Vanderlei Luxemburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vanderlei Luxemburgo
Wanderley Luxemburgo 2010.jpg
Vanderlei Luxemburgo nel 2010
Nazionalità Brasile Brasile
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Vasco da Gama
Termine carriera 1980 - giocatore
Carriera
Giovanili
1968-1970Botafogo
Squadre di club1
1971-1978Flamengo17 (1)
1978Internacional27 (0)
1979-1980Botafogo9 (0)
Carriera da allenatore
1980OlariaVice
1981America-RJVice
1981-1982Vasco da GamaVice
1983Campo Grande
1983Rio Branco-ES
1984Friburguense
1984-1985Al-IttihādVice
1985Al-Ittihād
1985Al-IttihādVice
1985Democrata-GV
1986-1987FluminenseUnder-20
1987America-RJ
1987-1988Al-ShababVice
1989-1990Bragantino
1991Flamengo
1991Guarani
1992-1993Ponte Preta
1993-1994Palmeiras
1994-1995Flamengo
1995Paraná
1995-1996Palmeiras
1996-1997Santos
1997-1999Corinthians
1998-2000Brasile Brasile
1998-2000Brasile Brasile Olimpica
2001Corinthians
2001-2002Palmeiras
2002-2004Cruzeiro
2004Santos
2004-2005Real Madrid
2005-2007Santos
2007-2009Palmeiras
2009Santos
2009-2010Atlético Mineiro
2010-2012Flamengo
2012-2013Grêmio
2013Fluminense
2014-2015Flamengo
2015Cruzeiro
2015-2016Tianjin Quanjian
2017Sport Recife
2019Vasco da Gama
2019-2020Palmeiras
2020-Vasco da Gama
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Oro Paraguay 1999
Transparent.png Confederations Cup
Argento Messico 1999
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 ottobre 2017

Vanderlei Luxemburgo da Silva (Nova Iguaçu, 10 maggio 1952) è un allenatore di calcio ed ex calciatore brasiliano, di ruolo difensore, tecnico del Vasco da Gama.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua carriera ad alti livelli ha giocato in squadre molto quotate come il Flamengo, l'Internacional e il Botafogo, disputando in tutto 8 campionati della massima divisione brasiliana fra il 1974 e il 1980. Si ritira prematuramente dopo un brutto infortunio al ginocchio sinistro.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 venne scelto da Antônio Lopes come suo vice all'Olaria che, dopo l'iniziale intenzione di ricoprire anche il ruolo di giocatore, dovette rinunciare a causa di problemi al ginocchio. Successivamente è passato ad allenare, dal 1º gennaio 1981 al 30 giugno 1981 è stato vice allenatore dell'America, dal 1º luglio 1981 al 31 dicembre 1982 è stato sempre vice questa volta all'Atlético Mineiro. Dal 1º gennaio 1983 al 30 giugno 1983 è stato allenatore del Campo Grande. Dal 1º luglio 1983 al 31 dicembre 1983 è stato allenatore del Rio Branco. Dal 1º gennaio 1984 al 30 giugno 1984 ha allenato il Friburguense. Il 23 febbraio 1989 viene nominato tecnico del Bragantino,[1] il primo anno riesce a piazzarsi primo posto nel proprio girone, con accesso alla fase successiva. Riesce a vincere il titolo del campionato di seconda divisione battendo in finale il São José. Il secondo anno alla guida vince il Campionato Paulista, in Campionato Brasiliano arriva terzo posto nel proprio girone accedendo alla fase successiva, nella seconda fase arriva quarto posto con accesso alla fase finale. Viene eliminato ai quarti di finale dal Bahia. Vince il titolo tecnico dell’anno. Il 24 dicembre 1990 si dimette.[2] Inoltre ha allenato pure il Santos.

Dal 27 gennaio al 18 agosto 1991 allena il Flamengo.[3]

Il 20 aprile 1993 diventa allenatore del Palmeiras.[4] Vincendo il Torneo Rio-San Paolo e per due anni consecutivi il Campionato Paulista e il Campionato Brasiliano. Il 20 dicembre 1994 lascia la guida.[5] Il giorno seguente ritorna al Flamengo.[6] Con i Rubro-Negro vince la Taça Guanabara, il 14 luglio 1995 dopo una lite con Romário, si dimette.[7][8][9] Viene nominato allenatore del Paraná. Il 2 novembre ritorna alla guida del Palmeiras.[10] Il primo anno arriva quarto posto nella seconda fase del Campionato Brasiliano. Il secondo anno vince il Campionato Paulista e arriva in finale nella Coppa del Brasile venendo battuto dal Cruzeiro. Nel Campionato Brasiliano arriva terzo posto con accesso alla fase finale. Viene eliminato ai quarti di finale dal Grêmio. Il 13 dicembre 1996 si dimette dalla guida.[11]

Il 23 dicembre 1997 viene presentato come nuovo allenatore del Corinthians.[12] L'11 agosto 1998 viene nominato commissario tecnico del Brasile e in concomitanza anche della selezione olimpionica.[13] Con i Coringão vince il Campionato Brasiliano. Il 12 gennaio 1999 si dimette dalla guida del Corinthians, per dedicarsi alla nazionale.[14] Alla guida della nazionale maggiore conquista subito la Coppa América e arriva al secondo posto alla Confederations Cup, invece con la selezione olimpionica partecipa alle olimpiadi di Sydney arrivando fino ai quarti di finale. Il 2 ottobre 2000 viene esonerato dopo aver totalizzato 25 vittorie in 38 partite.[15]

Il 6 febbraio 2001 ritorna sulla panchina del Corinthians,[16] portandolo subito alla conquista del Campionato Paulista. Con la sconfitta della finale di Coppa del Brasile e con l'avvio non brillante del Campionato di Serie A il 12 dicembre si dimette.[17] Il 28 dicembre si risiede sulla panchina del Palmeiras.[18] Il 13 agosto 2002 appena dopo la prima partita di campionato lascia i bianco-verdi per sedersi sulla panchina del Cruzeiro.[19]

L'8 maggio 2004 diventa allenatore del Santos.[20][21] Vincendo il suo secondo Campionato di Serie A consecutivo. Il 30 dicembre 2004 lascia il club brasiliano per sbarcare in europa, diventando l'allenatore del Real Madrid sostituendo Mariano García Remón.[22][23] Porta i blancos a sette vittorie consecutive in campionato, mettendosi di nuovo in corsa per il titolo. A fine anno arriva secondo nella liga a quattro punti dalla prima. Nella stagione successiva i galattici partono brillantemente, tuttavia con l'introduzione di un nuovo modulo (Magic rettangolo 4-2-2-2), in combinazione con diversi problemi fisici e con scarse prestazioni, incomincia il declino della squadra. Dopo la umiliante sconfitta di 0-3 con il Barcellona chiede di dimettersi. Il 5 dicembre 2005 nonostante la vittoria contro il Getafe viene esonerato.[24] Il 13 dicembre ritorna al Santos,[25][26] vincendo il Campionato Paulista e arrivando al quarto posto al Campionato di Serie A. L'anno seguente vince di nuovo il Campionato Paulista, arriva al secondo posto nel Campionato di Serie A e arriva in semifinale di Coppa Libertadores. Il 13 dicembre 2007 si dimette.[27] Il 19 dicembre diventa allenatore del Palmeiras.[28] Vince il suo ottavo Campionato Paulista, il terzo consecutivo e il quarto personale con i Verdão. Il 27 giugno 2009 viene esonerato.[29] Il 18 luglio ritorna al Santos.[30] Il 7 dicembre si dimette[31] e dopo due giorni viene nominato allenatore dell'Atlético Mineiro.[32] Vincendo il Campionato Mineiro. Il 24 settembre 2009 viene esonerato.[33][34] Il 5 ottobre diventa allenatore del Flamengo.[35] L'anno seguente vince il Campionato Carioca e la Taça Guanabara. Il 3 febbraio 2012 dopo due anni alla guida del club e il passaggio del primo turno preliminare della Coppa Libertadores viene esonerato.[36]

Grêmio[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 febbraio viene nominato nuovo allenatore del Grêmio.[37] Viene eliminato in semifinale nella Coppa del Brasile dal Palmeiras e nella Coppa Sudamericana ai quarti di finale dai Millonarios. Nel Campionato Brasiliano arriva al terzo posto con accesso ai preliminari per la Coppa Libertadores. Si piazza terzo posto nel Campionato Gaúcho con ammissione ai playoff per la Taça Piratini dove viene eliminato in semifinale dal Caxias e nella Taça Farroupilha viene eliminato in finale dall’Internacional per 2 a 1. Nella Coppa Libertadores batte l’LDU Quito ai preliminari e arriva al secondo posto nel proprio girone accedendo alla fase successiva dove viene eliminato ai quarti dal Santa Fe. Nel Campionato Gaúcho arriva al quarto posto, nella Taça Piratini viene eliminato ai quarti di finale dall’Internacional e nella Taça Farroupilha viene eliminato in semifinale dalla Juventude. Il 29 giugno 2013 viene esonerato con la squadra al sesto posto in classifica dopo aver totalizzato 2 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta in campionato.[38]

Fluminense[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 luglio passa alla guida del Fluminense in sostituzione dell’esonerato Abel Braga prendendo la squadra al diciottesimo posto con 9 punti e a nove lunghezze dalla vetta.[39] Viene eliminato ai quarti di finale della Coppa del Brasile dal Goiás. L'11 novembre viene esonerato, pagando i brutti risultati di questa stagione. Lascia la squadra al quindicesimo posto dopo aver totalizzato 6 vittorie, 9 pareggi e 9 sconfitte in campionato.[40][41]

Flamengo[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 luglio 2014 ritorna alla guida dei rubro-nero.[42] Viene eliminato in semifinale nella Coppa del Brasile dall’Atlético Mineiro e chiude il Campionato Brasiliano al decimo posto. L’anno seguente arriva al secondo posto nel Campionato Carioca con ammissione alla Taça Guanabara dove viene eliminato in semifinale dal Vasco da Gama. Dopo un inizio negativo nel Campionato Brasiliano, il 26 maggio 2015 viene esonerato.[43][44]

Cruzeiro[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno ritorna alla guida del Cruzeiro.[45] Esordisce con una vittoria per 1 a 0 proprio contro la sua ex squadra il Flamengo. Nella Coppa del Brasile perde la partita d’andata degli ottavi di finale per 2 a 1 contro il Palmeiras. Il 1 settembre, dopo meno di tre mesi viene esonerato insieme al direttore sportivo Isaia Tinoco.[46] Chiude la sua avventura con 21 punti totalizzati in 17 partite.

Tianjin Quanjian[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 settembre firma con la squadra cinese del Tianjin Quanjian, che milita nella China League One.[47]. Il 7 giugno 2016 viene esonerato dopo dodici giornate con la squadra a metà classifica e agli ottavi di finale per la Coppa della Cina.[48]

Sport do Recife[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 maggio 2017 viene nominato nuovo tecnico dello Sport.[49] Si piazza terzo posto nel Campionato Pernambucano con ammissione ai playoff per il titolo dove batte in finale il Salgueiro. Il 27 ottobre dopo la sconfitta casalinga contro il Junior Barranquilla nella partita di andata dei quarti di finale della Coppa Sudamericana si dimette dall’incarico.[50] Lascia la squadra a due punti di distacco dalla quartultima nel Campionato Brasiliano dopo aver totalizzato 8 vittorie,7 pareggi e 12 sconfitte.

Vasco da Gama e ancora Palmeiras[modifica | modifica wikitesto]

L’8 maggio 2019 viene nominato tecnico del Vasco da Gama, prende la squadra ultima in campionato con 1 punto dopo appena quattro giornate.[51] Esordisce sulla panchina dei bianco-neri con un pareggio 1-1 contro l’Avaí. Chiude il campionato al dodicesimo posto, il 14 dicembre non riuscendo a trovare un accordo per il rinnovo lascia l’incarico.[52]

Il 15 dicembre torna per la quinta volta al Palmeiras.[53] Esordisce nella vittoria per 4-0 contro l’Ituano nel Campionato Paulista, riuscendo a vincere anche il titolo. Il 14 ottobre 2020 viene esonerato dopo tre sconfitte consecutive con la squadra al settimo posto in campionato con 22 punti.[54]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale brasiliana[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Naz dal al Record
G V N P GF GS DR % Vittorie
Brasile Brasile 23 settembre 1998 3 settembre 2000 34 23 7 4 88 27 +61 67,65

Panchine da commissario tecnico della nazionale brasiliana[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
23-9-1998 São Luís Brasile Brasile 1 – 1 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
14-10-1998 Washington Ecuador Ecuador 1 – 5 Brasile Brasile Amichevole -
18-11-1998 Fortaleza Brasile Brasile 5 – 1 Russia Russia Amichevole -
28-3-1999 Seul Corea del Sud Corea del Sud 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
31-3-1999 Tokyo Giappone Giappone 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
5-6-1999 Salvador Brasile Brasile 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
8-6-1999 Goiânia Brasile Brasile 3 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
26-6-1999 Curitiba Brasile Brasile 3 – 0 Lettonia Lettonia Amichevole -
30-6-1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 7 – 0 Venezuela Venezuela Copa América 1999 -
3-7-1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 2 – 1 Messico Messico Copa América 1999 -
6-7-1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 1 – 0 Cile Cile Copa América 1999 -
11-7-1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 2 – 1 Argentina Argentina Copa América 1999 -
14-7-1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 2 – 0 Messico Messico Copa América 1999 -
18-7-1999 Asunción Uruguay Uruguay 0 – 3 Brasile Brasile Copa América 1999 -
24-7-1999 Guadalajara Brasile Brasile 4 – 0 Germania Germania FIFA Confederations Cup 1999 -
28-7-1999 Guadalajara Brasile Brasile 1 – 0 Stati Uniti Stati Uniti FIFA Confederations Cup 1999 -
30-7-1999 Guadalajara Nuova Zelanda Nuova Zelanda 0 – 2 Brasile Brasile FIFA Confederations Cup 1999 -
1-8-1999 Guadalajara Brasile Brasile 8 – 2 Arabia Saudita Arabia Saudita FIFA Confederations Cup 1999 -
4-8-1999 Città del Messico Messico Messico 4 – 3 Brasile Brasile FIFA Confederations Cup 1999 -
4-9-1999 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Brasile Brasile Coca Cola Cup -
7-9-1999 Porto Alegre Brasile Brasile 4 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
9-10-1999 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
13-11-1999 Vigo Spagna Spagna 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
23-2-2000 Bangkok Thailandia Thailandia 0 – 7 Brasile Brasile King's Cup -
28-3-2000 Bogotá Colombia Colombia 0 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
26-4-2000 San Paolo Brasile Brasile 3 – 2 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2002 -
23-5-2000 Cardiff Galles Galles 0 – 3 Brasile Brasile Amichevole -
27-5-2000 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
4-6-2000 Lima Perù Perù 0 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
28-6-2000 Rio de Janeiro Brasile Brasile 1 – 1 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2002 -
18-7-2000 Asunción Paraguay Paraguay 2 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
26-7-2000 San Paolo Brasile Brasile 3 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 -
15-8-2000 Santiago del Cile Cile Cile 3 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
3-9-2000 Rio de Janeiro Brasile Brasile 5 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2002 -
Totale Presenze 34 Reti

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Flamengo: 1973, 1978

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]
Rio Branco-AC: 1983
Bragantino: 1990
Palmeiras: 1993, 1994, 1996, 2008, 2019
Corinthians: 2001
Santos: 2006, 2007
Palmeiras: 1993
Santos: 1997
Flamengo: 1995, 2011
Cruzeiro: 2003
Atlético Mineiro: 2010
Flamengo: 2011
Flamengo: 2011
Sport: 2017
Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Bragantino: 1989
Palmeiras: 1993, 1994
Corinthians: 1998
Cruzeiro: 2003
Santos: 2004
Cruzeiro: 2003

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Conhece o X-Luxemburgo? Bragantino x Palmeiras revive histórias do técnico em Bragança, globoesporte.com, 1 de fevereiro de 2020.
  2. ^ Técnico do ano vai para o Flamengo, acervo.estadao.com, 25 de dezembro de 1990.
  3. ^ Vanderlei Luxemburgo, flapedia.com. URL consultato il 16 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2015).
  4. ^ 20 anos do fim da fila - 20/4 - Maurilio seleção, Luxemburgo é do verdão, blogdoipe.com. URL consultato il 20 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  5. ^ Luxemburgo, Zinho, Evair y Sampaio dejan el equipo (PDF), mundodeportivo.com, 21 dicembre 1994.
  6. ^ Luxemburgo, nuevo técnico de Flamengo (PDF), mundodeportivo.com, 22 de deciembre de 1994.
  7. ^ Luxemburgo pede demissão do Flamengo, www.folha.com, 14 luglio 1995.
  8. ^ Luxemburgo cede a la presión de Romario y dimite como entrenador (PDF), mundodeportivo.com, 15 luglio 1995.
  9. ^ Calcio News, repubblica.it, 15 luglio 1995.
  10. ^ Luxemburgo volta sem autonomia, folha.com, 3 de novembro de 1995.
  11. ^ Calcio News, repubblica.it, 13 dicembre 1996.
  12. ^ Corinthians acerta com Luxemburgo, folha.com, 17 de dezembro de 1997.
  13. ^ È Luxemburgo il nuovo ct del Brasile, repubblica.it, 12 agosto 1998.
  14. ^ Luxemburgó abandona el Corinthians (PDF), mundodeportivo.com, 13 gennaio 1999.
  15. ^ Luxemburgo è stato licenziato il Brasile all'oriundo Scolari, su corriere.it, 2 ottobre 1998 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2015).
  16. ^ Luxemburgo é o novo técnico do Corinthians, dgabc.com, 6 fevereiro 2001.
  17. ^ Corinthians demite Luxemburgo, correiodobrasil.com, 12 de dezembro de 2001.
  18. ^ Luxemburgo é o novo técnico do Palmeiras, dgabc.com, 28 de dezembro de 2001.
  19. ^ Luxemburgo se va al Cruzeiro tras la primera jornada (PDF), mundodeportivo.com, 14 agosto 2002.
  20. ^ Luxemburgo acerta volta ao Santos e fica até fim de 2005, uol.com, 08 de maio de 2004.
  21. ^ Luxemburgo regresa al Santos (PDF), mundodeportivo.com, 9 de maio de 2004.
  22. ^ Sacchi, primo colpo per il Real Luxemburgo nuovo allenatore, repubblica.it, 30 dicembre 2004.
  23. ^ Il Real Madrid si affida a Luxemburgo, uefa.com, 31 dicembre 2004.
  24. ^ Il Real molla Luxemburgo, uefa.com, 5 dicembre 2005.
  25. ^ Luxemburgo returns to coach Santos, cnn.com, 13 dicembre 2005.
  26. ^ Ufficiale: Luxemburgo firma col Santos, tuttomercatoweb.com, 14 dicembre 2005. URL consultato il 3 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  27. ^ Ufficiale: Luxemburgo lascia il Santos, tuttomercatoweb.com, 13 dicembre 2007.
  28. ^ Ufficiale: Luxemburgo va al Palmeiras, tuttomercatoweb.com, 19 dicembre 2007.
  29. ^ Palmeiras, Luxemburgo esonerato per colpa di Twitter, tuttomercatoweb.com, 29 giugno 2009.
  30. ^ Luxemburgo: 'allenerò il Santos', tuttosport.com, 18 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  31. ^ Santos, lascia Vanderlei Luxemburgo, tuttomercatoweb.com, 7 dicembre 2009.
  32. ^ Ufficiale Atletico-MG, Luxemburgo è il nuovo tecnico, tuttomercatoweb.com, 9 dicembre 2009.
  33. ^ Luxemburgo é demitido do comando do Atlético-MG após goleada no Rio, globo.com, 23 setembro de 2010.
  34. ^ Calcio, Atletico Mineiro: esonerato Luxemburgo, repubblica.it, 23 settembre 2010.
  35. ^ Luxemburgo nuovo tecnico Flamengo, corrieredellosport.it, 5 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2015).
  36. ^ Flamengo: esonerato tecnico Luxemburgo, corrieredellosport.it, 3 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2015).
  37. ^ Gremio, ufficiale: Luxemburgo nuovo tecnico, calciomercato.com, 22 febbraio 2012.
  38. ^ Ufficiale, Gremio: esonerato mister Luxemburgo[collegamento interrotto], calcionews24.com, 29 giugno 2013.
  39. ^ Fluminense, ufficiale: il nuovo tecnico è Luxemburgo, calciomercato.com, 30 luglio 2013.
  40. ^ Mercato Fluminense, ufficiale: esonerato Luxemburgo, calciomercato.it, 11 novembre 2013. URL consultato il 1º ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2015).
  41. ^ Fluminense, ufficiale: esonerato Luxemburgo, calciomercato.com, 30 ottobre 2013.
  42. ^ Ufficiale, Luxemburgo nuovo allenatore del Flamengo, calcioweb.eu, 24 luglio 2014.
  43. ^ Vanderlei Luxemburgo não é mais técnico do Flamengo, su flamengo.com, 25 de maio de 2015.
  44. ^ Flamengo, ufficiale: esonerato Luxemburgo, su calciomercato.com, 26 maggio 2015.
  45. ^ Ufficiale: Cruzeiro, arriva Luxemburgo [collegamento interrotto], su calcionews24.com, 3 giugno 2015.
  46. ^ Ufficiale: Cruzeiro, esonerato Vanderlei Luxemburgo, tuttomercatoweb.com, 1º settembre 2015.
  47. ^ Ufficiale: Vanderlei Luxemburgo firma con il Tianjin Quanjian, in serie B cinese, su tuttomercatoweb.com, 24 settembre 2015.
  48. ^ Tianjin Songjiang, Cannavaro prenderà il posto di Luxemburgo in panchina, tuttomercatoweb.com, 7 giugno 2016.
  49. ^ Ufficiale: Sport Recife, Vanderlei Luxemburgo è il nuovo allenatore, tuttomercatoweb.com, 30 maggio 2017.
  50. ^ Sport Recife: sconfitto in Copa Sudamericana, Vanderlei Luxemburgo lascia la guida del Leao, tuttofutbolsudamerica.com, 27 ottobre 2017.
  51. ^ Vasco de Gama: Finalmente ufficializzato il nuovo dt, Vanderlei Luxemburgo, tuttofutbolsudamerica.com, 9 maggio 2019.
  52. ^ Vasco de Gama: Senza accordo sul rinnovo, Vanderlei Luxemburgo lascia la panchina cruzmaltina, tuttofutbolsudamerica.com, 14 dicembre 2019.
  53. ^ Vanderlei Luxemburgo é o novo técnico do Palmeiras, globoesporte.com, 15 diciembre 2019.
  54. ^ (PT) Palmeiras define saída do treinador Vanderlei Luxemburgo, palmeiras.com.br, 14 ottobre 2020. URL consultato il 15 ottobre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN78734233 · LCCN (ENnr2005010137 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2005010137