Nazionale di calcio della Corea del Nord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corea del Nord Corea del Nord
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione KFA
DPR Korea Football Association
Confederazione AFC
Codice FIFA PRK
Selezionatore Corea del Nord Kim Yong-Jun
Record presenze Ri Myong-Guk (104)
Capocannoniere Jong Il-Gwan (21)
Ranking FIFA 118° (25 luglio 2019)[1]
Esordio internazionale
Cina Cina 0 - 1 Corea del Nord Corea del Nord
Pechino, Cina; 7 ottobre 1956
Migliore vittoria
Corea del Nord Corea del Nord 21 - 0 Guam Guam
Taipei, Taiwan; 11 marzo 2005
Peggiore sconfitta
Portogallo Portogallo 7 - 0 Corea del Nord Corea del Nord
Città del Capo, Sudafrica; 21 giugno 2010
Campionato del mondo
Partecipazioni 2 (esordio: 1966)
Miglior risultato Quarti di finale nel 1966
Coppa d'Asia
Partecipazioni 5 (esordio: 1980)
Miglior risultato Quarto posto nel 1980

La nazionale di calcio della Corea del Nord (in coreano 조선민주주의인민공화국 축구 국가대표팀) è la squadra calcistica della Corea del Nord, è controllata dalla Federazione calcistica nordcoreana (KFA). Fa parte della AFC.

Conta due partecipazioni alla fase finale della Coppa del mondo, una nel 1966, quando raggiunse i quarti di finale, prima asiatica a superare la fase a gironi di un mondiale, e nel 2010, quando fu eliminata nella fase a gruppi. Ha partecipato a quattro fasi finali della Coppa d'Asia, raggiungendo il quarto posto nel 1980.

Nel ranking FIFA, istituito nell'agosto 1993, la Corea del Nord vanta quale miglior piazzamento il 57º posto del novembre 1993, mentre il peggior piazzamento è il 181º posto occupato nell'ottobre e nel novembre 1998. Occupa attualmente il 118º posto della graduatoria[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Anche se nell'antica Corea era diffuso un gioco molto simile al calcio, chiamato chuk-gu, furono i britannici ad esportare il football nella penisola nel 1882 attraverso il loro avamposto di Incheon. Nel 1921 si disputò il primo campionato di calcio coreano, mentre sette anni dopo nacque la Federazione calcistica coreana.

L'aggressione nipponica degli anni trenta, il secondo conflitto mondiale e la guerra di Corea resero molto più problematica la diffusione del calcio in Corea. Ovviamente la divisione politica della Corea in due stati diede il via anche alla fondazione di due nazionali di calcio: quella nordcoreana però rimase per molto tempo inattiva e poté fare il suo esordio solo nel 1964.

Il mondiale del 1966[modifica | modifica wikitesto]

Il miglior risultato ottenuto dalla nazionale nordcoreana risale al campionato del mondo 1966. Dopo aver perso con l'Unione Sovietica per 3-0 ed aver pareggiato con il Cile per 1-1 (con rete di Pak Seung-Zin nei minuti finali), la squadra sconfisse clamorosamente l'Italia per 1-0, grazie alla decisiva marcatura di Pak Doo Ik, e superò dunque la prima fase, per poi cadere eliminata ai quarti di finale contro il Portogallo in modo rocambolesco. Contro i lusitani la formazione asiatica andò in vantaggio per 3-0, prima che quattro gol di Eusébio e un'altra segnatura portoghese (5-3 il finale) fermassero il cammino della Corea del Nord. Fu la prima nazionale di calcio asiatica a superare la prima fase di un campionato del mondo. Tornati in patria, i giocatori vennero accolti come degli eroi nazionali, come testimonia il film documentario The Game of Their Lives di Dan Gordon (2002), riportante le testimonianze di sette membri della squadra (tra cui Pak Doo Ik e Pak Seung-Zin) e del loro allenatore, Myung Rye-hyun.

Anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni settanta furono particolarmente difficili per la nazionale nordcoreana: si aprirono con una squalifica imposta dalla FIFA, che punì la federcalcio di Pyongyang per non aver voluto disputare una partita contro Israele (la motivazione, ovviamente, andava ricercata nelle tensioni diplomatiche tra i due stati), e furono intervallati da numerose sconfitte, che si conclusero spesso con risultati rotondi. L'opposizione al regime di Videla causò inoltre il boicottaggio del mondiale argentino del 1978: ancora una volta calcio e politica erano strettamente intrecciati.

Anni ottanta e novanta[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni ottanta parvero aprirsi con un timido segnale di ripresa: il 4º posto ottenuto dai nordcoreani nella Coppa d'Asia 1980. Tuttavia cocenti sconfitte, altri boicottaggi e altre esclusioni imposte dalla federazione internazionale impedirono alla Corea del Nord di partecipare a manifestazioni calcistiche di rilievo, se si esclude la Coppa d'Asia 1992, in cui però il risultato fu un'eliminazione al primo turno.

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo del 2005 i nordcoreani cercavano una difficile qualificazione al mondiale di Germania 2006 nella partita interna contro l'Iran. Sul punteggio di 0-2 un netto calcio di rigore fu negato alla Corea del Nord e alle vibranti proteste dei giocatori si aggiunsero quelle dei tifosi: dagli spalti piovvero pietre, seggiolini e bottiglie, mentre un'invasione di campo costrinse gli iraniani ad asserragliarsi negli spogliatoi, senza avere la possibilità di uscire[2]. L'incontro fu proseguito a Bangkok, senza che i nordcoreani avessero la possibilità di recarsi allo stadio. Inoltre la FIFA impose alla Corea del Nord di disputare le successive due partite casalinghe in campo neutro e senza sostenitori al seguito[3].

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 tutti i giocatori della Corea del Nord militavano nel campionato nazionale, tranne i cosiddetti Zainichi (oriundi giapponesi), tra cui i più famosi Ahn Young-Hak (Omiya Ardija), Ryang Yong-Gi (Vegalta Sendai) e Jong Tae-Se (Kawasaki Frontale). Date le politiche estremamente restrittive del regime di Kim Jong-Un riguardo l'emigrazione, praticamente tutti i tifosi che si recano in trasferta a seguire le partite della Corea del Nord sono cittadini stranieri (per lo più cinesi, ma anche giapponesi e sudcoreani discendenti di nordcoreani).

Nelle qualificazioni ai mondiali del 2010 la squadra ritrovò competitività: dopo aver eliminato la Mongolia e la Giordania nei turni preliminari, fu inserita del gruppo B nel girone di qualificazione insieme ai "cugini" sudcoreani, all'Iran, all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti. Al termine del girone d'andata la Corea del Nord si trovava al 2º posto, l'ultimo utile per andare direttamente alla fase finale del mondiale (il 3º consentiva uno spareggio-qualificazione con la 3ª del gruppo A).

Nella prima sfida la Corea del Nord vinse per 2-1 in trasferta contro gli Emirati Arabi con gol di Choe Kum-Chol e An Chol-Hyok; nella seconda pareggiò in casa 1-1 contro la Corea del Sud (rete di Hong Yong-Jo dagli undici metri); nella terza si registrò la sconfitta per 2-1 in Iran (marcatura di Jong Tae-Se), mentre nel quarto incontro la vittoria contro i sauditi, siglata da Mun In-Guk, consentì ai nordcoreani di terminare il girone d'andata in buona posizione. Il girone di ritorno si aprì per i nordocoreani con il successo casalingo contro gli Emirati Arabi per 2-0, con reti di Pak Nam-Chol e Mun In-Guk: a seguito di questa vittoria la nazionale si issò in testa al gruppo con 10 punti, ma la successiva sconfitta di misura con la Corea del Sud rimise in discussione la qualificazione. Un pareggio casalingo con l'Iran e un altro all'ultima giornata in casa dell'Arabia Saudita garantirono comunque alla selezione nordcoreana allenata da Kim Jong-Hun la qualificazione al mondiale di Sudafrica 2010[4], bissando l'analogo risultato conseguito dal CT Myong Rae Hyon nel 1966[5].

Nel sorteggio dei gironi di Sudafrica 2010 la Corea del Nord fu abbinata a Brasile, Portogallo e Costa d'Avorio. In Sudafrica la nazionale nordcoreana debuttò contro il Brasile, riuscendo a tratti finanche a mettere in difficoltà la Seleção, che comunque s'impose per 2-1: la rete asiatica fu siglata da Ji Yun-Nam. Nella seconda partita il Portogallo inflisse ai coreani la peggiore sconfitta nella storia della nazionale, vincendo per 7-0 e sancendo l'eliminazione della Corea del Nord dalla kermesse mondiale, che si concluse con un ulteriore sconfitta, per 3-0, contro la Costa d'Avorio.

Dopo il mondiale si diffusero voci e speculazioni secondo le quali il governo del dittatore Kim Jong-il aveva punito duramente l'intera squadra per gli scarsi risultati e che l'allenatore fosse stato addirittura messo ai lavori forzati in un cantiere edile[6]. La FIFA e le fonti nordcoreane smentirono tali illazioni[7].

Nel settembre 2010 la nazionale under-23 nordcoreana partecipò alla Millennium Cup, torneo quadrangolare organizzato in Vietnam per l'anniversario della fondazione della capitale Hanoi. Oltre alla nazionale coreana vi erano iscritti anche la rappresentativa del Vietnam, del Kuwait e dell'Australia. Dopo i primi due successi, 1-0 contro l'Australia e 3-0 contro il Kuwait, il pareggio 0-0 contro il Vietnam[8] permise alla nazionale nordcoreana di chiudere vittoriosamente il torneo[9].

Nel gennaio del 2011 la nazionale nordcoreana partecipò alla Coppa d'Asia in Qatar, chiudendo con l'eliminazione al primo turno, con un solo punto raccolto nelle tre partite del girone, grazie al pareggio senza reti con gli Emirati Arabi Uniti, cui seguirono due sconfitte (entrambe per 1-0) contro Iran e Iraq. Dopo un anno in carica, Jo Tong-sop, sostituito da Yun Jong-su.

Grazie alla qualificazione al mondiale 2010, la nazionale nordcoreana fu ammessa direttamente al terzo turno delle qualificazioni AFC al campionato del mondo 2014. Nel girone con Giappone, Uzbekistan e Tagikistan (ammesso in luogo della squalificata Siria) ottenne il terzo posto, lasciando a giapponesi e uzbeki la qualificazione al turno successivo. Il 15 novembre 2011 la squadra tornò ad affrontare il Giappone a Pyongyang dopo 22 anni, alla presenza di 150 tifosi nipponici allo Stadio Kim Il-sung. L'accoglienza riservata alla nazionale giapponese fu glaciale: la squadra ospite dovette attendere quattro ore all'arrivo all'aeroporto per il disbrigo delle lunghe procedure burocratiche per l'ingresso nel paese[10] e l'inno nazionale del Giappone fu fischiato.

Nel marzo 2012 i nordcoreani tentarono, in Nepal, la difesa del titolo di AFC Challenge Cup. Vinto il girone di prima fase grazie a tre vittorie contro Filippine (2-0), Tagikistan (2-0) e India (4-0). In semifinale eliminarono la Palestina (2-0) e in finale ebbero la meglio per 2-1 sul Turkmenistan, aggiudicandosi il trofeo per la seconda volta consecutiva. Il successo consentì inoltre alla Corea del Nord di qualificarsi alla fase finale della Coppa d'Asia 2015, ottenendo per la seconda volta consecutiva l'accesso alla fase finale della massima competizione continentale (evento senza precedenti per la selezione).

Dopo la sconfitta interna contro l'Uzbekistan nelle eliminatorie del mondiale 2014, i nordcoreani fanno registrare una lunga striscia id imbattibilità. Nella Coppa dell'Asia orientale 2013 fallirono la qualificazione alla fase finale del torneo a vantaggio dell'Australia, per via della differenza reti sfavorevole. L'imbattibilità si ruppe a novembre con la sconfitta contro il Kuwait (2-1 in amichevole). Fu l'inizio di un periodo difficile per la squadra di Yun Jong-su, che perse tre delle successive quattro partite disputate contro nazionali del Golfo persico.

Nel novembre 2014, vincendo il girone giocato a Taipei con Hong Kong, Guatemala e Taiwan, la Corea del Nord si qualificò alla fase finale della Coppa dell'Asia orientale per la prima volta dal 2008. Il 30 dicembre 2014 la federcalcio nordcoreana, dovendo prendere atto della squalifica inflitta dall'AFC al proprio CT per comportamento antisportivo nei riguardi dell'arbitro ai Giochi asiatici nella partita contro la Corea del Sud, dovette sospendere Yun Jong-su, cui subentrò Jo Tong-sop, da quattro anni alla guida della nazionale Under-20.

Nel girone di Coppa d'Asia 2015 con Uzbekistan, Arabia Saudita e Cina la squadra fu eliminata al primo turno, avendo perso tutti e tre gli incontri. Jo Tong-sop lasciò il posto a Kim Chang-Bok. Dopo aver vinto varie amichevoli, la squadra ottenne il terzo posto alla Coppa dell'Asia orientale 2015, organizzata in Cina e vinta dai nodcoreani grazie a una prestigiosa vittoria per 2-1 contro il Giappone il 2 agosto 2015.

Nel secondo turno delle qualificazioni AFC al campionato del mondo 2018 trovò Uzbekistan, Bahrein, Filippine e Yemen. Tre successi nei primi tre match lanciarono i nordcoreani in testa al girone, poi chiuso al secondo posto con 16 punti. La clamorosa sconfitta interna contro le Filippine (2-3 dopo essere stata in vantaggio per 2-1 fino all'85º minuto) precluse ai nordcoreani l'accesso al turno successivo nel cammino verso il mondiale, dato che la squadra non risultò tra le migliori quattro seconde classificate dei gironi. La sconfitta contro le Filippine non impedì tuttavia alla Corea del Nord di qualificarsi al terzo turno delle eliminatorie della Coppa d'Asia 2019. Kim Chang-Bok fu sostituito nel maggio 2016 dal norvegese Jørn Andersen, secondo CT europeo a guidare la Corea del Nord dopo l'ungherese Pál Csernai. Nelle amichevoli da agosto ad ottobre 2016 la squadra ottenne risultati altalenanti. A novembre, battendo Taipei Cinese, Guam e Hong Kong, si qualificò alla fase finale della Coppa dell'Asia orientale 2017, ottenendo la sesta qualificazione al torneo nella propria storia.

I nordcoreani furono dunque impegnati nel terzo turno delle eliminatorie della Coppa d'Asia 2019. Nel girone con Libano, Hong Kong e Malaysia l'inizio fu negativo (2 punti nelle prime 3 partite), ma la squadra chiuse con un bilancio di 3 vittorie, 2 pareggi e una sconfitta, qualificandosi così alla fase finale della Coppa d'Asia nel marzo 2018, grazie al secondo posto nel girone dietro ai libanesi.

Nella fase finale della Coppa dell'Asia orientale 2017, tenutasi in Giappone nel mese di dicembre, la compagine nordcoreana patì due sconfitte (entrambe per 0-1) contro Giappone e Corea del Sud, per poi pareggiare per per 1-1 contro la Cina e chiudere all'ultimo posto il girone.

Il 13 dicembre 2018 fu nominato CT Kim Yong-Jun, ex calciatore della nazionale e allenatore delle selezioni giovanili del paese[11]. Nella fase finale della Coppa d'Asia 2019 la selezione nordcoreana fu eliminata al primo turno, battuta nettamente in tutte e tre le partite del girone (0-4 dall'Arabia Saudita, 0-6 dal Qatar e 1-4 dal Libano).

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Lista dei convocati per la Coppa delle nazioni asiatiche 2019.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
1 P Ri Myong-Guk 9 settembre 1986 (32 anni) 102 0 Corea del Nord Pyongyang City (c)
2 D Kim Chol-Bom 16 luglio 1994 (24 anni) 8 0 Corea del Nord April 25
3 D Jang Kuk-Chol 16 febbraio 1994 (24 anni) 39 5 Corea del Nord Hwaebul
4 D Kim Song-Gi 23 ottobre 1988 (30 anni) 6 0 Giappone Fujieda MYFC
5 D An Song-Il 30 novembre 1992 (26 anni) 5 0 Corea del Nord April 25
6 D Ri Thong-Il 20 novembre 1992 (26 anni) 1 0 Corea del Nord Kigwancha
7 A Han Kwang-Song 11 settembre 1998 (20 anni) 2 0 Italia Perugia
8 A Ri Hyok-Chol (1985) 27 gennaio 1991 (27 anni) 19 8 Corea del Nord Rimyongsu
9 C Kim Yong-Il 6 luglio 1994 (24 anni) 10 1 Corea del Nord Kigwancha
10 A Pak Kwang-Ryong 27 settembre 1992 (26 anni) 34 13 Austria St. Pölten
11 A Jong Il-Gwan 30 ottobre 1992 (26 anni) 62 21 Unattached
12 C Kim Kyong-Hun 11 agosto 1990 (28 anni) 2 0 Corea del Nord Kyonggongop
13 D Sim Hyon-Jin 1º gennaio 1991 (28 anni) 30 5 Corea del Nord April 25
14 C Kang Kuk-Chol 29 settembre 1999 (19 anni) 8 0 Corea del Nord Rimyongsu
15 C Ri Un-Chol 13 luglio 1995 (23 anni) 12 0 Corea del Nord Sonbong
16 C Ri Yong-Jik 8 febbraio 1991 (27 anni) 14 3 Giappone Tokyo Verdy
17 D Ri Chang-Ho 4 gennaio 1990 (29 anni) 5 0 Corea del Nord Hwaebul
18 P Sin Hyok 3 luglio 1992 (26 anni) 1 0 Corea del Nord Kigwancha
19 A Rim Kwang-Hyok 5 agosto 1992 (26 anni) 6 3 Corea del Nord Kigwancha
20 C Choe Song-Hyok 8 febbraio 1998 (20 anni) 1 0 Italia Arezzo
21 P Kang Ju-Hyok 31 maggio 1997 (21 anni) 0 0 Corea del Nord Hwaebul
22 C Ri Kum-Chol 9 dicembre 1991 (27 anni) 6 0 Corea del Nord Wolmido
23 D Ri Il-Jin 20 agosto 1993 (25 anni) 5 0 Corea del Nord Sobaeksu

Partecipazioni ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930 Uruguay Uruguay Non iscritta - - - -
1934 Italia Italia Non iscritta - - - -
1938 Francia Francia Non iscritta - - - -
1950 Brasile Brasile Non iscritta - - - -
1954 Svizzera Svizzera Non iscritta - - - -
1958 Svezia Svezia Non iscritta - - - -
1962 Cile Cile Non iscritta - - - -
1966 Inghilterra Inghilterra Quarti di finale 1 1 2 5:9
1970 Messico Messico Squalificata[12] - - - -
1974 Germania Germania Non qualificata - - - -
1978 Argentina Argentina Ritirata - - - -
1982 Spagna Spagna Non qualificata - - - -
1986 Messico Messico Non qualificata - - - -
1990 Italia Italia Non qualificata - - - -
1994 Stati Uniti Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998 Francia Francia Non partecipante - - - -
2002 Giappone Giappone / Corea del Sud Corea del Sud Non partecipante - - - -
2006 Germania Germania Non qualificata - - - -
2010 Sudafrica Sudafrica Primo turno 0 0 3 1:12
2014 Brasile Brasile Non qualificata - - - -
2018 Russia Russia Non qualificata - - - -

Coppa delle Nazioni Asiatiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1956 Flag of Hong Kong (1959–1997).svg Hong Kong Non iscritta - - - -
1960 Corea del Sud Corea del Sud Non iscritta - - - -
1964 Israele Israele Non iscritta - - - -
1968 Iran Iran Non iscritta - - - -
1972 Thailandia Thailandia Non iscritta - - - -
1976 Iran Iran Ritirata - - - -
1980 Kuwait Kuwait Quarto posto 3 0 2 10:12
1984 Singapore Singapore Non partecipante - - - -
1988 Qatar Qatar Non qualificata - - - -
1992 Giappone Giappone Primo turno 0 1 2 2:5
1996 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Non partecipante - - - -
2000 Libano Libano Non qualificata - - - -
2004 Cina Cina Sospesa dall'AFC - - - -
2007 Indonesia Indonesia/Malaysia Malaysia
Thailandia Thailandia/Vietnam Vietnam
Non partecipante - - - -
2011 Qatar Qatar Primo turno 0 1 2 0:2
2015 Australia Australia Primo turno 0 0 3 2:7
2019 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Primo turno 0 0 3 1:14

AFC Challenge Cup[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo FIFA 1966
Lee C.M., 2 Pak L.S., 3 Shin Y.K., 4 Kang B.C., 5 Lim Z.S., 6 Im S.H., 7 Pak D.I., 8 Pak S.Z., 9 Lee K.H., 10 Kang R.W., 11 Han B.Z., 12 Kim S.I., 13 Oh Y.K., 14 Ha J.W., 15 Yang S.K., 16 Li D.W., 17 Kim B.H., 18 Ke S.W., 19 Kim Y.K., 20 Ryoo C.K., 21 An S.B., 22 Li C.A., CT: Myung R.H.
Coppa del Mondo FIFA 2010
Ri M.G., 2 Cha J.H., 3 Ri J.I., 4 Pak N.C., 5 Ri K.C., 6 Kim K.I., 7 An C.H., 8 Ji Y.N., 9 Jong T.S., 10 Hong Y.J., 11 Mun I.G., 12 Choe K.C., 13 Pak C.J., 14 Pak N.C., 15 Kim Y.J., 16 Nam S.C., 17 An Y.H., 18 Kim M.G., 19 Ri C.M., 20 Kim M.W., 21 Ri K.H., 22 Kim K.I., 23 Pak S.H., CT: Kim J.H.

Coppa d'Asia[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Asia 1980
Kim G.I, 2 Kim J.U., 5 Cha D.S., 7 An C.N., 8 Kim B.M., 9 Park J.H., 10 Kim G.U., 12 Kang T.G., 13 Jon B.J., 14 Kim G.M., 15 Hwang S.H., 16 Kim J.M., CT: Yang S.G.
Coppa d'Asia 1992
Kim C.U., 2 Kim G.M., 3 Oh Y.N., 4 Kim G.I., 5 Rim H.Y., 6 Ryu S.G., 7 Bae J.M., 9 Yun J.S., 10 Choi W.N., 11 Gong M.C., 12 Tak Y.B., 13 Cho I.C., 14 Choi Y.S., 15 Ri Y.J., 16 Kim J.S., 17 Bang G.C., 18 Kim Y.H., 20 U H.C., CT: Hong H.C.
Coppa d'Asia 2011
Ri M.G., 2 Cha J.H., 3 Ri J.I., 4 Pak N.C., 5 Ri K.C., 6 Choe M.H., 7 Ryang Y.G., 8 Ji Y.N., 9 Jong T.S., 10 Hong Y.J., 11 Mun I.G., 12 Jon K.I., 13 Pak C.J., 14 Pak N.C., 15 Kim Y.J., 16 Choe K.C., 17 An Y.H., 18 Kim M.G., 19 An C.H., 20 Kim M.W., 21 Pak C.M., 22 Ri K.I., 23 Kim K.J., CT: Jo T.S.
Coppa d'Asia 2015
Ri M.G., 2 Ri C.H., 3 Jang S.H., 4 Jon K.I., 5 Han S.H., 6 Ro H.S., 7 Ri S.C., 8 Ryang Y.G., 9 Pak S.C., 10 Pak K.R., 11 Jong I.G., 12 Om C.S., 13 Sim H.J., 14 Kye S.H, 15 Jang K.C, 16 Cha J.H., 17 So H.U., 18 Ri K.I., 19 Ri Y.J., 20 Choe W., 21 O H.C., 22 Ju K.M., CT: Jo T.S.
Coppa d'Asia 2019
Ri M.G., 2 Kim C.B., 3 Jang K.C., 4 Kim S.G., 5 An S.I., 6 Ri T.I., 7 Han K.S., 8 Ri H.C., 9 Kim Y.I., 10 Pak K.R., 11 Jong I.G., 12 Kim K.H., 13 Sim H.J., 14 Kang K.C., 15 Ri U.C., 16 Ri Y.J., 17 Ri C.H., 18 Sin H., 19 Rim K.H., 20 Choe S.H., 21 Kang J.H., 22 Ri K.C., 23 Ri I.J., CT: Kim Y.J.

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

NOTA: per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]