Émerson Leão

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Émerson Leão
Emerson Leao.jpg
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 179 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 1987 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1967 Comercial-SP
1968 São José
1968-1978 Palmeiras 163 (0)
1979-1980 Vasco da Gama 24 (0)
1981-1983 Grêmio 46 (0)
1983 Corinthians 13 (0)
1984-1986 Palmeiras 31 (0)
1987 Sport Recife
Nazionale
1969-1986 Brasile Brasile 82 (-50)
Carriera da allenatore
1987-1988 Sport Recife
1988-1989 Coritiba
1989-1990 Palmeiras
1990-1991 Portuguesa
1991 São José
1991-1992 XV de Piracicaba
1992-1994 Shimizu S-Pulse
1995-1996 Juventude
1996-1997 Verdy Kawasaki
1997-1998 Atl. Paranaense
1997-1999 Atlético Mineiro
1998 Santos
2000 Sport Recife
2000-2001 Brasile Brasile
2001-2004 Santos
2004 Cruzeiro
2004-2005 San Paolo
2005 Vissel Kobe
2005-2006 Palmeiras
2006 São Caetano
2006-2007 Corinthians
2007 Atlético Mineiro
2008 Santos
2009 Atlético Mineiro
2009-2010 Sport Recife
2010 Goiás
2011-2012 San Paolo
2012 São Caetano
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Oro Messico 1970
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Bronzo Argentina 1978
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo Copa América 1979
Argento Copa América 1983
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 ottobre 2011

Émerson Leão (Ribeirão Preto, 11 luglio 1949) è un allenatore di calcio ed ex calciatore brasiliano, di ruolo portiere, campione del mondo nel 1970 con la nazionale brasiliana.

È considerato uno dei migliori interpreti del ruolo di portiere di tutti i tempi[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

A livello di club, in patria ha vinto per 3 volte il campionato brasiliano, per 4 volte il campionato paulista e per una volta il campionato gaúcho. Ha vestito, tra le altre, maglie di prestigiosi club quali Palmeiras, Vasco da Gama, Grêmio e Corinthians, per poi chiudere la carriera nelle file dello Sport Recife.

Ha difeso i pali della nazionale verdeoro negli anni settanta, vincendo il campionato del mondo del 1970 (all'età di 21 anni, come riserva) e partecipando da titolare a quelli del 1974 (quarto posto), 1978 (terzo posto) e da riserva a quelli del 1986 (eliminato ai quarti). Non fu convocato per l'edizione del 1982 per dissensi con l'allenatore Telê Santana. Al mondiale del 1978 fu il primo portiere a indossare la fascia di capitano della nazionale brasiliana. In nazionale conta 80 presenze.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Svestiti i panni di calciatore nel 1987, ha intrapreso subito la carriera di allenatore, guidando nello stesso anno lo Sport Recife alla vittoria del titolo nazionale. Ha allenato numerosi club brasiliani e giapponesi, con una parentesi di un anno (2008-2009) all'Al-Sadd, compagine qatariota. Ha ricoperto l'incarico di CT della nazionale brasiliana dal 19 ottobre 2000[1] al 9 giugno 2001: in 11 partite colse 4 vittorie e 4 pareggi e subì 3 sconfitte. L'apice della sua carriera di allenatore risale al biennio 2002-2004, quando con il Santos vinse il campionato brasiliano del 2002, fu finalista perdente di Coppa Libertadores nel 2003 e si classificò secondo in campionato nel 2003.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Palmeiras: 1972, 1974, 1976
Corinthians: 1983
Palmeiras: 1972, 1973
Grêmio: 1981
Grêmio: 1980

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Messico 1970
1972

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Sport: 1987
Santos: 2002
Verdy Kawasaki: 1996
Sport: 2000
San Paolo: 2005
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Atlético Mineiro: 1997
Santos: 1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b LEAO, Emerson, Treccani.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (PT) AA.VV., A história em seus pés, Placar n. 1094, maggio 1994, p. 89.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]