Serie A 2003-2004

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 2003-2004
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 102ª (72ª di Serie A)
Organizzatore Lega Calcio
Date dal 31 agosto 2003
al 16 maggio 2004
Luogo Italia Italia
Partecipanti 18
Risultati
Vincitore Milan
(17º titolo)
Retrocessioni Perugia
Modena
Empoli
Ancona
Statistiche
Miglior marcatore Ucraina Andrij Ševčenko (24)
Incontri disputati 306
Gol segnati 816 (2,67 per incontro)
Serie A 2003-2004b.PNG
Distribuzione geografica delle squadre della Serie A 2003-2004
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2002-2003 2004-2005 Right arrow.svg

Il Campionato di Serie A 2003-2004 fu il centoduesimo campionato italiano di calcio, il settantaduesimo con la formula del girone unico.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

I campioni della Juventus pescarono soprattutto in provincia: a rafforzare l'organico giunsero Miccoli, Appiah e Legrottaglie.[1] La scommessa del Milan recava il nome di Kakà, già nazionale verdeoro.[2] L'Inter stravolse ancora la sua rosa, cedendo Crespo al Chelsea e prendendo l'ex bolognese Cruz[3]: furono acquistati anche Van der Meyde, Helveg, Kily González e Luciano.[4] La Roma portò in Italia Chivu, Carew e Amantino Mancini mentre in casa laziale si puntò su Albertini.[5]

Stupì ancora una volta il Perugia, alle cui fila si aggiunse il figlio di Gheddafi, Saadi.[6]

Il campionato[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2003-04 segnò il ritorno del Milan sul trono nazionale, a cinque anni dall'ultimo trionfo.[7] Sulla scia del successo di Manchester nell'ultima edizione della Champions League, i rossoneri si resero protagonisti di un cammino che li portò a conquistare il titolo con 82 punti in classifica.

Andriy Shevchenko, miglior marcatore del torneo (24 gol) coi colori del Milan. Per l'ucraino è stato il secondo successo nella classifica marcatori dopo quello conseguito nel 1999-2000 e sempre in maglia rossonera.

Nelle prime giornate Juventus e Milan dettarono il passo, procedendo alla pari e chiudendo sull'1-1 lo scontro diretto dell'ottavo turno.[8] Alle loro spalle si fece largo la Roma, vittoriosa anche nel derby, mentre i sogni di gloria dell'Inter vennero rapidamente smentiti: lo stazionamento a metà classifica portò, dopo sei partite, alla sostituzione di Cúper con Zaccheroni.[9] I bianconeri volarono temporaneamente al comando il 9 novembre,[10] ma subirono poi due sconfitte con Inter e Lazio facendosi sorpassare dai lombardi.[11] Il rinvio di una gara dei rossoneri favorì la Roma, che balzò al comando il 14 dicembre e sette giorni più tardi (nell'ultimo turno dell'anno solare) poté vantare 6 punti sulla coppia di inseguitrici.[12] Alla ripresa del campionato, nel giorno dell'Epifania, i capitolini persero proprio contro il Milan che con una striscia di vittorie (tra cui un 5-0 contro l'Ancona, ormai fanalino di coda)[13] si ritrovò a +5 sulle rivali in occasione della seconda giornata di ritorno.

Festa dei tifosi rossoneri in Piazza del Duomo a Milano per lo Scudetto.
Roberto Baggio lasciò il Brescia e il calcio giocato al termine della stagione.

A questo punto iniziò la corsa solitaria, con 6 vittorie nelle successive 7 uscite[14]: la più importante di queste fu il 3-1 in casa della Juventus, che spedì a −7 i giallorossi.[15] Alcuni passi falsi nelle domeniche seguenti illusero la Roma, comunque capace di recuperare 4 punti (dopo essersi ritrovata a −10 il 21 marzo per la sospensione della stracittadina, recuperata un mese più tardi)[16] per giocarsi le residue speranze nel confronto della 32ª giornata.[17] Il Milan, favorito dal vantaggio in classifica, vinse di misura con un gol segnato da Shevchenko nei primi minuti: la vittoria fu sufficiente per aggiudicarsi il titolo con 180 minuti di anticipo.[7] Nei restanti due impegni la squadra milanese perse a Reggio Calabria, lasciando agli amaranto punti utili in chiave salvezza,[18] e sconfisse per 4-2 un ormai salvo Brescia nel quale fece la sua ultima apparizione Roberto Baggio.[19] Dal canto loro i capitolini, che fecero esordire un giovane Cerci,[20] finirono alla quota di 71 punti, 11 in meno dei campioni: un primato per i campionati con 18 squadre e 3 punti per la vittoria. Il quadro delle qualificate alla Champions si completò con la Juventus, già in rottura con Lippi[21], e l'Inter che ottenne la quarta piazza per merito di un positivo finale (6 vittorie nei 9 turni conclusivi).[22] Parma e Lazio, a lungo concorrenti dei nerazzurri, dovettero accontentarsi della partecipazione alla Coppa UEFA (con i biancocelesti vincitori della Coppa Italia) in compagnia dell'Udinese.[23] Mancò invece l'ingresso nelle coppe la Sampdoria, neopromossa e autrice di una buona stagione.[24]

La retrocessione in cadetteria interessò l'Empoli, il Modena e un'Ancona in piena crisi: per i dorici furono solamente 13 i punti ottenuti in classifica, record negativo per la categoria, con la certezza della discesa già ad inizio aprile.[25] Il Perugia salutò invece la massima serie in giugno, dopo lo spareggio interdivisionale con la Fiorentina (sesta classificata in B).[26] A conclusione del campionato scoppiò uno scandalo riguardante il calcioscommesse,[27] tanto che la procura federale richiese il declassamento del Modena in C oltre a penalizzazioni per Chievo, Siena e Sampdoria.[28] L'unica sentenza applicata fu la penalità di 5 punti per gli emiliani, da scontarsi nel campionato successivo.[29]

Questa sarà anche l'ultima edizione del massimo campionato con 18 squadre, poiché gli sviluppi del Caso Catania porteranno dalla stagione seguente ad una A con 20 partecipanti.[30]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Stadio Sponsor ufficiale Dettaglio
Ancona Ancona Stadio del Conero Banca Marche 2003-2004
Bologna Bologna Stadio Renato Dall'Ara Area Banca 2003-2004
Brescia Brescia Stadio Mario Rigamonti Banca Lombarda 2003-2004
Chievo Verona Stadio Marcantonio Bentegodi Paluani 2003-2004
Empoli Empoli Stadio Carlo Castellani Sammontana 2003-2004
Inter Milano Stadio Giuseppe Meazza Pirelli 2003-2004
Juventus Torino Stadio delle Alpi Fastweb 2003-2004
Lazio Roma Stadio Olimpico di Roma Parmacotto, Indesit 2003-2004
Lecce Lecce Stadio Via del Mare Salento da Amare 2003-2004
Milan Milano Stadio Giuseppe Meazza Opel Meriva 2003-2004
Modena Modena Stadio Alberto Braglia Immergas 2003-2004
Parma Parma Stadio Ennio Tardini Parmalat 2003-2004
Perugia Perugia Stadio Renato Curi Toyota 2003-2004
Reggina Reggio Calabria Stadio Oreste Granillo Credit Suisse, Spi, Stocco&Stocco 2003-2004
Roma Roma Stadio Olimpico di Roma Mazda 2003-2004
Sampdoria Genova Stadio Luigi Ferraris Erg 2003-2004
Siena Siena Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena Montepaschi Vita 2003-2004
Udinese Udine Stadio Friuli Bernardi 2003-2004

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Capitano Calciatore più presente
(tra parentesi il numero delle presenze)
Cannoniere
(tra parentesi il numero delle presenze)
Ancona[31][32] Italia Leonardo Menichini (1ª-4ª)
Italia Nedo Sonetti (5ª-18ª)
Italia Giovanni Galeone (19ª-34ª)
Italia Salvatore Russo (1ª-16ª)
Italia Roberto Maltagliati (17ª-18ª)
Italia Sean Sogliano (19ª-34ª)
Italia Mauro Milanese (27) Italia Christian Bucchi (5)
Bologna Italia Carlo Mazzone Italia Giuseppe Signori Italia Gianluca Pagliuca (34) Italia Claudio Bellucci (7)
Brescia Italia Gianni De Biasi Italia Roberto Baggio Italia Andrea Caracciolo,
Italia Dario Dainelli,
Italia Luigi Di Biagio (32)
Italia Roberto Baggio,
Italia Andrea Caracciolo (12)
Chievo Italia Luigi Delneri Italia Lorenzo D'Anna Italia Salvatore Lanna,
Italia Fabio Moro (32)
Italia Federico Cossato (6)
Empoli[33] Italia Daniele Baldini (1ª-6ª)
Italia Attilio Perotti (7ª-34ª)
Italia Fabrizio Ficini Italia Antonio Di Natale,
Italia Tommaso Rocchi (33)
Italia Tommaso Rocchi (11)
Inter[34] Argentina Héctor Cúper (1ª-6ª)
Italia Alberto Zaccheroni (7ª-34ª)
Argentina Javier Zanetti Argentina Javier Zanetti (34) Italia Christian Vieri (13)
Juventus Italia Marcello Lippi Italia Alessandro Del Piero Italia Gianluigi Buffon (32) Francia David Trezeguet (16)
Lazio Italia Roberto Mancini Italia Giuseppe Favalli Italia Bernardo Corradi,
Italia Stefano Fiore (32)
Italia Bernardo Corradi (10)
Lecce Italia Delio Rossi Italia Luigi Piangerelli (1ª-14ª)
Italia Max Tonetto (15ª-34ª)
Italia Lorenzo Stovini (34) Uruguay Ernesto Chevantón (19)
Milan Italia Carlo Ancelotti Italia Paolo Maldini Italia Gennaro Gattuso (33) Ucraina Andrij Ševčenko (24)
Modena[35] Italia Alberto Malesani (1ª-26ª)
Italia Gianfranco Bellotto (27ª-34ª)
Italia Mauro Mayer Italia Jacopo Balestri (33) Senegal Diomansy Kamara (6)
Parma Italia Cesare Prandelli Italia Antonio Benarrivo Italia Alberto Gilardino (34) Italia Alberto Gilardino (23)
Perugia Italia Serse Cosmi Brasile Zé Maria Brasile Zé Maria (32) Brasile Zé Maria (7)
Reggina[36][37] Italia Franco Colomba (1ª-10ª)
Italia Sergio Buso (11ª)
Italia Giancarlo Camolese (12ª-34ª)
Italia Francesco Cozza Italia Emanuele Belardi (30) Italia Francesco Cozza,
Italia David Di Michele (8)
Roma Italia Fabio Capello Italia Francesco Totti Italia Antonio Cassano,
Brasile Emerson,
Brasile Mancini (33)
Italia Francesco Totti (20)
Sampdoria Italia Walter Novellino Italia Sergio Volpi Italia Aimo Diana (33) Italia Fabio Bazzani (13)
Siena Italia Giuseppe Papadopulo Italia Michele Mignani Norvegia Tore André Flo (33) Italia Enrico Chiesa (10)
Udinese Italia Luciano Spalletti Italia Valerio Bertotto Italia Morgan De Sanctis,
Danimarca Martin Jørgensen (34)
Italia Dino Fava Passaro (12)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg Coppacampioni.png 1. Milan 82 34 25 7 2 65 24 +41
Coppacampioni.png 2. Roma 71 34 21 8 5 68 19 +49
Coppacampioni.png 3. Juventus 69 34 21 6 7 67 42 +25
Coppacampioni.png 4. Inter 59 34 17 8 9 59 37 +22
Coppauefa.png 5. Parma 58 34 16 10 8 57 46 +11
Coccarda Coppa Italia.svg Coppauefa.png 6. Lazio 56 34 16 8 10 52 38 +14
Coppauefa.png 7. Udinese 50 34 13 11 10 44 40 +4
8. Sampdoria 46 34 11 13 10 40 42 -2
9. Chievo 44 34 11 11 12 36 37 -1
10. Lecce 41 34 11 8 15 43 56 -13
11. Brescia 40 34 9 13 12 52 57 -5
12. Bologna 39 34 10 9 15 45 53 -8
13. Reggina 34 34 6 16 12 29 45 -16
14. Siena 34 34 8 10 16 41 54 -13
1downarrow red.svg 15. Perugia[38] 32 34 6 14 14 44 56 -12
1downarrow red.svg 16. Modena 30 34 6 12 16 27 46 -19
1downarrow red.svg 17. Empoli 30 34 7 9 18 26 54 -28
Nuvola actions cancel.png 18. Ancona 13 34 2 7 25 21 70 -49

Legenda:

      Campione d'Italia e ammessa alla UEFA Champions League 2004-2005
      Ammesse alla UEFA Champions League 2004-2005
      Ammesse alla Coppa UEFA 2004-2005
      Retrocesse in Serie B 2004-2005

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Milan 2003-2004.
Formazione tipo Giocatori (presenze)
Brasile Dida (32)
Brasile Cafu (28)
Italia Alessandro Costacurta (22)
Italia Alessandro Nesta (26)
Italia Paolo Maldini (30)
Italia Gennaro Gattuso (33)
Italia Andrea Pirlo (32)
Paesi Bassi Clarence Seedorf (29)
Portogallo Rui Costa (28)
Brasile Kakà (30)
Ucraina Andrij Ševčenko (32)
Altri giocatori: Jon Dahl Tomasson (26), Giuseppe Pancaro (21), Massimo Ambrosini (20), Serginho (20), Filippo Inzaghi (14), Cristian Brocchi (11), Martin Laursen (10), Dario Šimić (10), Fernando Redondo (8), K'akhaber K'aladze (6), Marco Borriello (4), Christian Abbiati (2).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

