Luiz Felipe Scolari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luiz Felipe Scolari
Training Brazilian national team before the match against Croatia at the FIFA World Cup 2014-06-11 (2).jpg
Scolari durante una conferenza stampa nel 2014.
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 182 cm
Peso 115 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Guangzhou Ever.
Ritirato 1981 - giocatore
Carriera
Giovanili
1966-1973 Aimoré
Squadre di club1
1973-1979 Caxias ? (?)
1980 Juventude ? (?)
1980-1981 Novo Hamburgo ? (?)
1981 CSA ? (?)
Carriera da allenatore
1982 CSA
1982-1983 Juventude
1983 Brasil de Pelotas
1984-1985 Al-Shabab
1986 Pelotas
1986-1987 Juventude
1987 Grêmio
1988 Goiás
1988-1990 Al-Qadisiya
1990 Kuwait Kuwait
1991 Criciúma
1991 Al-Ahli
1992 Al-Qadisiya
1993-1996 Grêmio
1996-1997 Júbilo Iwata
1997-2000 Palmeiras
2000-2001 Cruzeiro
2001-2002 Brasile Brasile
2002-2008 Portogallo Portogallo
2008-2009 Chelsea
2009-2010 Bunyodkor
2010-2012 Palmeiras
2012-2014 Brasile Brasile
2014-2015 Grêmio
2015- Guangzhou Ever.
Palmarès
Transparent.png Coppa delle Nazioni del Golfo
Oro Kuwait 1990
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Corea del Sud-Giappone 2002
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Portogallo 2004
Transparent.png Confederations Cup
Oro Brasile 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 giugno 2015

Luiz Felipe Scolari (Passo Fundo, 9 novembre 1948) è un allenatore di calcio ed ex calciatore brasiliano di ruolo difensore, tecnico del Guangzhou Evergrande.

Conclusa una modesta carriera da calciatore, si è affermato come allenatore alla guida di prestigiosi club brasiliani come il Grêmio e il Palmeiras con le quali ha vinto la Coppa Libertadores rispettivamente nel 1995 e nel 1999. Due volte commissario tecnico della Nazionale brasiliana (dal 2001 al 2002 e dal 2012 al 2014), ha guidato la squadra alla vittoria del quinto campionato mondiale nel 2002 ma è stato protagonista anche di una clamorosa eliminazione nel mondiale del 2014 quando il Brasile è stato eliminato dalla Germania per 1-7 in semifinale, in quella che sarebbe passata alla storia come la gara del Mineirazo.

Nel 2015, dopo aver vinto la AFC Champions League con i cinesi del Guangzhou Evergrande, è diventato insieme a Marcello Lippi l'unico allenatore ad aver vinto le massime competizioni internazionali organizzate da almeno due Confederazioni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In virtù delle sue ascendenze (suo nonno Luigi era di Sant'Apollonia Cologna Veneta, in provincia di Verona), Scolari dal 2002 è cittadino italiano.[1]

Soprannominato Felipão (Filippone) in patria, durante la sua esperienza al Chelsea è stato spesso indicato dai mass media anglosassoni come Big Phil.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi e le vittore con Grêmio e Palmeiras[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver terminato la sua carriera da calciatore, ha cominciato quella da allenatore nel 1982 con il CSA. Nel 1987, alla guida del Grêmio vinse il Campionato Gaúcho e la Coppa del Brasile. Dopo aver allenato per un anno il Criciúma e dopo alcune esperienze in Arabia Saudita e con la Nazionale del Kuwait, è tornato al Grêmio nel 1993 vincendo una Coppa Libertadores.

Successivamente ha seduto sulle panchine di Palmeiras (dal 1997 al 2000), vincendo una Coppa Libertadores nel 1999, e Cruzeiro (dal 2000 al 2001).

Nazionale brasiliana[modifica | modifica wikitesto]

È diventato commissario tecnico del Brasile il 9 giugno 2001, in un periodo difficile per la squadra che rischiava di non qualificarsi alla fase finale del campionato mondiale di calcio 2002.

Dopo una sorprendente eliminazione in Coppa America contro l'Honduras, la Nazionale si qualificò alla fase finale in Corea del Sud e Giappone e, dopo le iniziali critiche da parte della stampa sportiva per aver deciso di puntare su Ronaldo (reduce da un lungo periodo di inattività) anziché su Romário, il 30 giugno 2002 a Yokohama guidò la Nazionale brasiliana alla vittoria sulla Germania per 2-0 con doppietta proprio di Ronaldo e alla conseguente conquista per la quinta volta nella sua storia della Coppa del Mondo.

Nazionale portoghese[modifica | modifica wikitesto]

Con il Portogallo ha conquistato la finale al campionato europeo di calcio 2004, perdendola per 1-0 contro la Grecia, e un buon 4º posto al campionato mondiale di calcio 2006: dopo aver eliminato i Paesi Bassi per 1-0 negli ottavi di finale e l'Inghilterra per 3-1 dopo i rigori nei quarti di finale, il Portogallo venne sconfitto per 1-0 dalla Francia in semifinale, infine per 3-1 dalla Germania nella finale per il 3º e 4º posto.

Come annunciato già nel 2006, ha lasciato la guida della Nazionale portoghese dopo il campionato europeo di calcio 2008, dove la sua squadra è stata eliminata ai quarti di finale dalla Germania, nonostante la squadra portoghese avesse espresso buone prestazioni nelle partite precedenti.

Chelsea[modifica | modifica wikitesto]

Luiz Felipe Scolari al Chelsea nel 2008

L'11 giugno 2008 il Chelsea, club inglese, annunciò con un comunicato sul proprio sito web che dal 1º luglio Scolari avrebbe assunto l'incarico di allenatore della prima squadra. Scolari ha esordito in Premier League da tecnico dei Blues con una netta vittoria (4-0) sul Portsmouth, il 18 agosto 2008. Il 9 febbraio 2009, dopo il pareggio casalingo contro l'Hull City (0-0), è stato esonerato per gli scarsi risultati raggiunti. Il Chelsea si trovava a sette punti dalla testa della classifica.

Bunyodkor e ritorno al Palmeiras[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 giugno 2009 sottoscrive un contratto di 18 mesi con il Bunyodkor, squadra uzbeka dove militava Rivaldo, appena fresca del suo primo titolo nazionale e della sua prima coppa di Uzbekistan.[2][3]

Il 29 maggio 2010 lascia il Bunyodkor. Il 13 giugno seguente firma per la squadra di club che gli ha dato maggiore notorietà in carriera, il Palmeiras[4] portandolo al 10º posto in campionato. L'anno seguente si piazza all'11º posto e il 14 settembre 2012 viene esonerato in seguito agli scarsi risultati ottenuti con la squadra che a dicembre retrocederà.[5]

Ritorno alla Nazionale brasiliana[modifica | modifica wikitesto]

Scolari con il Brasile nel campionato mondiale di calcio 2014

In seguito all'esonero di Mano Menezes, il 29 novembre seguente viene ingaggiato dalla Federcalcio brasiliana come nuovo commissario tecnico della Nazionale verdeoro.[6][7] Per Scolari si tratta così della seconda esperienza alla guida della selezione brasiliana. Esperienza che però questa volta si rivelerà fallimentare (nonostante una buona Confederations Cup culminata con la vittoria finale nel mezzo) al culmine del Mondiale del 2014 (4º posto). Si dimette il 14 luglio 2014 al termine del torneo.

Gremio[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo firma per il Gremio portandolo al 7º posto in campionato. Il 29 maggio 2015 con la squadra al 13º posto rassegna le dimissioni.

Guangzhou[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 giugno seguente firma per i cinesi del Guangzhou sostituendo Fabio Cannavaro. Nella sua prima stagione con il club cinese vince il campionato e la AFC Champions League.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
CSA: 1982
Grêmio: 1987, 1993, 1995, 1996
Al Qadisiya: 1989
Criciúma: 1991
Grêmio: 1994
Palmeiras: 1998, 2012
Grêmio: 1996
Palmeiras: 2000
Cruzeiro: 2001
Bunyodkor: 2009
Guangzhou Evergrande: 2015
Guangzhou Evergrande: 2016
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Grêmio: 1995
Palmeiras: 1999
Grêmio: 1996
Palmeiras: 1998
Guangzhou Evergrande: 2015

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Kuwait: 1990
Brasile: Corea del Sud-Giappone 2002
Brasile: Brasile 2013

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1999, 2002

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «Da voi vengo di corsa e costo anche poco», da Repubblica.it, 25 ottobre 2002.
  2. ^ Scolari, dal Chelsea al Bunyodkor, Sport Mediaset. URL consultato il 9 giugno 2009.
  3. ^ (RU) Сколари “Бунёдкор”да, in www.fcbunyodkor.com. URL consultato il 9 giugno 2009.
  4. ^ (PT) Luiz Felipe Scolari acerta até dezembro de 2012 e é o novo treinador do Palmeiras, palmeiras.com. URL consultato il 13 giugno 2010.
  5. ^ Scolari, ufficiale: Ex ct Brasile esonerato dal Palmeiras, calciomercato.com. URL consultato il 14 settembre 2012.
  6. ^ (PT) Dupla mostra sintonia no desafio de dar ao Brasil o hexacampeonato em 2014, cbf.com.br, 29 novembre 2012. URL consultato il 29 novembre 2012.
  7. ^ Mauricio Cannone, Scolari: "Torno per vincere il 6° Mondiale del Brasile", La Gazzetta dello Sport, 29 novembre 2012. URL consultato il 29 novembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN98841758