Gabriel Calderón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gabriel Calderón
Gabriel Calderón 2002.jpg
Nome Gabriel Humberto Calderón
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 180 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Al-Wasl
Ritirato 1994 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1976-1977 El Porvenir 25 (3)
1977-1978 Racing Club 28 (3)
1978 Lanús 24 (0)
1979-1981 Racing Club 85 (13)
1981-1983 Independiente 160 (23)
1983-1987 Betis 131 (38)
1987-1990 Paris SG 102 (11)
1990-1992 Sion 47 (17)
1992-1993 Caen 36 (2)
1993-1994 Losanna 31 (5)
Nazionale
1979 Argentina Argentina U-20 1+ (1)
1982-1990 Argentina Argentina 23 (1)
Carriera da allenatore
1997-2000 Caen
2002-2003 Losanna
2004-2005 Arabia Saudita Arabia Saudita
2007-2008 Oman Oman
2008-2009 Al-Ittihad
2010-2011 Al-Hilal
2011-2012 Baniyas
2012-2013 Bahrein Bahrein
2014 Betis
2014- Al-Wasl
Palmarès
Transparent.png Mondiali di Calcio Under-20
Oro Giappone 1979
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gabriel Humberto Calderón (Rawson, 7 febbraio 1960) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino, di ruolo centrocampista, tecnico dell'Al-Wasl.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Calderón ha giocato in molte squadre argentine, incluse Racing Club Avellaneda e Independiente. In Europa, ha giocato nel Betis e Paris Saint-Germain.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte dell'Argentina Under-20 che ha vinto il campionato mondiale di calcio Under-20 nel 1979. Ha giocato anche nel campionato del mondo 1982 e nel campionato del mondo 1990.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro, è stato per un breve periodo un commentatore sportivo, ma successivamente ha scelto di diventare un allenatore. Ha allenato anche due sue ex squadre da calciatore: il Caen e il Losanna.

Calderón ha guidato l'Arabia Saudita dalla fine del 2004 e l'ha guidata nelle qualificazioni per il campionato del mondo 2006. Nella partita decisiva, l'Arabia Saudita ha sconfitto l'Uzbekistan per 3 a 0.

Nonostante questo, è stato licenziato dalla federazione nel 2005, che è rimasta insoddisfatta delle prestazioni della Nazionale saudita nel corso di un torneo continentale. È stato sostituito da Marcos Paquetá.

Il 9 aprile 2007, è stato nominato allenatore dell'Oman. Successivamente, è diventato tecnico dell'Al Ittihad.

Il 19 gennaio 2014 è stato nominato, per tre mesi, nuovo tecnico della prima squadra del Real Betis Balompié, prendendo il posto di Juan Carlos Garrido, esonerato dopo aver guidato il Betis in 6 gare (5 di Primera División (Spagna) e 1 di Copa del Rey).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Independiente: Metropolitano 1983
Sion: 1990-1991
Sion: 1991-92

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Al-Ittihad: 2009
Al-Hilal: 2010, 2011
Al-Hilal: 2010, 2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]