Coppa Italia 2001-2002

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Coppa Italia 2001-2002 (disambigua).
Coppa Italia 2001-2002
TIM Cup 2001-2002
Competizione Coppa Italia
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 55ª
Organizzatore Lega Calcio
Date dal 12 agosto 2001
al 10 maggio 2002
Luogo Italia Italia
Partecipanti 48
Risultati
Vincitore Parma
(3º titolo)
Secondo Juventus
Semi-finalisti Milan
Brescia
Statistiche
Miglior marcatore Italia Nicola Amoruso (6)
Incontri disputati 110
Gol segnati 258 (2,35 per incontro)
Parma AC - Coppa Italia 2001-02.webp
Il Parma, vincitore dell'edizione
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2000-2001 2002-2003 Right arrow.svg

La Coppa Italia 2001-2002 è stata la 55ª edizione della manifestazione calcistica. È iniziata il 12 agosto 2001 e si è conclusa il 10 maggio 2002.

Il torneo è stato vinto dal Parma, che se lo aggiudicò per la terza volta nella propria storia dopo i successi ottenuti nel 1991-1992 e nel 1998-1999.

Formula del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Ubicazione delle squadre partecipanti alla Coppa Italia 2001-2002.
Fase di ingresso: Red pog.svg Fase a gironi; Green pog.svg Secondo turno; Blue pog.svg Ottavi di finale.

Alla manifestazione partecipano 48 squadre: tutte le squadre della Serie A e della Serie B più le quattro società retrocesse dalla serie B 2000/2001 (eccetto il Ravenna che è fallito), le migliori 5 non promosse della serie C1 2000/2001 e le due finaliste della Coppa Italia di Serie C 2000/2001.
Le migliori 8 della serie A 2000/2001 partono direttamente dagli ottavi di finale, le seconde migliori 6 e le migliori 2 della serie B 2000/2001 dal secondo turno.

Le altre 32 squadre vengono raggruppate in 8 gironi da 4 squadre ciascuno dove si affrontano in partite di sola andata. Passano il turno le prime classificate di ogni girone.
Per stilare la classifica la vittoria vale 3 punti, il pareggio 1 e la sconfitta 0. In caso di parità passa la squadra con la miglior differenza reti nello scontro diretto, altrimenti quella con la miglior differenza reti generale.

Dal secondo turno in poi si giocano partite di andata e ritorno, in caso di parità si tiene conto del maggior numero di reti segnate in trasferta, se sussiste ancora la parità si disputano i supplementari ed eventualmente si calciano i rigori.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

In grassetto le squadre qualificate

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Girone 1[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Genoa 7 3 2 1 0 8 3 +5
2. Treviso 4 3 1 1 1 3 2 +1
3. Arezzo 2 3 0 2 1 3 5 -2
4. Bari 2 3 0 2 1 1 5 -4
Arezzo
12 agosto 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Arezzo2 – 2
referto
GenoaStadio Comunale
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Treviso
12 agosto 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Treviso0 – 0
referto
BariStadio Omobono Tenni (1.008 spett.)
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Genova
19 agosto 2001, ore 18:00 CEST
2ª giornata
Genoa2 – 1
referto
TrevisoStadio Luigi Ferraris (7.201 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Bari
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Bari1 – 1
referto
ArezzoStadio San Nicola (1.346 spett.)
Arbitro:  Palanca (Roma 1)

Genova
29 agosto 2001, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Genoa4 – 0
referto
BariStadio Luigi Ferraris (7.000 spett.)
Arbitro:  Dondarini (Finale Emilia)

Treviso
29 agosto 2001, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Treviso2 – 0
referto
ArezzoStadio Omobono Tenni (323 spett.)
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

Girone 2[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Como 7 3 2 1 0 5 1 +4
2. Venezia 5 3 1 2 0 4 2 +2
3. Cosenza 2 3 0 2 1 3 4 -1
4. Ascoli 1 3 0 1 2 2 7 -5

L'Ascoli partecipò alla Coppa Italia su indicazione della Lega Professionisti di Serie C a seguito dell'esclusione dell'Unione Sportiva Ravenna dal campionato di Serie C1[1]

Cosenza
12 agosto 2001, ore 20:00 CEST
1ª giornata
Cosenza1 – 1
referto
VeneziaStadio San Vito (5.381 spett.)
Arbitro:  Gabriele (Frosinone)

Ascoli Piceno
12 agosto 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Ascoli0 – 3
referto
ComoStadio Cino e Lillo Del Duca (2.535 spett.)
Arbitro:  Cruciani (Pesaro)

Venezia
19 agosto 2001, ore 17:00 CEST
2ª giornata
Venezia2 – 0
referto
AscoliStadio Pierluigi Penzo (1.921 spett.)
Arbitro:  Dondarini (Finale Emilia)

Como
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Como1 – 0
referto
CosenzaStadio Giuseppe Sinigaglia (2.800 spett.)
Arbitro:  Pieri (Genova)

Cosenza
29 agosto 2001, ore 16:30 CEST
3ª giornata
Cosenza2 – 2
referto
AscoliStadio San Vito (163 spett.)
Arbitro:  Palanca (Roma 1)

Como
29 agosto 2001, ore 20:00 CEST
3ª giornata
Como1 – 1
referto
VeneziaStadio Giuseppe Sinigaglia (4.018 spett.)
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Girone 3[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Siena 7 3 2 1 0 7 4 +3
2. Palermo 6 3 2 0 1 8 4 +4
3. Napoli 3 3 1 0 2 4 6 -2
4. Livorno 1 3 0 1 2 2 7 -5
Cesena
12 agosto 2001, ore 20:30 CEST
1ª giornata
Napoli1 – 2
referto
SienaStadio Dino Manuzzi [2] (1.262 spett.)
Arbitro:  Dondarini (Finale Emilia)

Palermo
12 agosto 2001, ore 20:30 CEST
1ª giornata
Palermo3 – 0
referto
LivornoStadio La Favorita (8.486 spett.)
Arbitro:  Palanca (Roma 1)

Siena
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Siena4 – 2
referto
PalermoStadio Artemio Franchi (3.000 spett.)
Arbitro:  Cruciani (Pesaro)

Livorno
19 agosto 2001, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Livorno1 – 3
referto
NapoliStadio Armando Picchi (5.879 spett.)
Arbitro:  Preschern (Mestre)

Palermo
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Palermo3 – 0
referto
NapoliStadio La Favorita (1.685 spett.)
Arbitro:  Palmieri (Cosenza)

Siena
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Siena1 – 1
referto
LivornoStadio Artemio Franchi (1.500 spett.)
Arbitro:  Pieri (Genova)

Girone 4[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Modena 6 3 2 0 1 4 4 0
2. Cagliari 4 3 1 1 1 5 2 +3
3. Reggina 4 3 1 1 1 3 5 -2
4. Lumezzane 2 3 0 2 1 1 2 -1
Modena
12 agosto 2001, ore 20:30 CEST
1ª giornata
Modena1 – 0
referto
LumezzaneStadio Alberto Braglia (2.500 spett.)
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

Reggio Calabria
12 agosto 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Reggina2 – 1
referto
CagliariStadio Oreste Granillo (12.051 spett.)
Arbitro:  Cassarà (Palermo)

Cagliari
19 agosto 2001, ore 19:00 CEST
2ª giornata
Cagliari4 – 0
referto
ModenaStadio Sant'Elia (2.936 spett.)
Arbitro:  Cannella (Palermo)

Lumezzane
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Lumezzane1 – 1
referto
RegginaStadio Comunale (500 spett.)
Arbitro:  Nucini (Bergamo)

Cagliari
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Cagliari0 – 0
referto
LumezzaneStadio Sant'Elia (1.000 spett.)
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Modena
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Modena3 – 0
referto
RegginaStadio Alberto Braglia (3.000 spett.)
Arbitro:  Castellani (Verona)

