Rubens Minelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rubens Minelli
Nome Rubens Francisco Minelli
Nazionalità Brasile Brasile
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex ala)
Ritirato 1956 - giocatore
1998 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
19??Ypiranga-SP
19??Nacional-SP
19??San Paolo
19??Taubaté
19??-1956São Bento
Carriera da allenatore
1958-1963 Palmeiras giovanili
1963-1965 América-SP
1966 Botafogo-SP
1966 América-SP
1967 Sport
1968 Francana
1969 Guarani
1969-1971 Palmeiras
1971-1973 Portuguesa
1973 Rio Preto
1974-1976 Internacional
1977-1979 San Paolo
1979-1980 Al-Hilal
1980 Arabia Saudita Arabia Saudita
1982-1983 Palmeiras
1984 Atlético Mineiro
1985 Grêmio
1986 Corinthians
1987-1988 Palmeiras
1988-1989 Grêmio
1990 Paraná
1991 Rio Branco-SP
1992 Santos
1993 XV de Piracicaba
1994 Ferroviária
1994-1997 Paraná
1997-1998 Coritiba
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Rubens Francisco Minelli (San Paolo, 19 dicembre 1928) è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore brasiliano, di ruolo ala. Tra i tecnici di maggior successo in Brasile, ha legato principalmente il suo nome a Internacional e San Paolo, con cui ha vinto il campionato brasiliano per tre volte consecutive tra il 1975 e il 1977 (rispettivamente due e un titolo).[1] Terminata la carriera da allenatore divenne dirigente di diversi club, tra cui San Paolo, Atlético Paranaense, Paraná e Avaí.[1] Nel 2008 ha lavorato come opinionista per Rádio Jovem Pan.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Giocò come ala sinistra in vari club dello stato di San Paolo — tra cui lo stesso San Paolo che allenerà anni dopo — come Ypiranga e Nacional. Nel 1956, quando militava nel São Bento di Sorocaba, si infortunò gravemente (frattura al piede sinistro) durante un'amichevole contro l'União di Mogi das Cruzes, e dovette ritirarsi a soli ventisette anni.[2] Durante la carriera in campo vinse un solo titolo, il Campeonato Paulista Série A2 del 1954 con il Taubaté.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò allenando le squadre calcistiche della facoltà di scienza dell'Universidade de São Paulo e la selezione della FUPE (Federação Universitária Paulista de Esportes). Canhotinho, che lo aveva avuto come tecnico durante gli anni universitari, gli fece avere l'incarico di guidare le giovanili del Palmeiras; Minelli vi rimase dal 1958 al 1963.[2] In seguito ebbe la sua prima esperienza nella prima squadra di una società professionistica, l'América di São José do Rio Preto; debuttò il 31 marzo 1963 in un'amichevole vinta per 1-0 sul XV de Jaú all'Estádio Mário Alves Mendonça.[3] Con detta compagine conquistò dunque la seconda divisione del Campionato Paulista nel 1963. Nel 1966 venne messo sotto contratto dal Botafogo di Ribeirão Preto, ove rimase per quattro mesi, prima di venire chiamato nuovamente dall'América per sostituire l'argentino Filpo Núñez. Alla guida dello Sport Club do Recife si classificò secondo al Campeonato Pernambucano 1967 e vinse il Torneio Início. Tornato allo Stato di San Paolo guidò la Francana al secondo posto in seconda divisione statale nel 1968. Dopo un passaggio al Guarani, Rubens Minelli tornò al Palmeiras, stavolta in prima squadra, dopo l'esperienza nel settore giovanile, andando a rilevare nuovamente Filpo Nuñez. Durante il suo periodo con il Palmeiras vinse il Trofeo Ramón de Carranza e Robertão nel 1969.

Fu però negli anni 1970 che Minelli costruì la propria fortuna come tecnico: arrivato all'Internacional, vinse per tre volte consecutive il campionato statale e fu alla guida della squadra che, con Falcão, Figueroa e Carpegiani — tra gli altri — in rosa vinse per due volte di fila il campionato brasiliano, nel 1975 e nel 1976.[4] Trasferitosi al San Paolo, centrò nuovamente la vittoria del campionato nazionale nel 1978: la sfida in finale con il collega Burigo, alla guida dell'Atlético Mineiro, vide prevalere Minelli grazie ai tiri di rigore.

I successi in ambito nazionale (solo Vanderlei Luxemburgo ha fatto meglio di Minelli, che condivide con Muricy Ramalho ed Ênio Andrade quota tre campionati)[3] fecero sì che venisse chiamato dal calcio asiatico: l'Al-Hilal, squadra saudita, lo assunse per la stagione 1979-1980; in seguito ai buoni risultati del club, la stessa Federazione calcistica saudita affidò la guida della Nazionale al tecnico brasiliano. Nel 1985 vinse di nuovo il Campionato Gaúcho, stavolta però con il Grêmio, squadra rivale dell'Internacional, e nel 1990 fu il primo allenatore in assoluto del Paraná, fondato proprio in quell'anno dalla fusione di Colorado e Pinheiros.[3] Con la società paranaense vinse due campionati statali, poco prima di chiudere la carriera in panchina.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Taubaté: 1954

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
América-SP: 1963
Palmeiras: 1969
Internacional: 1974, 1975, 1976
Grêmio: 1985
Palmeiras: 1969
Internacional: 1975, 1976
San Paolo: 1977
Al-Hilal: 1980
Paraná: 1994, 1997

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (PT) Que Fim Levou? - Rubens Minelli, terceirotempo.ig.com.br. URL consultato il 10 aprile 2010.
  2. ^ a b c (PT) Carlos Simon, Rubens Minelli vira comentarista, Paraná Online, 24 agosto 2008. URL consultato il 10 aprile 2010.
  3. ^ a b c (PT) Minelli é o único campeão com América e Rio Preto, Diarioweb.com.br, 16 settembre 2007. URL consultato il 10 aprile 2010.
  4. ^ (PT) Rubens Minelli se emociona ao lembrar passagem pelo Inter, ClicRBS. URL consultato il 10 aprile 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]