Nazionale di calcio della Corea del Sud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Sport Calcio
Federazione KFA
Korea Football Association
Confederazione AFC
Codice FIFA KOR
Soprannome 아시아의 호랑이 (Tigri Asiatiche)
태극전사 (Guerrieri Taeguk)
Selezionatore Hwang Sun-hong (ad interim)
Record presenze Hong Myung-bo (136)
Capocannoniere Cha Bum-kun (56)
Ranking FIFA 23º (21 dicembre 2023)[1]
Sponsor tecnico Nike
Esordio internazionale
Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud 5 - 1 Hong Kong Bandiera di Hong Kong
Hong Kong; 6 luglio 1948
Migliore vittoria
Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud 16 - 0 Nepal Bandiera del Nepal
Incheon, Corea del Sud; 29 settembre 2003
Peggiore sconfitta
Bandiera della Svezia Svezia 12 - 0 Corea del Sud Bandiera della Corea del Sud
Londra, Regno Unito; 5 agosto 1948
Campionato del mondo
Partecipazioni 11 (esordio: 1954)
Miglior risultato Quarto posto nel 2002
Coppa d'Asia
Partecipazioni 15 (esordio: 1956)
Miglior risultato Oro Campioni nel 1956, 1960
Campionato CONCACAF/Gold Cup
Partecipazioni 2 (esordio: 2000)
Miglior risultato Quarto posto nel 2002
Confederations Cup
Partecipazioni 1 (esordio: 2001)
Miglior risultato Primo turno nel 2001
Torneo Olimpico
Partecipazioni 1 (esordio: 1948)
Miglior risultato Quarti di finale nel 1948

La nazionale di calcio della Corea del Sud (대한민국 축구 국가대표팀 in coreano) è la squadra calcistica nazionale della Corea del Sud ed è posta sotto l'egida della federazione calcistica sudcoreana.

La Corea del Sud è la squadra asiatica che ha ottenuto più successi da quando debuttò alle Olimpiadi del 1948. Dagli anni 1960 si è imposta come una delle migliori nazionali della Asian Football Confederation (AFC) e conta undici partecipazioni (record asiatico) alla fase finale del campionato del mondo, di cui dieci consecutive. È l'unica nazionale asiatica (cioè affiliata all'AFC) ad aver raggiunto la semifinale di un campionato del mondo, traguardo raggiunto nell'edizione 2002, co-ospitata con il Giappone. È stata la seconda nazionale non appartenente alla UEFA o alla CONMEBOL, dopo gli Stati Uniti nel 1930, a raggiungere questo risultato, eguagliato in seguito dal Marocco nel 2022.

Ha vinto 2 Coppe d'Asia (1956 e 1960), torneo in cui si è piazzata per 4 volte seconda (1972, 1980, 1988 e 2015) e 4 volte terza (1964, 2000, 2007 e 2011). Ha inoltre vinto 3 medaglie d'oro ai Giochi asiatici (1970, 1978 e 1986).

Nella classifica mondiale della FIFA, istituita nell'agosto 1993, il miglior piazzamento della Corea del Sud è il 17º posto del dicembre 1998, mentre il peggiore piazzamento è il 69º posto occupato dal novembre 2014 al gennaio 2015; la squadra occupa attualmente la 23ª posizione della graduatoria.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dall'Ottocento al 1954[modifica | modifica wikitesto]

In Corea, nell'antichità, si praticava un gioco di palla chiamato chuk-guk, molto simile al calcio contemporaneo. I coreani conobbero per la prima volta la versione corrente del calcio nel 1882, quando gli inglesi giocarono una partita mentre il loro vascello sostava nel porto di Incheon[2]. Nel 1921 si disputò il primo campionato nazionale sudcoreano e nel 1928 fu fondata la federazione calcistica sudcoreana allo scopo di diffondere e sviluppare il calcio in Corea[3]. Nel 1941 il Governatore Generale di Corea impose la dissoluzione della federcalcio.

Durante i decenni del dominio coloniale giapponese il calcio contribuì ad alleviare le frustrazioni dei coreani oppressi e ad alimentare la speranza di liberazione. La Korea Football Association fu re-istituita nel 1948, con la creazione della Repubblica di Corea. Nello stesso anno la KFA divenne membro della FIFA, la federazione che governa il calcio internazionale.

Dal 1954 agli anni 1970[modifica | modifica wikitesto]

La KFA si affiliò alla AFC (Confederazione di calcio asiatica) nel 1954.[3] Si qualificò al campionato mondiale di Svizzera 1954, prima compagine asiatica a riuscire nell'impresa dopo le Indie orientali olandesi, che si qualificarono al campionato del mondo 1938. In terra elvetica la Corea del Sud perse per 9-0 contro l'Ungheria e per 7-0 contro la Turchia e fu eliminata.

Dalla seconda metà degli anni 1950 la Corea del Sud si affermò come una delle nazionali calcio più forti d'Asia. Nel 1956 prese parte alla prima Coppa d'Asia della storia. Dopo il pareggio contro i padroni di casa di Hong Kong, sconfisse Israele e Vietnam del Sud, aggiudicandosi così la competizione grazie al primo posto nel girone.

Nel 1960 ospitò e vinse nuovamente la Coppa d'Asia, grazie al primo posto nel girone con Israele, Taiwan e Vietnam del Sud. Nella Coppa d'Asia 1964 perse tutti gli incontri e fu eliminata al primo turno, mentre non si qualificò per l'edizione del 1968.

Nel 1972 i sudcoreani si piazzarono secondi, battuti in finale dall'Iran (2-1), mentre non si qualificarono all'edizione d 1976.

Anni 1980[modifica | modifica wikitesto]

La massima serie del campionato sudcoreano di calcio, la K-League, fu istituita nel 1983 e fu la prima divisione professionistica di calcio in Asia. Il movimento calcistico nazionale ottenne dunque una spinta decisiva e negli anni 1980 il livello del calcio sudcoreano aumentò notevolmente. Ad oggi squadre di K-League come il Suwon Samsung Bluewings sono tra le compagini più titolate nelle competizioni continentali per club.

Nel 1980 la Corea del Sud ottenne nuovamente il secondo posto, battuta in finale dai padroni di casa del Kuwait (3-0). Nella Coppa d'Asia 1984 la nazionale deluse, perdendo due partite e pareggiandone due e venendo estromessa nella fase a gironi.

Dal 1986 la nazionale sudcoreana si è qualificata alla fase finale della Coppa del mondo per dieci volte consecutive, per un totale di undici partecipazioni al campionato del mondo.

La Corea del Sud tornò a disputare la fase finale del campionato mondiale proprio a Messico '86, dopo trentadue anni di assenza. Malgrado potesse schierare Cha Bum-kun, uno dei migliori calciatori asiatici dell'epoca, perse contro l'Argentina (3-1), poi pareggiò contro la Bulgaria (1-1) e perse di misura (3-2) contro i campioni del mondo in carica dell'Italia[4], venendo così eliminata al primo turno.

Nella Coppa d'Asia 1988 la Corea del Sud si piazzò seconda. Vinto il girone di prima fase con tre successi in altrettante partite, batté in semifinale la Cina (2-1) e in finale fu sconfitta dopo i tiri di rigore (4-3) dall'Arabia Saudita (0-0 dopo i tempi supplementari).

Anni 1990[modifica | modifica wikitesto]

La formazione sudcoreana scesa in campo al debutto nel campionato del mondo 1990

La Corea del Sud iniziò gli anni 1990 con due delusioni. Qualificatasi al campionato mondiale di Italia 1990, perse tutte e tre le partite (2-0 contro il Belgio, 3-1 contro la Spagna e 1-0 contro l'Uruguay) e fu eliminata nuovamente al primo turno. Non riuscì poi a qualificarsi alla Coppa d'Asia 1992.

La nazionale sudcoreana ottenne poi la qualificazione al campionato del mondo di Stati Uniti 1994 al termine di un'eliminatoria asiatica molto combattuta. Nell'ottobre 1993 a Doha, in Qatar, i sudcoreani, pur battuti dal Giappone nello scontro diretto, la spuntarono per la migliore differenza reti e si piazzarono secondi nel girone finale dietro all'Arabia Saudita. Negli Stati Uniti la Corea del Sud sfiorò l'accesso agli ottavi di finale. Pareggiato il primo match contro la Spagna riacciuffandola sul punteggio di 2-2 negli ultimi cinque minuti di partita (gol di Hong Myung-bo e Seo Jung-won su assist dello stesso Hong Myung-bo), impattò (0-0) con la Bolivia e perse (3-2) contro la Germania una partita nella quale rimontò parzialmente lo svantaggio di tre gol con reti di Hwang Sun-hong e Hong Myung-bo (ambedue nella ripresa) e sfiorò più volte il pari[5].