Girone 5[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Sampdoria 6 3 2 0 1 4 4 0
2. Cittadella 6 3 2 0 1 6 3 +3
3. Avellino 3 3 1 0 2 5 5 0
4. Monza 3 3 1 0 2 3 6 -3
  • Si qualifica la Sampdoria per la vittoria nello scontro diretto.
Genova
12 agosto 2001, ore 20:30 CEST
1ª giornata
Sampdoria2 – 0
referto
CittadellaStadio Luigi Ferraris (4.583 spett.)
Arbitro:  Rossi (Ciampino)

Monza
12 agosto 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Monza2 – 1
referto
AvellinoStadio Brianteo (600 spett.)
Arbitro:  Cannella (Palermo)

Avellino
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Avellino3 – 0
referto
SampdoriaStadio Partenio (7.000 spett.)
Arbitro:  Gabriele (Frosinone)

Padova
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Cittadella3 – 0
referto
MonzaStadio Euganeo [3] (400 spett.)
Arbitro:  Dattilo (Locri)

Padova
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Cittadella3 – 1
referto
AvellinoStadio Euganeo [3] (423 spett.)
Arbitro:  Preschern (Mestre)

Monza
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Monza1 – 2
referto
SampdoriaStadio Brianteo (1.380 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Girone 6[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Messina 7 3 2 1 0 4 0 +4
2. Vicenza 5 3 1 2 0 4 2 +2
3. Pescara 3 3 1 0 2 3 7 -4
4. Crotone 1 3 0 1 2 2 4 -2
Crotone
12 agosto 2001, ore 20:00 CEST
1ª giornata
Crotone1 – 1
referto
VicenzaStadio Ezio Scida (8.000 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Pescara
12 agosto 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Pescara0 – 3
referto
MessinaStadio Adriatico (3.500 spett.)
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Cosenza
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Messina1 – 0
referto
CrotoneStadio San Vito [4] (1.500 spett.)
Arbitro:  Rossi (Ciampino)

Vicenza
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Vicenza3 – 1
referto
PescaraStadio Romeo Menti (5.256 spett.)
Arbitro:  Castellani (Verona)

Crotone
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Crotone1 – 2
referto
PescaraStadio Ezio Scida (1.000 spett.)
Arbitro:  Dattilo (Locri)

Messina
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Messina0 – 0
referto
VicenzaStadio Giovanni Celeste (8.000 spett.)
Arbitro:  Nucini (Bergamo)

Girone 7[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Ternana 7 3 2 1 0 6 2 +4
2. Chievo 7 3 2 1 0 4 2 +2
3. Prato 3 3 1 0 2 3 5 -2
4. Pistoiese 0 3 0 0 3 4 8 -4
  • Si qualifica la Ternana per la miglior differenza reti.
Terni
12 agosto 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Ternana2 – 0
referto
PratoStadio Libero Liberati [5] (3.000 spett.)
Arbitro:  Palmieri (Cosenza)

Pistoia
12 agosto 2001, ore 21:00 CEST
1ª giornata
Pistoiese1 – 2
referto
ChievoStadio Comunale (2.496 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Verona
19 agosto 2001, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Chievo1 – 0
referto
PratoStadio Marcantonio Bentegodi (1.756 spett.)
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

Terni
19 agosto 2001, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Ternana3 – 1
referto
PistoieseStadio Libero Liberati (4.000 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Pistoia
29 agosto 2001, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Pistoiese2 – 3
referto
PratoStadio Comunale (2.000 spett.)
Arbitro:  Cannella (Palermo)

Terni
29 agosto 2001, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Ternana1 – 1
referto
ChievoStadio Libero Liberati (7.322 spett.)
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Girone 8[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Empoli 7 3 2 1 0 5 1 +4
2. Ancona 6 3 2 0 1 4 2 +2
3. Salernitana 3 3 1 0 2 4 6 -2
4. Catania 1 3 0 1 2 1 5 -4
Empoli
12 agosto 2001, ore 20:30 CEST
1ª giornata
Empoli1 – 0
referto
AnconaStadio Carlo Castellani (1.100 spett.)
Arbitro:  Pieri (Genova)

