Sebastião Lazaroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sebastião Lazaroni
Sebastiao Lazaroni1.jpg
Nome Sebastião Barroso Lazaroni
Nazionalità Brasile Brasile
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Carriera
Carriera da allenatore
1984-1986 Flamengo
1987-1988 Vasco da Gama
1988 Al-Ahli
1988 Grêmio
1989 Paraná
1989-1990 Brasile Brasile
1990-1992 Fiorentina
1992 Al-Hilal
1992-1993 Bari
1993 León
1994 Vasco da Gama
1996-1997 Fenerbahçe
1999 Shanghai Shenhua
2000 Giamaica Giamaica
2000-2001 Botafogo
2001-2002 F·Marinos
2003-2004 Al-Arabi
2004-2005 Giamaica Giamaica
2005 Juventude
2006 Trabzonspor
2007-2008 Marítimo
2008-2011 Qatar SC
2011 Qatar Qatar
2012-2014 Qatar SC
2015-2016 Qatar SC
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Oro Brasile 1989
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 ottobre 2015

Sebastião Barroso Lazaroni (Rio de Janeiro, 25 settembre 1950) è un allenatore di calcio brasiliano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Brasile ma di origini italiane, ha introdotto il ruolo del libero nel calcio brasiliano, impiegò solitamente il modulo 3-5-2 durante il campionato del mondo 1990,[senza fonte] da commissario tecnico della Nazionale brasiliana, eliminata in quel torneo già al secondo turno dall'Argentina. Guidò la Nazionale brasiliana in 35 partite, in cui ottenne 21 vittorie, 7 pareggi e 7 sconfitte. Col Brasile vinse anche la Copa America 1989 che mancava dal 1950.

Dopo l'esperienza del mondiale italiano Lazaroni passò nella stagione '90-91 alla Fiorentina. La formazione viola, indebolita dalla cessione di Roberto Baggio e Sergio Battistini, conseguì sotto la sua guida la salvezza (l'anno prima si era salvata solo all'ultima giornata), togliendosi la soddisfazione di battere la Juventus a Firenze e fermare, in nove uomini, l'Inter a San Siro.

Da allenatore viola Lazaroni lanciò giovani quali Alberto Malusci e Massimo Orlando e intuì le potenzialità di Alberto Di Chiara reinventandone il ruolo da ala, facendo di lui un terzino d'attacco. L'anno successivo venne esonerato dopo poche partite. Dopo un'altra esperienza al Bari, lasciò l'Italia per proseguire la sua carriera in diversi campionati nazionali, dalla Turchia alla Cina, dal Giappone al Portogallo. In Italia sarà ricordato per la sua difficoltà nel parlare italiano , per questo la Gialappa's Band lo prenderà in giro durante il programma "Mai dire Gol".

È anche noto in Turchia, quando era allenatore del Fenerbahce, per aver battuto nella fase a gironi della UEFA Champions League 1996-1997 il Manchester Utd per 1-0 ad Old Trafford, infliggendo agli inglesi la prima sconfitta nel loro stadio dopo 40 anni.

L'8 agosto 2011 subentra a Milovan Rajevac alla guida del Qatar. Dopo meno di cinque mesi il 20 dicembre 2011 viene sollevato dall'incarico a causa di prestazioni insignificanti della squadra. La QFA (Federazione calcistica qatariota) ha evidenziato la sua incapacità di avanzare oltre la fase a gironi della Pan Arab Games 2011, che il Qatar aveva ospitato, come causa principale della sua licenziamento. Con la Nazionale qatariota ottenne due vittorie, cinque pareggi e due sconfitte. E 'stato ufficialmente licenziato il 3 gennaio 2012, dopo il suo contratto è stato rilasciato alla QFA.

Lazaroni è stato tecnico del Qatar SC per la terza volta dopo i suoi periodi fra il 2008 e il 2011 e tra il 2012 e il 2014. La sua terzo stagione finì in maniera deludente e si dimise nel maggio 2016 dopo la retrocessione del club in Qatar Stars League.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Flamengo: 1986
Vasco da Gama: 1987, 1988
Yokohama Marinos: 1992
Al-Hilal: 1995

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Brasile 1989

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1989

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]