Torneo a eliminazione diretta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il torneo a eliminazione diretta è una categoria di torneo in cui il partecipante che perde un incontro viene immediatamente eliminato dalla competizione.[1]

Si compone di vari turni in base al numero iniziale di partecipanti (siano essi atleti o squadre): al completamento di ogni turno, un determinato numero di partecipanti è eliminato fintanto che l'unico partecipante rimasto si aggiudica la vittoria finale. Esistono tuttavia "tornei con recupero" in cui un partecipante rimane in corsa per la vittoria sino a che non abbia riportato due sconfitte: ciò avviene, per esempio, in sport come beach volley, lotta olimpica, judo e karate.[2] È talvolta prevista una finale per il terzo e quarto posto ("finalina" o "finale di consolazione") in cui si affrontano i partecipanti eliminati nelle semifinali.[3]

In vari sport, la fase ad eliminazione diretta segue una fase preliminare (di qualificazione) in cui i partecipanti sono divisi in gironi (gruppi): in alcuni sport di squadra, i play-off ("coda" seguente la stagione regolare) sono strutturati ad eliminazione diretta e il tabellone degli incontri è subordinato all'esito della stagione regolare.

Tra le discipline che prevedono tornei ad eliminazione diretta vi sono calcio, pallacanestro, pallavolo e tennis.[4]

Formato[modifica | modifica wikitesto]

Tale sistema è aritmeticamente perfetto quando il numero di partecipanti è una potenza di due:[5] il numero di partecipanti viene, infatti, dimezzato al completamento di ogni turno. Quando il numero di partecipanti non è una potenza di due, sono disputati turni preliminari o alcuni partecipanti sono direttamente ammessi ai turni successivi.

La vittoria nella finale per il 3º posto equivale alla conquista della medaglia di bronzo ai giochi olimpici: sono, talvolta, disputate anche le finali per determinare i piazzamenti dal 5º all'8º posto.[6]

I turni possono venire disputati in gara secca oppure in un doppio confronto (andata/ritorno). Il regolamento prevede criteri atti a risolvere eventuali situazioni di parità: tra questi vi sono il tie-break, lo spareggio, la ripetizione, i tempi supplementari, i tiri di rigore, la regola dei gol fuori casa e la differenza reti.

Esistono anche turni organizzati su più partite, solitamente in numero dispari: per la vittoria, è necessario aggiudicarsi almeno la metà degli incontri (formato tipico, per esempio, del NBA Finals).

Fasi[modifica | modifica wikitesto]

I turni di un torneo a eliminazione diretta sono così denominati:

  • Sessantaquattresimi di finale: vi partecipano 128 concorrenti, previsti nei tabelloni tennistici e di altri sport ad alto numero di partecipanti, come ad esempio nei tornei del Grande Slam, dove costituiscono il primo turno del tabellone principale (qualificazioni escluse).[7]
  • Trentaduesimi di finale: vi partecipano 64 concorrenti e sono previsti solitamente nel tennis e in alcune competizioni ad elevato numero di partecipanti. Nei grandi tornei di tennis, con un tabellone principale solitamente costituito da 128 giocatori, viene spesso chiamato "secondo turno"
  • Sedicesimi di finale: vi partecipano 32 concorrenti e i vincitori accedono agli ottavi di finale. Come gli ottavi, rappresentano spesso il primo turno di una competizione che prevede una fase iniziale a gruppi o eliminatorie (es. UEFA Europa League).
  • Ottavi di finale: vi partecipano 16 squadre e le vincitrici accedono ai quarti di finale. In alcuni casi, come nel campionato mondiale di calcio e nella UEFA Champions League, rappresentano il primo turno a eliminazione diretta, dopo la fase iniziale a gironi.
  • Quarti di finale: terz'ultimo atto di un torneo, vi partecipano otto squadre o concorrenti e i vincitori accedono alle semifinali.[8]
  • Semifinale: penultimo turno di un torneo, precede la finalissima e segue i quarti di finale: i partecipanti alle semifinali (semifinalisti) sono quattro, accoppiati tra loro. Gli atleti o le squadre che vincono la semifinale accedono alla finale, mentre per gli altri due può essere prevista una "finalina" (o "finale di consolazione").
  • Finale ("finalissima"): è l'incontro conclusivo di un torneo tra gli ultimi due concorrenti o squadre rimaste in gara. Il vincitore di tale incontro si aggiudica il torneo e, contestualmente, il titolo di campione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Predictive Power of Noisy Elimination Tournaments (PDF), cerge-ei.cz.
  2. ^ Tabellone con gare a eliminazione diretta con ricupero cusperugia.it
  3. ^ finalina Corriere della Sera
  4. ^ Eliminazione diretta, la formula ideale Ubitennis.it
  5. ^ Con "numero di partecipanti = e "numero di turni = n.
  6. ^ Slovenia 2013, finali 5/8º posto Serbia-Slovenia 74-92
  7. ^ Teste di serie, risultati netti La Gazzetta dello Sport
  8. ^ quarto Corriere della Sera

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sport