Heimir Hallgrímsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Heimir Hallgrímsson
Nazionalità Islanda Islanda
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex calciatore)
Squadra Islanda Islanda
Ritirato 2007 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1986-1992ÍBV Vestmannæyja93 (0)
1993Höttur17 (3)
1994-1996ÍBV Vestmannæyja26 (0)
1996-1997non conosciuta Smástund20 (10)
1998-2007KFS48 (10)
Carriera da allenatore
1993HötturFemminile
1999-2001ÍBV VestmannæyjaFemminile
2002ÍBV Vestmannæyja
2003-2004ÍBV VestmannæyjaFemminile
2006-2011ÍBV Vestmannæyja
2011-2013Islanda IslandaVice
2013-Islanda Islanda[1]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Heimir Hallgrímsson (Vestmannaeyjar, 10 giugno 1967) è un allenatore di calcio ed ex calciatore islandese, commissario tecnico della Nazionale islandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la carriera ha lavorato come dentista a Vestmannaeyjar, sua città natale, lasciando il posto solo nel 2016, quando ha assunto il ruolo di allenatore unico della nazionale islandese.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a giocare nel 1986 con l'ÍBV Vestmannaeyja, squadra della sua città. Rimane fino al 1996 con la sola eccezione del 1993, quando passa all'Höttur, allenando nel contempo la loro squadra femminile. Dal 1996 al 2007 gioca con altre due squadre di Vestmannaeyjar, lo Smástund e il KFS, nato dalla fusione fra Smástund e Framherjar.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 allena la squadra femminile dell'Höttur, squadra con cui giocava. Nel 1999 inizia ad allenare la squadra femminile dell'ÍBV Vestmannaeyja, guidandola alle prime posizioni del campionato.[3][4] Nel 2002 diventa assistente della squadra maschile, diventandone allenatore nelle ultime giornate.[5][6] Nel 2003 ritorna ad allenare la squadra femminile, arrivando due volte secondo e due volte in finale di coppa nazionale, vincendola nel 2004. Nel 2006 ritorna alla guida della squadra maschile per le ultime sei giornate, retrocedendo.[7] Ritorna nella massima serie nel 2008, arrivando decimo nel 2009 e due volte terzo nel 2010 e 2011.

Islanda[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 ottobre 2011 firma un contratto con la nazionale islandese, valido a partire dal 1º gennaio 2012, come vice di Lars Lagerbäck.[8] Dopo aver fallito la qualificazione ai Mondiali 2014 lui e Lagerbäck firmano un nuovo contratto e Hallgrímsson diventa co-allenatore. Al termine di Euro 2016, dove gli islandesi raggiungono i quarti di finale, persi per 5-2 con i padroni di casa della Francia[9], diviene allenatore unico.[10][11] Nelle qualificazioni mondiali porta i suoi a chiudere il girone I davanti alla Croazia, ottenendo così la prima qualificazione di sempre degli islandesi ad un Mondiale.[2][12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fino al termine dell'Europeo 2016 in coppia con Lars Lagerbäck
  2. ^ a b Paolo Tomaselli, Qualificazioni Mondiali 2018: Islanda in Russia: il c.t dentista Hallgrímsson ha fatto sognare un Paese, in Corriere della Sera, 9 ottobre 2017. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  3. ^ (IS) Heimir Hallgrímsson, heimaslod.is, 9 maggio 2016. URL consultato il 9 maggio 2016.
  4. ^ (IS) Heimir Hallgrímsson, ksi.is, 9 maggio 2016. URL consultato il 9 maggio 2016.
  5. ^ (IS) Heimir Hallgrímsson ráðinn aðstoðarþjálfari hjá ÍBV, mlb.is, 4 gennaio 2002. URL consultato il 4 gennaio 2002.
  6. ^ (IS) Heimir Hallgrímsson þjálfar ÍBV í næstu leikjum., fotbolti.net, 31 agosto 2002. URL consultato il 31 agosto 2002.
  7. ^ (IS) Heimir tekur við liði ÍBV, timarit.is, 3 agosto 2006. URL consultato il 3 agosto 2006.
  8. ^ (IS) Lars Lagerback tekur við landsliðinu (Staðfest), fotbolti.net, 14 ottobre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2011.
  9. ^ Islanda, addio all'Europeo: ma la sua favola è da copertina, gazzetta.it, 3 luglio 2016. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  10. ^ (IS) Lagerbäck og Heimir áfram með landsliðið, mbl.is, 25 novembre 2013. URL consultato il 25 novembre 2013.
  11. ^ (IS) Lagerbäck: Vil ljúka ferlinum á stórmóti, mbl.is, 25 novembre 2013. URL consultato il 25 novembre 2013.
  12. ^ Russia 2018, Islanda e Serbia qualificate al Mondiale, gazzetta.it, 9 ottobre 2017. URL consultato il 10 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]