ANC BOL BRE CHI EMP INT JUV LAZ LEC MIL MOD PAR PER REG ROM SAM SIE UDI
Ancona 3-2 1-1 0-2 2-1 0-2 2-3 0-1 0-2 0-2 1-1 0-2 0-0 1-1 0-0 0-1 0-0 0-3
Bologna 3-2 3-0 3-1 2-1 0-2 0-1 2-1 1-1 0-2 1-1 2-2 2-2 2-2 0-4 0-1 3-1 2-0
Brescia 5-2 0-0 1-1 2-0 2-2 2-3 2-1 1-2 0-1 0-0 2-3 1-1 4-4 1-0 1-1 4-2 1-2
Chievo 1-0 2-1 3-1 0-0 0-2 1-2 0-0 2-3 0-2 2-0 0-2 4-1 0-0 0-3 1-1 1-1 0-0
Empoli 2-0 2-0 1-1 0-1 2-3 3-3 2-2 0-0 0-1 0-3 1-0 1-0 1-1 0-2 1-1 1-0 2-0
Inter 3-0 4-2 1-3 0-0 0-1 3-2 0-0 3-1 1-3 2-0 1-0 2-1 6-0 0-0 0-0 4-0 1-2
Juventus 3-0 2-1 2-0 1-0 5-1 1-3 1-0 3-4 1-3 3-1 4-0 1-0 1-0 2-2 2-0 4-2 4-1
Lazio 4-2 2-1 0-1 1-0 3-0 2-1 2-0 4-1 0-1 2-1 2-3 3-1 1-1 1-1 1-1 5-2 2-2
Lecce 3-1 1-2 1-4 1-2 2-1 2-1 1-1 0-1 1-1 1-0 1-2 1-2 2-1 0-3 0-0 0-0 2-1
Milan 5-0 2-1 4-2 2-2 1-0 3-2 1-1 1-0 3-0 2-0 3-1 2-1 3-1 1-0 3-1 2-1 1-2
Modena 2-1 2-0 1-1 0-3 1-1 1-1 0-2 1-1 2-0 1-1 2-2 1-0 1-2 0-1 1-0 1-3 0-1
Parma 3-1 0-0 2-2 3-1 4-0 1-0 2-2 0-3 3-1 0-0 3-0 3-0 1-2 1-4 1-0 1-1 4-3
Perugia 1-0 4-2 2-2 0-2 1-1 2-3 1-0 1-2 2-2 1-1 1-1 2-2 0-0 0-1 3-3 2-2 3-3
Reggina 0-0 0-0 0-0 0-0 2-0 0-2 0-2 2-1 1-3 2-1 1-1 1-1 1-2 0-0 2-2 2-1 0-1
Roma 3-0 1-2 5-0 3-1 3-0 4-1 4-0 2-0 3-1 1-2 1-0 2-0 1-3 2-0 3-1 6-0 1-1
Sampdoria 2-0 3-2 2-1 1-0 2-0 2-2 1-2 1-2 2-2 0-3 1-1 1-2 3-2 2-0 0-0 2-1 1-3
Siena 3-2 0-0 0-1 1-2 4-0 0-1 1-3 3-0 2-1 1-2 4-0 1-2 2-1 0-0 0-0 0-0 1-0
Udinese 3-0 1-3 4-3 1-1 2-0 0-0 0-0 1-2 1-0 0-0 1-0 1-1 1-1 1-0 1-2 0-1 1-1

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) 1ª giornata Ritorno (18ª)
31 ago.
2003
0-2[39] Ancona-Milan 0-5 25 gen.
2004
2-2 Bologna-Parma 0-0
1-1 Brescia-Chievo 1-3
2-0 Inter-Modena 1-1
5-1 Juventus-Empoli 3-3
4-1 Lazio-Lecce 1-0
2-2 Perugia-Siena 1-2
2-2 Reggina-Sampdoria 0-2
1-2 Udinese-Roma 1-1
Andata (2ª) 2ª giornata Ritorno (19ª)
14 set.
2003
1-2 Chievo-Juventus 0-1 1° feb.
2004
1-1 Empoli-Reggina 0-2
3-1 Lecce-Ancona 2-0
2-1 Milan-Bologna 2-0
0-1 Modena-Udinese 0-1
3-0 Parma-Perugia 2-2
5-0 Roma-Brescia 0-1
1-2 Sampdoria-Lazio 1-1
0-1 Siena-Inter 0-4


Andata (3ª) 3ª giornata Ritorno (20ª)
21 set.
2003
1-1 Ancona-Modena 1-2 8 feb.
2004
2-0 Bologna-Udinese 3-1
4-4 Brescia-Reggina 0-0
0-0 Inter-Sampdoria 2-2
2-2 Juventus-Roma 0-4
2-3 Lazio-Parma 3-0
1-2 Lecce-Chievo 3-2
1-1 Perugia-Milan 1-2
4-0 Siena-Empoli 0-1
Andata (4ª) 4ª giornata Ritorno (21ª)
28 set.
2003
4-1 Chievo-Perugia 2-0 15 feb.
2004
2-2 Empoli-Lazio 0-3
3-0 Milan-Lecce 1-1
2-0 Modena-Bologna 1-1
1-1 Parma-Siena 2-1
0-2 Reggina-Juventus 0-1
3-0 Roma-Ancona 0-0
2-1 Sampdoria-Brescia 1-1
0-0 Udinese-Inter 2-1


Andata (5ª) 5ª giornata Ritorno (22ª)
5 ott.
2003
0-3 Ancona-Udinese 0-3 22 feb.
2004
0-3 Empoli-Modena 1-1
1-3 Inter-Milan 2-3
2-1 Juventus-Bologna 1-0
1-0 Lazio-Chievo 0-0
1-4 Lecce-Brescia 2-1
1-0 Parma-Sampdoria 2-1
0-0 Perugia-Reggina 2-1
0-0 Siena-Roma 0-6
Andata (6ª) 6ª giornata Ritorno (23ª)
19 ott.
2003
2-3 Ancona-Juventus 0-3 29 feb.
2004
2-2 Bologna-Perugia 2-4
2-2 Brescia-Inter 3-1
1-1 Chievo-Sampdoria 0-1
1-0 Milan-Lazio 1-0
2-0 Modena-Lecce 0-1
2-1 Reggina-Siena 0-0
2-0 Roma-Parma 4-1
2-0 Udinese-Empoli 0-2


Andata (7ª) 7ª giornata Ritorno (24ª)
26 ott.
2003
0-1 Empoli-Chievo 0-0 7 mar.
2004
0-0 Inter-Roma 1-4
2-0 Juventus-Brescia 3-2
2-1 Lazio-Bologna 1-2[40]
3-0 Parma-Modena 2-2
3-3 Perugia-Udinese 1-1
0-0 Reggina-Ancona 1-1
0-3 Sampdoria-Milan 1-3
2-1 Siena-Lecce 0-0
Andata (8ª) 8ª giornata Ritorno (25ª)
2 nov.
2003
0-0 Ancona-Siena 2-3 14 mar.
2004
0-1 Bologna-Sampdoria 2-3
2-3 Brescia-Parma 2-2
0-2 Chievo-Inter 0-0
2-1 Lecce-Empoli 0-0
1-1 Milan-Juventus 3-1
1-0 Modena-Perugia 1-1
2-0 Roma-Reggina 0-0
1-2 Udinese-Lazio 2-2


Andata (9ª) 9ª giornata Ritorno (26ª)
9 nov.
2003
0-0 Brescia-Bologna 0-3 21 mar.
2004
3-0 Inter-Ancona 2-0
4-1 Juventus-Udinese 0-0
0-0 Parma-Milan 1-3
2-2 Perugia-Lecce 2-1
1-1 Reggina-Modena 2-1
2-0 Roma-Lazio 1-1[41]
2-0 Sampdoria-Empoli 1-1
1-2 Siena-Chievo 1-1
Andata (10ª) 10ª giornata Ritorno (27ª)
23 nov.
2003
1-1 Ancona-Brescia 2-5 28 mar.
2004
0-4 Bologna-Roma 2-1
0-2 Chievo-Milan 2-2
1-0 Empoli-Parma 0-4
6-0 Inter-Reggina 2-0
3-1 Lazio-Perugia 2-1
0-0 Lecce-Sampdoria 2-2
0-2 Modena-Juventus 1-3
1-1 Udinese-Siena 0-1


Andata (11ª) 11ª giornata Ritorno (28ª)
30 nov.
2003
1-2 Brescia-Udinese 3-4 4 apr.
2004
1-3 Juventus-Inter 2-3
2-0 Milan-Modena 1-1
3-1 Parma-Chievo 2-0
1-1 Perugia-Empoli 0-1
0-0 Reggina-Bologna 2-2
3-1 Roma-Lecce 3-0
2-0 Sampdoria-Ancona 1-0
3-0 Siena-Lazio 2-5
Andata (12ª) 12ª giornata Ritorno (29ª)
7 dic.
2003
3-2 Bologna-Ancona 2-3 10 apr.
2004
0-3 Chievo-Roma 1-3[42]
0-1 Empoli-Milan 0-1
2-1 Inter-Perugia 3-2[43]
2-0 Lazio-Juventus 0-1
1-2 Lecce-Parma 1-3
1-1 Modena-Brescia 0-0
2-1 Sampdoria-Siena 0-0
1-0 Udinese-Reggina 1-0


