Birkir Bjarnason

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Birkir Bjarnason
Bjarnason con la maglia dell'Islanda nel 2018
Nazionalità Bandiera dell'Islanda Islanda
Altezza 184[1] cm
Peso 75[2] kg
Calcio
Ruolo Centrocampista
Squadra Brescia
Carriera
Giovanili
KA Akureyri
Austrått
Figgjo
Squadre di club1
2005-2007Viking22 (1)
2008Bodø/Glimt22 (5)
2009-2011Viking80 (15)
2012Standard Liegi10 (0)[3]
2012-2013Pescara25 (2)
2013-2014Sampdoria14 (0)
2014-2015Pescara35 (10)[4]
2015-2017Basilea42 (14)
2017-2019Aston Villa48 (5)[5]
2019-2020Al-Arabi5 (1)
2020-2021Brescia39 (6)[6]
2021-2023Adana Demirspor41 (5)
2023Viking11 (2)
2023-Brescia17 (4)
Nazionale
2004Bandiera dell'Islanda Islanda U-177 (2)
2005-2007Bandiera dell'Islanda Islanda U-1914 (3)
2006-2011Bandiera dell'Islanda Islanda U-2125 (3)
2010-Bandiera dell'Islanda Islanda113 (15)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 dicembre 2023

Birkir Bjarnason (Akureyri, 27 maggio 1988) è un calciatore islandese, centrocampista del Brescia e della nazionale islandese.

È soprannominato Thor[7][8][9][10] e il Vichingo.[11][12][13][14]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Forte fisicamente e combattivo, duro nei contrasti, resistente, con buona elevazione e bravo anche in progressione. Sa sacrificarsi per gli equilibri tattici della squadra, abile negli inserimenti senza palla, riesce anche a coniugare una discreta tecnica con un'ottima fisicità che gli permette di non sprecare palloni.[15]

Calcia con entrambi i piedi essendo ambidestro, ma in zona gol riesce a rendersi pericoloso soprattutto di testa, qualità che sfrutta in entrambe le fasi di gioco offensiva e difensiva.[16] Gioca principalmente come centrocampista, ma grazie alla sua duttilità può giocare anche come incontrista o mezz'ala sinistra[17] Ha un buon dinamismo abbinato alla sua consistenza fisica.[18]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi e il Viking[modifica | modifica wikitesto]

Birkir Bjarnason ai tempi del Viking nel 2007.

Cresciuto nelle giovanili degli islandesi del Knattspyrnufélag Akureyrar prima e in quelle norvegesi dell'Austrått e del Figgjo poi, nell'estate 2005 viene acquistato dal Viking.

Debutta in prima squadra il 30 novembre 2005, durante la gara di Coppa UEFA CSKA Sofia-Viking 2-0, subentrando al 79' a Trygve Nygaard.[19] Il 9 aprile 2006 esordisce in Tippeligaen, giocando da titolare nel pareggio a reti inviolate contro lo HamKam.[20] Il 17 settembre seguente realizza la sua prima rete nella massima divisione norvegese, siglando il gol del definitivo 3-1 contro lo Stabæk.[21] Nella stagione seguente gioca solo 6 partite, di cui 5 da subentrante, totalizzando solamente 180 minuti effettivi di gioco.

Il prestito al Bodø/Glimt e il ritorno al Viking[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008, dopo 25 presenze ed un gol con il Viking, viene ceduto in prestito al Bodø/Glimt. Gioca il suo primo incontro con il nuovo club il 30 marzo, quando sostituisce Runar Berg nella gara vinta 2-0 contro il HamKam.[22] Il 6 aprile segna la sua prima rete con la squadra di Bodø, nella partita persa per 3-1 in casa del Lyn.[23] Chiude la stagione con 26 incontri totali disputati e 5 reti segnate.

La stagione seguente torna al Viking dove riesce a ritagliarsi uno spazio importante nella formazione titolare. Nella prima stagione dal ritorno gioca 30 partite della Tippeligaen siglando 7 reti, riuscendo persino il 5 luglio 2009 a realizzare la sua prima doppietta da professionista durante la partita Viking-Lillestrøm 4-2.[24]

Nelle due stagioni successive gioca altre 50 partite, di cui 43 da titolare, mettendo a segno 8 gol. Il 31 dicembre 2011, non avendo rinnovato il suo contratto con i Di mørkeblå, va in scadenza e rimane svincolato.

Standard Liegi e Pescara[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 gennaio 2012 si trasferisce in Belgio allo Standard Liegi.[25] Disputa il suo primo incontro nella Pro League il 22 gennaio 2012, subentrando al 74º a Sébastien Pocognoli nel pareggio per 0-0 sul campo del Westerlo.[26] Conclude la sua mezza stagione con i Les Rouches giocando 10 partite in Jupiler Pro League, 6 nei play-off, 3 di Europa League ed una di Coppa del Belgio.[27]

Nell'estate del 2012 passa in prestito alla società italiana del Pescara.[28] Il 1º settembre gioca la sua prima partita di Serie A, venendo schierato nella formazione titolare che perde 3-0 contro il Torino[29]. Il 2 dicembre 2012 allo Stadio San Paolo di Napoli realizza il suo primo gol in Italia nella partita Napoli-Pescara 5-1[30]. Trova il suo secondo gol nel pareggio in trasferta sul campo del Palermo.

A fine anno i Delfini, anche se retrocessi in Serie B, decidono di riscattare l'intero cartellino del giocatore.

Sampdoria e il ritorno al Pescara[modifica | modifica wikitesto]

La stagione seguente gioca da titolare la prima partita di campionato contro la Juve Stabia ma il 2 settembre 2013 la Sampdoria comunica di aver acquisito a titolo di compartecipazione, i diritti sportivi dell'islandese[31]. Il 15 settembre seguente esordisce con la maglia blucerchiata giocando dal primo minuto il Derby della Lanterna contro il Genoa (0-3).[32] Il 5 dicembre 2013 realizza invece la sua prima rete con i Doriani siglando il gol del momentaneo 2-0 nella sfida di Coppa Italia Samp-Verona 4-1. La stagione si conclude con 14 presenze in Campionato e 2 presenze ed un gol in Coppa Italia.

Il 20 giugno 2014, la Sampdoria comunica di aver perso alle buste la metà del cartellino del giocatore, che torna così al Pescara a titolo definitivo[33].

Il 16 agosto torna a giocare una partita ufficiale con i Biancazzurri, si tratta del secondo turno di Coppa Italia dove il Pescara affronta e vince ai rigori contro il Renate. Il 6 dicembre va in gol nel 4-0 del Pescara contro la Pro Vercelli. Il 7 febbraio segna a pochi minuti dallo scadere il gol del definitivo 1-1 contro il Cittadella. Il 24 maggio, all'ultima giornata di campionato, segna la sua prima doppietta in maglia biancoazzurra, nella partita vinta per 3-0 contro il Livorno. Segna ai preliminari vinti con il Perugia (2-1) e al ritorno delle semifinali pareggiato con il Vicenza (2-2), risultando importante per il raggiungimento della doppia finale persa con il Bologna, dove salterà il ritorno. In totale sono 12 i suoi gol tra campionato e play off nella sua migliore stagione a rivello realizzativo.[34]

Basilea[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 luglio 2015 viene acquistato dal Basilea, con cui firma un contratto triennale, per circa 2 milioni di euro, vincendo il campionato svizzero.[35]

Aston Villa[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 gennaio 2017 durante la sessione invernale di calciomercato passa all'Aston Villa squadra inglese militante in Championship (seconda serie inglese) per 3 milioni di euro, con cui firma un contratto di un anno e mezzo.[36] Il 22 agosto 2017 segna la sua prima rete con la maglia dei Villans nella partita interna di English Football League Cup vinta 4-1 sul Wigan. Il 1º gennaio 2018 segna la sua prima rete in campionato nella vittoria per 5-0 contro il Bristol City.

Nell'agosto 2019 scade il proprio contratto con la squadra di Birmingham e rimane svincolato.[37]

Al Arabi[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 ottobre 2019 si accasa all'Al-Arabi, in Qatar, tramite un accordo trimestrale.[38] Gioca 5 partite realizzando un gol, nella partita pareggiata per 2-2 contro l'Al-Wakrah,[39] e a fine contratto rimane svincolato.

Brescia[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 gennaio 2020 firma un contratto di diciotto mesi con il Brescia.[40] Debutta con la squadra lombarda il giorno successivo, nel pareggio interno col Cagliari (2-2), giocando l'intero secondo tempo.[41] Il primo gol con le rondinelle lo segna nella successiva stagione di Serie B, nella partita contro la Salernitana del 12 dicembre 2020, in cui segna la rete del definitivo 3-1 per i lombardi.[42] Tuttavia, nella prima parte di stagione troverà poco spazio, venendo tuttavia rilanciato come titolare con l'arrivo di Clotet sulla panchina delle Rondinelle. Con il nuovo allenatore, ritroverà la sua forma ideale e chiuderà la stagione con 6 reti e 3 assist in 26 presenze, per la maggior parte nella seconda metà di stagione.[43] Tuttavia, non rinnoverà il contratto con il Brescia che scadrà il 30 giugno 2021.[44]

Adana Demirspor e ancora al Viking[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 agosto 2021 firma per l'Adana Demirspor.[45] Esordisce nella Super Lig il 20 agosto, nel pareggio interno con il Kayserispor (1-1).[46] Il 18 settembre, nella prima partita da titolare, troverà il suo primo gol in Turchia, segnando il 3-1 finale ai danni del Caykur Rizespor.[47] Chiuderà la prima stagione all'Adana Demirspor con 5 gol e 1 assist in 32 presenze.[48]

Il 31 marzo 2023 fa ritorno in Norvegia, al Viking, firmando un contratto annuale.[49]

Ritorno al Brescia[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 agosto 2023 viene ufficializzato il suo ritorno al Brescia.[50] L'esordio-bis con le Rondinelle avviene il 3 settembre, in Brescia-Cosenza, proprio un suo gol decide l'incontro terminato 1-0.[51]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Bjarnason in azione con la maglia della nazionale islandese nel 2014.

Dopo aver giocato 22 partite con 5 gol tra Under-17 e Under-19, il 16 ottobre 2007 Birkir esordisce in Under-21 giocando da titolare la partita Islanda-Austria 1-1[52].

Il 29 maggio 2010 esordisce invece in nazionale maggiore nella partita Islanda-Andorra 4-0, giocando gli interi 90 minuti di gioco[53].

Nel giugno 2011 prende parte all'Europeo Under-21 giocando 3 partite della competizione e riuscendo il 18 giugno a segnare anche un gol nella partita vinta contro la Danimarca per 3 a 1[54].

Il 27 maggio 2012 realizza la sua prima rete con la nazionale islandese, siglando il gol del provvisorio 1 a 0 nella partita Francia-Islanda 3-2[55].

Birkir va a segno anche in altre tre occasioni: il 12 ottobre 2012 a Tirana in Albania-Islanda 1-2,[56] il 7 giugno 2013 in Islanda-Slovenia 2-4[57] e il 10 settembre seguente nella partita vinta dall'Islanda 2-1 sull'Albania.[58] Questa sua rete contro l'Albania è stata l'ultima fino al 28 marzo 2015, giorno in cui è tornato a segnare con l'Islanda realizzando una doppietta contro il Kazakistan.[59] Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia.[60]. Il 14 giugno, nella partita di debutto contro il Portogallo, sigla il gol del definitivo 1-1; si tratta di un gol storico, in quanto è la prima marcatura in assoluto di un giocatore islandese in una grande competizione internazionale.[61][62] Segna il suo secondo gol nel quarto di finale contro la Francia disputando un'ottima partita nonostante la sconfitta 5-2.[63]

Dopo avere segnato una rete nelle qualificazioni ai Mondiali 2018 nello 0-3 contro la Turchia,[64] viene convocato per la manifestazione iridata[65] in cui disputa tutte e 3 le gare della squadra che è stata eliminata al primo turno.[66]

Il 5 settembre 2021 raggiunge quota 100 presenze in nazionale in occasione del pareggio per 2-2 contro la Macedonia del Nord.[67] L'11 novembre seguente raggiunge quota 104 presenze in nazionale eguagliando il record di partite giocate con gli islandesi precedentemente detenuto da Rúnar Kristinsson in occasione della sfida pareggiata 0-0 in casa della Romania.[68] Tre giorni dopo diventa il capolista solitario partendo titolare nella sconfitta per 3-1 in casa della Macedonia del Nord.[69][70]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 27 gennaio 2024.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005 Bandiera della Norvegia Viking ES 0 0 CN 0 0 CU 1 0 - - - 1 0
2006 ES 16 1 CN 2 0 - - - - - - 18 1
2007 ES 6 0 CN 1 0 - - - - - - 7 0
2008 Bandiera della Norvegia Bodø/Glimt ES 22 5 CN 4 0 - - - - - - 26 5
2009 Bandiera della Norvegia Viking ES 30 7 CN 3 0 - - - - - - 33 7
2010 ES 25 8 CN 5 2 - - - - - - 30 10
2011 ES 25 0 CN 5 1 - - - - - - 30 1
gen.-giu. 2012 Bandiera del Belgio Standard Liegi D1 10+6[71] 0 CB 1 0 UEL 3 0 - - - 20 0
2012-2013 Bandiera dell'Italia Pescara A 24 2 CI 1 0 - - - - - - 25 2
ago. 2013 B 1 0 CI 2 0 - - - - - - 3 0
ago. 2013-2014 Bandiera dell'Italia Sampdoria A 14 0 CI 2 1 - - - - - - 16 1
2014-2015 Bandiera dell'Italia Pescara B 35+4[71] 10+2[71] CI 3 0 - - - - - - 42 12
Totale Pescara 60+4 12+2 6 0 - - - - 70 14
2015-2016 Bandiera della Svizzera Basilea SL 29 10 CS 1 0 UCL+UEL 4[72]+10 1[72]+2 - - - 44 13
2016-gen. 2017 SL 13 4 CS 2 0 UCL 5 0 - - - 20 4
Totale Basilea 42 14 3 0 19 3 - - 64 17
gen.-giu. 2017 Bandiera dell'Inghilterra Aston Villa FLC 8 0 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 8 0
2017-2018 FLC 23+2[71] 3 FACup+CdL 1+3 0+1 - - - - - - 29 4
2018-2019 FLC 17 2 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 17 2
Totale Aston Villa 48+2 5 4 1 - - - - 54 6
2019-gen. 2020 Bandiera del Qatar Al-Arabi QSL 5 1 EQC 3 0 - - - - - - 8 1
gen.-ago. 2020 Bandiera dell'Italia Brescia A 13 0 CI 0 0 - - - - - - 13 0
2020-2021 B 26+1[71] 6 CI 0 0 - - - - - - 27 6
2021-2022 Bandiera della Turchia Adana Demirspor SL 32 5 TK 1 2 - - - - - - 33 7
2022-mar. 2023 SL 9 0 TK 3 0 - - - - - - 12 0
Adana Demirspor 41 5 4 2 - - - - 45 7
mar.-ago. 2023 Bandiera della Norvegia Viking ES 11 2 CN 4 3 - - - - - - 15 5
Totale Viking 113 18 20 6 1 0 - - 134 24
2023-2024 Bandiera dell'Italia Brescia B 21 4 - - - - - - - - - 21 4
Totale Brescia 60+1 10 0 0 - - - - 61 10
Totale carriera 428 72 47 10 23 3 - - 498 85