Salerno
12 agosto 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Salernitana3 – 0
referto
CataniaStadio Arechi (12.000 spett.)
Arbitro:  Dattilo (Locri)

Caltanissetta
19 agosto 2001, ore 17:30 CEST
2ª giornata
Catania1 – 1
referto
EmpoliStadio Pian del Lago [6] (3.000 spett.)
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Ancona
19 agosto 2001, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Ancona3 – 1
referto
SalernitanaStadio Del Conero (2.998 spett.)
Arbitro:  Palmieri (Cosenza)

Caltanissetta
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Catania0 – 1
referto
AnconaStadio Pian del Lago [6] (1.000 spett.)
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Empoli
29 agosto 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Empoli3 – 0
referto
SalernitanaStadio Carlo Castellani (1.605 spett.)
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Secondo turno[modifica | modifica wikitesto]

Le gare di andata furono disputate tra il 19 settembre e il 4 ottobre, quelle di ritorno il 24 e il 25 ottobre.

Squadra 1 Totale Squadra 2 Andata Ritorno
Empoli 4 - 5 Bologna 1 - 4 3 - 1
Messina 5 - 2 Lecce 2 - 1 3 - 1
Modena 4 - 7 Perugia 1 - 1 3 - 6
Piacenza 1 - 1 (gfc) Genoa 0 - 0 1 - 1
Siena 4 - 4 (gfc) Verona 2 - 1 2 - 3
Ternana 4 - 6 Udinese 4 - 4 0 - 2
Como 4 - 0 Fiorentina 2 - 0 2 - 0
Sampdoria 3 - 3 (gfc) Torino 1 - 1 2 - 2

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Empoli
19 settembre 2001, ore 20.30 CEST
Empoli1 – 4
referto
BolognaStadio Carlo Castellani (1 843 spett.)
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Messina
19 settembre 2001, ore 20.30 CEST
Messina2 – 1
referto
LecceStadio Giovanni Celeste
Arbitro:  Gabriele (Frosinone)

Modena
19 settembre 2001, ore 20.30 CEST
Modena1 – 1
referto
PerugiaStadio Alberto Braglia
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Piacenza
19 settembre 2001, ore 20.30 CEST
Piacenza0 – 0
referto
GenoaStadio Leonardo Garilli
Arbitro:  Palmieri (Cosenza)

Siena
19 settembre 2001, ore 20.30 CEST
Siena1 – 0
referto
VeronaStadio Artemio Franchi (2 500 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Terni
19 settembre 2001, ore 20.45 CEST
Ternana4 – 4
referto
UdineseStadio Libero Liberati
Arbitro:  Rossi (Ciampino)

Como
3 ottobre 2001[7], ore 17.00 CEST
Como2 – 0
referto
FiorentinaStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Preschern (Mestre)

Genova
4 ottobre 2001[8], ore 20.45 CEST
Sampdoria1 – 1
referto
TorinoStadio Luigi Ferraris (3.209 spett.)
Arbitro:  Dondarini (Finale Emilia)

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Bologna
24 ottobre 2001, ore 15:00 CEST
Ritorno
Bologna1 – 3
referto
EmpoliStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Palmieri (Cosenza)

Lecce
24 ottobre 2001, ore 17.00 CEST
Lecce1 – 3
referto
MessinaStadio Via del Mare
Arbitro:  Preschern (Mestre)

Perugia
24 ottobre 2001, ore 20.30 CEST
Perugia6 – 3
referto
ModenaStadio Renato Curi
Arbitro:  Pieri (Genova)

Genova
24 ottobre 2001, ore 20:00 CEST
Genoa1 – 1
referto
PiacenzaStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Verona
24 ottobre 2001, ore 20.30 CEST
Verona3 – 2
referto
SienaStadio Marcantonio Bentegodi
Arbitro:  Nucini (Bergamo)

Udine
24 ottobre 2001, ore 20.30 CEST
Udinese2 – 0
referto
TernanaStadio Friuli
Arbitro:  Cassarà (Palermo)

Firenze
24 ottobre 2001, ore 20.45 CEST
Fiorentina0 – 2
referto
ComoStadio Artemio Franchi
Arbitro:  Rossi (Ciampino)

Torino
25 ottobre 2001, ore 20.45 CEST
Torino2 – 2
referto
SampdoriaStadio delle Alpi (4.766 spett.)
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Le gare di andata furono disputate tra il 10 e il 13 novembre, quelle di ritorno tra il 27 novembre e il 12 dicembre.

Squadra 1 Totale Squadra 2 Andata Ritorno
Bologna 2 - 2 (gfc) Atalanta 2 - 2 0 - 0
Como 1 - 1 (3-6 dcr) Brescia 1 - 0 0 - 1 (dts)
Lazio 3 - 1 Siena 2 - 1 1 - 0
Messina 2 - 3 Parma 0 - 2 2 - 1
Piacenza 2 - 4 Roma 2 - 1 0 - 3
Sampdoria 3 - 7 Juventus 1 - 2 2 - 5
Udinese 4 - 3 Inter 2 - 1 2 - 2
Milan 3 - 0 Perugia 3 - 0 0 - 0

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Bologna
10 novembre 2001, ore 20:45 CET
Bologna2 – 2
referto
AtalantaStadio Renato Dall'Ara (5.000 spett.)
Arbitro:  Bolognino (Milano)

Como
11 novembre 2001, ore 15.00 CET
Como1 – 0
referto
BresciaStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Roma
11 novembre 2001, ore 15:00 CET
Lazio2 – 1
referto
SienaStadio Olimpico (16 200 spett.)
Arbitro:  Palmieri (Cosenza)

Messina
11 novembre 2001, ore 15.00 CET
Messina0 – 2
referto
ParmaStadio Giovanni Celeste
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Piacenza
11 novembre 2001, ore 15:00 CET
Piacenza2 – 1
referto
RomaStadio Leonardo Garilli
Arbitro:  Nucini (Bergamo)

Genova
11 novembre 2001, ore 20:45 CET
Sampdoria1 – 2
referto
JuventusStadio Luigi Ferraris (ca 13 000 spett.)
Arbitro:  Gabriele (Frosinone)

Udine
12 novembre 2001, ore 20:45 CET
Udinese2 – 1
referto
InterStadio Friuli
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Milano
13 novembre 2001, ore 20:45 CET
Milan3 – 0
referto
PerugiaStadio Giuseppe Meazza (5.569 spett.)
Arbitro:  Preschern (Mestre)

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Bergamo
29 novembre 2001, ore 18:00 CET
Atalanta0 – 0
referto
BolognaStadio Atleti Azzurri d'Italia (5.000 spett.)
Arbitro:  Gabriele (Frosinone)

Brescia
28 novembre 2001, ore 20.30 CET
Brescia1 – 0
(d.t.s.)
referto
ComoStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Nucini (Bergamo)

Siena
28 novembre 2001, ore 20:30 CET
Siena0 – 1
referto
LazioStadio Artemio Franchi (7 000 spett.)
Arbitro:  Dondarini (Finale Emilia)

Parma
28 novembre 2001, ore 18.30 CET
Parma1 – 2
referto
MessinaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

Roma
27 novembre 2001, ore 20:45 CET
Roma3 – 0
referto
PiacenzaStadio Olimpico
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Torino
12 dicembre 2001[9], ore 18:00 CET
Juventus5 – 2
referto
SampdoriaStadio delle Alpi
Arbitro:  Ayroldi (Molfetta)

Milano
29 novembre 2001, ore 20:45 CET
Inter2 – 2
referto
UdineseStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Perugia
28 novembre 2001, ore 18:00 CET
Perugia0 – 0
referto
MilanStadio Renato Curi (1.858 spett.)
Arbitro:  Pieri (Genova)

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Le gare di andata furono disputate tra l'11 dicembre e il 10 gennaio, quelle di ritorno tra l'8 e il 17 gennaio.

Squadra 1 Totale Squadra 2 Andata Ritorno
Udinese 1 - 1 (gfc) Parma 1 - 1 0 - 0
Roma 0 - 4 Brescia 0 - 1 0 - 3
Juventus 5 - 4 Atalanta 4 - 2 1 - 2
Milan 5 - 3 Lazio 2 - 1 3 - 2

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Udine
11 dicembre 2001, ore 20.45 CET
Udinese1 – 1
referto
ParmaStadio Friuli
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Roma
12 dicembre 2001, ore 20:45 CET
Roma0 – 1
referto
BresciaStadio Olimpico
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Torino
9 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Juventus4 – 2
referto
AtalantaStadio delle Alpi (599 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Milano
10 gennaio [10] 2002, ore 20:45 CET
Milan2 – 1
referto
LazioStadio Giuseppe Meazza (5.391 spett.)
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Parma
9 gennaio 2002, ore 17.45 CET
Parma0 – 0
referto
UdineseStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Cassarà (Palermo)

Brescia
8 gennaio 2002, ore 21:00 CET
Brescia3 – 0
referto
RomaStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Bergamo
17 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Atalanta2 – 1
referto
JuventusStadio Atleti Azzurri d'Italia (ca 6 000 spett.)
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Roma
16 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Lazio2 – 3
referto
MilanStadio Olimpico (15.000 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Le gare di andata furono disputate il 23 e il 31 gennaio, quelle di ritorno il 6 e il 7 febbraio.

Squadra 1 Totale Squadra 2 Andata Ritorno
Milan 2 - 3 Juventus 1 - 2 1 - 1
Parma 3 - 2 Brescia 2 - 0 1 - 2

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
23 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Milan1 – 2
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza (27 687 spett.)
Arbitro:  Braschi (Prato)

Parma
31 gennaio[11] 2002, ore 21.00 CET
Parma2 – 0
referto
BresciaStadio Ennio Tardini (5 000 spett.)
Arbitro:  Cesari (Genova)

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Torino
6 febbraio 2002, ore 20:45 CET
Juventus1 – 1
referto
MilanStadio delle Alpi (6 588 spett.)
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Brescia
7 febbraio 2002, ore 21.00 CET
Brescia2 – 1
referto
ParmaStadio Mario Rigamonti (3 500 spett.)
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Finali[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1 Totale Squadra 2 Andata Ritorno
Juventus 2 - 2 (gfc) Parma 2 - 1 0 - 1

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Torino
25 aprile 2002, ore 20:45 CEST [12]
Juventus2 – 1
referto
ParmaStadio delle Alpi (35.874 spett.)
Arbitro: Italia Collina (Viareggio)

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Juventus
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Parma
GK 22 Uruguay Fabián Carini
DF 15 Italia Alessandro Birindelli
DF 21 Francia Lilian Thuram
DF 5 Croazia Igor Tudor Uscita al 46’ 46’
DF 3 Italia Michele Paramatti
MF 14 Italia Cristian Zenoni
MF 8 Italia Antonio Conte
MF 26 Paesi Bassi Edgar Davids Uscita al 58’ 58’
MF 11 Rep. Ceca Pavel Nedvěd Uscita al 46’ 46’
FW 25 Uruguay Marcelo Zalayeta
FW 27 Italia Nicola Amoruso
Sostituti:
GK 1 Italia Gianluigi Buffon
DF 2 Italia Ciro Ferrara
DF 4 Uruguay Paolo Montero Ingresso al 46’ 46’
FW 10 Italia Alessandro Del Piero
FW 17 Francia David Trezeguet
DF 19 Italia Gianluca Zambrotta Ingresso al 46’ 46’
MF 20 Italia Alessio Tacchinardi Ammonizione Ingresso al 58’ 58’
Allenatore:
Italia Marcello Lippi
Juventus-Parma 2002-04-24.svg
GK 30 Brasile Cláudio Taffarel
DF 74 Francia Martin Djetou Uscita al 46’ 46’
DF 14 Francia Alain Boghossian
DF 3 Italia Antonio Benarrivo Ammonizione
DF 7 Italia Luigi Sartor Ammonizione
MF 4 Ghana Stephen Appiah Uscita al 74’ 74’
MF 8 Francia Sabri Lamouchi
MF 23 Italia Aimo Diana
MF 32 Italia Marco Marchionni
MF 18 Francia Johan Micoud
FW 11 Turchia Hakan Şükür Uscita al 58’ 58’
Sostituti:
GK 1 Francia Sébastien Frey
MF 10 Giappone Hidetoshi Nakata Ingresso al 74’ 74’
MF 13 Italia Giampiero Maini
DF 15 Bielorussia Sergei Gurenko Ingresso al 46’ 46’
DF 16 Brasile Júnior
DF 21 Italia Matteo Ferrari
FW 22 Italia Emiliano Bonazzoli Ingresso al 58’ 58’
Allenatore:
Italia Pietro Carmignani

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Parma
10 maggio 2002, ore 20:45 CEST [13]
Parma1 – 0
referto
JuventusStadio Ennio Tardini (26.864 spett.)
Arbitro: Italia Paparesta (Bari)

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Parma
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Juventus
GK 30 Brasile Cláudio Taffarel
DF 7 Italia Luigi Sartor Uscita al 88’ 88’
DF 6 Argentina Néstor Sensini
DF 3 Italia Antonio Benarrivo
DF 23 Italia Aimo Diana Ammonizione
MF 25 Argentina Matías Almeyda Ammonizione
MF 8 Francia Sabri Lamouchi
MF 16 Brasile Júnior
MF 18 Francia Johan Micoud Uscita al 83’ 83’
MF 10 Giappone Hidetoshi Nakata Uscita al 41’ 41’
FW 20 Italia Marco Di Vaio
Sostituti:
GK 1 Francia Sébastien Frey
MF 4 Ghana Stephen Appiah Ingresso al 41’ 41’
FW 10 Italia Gaetano Grieco
FW 13 Italia Giampiero Maini
DF 15 Bielorussia Sergei Gurenko
DF 21 Italia Matteo Ferrari Ingresso al 88’ 88’
FW 22 Italia Emiliano Bonazzoli Ingresso al 83’ 83’
Allenatore:
Italia Pietro Carmignani
Parma-Juventus 2002-05-10.svg
GK 22 Uruguay Fabián Carini
DF 15 Italia Alessandro Birindelli Uscita al 46’ 46’
DF 2 Italia Ciro Ferrara Ammonizione
DF 4 Uruguay Paolo Montero
DF 3 Italia Michele Paramatti
MF 14 Italia Cristian Zenoni
MF 8 Italia Antonio Conte
MF 20 Italia Alessio Tacchinardi Ammonizione
MF 19 Italia Gianluca Zambrotta
FW 27 Italia Nicola Amoruso Ammonizione Uscita al 56’ 56’
FW 25 Uruguay Marcelo Zalayeta Uscita al 73’ 73’
Sostituti:
GK 1 Italia Gianluigi Buffon
FW 9 Cile Marcelo Salas Ingresso al 73’ 73’
FW 10 Italia Alessandro Del Piero Ingresso al 46’ 46’
DF 13 Italia Mark Iuliano
FW 17 Francia David Trezeguet Ingresso al 56’ 56’
DF 21 Francia Lilian Thuram
MF 26 Paesi Bassi Edgar Davids
Allenatore:
Italia Marcello Lippi

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Rigori Giocatore Squadra
6 3 Italia Nicola Amoruso Juventus
5 Uruguay Marcelo Zalayeta Juventus
5 Italia Cosimo Francioso Genoa
5 Belgio Luís Oliveira Como
4 Italia Carlo Taldo Como
4 Argentina Hernán Crespo Lazio
4 Spagna Javi Moreno Milan
4 Italia Fabio Bazzani Perugia (3)
Venezia (1)
4 2 Italia Francesco Flachi Sampdoria
4 Italia Riccardo Zampagna Siena
3 1 Italia David Di Michele Udinese

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cfr. Comunicato ufficiale N. 22 del 1 agosto 2001 (PDF), su img.legaseriea.it.
  2. ^ Partita giocata in campo neutro a Cesena su richiesta del Napoli. cfr. Domenica il debutto con il Siena, in la Repubblica, 10 agosto 2001, p. 9.
  3. ^ a b .Il Cittadella ha disputato tutte le partite casalinghe della stagione 2001-2002 allo Stadio Euganeo di Padova per l'indisponibilità dello Stadio Piercesare Tombolato. cfr. Comunicato ufficiale N. 23 del 1 agosto 2001 (PDF), su img.legaseriea.it.
  4. ^ Partita giocata in campo neutro per indisponibilità dello stadio casalingo.
  5. ^ Partita in calendario come Prato-Ternana, ma giocata a Terni per inversione di campo richiesta dal Prato. cfr. Comunicato ufficiale N. 29 del 4 agosto 2001 (PDF), su img.legaseriea.it.
  6. ^ a b Partita giocata in campo neutro a Caltanissetta per le quattro giornate di squalifica inflitte dal giudice sportivo allo Stadio Cibali causa condotta violenta dei tifosi catanesi in occasione della gara Messina-Catania del 17 giugno 2001, valida come finale di ritorno play off della Serie C1 2000-2001. cfr. Il giudice: quattro giornate di squalifica al Cibali, in La Gazzetta dello Sport, 19 giugno 2001.; cfr. Comunicato ufficiale N. 34 del 10 agosto 2001 (PDF), su img.legaseriea.it. e cfr. Comunicato ufficiale N. 35 del 10 agosto 2001 (PDF), su img.legaseriea.it.
  7. ^ Partita in programma il 19 settembre 2001, ma rinviata per lo slittamento del calendario(causa la tragedia delle Torri Gemelle a New York) che portò la Fiorentina a giocare in Coppa UEFA il 20 settembre 2001. cfr. Comunicato ufficiale N. 63 del 14 settembre 2001 (PDF), su img.legaseriea.it.
  8. ^ Partita in programma il 20 settembre 2001, ma rinviata per consentire la diretta televisiva in quanto concomitante con le gare delle squadre italiane in Coppa UEFA dopo lo slittamento del calendario(causa la tragedia delle Torri Gemelle a New York). cfr. Comunicato ufficiale N. 63 del 14 settembre 2001 (PDF), su img.legaseriea.it..
  9. ^ Partita in programma il 28 novembre 2001, rinviata per permettere il recupero di Juventus-Bayer Leverkusen (7ª giornata della seconda fase a gironi della UEFA Champions League) cfr. Comunicato ufficiale N. 143 del 22 novembre 2001 (PDF), su img.legaseriea.it.
  10. ^ Partita inizialmente prevista per il 13 dicembre 2001 e rinviata dall'arbitro Messina per campo impraticabile, causa neve. cfr. Lo scandalo del calcio di notte, in la Repubblica, 14 dicembre 2001, p. 54.
  11. ^ Partita inizialmente prevista per il 23 gennaio, fu rinviata al 31 gennaio a causa della tragica morte di Vittorio Mero. cfr. Mero, morte sull'autostrada, in La Gazzetta dello Sport, 24 gennaio 2002. e cfr. Comunicato ufficiale N. 234 del 24 gennaio 2002 (PDF), su img.legaseriea.it.
  12. ^ cfr. Nakata rovina la festa alla Juve di Zalayeta, in La Stampa, 26 aprile 2002, p. 31.
  13. ^ cfr. La notte della Coppa fa sorridere il Parma, in La Stampa, 11 maggio 2002, p. 33.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Melegari (a cura di), Almanacco illustrato del calcio 2003, Modena, Edizioni Panini, 2002, pp. 388-398.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio