Campionato mondiale di calcio 1958

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Coppa del Mondo Jules Rimet 1958
Jules Rimet VM 1958
Logo della competizione
Logo della competizione
Competizione Campionato mondiale di calcio
Sport Calcio
Edizione
Date 8 - 29 giugno 1958
Luogo Bandiera della Svezia Svezia
(12 città)
Partecipanti 16 (55 alle qualificazioni)
Impianto/i 12 stadi
Risultati
Vincitore Bandiera del Brasile Brasile
(1º titolo)
Secondo Bandiera della Svezia Svezia
Terzo Bandiera della Francia Francia
Quarto Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest
Statistiche
Miglior marcatore Bandiera della Francia Just Fontaine (13)
Incontri disputati 35
Gol segnati 126 (3,6 per incontro)
Pubblico 919 580
(26 274 per incontro)
I brasiliani festeggiano la conquista del loro primo titolo mondiale
Cronologia della competizione

Il Campionato mondiale di calcio FIFA 1958 o Coppa del Mondo Jules Rimet 1958 (in svedese: Jules Rimet VM 1958, in inglese: 1958 World Cup Jules Rimet), noto anche come Svezia 1958, è stato la sesta edizione della massima competizione per le rappresentative di calcio (squadre comunemente chiamate "nazionali") maschili maggiori delle federazioni sportive affiliate alla FIFA.[1]

Si disputò in Svezia dall'8 al 29 giugno 1958 e fu vinto dal Brasile. Fu la prima edizione a cui l'Italia non riuscì a qualificarsi, la prima ad essere trasmessa in televisione in paesi anche non confinanti e quella ad aver prodotto il marcatore più prolifico per singolo torneo nella storia dei mondiali: il francese Just Fontaine, che segnò 13 reti in sei partite.[2]

Fu il mondiale della consacrazione di Edson Arantes do Nascimento, in arte Pelé, numero 10 brasiliano.[3] O Rei conquistò i primati di più giovane marcatore (contro il Galles) in un mondiale e più giovane campione del mondo della storia, a 17 anni e 249 giorni.[4]

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

La scelta della nazione svedese in quanto sede del torneo si verificò nel 1954, mentre era in svolgimento l'edizione elvetica.[5]

Formula[modifica | modifica wikitesto]

La formula del torneo prevedeva una fase a gruppi con 4 gironi all'italiana composti da altrettante squadre ciascuno, demandando allo spareggio l'unica discriminante per eventuali casi di parità nella classifica; con la qualificazione riservata alle prime 2 di ogni girone, il torneo assunse poi il criterio dell'eliminazione diretta.

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

Un totale di dodici città in tutta la parte centrale e meridionale della Svezia hanno ospitato il torneo. I regolamenti FIFA richiedevano almeno sei stadi da 20.000 posti. Se la Danimarca si fosse qualificata, gli organizzatori avevano pianificato di utilizzare l'Idrætsparken a Copenaghen per le partite del girone della Danimarca. L'Idrætsparken fu rinnovato nel 1956 con questo progetto, ma la Danimarca perse contro l'Inghilterra in qualifica. Quando sorgono dubbi sull'opportunità di finanziamenti per la ricostruzione dell'Ullevi e del Malmö Stadion, gli organizzatori hanno considerato gli stadi di Copenaghen e Oslo come misure di emergenza.

Il Råsundastadion è stato ampliato da 38.000 posti per la Coppa del Mondo costruendo banchi di testa. Il presidente del comitato organizzatore Holger Bergérus ha ipotecato la sua casa per pagarlo. Il nuovo stadio di Malmö fu costruito per la Coppa del Mondo, sostituendo il 1896 Malmö Stadion in un nuovo sito. L'Idrottsparken aveva 4.709 posti aggiunti per la Coppa del Mondo. Il governo municipale socialdemocratico si è rifiutato di pagare per questo fino a quando gli organizzatori non hanno minacciato di selezionare Folkungavallen a Linköping. Al Rimnersvallen, uno stand dal piccolo stadio Oddevallen è stato trasferito a Rimnersvallen per la Coppa del Mondo. La folla in Brasile contro l'Austria era stimata a 21.000, con più attenzione dal fianco della collina adiacente. Lo stadio più utilizzato è stato il Råsundastadion di Stoccolma, che ha ospitato 8 partite tra cui la finale, seguita dallo stadio Ullevi di Göteborg (il più grande stadio utilizzato durante il torneo), che ha ospitato 7 partite.

Solna (Stoccolma) Göteborg Malmö Helsingborg
Råsundastadion Ullevi Stadion Malmö Stadion Olympia
59°21′46″N 17°59′47″E / 59.362778°N 17.996389°E59.362778; 17.996389 (Råsundastadion) 57°42′21″N 11°59′14″E / 57.705833°N 11.987222°E57.705833; 11.987222 (Ullevi Stadion) 55°35′10″N 12°59′21″E / 55.586111°N 12.989167°E55.586111; 12.989167 (Malmö Stadion) 56°02′58″N 12°42′25″E / 56.049444°N 12.706944°E56.049444; 12.706944 (Olympia)
Capienza: 52.400 Capienza: 53.500 Capienza: 30.000 Capienza: 27.000
Eskilstuna Norrköping
Tunavallen Idrottsparken
59°22′14.4″N 16°29′42″E / 59.370667°N 16.495°E59.370667; 16.495 (Tunavallen) 58°35′03″N 16°10′23″E / 58.584167°N 16.173056°E58.584167; 16.173056 (Idrottsparken)
Capienza: 20.000 Capienza: 20.000
Sandviken Uddevalla
Jernvallen Rimnersvallen
60°36.4′N 16°46.3′E / 60.606667°N 16.771667°E60.606667; 16.771667 (Jernvallen) 58°21′24″N 11°57′00″E / 58.356667°N 11.95°E58.356667; 11.95 (Rimnersvallen)
Capienza: 20.000 Capienza: 17.778
Borås Halmstad Örebro Västerås
Ryavallen Örjans Vall Eyravallen Arosvallen
57°44′09″N 12°56′06″E / 57.735833°N 12.935°E57.735833; 12.935 (Ryavallen) 56°41′03″N 12°51′59″E / 56.684167°N 12.866389°E56.684167; 12.866389 (Örjans Vall) 59°15′58″N 15°13′23″E / 59.266111°N 15.223056°E59.266111; 15.223056 (Eyravallen) 59°37′14″N 16°32′28″E / 59.620556°N 16.541111°E59.620556; 16.541111 (Arosvallen)
Capienza: 15.000 Capienza: 15.000 Capienza: 13.000 Capienza: 10.000

Squadre partecipanti e qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Pr. Squadra Data di qualificazione certa Confederazione Continente Partecipante in quanto Partecipazioni precedenti al torneo
1 Bandiera della Svezia Svezia 23 giugno 1954 UEFA Europa Rappresentativa della nazione organizzatrice della fase finale 3 (1934, 1938, 1950)
2 Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest 4 luglio 1954 UEFA Europa Paese detentore del titolo 3 (1934, 1938, 1954)
3 Bandiera del Brasile Brasile 21 aprile 1957 CONMEBOL America meridionale Vincitrice del Gruppo 1 (CONMEBOL) 5 (1930, 1934, 1938, 1950, 1954)
4 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra 19 maggio 1957 UEFA Europa Vincitrice del Gruppo 1 (UEFA) 2 (1950, 1954)
5 Bandiera del Paraguay Paraguay 14 luglio 1957 CONMEBOL America meridionale Vincitrice del Gruppo 3 (CONMEBOL) 2 (1930, 1950)
6 Bandiera dell'Austria Austria 29 settembre 1957 UEFA Europa Vincitrice del Gruppo 5 (UEFA) 2 (1934, 1954)
7 Bandiera dell'Argentina Argentina 27 ottobre 1957 CONMEBOL America meridionale Vincitrice del Gruppo 2 (CONMEBOL) 2 (1930, 1934)
8 Bandiera della Cecoslovacchia Cecoslovacchia 27 ottobre 1957 UEFA Europa Vincitrice del Gruppo 4 (UEFA) 3 (1934, 1938, 1954)
9 Bandiera della Francia Francia 27 ottobre 1957 UEFA Europa Vincitrice del Gruppo 2 (UEFA) 4 (1930, 1934, 1938, 1954)
10 Bandiera del Messico Messico 27 ottobre 1957 NAFC America del Nord Vincitrice del Turno finale (CCCF/NAFC) 3 (1930, 1950, 1954)
11 Bandiera della Scozia Scozia 6 novembre 1957 UEFA Europa Vincitrice del Gruppo 9 (UEFA) 1 (1954)
12 Bandiera dell'Ungheria Ungheria 10 novembre 1957 UEFA Europa Vincitrice del Gruppo 3 (UEFA) 3 (1934, 1938, 1954)
13 Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia 17 novembre 1957 UEFA Europa Vincitrice del Gruppo 7 (UEFA) 3 (1930, 1950, 1954)
14 Bandiera dell'Unione Sovietica Unione Sovietica 24 novembre 1957 UEFA Europa/Asia Vincitrice del Gruppo 6 (UEFA)
15 Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del Nord 15 gennaio 1958 UEFA Europa Vincitrice del Gruppo 8 (UEFA)
16 Bandiera del Galles Galles 5 febbraio 1958 UEFA Europa Vincitrice del Turno finale (CAF/AFC) e spareggio

Nota bene: nella sezione "partecipazioni precedenti al torneo", le date in grassetto indicano che la nazione ha vinto quella edizione del torneo, mentre le date in corsivo indicano la nazione ospitante.

La fase eliminatoria si svolse tra l'autunno 1956 e l'autunno 1957, con un'appendice relativa alla sfida tra Italia e Irlanda del Nord: inizialmente previsto per il 4 dicembre 1957, l'incontro fu declassato ad esibizione amichevole per il mancato arrivo a Belfast dell'arbitro Zsolt, il cui volo aereo venne impedito dalla nebbia di Londra.[6] Il recupero si tenne nella capitale nordirlandese il 15 gennaio 1958, terminando con la vittoria per 2-1 dei padroni di casa che ottennero la prima qualificazione: dal canto italiano ciò coincise invece con la prima esclusione dal torneo.[7]

Da segnalare inoltre le mancate partecipazioni di Uruguay (due volte campione), Paesi Bassi e Spagna cui fece da contraltare il debutto dell'Unione Sovietica[8]; si trattò infine dell'unica edizione cui abbiano preso parte contemporaneamente le Home Nations, ovvero le quattro rappresentanti del Regno Unito.

Il sorteggio[modifica | modifica wikitesto]

Il sorteggio avviene l'otto febbraio 1958 a Stoccolma. La televisione svedese trasmette per la prima volta la cerimonia del sorteggio.[9]

Viene privilegiata questa volta una ripartizione di tipo geografico, dividendo le dodici squadre europee nei gruppi Europa occidentale, Europa orientale, Isole Britanniche a cui si aggiungono le quattro squadre del continente americano.

Ecco la composizione delle fasce destinate al sorteggio:[10]

Europa occidentale America Europa orientale Isole Britanniche
Bandiera dell'Austria Austria Bandiera dell'Argentina Argentina Bandiera della Cecoslovacchia Cecoslovacchia Bandiera del Galles Galles
Bandiera della Francia Francia Bandiera del Brasile Brasile Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra
Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest Bandiera del Messico Messico Bandiera dell'Ungheria Ungheria Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del Nord
Bandiera della Svezia Svezia Bandiera del Paraguay Paraguay Bandiera dell'Unione Sovietica Unione Sovietica Bandiera della Scozia Scozia

Riassunto del torneo[modifica | modifica wikitesto]

L'iniziale fase a gironi indicò in Germania Ovest e Francia due possibili candidate per la vittoria finale[11][12], pronostico estesosi alla Svezia padrone di casa nonché al Brasile.[13][14] Con il ruolo di outsider incarnato dalla Jugoslavia[15], spiccarono invece in negativo le prestazioni offerte da Inghilterra e Ungheria[16]; britannici e magiari mancarono entrambi la qualificazione perdendo uno spareggio[17], a favore rispettivamente di Unione Sovietica e Galles.[18] Deludente anche la partecipazione dell'Argentina, i cui sostenitori ingaggiarono violente proteste al ritorno in patria.[19]

Il diretto passaggio ai quarti di finale riguardò teutonici, transalpini, scandinavi, slavi del sud e verdeoro[20], cui s'aggiunse l'Irlanda del Nord prevalsa in un «dentro o fuori» a spese della Cecoslovacchia.[21] La rincorsa dei biancoverdi venne fermata dalla Francia[22], con il quadro delle semifinaliste completato da Svezia, Brasile e Germania Ovest.[23]

Piazzamenti delle nazionali

Gli incroci antecedenti l'atto finale registrarono l'affermazione svedese sulla Mannschaft, precludendo a questa l'opportunità di difesa del titolo mondiale: per un patto compiuto all'interno dello spogliatoio, i calciatori scandinavi si rasarono successivamente i capelli a zero.[19] Avversario dei padroni di casa fu il Brasile, impostosi per 5-2 sui Blues grazie anche alla tripletta del giovane Pelé[24]; la finale di consolazione premiò i transalpini a scapito dei tedeschi, con Fontaine laureatosi capocannoniere.[25] Ad incamerare il trofeo furono invece i sudamericani, nettamente vittoriosi nei confronti della rivale (5-2)[26]: per la Seleção si trattò del primo trionfo in ambito mondiale, riscattando la delusione conosciuta al Maracanazo nel 1950.[19]

In fatto di record, peraltro imbattuti nel sessantennio a venire, si segnalano la quantità di reti realizzate da Fontaine (ben 13[27]) e l'unica vittoria della coppa da parte di una formazione sudamericana nel continente europeo.[19]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo 1[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest 4 3 1 2 0 7 5 +2
2. Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del Nord 3 3 1 1 1 4 5 -1
3. Bandiera della Cecoslovacchia Cecoslovacchia 3 3 1 1 1 8 4 +4
4. Bandiera dell'Argentina Argentina 2 3 1 0 2 5 10 -5
Incontri[modifica | modifica wikitesto]
Malmö
8 giugno 1958, ore 19:00
Germania Ovest Bandiera della Germania Ovest3 – 1
referto
Bandiera dell'Argentina ArgentinaMalmö Stadion (31.156 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Inghilterra Leafe

Halmstad
8 giugno 1958, ore 19:00
Irlanda del Nord Bandiera dell'Irlanda del Nord1 – 0
referto
Bandiera della Cecoslovacchia CecoslovacchiaÖrjans Vall (26.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Austria Seipelt

Halmstad
11 giugno 1958, ore 19:00
Argentina Bandiera dell'Argentina3 – 1
referto
Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del NordÖrjans Vall (14.174 spett.)
Arbitro: Bandiera della Svezia Ahlner

Helsingborg
11 giugno 1958, ore 19:00
Germania Ovest Bandiera della Germania Ovest2 – 2
referto
Bandiera della Cecoslovacchia CecoslovacchiaOlympia (25.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Inghilterra Ellis

Malmö
15 giugno 1958, ore 19:00
Germania Ovest Bandiera della Germania Ovest2 – 2
referto
Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del NordMalmö Stadion (21.990 spett.)
Arbitro: Bandiera del Portogallo Campos

Helsingborg
15 giugno 1958, ore 19:00
Cecoslovacchia Bandiera della Cecoslovacchia6 – 1
referto
Bandiera dell'Argentina ArgentinaOlympia (16.418 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Inghilterra Ellis

Spareggio[modifica | modifica wikitesto]
Malmö
17 giugno 1958, ore 19:00
Irlanda del Nord Bandiera dell'Irlanda del Nord2 – 1
(d.t.s.)
referto
Bandiera della Cecoslovacchia CecoslovacchiaMalmö Stadion (6.196 spett.)
Arbitro: Bandiera della Francia Guigue

Gruppo 2[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Bandiera della Francia Francia 4 3 2 0 1 11 7 +4
2. Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia 4 3 1 2 0 7 6 +1
3. Bandiera del Paraguay Paraguay 3 3 1 1 1 9 12 -3
4. Bandiera della Scozia Scozia 1 3 0 1 2 4 6 -2
Incontri[modifica | modifica wikitesto]
Norrköping
8 giugno 1958, ore 19:00
Francia Bandiera della Francia7 – 3
referto
Bandiera del Paraguay ParaguayIdrottsparken (16.500 spett.)
Arbitro: Bandiera della Spagna Gardeazabal

Västerås
8 giugno 1958, ore 19:00
Jugoslavia Bandiera della Jugoslavia1 – 1
referto
Bandiera della Scozia ScoziaArosvallen (9.500 spett.)
Arbitro: Bandiera della Svizzera Wyssling

Västerås
11 giugno 1958, ore 19:00
Jugoslavia Bandiera della Jugoslavia3 – 2
referto
Bandiera della Francia FranciaArosvallen (12.000 spett.)
Arbitro: Bandiera del Galles Griffiths

Norrköping
11 giugno 1958, ore 19:00
Paraguay Bandiera del Paraguay3 – 2
referto
Bandiera della Scozia ScoziaIdrottsparken (12.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Italia Orlandini

Örebro
15 giugno 1958, ore 19:00
Francia Bandiera della Francia2 – 1
referto
Bandiera della Scozia ScoziaEyravallen (13.500 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Argentina Brozzi

Eskilstuna
15 giugno 1958, ore 19:00
Paraguay Bandiera del Paraguay3 – 3
referto
Bandiera della Jugoslavia JugoslaviaTunavallen (12.000 spett.)
Arbitro: Bandiera della Cecoslovacchia Macko

Gruppo 3[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Bandiera della Svezia Svezia 5 3 2 1 0 5 1 +4
2. Bandiera del Galles Galles 3 3 0 3 0 2 2 0
3. Bandiera dell'Ungheria Ungheria 3 3 1 1 1 6 3 +3
4. Bandiera del Messico Messico 1 3 0 1 2 1 8 -7
Incontri[modifica | modifica wikitesto]
Solna
8 giugno 1958, ore 14:00
Svezia Bandiera della Svezia3 – 0
referto
Bandiera del Messico MessicoRåsunda (45.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Unione Sovietica Latychev

Sandviken
8 giugno 1958, ore 19:00
Ungheria Bandiera dell'Ungheria1 – 1
referto
Bandiera del Galles GallesJernvallen (20.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Uruguay Codesal

Solna
11 giugno 1958, ore 19:00
Messico Bandiera del Messico1 – 1
referto
Bandiera del Galles GallesRåsunda (25.000 spett.)
Arbitro: Bandiera della Jugoslavia Lemesic

Solna
12 giugno 1958, ore 19:00
Svezia Bandiera della Svezia2 – 1
referto
Bandiera dell'Ungheria UngheriaRåsunda (40.000 spett.)
Arbitro: Bandiera della Scozia Mowat

Solna
15 giugno 1958, ore 14:00
Svezia Bandiera della Svezia0 – 0
referto
Bandiera del Galles GallesRåsunda (35.000 spett.)
Arbitro: Bandiera del Belgio Van Nuffel

Sandviken
15 giugno 1958, ore 19:00
Ungheria Bandiera dell'Ungheria4 – 0
referto
Bandiera del Messico MessicoJernvallen (13.300 spett.)
Arbitro: Bandiera della Finlandia Eriksson

Spareggio[modifica | modifica wikitesto]
Solna
17 giugno 1958, ore 19:00
Galles Bandiera del Galles2 – 1
referto
Bandiera dell'Ungheria UngheriaRåsunda (20.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Unione Sovietica Latychev

Gruppo 4[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Bandiera del Brasile Brasile 5 3 2 1 0 5 0 5
2. Bandiera dell'Unione Sovietica Unione Sovietica 3 3 1 1 1 4 4 0
3. Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra 3 3 0 3 0 4 4 0
4. Bandiera dell'Austria Austria 1 3 0 1 2 2 7 -5
Incontri[modifica | modifica wikitesto]
Uddevalla
8 giugno 1958, ore 19:00
Brasile Bandiera del Brasile3 – 0
referto
Bandiera dell'Austria AustriaRimnersvallen (17.778 spett.)
Arbitro: Bandiera della Francia Guigue

Göteborg
8 giugno 1958, ore 19:00
Unione Sovietica Bandiera dell'Unione Sovietica2 – 2
referto
Bandiera dell'Inghilterra InghilterraUllevi (49.348 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Ungheria Zsolt

Göteborg
11 giugno 1958, ore 19:00
Brasile Bandiera del Brasile0 – 0
referto
Bandiera dell'Inghilterra InghilterraUllevi (40.895 spett.)
Arbitro: Bandiera della Germania Ovest Dusch

Borås
11 giugno 1958, ore 19:00
Unione Sovietica Bandiera dell'Unione Sovietica2 – 0
referto
Bandiera dell'Austria AustriaRyavallen (21.239 spett.)
Arbitro: Bandiera della Danimarca Jorgensen

Borås
15 giugno 1958, ore 19:00
Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra2 – 2
referto
Bandiera dell'Austria AustriaRyavallen (15.872 spett.)
Arbitro: Bandiera dei Paesi Bassi Bronkhorst

Göteborg
15 giugno 1958, ore 19:00
Brasile Bandiera del Brasile2 – 0
referto
Bandiera dell'Unione Sovietica Unione SovieticaUllevi (50.928 spett.)
Arbitro: Bandiera della Francia Guigue

Spareggio[modifica | modifica wikitesto]
Göteborg
17 giugno 1958, ore 19:00
Unione Sovietica Bandiera dell'Unione Sovietica1 – 0
referto
Bandiera dell'Inghilterra InghilterraUllevi (23.182 spett.)
Arbitro: Bandiera della Germania Ovest Dusch

Fase ad eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale
Bandiera del Brasile Brasile 1
Bandiera del Galles Galles 0 Bandiera del Brasile Brasile 5
Bandiera della Francia Francia 4 Bandiera della Francia Francia 2
Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 Bandiera del Brasile Brasile 5
Bandiera della Svezia Svezia 2 Bandiera della Svezia Svezia 2
Bandiera dell'Unione Sovietica Unione Sovietica 0 Bandiera della Svezia Svezia 3
Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest 1 Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest 1
Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia 0 Finale 3º posto
Bandiera della Francia Francia 6
Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest 3

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Norrköping
19 giugno 1958, ore 19:00
Francia Bandiera della Francia4 – 0
referto
Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del NordIdrottsparken (12.000 spett.)
Arbitro: Bandiera della Spagna Gardeazabal

Solna
19 giugno 1958, ore 19:00
Svezia Bandiera della Svezia2 – 0
referto
Bandiera dell'Unione Sovietica Unione SovieticaRåsunda (45.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Inghilterra Leafe

Göteborg
19 giugno 1958, ore 19:00
Brasile Bandiera del Brasile1 – 0
referto
Bandiera del Galles GallesUllevi (25.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Austria Seipelt

Malmö
19 giugno 1958, ore 19:00
Germania Ovest Bandiera della Germania Ovest1 – 0
referto
Bandiera della Jugoslavia JugoslaviaMalmö Stadion (20.000 spett.)
Arbitro: Bandiera della Svizzera Wyssling

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Solna
24 giugno 1958, ore 19:00
Francia Bandiera della Francia2 – 5
referto
Bandiera del Brasile BrasileRåsunda (27.000 spett.)
Arbitro: Bandiera del Galles Griffiths

Göteborg
24 giugno 1958, ore 19:00
Germania Ovest Bandiera della Germania Ovest1 – 3
referto
Bandiera della Svezia SveziaUllevi (50.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Ungheria Zsolt

Finale per il terzo posto[modifica | modifica wikitesto]

Göteborg
28 giugno 1958, ore 17:00
Germania Ovest Bandiera della Germania Ovest3 – 6
referto
Bandiera della Francia FranciaUllevi (25.000 spett.)
Arbitro: Bandiera dell'Argentina Brozzi

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Finale del campionato mondiale di calcio 1958.
Solna
29 giugno 1958, ore 15:00
Brasile Bandiera del Brasile5 – 2
referto
Bandiera della Svezia SveziaRåsunda fotbollsstadion (51.800 spett.)
Arbitro: Bandiera della Francia Guigue

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

13 reti
6 reti
5 reti
4 reti
3 reti
2 reti
1 rete

Premi[28][modifica | modifica wikitesto]

Miglior marcatore Miglior giovane[29]
Bandiera della Francia Just Fontaine (13) Bandiera del Brasile Pelé

All-Star Team[30][modifica | modifica wikitesto]

Portiere Difensori Centrocampisti Attaccanti
Bandiera dell'Irlanda del Nord Harry Gregg Bandiera del Brasile Djalma Santos
Bandiera del Brasile Bellini
Bandiera del Brasile Nílton Santos
Bandiera dell'Irlanda del Nord Danny Blanchflower
Bandiera del Brasile Didi
Bandiera della Svezia Gunnar Gren
Bandiera della Francia Raymond Kopa
Bandiera del Brasile Pelé
Bandiera del Brasile Garrincha
Bandiera della Francia Just Fontaine

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1958 FIFA World Cup Sweden, su fifa.com. URL consultato il 28 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2020).
  2. ^ World Cup Sweden 1958, su fifa.com. URL consultato il 30 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2014).
  3. ^ Il numero 10 fu attribuito a caso dalla FIFA al futuro campione, in quanto la federazione brasiliana non aveva comunicato la numerazione dei propri giocatori.
  4. ^ FIFA Classic Player: The King of Football, su fifa.com. URL consultato il 30 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2013).
  5. ^ La Cina comunista ammessa nella F.I.F.A., in La Nuova Stampa, 22 giugno 1954, p. 4.
  6. ^ Aldo Pacor, Quando l'Irlanda ci tolse dalla storia, in la Repubblica, 22 maggio 1986, p. 16.
  7. ^ Angelo Rovelli, Quando gli azzurri furono aggrediti a Belfast, in La Gazzetta dello Sport, 22 gennaio 1997.
  8. ^ Sebastiano Vernazza, Storia di Streltsov, il Cassano dell'Urss, in La Gazzetta dello Sport, 4 giugno 2010.
  9. ^ A Stoccolma il sorteggio per le finali dei "mondiali", in Corriere della Sera, 7-8 febbraio 1958, p. 6.
  10. ^ Fissati per la Coppa del Mondo gli incontri del girone finale, in Corriere della Sera, 9 febbraio 1958, p. 11.
  11. ^ B.M., Scatta l'Argentina ma la Germania vince, in Stampa Sera, 9 giugno 1958, p. 5.
  12. ^ Trionfa la Francia contro il Paraguay: 7-3, in Stampa Sera, 9 giugno 1958, p. 5.
  13. ^ G.P., Con gli "svedesi d'Italia" battuto il Messico per 3-0, in Stampa Sera, 9 giugno 1958, p. 5.
  14. ^ Stoccate di Mazzola in Brasile-Austria: 3-0, in Stampa Sera, 9 giugno 1958, p. 5.
  15. ^ La Jugoslavia nel finale batte la Francia: 3 a 2, in La Nuova Stampa, 12 giugno 1958, p. 8.
  16. ^ Vittorio Pozzo, Gli svedesi battono l'Ungheria con due reti segnate da Hamrin: 2 a 1, in La Nuova Stampa, 13 giugno 1958, p. 8.
  17. ^ Ungheria scatenata: travolto il Messico (4-0), in Stampa Sera, 16 giugno 1958, p. 5.
  18. ^ Il Nord-Irlanda non cede alla Germania: 2-2, in Stampa Sera, 16 giugno 1958, p. 5.
  19. ^ a b c d Ponciroli, p. 12.
  20. ^ Vittorio Pozzo, Fantasia e classe del Brasile (2-0) in una magnifica gara con la Russia, in Stampa Sera, 16 giugno 1958.
  21. ^ Cedono i boemi all'Irlanda Nord: 1-2, in La Nuova Stampa, 18 giugno 1958, p. 8.
  22. ^ Crollata l'Irlanda del Nord di fronte al gioco dei francesi, in La Nuova Stampa, 20 giugno 1958, p. 8.
  23. ^ Restano in gara solamente quattro squadre ai mondiali di calcio, in La Nuova Stampa, 20 giugno 1958, p. 8.
  24. ^ Vittorio Pozzo, Svezia e Brasile finalisti della Coppa del Mondo, Francia e Germania si disputeranno il terzo posto, in La Nuova Stampa, 25 giugno 1958, p. 8.
  25. ^ Vittorio Pozzo, La Francia batte la Germania: 6-3 ed è terza nella Coppa del Mondo, in La Nuova Stampa, 29 giugno 1958, p. 8.
  26. ^ Gli svedesi segnano per primi con Liedholm ma poi si scatenano gli assi brasiliani: 5-2, in Stampa Sera, 30 giugno 1958, p. 5.
  27. ^ Ponciroli, p. 26.
  28. ^ "1958 FIFA World Cup Sweden - Awards", su fifa.com. URL consultato il 28 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2020).
  29. ^ La FIFA, in occasione della prima assegnazione del premio, ha organizzato un sondaggio tramite Internet per scegliere il miglior giovane dei Mondiali fra il 1958 e il 2002
  30. ^ FIFA World Cup All-Star Team – Football world Cup All Star Team, su football.sporting99.com. URL consultato il 28 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Ponciroli, Tutto Mondiali, Calcio 2000, giugno 2006, p. 32.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN230009820 · GND (DE5075397-6
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio