Vladislao Cap

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vladislao Cap
Vladislao Cap.jpg
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 178 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1966 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1952 Arsenal de Llavallol ? (?)
1953 Quilmes ? (?)
1954-1956 Racing Club [1]
1957 Arsenal Sarandí ? (?)
1958 Quilmes 28 (0)
1958-1961 Racing Club 135 (3)[1]
1961 Huracán 27 (0)
1962-1965 River Plate 61 (1)
1966 Vélez Sarsfield 14 (1)
Nazionale
1959-1962 Argentina Argentina 11 (1)
Carriera da allenatore
1968-1969 Ferro Carril Oeste
1970 Chacarita Juniors
1971-1972 Independiente
1972-1973 Deportivo Cali
1974 Argentina Argentina
1978 LDU Quito
1978 Atlético Junior
1980 Platense
1982 Boca Juniors
1982 River Plate
Palmarès
Coppa America calcio.svg Coppa America
Oro Argentina 1959
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vladislao Wenceslao Cap (Avellaneda, 5 luglio 1934Buenos Aires, 11 settembre 1982) è stato un calciatore e allenatore di calcio argentino, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a giocare nel piccolo Arsenal de Lavallol, per poi trasferirsi nel 1954 alla prima squadra del Racing Club di Avellaneda, società della sua città natale. Lì, dopo un biennio all'Arsenal di Sarandí e al Quilmes, riuscì a ottenere il primo titolo in carriera, il campionato argentino del 1958; ripeté l'impresa nel 1961, guadagnandosi il trasferimento al River Plate e la convocazione al Mondiale di Cile 1962. Arrivato al River, però, non vinse alcun titolo, e dopo sessantuno presenze si trasferì al Vélez, squadra con cui pose fine alla sua carriera da giocatore.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Convocato per la prima volta nel 1959, in vista del Campeonato Sudamericano tenutosi in Argentina, fu subito titolare fisso durante tutta la manifestazione, giocando a fianco di Simeone e Varacka nel terzetto di centrocampo.[2] La Nazionale argentina, guidata dal trio Barreiro-Della Torre-Spinetto, si aggiudicò il titolo, precedendo in classifica i rivali brasiliani. Tre anni più tardi venne incluso nella lista per il campionato del mondo 1962; durante la competizione venne schierato dal CT Juan Carlos Lorenzo in due occasioni, contro Ungheria e Inghilterra.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò ad allenare poco dopo aver chiuso la carriera in campo; il primo risultato di rilievo in panchina arrivò nel 1971, con la vittoria in campo nazionale del Campionato Metropolitano, ottenuta con l'Independiente, e la conseguente qualificazione alla Coppa Libertadores 1972.[3] Pedro Dellacha lo sostituì poi alla guida del club, vincendo la Libertadores; Cap andò ad allenare in Colombia per un biennio, prima di ricevere la chiamata della Federazione calcistica argentina, che desiderava averlo come commissario tecnico della Nazionale in vista del campionato del mondo 1974.[4] Cap accettò l'incarico; gli vennero affidati come collaboratori l'ex compagno di Nazionale José Varacka e Víctor Rodríguez.[5] Il Mondiale però non ebbe un andamento soddisfacente per la selezione sudamericana; passato il girone grazie al risultato della Polonia con l'Italia, la formazione di Cap raccolse un solo punto nel girone successivo, venendo sconfitta dall'Paesi Bassi di Rinus Michels per 4-0 e dal Brasile per 2-1.[5] Una volta lasciata la guida della Nazionale, Cap continuò la sua carriera da allenatore fino al 1982, anno della sua morte, avvenuta a 48 anni a seguito di un tumore[6].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Racing Club: 1958, 1961

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Argentina 1959

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Independiente: Metropolitano 1971

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Totale con il Racing Club.
  2. ^ (EN) Southamerican Championship 1959 (1st Tournament), RSSSF. URL consultato il 5 settembre 2010.
  3. ^ (EN) Argentina - Coaches of Championship Teams - First Level, RSSSF. URL consultato il 5 settembre 2010.
  4. ^ (ES) Eduardo Bolaños, Vos sí, vos no[collegamento interrotto], El Gráfico, 10 maggio 2010. URL consultato il 5 settembre 2010.
  5. ^ a b (ES) Historias de entrenadores, asesores y triunviratos que llevaron a la Selección al fracaso, mdzonline.com, 2 gennaio 2010. URL consultato il 5 settembre 2010.
  6. ^ Fallecido Vladislao Cap, entrenador del Racing (es) Mundodeportivo.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]