Vittorio Pozzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vittorio Giuseppe Luigi Pozzo
Vittorio Pozzo 1920 year.jpg
Pozzo negli anni 20
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex calciatore)
Carriera
Squadre di club1
1905-1906Grasshoppers? (?)
1906-1911Torino? (?)
Carriera da allenatore
1912 Italia Italia
1912-1922 Torino
1921 Italia Italia
1924 Italia Italia
1924-1926 Milan
1929-1948 Italia Italia
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Berlino 1936
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Oro Italia 1934
Oro Francia 1938
Transparent.png Coppa Internazionale
Oro 1927-1930
Argento 1931-1932
Oro 1933-1935
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2007

« Se ripenso ai raduni di quella nazionale nella mia città, a Cuneo, faccio fatica a credere in tanta modestia. La imponeva Vittorio Pozzo, un tipo di alpino e salesiano arrivato chissà come alla guida degli azzurri senza essere né un allenatore di professione né un burocrate dello sport ma semplicemente un piemontese risorgimentale ciecamente convinto delle virtù piemontesi. Uno di quelli per cui la parola sacra è “ël travai” »

(Giorgio Bocca. «Pozzo, Meazza e Piola. L'Italia a misura d'uomo», da la Repubblica, 7 luglio 2006)

Vittorio Giuseppe Luigi Pozzo (Torino, 2 marzo 1886Torino, 21 dicembre 1968) è stato un allenatore di calcio, calciatore e giornalista italiano, commissario tecnico della Nazionale italiana negli anni trenta e quaranta, e unico allenatore vincitore di due edizioni del campionato del mondo, peraltro consecutive. Sulla sua prima vittoria nella Coppa Rimet del 1934 fu realizzata nel 1990 la miniserie televisiva Il colore della vittoria.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Vittorio Pozzo nacque da una famiglia di origini biellesi, precisamente di Ponderano e di modeste condizioni economiche. Frequentò il Liceo Cavour a Torino, la sua città natale; in seguito studiò lingue e giocò a calcio in Francia, Svizzera ed Inghilterra, amando particolarmente quest'ultimo paese e cercando di carpire e far suoi i segreti del calcio albionico.

Appassionato di calcio e tifoso del FC Torinese, a solo undici anni con alcuni amici vendette alcuni libri di latino per vedere la prima partita di calcio giocata in Italia, Genoa-Rappresentanza Torino che si svolse il giorno dell'epifania del 1898 a Genova e venne vinta dalla squadra torinese[1].

Da calciatore militò nella squadra riserve elvetica dei Grasshoppers (anni 1905-1906), che lasciò per tornare nella sua Torino, dove contribuì a fondare il Torino Football Club, squadra nella quale militò per cinque stagioni, sino al ritiro dall'attività agonistica, nel 1911, e di cui fu direttore tecnico dal 1912 al 1922. Terminati gli studi, entrò alla Pirelli, dove divenne dirigente, incarico che lascerà per assumere quello di commissario unico della nazionale italiana, accettandolo con l'unica e singolare condizione di non essere retribuito.

Pozzo venne nominato per la prima volta commissario tecnico della nazionale di calcio in occasione delle olimpiadi di Stoccolma, nel giugno 1912: era l'esordio assoluto per una selezione italiana in una competizione ufficiale. La squadra venne eliminata al primo turno perdendo 3-2 con la Finlandia dopo i tempi supplementari. Pozzo si dimise e tornò a lavorare alla Pirelli; la nazionale ritornò nelle mani della cosiddetta "commissione tecnica", un curioso comitato variamente composto da dirigenti federali, arbitri, calciatori, ex calciatori, allenatori e giornalisti.

In tutto il suo primo periodo la nazionale fu guidata da questo gruppo eterogeneo di composizione variabile: Pozzo fu di fatto la sola persona a rivestire il ruolo di commissario unico sino alla fine degli anni quaranta, con le brevi eccezioni di Augusto Rangone (1925-1928) e Carlo Carcano (1928-1929). Pozzo prese parte alla Prima guerra mondiale in veste di tenente degli Alpini. Questa esperienza lo segnò profondamente: ne trasse un'esperienza di rigore morale ed educazione alla modestia e all'essenzialità spartana della vita di trincea che applicò costantemente ai rapporti umani e alla professione sportiva.

Nel 1921, Pozzo fu incaricato dalla Federcalcio di studiare un progetto di riforma del campionato per ovviare alle tensioni tra le grandi squadre e le società minori, poiché le prime ritenevano che il numero di partecipanti al campionato andasse ridotto. La mediazione di Pozzo fallì e la crisi sfociò nella scissione tra la FIGC e la CCI, rientrata comunque l'anno seguente.

Nel 1924, in occasione delle olimpiadi parigine, Pozzo venne nuovamente nominato commissario unico. Questa volta gli azzurri riuscirono ad arrivare ai quarti, dove vennero battuti per 2 a 1 dalla Svizzera. Anche in seguito a questa sconfitta Vittorio Pozzo si dimise e tornò a dedicarsi al suo lavoro e alla moglie, che poco tempo dopo perderà per una malattia. Dopo la scomparsa della moglie, Pozzo si trasferì a Milano, dove al suo lavoro in Pirelli, affiancò quello di giornalista per La Stampa di Torino, che continuò quasi sino alla morte.

Dieci anni d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Nazionale di calcio dell'Italia, Mondiali di calcio Italia 1934, Mondiali di calcio Francia 1938 e Coppa Internazionale.
Pozzo dà indicazioni ai suoi giocatori prima dei supplementari di Italia-Cecoslovacchia, finale della Coppa Jules Rimet 1934.

Nel 1929 l'allora presidente della Figc Leandro Arpinati gli chiese di guidare nuovamente la squadra azzurra e Pozzo, per la terza volta, accettò, dando il via al periodo d'oro della nazionale italiana. Nel volgere di un decennio e ispirato nello schema tattico applicato con successo nella Juventus allenata da Carlo Carcano, di cui i suoi giocatori costituirono l'asse portante,[2] Pozzo collezionò un palmarès difficilmente uguagliabile. Vinse infatti due titoli mondiali nel 1934 e nel 1938, un oro olimpico nel 1936 (l'unico del calcio italiano) e due Coppe Internazionali (manifestazione antesignana del Campionato europeo di calcio) nel 1930 e 1935. L'unica vittoria che sfuggì all'Italia di Pozzo di quell'irripetibile decennio fu quella della seconda edizione della Coppa Internazionale del 1932 in cui l'Italia si classificò comunque seconda.

In un'epoca in cui i maghi erano ancora sconosciuti, Vittorio Pozzo seppe crearsi una solida popolarità senza fare ricorso ad acrobazie tecniche e verbali, ma con la concreta eloquenza dei risultati. Anche se non sempre seppe o volle liberarsi dalla retorica imperante dei tempi (amava preparare spiritualmente i giocatori agli incontri ricordando loro la battaglia del Piave, e si diceva che facesse cantar loro le canzoni di guerra degli alpini, ma lo stesso interessato ha poi smentito in un'intervista televisiva), Pozzo dimostrò una rigorosa serietà morale e professionale che lo contraddistinse anche da commentatore sportivo.

Il tenente Pozzo fu anche il primo a fare uso sistematico dei "ritiri", i periodi di isolamento in preparazione di un evento sportivo. Le sedi scelte normalmente erano residenze molto essenziali, in omaggio allo stile militaresco del CT, che però era anche un maestro nel creare spirito di gruppo e nel cementare i rapporti personali, prevenendo malumori e lacerazioni nello spogliatoio.

Riguardo alle critiche ricevute per aver convocato giocatori oriundi nel vittorioso mondiale del 1934, riferendosi al fatto che gli stessi prestavano servizio nell'esercito, disse: "Se possono morire per l'Italia, possono anche giocare per l'Italia". In un'appassionata pagina Giorgio Bocca lo ricorda così:

« Il commissario unico era un ufficiale degli alpini e un fascista di regime. Vale a dire uno che apprezzava i treni in orario ma non sopportava gli squadrismi, che rendeva omaggio al monumento degli alpini ma non ai sacrari fascisti. »

(Giorgio Bocca. Pozzo, Meazza e Piola. L'Italia a misura d'uomo. «La Repubblica», 07 luglio 2006)
Pozzo portato in trionfo dopo la vittoria del mondiale del 1934

Un altro giudizio lo dà il suo concittadino, lo scrittore e giornalista Gianpaolo Ormezzano:

« [Vittorio Pozzo] era riuscito a gestire la nazionale, che pure il regime voleva usare come strumento di propaganda, tenendola abbastanza lontano dalle pressioni e dalle tresche dei gerarchi. [...] Pozzo non fu antifascista, né mai pretese di esserlo, ma non fu nemmeno banditore troppo strumentalizzato da parte del potere. [...] Forse quello fu l'unico modo per evitare che la sua squadra diventasse la Nazionale di Mussolini. »

(G. Ormezzano. Il calcio: una storia mondiale. Longanesi, Milano, 1989, ISBN 88-304-0918-9)

Pozzo, pare, amava portare con sé due portafortuna: il primo era una scheggia della Coppa Internazionale. Il trofeo era una sorta di antenato delle competizioni europee per nazioni, e Pozzo l'aveva vinto per la prima volta l'11 maggio 1930 quando a Budapest la sua nazionale batté l'Ungheria per 5-0 nell'ultima e decisiva partita. Avvenne che il trofeo cadesse per terra e, essendo interamente di cristallo di Boemia, si rompesse in numerosi pezzi senza poter essere riparato. Il secondo portafortuna era un biglietto per l'Inghilterra, dono di un familiare, che Pozzo non utilizzò mai.

Dal 24 novembre 1935 al 20 luglio 1939 pozzo inanellò una serie di 30 risultati utili consecutivi.[3]

Tattica[modifica | modifica wikitesto]

Fino agli anni trenta la tattica più diffusa nel calcio era stata la cosiddetta piramide di Cambridge, cioè un 2-3-5 a forma di piramide rovesciata che aveva il suo vertice nel portiere. L'ideazione di questo schema è attribuita alla squadra del noto college britannico, mentre il suo lancio è dovuto ai Blackburn Rovers, che lo applicarono per la prima volta negli anni Novanta dell'Ottocento vincendo cinque coppe di lega.

Per oltre un trentennio questo modulo conobbe ininterrotta fortuna nelle isole britanniche e, di riflesso, nel mondo intero. Negli anni del primo dopoguerra, per evoluzione, dalla piramide ebbero origine simultaneamente il WM, o sistema, praticato dall'Arsenal di Herbert Chapman e il metodo, i cui padri sono comunemente identificati in Vittorio Pozzo e nel suo amico e rivale Hugo Meisl, per venticinque anni allenatore della nazionale austriaca.

Il Metodo di Vittorio Pozzo

Pozzo e Meisl svilupparono l'idea di uno schieramento con due difensori arretrati e un giocatore centrale posto dinnanzi alla difesa, in mezzo ai due mediani. Questo giocatore, detto appunto centromediano metodista, fungeva da cardine della manovra ed era un vero e proprio antenato del "regista" all'italiana. Rispetto al sistema lo spostamento in avanti del difensore centrale forniva un maggiore sostegno ai mediani. Infine, l'arretramento verso la mediana dei due inside forward, gli "attaccanti interni" della piramide (detti anche "mezze ali") dava origine ad una formazione del tipo 2-3-2-3, o "WW", poiché ripeteva sul campo la forma di queste lettere. In questo modo si creava di fatto una superiorità numerica a centrocampo: la difesa risultava più protetta e i contrattacchi risultavano più rapidi ed efficaci.

Mentre Meisl si mostrò propenso ad applicare una versione dinamica del metodo, dando di fatto origine ad un ibrido con il "sistema", Pozzo rimase legato alla prima versione della sua tattica, dichiarandosi sempre decisamente contrario all'introduzione dello schema inglese, che egli riteneva poco adatto alle caratteristiche atletiche e allo stile degli italiani.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Hugo Meisl e Metodo (calcio).

Dimostrando comunque di non avere una visione preconcetta della tattica, Pozzo seppe adattare i suoi convincimenti: col tempo infatti crebbe nel suo gioco l'importanza delle mezze ali interne, anche perché ebbe a disposizione due fortissimi interpreti di quel ruolo: Giuseppe Meazza e Giovanni Ferrari, che non a caso furono gli unici due titolari fissi di entrambe le selezioni campioni del mondo.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Su pressioni della Federcalcio Pozzo diede le dimissioni da commissario tecnico il 5 agosto del 1948. Era ritenuto un uomo del passato, non più adatto a ricoprire il suo ruolo: veniva identificato con i successi sportivi del regime fascista. Inoltre rimaneva un convinto assertore della validità del metodo, mentre le squadre maggiormente vincenti all'epoca applicavano il sistema. Tra queste, paradossalmente, c'era il Grande Torino, ossatura della sua nazionale negli anni del secondo dopoguerra.

Al momento del ritiro Pozzo era stato commissario tecnico della nazionale per 6.927 giorni: un primato battuto solo da Enzo Bearzot. Aveva collezionato 97 panchine con la nazionale, con un totale di 65 vittorie, 17 pareggi e 15 sconfitte. La sua percentuale di vittorie è pari al 67.01% delle partite giocate: un record tra i CT azzurri. Il suo ultimo, straziante, atto ufficiale, nel 1949, fu il riconoscimento dei corpi dilaniati dei calciatori del Grande Torino, suoi amici e allievi, periti il 4 maggio nella tragedia di Superga.

Nel 1948 in occasione del 50º anniversario della F.I.G.C. fu insignito del titolo di pioniere del calcio italiano.[4]

Negli anni tra il 1948 e il 1958 Vittorio Pozzo partecipò piuttosto assiduamente, in qualità di consigliere nel direttivo tecnico, alla creazione del Centro Tecnico Federale di Coverciano. Questa attività avvenne grazie all'espressa richiesta fatta alla Federcalcio dall'amico e dirigente sportivo Luigi Ridolfi che aveva ideato il Centro Tecnico e che ne curò la costruzione fino alla propria morte. Pozzo morì il 21 dicembre del 1968, all'età di 82 anni, a Torino e le sue spoglie riposano nel cimitero di Ponderano (BI), paese di origine della sua famiglia.

Nel 1986 gli è stato intitolato l'allora Stadio Comunale di Torino[5][6] (oggi Stadio Olimpico), mentre nel giugno 2008 è la volta dello stadio di Biella e, in precedenza, quello di Boscoreale. Nel 2011 gli viene assegnato un Riconoscimento alla memoria nella Hall of fame del calcio italiano. Dal 2016 i suoi cimeli sono esposti a Ponderano in un museo a lui dedicato[7].

Statistiche da CT[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Naz da a Record
G V N P GF GS DR Vittorie %
Italia Italia 29 giugno 1912 (1°periodo)
9 marzo 1924 (2°periodo)
1º dicembre 1929
3 luglio 1912 (1°periodo)
2 giugno 1924 (2°periodo)
5 agosto 1948
97 65 17 15 237 129 +108 67,01
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29-06-1912 Stoccolma Finlandia Finlandia 3 – 2 Italia Italia Olimpiadi 1912 Franco Bontadini
Enrico Sardi
Cap: -
01-07-1912 Solna Svezia Svezia 0 – 1 Italia Italia Olimpiadi 1912 Franco Bontadini Cap: -
09-03-1924 Milano Italia Italia 0 – 0 Spagna Spagna Olimpiadi 1912 - Cap: -
06-04-1924 Budapest Ungheria Ungheria 7 – 1 Italia Italia Amichevole Luigi Cevenini Cap: -
25-05-1924 Colombes Italia Italia 1 – 0 Spagna Spagna Olimpiadi 1924 aut. Vallana Cap: -
29-05-1924 Vincennes Italia Italia 2 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Olimpiadi 1924 Adolfo Baloncieri
Giuseppe Della Valle
Cap: -
02.06-1924 Parigi Svizzera Svizzera 2 – 1 Italia Italia Olimpiadi 1924 Giuseppe Della Valle Cap: -
01-12-1929 Milano Italia Italia 6 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole Marcello Mihalich 2
Raimundo Orsi 2
Adolfo Baloncieri
Attila Sallustro
Cap: -
09-02-1930 Roma Italia Italia 4 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole Poretti 2
Giuseppe Meazza 2
Cap: -
02-03-1930 Roma Germania Germania 0 – 2 Italia Italia Amichevole Adolfo Baloncieri
Giuseppe Meazza
Cap: -
06-04-1930 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Italia Italia Amichevole Adolfo Baloncieri Cap: -
11-05-1930 Budapest Ungheria Ungheria 0 – 5 Italia Italia 1° Coppa Internazionale Raffaele Costantino
Mario Magnozzi
Giuseppe Meazza 3
Cap: -
22-06-1930 Bologna Italia Italia 2 – 3 Spagna Spagna Amichevole Raffaele Costantino 2 Cap: -
25-01-1931 Bologna Italia Italia 5 – 0 Francia Francia Amichevole Giuseppe Meazza 3
Renato Cesarini
Renato Cattaneo
Cap: -
22-02-1931 Milano Italia Italia 2 – 1 Austria Austria Coppa Internazionale Giuseppe Meazza
Raimundo Orsi
Cap: -
29-03-1931 Berna Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale Renato Cesarini Cap: -
12-04-1931 Oporto Portogallo Portogallo 0 – 2 Italia Italia Amichevole Raimundo Orsi
Giovanni Ferrari
Cap: -
19-04-1931 Bilbao Spagna Spagna 0 – 0 Italia Italia Amichevole - Cap: -
20-05-1931 Roma Italia Italia 3 – 0 Scozia Scozia Amichevole Raffaele Costantino
Giuseppe Meazza
Raimundo Orsi
Cap: -
15-11-1931 Roma Italia Italia 2 – 2 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Coppa Internazionale Alfredo Pitto
Fulvio Bernardini
Cap: -
13-12-1931 Budapest Italia Italia 3 – 2 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale Julio Libonatti
Raimundo Orsi
Renato Cesarini 3
Cap: -
14-02-1932 Napoli Italia Italia 3 – 0 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale Francisco Fedullo 3 Cap: -
20-03-1932 Vienna Austria Austria 2 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale Giuseppe Meazza Cap: -
10-04-1932 Colombes Francia Francia 1 – 2 Italia Italia Amichevole Mario Magnozzi
Raffaele Costantino
Cap: -
08-05-1932 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale Raffaele Costantino Cap: -
28-10-1932 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 2 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale Giovanni Ferrari Cap: -
27-11-1932 Praga Italia Italia 4 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole Giovanni Ferrari
Giuseppe Meazza
Raimundo Orsi 2
Cap: -
01-01-1933 Bologna Italia Italia 3 – 1 Germania Germania Amichevole Giuseppe Meazza
Raffaele Costantino
Angelo Schiavio 2
Cap: -
12-02-1933 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 3 Italia Italia Amichevole Giuseppe Meazza 2
Raffaele Costantino
Cap: -
02.-04-1933 Ginevra Svizzera Svizzera 0 – 3 Italia Italia Coppa Internazionale Angelo Schiavio 2
Giuseppe Meazza
Cap: -
07-05-1933 Firenze Italia Italia 2 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Coppa Internazionale Giovanni Ferrari
Angelo Schiavio
Cap: -
12-05-1933 Roma Italia Italia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole Giovanni Ferrari Cap: -
22-10-1933 Budapest Ungheria Ungheria 0 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale Felice Borel Cap: -
03-12-1933 Firenze Italia Italia 5 – 2 Svizzera Svizzera Coppa Internazionale Giovanni Ferrari
Mario Bossi
Mario Pizziolo
Raimundo Orsi
Giuseppe Meazza
Luis Monti
Cap: -
11-02-1934 Torino Italia Italia 2 – 4 Austria Austria Coppa Internazionale Enrique Guaita 2 Cap: -
25-03-1934 Milano Italia Italia 4 – 0 Grecia Grecia Qual.Mondiali 1934 Giuseppe Meazza 2
Anfilogino Guarisi
Giovanni Ferrari
Cap: -
27-05-1934 Roma Italia Italia 7 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 1934 Angelo Schiavio 3
Raimundo Orsi 2
Giuseppe Meazza
Giovanni Ferrari
Cap: -
31-05-1934 Firenze Italia Italia 1 – 1 Spagna Spagna Mondiali 1934 Giovanni Ferrari Cap: -
01-06-1934 Firenze Italia Italia 1 – 0 Spagna Spagna Mondiali 1934 Giuseppe Meazza Cap: -
03-06-1934 Firenze Italia Italia 1 – 0 Austria Austria Mondiali 1934 Enrique Guaita Cap: -
10-06-1934 Roma Italia Italia 2 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 1º Titolo Mondiale Raimundo Orsi
Angelo Schiavio
Cap: -
14-11-1934 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 2 Italia Italia Amichevole Giuseppe Meazza 2 Cap: -
09-12-1934 Milano Italia Italia 4 – 2 Ungheria Ungheria Amichevole Enrique Guaita 2
Giovanni Ferrari
Giuseppe Meazza
Cap: -
17-02-1935 Roma Italia Italia 4 – 2 Francia Francia Amichevole Giuseppe Meazza 2 Cap: -
24-03-1935 Vienna Austria Austria 0 – 2 Italia Italia Coppa Internazionale Silvio Piola 2 Cap: -
27-10-1935 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 2 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale Alfredo Pitto Cap: -
24-11-1935 Milano Italia Italia 2 – 2 Ungheria Ungheria 2° Coppa Internazionale Gino Colaussi
Giovanni Ferrari
Cap: -
05-04-1936 Zurigo Svizzera Svizzera 1 – 2 Italia Italia Amichevole Atilio Demaría
Gino Colaussi
Cap: -
17-05-1936 Milano Italia Italia 2 – 2 Austria Austria Amichevole Atilio Demaría
Piero Pasinati
Cap: -
31-05-1936 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 2 Italia Italia Amichevole Piero Pasinati
Giuseppe Meazza
Cap: -
03-08-1936 Berlino Italia Italia 1 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 1936 Annibale Frossi
07-08-1936 Berlino Italia Italia 8 – 0 Giappone Giappone Olimpiadi 1936 Carlo Biagi 4
Annibale Frossi 3
Giulio Cappelli
Cap: -
10-08-1936 Berlino Italia Italia 2 – 1 Norvegia Norvegia Olimpiadi 1936 Alfonso Negro
Annibale Frossi
Cap: -
15-08-1936 Berlino Italia Italia 2 – 1 Austria Austria 1º Titolo Olimpico Annibale Frossi 2 Cap: -
25-10-1936 Milano Italia Italia 4 – 2 Svizzera Svizzera Coppa Internazionale Silvio Piola 2
Giuseppe Meazza
Piero Pasinati
Cap: -
15-11-1936 Berlino Germania Germania 2 – 2 Italia Italia Amichevole Gino Colaussi
Giovanni Ferrari
Piero Pasinati
Cap: -
13-12-1936 Genova Italia Italia 2 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole Piero Pasinati
Giovanni Ferrari
Cap: -
25-04-1937 Torino Italia Italia 2 – 0 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale Gino Colaussi
Annibale Frossi
Cap: -
23-05-1937 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 0 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale Piero Pasinati
Giovanni Ferrari
Cap: -
27-05-1937 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 3 Italia Italia Amichevole Silvio Piola 2
Giuseppe Meazza
Cap: -
31-10-1937 Ginevra Svizzera Svizzera 2 – 2 Italia Italia Coppa Internazionale Silvio Piola 2 Cap: -
05-12-1937 Parigi Francia Francia 0 – 0 Italia Italia Amichevole - Cap: -
15-05-1938 Milano Italia Italia 6 – 1 Belgio Belgio Amichevole Silvio Piola 3
Giuseppe Meazza
Michele Andreolo
Piero Pasinati
Cap: -
22-05-1938 Genova Italia Italia 4 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole Gino Colaussi
Silvio Piola
Giuseppe Meazza
Giovanni Ferrari
Cap: -
05-06-1938 Marsiglia Italia Italia 2 – 1 Norvegia Norvegia Mondiali 1938 Pietro Ferraris
Giuseppe Meazza
Cap: -
12-06-1938 Marsiglia Francia Francia 1 – 3 Italia Italia Mondiali 1938 Gino Colaussi
Silvio Piola 2
Cap: -
16-06-1938 Marsiglia Italia Italia 2 – 1 Brasile Brasile Mondiali 1938 Gino Colaussi
Giuseppe Meazza
Cap: -
19-06-1938 Colombes Italia Italia 4 – 2 Ungheria Ungheria 2º Titolo Mondiale Gino Colaussi 2
Giuseppe Meazza 2
Cap: -
20-11-1938 Bologna Italia Italia 2 – 0 Svizzera Svizzera Amichevole Gino Colaussi
aut. Minelli
Cap: -
04-12-1938 Napoli Italia Italia 1 – 0 Francia Francia Amichevole Amedeo Biavati Cap: -
26-03-1939 Napoli Italia Italia 3 – 2 Germania Germania Amichevole Silvio Piola
Amedeo Biavati
Cap: -
13-05-1939 Milano Italia Italia 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole Amedeo Biavati
Silvio Piola
Cap: -
04-06-1939 Belgrado Jugoslavia Jugoslavia 1 – 2 Italia Italia Amichevole Silvio Piola
Gino Colaussi
Cap: -
08-06-1939 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 2 Italia Italia Amichevole Silvio Piola
Gino Colaussi 2
Cap: -
11-06-1939 Bucarest Romania Romania 0 – 1 Italia Italia Amichevole Gino Colaussi Cap: -
20-07-1939 Helsinki Finlandia Finlandia 2 – 3 Italia Italia Amichevole Silvio Piola 3 Cap: -
12-11-1939 Zurigo Svizzera Svizzera 3 – 1 Italia Italia Amichevole Ettore Puricelli Cap: -
26-11-1939 Berlino Germania Germania 5 – 2 Italia Italia Amichevole Neri
Demaria
Cap: -
03-03-1940 Torino Italia Italia 1 – 1 Svizzera Svizzera Amichevole Corbelli Cap: -
14-04-1940 Roma Italia Italia 2 – 1 Romania Romania Amichevole Biavati
Piola
Cap: -
05-05-1940 Milano Italia Italia 3 – 2 Germania Germania Amichevole Colaussi
Bertoni
Biavati
Cap: -
01-12-1940 Genova Italia Italia 1 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole Trevisan Cap: -
05-04-1942 Genova Italia Italia 4 – 0 Croazia Croazia Amichevole Gabetto
Ferraris
Biavati
Grezar
Cap: -
19-04-1942 Milano Italia Italia 4 – 0 Spagna Spagna Amichevole Mazzola
Ferraris
Piola
Loik
Cap: -
11-11-1945 Genova Svizzera Svizzera 4 – 4 Italia Italia Amichevole Piola
Loik
Biavati 2
Cap: -
01-12-1946 Milano Italia Italia 3 – 2 Austria Austria Amichevole Castigliano
Mazzola
Piola
Cap: -
27-04-1947 Milano Italia Italia 5 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole Mazzola
Menti 3
Loik
Piola
Cap: -
11.05-1947 Torino Italia Italia 3 – 2 Ungheria Ungheria Amichevole Gabetto 2
Loik
Cap: -
09-11-1947 Vienna Austria Austria 5 – 1 Italia Italia Amichevole Carapellese Cap: -
Totale Presenze 97 Reti 237

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Italia: 1927-1930, 1933-1935
Italia: Italia 1934, Francia 1938
Italia: Berlino 1936

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008 pag. 186
  2. ^ Fugardi, p. 92
  3. ^ http://www.italia1910.com/allenatori-partite.asp?Pagina=3&idAllenatore=20&Competizione=0
  4. ^ Bollettino ufficiale della FIGC, comunicato ufficiale n. 45 del 18 febbraio 1949. Con comunicato n. 46, al Palazzo Tursi di Genova il 27 febbraio 1949 furono consegnati i distintivi d'onore alle persone che avevano dato un contributo rilevante allo sviluppo del gioco del calcio in Italia nel periodo 1898-1914 (comprese le persone già decedute): 7 presidenti; 12 del Piemonte; 15 della Lombardia; 5 del Veneto; 6 della Liguria; 2 dell'Emilia, 4 della Toscana; 5 del Lazio; 2 della Campania; 2 delle Puglie; 1 della Sicilia.
  5. ^ Dall'Umberto I al "nuovo" Grande Torino, gli 11 stadi della storia calcistica torinese
  6. ^ SPECIALE STADI TORINO: I 5 impianti esistenti in cui hanno giocato Juve e Toro
  7. ^ Inaugurato il museo dedicato a Vittorio Pozzo I cimeli raccontano la storia del calcio azzurro, La Stampa, 29 aprile 2016.
  8. ^ La Stella al Merito Sportivo a Vittorio Pozzo, La Stampa, 25 giugno 1938 n. 150 pag. 2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Monografie[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonino Fugardi, Il calcio dalle origini ad oggi, Bologna, Cappelli, 1966.
  • Simon Martins, Calcio e fascismo - Lo sport nazionale sotto Mussolini, Oscar Mondadori, Milano, 2004
  • Gianpaolo Ormezzano. Il calcio: una storia mondiale. Longanesi, Milano, 1989, ISBN 88-304-0918-9.
  • Antonio Papa, Guido Panico. Storia sociale del calcio in Italia dai club dei pionieri alla nazione sportiva (1887-1945), Il Mulino, Bologna 1993, ISBN 88-15-08764-8.
  • Vittorio Pozzo. Campioni del mondo - Quarant'anni di storia del calcio italiano, CEN, Roma, 1968 (2. ed.)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN65835800 · LCCN: (ENn2002104489