Edgardo Bauza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edgardo Bauza
EDGARDO BAUZA (16223003301).jpg
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 189 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1992 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1977-1982 Rosario Central 180 (58)
1983-1985 Atlético Junior 155 (27)
1985-1986 Independiente 7 (1)
1986-1989 Rosario Central 127 (22)
1990 Veracruz 31 (3)
1992 Rosario Central 3 (0)
Nazionale
1981-1990 Argentina Argentina 3 (0)
Carriera da allenatore
1998-2001 Rosario Central
2001-2002 Vélez
2003 Colón (SF)
2004-2005 Sporting Cristal
2005-2006 Colón (SF)
2006-2008 LDU Quito
2009 Al-Nassr
2010-2013 LDU Quito
2013-2015 San Lorenzo
2015-2016 San Paolo
2016-2017 Argentina Argentina
2017 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
2017 Arabia Saudita Arabia Saudita
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 novembre 2017

Edgardo Bauza (Granadero Baigorria, 26 gennaio 1958) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Bauza con la maglia del Rosario Central

Da calciatore ha giocato come difensore centrale prevalentemente nella squadra del Rosario Central e ha realizzato vari gol nel corso della sua carriera, specialmente con le Canallas rosarine (ben 80 in più di 300 presenze). Ha partecipato inoltre al campionato del mondo 1990 con l'Argentina, giungendo secondo.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Bauza cominciò la propria carriera da allenatore prendendo la guida della squadra della quale aveva vestito la maglia agli esordi e alla fine della carriera da calciatore, il Rosario Central. Rimase in carica per 3 anni, dal 1998 al 2001. Fino al 2004 allenò in Argentina (Vélez e Colón (SF)), poi ebbe una breve esperienza con i peruviani dello Sporting Cristal e, nel 2006, assunse la guida degli ecuadoriani dell'LDU Quito, con cui vinse il campionato nazionale e la Coppa Libertadores 2008. Si dimise dal club di Quito dopo la sconfitta nella finale del coppa del mondo per club 2008 contro il Manchester Utd.

Nel 2009 fu ingaggiato dall'Al-Nassr, club saudita, ma a dicembre tornò ad allenare la LDU Quito

Nel 2013 assunse la guida tecnica del San Lorenzo, che il 13 agosto 2014 portò, per la prima volta nella sua storia, alla conquista della Coppa Libertadores, grazie alla vittoria nella doppia sfida finale contro i paraguaiani del Nacional. Per Bauza si trattò della seconda affermazione nella competizione (eguagliato il record di Luiz Felipe Scolari, Carlos Bianchi e Paulo Autuori, che trionfarono con due diversi club), dopo il successo ottenuto nel 2008 con la LDU Quito. Vinse la Recopa Sudamericana 2010 e il campionato nazionale del 2010.

Il 17 dicembre 2015 viene nominato allenatore del San Paolo.[1] Nel Campionato Paulista arriva ottavo posto e viene eliminato ai quarti di finale dei playoff per il titolo dall’Audax per 4 a 1. Nella Coppa Libertadores supera i preliminari battendo il César Vallejo e arriva fino in semifinale dove viene eliminato dall’Atlético Nacional. Il 5 agosto 2016 all’indomani della sconfitta casalinga contro l’Atlético Mineiro per 2 a 1 viene esonerato, dopo aver collezionato 6 vittorie, 5 pareggi e 7 sconfitte e con la squadra all’undicesimo posto in campionato.[2]

Il 2 agosto viene nominato commissario tecnico della nazionale argentina in sostituzione del dimissionario Gerardo Martino.[3] Esordisce nella vittoria per 1 a 0 contro l’Uruguay valevole per la qualificazione al Mondiale in Russia. L'11 aprile 2017 fu esonerato dall'incarico a seguito di risultati deludenti, con la squadra al quinto posto nel girone di qualificazione al Mondiale. Il suo bilancio da CT della nazionale argentina è di 3 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte.[4].

L'11 maggio è nominato commissario tecnico della nazionale emiratina,[5] Esordisce nell’amichevole contro il Laos vinta per 4 a 0. Il 15 settembre a sorpresa, lascia gli Emirati e diventa il nuovo commissario tecnico dell'Arabia Saudita (già qualificata al Mondiale) in sostituzione di Bert van Marwijk.[6] Esordisce nell’amichevole vinta per 5 a 2 contro la Giamaica. Viene esonerato il 22 novembre, dopo aver perso le ultime due amichevoli disputate.[7]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Rosario Central: 1980, 1986-1987.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Sporting Cristal: Clausura 2004
LDU Quito: 2007, 2010
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
LDU Quito: 2008
San Lorenzo: 2014
LDU Quito: 2010

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ufficiale=San Paolo, Edgardo Bauza è il nuovo allenatore, tuttomercatoweb.com, 17 dicembre 2015.
  2. ^ Antes de partir, Bauza deixa agradecimento ao torcedor são-paulino, saopaulofc.net, 5 de agosto de 2016.
  3. ^ Ufficiale: Argentina, Edgardo Bauza è il nuovo ct, tuttomercatoweb.com, 2 agosto 2016.
  4. ^ Argentina, esonerato ct Edgardo Bauza, in Repubblica.it, 11 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2017.
  5. ^ Emirati Arabi, Edgardo Bauza è il nuovo CT, Tutto Mercato Web, 11 maggio 2017.
  6. ^ Arabia Saudita qualificata a Russia 2018, ma Bauza prende il posto di van Marwijk, su Goal.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 19 settembre 2017.
  7. ^ Mondiali, Arabia Saudita esonera ct ansa.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]