Nella Coppa d'Asia 1996 la squadra sudcoreana ottenne un pari (1-1) contro gli Emirati Arabi Uniti padroni di casa, una vittoria (4-2) contro l'Indonesia e subì una sconfitta (2-0) contro il Kuwait, chiudendo il girone al terzo posto. Beneficiando del regolamento del torneo, che la premiò insieme con l'Iraq come una delle due migliori terze ed escluse la Siria, superò il turno, ma ai quarti di finale fu sconfitta per 6-2 dall'Iran, concedendo ben cinque gol nel secondo tempo.

Sulla panchina della nazionale subentrò la leggenda del calcio sudcoreano Cha Bum-kun, con l'obiettivo di qualificare la squadra alla Coppa del mondo di Francia 1998. L'obiettivo riuscì in modo convincente, ma la nazionale iniziò la fase finale del mondiale con una sconfitta per 3-1 contro il Messico e proseguì il proprio cammino in modo negativo, perdendo malamente (5-0) contro i Paesi Bassi. Il commissario tecnico Cha Bum-kun fu esonerato al termine del match e la squadra fu affidata a Kim Pyung-Seok, che ottenne un pareggio (1-1) contro il Belgio nell'ultima partita del girone.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Terminato il campionato mondiale di Francia, fu ingaggiato come CT Huh Jung-Moo, già alla guida della nazionale sudcoreana nel 1995. Qualificatasi alla Coppa d'Asia 2000 in Libano, la Corea del Sud raccolse un pari contro la Cina (2-2), una sconfitta contro il Kuwait (1-0) e una vittoria contro l'Indonesia (3-0). Ai quarti di finale eliminò l'Iran (2-1), ma in semifinale perse contro l'Arabia Saudita (2-1). Chiuse al terzo posto battendo la Cina (1-0) nella finale di consolazione.

Malgrado non avesse mai ottenuto una vittoria nella fase finale del campionato del mondo, la Corea del Sud si presentò ai nastri di partenza del campionato mondiale del 2002 con grandi aspettative ed entusiasmo, in quanto rappresentativa di uno dei due paesi ospitanti (e dunque qualificata d'ufficio). L'organizzazione della manifestazione insieme al Giappone fu un premio alla passione del popolo sudcoreano e al sempre più crescente interesse della nazione per il calcio.

Il campionato mondiale del 2002 mostrò segni evidenti dei rapidi progressi compiuti dal calcio sudcoreano. Guidata dall'allenatore olandese Guus Hiddink, la nazionale, seppur con controverse decisioni arbitrali a favore[6], riuscì ad aggiudicarsi il primo posto nel girone di prima fase, grazie alla vittoria contro la Polonia (2-0), al pareggio contro gli Stati Uniti (1-1) e al successo (1-0) contro un Portogallo ridotto in nove uomini ed eliminato a causa di quella sconfitta. Il tecnico olandese impartì ai propri calciatori una ferrea disciplina tattica, che, unita alla notevole condizione fisica, all'abilità nel pressing e nel gioco in velocità, fece della selezione asiatica una delle compagini più temibili del torneo[7]. Hiddink adottò un modulo 3-5-2 duttile, che all'occasione si trasformava in un 4-3-3, schieramento prediletto dei tecnici olandesi[7]. Lee Woon-jae era il portiere, in difesa giocavano Choi Jin-Cheul, Hong Myung-Bo e Kim Tae-Young; a centrocampo Song Chong-gug, Kim Nam-Il, Yoo Sang-Chul, Park Ji-sung (che però in pratica scalava in avanti diventando la terza punta) e Lee Young-Pyo; in attacco Ahn Jung-hwan e Seol Ki-Hyeon[7].

Guus Hiddink, CT della Corea del Sud quarta classificata al campionato del mondo 2002

Gli ottavi di finale opposero i padroni di casa all'Italia vice-campione d'Europa in carica, una delle favorite per la vittoria del mondiale. La Corea fallì un calcio di rigore con Ahn Jung-hwan dopo quattro minuti di gioco e andò in svantaggio (gol di Christian Vieri) al ventesimo, ma a due minuti dalla fine della partita Seol Ki-Hyeon realizzò il gol del pari, che prolungò l'incontro ai tempi supplementari, dove il golden goal di Ahn Jung-hwan mise fine alla sfida sul punteggio di 2-1, eliminando gli azzurri. La partita fu segnata dalle discusse decisioni del contestato arbitro ecuadoriano Byron Moreno[8] (su tutte la discutibile espulsione di Francesco Totti per una presunta simulazione e il fischio che fermò Damiano Tommasi, solo con la palla davanti alla porta sudcoreana, per un presunto fuorigioco, poi rivelatosi del tutto inesistente[9]). In generale i calciatori italiani ebbero l'impressione, sin dai primi minuti, di trovarsi di fronte un direttore di gara ostile e prevenuto nei loro riguardi[10]. L'arbitraggio di Moreno fu oggetto di prolungate polemiche che mettevano addirittura in discussione l'imparzialità dell'organizzazione del torneo[11]. Ad alimentare questi sospetti contribuirono, oltre a quanto accaduto durante la partita con l'Italia, anche altri episodi molto dibattuti delle precedenti partite, tra cui quella contro il Portogallo. Un'indagine condotta dalla FIFA non rilevò, tuttavia, alcun tentativo di illecito sportivo e dichiarò regolare lo svolgimento dell'ultima partita dell'Italia al mondiale[12][13].

Analoghe polemiche accompagnarono il quarto di finale tra Corea del Sud e Spagna: agli spagnoli furono inspiegabilmente annullati dall'arbitro egiziano Gamal Ghandour due gol regolari, uno nei 90 minuti e uno nei tempi supplementari (sarebbe stato il golden goal della vittoria[14][15]), e la Corea poté dunque portare il match ai tiri di rigore, dove si impose per 5-3. Fu fatale l'errore al quarto tiro dal dischetto di Joaquín, che si fece parare il tiro da Lee Woon-jae dopo che la gara era finita a reti bianche. Le polemiche iberiche si aggiunsero così a quelle italiane, seguite all'incontro che aveva visto gli azzurri eliminati nel turno precedente. Molto dura fu anche la stampa: il quotidiano AS il giorno dopo titolò in prima pagina ¡ROBO! ("Furto!") Italia tenía razón ("L'Italia aveva ragione")[16], mentre El Mundo Deportivo, sulla stessa linea, scrisse Manos arriba ("Mani in alto"), elencando tutte le decisioni arbitrali pro-Corea.

La squadra del tecnico olandese raggiunse quindi la semifinale del mondiale, la prima per una nazionale asiatica. La FIFA, dopo gli errori arbitrali accaduti, decise per le semifinali e finali di chiamare direttori di gara europei di esperienza molto più lunga. La Corea del Sud perse quindi sia la semifinale contro la Germania (1-0) sia la finale per il terzo posto contro la Turchia (3-2), chiudendo con un prestigioso quarto posto. Il piazzamento diede nuova linfa all'entusiasmo per la nazionale e testimoniò la crescita del movimento calcistico dell'intera nazione.

Malgrado le pressioni, Hiddink fu irremovibile sulla decisione di abbandonare la nazionale dopo il mondiale. Al suo posto fu ingaggiato il portoghese Humberto Coelho, che condusse la squadra alla vittoria della prima edizione della Coppa dell'Asia orientale nel 2003. Dopo clamorose sconfitte contro Oman e Vietnam e uno 0-0 contro le Maldive, Coelho fu sollevato dall'incarico e rimpiazzato da Jo Bonfrère. Nella Coppa d'Asia 2004 la Corea del Sud fu eliminata ai quarti di finale dall'Iran e nella Coppa dell'Asia orientale 2005 chiuse ultima da paese ospitante.

Qualificatasi al campionato del mondo 2006 già nel giugno 2005, battendo il Kuwait 4-0 ad Al-Kuwait, a Germania 2006 uscì di scena al primo turno, a causa del terzo posto nel girone eliminatorio, avendo battuto per 2-1 il Togo, pareggiato 1-1 con la Francia e perso 2-0 con la Svizzera. Il tecnico olandese Dick Advocaat rassegnò le dimissioni, lasciando il posto al compatriota Pim Verbeek, in carica ufficialmente dall'agosto 2006. Verbeek aveva già lavorato per la nazionale sudcoreana sotto la gestione di Hiddink nel 2002.

Priva di giocatori chiave come Lee Young-Pyo, Park Ji-sung e Seol Ki-Hyeon, la Corea del Sud faticò nelle prime due partite della Coppa d'Asia 2007 (1-1 contro l'Arabia Saudita, sconfitta per 2-1 contro il Bahrein), ma una vittoria contro l'Indonesia (1-0) consentì alla squadra di qualificarsi ai quarti di finale, dove i sudcoreani batterono l'Iran per 4-2 ai tiri di rigore (0-0 dopo i tempi supplementari). In semifinale la Corea del Sud fu clamorosamente fermata sullo 0-0 e poi eliminata ai tiri di rigore (4-3) dall'Iraq, poi vincitore a sorpresa del torneo. Ottenne la consolazione del terzo posto battendo per 6-5 ai tiri di rigore il Giappone nella "finalina" (0-0 dopo i tempi supplementari).

Al termine del torneo Pim Verbeek, criticato perché la sua squadra era stata costretta a giungere ai rigori in ben tre partite di fila senza aver segnato un gol, lasciò l'incarico e fu sostituito dal rientrante Huh Jung-Moo, che divenne il primo CT sudcoreano della nazionale di casa dal 2000. Sotto la sua guida la Corea del Sud vinse la Coppa dell'Asia orientale 2008 e fece registrare una striscia di 27 partite consecutive senza sconfitte.

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

La formazione sudcoreana ottenne l'accesso al campionato mondiale 2010 in Sudafrica vincendo il proprio girone di qualificazione asiatico con 16 punti; con 7 vittorie e 7 pareggi i sudcoreani furono gli unici rimasti imbattuti nelle qualificazioni continentali. La Corea del Sud esordì alla fase finale di Sudafrica 2010 battendo la Grecia per 2-0, poi perse per 4-1 contro l'Argentina e pareggiò per 2-2 con la Nigeria, approdando agli ottavi di finale. Qui fu eliminata dall'Uruguay (1-2)[17].

La formazione della Corea del Sud scesa in campo il 16 ottobre 2012 allo stadio Azadi di Teheran contro l'Iran per le qualificazioni al campionato del mondo 2014

Il 2 luglio 2010 il selezionatore Huh Jung-Moo si dimise e fu sostituito, il 20 luglio, da Cho Kwang-Rae[18]. Superato il girone di prima fase nella Coppa d'Asia 2011 al secondo posto dietro l'Australia (favorita dalla differenza reti), ai quarti di finale la Corea del Sud eliminò l'Iran (1-0) dopo i tempi supplementari, ma in semifinale si arrese al Giappone padrone di casa ai tiri di rigore (3-0 dopo il 2-2 dei tempi supplementari). Si piazzò terza nel torneo battendo per 3-2 l'Uzbekistan nella finale di consolazione. La squadra si aggiudicò il premio Fair Play FIFA e il suo centrocampista Koo Ja-Cheol fu capocannoniere del torneo con 5 gol.

Dopo la Coppa d'Asia 2011 calciatori simbolo come Park Ji-sung e Lee Young-Pyo abbandonarono la nazionale per sopraggiunti limiti di età e la nazionale accusò una crisi di risultati. Dopo nette sconfitte contro Giappone (3-0) e Libano a Beirut (1-2) Cho fu esonerato malgrado il 6-0 ottenuto in casa ancora contro il Libano e fu rimpiazzato da Choi Kang-Hee. Sotto la sua guida la squadra riuscì a ottenere una complicata qualificazione per il campionato del mondo 2014 grazie alla differenza reti.

Scaduto il contratto di Choi, sulla panchina della nazionale arrivò Hong Myung-Bo, ex capitano della squadra classificatasi quarta al mondiale 2002. Questi, che aveva guidato l'under-23 sudcoreana alla medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012, sedette in panchina durante il mondiale brasiliano del 2014, dove la Corea del Sud uscì al primo turno dopo un pari (1-1 contro la Russia) e due sconfitte (4-2 contro l'Algeria e 1-0 contro il Belgio) in tre partite.

Hong, aspramente criticato, si dimise e fu rimpiazzato dal tedesco Uli Stielike, nominato CT il 5 settembre 2014. Nel dicembre 2014 la squadra precipitò dal 57º al 69º posto della classifica mondiale della FIFA, peggiore posizione di sempre da quando (1993) il ranking fu istituito. La Corea del Sud ottenne poco dopo una vittoria (3-1) in amichevole contro il Venezuela, la prima dopo quasi nove mesi.

Grazie al terzo posto ottenuto nell'edizione del 2011, la Corea del Sud del CT Stielike fu ammessa d'ufficio alla Coppa d'Asia 2015. Con tre vittorie in tre partite vinse il girone di prima fase, lasciandosi alle spalle l'Australia padrona di casa. Battendo l'Uzbekistan dopo i tempi supplementari si qualificò per la semifinale per la decima volta nella storia (record continentale). Battuto per 2-0 l'Iraq, ebbe dunque accesso alla finale contro l'Australia, già battuta qualche giorno prima. Qui fu sconfitta per 2-1 dopo i tempi supplementari, subendo per altro solo in finale i primi gol nel torneo.

Nel secondo turno delle qualificazioni al campionato del mondo 2018 la Corea del Sud vinse i primi sette incontri, qualificandosi al terzo turno e ottenendo, nel gennaio 2016, l'accesso alla fase finale della Coppa d'Asia 2019. Nel giugno 2017 Stielike fu, tuttavia, esonerato a causa di una serie di risultati negativi al terzo turno (tra cui le sconfitte contro Cina e Qatar). Al suo posto subentrò, nel luglio 2017, Shin Tae-yong, l'allenatore della nazionale Under-20 sudcoreana[19], che con due pareggi senza reti contro Iran e Uzbekistan qualificò la Corea del Sud al campionato mondiale di Russia come seconda classificata del girone finale asiatico. In Russia, nel difficile girone con Germania, Messico e Svezia, i sudcoreani rimediarono due sconfitte per 1-0 contro Svezia e Messico nelle prime due partite. Nel terzo incontro, con le speranze di qualificazione agli ottavi di finale ridotte ormai al lumicino, batterono per 2-0 la Germania campione del mondo in carica grazie a due gol nei minuti finali di partita. Il successo fu inutile ai fini della qualificazione (sarebbe servita la contemporanea sconfitta della Svezia contro il Messico), ma estromise i tedeschi dal mondiale e consentì alla Corea del Sud di chiudere il girone al terzo posto, proprio davanti alla Germania. Per i tedeschi si trattò della prima eliminazione al primo turno nella storia del campionato del mondo.

Nel gennaio 2019 la selezione sudcoreana del CT Paulo Bento, subentrato nell'agosto 2018, si presentò come una delle favorite per la vittoria finale alla Coppa d'Asia 2019 negli Emirati Arabi Uniti. Vinto con autorevolezza il girone grazie a tre successi contro Filippine (1-0), Kirghizistan (1-0) e Cina (2-0), agli ottavi di finale eliminò il Bahrein (2-1) dopo i tempi supplementari, ma ai quarti di finale fu eliminata dal Qatar (1-0).

Nell'ottobre 2019 la Corea del Sud affrontò per la prima volta la Corea del Nord in gare ufficiali in casa di quest'ultima: la partita, svoltasi davanti a pochissimi ammessi senza diretta televisiva e valida per le qualificazioni al campionato del mondo 2022, terminò a reti bianche[20].

Anni 2020[modifica | modifica wikitesto]

Centrata agevolmente la qualificazione al campionato del mondo 2022, in Qatar, la squadra esordì nella fase a gironi pareggiando senza reti contro l'Uruguay, poi perse per 2-3 contro il Ghana, ma riuscì a ottenere la qualificazione agli ottavi di finale da seconda nel girone battendo per 2-1 all'ultima giornata il Portogallo, già matematicamente qualificato. Agli ottavi di finale fu nettamente sconfitta per 1-4 dal Brasile ed eliminata.

Nel 2024 prende parte alla Coppa d'Asia. Nel girone pareggia per 2-2 contro la Giordania e per 3-3 contro la Malaysia e si qualifica come seconda classificata dietro al Bahrein, che batte per 3-1. Battuta l'Arabia Saudita per 4-2 ai tiri di rigore (1-1 dopo i tempi supplementari) agli ottavi, la Corea del Sud sconfigge in rimonta per 2-1 l'Australia dopo i tempi supplementari ai quarti di finale e affronta nuovamente la Giordania, questa volta agli ottavi. Pur godendo dei favori del pronostico, viene eliminata dopo aver perso per 2-0, con i giordani che riescono a qualificarsi alla finale della Coppa d'Asia per la prima volta.

Statistiche dettagliate sui tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Non iscritta - - - -
1934 Bandiera dell'Italia Italia Non iscritta - - - -
1938 Bandiera della Francia Francia Non iscritta - - - -
1950 Bandiera del Brasile Brasile Non iscritta - - - -
1954 Bandiera della Svizzera Svizzera Primo turno 0 0 2 0:16
1958 Bandiera della Svezia Svezia Non iscritta - - - -
1962 Bandiera del Cile Cile Non iscritta - - - -
1966 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Non iscritta - - - -
1970 Bandiera del Messico Messico Non qualificata - - - -
1974 Bandiera della Germania Germania Non qualificata - - - -
1978 Bandiera dell'Argentina Argentina Non qualificata - - - -
1982 Bandiera della Spagna Spagna Non qualificata - - - -
1986 Bandiera del Messico Messico Primo turno 0 1 2 4:7
1990 Bandiera dell'Italia Italia Primo turno 0 0 3 1:6
1994 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Primo turno 0 2 1 4:5
1998 Bandiera della Francia Francia Primo turno 0 1 2 2:9
2002 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud / Bandiera del Giappone Giappone Quarto posto 3 2 2 8:6
2006 Bandiera della Germania Germania Primo turno 1 1 1 3:4
2010 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Ottavi di finale 1 1 2 6:8
2014 Bandiera del Brasile Brasile Primo turno 0 1 2 3:6
2018 Bandiera della Russia Russia Primo turno 1 0 2 3:3
2022 Bandiera del Qatar Qatar Ottavi di finale 1 1 2 5:8

Coppa d'Asia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1956 Hong Kong Campione 2 1 0 9:6
1960 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Campione 3 0 0 9:1
1964 Bandiera d'Israele Israele Terzo posto 1 0 2 2:4
1968 Bandiera dell'Iran Iran Non qualificata - - - -
1972 Bandiera della Thailandia Thailandia Secondo posto 2 0 2 7:6
1976 Bandiera dell'Iran Iran Non qualificata - - - -
1980 Bandiera del Kuwait Kuwait Secondo posto 4 0 2 12:6
1984 Bandiera di Singapore Singapore Primo turno 0 2 2 1:3
1988 Bandiera del Qatar Qatar Secondo posto 5 0 1 14:7
1992 Bandiera del Giappone Giappone Non qualificata - - - -
1996 Bandiera degli Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Quarti di finale 1 1 2 7:11
2000 Bandiera del Libano Libano Terzo posto 3 1 2 9:6
2004 Bandiera della Cina Cina Quarti di finale 2 1 1 9:4
2007 Bandiera dell'Indonesia Indonesia/Bandiera della Malaysia Malaysia
Bandiera della Thailandia Thailandia/Bandiera del Vietnam Vietnam
Terzo posto 3 1 2 3:3
2011 Bandiera del Qatar Qatar Terzo posto 4 1 1 13:7
2015 Bandiera dell'Australia Australia Secondo posto 5 0 1 8:2
2019 Bandiera degli Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Quarti di finale 4 0 1 6:2
2023 Bandiera del Qatar Qatar Semifinali 2 3 1 11:10

Confederations Cup[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1995 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1997 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1999 Bandiera del Messico Messico Non qualificata - - - -
2001 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud / Bandiera del Giappone Giappone Primo turno 2 0 1 3:6
2003 Bandiera della Francia Francia Non qualificata - - - -
2005 Bandiera della Germania Germania Non qualificata - - - -
2009 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Non qualificata - - - -
2013 Bandiera del Brasile Brasile Non qualificata - - - -
2017 Bandiera della Russia Russia Non qualificata - - - -

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
19482012 LondraLondra Quarti di finale

Terzo posto || 1 || 0 || 1 || 5:15

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1956, 1960

Divise[modifica | modifica wikitesto]

Messico-Corea del Sud, 23 giugno 2018
Corea del Sud-Haiti, 6 settembre 2013

Primo completo[modifica | modifica wikitesto]

Con l'eccezione del campionato del mondo 1994 (in cui non usò la variante rossa della divisa dell'epoca usata nelle qualificazioni nell'anno precedente) e dei Giochi Asiatici del 1994 (in cui fu adottata una divisa blu o bianca), la Corea del Sud ha tradizionalmente indossato nella sua storia una maglia rossa, di solito affiancata da calzoncini blu, rossi o bianchi e calzettoni rossi o blu. Essendo il rosso il colore più identificativo della nazionale sudcoreana, sia la stampa locale che i tifosi danno alla nazionale il soprannome di "The Reds". Emblematico il caso del campionato del mondo 2002, in occasione del mondiale giocato in casa, quando molti tifosi coreani indossavano maglie, cappellini e sciarpe con la scritta "Be The Reds". Nel 1995 si costituirono i Red Devils, il club di tifosi ufficiale della nazionale della Corea del Sud.

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1948–54
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1954
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1960
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1961–68
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1970–77
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1977–79
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1980-1983
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1985-88
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1988-89
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1990
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1992–93
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1993
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1994
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1994–95
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1995
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1995–1996
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1996–98
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1998–02
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2002–04
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2010–12
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2012–14
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2014–16
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2016–

Secondo completo[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1954
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1980
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1985-88
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1988-89
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1990
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1990
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1992–93
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1993–94
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1994–95
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1995
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1995–1996
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1996–98
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1998–02
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2002–04
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2004–06
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2006–08
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2008–10
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2010–12
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2012–14
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2014–16
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2016–

Altre varianti[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1994
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1994

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo FIFA 1954
Hong D.J., 2 Park K.C., 3 Park J.S., 4 Kang C.G., 5 Lee S.Y., 6 Min B.D., 7 Li S.N., 8 Choi C.M., 9 Woo S.K., 10 Sung N.W., 11 Chung N.S., 12 Ham H.C., 13 Li J.K., 14 Han C.W., 15 Kim J.S., 16 Chu Y.K., 17 Park I.K., 18 Choi Y.K., 19 Lee K.J., 20 Chung K.C., CT: Kim Y.S.
Coppa del Mondo FIFA 1986
Cho B.D., 2 Pak K.H., 3 Chung J.S., 4 Cho K.R., 5 Chung Y.H., 6 Lee T.H., 7 Kim J.B., 8 Cho Y.J., 9 Choi S.H., 10 Park C.S., 11 Cha B.K., 12 Kim P.S., 13 Noh S.J., 14 Cho M.K., 15 Yoo B.O., 16 Kim J.S., 17 Huh J.M., 18 Kim S.S., 19 Byung B.J., 20 Kim Y.S., 21 Oh Y.K., 22 Kang D.S., CT: Kim J.N.
Coppa del Mondo FIFA 1990
Kim P.J., 2 Park K.H., 3 Choi K.H., 4 Yoon D.Y., 5 Chung Y.H., 6 Lee T.H., 7 Noh S.J., 8 Chung H.W., 9 Hwangbo K., 10 Lee S.Y., 11 Byun B.J., 12 Lee H.S., 13 Chung J.S., 14 Choi S.H., 15 Cho M.K., 16 Kim J.S., 17 Gu S.B., 18 Hwang S.H., 19 Jeong G.D., 20 Hong M.B., 21 Choi I.Y., 22 Lee Y.J., CT: Lee H.T.
Coppa del Mondo FIFA 1994
Choi I.Y., 2 Chung J.S., 3 Lee J.H., 4 Kim P.K., 5 Park J.B., 6 Lee Y.J., 7 Shin H.G., 8 Noh J.Y., 9 Kim J.S., 10 Ko J.W., 11 Seo J.W., 12 Choi Y.I., 13 An I.S., 14 Choi D.S., 15 Cho J.H., 16 Ha S.J., 17 Gu S.B., 18 Hwang S.H., 19 Choi M.S., 20 Hong M.B., 21 Park C.W., 22 Lee W.J., CT: Kim H.
Coppa del Mondo FIFA 1998
Kim B.J., 2 Choi S.Y., 3 Lee L.S., 4 Choi Y.L., 5 Lee M.S., 6 Yoo S.C., 7 Kim D.K., 8 Noh J.Y., 9 Kim D.H., 10 Choi Y.S., 11 Seo J.W., 12 Lee S.H., 13 Kim T.Y., 14 Ko J.S., 15 Lee S.Y., 16 Jang H.S., 17 Ha S.J., 18 Hwang S.H., 19 Jang D.I., 20 Hong M.B., 21 Lee D.G., 22 Seo D.M., CT: Cha B.K. Kim P.S.
Coppa del Mondo FIFA 2002
Lee W.J., 2 Hyun Y.M., 3 Choi S.Y., 4 Choi J.C., 5 Kim N.I., 6 Yoo S.C., 7 Kim T.Y., 8 Choi T.U., 9 Seol K.H., 10 Lee Y.P., 11 Choi Y.S., 12 Kim B.J., 13 Lee E.Y., 14 Lee C.S., 15 Lee M.S., 16 Cha D.R., 17 Yoon J.H., 18 Hwang S.H., 19 Ahn J.H., 20 Hong M.B., 21 Park J.S., 22 Song C.G., 23 Choi E.S., CT: Hiddink
Coppa del Mondo FIFA 2006
Lee W.J., 2 Kim Y.C., 3 Kim D.J., 4 Choi J.C., 5 Kim N.I., 6 Kim J.K., 7 Park J.S., 8 Kim D.H., 9 Ahn J.H., 10 Park C.Y., 11 Seol K.H., 12 Lee Y.P., 13 Lee E.Y., 14 Lee C.S., 15 Baek J.H., 16 Chung K.H., 17 Lee H., 18 Kim S.S., 19 Cho J.J., 20 Kim Y.D., 21 Kim Y.K., 22 Song C.G., 23 Cho W.H., CT: Advocaat
Coppa del Mondo FIFA 2010
Lee W.J., 2 Oh B.S., 3 Kim H.I., 4 Cho Y.H., 5 Kim N.I., 6 Kim B.K., 7 Park J.S., 8 Kim J.W., 9 Ahn J.H., 10 Park C.Y., 11 Lee S.Y., 12 Lee Y.P., 13 Kim J.S., 14 Lee J.S., 15 Kim D.J., 16 Ki S.Y., 17 Lee C.Y., 18 Jung S.R., 19 Yeom K.H., 20 Lee D.G., 21 Kim Y.K., 22 Cha D.R., 23 Kang M.S., CT: Huh J.M.
Coppa del Mondo FIFA 2014
Jung S.R., 2 Kim C.S., 3 Yun S.Y., 4 Kwak T.H., 5 Kim Y.G., 6 Hwang S.H., 7 Kim B.K., 8 Ha D.S., 9 Son H.M., 10 Park C.Y., 11 Lee K.H., 12 Lee Y., 13 Koo J.C., 14 Han K.Y., 15 Park J.W., 16 Ki S.Y., 17 Lee C.Y., 18 Kim S.W., 19 Ji D.W., 20 Hong J.H., 21 Kim S.G., 22 Park J.H., 23 Lee B.Y., CT: Hong M.B.
Coppa del Mondo FIFA 2018
Kim S.G., 2 Lee Y., 3 Jeong S.H., 4 Oh B.S., 5 Yun Y.S., 6 Park J.H., 7 Son H.M., 8 Ju S.J., 9 Kim S.W., 10 Lee S.W., 11 Hwang H.C., 12 Kim M.W., 13 Koo J.C., 14 Hong C., 15 Jung W.Y., 16 Ki S.Y., 17 Lee J.S., 18 Moon S.M., 19 Kim Y.G., 20 Jang H.S., 21 Kim J.H., 22 Ko Y.H., 23 Jo H.W., CT: Shin T.Y.
Coppa del Mondo FIFA 2022
Kim S.G., 2 Yoon J.G., 3 Kim J.S., 4 Kim M.J., 5 Jung W.Y., 6 Hwang I.B., 7 Son H.M., 8 Paik S.H., 9 Cho G.S., 10 Lee J.S., 11 Hwang H.C., 12 Song B.K., 13 Son J.H., 14 Hong C., 15 Kim M.H., 16 Hwang U.J., 17 Na S.H., 18 Lee K.I., 19 Kim Y.G., 20 Kwon K.W., 21 Jo H.W., 22 Kwon C.H., 23 Kim T.H., 24 Cho Y.M., 25 Jeong W.Y., 26 Song M.K., CT: Bento

Coppa d'Asia[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Asia 1956
Ham H.C., P Park S.H., D Seok J.D., D Cha T.S., D Park J.S., D Son M.S., C Kim H.B., C Kim J.S., C Kim J.W., C Kim D.K., C Lee S.N., A Choi C.M., A Woo S.K., A Kim Y.J., A Sung N.W., A Choi K.S., A Park K.H., CT: Lee Y.H.
Coppa d'Asia 1960
Ham H.C., P Park S.H., D Kim H.B., D Lee E.S., D Cha T.S., D Kim C.K., C Kim S.H., C Son M.S., C Yoo K.J., C Chung S.C., C Moon J.S., A Lee S.M., A Cho Y.O., A Woo S.K., A Yoo P.S.., A Park K.H., A Um K.J, CT: Wui H.D.
Coppa d'Asia 1964
Yang W.S., P Oh I.B., D Kim J.S., D Cho N.S., D Seo S.O., D Park S.O., C Lee E.S., C Kim D.S., C Kim Y.Y, C Jung B.T., C Chung S.C., C Jang J.E., A Choi M.G., A Huh Y.J., A Lee S.M., A Jang S.W., A Bae K.S., CT: Lee Y.H.
Coppa d'Asia 1972
Lee S.Y., 2 Park Y.T., 3 Kim H., 4 Lee C.M., 5 Han S.K., 6 Ko J.W., 7 Chung H.S., 8 Lim T.J., 9 Kim I.K., 10 Park S.D., 11 Lee H.T., 12 Kim J.K., 13 Kim K.J., 14 Noh H.S., 15 Park L.C., 16 Hwang J.M., 17 Kim H.K., 18 Choi S.C., 19 Cha B.K., 21 Kwon Y.W., CT: Park B.S.
Coppa d'Asia 1980
Kim. H.H., 2 Kim J.P., 3 Hing S.H., 4 Cho K.R., 5 Kwon O.S., 6 Park S.H., 8 Cho Y.J., 9 Lee Y.M., 10 Shin H.H., 11 Lee J.I., 12 Choi J.D., 13 Chang W.R., 14 Lee T.Y., 15 Lee K.J., 16 Chung H.W., 18 Hwang S.K., 19 Yoon I.S., 20 Lee T.H., 21 Cho B.D., 22 Choi S.H., CT: Kim J.N.
Coppa d'Asia 1984
Choi I.Y., 2 Park K.H., 3 Chung J.S., 4 Kim P.S., 5 Chung Y.H., 6 Park S.H., 7 Jang J., 8 Lee T.H., 9 Huh J.M., 10 Park C.S., 11 Lee K.J., 12 Lee B.Y., 13 Choi J.H., 14 Byun B.j., 15 Yoo B.O., 16 Kim S.W., 17 Choi S.K., 18 Choi K.J., 19 Wang S.J., 20 Jeong G.D., 21 Cho Y.J., 22 Choi K.b., CT: Moon J.S.
Coppa d'Asia 1988
Cho B.D., 2 Park K.H., 3 Choi K.H., 4 Cho M.K., 5 Chung Y.H., 6 Lee T.H., 7 Noh S.J., 8 Chung H.W., 9 Hwangbo K., 10 Ham H.G., 11 Byun B.J., 12 Kim B.K., 13 Cho Y.H., 14 Hwang S.H., 15 Son H.S., 16 Kim J.S., 17 Gu S.B., 18 Kang T.S., 19 Yeo B.K., 20 Kim B.S., CT: Lee H.T.
Coppa d'Asia 1996
Kim B.J., 2 Kim P.K., 3 Park K.H., 4 Kang C., 5 Huh K.T., 6 Shin H.G., 7 Shin T.Y., 8 Roh S.R., 9 Kim D.H., 11 Ko J.W., 12 Lee K.H., 13 Park N.Y., 17 Ha S.J., 18 Hwang S.H., 19 Seo J.W., 20 Hong M.B., 21 Kim B.S., 22 Lee Y.J., 23 Yoo S.C., 24 Kim J.S., CT: Park J.H.
Coppa d'Asia 2000
Lee W.J., 2 Kang C., 3 Ha S.J., 4 Park J.S., 6 Yoo S.C., 7 Kim T.Y., 8 Yoon J.H., 9 Seol K.H., 10 Noh J.Y., 11 Lee D.G., 12 Lee Y.P., 15 Lee M.S., 16 Kim S.S., 17 Choi S.Y., 18 Kim Y.D., 19 Lee C.S., 20 Hong M.B., 21 Kim H.W., 23 Park J.S., 24 Park J.H., 28 Choi C.W., 30 Sim J.W., CT: Huh J.M.
Coppa d'Asia 2004
Lee W.J., 2 Park J.S., 3 Park J.H., 4 Choi J.C., 5 Kim N.I., 7 Kim T.Y., 9 Seol K.H., 10 Hyun Y.M., 12 Lee Y.P., 13 Lee E.Y., 14 Chung K.H., 15 Lee M.S., 16 Cha D.R., 17 Kim J.K., 18 Kim E.J., 19 Ahn J.H., 20 Lee D.G., 21 Park J.S., 23 Kim Y.D., 25 Park Y.S., 28 Kim J.K., 30 Cha G.S., CT: Bonfrère
Coppa d'Asia 2007
Lee W.J., 2 Song C.G., 3 Kim J.K., 5 Kim D.J., 6 Lee H., 7 Choi S.K., 8 Kim D.H., 9 Cho J.J., 10 Lee C.S., 11 Lee K.H., 12 Lee D.G., 13 Kim C.G., 14 Kim S.S., 15 Kim C.W., 16 Oh B.S., 17 Kim J.W., 18 Woo S.Y., 19 Yeom K.H., 20 Son D.H., 21 Kim Y.D., 22 Kang M.S., 23 Jung S.R., 27 Oh J.E., CT: Verbeek
Coppa d'Asia 2011
Jung S.R., 2 Choi H.J., 3 Hwang J.W., 4 Cho Y.H., 5 Kwak T.H., 6 Lee Y.R., 7 Park J.S., 8 Yoon B.G., 9 Yoo B.S., 10 Ji D.W., 11 Son H.M., 12 Lee Y.P., 13 Koo J.C., 14 Lee J.S., 15 Hong J.H., 16 Ki S.Y., 17 Lee C.Y., 18 Kim B.K., 19 Yeom K.H., 20 Kim S.W., 21 Kim Y.D., 22 Cha D.R., 23 Kim J.H., CT: Cho K.R.
Coppa d'Asia 2015
Jung S.R., 2 Kim C.S., 3 Kim J.S., 4 Kim J.Y., 5 Kwak T.W., 6 Park J.H., 7 Son H.M., 8 Kim M.W., 9 Cho Y.C., 10 Nam T.H., 11 Lee K.H., 12 Han K.W., 13 Koo J.C., 14 Han K.Y., 15 Lee M.J., 16 Ki S.Y., 17 Lee C.Y., 18 Lee J.H., 19 Kim Y.G., 20 Jang H.S., 21 Kim S.G., 22 Cha D.R., 23 Kim J.H., CT: Stielike
Coppa d'Asia 2019
Kim S.G., 2 Lee Y., 3 Kim J.S., 4 Kim M.J., 5 Jung W.Y., 6 Hwang I.B., 7 Son H.M., 8 Ju S.J., 9 Ji D.W, 10 Lee J.S., 11 Hwang H.C., 12 Lee S.W., 13 Koo J.C., 14 Hong C., 15 Jeong S.H., 16 Ki S.Y., 17 Lee C.Y., 18 Hwang U.J., 19 Kim Y.G., 20 Kwon K.W., 21 Kim J.H., 22 Kim M.H., 23 Jo H.W., CT: Bento
Coppa d'Asia 2023
Kim S.G., 2 Lee K.J., 3 Kim J.S., 4 Kim M.J., 5 Park Y.W., 6 Hwang I.B., 7 Son H.M., 8 Hong H.S., 9 Cho G.S., 10 Lee J.S., 11 Hwang H.C., 12 Song B.K., 13 Lee S.M., 14 Moon S.M., 15 Jeong S.H., 16 Park J.S., 17 Jeong W.Y., 18 Lee K.I., 19 Kim Y.G., 20 Oh H.G., 21 Jo H.W., 22 Seol Y.W., 23 Kim T.H., 24 Kim J.S., 25 Kim J.S., 26 Yang H.J., CT: Klinsmann

Gold Cup[modifica | modifica wikitesto]

CONCACAF Gold Cup 2000
Kim B.J., 2 Kang C., 4 Seo D.W., 5 Lee L.S., 6 Yoo S.C., 7 Kim T.Y., 8 Noh J.Y., 11 Ahn J.H., 12 Lee Y.P., 14 Yoon J.H., 15 Lee M.S., 16 Kim D.K., 17 Park J.S., 18 Hwang S.H., 19 Lee D.G., 20 Hong M.B., 23 Park J.H., 24 Seol K.H., 25 Kim Y.D., CT: Huh J.M.
CONCACAF Gold Cup 2002
Kim B.J., 2 Choi S.Y., 3 Hyun Y.M., 4 Kim T.Y., 5 Kim N.I., 7 Song C.G., 8 Kim D.H., 9 Choi Y.S., 10 Hwang S.H., 11 Lee C.S., 12 Lee W.J., 13 Lee E.Y., 14 Kim D.K., 15 Choi J.C., 16 Park J.S., 17 Lee Y.P., 18 Yoo S.C., 19 Choi T.U., 20 Cha D.R., 21 An H.Y., 22 Lee D.G., 24 Kim S.S., CT: Hiddink

Confederations Cup[modifica | modifica wikitesto]

FIFA Confederations Cup 2001
Lee W.J., 2 Kang C., 3 Choi S.Y., 4 Song C.G., 5 Park Y.H., 6 Yoo S.C., 7 Kim T.Y., 8 Yoon J.H., 9 Kim D.H., 10 Choi Y.S., 11 Seol K.H., 12 Kim Y.D., 13 Seo D.K., 14 Seo D.W., 15 Lee M.S., 16 An H.Y., 17 Ha S.J., 18 Hwang S.H., 19 Lee Y.P., 20 Hong M.B., 21 Park J.S., 22 Ko J.S., 23 Choi E.S., CT: Hiddink

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Calcio ai Giochi Olimpici Estivi 1948
Cha S.C., P Hong D.J., D Lee S.D., D Park D.J., D Park K.C., C Choi S.G., C Kim K.H., C Lee Y.H., C Min B.D., A An J.S., A Bai C.G., A Chung K.C., A Chung N.S., A Kim Y.S., A Oh K.W., A Woo Z.W., CT: Lee Y.M.

NOTA: per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Lista dei giocatori convocati per il campionato mondiale di calcio 2022.

Presenze e reti aggiornate al 5 dicembre 2022, al termine della sfida contro il Brasile.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P Kim Seung-gyu 30 settembre 1990 (33 anni) 72 -55 Bandiera dell'Arabia Saudita Al-Shabab
P Jo Hyeon-woo 25 settembre 1991 (32 anni) 22 -23 Bandiera della Corea del Sud Ulsan Hyundai
P Song Bum-keun 15 ottobre 1997 (26 anni) 1 0 Bandiera della Corea del Sud Jeonbuk Hyundai Motors
D Kim Young-gwon 27 febbraio 1990 (34 anni) 100 7 Bandiera della Corea del Sud Ulsan Hyundai
D Kim Jin-su 13 giugno 1992 (31 anni) 67 2 Bandiera della Corea del Sud Jeonbuk Hyundai Motors
D Kim Min-jae 15 novembre 1996 (27 anni) 53 4 Bandiera della Germania Bayern
D Hong Chul 17 settembre 1990 (33 anni) 45 1 Bandiera della Corea del Sud Daegu
D Kwon Kyung-won 31 gennaio 1992 (32 anni) 30 2 Bandiera del Giappone Gamba Osaka
D Kim Moon-hwan 1º agosto 1995 (28 anni) 26 0 Bandiera della Corea del Sud Jeonbuk Hyundai Motors
D Kim Tae-hwan 24 luglio 1989 (34 anni) 19 0 Bandiera della Corea del Sud Ulsan Hyundai
D Cho Yu-min 17 novembre 1996 (27 anni) 5 0 Bandiera della Corea del Sud Daejeon Hana Citizen
D Yoon Jong-gyu 20 marzo 1998 (25 anni) 4 0 Bandiera della Corea del Sud FC Seoul
C Son Heung-min 8 luglio 1992 (31 anni) 114 38 Bandiera dell'Inghilterra Tottenham
C Lee Jae-sung 10 agosto 1992 (31 anni) 67 9 Bandiera della Germania Magonza
C Jung Woo-young 14 dicembre 1989 (34 anni) 67 3 Bandiera del Qatar Al-Sadd
C Kwon Chang-hoon 30 giugno 1994 (29 anni) 43 12 Bandiera della Corea del Sud Gimcheon Sangmu
C Hwang In-beom 20 settembre 1996 (27 anni) 41 4 Bandiera della Grecia Olympiakos
C Na Sang-ho 12 agosto 1996 (27 anni) 26 2 Bandiera della Corea del Sud FC Seoul
C Son Jun-ho 12 maggio 1992 (31 anni) 17 1 Bandiera della Cina Shandong Taishan
C Paik Seung-ho 17 marzo 1997 (26 anni) 15 3 Bandiera della Corea del Sud Jeonbuk Hyundai Motors
C Song Min-kyu 12 settembre 1999 (24 anni) 13 1 Bandiera della Corea del Sud Jeonbuk Hyundai Motors
C Lee Kang-in 19 febbraio 2001 (23 anni) 15 2 Bandiera della Francia PSG
C Jeong Woo-yeong 20 settembre 1999 (24 anni) 9 2 Bandiera della Germania Friburgo
A Hwang Ui-jo 28 agosto 1992 (31 anni) 53 16 Bandiera della Grecia Olympiakos
A Cho Gue-sung 25 gennaio 1998 (26 anni) 20 6 Bandiera della Corea del Sud Jeonbuk Hyundai Motors

Record[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito i primatisti di presenze e reti con la nazionale sudcoreana. In grassetto i giocatori ancora in attività in nazionale.

Aggiornato al 6 febbraio 2024.

Classifica presenze
Pos. Giocatore Presenze Reti Periodo
1 Hong Myung-bo 136 10 1990-2002
2 Lee Woon-jae 134 0 1994-2010
3 Cha Bum-kun 130 56 1972-1986
4 Lee Young-pyo 127 5 1999-2011
5 Yoo Sang-chul 124 28 1994-2005
6 Son Heung-min 123 44 2010-
7 Kim Ho-kon 121 4 1971-1979
8 Ki Sung-yueng 111 10 2008-2019
9 Kim Tae-young 106 3 1992-2004
10 Hwang Sun-hong 105 52 1988-2002
Lee Dong-gook 33 1998-2017
Classifica marcatori
# Giocatore Reti Presenze Periodo
1 Cha Bum-kun 56 130 1972-1986
2 Hwang Sun-hong 50 103 1988-2002
3 Son Heung-min 44 123 2010-
4 Park Lee-chun 36 89 1969-1974
5 Kim Jae-han 33 58 1972-1979
Lee Dong-gook 105 1998-2017
7 Huh Jung-moo 30 103 1974-1986
Choi Soon-ho 97 1980-1991
Kim Do-hoon 72 1994-2003
10 Kim Jin-kook 27 97 1972-1977
Lee Young-moo 85 1975-1981
Choi Yong-soo 69 1995-2003


Di seguito i capitani ai campionati mondiali di calcio disputati dalla Corea del Sud.

Capitani al mondiale
# Giocatore Mondiale Presenze Reti
1 Chu Yung-kwang 1954 7 0
2 Park Chang-sun 1986 34 9
3 Chung Yong-hwan 1990 86 3
4 Choi In-young 1994 51 0
5 Choi Yong-il 1998 55 0
6 Hong Myung-bo 2002 136 10
7 Lee Woon-jae 2006 133 0
8 Park Ji-sung 2010 100 13
9 Koo Ja-cheol 2014 65 19
10 Ki Sung-yueng 2018 104 10

Record di squadra[modifica | modifica wikitesto]

La Corea del Sud giocò la sua prima partita ufficiale il 2 agosto 1948 a Londra contro il Messico, vincendo per 5-3. La vittoria con maggiore scarto di reti la ottenne nella partita giocata il 29 settembre 2003 a Incheon contro il Nepal, battuto con il punteggio di 16-0. La sconfitta con maggiore differenza di reti della Corea del Sud risale alla partita contro la Svezia giocata nella capitale britannica il 5 agosto 1948: il punteggio fu di 12-0.

La Corea del Sud ha disputato 10 fasi finali del campionato mondiale. La sua prima presenza nella fase finale risale a Svizzera 1954. La prima vittoria in una fase finale del campionato del mondo arrivò all'esordio nell'edizione casalinga del 2002: 2-0 contro la Polonia, con reti di Hwang Sun-hong (26') e Yoo Sang-chul (53'). Il miglior piazzamento in un mondiale è il quarto posto nello stesso campionato giocato in casa nel 2002, unica nazionale asiatica ad avere, finora, raggiunto questo risultato.

La Corea del Sud ha partecipato inoltre a 13 edizioni della Coppa d'Asia vincendone 2 (nel 1956 e nel 1960). La sua prima apparizione nella Coppa d'Asia risale all'edizione del 1956.

Confronti con le altre nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Dati aggiornati al 19 novembre 2018[21].

Nazionale G V N P RF RS DR % vittorie Confederazione
Bandiera dell'Afghanistan Afghanistan 1 1 0 0 8 2 +6 100,00& AFC
Bandiera dell'Algeria Algeria 2 1 0 1 4 4 +0 50,00 CAF
Bandiera dell'Angola Angola 1 1 0 0 1 0 +1 100,00& CAF
Bandiera dell'Argentina Argentina 3 0 0 3 2 8 −6 &&0,00 CONMEBOL
Bandiera dell'Australia Australia 28 8 11 9 28 28 +0 28,57 AFC
Bandiera del Bahrein Bahrein 17 11 4 2 37 13 +24 64,71 AFC
Bandiera del Bangladesh Bangladesh 2 2 0 0 13 0 +13 100,00& AFC
Bandiera della Bielorussia Bielorussia 1 0 0 1 0 1 −1 &&0,00 UEFA
Bandiera del Belgio Belgio 4 0 1 3 2 6 −4 &&0,00 UEFA
Bandiera della Bolivia Bolivia 3 1 2 0 1 0 +1 33,33 CONMEBOL
Bandiera della Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 2 1 0 1 3 3 +0 50,00 UEFA
Bandiera del Brasile Brasile 6 1 0 5 4 11 −7 16,67 CONMEBOL
Bandiera del Brunei Brunei 1 1 0 0 3 0 +3 100,00& AFC
Bandiera della Bulgaria Bulgaria 2 0 1 1 1 2 −1 &&0,00 UEFA
Bandiera del Burkina Faso Burkina Faso 1 1 0 0 1 0 +1 100,00& CAF
Bandiera della Cambogia Cambogia[22] 7 6 0 1 22 4 +18 85,71 AFC
Bandiera del Camerun Camerun 4 2 2 0 9 3 +6 50,00 CAF
Bandiera del Canada Canada 5 2 1 2 5 4 +1 40,00 CONCACAF
Bandiera del Cile Cile 2 0 1 1 0 1 −1 &&0,00 CONMEBOL
Bandiera della Cina Cina 34 19 13 2 48 26 +22 55,88 AFC
Bandiera di Taipei Cinese Taipei Cinese 21 14 1 6 50 19 +31 66,67 AFC
Bandiera della Colombia Colombia 7 4 2 1 12 7 +5 57,14 CONMEBOL
Bandiera della Costa Rica Costa Rica 9 4 2 3 11 10 +1 44,44 CONCACAF
Bandiera della Croazia Croazia 7 2 2 3 7 11 −4 28,57 UEFA
Bandiera di Cuba Cuba 1 0 1 0 0 0 +0 &&0,00 CONCACAF
Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca 3 1 1 1 4 8 −4 33,33 UEFA
Bandiera della Cecoslovacchia Cecoslovacchia 3 0 2 1 1 6 −5 &&0,00 UEFA
Bandiera della Danimarca Danimarca 2 0 1 1 1 3 −2 &&0,00 UEFA
Bandiera dell'Ecuador Ecuador 2 1 0 1 3 2 +1 50,00 CONMEBOL
Bandiera dell'Egitto Egitto 17 5 7 5 14 20 −6 29,41 CAF
Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra 1 0 1 0 1 1 +0 &&0,00 UEFA
Bandiera della Finlandia Finlandia 3 3 0 0 5 0 +5 100,00& UEFA
Bandiera della Francia Francia 3 0 1 2 3 9 −6 &&0,00 UEFA
Bandiera della Georgia Georgia 1 0 1 0 2 2 +0 &&0,00 UEFA
Bandiera della Germania Germania 4 2 0 2 7 5 +2 50,00 UEFA
Bandiera del Ghana Ghana 6 3 0 3 8 11 −3 50,00 CAF
Bandiera della Grecia Grecia 4 3 1 0 6 1 +5 75,00 UEFA
Bandiera di Guam Guam 1 1 0 0 9 0 +9 100,00& AFC
Bandiera del Guatemala Guatemala 3 1 1 1 4 3 +1 33,33 CONCACAF
Bandiera di Haiti Haiti 1 1 0 0 4 1 +3 100,00& CONCACAF
Bandiera dell'Honduras Honduras 3 3 0 0 9 0 +9 100,00& CONCACAF
Bandiera di Hong Kong Hong Kong 27 20 5 2 64 21 +43 74,07 AFC
Bandiera dell'Ungheria Ungheria 2 0 0 2 0 10 −10 &&0,00 UEFA
Bandiera dell'India India 19 14 2 3 48 12 +36 73,68 AFC
Bandiera dell'Indonesia Indonesia 37 31 4 2 88 19 +69 83,78 AFC
Bandiera dell'Iran Iran 31 9 9 13 33 33 +0 29,03 AFC
Bandiera dell'Iraq Iraq 20 7 11 2 23 14 +9 35,00 AFC
Bandiera d'Israele Israele 11 5 4 2 17 12 +5 45,45 UEFA
Bandiera dell'Italia Italia 2 1 0 1 4 4 +0 50,00 UEFA
Bandiera della Costa d'Avorio Costa d'Avorio 1 1 0 0 2 0 +2 100,00& CAF
Bandiera della Giamaica Giamaica 4 2 2 0 7 3 +4 50,00 CONCACAF
Bandiera del Giappone Giappone 78 41 23 14 122 70 +52 52,56 AFC
Bandiera della Giordania Giordania 5 3 2 0 5 2 +3 60,00 AFC
Bandiera del Kazakistan Kazakistan 2 1 1 0 4 1 +3 50,00 UEFA
Bandiera del Kuwait Kuwait 24 12 4 8 30 20 +10 50,00 AFC
Bandiera del Kirghizistan Kirghizistan 1 1 0 0 1 0 +1 100,00& AFC
Bandiera del Laos Laos 5 5 0 0 28 0 +28 100,00& AFC
Bandiera della Lettonia Lettonia 2 2 0 0 2 0 +2 100,00& UEFA
Bandiera del Libano Libano 13 9 3 1 24 4 +20 69,23 AFC
Bandiera della Libia Libia 1 1 0 0 4 0 +4 100,00& CAF
Bandiera di Macao Macao 3 3 0 0 11 2 +9 100,00& AFC
Bandiera della Macedonia del Nord Macedonia del Nord 2 1 1 0 4 3 +1 50,00 UEFA
Bandiera della Malaysia Malaysia[23] 46 26 12 8 78 42 +36 56,52 AFC
Bandiera delle Maldive Maldive 2 1 1 0 2 0 +2 50,00 AFC
Bandiera del Mali Mali 1 1 0 0 3 1 +2 100,00& CAF
Bandiera di Malta Malta 2 1 1 0 3 2 +1 50,00 UEFA
Bandiera del Messico Messico 13 4 2 7 16 26 −10 30,77 CONCACAF
Bandiera della Moldavia Moldavia 1 1 0 0 1 0 +1 100,00& UEFA
Bandiera della Mongolia Mongolia 1 1 0 0 6 0 +6 100,00& AFC
Bandiera del Marocco Marocco 2 0 1 1 3 5 −2 &&0,00 CAF
Bandiera della Birmania Birmania[24] 27 15 7 5 42 15 +27 55,56 AFC
Bandiera del Nepal Nepal 7 7 0 0 53 0 +53 100,00& AFC
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi 2 0 0 2 0 7 −7 &&0,00 UEFA
Bandiera della Nuova Zelanda Nuova Zelanda 7 6 1 0 10 1 +9 85,71 OFC
Bandiera della Nigeria Nigeria 5 3 2 0 9 6 +3 60,00 CAF
Bandiera della Corea del Nord Corea del Nord 17 7 9 1 14 6 +8 41,18 AFC
Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 0 0 1 1 2 −1 &&0,00 UEFA
Bandiera della Norvegia Norvegia 4 1 1 2 5 6 −1 25,00 UEFA
Bandiera dell'Oman Oman 5 4 0 1 10 4 +6 80,00 AFC
Bandiera del Pakistan Pakistan 2 2 0 0 13 0 +13 100,00& AFC
Bandiera di Panama Panama 1 0 1 0 2 2 +0 &&0,00 CONCACAF
Bandiera del Paraguay Paraguay 6 2 3 1 6 5 +1 33,33 CONMEBOL
Bandiera del Perù Perù 2 0 1 1 0 4 −4 &&0,00 CONMEBOL
Bandiera delle Filippine Filippine 8 8 0 0 37 0 +37 100,00& AFC
Bandiera della Polonia Polonia 2 1 0 1 4 3 +1 50,00 UEFA
Bandiera del Portogallo Portogallo 1 1 0 0 1 0 +1 100,00& UEFA
Bandiera del Qatar Qatar 10 5 2 3 17 12 +5 50,00 AFC
Bandiera della Romania Romania 1 0 0 1 1 2 −1 &&0,00 UEFA
Bandiera della Russia Russia 3 0 1 2 4 7 −3 &&0,00 UEFA
Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita 17 4 8 5 18 17 +1 23,53 AFC
Bandiera della Scozia Scozia 1 1 0 0 4 1 +3 100,00& UEFA
Bandiera del Senegal Senegal 4 1 1 2 3 4 −1 25,00 CAF
Bandiera della Serbia Serbia[25] 8 1 4 3 5 8 −3 12,50 UEFA
Bandiera di Singapore Singapore 27 22 3 2 88 20 +68 81,48 AFC
Bandiera della Slovacchia Slovacchia 1 0 1 0 0 0 +0 &&0,00 UEFA
Bandiera del Vietnam del Sud Vietnam del Sud 18 11 6 1 43 19 +24 61,11 AFC
Bandiera dello Yemen del Sud Yemen del Sud 2 1 1 0 4 1 +3 50,00 AFC
Bandiera della Spagna Spagna 6 0 2 4 5 16 −11 &&0,00 UEFA
Bandiera dello Sri Lanka Sri Lanka 2 2 0 0 14 0 +14 100,00& AFC
Bandiera del Sudan Sudan 1 1 0 0 8 0 +8 100,00& CAF
Bandiera della Svezia Svezia 5 0 2 3 3 18 −15 &&0,00 UEFA
Bandiera della Svizzera Svizzera 2 1 0 1 2 3 −1 50,00 UEFA
Bandiera della Siria Siria 8 4 3 1 8 4 +4 50,00 AFC
Bandiera del Tagikistan Tagikistan 1 1 0 0 4 1 +3 100,00& AFC
Bandiera della Thailandia Thailandia 45 30 7 8 92 36 +56 66,67 AFC
Bandiera del Togo Togo 1 1 0 0 2 1 +1 100,00& CAF
Bandiera di Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago 1 0 1 0 1 1 +0 &&0,00 CONCACAF
Bandiera della Tunisia Tunisia 2 0 1 1 0 1 −1 &&0,00 CAF
Bandiera della Turchia Turchia 7 1 2 4 4 13 −9 14,29 UEFA
Bandiera del Turkmenistan Turkmenistan 4 3 0 1 11 4 +7 75,00 AFC
Bandiera dell'Ucraina Ucraina 2 2 0 0 3 0 +3 100,00& UEFA
Bandiera degli Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 19 12 5 2 37 13 +24 63,16 AFC
Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti 11 5 3 3 10 8 +2 45,45 CONCACAF
Bandiera dell'Uruguay Uruguay 8 1 1 6 6 13 −7 12,50 CONMEBOL
Bandiera dell'Uzbekistan Uzbekistan 16 11 4 1 34 14 +20 68,75 AFC
Bandiera del Venezuela Venezuela 1 1 0 0 3 1 +2 100,00& CONMEBOL
Bandiera del Vietnam Vietnam 6 5 0 1 17 2 +15 83,33 AFC
Bandiera dello Yemen Yemen[26] 1 1 0 0 6 0 +6 100,00& AFC
Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia 2 0 0 2 2 8 −6 &&0,00 UEFA
Bandiera dello Zambia Zambia 4 2 0 2 10 8 +2 50,00 CAF

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Men's Ranking, su fifa.com. URL consultato il 21 dicembre 2023.
  2. ^ "Football in South Korea, Major Sports in South Korea, Sports in South Korea, South Korea Sports, South Korea's sports, Sports of South Korea" Archiviato il 13 dicembre 2013 in Internet Archive., Asiarooms.com. 21-02-2011, ultima consultazione 06-09-2012
  3. ^ a b "Korea Football Association::::" Archiviato il 15 settembre 2012 in Internet Archive., KFA, ultima consultazione 06-09-2006
  4. ^ Cronaca della partita, transfermarkt.it
  5. ^ Germania e Spagna oltre l'ostacolo. Klinsmann scatenato trascina i tedeschi, Corriere della Sera, 28 giugno 1994
  6. ^ Finale per il terzo posto: Corea-Turchia 2-3, La Repubblica, 29 giugno 2002.
  7. ^ a b c La Corea si esalta e spera nell'impresa, La Repubblica, 14 giugno 2002.
  8. ^ Matteo Tonelli, Corea del Sud-Italia 2-1, La Repubblica, 18 giugno 2002.
  9. ^ Golden gol della Corea. L'Italia torna a casa, La Repubblica, 18 giugno 2002.
  10. ^ Totti: "Quell'arbitro era in malafede", La Repubblica, 18 giugno 2002.
  11. ^ Italia, Corea e Byron Moreno: COMPLOTTO?, su storiedicalcio.altervista.org, Storie di calcio.
  12. ^ Calcio. Ecuador: per la Fifa arbitro Moreno innocente, su RAI News, 15 gennaio 2003 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2013).
  13. ^ La Fifa adesso assolve Moreno «Non prese soldi ai Mondiali»., in Corriere della Sera, 16 gennaio 2003.
  14. ^ (EN) Korean miracle spoilt by refereeing farce, The Telegraph, 23 giugno 2002.
  15. ^ IL MONDIALE NELLO SCANDALO, La Repubblica, 22 giugno 2002
  16. ^ Italia tenía razón, Diario AS, 22 giugno 2002
  17. ^ Mondiali 2010: Uruguay-Corea del Sud 2-1. Super-Suarez regala i quarti alla Celeste, Calciomercato.com, 26 giugno 2010
  18. ^ South Korea announce Cho Kwang-rae as new coach Archiviato il 28 dicembre 2013 in Internet Archive., Xinhuanet, 21 luglio 2010.
  19. ^ https://www.straitstimes.com/sport/football/football-south-korea-turn-to-shin-tae-yong-with-world-cup-hopes-hanging-in-the
  20. ^ Stadio vuoto e niente diretta, termina 0-0 il match "invisibile" tra Corea del Nord e Corea del Sud, La Gazzetta dello Sport, 15 ottobre 2019.
  21. ^ KFA Website : Official Fixtures/Results of National Team
  22. ^ Comprende le partite contro la Repubblica Khmer.
  23. ^ Comprende le partite contro la Federazione di Malaya.
  24. ^ Comprende le partite contro Burma.
  25. ^ Comprende le partite contro la RF Jugoslavia e Serbia e Montenegro.
  26. ^ Comprende le partite contro North Yemen.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio