Nazionale di calcio del Kirghizistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kirghizistan Kirghizistan
Federcalcio kirghiza.gif
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione FFKR
Football Federation of Kyrgyz Republic
Confederazione AFC
Codice FIFA KGZ
Soprannome Ак шумкарлар (I falchi bianchi)
Selezionatore Russia Aleksandr Krestinin
Record presenze Vadim Harchenko (51)
Capocannoniere Anton Zemlyanukhin (12)
Ranking FIFA 96° (11 giugno 2020)[1]
Esordio internazionale
Uzbekistan Uzbekistan 3 - 0 Kirghizistan Kirghizistan
Tashkent, Uzbekistan; 23 agosto 1992
Migliore vittoria
Kirghizistan Kirghizistan 7 - 0 Birmania Birmania
Bishkek, Kirghizistan; 10 ottobre 2019
Peggiore sconfitta
Iran Iran 7 - 0 Kirghizistan Kirghizistan
Damasco, Siria; 4 giugno 1997
Coppa d'Asia
Partecipazioni 1 (esordio: 2019)
Miglior risultato Ottavi di finale nel 2019

La nazionale di calcio del Kirghizistan (Кыргызстандын улуттук футбол курамасы) è la rappresentativa calcistica del Kirghizistan ed è controllata dalla Football Federation of Kyrgyz Republic.

Sorta in seguito allo scioglimento dell'Unione Sovietica, disputò il suo primo incontro ufficiale nel 1992 contro l'Uzbekistan, anch'essa sorta dalle ceneri dell'Unione Sovietica. In quell'occasione perse per 3-0.

Attualmente occupa la 96ª posizione del ranking FIFA.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1992-2010: sviluppo approssimativo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica e la dichiarazione di indipendenza, il Kirghizistan è diventato un membro pienamente riconosciuto dalla FIFA e dall'AFC. Hanno giocato la loro prima partita in trasferta a Tashkent, contro l'Uzbekistan, il 23 agosto 1992 nel Torneo dell'Asia centrale, perdendo 3-0.

Nel giugno 1993, il Kirghizistan si è recato a Teheran, in Iran, per la ECO Cup. Il 6 giugno, hanno perso 3-2 contro l'Azerbaigian e, due giorni dopo, hanno pareggiato 1-1 contro il Tagikistan.

Nell'aprile 1994, il Kirghizistan ha giocato contro altre squadre dell'Asia centrale in un torneo a Tashkent, in Uzbekistan. Il 13 aprile hanno perso 5-1 contro il Turkmenistan, poi il 15 aprile 1-0 contro il Tagikistan. Il 17 aprile hanno pareggiato 0-0 contro il Kazakistan prima di perdere 3-0 contro i padroni di casa due giorni dopo.[2]

Il Kirghizistan continua a lottare, a causa dello scarso interesse per lo sviluppo del calcio nella Repubblica. In 20 anni, la nazionale non ha giocato più di 38 partite, con una percentuale di vittorie del 26,3%. La mancanza di sviluppi di base rispetto ai suoi vicini dell'Asia centrale ha fatto sì che il Kirghizistan rimanesse arretrato dietro a Tagikistan, Turkmenistan, Kazakistan e Uzbekistan. Nonostante ciò, il Kirghizistan è comunque riuscito a ottenere alcuni risultati significativi, come la vittoria della maglia di bronzo nella AFC Challenge Cup 2006.

Dagli anni 2010: la rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Con l'arrivo di Sergej Dvorjankov, le cose iniziarono a cambiare drasticamente. Dvorjankov effettuò un ricambio generazionale e naturalizzò vari giocatori come i ghanesi David Tetteh, Elijah Ari e Daniel Tagoe; il camerunese Claude Maka Kum; i tedeschi Viktor Maier, Vitalij Ljuks, Viktor Kelm e Edgar Bernhardt; oltre a chiamare più giocatori russi e tedeschi nati in Kirghizistan a giocare per la nazionale. Il tutto migliorò notevolmente il livello della nazionale del Kirghizistan. I Falchi bianchi ottennero buoni risultati durante le qualificazioni al campionato mondiale di calcio 2018, quando il Kirghizistan riuscì a sconfiggere il vicino Tagikistan e la Giordania, che aveva anche battuto l'Australia in precedenza, oltre a giocare bene contro i campioni d'Asia dell'Australia nonostante la sconfitta in entrambe le partite.

Sotto la guida di un altro commissario tecnico russo, Aleksandr Krestinin, il Kirghizistan si qualificò per la prima volta alla Coppa delle nazioni asiatiche, dopo essere stato raggruppato nel girone di qualificazione insieme a India, Birmania e Macao. Il 22 marzo 2018, dopo aver battuto la Birmania per 5-1, il Kirghizistan si era finalmente qualificato per la sua prima volta alla Coppa delle nazioni asiatiche nella propria storia.

Coppa d'Asia 2019[modifica | modifica wikitesto]

Il Kirghizistan venne inserito in un girone di ferro con la Corea del Sud, la Cina e le Filippine, che avevano più caratura rispetto alla nazionale kirghisa. Tuttavia, contro ogni pronostico, la nazionale giocò bene. Dopo aver perso con Cina e Corea del Sud con un solo gol di margine, ha battuto le Filippine per 3-1, e si è qualificata in virtù di essere tra le migliori terze. Nella fase a eliminazione diretta, nonostante abbia affrontato gli Emirati Arabi Uniti, il Kirghizistan ha lottato fino alla fine, per poi perdere 2-3 al minuto '120 nei tempi supplementari.

Risultati nelle competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1994 Stati Uniti Stati Uniti Non partecipante - - - -
1998 Francia Francia Non qualificata - - - -
2002 Giappone Giappone / Corea del Sud Corea del Sud Non qualificata - - - -
2006 Germania Germania Non qualificata - - - -
2010 Sudafrica Sudafrica Non qualificata - - - -
2014 Brasile Brasile Non qualificata - - - -
2018 Russia Russia Non qualificata - - - -

Coppa d'Asia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1996 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Non qualificata - - - -
2000 Libano Libano Non qualificata - - - -
2004 Cina Cina Non qualificata - - - -
2007 Indonesia Indonesia/Malaysia Malaysia
Thailandia Thailandia/Vietnam Vietnam
Non partecipante - - - -
2011 Qatar Qatar Non partecipante - - - -
2015 Australia Australia Non partecipante - - - -
2019 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Ottavi di finale 1 0 3 6:7

AFC Challenge Cup[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006 - Semifinalista
  • 2008 - Non qualificata
  • 2010 - Primo turno
  • 2012 - Non qualificata
  • 2014 - Primo turno

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della Nazionale kirghisa.

Lista dei giocatori convocati per le partite di Qualificazioni al campionato mondiale di calcio 2022 contro Giappone e Tagikistan del 14 e 19 novembre 2019.

Presenze, reti e numerazione aggiornate al 19 novembre 2019

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
1 P Pavel Matiash 11 luglio 1987 (33 anni) 43 -? Kirghizistan Alga Bishkek
16 P Valery Kashuba 14 settembre 1984 (36 anni) 23 -? Kirghizistan Dordoi Bishkek
13 P Kutman Kadyrbekov 13 giugno 1997 (23 anni) 4 -? Kirghizistan Dordoi Bishkek
2 D Valerij Kičin 12 ottobre 1992 (28 anni) 33 2 Russia Torpedo Mosca
7 D Azamat Baimatov 3 dicembre 1989 (31 anni) 32 4 Malaysia Kuala Lumpur FA
3 D Tamirlan Kozubaev 1º luglio 1994 (26 anni) 27 2 Indonesia Persita Tangerang
6 D Viktor Maier 16 maggio 1990 (30 anni) 21 1 Germania Wiedenbrück
4 D Mustafa Yusupov 1º luglio 1995 (25 anni) 9 0 Kirghizistan Dordoi Bishkek
5 D Aizar Akmatov 24 agosto 1998 (22 anni) 4 0 Kirghizistan Alga Bishkek
14 D Aleksandr Miščenko 30 luglio 1997 (23 anni) 3 0 Kirghizistan Dordoi Bishkek
17 D Akram Umarov 7 febbraio 1994 (27 anni) 2 0 Kirghizistan Neftchi Kochkor-Ata
18 C Kairat Zhyrgalbek Uulu 13 giugno 1993 (27 anni) 41 2 Kirghizistan Dordoi Bishkek
9 C Edgar Bernhardt 30 marzo 1986 (35 anni) 37 4 Bangladesh Dhaka Abahani
21 C Farhat Musabekov 3 gennaio 1994 (27 anni) 35 1 Kirghizistan Dordoi Bishkek
20 C Bakhtiyar Duyshobekov 3 giugno 1995 (25 anni) 28 1 Bangladesh Bashundhara Kings
23 C Akhlidin Israilov 16 settembre 1994 (26 anni) 25 2 Thailandia Samut Sakhon
11 C Bekzhan Sagynbaev 11 settembre 1994 (26 anni) 19 4 Kirghizistan Dordoi Bishkek
12 C Odiljon Abdurakhmanov 18 marzo 1996 (25 anni) 11 0 Kirghizistan Alay
15 C Murolimzhon Akhmedov 5 gennaio 1992 (29 anni) 10 0 Bangladesh Saif
22 C Alimardon Šukurov 28 settembre 1999 (21 anni) 8 2 Turchia Boluspor
8 C Gulzhigit Alykulov 25 novembre 2000 (20 anni) 6 2 Kazakistan Kairat Almaty
10 A Mirlan Murzaev 29 marzo 1990 (31 anni) 46 10 Kirghizistan Dordoi Bishkek
19 A Vitalij Ljuks 27 febbraio 1989 (32 anni) 31 8 Germania SSV Ulma

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Asia[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Asia 2019
Matiash, 2 Kičin, 3 Kozubaev, 4 Yusupov, 5 Akmatov, 6 Sidorenko, 7 Rustamov, 8 Sydykov, 9 Bernhardt, 10 Murzaev, 11 Sagynbaev, 12 Abdurakhmanov, 13 Kadyrbekov, 14 Batyrkanov, 15 Akhmedov, 16 Kashuba, 17 Tagoe, 18 Zhyrgalbek Uulu, 19 Ljuks, 20 Duyshobekov, 21 Musabekov, 22 Zemljanuchin, 23 Israilov, CT: Krestinin

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Men's Ranking, su fifa.com.
  2. ^ Yoon Hyung-Jin, Kyrgyzstan International Matches, RSSSF, 30 aprile 2006. URL consultato il 19 novembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio