12.54, PMID 23216588.
  69. ^ Cui JW, Li YJ, Sarkar A, Brown J, Tan YH, Premyslova M, Michaud C, Iscove N, Wang GJ, Ben-David Y., Retroviral insertional activation of the Fli-3 locus in erythroleukemias encoding a cluster of microRNAs that convert Epo-induced differentiation to proliferation in Blood, vol. 110, nº 7, Giugno 2007, pp. 2631–40, DOI:10.1182/blood-2006-10-053850, PMID 17586726.
  70. ^ O'Donnell KA, Wentzel EA, Zeller KI, Dang CV, Mendell JT, c-Myc-regulated microRNAs modulate E2F1 expression in Nature, vol. 435, nº 7043, Giugno 2005, pp. 839–43, Bibcode:2005Natur.435..839O, DOI:10.1038/nature03677, PMID 15944709.
  71. ^ Lu J, Getz G, Miska EA, Alvarez-Saavedra E, Lamb J, Peck D, Sweet-Cordero A, Ebert BL, Mak RH, Ferrando AA, Downing JR, Jacks T, Horvitz HR, Golub TR, MicroRNA expression profiles classify human cancers in Nature, vol. 435, nº 7043, Giugno 2005, pp. 834–8, Bibcode:2005Natur.435..834L, DOI:10.1038/nature03702, PMID 15944708.
  72. ^ Zanesi N, Pekarsky Y, Trapasso F, Calin G, Croce CM, MicroRNAs in mouse models of lymphoid malignancies in J Nucleic Acids Investig, vol. 1, nº 1, 2010, pp. 36–40, DOI:10.4081/jnai.2010.e8, PMC 3111058, PMID 21666870.
  73. ^ Võsa U, Vooder T, Kolde R, Fischer K, Välk K, Tõnisson N, Roosipuu R, Vilo J, Metspalu A, Annilo T, Identification of miR-374a as a prognostic marker for survival in patients with early-stage nonsmall cell lung cancer in Genes Chromosomes Cancer, vol. 50, nº 10, Ottobre 2011, pp. 812–22, DOI:10.1002/gcc.20902, PMID 21748820.
  74. ^ Akçakaya P, Ekelund S, Kolosenko I, Caramuta S, Ozata DM, Xie H, Lindforss U, Olivecrona H, Lui WO, miR-185 and miR-133b deregulation is associated with overall survival and metastasis in colorectal cancer in Int. J. Oncol., vol. 39, nº 2, Agosto 2011, pp. 311–8, DOI:10.3892/ijo.2011.1043, PMID 21573504.
  75. ^ Wu H, Mo YY, Targeting miR-205 in breast cancer in Expert Opin. Ther. Targets, vol. 13, nº 12, Decembre 2009, pp. 1439–48, DOI:10.1517/14728220903338777, PMID 19839716.
  76. ^ Gregory PA, Bert AG, Paterson EL, Barry SC, Tsykin A, Farshid G, Vadas MA, Khew-Goodall Y, Goodall GJ, The miR-200 family and miR-205 regulate epithelial to mesenchymal transition by targeting ZEB1 and SIP1 in Nat. Cell Biol., vol. 10, nº 5, Maggio 2008, pp. 593–601, DOI:10.1038/ncb1722, PMID 18376396.
  77. ^ Chen JF, Murchison EP, Tang R, Callis TE, Tatsuguchi M, Deng Z, Rojas M, Hammond SM, Schneider MD, Selzman CH, Meissner G, Patterson C, Hannon GJ, Wang DZ, Targeted deletion of Dicer in the heart leads to dilated cardiomyopathy and heart failure in Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A., vol. 105, nº 6, Febbraio 2008, pp. 2111–6, Bibcode:2008PNAS..105.2111C, DOI:10.1073/pnas.0710228105, PMC 2542870, PMID 18256189.
  78. ^ a b Zhao Y, Ransom JF, Li A, Vedantham V, von Drehle M, Muth AN, Tsuchihashi T, McManus MT, Schwartz RJ, Srivastava D, Dysregulation of cardiogenesis, cardiac conduction, and cell cycle in mice lacking miRNA-1-2 in Cell, vol. 129, nº 2, Aprile 2007, pp. 303–17, DOI:10.1016/j.cell.2007.03.030, PMID 17397913.
  79. ^ Thum T, Galuppo P, Wolf C, Fiedler J, Kneitz S, van Laake LW, Doevendans PA, Mummery CL, Borlak J, Haverich A, Gross C, Engelhardt S, Ertl G, Bauersachs J, MicroRNAs in the human heart: a clue to fetal gene reprogramming in heart failure in Circulation, vol. 116, nº 3, Giugno 2007, pp. 258–67, DOI:10.1161/CIRCULATIONAHA.107.687947, PMID 17606841.
  80. ^ van Rooij E, Sutherland LB, Liu N, Williams AH, McAnally J, Gerard RD, Richardson JA, Olson EN, A signature pattern of stress-responsive microRNAs that can evoke cardiac hypertrophy and heart failure in Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A., vol. 103, nº 48, pp. 18255–60, Bibcode:2006PNAS..10318255V, DOI:10.1073/pnas.0608791103, PMC 1838739, PMID 17108080.
  81. ^ Tatsuguchi M, Seok HY, Callis TE, Thomson JM, Chen JF, Newman M, Rojas M, Hammond SM, Wang DZ, Expression of microRNAs is dynamically regulated during cardiomyocyte hypertrophy in J. Mol. Cell. Cardiol., vol. 42, nº 6, Giugno 2007, pp. 1137–41, DOI:10.1016/j.yjmcc.2007.04.004, PMC 1934409, PMID 17498736.
  82. ^ Zhao Y, Samal E, Srivastava D, Serum response factor regulates a muscle-specific microRNA that targets Hand2 during cardiogenesis in Nature, vol. 436, nº 7048, Luglio 2005, pp. 214–20, Bibcode:2005Natur.436..214Z, DOI:10.1038/nature03817, PMID 15951802.
  83. ^ Xiao J, Luo X, Lin H, Zhang Y, Lu Y, Wang N, Zhang Y, Yang B, Wang Z, MicroRNA miR-133 represses HERG K+ channel expression contributing to QT prolongation in diabetic hearts in J. Biol. Chem., vol. 282, nº 17, Aprile 2007, pp. 12363–7, DOI:10.1074/jbc.C700015200, PMID 17344217.
  84. ^ Yang B, Lin H, Xiao J, Lu Y, Luo X, Li B, Zhang Y, Xu C, Bai Y, Wang H, Chen G, Wang Z, The muscle-specific microRNA miR-1 regulates cardiac arrhythmogenic potential by targeting GJA1 and KCNJ2 in Nat. Med., vol. 13, nº 4, Aprile 2007, pp. 486–91, DOI:10.1038/nm1569, PMID 17401374.
  85. ^ Carè A, Catalucci D, Felicetti F, Bonci D, Addario A, Gallo P, Bang ML, Segnalini P, Gu Y, Dalton ND, Elia L, Latronico MV, Høydal M, Autore C, Russo MA, Dorn GW, Ellingsen O, Ruiz-Lozano P, Peterson KL, Croce CM, Peschle C, Condorelli G, MicroRNA-133 controls cardiac hypertrophy in Nat. Med., vol. 13, nº 5, Maggio 2007, pp. 613–8, DOI:10.1038/nm1582, PMID 17468766.
  86. ^ van Rooij E, Sutherland LB, Qi X, Richardson JA, Hill J, Olson EN, Control of stress-dependent cardiac growth and gene expression by a microRNA in Science, vol. 316, nº 5824, Aprile 2007, pp. 575–9, Bibcode:2007Sci...316..575V, DOI:10.1126/science.1139089, PMID 17379774.
  87. ^ Maes OC, Chertkow HM, Wang E, Schipper HM, MicroRNA: Implications for Alzheimer Disease and other Human CNS Disorders in Current Genomics, vol. 10, nº 3, Maggio 2009, pp. 154–68, DOI:10.2174/138920209788185252, PMC 2705849, PMID 19881909.
  88. ^ Schratt G, microRNAs at the synapse in Nat. Rev. Neurosci., vol. 10, nº 12, Dicembre 2009, pp. 842–9, DOI:10.1038/nrn2763, PMID 19888283.
  89. ^ Hommers LG, Domschke K e Deckert J, Heterogeneity and Individuality: microRNAs in Mental Disorders in J Neural Transm., vol. 122, nº 1, 2015, pp. 79–97, DOI:10.1007/s00702-014-1338-4, PMID 25395183.
  90. ^ Feng J, Sun G, Yan J, Noltner K, Li W, Buzin CH, Longmate J, Heston LL, Rossi J, Sommer SS, Evidence for X-chromosomal schizophrenia associated with microRNA alterations in PLoS ONE, vol. 4, nº 7, 2009, pp. e6121, Bibcode:2009PLoSO...4.6121F, DOI:10.1371/rivista.pone.0006121, PMC 2699475, PMID 19568434.
  91. ^ Beveridge NJ, Gardiner E, Carroll AP, Tooney PA, Cairns MJ, Schizophrenia is associated with an increase in cortical microRNA biogenesis in Mol. Psychiatry, vol. 15, nº 12, Settembre 2009, pp. 1176–89, DOI:10.1038/mp.2009.84, PMC 2990188, PMID 19721432.
  92. ^ Li X, MiR-375, a microRNA related to diabetes. in Gene, vol. 533, nº 1, Gennaio 2014, pp. 1–4, DOI:10.1016/j.gene.2013.09.105, PMID 24120394.
  93. ^ Poy MN, Hausser J, Trajkovski M, Braun M, Collins S, Rorsman P, Zavolan M, Stoffel M, miR-375 maintains normal pancreatic alpha- and beta-cell mass. in Proc Natl Acad Sci U S A, vol. 106, nº 14, Aprile 2009, pp. 5813–8, DOI:10.1073/pnas.0810550106, PMID 19289822.
  • Bartel, D.P. (2004). MicroRNAs: genomics, biogenesis, mechanism, and function. Cell 116, 281-297
  • Shyu, AB et All. (2008). Messenger RNA regulation: to translate or to degrade. Embo J. 27, 471-481t
  • NCBI, Biosystem, MicroRNA (miRNA) biogenesis, http://www.ncbi.nlm.nih.gov/biosystems/106335

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia