Nazionale di calcio della Palestina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palestina Palestina
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione PFA
Palestinian Football Association
Confederazione AFC
Codice FIFA PLE
Soprannome أسود كنعان (Lioni di Cananea)
Selezionatore Algeria Noureddine Ould Ali
Record presenze Ramzi Saleh (68)
Capocannoniere Fahed Attal
Ashraf Nu'man (14)
Ranking FIFA 102° (25 luglio 2019)[1]
Esordio internazionale
Egitto Egitto 8 - 1 Palestina Palestina
Alessandria, Egitto; 26 luglio 1953
Migliore vittoria
Palestina Palestina 11 - 0 Guam Guam
Dacca, Bangladesh; 1º aprile 2006
Peggiore sconfitta
Egitto Egitto 8 - 1 Palestina Palestina
Alessandria, Egitto; 26 luglio 1953
Iran Iran 7 - 0 Palestina Palestina
Teheran, Iran; 5 ottobre 2011
Coppa d'Asia
Partecipazioni 2 (esordio: 2015)
Miglior risultato Primo turno nel 2015, 2019

La nazionale di calcio della Palestina è la squadra nazionale dello Stato di Palestina ed è posta sotto l'egida della Federazione calcistica della Palestina, fondata nel 1962 ma riconosciuta dalla FIFA solo nel 1998, dopo la creazione dell'Autorità Nazionale Palestinese nel 1994.

Occupa il 102º posto del ranking FIFA.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le grandi difficoltà organizzative (le partite in casa venivano solitamente giocate a Doha in Qatar, mentre gli allenamenti si disputavano ad Ismailia in territorio egiziano), la selezione scalò la classifica FIFA, riuscendo a passare dal 191º posto dell'agosto 1999 al 115° dell'aprile 2006. Dal 27 ottobre 2008 la selezione palestinese gioca le partite di casa nel proprio territorio.

La nazionale palestinese giocò la sua prima gara nel proprio territorio solo il 27 ottobre 2008 allo Stadio Al-Husseini, nella città di Al-Ram, nelle vicinanze di Ramallah. L'amichevole con la Giordania organizzata per l'occasione si concluse sul risultato di 1-1.

Il 9 marzo 2010 si disputò il primo incontro ufficiale della Palestina nei territori occupati. La partita, valida per le qualificazioni alle Olimpiadi del 2012, vide la sconfitta della formazione di casa, superata ai tiri di rigore dalla Thailandia[2].

Il primo storico successo della Palestina in un evento internazionale risale all'AFC Challenge Cup 2014, dove la squadra trionfò sconfiggendo in finale le Filippine, guadagnandosi così la partecipazione alla Coppa d'Asia 2015, la massima competizione continentale per nazioni. L'esordio nella fase finale di tale competizione avvenne il 12 gennaio 2015 contro il Giappone con una sconfitta per 0-4[3]. Negli altri due incontri la nazionale palestinese subì altrettante sconfitte contro Giordania (1-5) e Iraq (0-2), chiudendo all'ultimo posto del girone, con zero punti ottenuti.

Nelle qualificazioni al campionato del mondo 2018 ottenne due vittorie per 6-0 contro la Malaysia e un pareggio interno contro l'Arabia Saudita, rimanendo in corsa per l'ammissione al terzo turno delle eliminatorie AFC fino alla penultima giornata, quando a condannare i palestinesi all'eliminazione fu una sconfitta contro gli Emirati Arabi Uniti nel marzo 2016. La squadra chiuse poi il girone battendo per 7-0 Timor Est, finendo terza dietro Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti e davanti a Malaysia e Timor Est, con un divario di tre punti dagli emiratini.

Il 10 ottobre 2017, battendo per 10-0 il Bhutan nel girone eliminatorio[4], si qualificò alla Coppa d'Asia 2019 negli Emirati Arabi Uniti. Alla sua seconda manifestazione continentale figurò meglio, anche se fu eliminata al primo turno, piazzandosi al terzo posto nel girone, alle spalle di Giordania e Australia, dopo aver raccolto due punti in tre partite (0-0 con la Siria, sconfitta per 0-3 contro l'Australia e 0-0 con la Giordania).

Partecipazioni ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930 Uruguay Uruguay Non partecipante - - - -
1934 Italia Italia Non partecipante - - - -
1938 Francia Francia Non partecipante - - - -
1950 Brasile Brasile Non partecipante - - - -
1954 Svizzera Svizzera Non partecipante - - - -
1958 Svezia Svezia Non partecipante - - - -
1962 Cile Cile Non partecipante - - - -
1966 Inghilterra Inghilterra Non partecipante - - - -
1970 Messico Messico Non partecipante - - - -
1974 bandiera Germania Ovest Non partecipante - - - -
1978 Argentina Argentina Non partecipante - - - -
1982 Spagna Spagna Non partecipante - - - -
1986 Messico Messico Non partecipante - - - -
1990 Italia Italia Non partecipante - - - -
1994 Stati Uniti Stati Uniti Non partecipante - - - -
1998 Francia Francia Non partecipante - - - -
2002 Giappone Giappone / Corea del Sud Corea del Sud Non qualificata - - - -
2006 Germania Germania Non qualificata - - - -
2010 Sudafrica Sudafrica Non qualificata - - - -
2014 Brasile Brasile Non qualificata - - - -
2018 Russia Russia Non qualificata - - - -

Coppa delle Nazioni Asiatiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1956 Flag of Hong Kong (1959–1997).svg Hong Kong Non partecipante - - - -
1960 Corea del Sud Corea del Sud Non partecipante - - - -
1964 Israele Israele Non partecipante - - - -
1968 Iran Iran Non partecipante - - - -
1972 Thailandia Thailandia Non partecipante - - - -
1976 Iran Iran Non partecipante - - - -
1980 Kuwait Kuwait Non partecipante - - - -
1984 Singapore Singapore Non partecipante - - - -
1988 Qatar Qatar Non partecipante - - - -
1992 Giappone Giappone Non partecipante - - - -
1996 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Non partecipante - - - -
2000 Libano Libano Non qualificata - - - -
2004 Cina Cina Non qualificata - - - -
2007 Indonesia Indonesia/Malaysia Malaysia
Thailandia Thailandia/Vietnam Vietnam
Non qualificata - - - -
2011 Qatar Qatar Non qualificata - - - -
2015 Australia Australia Primo turno 0 0 3 1:11
2019 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Primo turno 0 2 1 0:3

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Lista dei convocati per la Coppa d'Asia 2019[5].

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
1 P Tawfiq Ali 8 novembre 1990 (28 anni) 30 0 Palestina Taraji Wadi Al-Nes
2 D Daniel Mustafá 2 agosto 1984 (34 anni) 4 0 Argentina Sarmiento de Leones
3 C Mohammed Bassim 3 luglio 1995 (23 anni) 7 0 Palestina Shabab Al-Bireh
4 D Mohammed Saleh 18 luglio 1993 (25 anni) 9 0 Malta Floriana FC
5 D Tamer Salah 3 aprile 1986 (32 anni) 18 0 Palestina Hilal Al-Quds
6 C Shadi Shaban 2 marzo 1992 (26 anni) 15 0 Palestina Ahli Al-Khaleel
7 D Musab Al-Battat 21 novembre 1993 (25 anni) 31 1 Palestina Ahli Al-Khaleel
8 C Jonathan Cantillana 26 maggio 1992 (26 anni) 20 9 Palestina Hilal Al-Quds
9 C Tamer Seyam 25 novembre 1992 (26 anni) 31 5 Marocco Hassania Agadir
10 C Sameh Maraaba 28 novembre 1992 (26 anni) 29 9 Palestina Thaqafi Tulkarem
11 A Yashir Islame 6 febbraio 1991 (27 anni) 12 6 Cile Coquimbo Unido
12 A Khaled Salem 17 novembre 1989 (29 anni) 24 3 Palestina Markaz Balata
13 D Jaka Ihbeisheh 29 agosto 1986 (32 anni) 15 3 Slovenia NK Bravo
14 D Abdullah Jaber 17 febbraio 1993 (25 anni) 41 2 Palestina Ahli Al-Khaleel
15 D Abdelatif Bahdari 20 febbraio 1984 (34 anni) 58 8 Palestina Shabab Al-Khalil (capitano)
16 P Amr Kaddoura 1º luglio 1994 (24 anni) 0 0 Svezia Landskrona BoIS
17 C Pablo Tamburrini 30 gennaio 1990 (28 anni) 18 1 Palestina Shabab Al-Bireh
18 C Oday Dabbagh 3 dicembre 1998 (20 anni) 9 1 Palestina Hilal Al-Quds
19 A Mahmoud Wadi 19 dicembre 1994 (24 anni) 5 0 Egitto Al-Masry
20 C Nazmi Albadawi 24 agosto 1991 (27 anni) 5 1 Stati Uniti FC Cincinnati
21 D Alexis Norambuena 31 marzo 1984 (34 anni) 16 1 Cile Deportes Melipilla
22 P Rami Hamadeh 24 marzo 1994 (24 anni) 16 0 Palestina Hilal Al-Quds
23 C Mohammed Darweesh 2 giugno 1991 (27 anni) 24 0 Palestina Hilal Al-Quds

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Asia[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Asia 2015
Ali, 2 Fares, 3 Abu Saleh, 4 Harbi, 5 Dheeb, 6 Jazar, 7 Nu'man, 8 Salhe, 9 Salem, 10 Al-Amour, 11 Maher, 12 Salah, 13 Ihbeisheh, 14 Jaber, 15 Al-Bahdari, 16 Eid, 17 Norambuena, 18 Al-Batat, 19 Abuhabib, 20 Abu Hammad, 21 Saleh, 22 Rami Hamadeh, 23 Said, CT: Jendeya
Coppa d'Asia 2019
Ali, 2 Mustafá, 3 Bassim, 4 Saleh, 5 Salah, 6 Shaban, 7 Al-Batat, 8 Cantillana, 9 Seyam, 10 Maraaba, 11 Islame, 12 Salem, 13 Ihbeisheh, 14 Jaber, 15 Al-Bahdari, 16 Kaddura, 17 Tamburrini, 18 Dabbagh, 19 Wadi, 20 Albadawi, 21 Norambuena, 22 Hamadeh, 23 Darweesh, CT: Ould Ali

Risultati nel Campionato della federazione calcistica dell'Asia occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Risultati nel AFC Challenge Cup[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio