Copa América 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Copa América 2015
Logo della competizione
Competizione Copa América
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 44ª
Organizzatore CONMEBOL
Date 11 giugno - 4 luglio 2015
Luogo Cile Cile
(8 città)
Partecipanti 12
Impianto/i 9 stadi
Sito Web ca2015.com.
Risultati
Vincitore Cile Cile
(1º titolo)
Secondo Argentina Argentina
Terzo Perù Perù
Quarto Paraguay Paraguay
Statistiche
Miglior giocatore non assegnato[1]
Miglior marcatore Perù Paolo Guerrero
Cile Eduardo Vargas (4 a testa)
Miglior portiere Cile Claudio Bravo
Incontri disputati 26
Gol segnati 59 (2,27 per incontro)
Inauguración de la Copa América 2015 02.jpg
La cerimonia inaugurale all'Estadio Nacional di Santiago.
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2011 Centenario Right arrow.svg

La Copa América 2015, nota anche come Cile 2015, è stata la 44ª edizione del massimo torneo di calcio continentale per squadre nazionali maggiori maschili organizzato dalla CONMEBOL. Si è svolta dall'11 giugno al 4 luglio 2015 in Cile, che per la settima volta ha ospitato il torneo, superato solo dall'Argentina (9) in fatto di edizioni ospitate. A vincere la manifestazione è stata la nazionale padrona di casa che, con il successo, ha acquisito il diritto di partecipare alla Confederations Cup 2017.[2]

Scelta della sede[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Copa América 2011 in Argentina, il Brasile era stato scelto come paese ospitante.[3] Visto, però, che tale paese aveva ottenuto anche l'organizzazione della Confederations Cup 2013, dei Mondiali 2014 e dei Giochi Olimpici 2016, con il Cile (al quale spettava ospitare il torneo nel 2019) è stata concordata un'inversione di edizioni, pertanto quella del 2015 si è svolta in quest'ultimo paese.[4]

Diritti tv[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la competizione è stata trasmessa in esclusiva da Gazzetta TV, canale 59 del digitale terrestre.[5]

Canzone ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

La canzone ufficiale si chiama Al Sur del Mundo, cantata dai Noche de Brujas.

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

Antofagasta La Serena
Estadio Calvo y Bascuñán Estadio La Portada
Capacità: 21 178[6] Capacità: 17 194[7]
20-03-2013 Inauguración Estadio Regional Calvo y Bascuñán de Antofagasta (8575899378).jpg La Portada La Serena.jpg
Viña del Mar Valparaíso
Estadio Sausalito Estadio Elías Figueroa Brander
Capacità: 22 340[8] Capacità: 23 000[9]
EstadioSausalito.jpg Estadio Elías Figueroa Brander - Valparaíso, Chile.jpg
Santiago Rancagua
Estadio Nacional Julio Martinez Pradanos Estadio Monumental David Arellano Estadio El Teniente
Capacità: 48 745[10] Capacità: 47 347[10] Capacità: 15 600[11]
Estadio Nacional de Chile - vista desde Av. Grecia.jpg Estadio Monumental 2009.jpg ElTeniente2014.jpg
Concepción Temuco
Estadio Ester Roa Rebolledo Estadio Germán Becker
Capacità: 35 000[12] Capacità: 18 936[13]
Remodelación estadio collao.jpg 100OLYMP1.jpg

Nazionali partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Partecipano al torneo, di diritto, le nazionali dei dieci Paesi membri della CONMEBOL (Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Paraguay, Perù, Uruguay e Venezuela) più, in quanto invitate, le rappresentative del Messico e del Giappone.[14] A seguito del rifiuto del Giappone di prendere parte alla competizione, l'invito è stato quindi rivolto alla Cina.[15][16][17] Tuttavia, preso atto anche della rinuncia da parte di quest'ultima,[18] degli Stati Uniti e della Costa Rica,[19] come dodicesima nazionale partecipante è stata individuata la Giamaica.[20][21]

Nazione Iscrizione
CONMEBOL
Iscrizione
CONCACAF
Note
1 Argentina Argentina 1916 -
2 Brasile Brasile 1916 -
3 Cile Cile 1916 - Nazione ospitante
4 Uruguay Uruguay 1916 - Detentore della Coppa America 2011
5 Paraguay Paraguay 1921 -
6 Perù Perù 1925 -
7 Bolivia Bolivia 1926 -
8 Ecuador Ecuador 1927 -
9 Colombia Colombia 1936 -
10 Venezuela Venezuela 1952 -
11 Messico Messico - 1961 Detentore della Gold Cup 2011
12 Giamaica Giamaica - 1965 Cina Cina, detentore della Coppa dell'Asia orientale 2010, rinuncia
Costa Rica Costa Rica, detentore della Coppa centroamericana 2014, rinuncia
Giappone Giappone, detentore della Coppa dell'Asia orientale 2013, rinuncia
Stati Uniti Stati Uniti, detentore della Gold Cup 2013, rinuncia
Detentore della Coppa dei Caraibi 2014

Sorteggio dei Gruppi[modifica | modifica wikitesto]

Il sorteggio per la definizione della fase a gironi si è tenuto a Viña del Mar, il 24 novembre 2014.[22][23]

1ª urna (teste di serie) 2ª urna 3ª urna 4ª urna
Cile Cile
Argentina Argentina
Brasile Brasile
Uruguay Uruguay
Colombia Colombia
Messico Messico
Ecuador Ecuador
Paraguay Paraguay
Perù Perù
Bolivia Bolivia
Venezuela Venezuela
Giamaica Giamaica
Gruppo A Gruppo B Gruppo C
Cile Cile Argentina Argentina Brasile Brasile
Messico Messico Uruguay Uruguay Colombia Colombia
Ecuador Ecuador Paraguay Paraguay Perù Perù
Bolivia Bolivia Giamaica Giamaica Venezuela Venezuela

Arbitri[modifica | modifica wikitesto]

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Convocazioni per la Copa América 2015.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

L'11 novembre 2014 la CONMEBOL ha annunciato il calendario delle partite della fase a gironi.[24]

Le dodici squadre sono state divise in 3 gruppi da 4 squadre ciascuno. Ogni squadra affronta le altre 3 una volta. Sono assegnati 3 punti per la vittoria, 1 punto per il pareggio e 0 per la sconfitta. Le prime due squadre classificate in ciascun girone si qualificano ai quarti di finale, assieme alle due migliori terze.[25]

La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:[25]

  • maggior numero di punti conquistati;
  • miglior differenza reti;
  • maggior numero di reti realizzate;
  • risultato nello scontro diretto (solo tra due squadre);
  • tiri di rigore (solo tra due squadre che si sfidano nell'ultima giornata del girone);
  • sorteggio.

Tutte le partite sono giocate all'ora locale, UTC-3.[24]

Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1 Cile Cile 7 3 2 1 0 10 3 +7
2 Bolivia Bolivia 4 3 1 1 1 3 7 -4
3 Ecuador Ecuador 3 3 1 0 2 4 6 -2
4 Messico Messico 2 3 0 2 1 4 5 -1

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Santiago
11 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Cile Cile2 – 0
referto
Ecuador EcuadorEstadio Nacional de Chile (46 000 spett.)
Arbitro: Argentina Néstor Pitana

Viña del Mar
12 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Messico Messico0 – 0
referto
Bolivia BoliviaEstadio Sausalito (14 987 spett.)
Arbitro: Paraguay Enrique Cáceres

Valparaíso
15 giugno 2015, ore 18:00 UTC-3
Ecuador Ecuador2 – 3
referto
Bolivia BoliviaEstadio Elías Figueroa Brander (5 982 spett.)
Arbitro: El Salvador Joel Aguilar

Santiago
15 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Cile Cile3 – 3
referto
Messico MessicoEstadio Nacional de Chile (45 583 spett.)
Arbitro: Perù Víctor Carrillo

Rancagua
19 giugno 2015, ore 18:00 UTC-3
Messico Messico1 – 2
referto
Ecuador EcuadorEstadio El Teniente (11 051[26] spett.)
Arbitro: Venezuela José Argote

Santiago
19 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Cile Cile5 – 0
referto
Bolivia BoliviaEstadio Nacional de Chile (45 601[27] spett.)
Arbitro: Uruguay Andrés Cunha

Gruppo B[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Argentina Argentina 7 3 2 1 0 4 2 +2
2. Paraguay Paraguay 5 3 1 2 0 4 3 +1
3. Uruguay Uruguay 4 3 1 1 1 2 2 0
4. Giamaica Giamaica 0 3 0 0 3 0 3 -3

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Antofagasta
13 giugno 2015, ore 16:00 UTC-3
Uruguay Uruguay1 – 0
referto
Giamaica GiamaicaEstadio Regional de Antofagasta (8 653 spett.)
Arbitro: Venezuela José Argote

La Serena
13 giugno 2015, ore 18:30 UTC-3
Argentina Argentina2 – 2
referto
Paraguay ParaguayEstadio La Portada (16 281[senza fonte] spett.)
Arbitro: Colombia Wilmar Roldán

Antofagasta
16 giugno 2015, ore 18:00 UTC-3
Paraguay Paraguay1 – 0
referto
Giamaica GiamaicaEstadio Regional de Antofagasta (6 099[28] spett.)
Arbitro: Ecuador Carlos Vera

La Serena
16 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Argentina Argentina1 – 0
referto
Uruguay UruguayEstadio La Portada (18 243[29] spett.)
Arbitro: Brasile Sandro Ricci

La Serena
20 giugno 2015, ore 16:00 UTC-3
Uruguay Uruguay1 – 1
referto
Paraguay ParaguayEstadio La Portada (16 021[30] spett.)
Arbitro: Messico Roberto García Orozco

Viña del Mar
20 giugno 2015, ore 18:30 UTC-3
Argentina Argentina1 – 0
referto
Giamaica GiamaicaEstadio Sausalito (21 083[31] spett.)
Arbitro: Cile Julio Bascuñán

Gruppo C[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Brasile Brasile 6 3 2 0 1 4 3 +1
2. Perù Perù 4 3 1 1 1 2 2 0
3. Colombia Colombia 4 3 1 1 1 1 1 0
4. Venezuela Venezuela 3 3 1 0 2 2 3 -1

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Rancagua
14 giugno 2015, ore 16:00 UTC-3
Colombia Colombia0 – 1
referto
Venezuela VenezuelaEstadio El Teniente (12 387 spett.)
Arbitro: Uruguay Andrés Cunha

Temuco
14 giugno 2015, ore 18:30 UTC-3
Brasile Brasile2 – 1
referto
Perù PerùEstadio Germán Becker (16 342 spett.)
Arbitro: Messico Roberto García Orozco

Santiago
17 giugno 2015, ore 21:00 UTC-3
Brasile Brasile0 – 1
referto
Colombia ColombiaEstadio Monumental David Arellano (44 008[32] spett.)
Arbitro: Cile Enrique Osses

Valparaíso
18 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Perù Perù1 – 0
referto
Venezuela VenezuelaEstadio Elías Figueroa Brander (15 542[33] spett.)
Arbitro: Bolivia Raúl Orosco

Temuco
21 giugno 2015, ore 16:00 UTC-3
Colombia Colombia0 – 0
referto
Perù PerùEstadio Germán Becker (17 332[senza fonte] spett.)
Arbitro: Argentina Néstor Pitana

Santiago
21 giugno 2015, ore 18:30 UTC-3
Brasile Brasile2 – 1
referto
Venezuela VenezuelaEstadio Monumental David Arellano (33 284[senza fonte] spett.)
Arbitro: Paraguay Enrique Cáceres

Raffronto tra le terze classificate[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Pt G V N P GF GS DR Gruppo
Uruguay Uruguay 4 3 1 1 1 2 2 0 B
Colombia Colombia 4 3 1 1 1 1 1 0 C
Ecuador Ecuador 3 3 1 0 2 4 6 -2 A

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale
24 giugno 2015
 1A Cile Cile  1
29 giugno 2015
 3B Uruguay Uruguay  0  
 Cile Cile  2
25 giugno 2015
   Perù Perù  1  
 2A Bolivia Bolivia  1
4 luglio 2015
 2C Perù Perù  3  
 Cile Cile (dtr)  0 (4)
26 giugno 2015
   Argentina Argentina  0 (1)
 1B Argentina Argentina (dtr)  0 (5)
30 giugno 2015
 3C Colombia Colombia  0 (4)  
 Argentina Argentina  6 Finale 3º posto
27 giugno 2015
   Paraguay Paraguay  1  
 1C Brasile Brasile  1 (3)  Perù Perù  2
 2B Paraguay Paraguay (dtr)  1 (4)    Paraguay Paraguay  0
3 luglio 2015

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Santiago
24 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Cile Cile1 – 0
referto
Uruguay UruguayEstadio Nacional de Chile (45 304[34] spett.)
Arbitro: Brasile Sandro Ricci

Temuco
25 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Bolivia Bolivia1 – 3
referto
Perù PerùEstadio Germán Becker (16 872[35] spett.)
Arbitro: Colombia Wilmar Roldán

Viña del Mar
26 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Argentina Argentina0 – 0
referto
Colombia ColombiaEstadio Sausalito (21 508[36] spett.)
Arbitro: Messico Roberto García Orozco

Concepción
27 giugno 2015, ore 18:30 UTC-3
Brasile Brasile1 – 1
referto
Paraguay ParaguayEstadio Municipal de Concepción (29 276[37] spett.)
Arbitro: Uruguay Andrés Cunha

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Santiago
29 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Cile Cile2 – 1
referto
Perù PerùEstadio Nacional de Chile (45 651[38] spett.)
Arbitro: Venezuela José Argote

Concepción
30 giugno 2015, ore 20:30 UTC-3
Argentina Argentina6 – 1
referto
Paraguay ParaguayEstadio Municipal de Concepción (29 205[senza fonte] spett.)
Arbitro: Brasile Sandro Ricci

Incontro per il terzo posto[modifica | modifica wikitesto]

Concepción
3 luglio 2015, ore 20:30 UTC-3
Perù Perù2 – 0
referto
Paraguay ParaguayEstadio Municipal de Concepción (29 143[senza fonte] spett.)
Arbitro: Bolivia Raúl Orosco

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Santiago
4 luglio 2015, ore 17:00 UTC-3
Cile Cile0 – 0
(d.t.s.)
referto
Argentina ArgentinaEstadio Nacional de Chile (45 693[39] spett.)
Arbitro: Colombia Wilmar Roldán

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Cile
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Argentina
GK 1 Claudio Bravo (C)
CB 5 Francisco Silva Ammonizione al 24’ 24’
CB 21 Marcelo Díaz Ammonizione al 34’ 34’
CB 17 Gary Medel Ammonizione al 44’ 44’
RM 4 Mauricio Isla
CM 20 Charles Aránguiz Ammonizione al 87’ 87’
CM 8 Arturo Vidal
LM 15 Jean Beausejour
AM 10 Jorge Valdivia Uscita al 75’ 75’
CF 11 Eduardo Vargas Uscita al 95’ 95’
CF 7 Alexis Sánchez
Sostituzioni:
MF 14 Matías Fernández Ingresso al 75’ 75’
FW 22 Ángelo Henríquez Ingresso al 95’ 95’
CT:
Argentina Jorge Sampaoli
CHI-ARG-2015-07-04.svg
GK 1 Sergio Romero
RB 4 Pablo Zabaleta
CB 15 Martín Demichelis
CB 17 Nicolás Otamendi
LB 16 Marcos Rojo Ammonizione al 55’ 55’
RM 6 Lucas Biglia
CM 14 Javier Mascherano Ammonizione al 56’ 56’
LM 21 Javier Pastore Uscita al 81’ 81’
RW 10 Lionel Messi (C)
CF 11 Sergio Agüero Uscita al 74’ 74’
LW 7 Ángel Di María Uscita al 29’ 29’
Sostituzioni:
FW 22 Ezequiel Lavezzi Ingresso al 29’ 29’
FW 9 Gonzalo Higuaín Ingresso al 74’ 74’
MF 19 Éver Banega Ammonizione al 91’ 91’ Ingresso al 81’ 81’
CT:
Argentina Gerardo Martino

Man of the Match: Arturo Vidal (Cile).[40]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il peruviano Paolo Guerrero e il cileno Eduardo Vargas, capicannonieri del torneo con 4 gol.

Al termine della competizione sono stati assegnati diversi riconoscimenti individuali e di squadra.[41][42]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Rigori Giocatore Squadra
4 0 Perù Paolo Guerrero Perù
4 0 Cile Eduardo Vargas Cile
3 0 Argentina Sergio Agüero Argentina
3 0 Paraguay Lucas Barrios Paraguay
3 2 Cile Arturo Vidal Cile
2 0 Cile Charles Aránguiz Cile
2 0 Ecuador Miller Bolaños Ecuador
2 0 Argentina Ángel Di María Argentina
2 0 Argentina Gonzalo Higuaín Argentina
2 1 Messico Raúl Jiménez Messico
2 2 Bolivia Marcelo Moreno Bolivia
2 0 Ecuador Enner Valencia Ecuador
2 0 Messico Matías Vuoso Messico
1 0 Paraguay Édgar Benítez Paraguay
1 0 Perù André Carrillo Perù
1 0 Brasile Douglas Costa Brasile
1 0 Perù Christian Cueva Perù
1 0 Brasile Roberto Firmino Brasile
1 0 Uruguay José Giménez Uruguay
1 1 Paraguay Derlis González Paraguay
1 0 Cile Mauricio Isla Cile
1 0 Cile Gary Medel Cile
1 1 Argentina Lionel Messi Argentina
1 0 Venezuela Miku Venezuela
1 0 Colombia Jeison Murillo Colombia
1 0 Brasile Neymar Brasile
1 0 Argentina Javier Pastore Argentina
1 0 Perù Claudio Pizarro Perù
1 0 Bolivia Ronald Raldes Bolivia
1 0 Brasile Robinho Brasile
1 0 Uruguay Cristian Rodríguez Uruguay
1 0 Argentina Marcos Rojo Argentina
1 0 Venezuela Salomón Rondón Venezuela
1 0 Cile Alexis Sánchez Cile
1 0 Brasile Thiago Silva Brasile
1 0 Bolivia Martin Smedberg-Dalence Bolivia
1 0 Paraguay Nelson Haedo Valdez Paraguay

Autoreti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lionel Messi ha rifiutato il premio di miglior giocatore del torneo, designazione avvenuta al termine della finale persa dalla sua nazionale contro il Cile. Il trofeo per l'MVP è stato quindi rimosso dal palco della cerimonia di premiazione, risultando per questo motivo non assegnato. [1][2][3][4].
  2. ^ (ES) [5].
  3. ^ (PT) Copa América será no Brasil em 2015, confirma CBF em seminário, su globoesporte.globo.com.
  4. ^ (ES) Es oficial: la Copa América 2015 será en Chile, CONMEBOL.com, 10 maggio 2012. URL consultato il 20 maggio 2012.
  5. ^ Copa America, show dall'11 giugno in diretta esclusiva su GazzettaTv, canale 59 del DTT, gazzetta.it, 5 giugno 2015. URL consultato il 22 giugno 2015.
  6. ^ (ES) Antofagasta, la riqueza minera y el extraordinario desierto, ca2015.com. URL consultato il 27 giugno 2015.
  7. ^ (ES) La Serena, la belleza de una ciudad privilegiada por su clima y gente, ca2015.com. URL consultato il 27 giugno 2015.
  8. ^ (ES) Viña del Mar, la exquisita y única naturaleza de la "Ciudad Jardín", ca2015.com. URL consultato il 27 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  9. ^ (ES) Valparaíso, Joya del Pacífico y Patrimonio de la Humanidad, ca2015.com. URL consultato il 27 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  10. ^ a b (ES) Santiago, el atractivo de la gran capital, ca2015.com. URL consultato il 27 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  11. ^ (ES) Rancagua, las tradiciones del campo chileno, ca2015.com. URL consultato il 27 giugno 2015.
  12. ^ (ES) Concepción, fuente de una inigualable riqueza cultural, ca2015.com. URL consultato il 27 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  13. ^ (ES) Temuco, lo imponente de la naturaleza, ca2015.com. URL consultato il 27 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  14. ^ (ES) México y Japón serán las invitadas a la Copa América 2015, SDPnoticias.com.
  15. ^ (EN) China to enter 2015 Copa America in Chile, wildeastfootball.net.
  16. ^ (EN) China accept 2015 Copa America invitation, tribalfootball.com.
  17. ^ (EN) China agree to enter 2015 Copa America, globaltimes.cn.
  18. ^ Copa America 2015: l'Argentina pesca l'Uruguay, il Brasile se la vedrà con la Colombia, vocidisport.it (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2014).
  19. ^ Copa America 2015, stanotte i sorteggi a Viña del Mar[collegamento interrotto], falsonueve.it.
  20. ^ (EN) Jamaica to play at Copa America 2015 in Chile, insideworldfootball.com/.
  21. ^ (EN) Jamaica to tackle Copa America, RJR News.
  22. ^ (ES) Sorteo de la Copa América 2015 se realizará en octubre en Viña del Mar, su biobiochile.cl, 19 febbraio 2014. URL consultato il 2 aprile 2014.
  23. ^ (EN) Lionel Messi and his team-mates will have to negotiate the challenge of the defending champions in the first round of the 2015 competition, ca2015.com (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2014).
  24. ^ a b (EN) The complete fixture schedule for the 2015 Copa América has been announced, following the draw for the tournament, ca2015.com (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2014).
  25. ^ a b (ES) Reglamento de la Copa America Chile 2015 (PDF), ca2015.com.
  26. ^ Copa América 2015, Match 13, su facebook.com.
  27. ^ Copa América 2015, Match 14, su facebook.com.
  28. ^ Copa América 2015, Match 9, su facebook.com.
  29. ^ Copa América 2015, Match 10, su facebook.com.
  30. ^ Copa América 2015, Match 15, su facebook.com.
  31. ^ Copa América 2015, Match 16, su facebook.com.
  32. ^ Copa América 2015, Match 11, su facebook.com.
  33. ^ Copa América 2015, Match 12, su facebook.com.
  34. ^ Copa América 2015, Match 19, su facebook.com.
  35. ^ Copa América 2015, Match 20, su facebook.com.
  36. ^ Copa América 2015, Match 21, su facebook.com.
  37. ^ Copa América 2015, Match 22, su facebook.com.
  38. ^ Copa América 2015, Match 23, su facebook.com.
  39. ^ Chile's long wait for Copa América glory over as Argentina pay the penalty, su ca2015.com (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2015).
  40. ^ (EN) Vidal named MasterCard Man of the Match in Copa América final win, in Copa América Chile 2015, 4 luglio 2015. URL consultato il 5 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2015).
  41. ^ (ES) Los premios de Chile 2015: quiénes fueron los mejores de la Copa América, su ca2015.com.
  42. ^ Murillo miglior giovane del torneo, Bravo miglior portiere: ecco tutti i premi individuali, su gianlucadimarzio.com.
  43. ^ Claudio Bravo festeggia il premio Guanto d'oro del torneo, su facebook.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]