Tiburio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sezione della chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza: il tiburio nasconde esternamente la cupola entro una complessa forma cilindrica

Il tiburio è un elemento architettonico che racchiude al suo interno una cupola proteggendola. Può assumere svariate forme, come quella cilindrica, cubica, parallelepipeda o prismatica, a seconda che la cupola abbia pianta poligonale o circolare. Generalmente è costituito da un tetto a spioventi chiuso in sommità da una lanterna.

Il tiburio fu usato con frequenza nell'architettura sacra bizantina, romanica e gotica e in edifici rinascimentali.

Tiburi sono presenti ad esempio nell'abbazia di Chiaravalle, nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, nella chiesa di Santa Maria presso San Satiro, nella basilica di Sant'Ambrogio a Milano, nella basilica della Santissima Annunziata (di Leon Battista Alberti), nel battistero di San Giovanni a Firenze, nella basilica di San Vitale a Ravenna e nella chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza (di Francesco Borromini) a Roma.[1]

Da un punto di vista statico, il tiburio copre la cupola senza gravarvi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piacentini, Marcello: Una nuova chiesa romana dell'architetto Giovanni Muzio. In: Fede e Arte, 2.1954, p. 1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Beltrami, Luca: Leonardo da Vinci negli studi per il tiburio della cattedrale di Milano. Milano 1903.
  • Piacentini, Marcello: Una nuova chiesa romana dell'architetto Giovanni Muzio. In: Fede e Arte, 2.1954, p. 1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]