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Islanda
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29-5-2010 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 4 – 0 Bandiera di Andorra Andorra Amichevole -
3-9-2010 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 2 Bandiera della Norvegia Norvegia Qual. Euro 2012 - Ingresso al 76’ 76’
7-9-2010 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 1 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2012 - Ingresso al 90+2’ 90+2’
17-11-2010 Tel Aviv Israele Bandiera d'Israele 3 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 78’ 78’
26-3-2011 Nicosia Cipro Bandiera di Cipro 0 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2012 - Ingresso al 90+1’ 90+1’
10-8-2011 Budapest Ungheria Bandiera dell'Ungheria 4 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole -
2-9-2011 Oslo Norvegia Bandiera della Norvegia 1 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2012 - Ingresso al 90’ 90’
6-9-2011 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 0 Bandiera di Cipro Cipro Qual. Euro 2012 - Ammonizione al 17’ 17’ Uscita al 84’ 84’
7-10-2011 Porto Portogallo Bandiera del Portogallo 5 – 3 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2012 -
29-2-2012 Podgorica Montenegro Bandiera del Montenegro 2 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 74’ 74’
27-5-2012 Valenciennes Francia Bandiera della Francia 3 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole 1
30-5-2012 Göteborg Svezia Bandiera della Svezia 3 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 80’ 80’
15-8-2012 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 0 Bandiera delle Fær Øer Fær Øer Amichevole - Ammonizione al 17’ 17’
7-9-2012 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 0 Bandiera della Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2014 -
11-9-2012 Larnaca Cipro Bandiera di Cipro 1 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Tirana Albania Bandiera dell'Albania 1 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2014 1 Uscita al 85’ 85’
16-10-2012 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 2 Bandiera della Svizzera Svizzera Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Andorra la Vella Andorra Bandiera di Andorra 0 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole -
6-2-2013 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 2 Bandiera della Russia Russia Amichevole -
22-3-2013 Lubiana Slovenia Bandiera della Slovenia 1 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2014 -
7-6-2013 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 4 Bandiera della Slovenia Slovenia Qual. Mondiali 2014 1
14-8-2013 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 0 Bandiera delle Fær Øer Fær Øer Amichevole -
6-9-2013 Berna Svizzera Bandiera della Svizzera 4 – 4 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2014 -
10-9-2013 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 1 Bandiera dell'Albania Albania Qual. Mondiali 2014 1
11-10-2013 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 0 Bandiera di Cipro Cipro Qual. Mondiali 2014 -
15-10-2013 Oslo Norvegia Bandiera della Norvegia 1 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2014 -
15-11-2013 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 0 Bandiera della Croazia Croazia Qual. Mondiali 2014 -
19-11-2013 Zagabria Croazia Bandiera della Croazia 2 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2014 -
5-3-2014 Cardiff Galles Bandiera del Galles 3 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
30-5-2014 Innsbruck Austria Bandiera dell'Austria 1 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ingresso al 79’ 79’
4-6-2014 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 0 Bandiera dell'Estonia Estonia Amichevole -
9-9-2014 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 3 – 0 Bandiera della Turchia Turchia Qual. Euro 2016 - Uscita al 70’ 70’
10-10-2014 Riga Lettonia Bandiera della Lettonia 0 – 3 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2016 -
13-10-2014 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2016 -
12-11-2014 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
16-11-2014 Plzeň Rep. Ceca Bandiera della Rep. Ceca 2 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2016 - Uscita al 77’ 77’
28-3-2015 Astana Kazakistan Bandiera del Kazakistan 0 – 3 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2016 2
12-6-2015 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 1 Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Euro 2016 -
3-9-2015 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2016 -
6-9-2015 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 0 Bandiera del Kazakistan Kazakistan Qual. Euro 2016 -
10-10-2015 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 2 Bandiera della Lettonia Lettonia Qual. Euro 2016 -
13-10-2015 Konya Turchia Bandiera della Turchia 1 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2016 -
13-11-2015 Varsavia Polonia Bandiera della Polonia 4 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 46’ 46’
17-11-2015 Žilina Slovacchia Bandiera della Slovacchia 3 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 10’ 10’
24-3-2016 Herning Danimarca Bandiera della Danimarca 2 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 72’ 72’
29-3-2016 Atene Grecia Bandiera della Grecia 2 – 3 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ingresso al 46’ 46’ Ammonizione al 56’ 56’
1-6-2016 Oslo Norvegia Bandiera della Norvegia 3 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
14-6-2016 Saint-Étienne Portogallo Bandiera del Portogallo 1 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Euro 2016 - 1º turno 1 [73] Ammonizione al 55’ 55’
18-6-2016 Marsiglia Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 1 Bandiera dell'Ungheria Ungheria Euro 2016 - 1º turno -
22-6-2016 Saint-Denis Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 1 Bandiera dell'Austria Austria Euro 2016 - 1º turno -
27-6-2016 Nizza Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 1 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Euro 2016 - Ottavi di finale -
3-7-2016 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 5 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Euro 2016 - Quarti di finale 1 Ammonizione al 58’ 58’
5-9-2016 Kiev Ucraina Bandiera dell'Ucraina 1 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 75’ 75’
6-10-2016 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 3 – 2 Bandiera della Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 2018 -
9-10-2016 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 0 Bandiera della Turchia Turchia Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 76’ 76’ Uscita al 86’ 86’
12-11-2016 Zagabria Croazia Bandiera della Croazia 2 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2018 -
15-11-2016 Ta' Qali Malta Bandiera di Malta 0 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ingresso al 58’ 58’
11-6-2017 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 0 Bandiera della Croazia Croazia Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 81’ 81’
2-9-2017 Tampere Finlandia Bandiera della Finlandia 1 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2018 -
