Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kim Jong-Hun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kim Jong-Hun
Nazionalità Corea del Nord Corea del Nord
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Sobaeksu
Carriera
Squadre di club1
???? April 25 ? (?)
Nazionale
1982-1985 Corea del Nord Corea del Nord[1]
Carriera da allenatore
2007-2010 Corea del Nord Corea del Nord
2011- Sobaeksu
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Kim Jong-Hun[2] ((김정훈?, 金正勳?); Pyongyang, 1º settembre 1956) è un allenatore di calcio ed ex calciatore nordcoreano, di ruolo difensore, tecnico del Sobaeksu Sports Group.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2007 al 2010 è stato il commissario tecnico della Corea del Nord, con la quale ha partecipato ai mondiali del 2010, uscendo nella fase a gironi con tre sconfitte.

Secondo Radio Free Asia, una volta tornato in Corea del Nord dopo l'esperienza mondiale, Kim Jong Hun fu messo alla gogna per ore davanti a più di 400 persone per ordine del ministro dello sport.[3]

La fonte riporta anche che ai giocatori fu chiesto di criticare l'allenatore, che fu pertanto accusato di tradimento nei confronti di Kim Jong-un[3], espulso dal Partito del Lavoro di Corea e spedito per qualche tempo ai lavori forzati.[3] A seguito di queste informazioni la FIFA ordinò un'inchiesta, che tuttavia non appurò alcuna prova concreta al riguardo.[4]

Nel 2011 ha assunto la guida del Sobaeksu Sports Group.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ North Korea International Matches - Details 1965-2005, rdfc.com.ne.kr. URL consultato il 17 maggio 2010.
  2. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Kim" è il cognome.
  3. ^ a b c Moon Sung-hui e Sarah Jackson-Han, World Cup Team Shamed, Reprimanded, in Radio Free Asia, 28 luglio 2010.
  4. ^ FIFA Statement on Korea DPR, FIFA, 25 agosto 2010. URL consultato l'11 ottobre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]