Andata (13ª) 13ª giornata Ritorno (30ª)
14 dic.
2003
0-1 Ancona-Lazio 2-4 18 apr.
2004
0-2 Bologna-Inter 2-4
2-0 Brescia-Empoli 1-1
4-0 Juventus-Parma 2-2
2-1[44] Milan-Siena 2-1
3-3 Perugia-Sampdoria 2-3
0-0 Reggina-Chievo 0-0
1-0 Roma-Modena 1-0
1-0 Udinese-Lecce 1-2
Andata (14ª) 14ª giornata Ritorno (31ª)
21 dic.
2003
1-0 Chievo-Ancona 2-0 25 apr.
2004
0-2 Empoli-Roma 0-3[42]
2-1 Lazio-Inter 0-0
1-1 Lecce-Juventus 4-3
1-2 Milan-Udinese 0-0
1-2 Parma-Reggina 1-1
2-2 Perugia-Brescia 1-1
1-1 Sampdoria-Modena 0-1
0-0 Siena-Bologna 1-3


Andata (15ª) 15ª giornata Ritorno (32ª)
6 gen.
2004
0-2 Ancona-Parma 1-3 2 mag.
2004
2-1 Bologna-Empoli 0-2
4-2 Brescia-Siena 1-0
3-1 Inter-Lecce 1-2
1-0 Juventus-Perugia 0-1
0-3 Modena-Chievo 0-2
2-1 Reggina-Lazio 1-1
1-2 Roma-Milan 0-1
0-1 Udinese-Sampdoria 3-1
Andata (16ª) 16ª giornata Ritorno (33ª)
11 gen.
2004
0-0 Chievo-Udinese 1-1 9 mag.
2004
2-0 Empoli-Ancona 1-2
0-1 Lazio-Brescia 1-2
1-2 Lecce-Bologna 1-1
3-1 Milan-Reggina 1-2
1-0 Parma-Inter 0-1
0-1 Perugia-Roma 3-1[42]
1-2 Sampdoria-Juventus 0-2
4-0 Siena-Modena 3-1


Andata (17ª) 17ª giornata Ritorno (34ª)
18 gen.
2004
0-0 Ancona-Perugia 0-1 16 mag.
2004
3-1 Bologna-Chievo 1-2
0-1 Brescia-Milan 2-4
0-1 Inter-Empoli 3-2
4-2 Juventus-Siena 3-1
1-1 Modena-Lazio 1-2
1-3 Reggina-Lecce 1-2
3-1 Roma-Sampdoria 0-0
1-1 Udinese-Parma 3-4

Spareggi[modifica | modifica wikitesto]

Spareggio interdivisionale Luogo e data
Perugia Rosso con grifone Bianco.png 0-1 600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png Fiorentina Perugia, 16 giugno 2004
Fiorentina 600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png 1-1 Rosso con grifone Bianco.png Perugia Firenze, 20 giugno 2004

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Primati stagionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di partite vinte: 25 (Milan)
  • Maggior numero di partite vinte in casa: 14 (Milan)
  • Maggior numero di partite vinte in trasferta: 11 (Milan)
  • Minor numero di partite perse: 2 (Milan)
  • Minor numero di partite perse in casa: 1 (Milan)
  • Minor numero di partite perse in trasferta: 1 (Milan)
  • Massimo dei pareggi: 16 (Reggina)
  • Massimo dei pareggi in casa: 10 (Perugia)
  • Massimo dei pareggi in trasferta: 9 (Sampdoria)
  • Minor numero di partite vinte: 2 (Ancona)
  • Minor numero di partite vinte in casa: 2 (Ancona)
  • Minor numero di partite vinte in trasferta: 0 (Ancona)
  • Maggior numero di partite perse: 25 (Ancona)
  • Maggior numero di partite perse in casa: 9 (Ancona)
  • Maggior numero di partite perse in trasferta: 16 (Ancona)
  • Minimo dei pareggi: 6 (Juventus)
  • Minimo dei pareggi in casa: 1 (Juventus, Roma)
  • Minimo dei pareggi in trasferta: 1 (Ancona)
  • Massimo punteggio in casa: 44 (Milan)
  • Massimo punteggio in trasferta: 38 (Milan)
  • Minimo punteggio in casa: 12 (Ancona)
  • Minimo punteggio in trasferta: 1 (Ancona)
  • Massimo delle reti segnate: 68 (Roma)
  • Minimo delle reti subite: 19 (Roma)
  • Miglior differenza reti: 49 (Roma)
  • Miglior quoziente-reti: 3,58 (Roma)
  • Minimo delle reti segnate: 21 (Ancona)
  • Massimo delle reti subite: 70 (Ancona)
  • Peggior differenza reti: −49 (Ancona)
  • Peggior quoziente-reti: 0,30 (Ancona)
  • Partita con più reti segnate: Brescia-Reggina 4-4 (8)
  • Partita con maggior scarto di reti: Inter-Reggina 6-0, Roma-Siena 6-0 (6)

Classifica dei marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Rigori Marcatore Squadra
1rightarrow.png 24 1 Andriy Shevchenko Milan
23 4 Alberto Gilardino Parma
20 6 Francesco Totti Roma
19 4 Ernesto Chevantón Lecce
17 2 Adriano Leite Ribeiro Parma (8)
Inter (9)
16 1 David Trezeguet Juventus
14 0 Antonio Cassano Roma
13 0 Fabio Bazzani Sampdoria
2 Christian Vieri Inter
12 0 Roberto Baggio Brescia
0 Andrea Caracciolo Brescia
0 Dino Fava Passaro Udinese
1 Jon Dahl Tomasson Milan
11 0 Vincenzo Iaquinta Udinese
0 Tommaso Rocchi Empoli
1 Marco Di Vaio Juventus
1 Francesco Flachi Sampdoria
10 0 Bernardo Corradi Lazio
0 Kaká Milan
4 Enrico Chiesa Siena


Marcature multiple[modifica | modifica wikitesto]

[45]

Reti Calciatore Incontro Giornata
4 Italia Alberto Gilardino Parma-Udinese 4-3 34

Capoliste solitarie[modifica | modifica wikitesto]

  • 9ª giornata: Juventus
  • 14ª giornata: Roma
  • Dalla 18ª alla 34ª giornata: Milan

Media spettatori[modifica | modifica wikitesto]

Media spettatori della Serie A 2003-04: 25.675[46]

Club Pos. Media Max. Totale Abbonamenti
Milan 1 63.245 78.334 1.075.162 49.146
Inter 2 58.352 75.831 991.982 45.953
Lazio 3 49.341 60.929 838.800 41.547
Roma 4 45.634 73.383 775.784 36.915
Juventus 5 34.365 53.883 584.207 28.672
Sampdoria 6 26.224 35.557 445.802 20.206
Bologna 7 23.062 33.782 392.057 16.274
Reggina 8 20.523 24.082 348.883 18.510
Udinese 9 17.642 29.819 299.918 14.530
Lecce 10 16.409 31.967 278.957 7.289
Parma 11 15.904 23.663 270.372 10.439
Modena 12 15.480 18.748 263.166 12.837
Chievo 13 14.868 34.624 252.763 8.472
Brescia 14 13.807 20.878 234.724 8.350
Ancona 15 13.235 23.306 224.997 9.117
Siena 16 11.142 13.310 189.408 7.903
Perugia 17 11.047 18.796 187.794 5.829
Empoli 18 7.340 16.186 124.788 3.277

Verdetti finali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Legrottaglie è della Juve Roma e Sensi beffati, Repubblica.it, 19 giugno 2003.
  2. ^ Francesco Ceniti, Kakà, sbarco da star, La Gazzetta dello Sport, 16 agosto 2003.
  3. ^ Emilio Marrese, Cruz all' Inter, Tare al Bologna ultimo valzer del mercato austero, la Repubblica, 31 agosto 2003.
  4. ^ Germano Bovolenta, L' onda del destino nel leone Helveg, La Gazzetta dello Sport, 4 ottobre 2003.
  5. ^ Giulio Cardone, La rivincita di Albertini Sì, siamo da scudetto, la Repubblica, 2 settembre 2003.
  6. ^ Il figlio di Gheddafi giocherà col Perugia, Repubblica.it, 15 giugno 2003.
  7. ^ a b Gaetano De Stefano, Le mille emozioni di Ancelotti, La Gazzetta dello Sport, 3 maggio 2004.
  8. ^ Milan e Juventus pari a San Siro le due di testa rallentano, Repubblica.it, 1 novembre 2003.
  9. ^ Enrico Curro e Andrea Sorrentino, Zaccheroni, ecco le prime mosse Stankovic o Davids verso Milano, la Repubblica, 21 ottobre 2003.
  10. ^ Juventus in fuga, il Parma frena il Milan Un tacco di Mancini regala il derby alla Roma, EcodiBergamo.it, 9 novembre 2003.
  11. ^ La Lazio strapazza la Juve Terza caduta, per Lippi è allarme, Repubblica.it, 6 dicembre 2003.
  12. ^ Luigi Garlando, Valerio Piccioni e Stefano Boldrini, Roma, una macchina da primato, La Gazzetta dello Sport, 21 dicembre 2003.
  13. ^ Lodovico Maradei, Il Milan ha messo la freccia, La Gazzetta dello Sport, 26 gennaio 2004.
  14. ^ Gaetano De Stefano, Il Milan vola, domato il Perugia, Gazzetta.it, 8 febbraio 2004.
  15. ^ Milan bello e spietato lo scudetto è a un passo, Repubblica.it, 14 marzo 2004.
  16. ^ Il Milan si è fermato ancora Grande rimonta del Modena, Repubblica.it, 4 aprile 2004.
  17. ^ Andrea Sorrentino, "Siamo pronti a festeggiare ma Totti va neutralizzato", Repubblica.it, 1 maggio 2004.
  18. ^ La Reggina supera il Milan e festeggia la serie A, Repubblica.it, 9 maggio 2004.
  19. ^ A San Siro la festa del Milan E il saluto a Roby Baggio, Repubblica.it, 16 maggio 2004.
  20. ^ Niente gol ma lo spettacolo c'è Sampdoria-Roma finisce 0-0, Repubblica.it, 16 maggio 2004.
  21. ^ Fabrizio Turco, Lippi: "Lascio la Juventus" La Nazionale nel futuro, Repubblica.it, 29 aprile 2004.
  22. ^ L'Inter va in Champions, Empoli e Modena in B, Il Piccolo, 17 maggio 2004.
  23. ^ Il poker di Gilardino non basta al Parma Udinese k.o, ma in Champions va l'Inter, Repubblica.it, 16 maggio 2004.
  24. ^ Massimo Vincenzi, Milan e Roma superpromosse il voto peggiore al campionato, Repubblica.it, 2 maggio 2004.
  25. ^ Bazzani, gol col sospetto Vince la Samp, Ancona in B, Repubblica.it, 4 aprile 2004.
  26. ^ La Fiorentina torna in Serie A, TGCom, 20 giugno 2004.
  27. ^ Giovanni Marino, Scandalo scommesse, la Repubblica, 2 giugno 2004.
  28. ^ Scommesse, bufera sul campionato "Tre anni a Bettarini e Siena in B", Repubblica.it, 20 agosto 2004.
  29. ^ Scommesse, nessuna retrocessione Modena a -5, multe a Siena e Samp, Repubblica.it, 25 agosto 2004.
  30. ^ La Figc ha scelto la fermezza sarà l'anno zero del calcio pulito?, Repubblica.it, 9 settembre 2004.
  31. ^ Ancona, Sonetti nuovo tecnico, gazzetta.it, 29 settembre 2003.
  32. ^ Galeone ad Ancona e Guidolin a Palermo, repubblica.it, 27 gennaio 2004.
  33. ^ Salta un'altra panchina in A, l'Empoli esonera Baldini, repubblica.it, 20 ottobre 2003.
  34. ^ Zaccheroni: «La mia Inter sarà così...», corriere.it, 20 ottobre 2003.
  35. ^ Il Modena caccia Malesani, Bellotto è il nuovo tecnico, corriere.it, 23 marzo 2004. (archiviato dall'url originale il ).
  36. ^ Reggina, il favorito è Camolese, gazzetta.it, 27 novembre 2003.
  37. ^ Torna Camolese, "Grazie Reggina", repubblica.it, 2 dicembre 2003.
  38. ^ Retrocessa dopo spareggio con la Fiorentina, sesta in Serie B: a Perugia, 16 giugno, Perugia-Fiorentina 0-1; a Firenze, 20 giugno, Fiorentina-Perugia 1-1.
  39. ^ Rinviata al 1º settembre 2003 per la concomitanza con la Supercoppa UEFA.
  40. ^ Rinviata al 25 marzo 2004 per neve.
  41. ^ Sospesa al 48' sullo 0-0 per motivi di ordine pubblico e ricominciata il 21 aprile 2004.
  42. ^ a b c Giocata a Palermo.
  43. ^ Giocata l'11 aprile 2004.
  44. ^ Rinviata al 28 gennaio 2004 per la sovrapposizione con la Coppa Intercontinentale.
  45. ^ Serie A 2003-2004 Rsssf.com
  46. ^ Statistiche Spettatori Serie A 2003-2004 Attendance Statistics of Serie A (1st Div) 2003-2004