5-9-2017 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 0 Bandiera dell'Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2018 -
6-10-2017 Eskişehir Turchia Bandiera della Turchia 0 – 3 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2018 1
9-10-2017 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 0 Bandiera del Kosovo Kosovo Qual. Mondiali 2018 -
8-11-2017 Doha Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 2 Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole - Uscita al 60’ 60’
24-3-2018 Santa Clara Messico Bandiera del Messico 3 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ammonizione al 84’ 84’
28-3-2018 Lipsia Perù Bandiera del Perù 3 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ammonizione al 55’ 55’ Uscita al 77’ 77’
2-6-2018 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 3 Bandiera della Norvegia Norvegia Amichevole - Uscita al 88’ 88’
7-6-2018 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 2 Bandiera del Ghana Ghana Amichevole - Ammonizione al 17’ 17’ Uscita al 76’ 76’
16-6-2018 Mosca Argentina Bandiera dell'Argentina 1 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Mondiali 2018 - 1º turno -
22-6-2018 Volgograd Nigeria Bandiera della Nigeria 2 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Mondiali 2018 - 1º turno -
26-6-2018 Rostov Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 2 Bandiera della Croazia Croazia Mondiali 2018 - 1º turno - Uscita al 90+1’ 90+1’
8-9-2018 San Gallo Svizzera Bandiera della Svizzera 6 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Uscita al 65’ 65’
11-9-2018 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 3 Bandiera del Belgio Belgio UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
11-10-2018 Guingamp Francia Bandiera della Francia 2 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole 1
15-10-2018 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 2 Bandiera della Svizzera Svizzera UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
22-3-2019 Andorra la Vella Andorra Bandiera di Andorra 0 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2020 1
25-3-2019 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 4 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2020 - Ammonizione al 51’ 51’
8-6-2019 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 0 Bandiera dell'Albania Albania Qual. Euro 2020 -
11-6-2019 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 1 Bandiera della Turchia Turchia Qual. Euro 2020 - Ammonizione al 72’ 72’
7-9-2019 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 3 – 0 Bandiera della Moldavia Moldavia Qual. Euro 2020 1 Uscita al 78’ 78’
10-9-2019 Elbasan Albania Bandiera dell'Albania 4 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2020 - Uscita al 71’ 71’
11-10-2019 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 1 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2020 -
14-10-2019 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 0 Bandiera di Andorra Andorra Qual. Euro 2020 - Uscita al 70’ 70’
14-11-2019 Istanbul Turchia Bandiera della Turchia 0 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2020 -
17-11-2019 Chișinău Moldavia Bandiera della Moldavia 1 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2020 1 Ammonizione al 19’ 19’ Uscita al 87’ 87’
5-9-2020 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 1 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
8-9-2020 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 5 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
8-10-2020 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 1 Bandiera della Romania Romania Qual. Euro 2020 -
11-10-2020 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 3 Bandiera della Danimarca Danimarca UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
14-10-2020 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 2 Bandiera del Belgio Belgio UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - cap.
12-11-2020 Budapest Ungheria Bandiera dell'Ungheria 2 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Euro 2020 -
15-11-2020 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 2 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Uscita al 46’ 46’
18-11-2020 Londra Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 4 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Uscita al 88’ 88’
25-3-2021 Duisburg Germania Bandiera della Germania 3 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2022 -
28-3-2021 Erevan Armenia Bandiera dell'Armenia 2 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 84’ 84’
31-3-2021 Vaduz Liechtenstein Bandiera del Liechtenstein 1 – 4 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2022 1 Uscita al 46’ 46’
29-5-2021 Arlington Messico Bandiera del Messico 2 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 80’ 80’
4-6-2021 Tórshavn Fær Øer Bandiera delle Fær Øer 0 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 78’ 78’
8-6-2021 Poznań Polonia Bandiera della Polonia 2 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole -
2-9-2021 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 2 Bandiera della Romania Romania Qual. Mondiali 2022 -
5-9-2021 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 2 Bandiera della Macedonia del Nord Macedonia del Nord Qual. Mondiali 2022 -
8-9-2021 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 4 Bandiera della Germania Germania Qual. Mondiali 2022 - Ammonizione al 33’ 33’
8-10-2021 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 1 Bandiera dell'Armenia Armenia Qual. Mondiali 2022 - Cap.
11-10-2021 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 4 – 0 Bandiera del Liechtenstein Liechtenstein Qual. Mondiali 2022 - Cap.
11-11-2021 Bucarest Romania Bandiera della Romania 0 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2022 - Cap.
14-11-2021 Skopje Macedonia del Nord Bandiera della Macedonia del Nord 3 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 2022 - Cap. Ammonizione al 29’ 29’
26-3-2022 Murcia Finlandia Bandiera della Finlandia 1 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole 1 Cap. Uscita al 62’ 62’
29-3-2022 La Coruña Spagna Bandiera della Spagna 5 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Cap.
2-6-2022 Haifa Israele Bandiera d'Israele 2 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Cap. Ammonizione al 79’ 79’ Uscita al 89’ 89’
10-6-2022 Tirana Albania Bandiera dell'Albania 1 – 2 Bandiera d'Israele Israele UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - cap. Uscita al 74’ 74’
13-6-2022 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 2 – 2 Bandiera d'Israele Israele UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - cap. Uscita al 78’ 78’
22-9-2022 Maria Enzersdorf Venezuela Bandiera del Venezuela 0 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - cap.
27-9-2022 Tirana Albania Bandiera dell'Albania 1 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Uscita al 58’ 58’
16-11-2022 Kaunas Lituania Bandiera della Lituania 0 – 0
(5 - 6 dtr)
Bandiera dell'Islanda Islanda Coppa del Baltico 2022 - Cap. Uscita al 82’ 82’
Totale Presenze (1º posto) 113 Reti (5º posto) 15

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Basilea: 2015-2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ http://www.tuttocalciatori.net/bjarnason_birkir
  3. ^ 16 (0) se si comprendono le presenze nei play-off Scudetto.
  4. ^ 39 (12) se si comprendono le presenze nei play-off.
  5. ^ 50 (5) se si comprendono le presenze nei play-off.
  6. ^ 40 (6) se si comprendono le presenze nei play-off.
  7. ^ (EN) Leeds United: Five things to know about Birkir Bjarnason - the Thor of football, su yorkshireeveningpost.co.uk, 5 giugno 2015. URL consultato il 3 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2016).
  8. ^ Claire Corkery, Iceland's Birkir Bjarnason offered a modelling contract by ASOS, su dailymail.co.uk, 30 giugno 2016.
  9. ^ Inghilterra-Islanda, è Bjarnason-mania: il biondo vikingo fa impazzire le tifose, su gazzetta.it, 27 giugno 2016.
  10. ^ Eva Ajmone, Birkir Bjarnason, il vichingo biondo che ti farà amare il calcio, su cosmopolitan.it, 28 giugno 2016.
  11. ^ Secolo XIX - Bjarnason: «Orgoglioso di essere alla Samp», su sampnews24.com, 13 settembre 2013. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  12. ^ Bjarnason torna in Italia? Intanto ha nostalgia degli arrosticini…., su pescarasport24.it, 5 luglio 2016. URL consultato il 22 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2018).
  13. ^ Mercato, il “Vichingo” Bjarnason può arrivare a Palermo: alternativa Ekdal, su retepalermo.it, 10 giugno 2015. URL consultato il 6 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2016).
  14. ^ Piacere Bjarnason, un vichingo di lotta e di governo per la mediana della Samp, su sampdoria.it, 2 settembre 2013.
  15. ^ Focus on: Birkir Bjarnason, un vichingo Islandese in terra francese Archiviato il 30 maggio 2016 in Internet Archive. fantamagazine.com
  16. ^ Birkir Bjarnason: 1988 – Islanda Archiviato il 19 agosto 2016 in Internet Archive. generazioneditalenti.it
  17. ^ Per il centrocampo il Toro pensa a Bjarnason, La Stampa, 16 giugno 2015. URL consultato il 28 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2016).
  18. ^ La storia di Birkir Bjarnason, centrocampista islandese del Pescara Archiviato il 15 gennaio 2015 in Internet Archive. calcioblog.it
  19. ^ (NO) CSKA Sofia 2 - 0 Viking, su altomfotball.no. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  20. ^ (NO) HamKam 0 - 0 Viking, su altomfotball.no. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  21. ^ (NO) Viking 3 - 1 Stabæk, su altomfotball.no. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  22. ^ (NO) Bodø/Glimt 2 - 0 HamKam, su altomfotball.no. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  23. ^ (NO) Lyn 3 - 1 Bodø/Glimt, su altomfotball.no. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  24. ^ Viking-Lillestrom 4-2
  25. ^ (FR) Birkir BJARNASON, su standard.sudpresse.be. URL consultato il 13 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2012).
  26. ^ (NO) Westerlo 0 - 0 Standard Liège, su altomfotball.no. URL consultato il 17 luglio 2012.
  27. ^ http://www.transfermarkt.it/birkir-bjarnason/leistungsdaten/spieler/34453/plus/?saison=2011
  28. ^ (FR) Bjarnason en prêt à Pescara, su standard.be. URL consultato il 17 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2012).
  29. ^ Torino-Pescara 3-0
  30. ^ Napoli-Pescara 5-1
  31. ^ Birkir Bjarnason alla Sampdoria a titolo di partecipazione Archiviato il 4 settembre 2013 in Internet Archive.
  32. ^ Sampdoria 0-3 Genoa, su legaseriea.it, 15 settembre 2013. URL consultato il 3 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  33. ^ Buste: Cacciatore e Tozzo del Doria, Bjarnason al Pescara Archiviato il 24 giugno 2014 in Internet Archive.
  34. ^ Birkir Bjarnason - Rendimento per stagione, su transfermarkt.it.
  35. ^ (DE) BIRKIR BJARNASON WECHSELT ZUM FC BASEL 1893, su fcb.ch, 9 luglio 2015. URL consultato il 9 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  36. ^ UFFICIALE – Bjarnason all’Aston Villa, su mondosportivo.it, 25 gennaio 2017.
  37. ^ (EN) Birkir Bjarnason departs Aston Villa by mutual consent, su expressandstar.com, 8 agosto 2019. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  38. ^ (EN) Birker Pierrenasson Arbawi for three months, su alarabi.qa. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  39. ^ (EN) Alarabi 2-2 with Al Wakra, su alarabi.qa. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  40. ^ Bjarnason ingaggiato dal Brescia Calcio., su bresciacalcio.it. URL consultato il 18 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2021).
  41. ^ Brescia-Cagliari 2-2: i nervi di Balotelli, entra e viene espulso dopo 7', su repubblica.it.
  42. ^ La cura Dionigi funziona: il Brescia vince 3-1 con la Salernitana, su Giornale di brescia, 12 dicembre 2020. URL consultato il 12 dicembre 2020.
  43. ^ Birkir Bjarnason, su transfermarkt.it.
  44. ^ BRESCIA: BJARNASON NON RINNOVA E VOLA IN TURCHIA, su bresciasport.net.
  45. ^ (TR) Kulübümüz son olarak Brescia forması giyen İzlanda Milli Takımı oyuncusu 33 yaşındaki Birkir Bjarnason ile 2 yıllık sözleşme imzalamıştır. Hoş geldin #Bjarnason!, su twitter.com. URL consultato il 13 agosto 2021.
  46. ^ 1-1 Kayserispor vs. Adana Demirspor, su calcio-risultati.com.
  47. ^ Yukatel Adana Dermispor - Caykur Rizespor 3-1, su beinsports.com.tr.
  48. ^ Birkir Bjarnason, su transfermarkt.it.
  49. ^ Viking Fotball [vikingfotball], Birkir Bjarnason er tilbake i byn! Han har nå signert med de mørkeblå ut sesongen. Hjertelig velkommen tilbake, Birkir (Tweet), su Twitter, 31 marzo 2023.
  50. ^ Birkir Bjarnason è un nuovo giocatore del Brescia, su Brescia Calcio, 10 agosto 2023. URL consultato l'11 agosto 2023.
  51. ^ Brescia-Cosenza: 1-0 - Serie B 2023/2024. Risultato finale e commento alla partita, su sport.virgilio.it.
  52. ^ Islanda-Austria 1-1
  53. ^ Islanda-Andorra 4-0
  54. ^ Islanda-Danimarca 3-1
  55. ^ Francia-Islanda 3-2
  56. ^ Albania-Islanda 1-2
  57. ^ Islanda-Slovenia 2-4
  58. ^ (EN) Iceland beat Albania to go second in Group E, su uefa.com, 10 settembre 2013. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  59. ^ Continua la corsa dell'Islanda: in Kazakistan vince 3-0, su vavel.it, 24 settembre 2018. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  60. ^ (IS) A karla – Lokahópur fyrir EM 2016 Íslenska liðið hefur leik þann 14. júní gegn Portúgal, su ksi.is. URL consultato il 9 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2016).
  61. ^ (EN) Bjarnason makes history for Iceland, in BBC Sport, 14 giugno 2016. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  62. ^ Portogallo-Islanda 1-1: flop Ronaldo, gol storico di Bjarnason, su la Repubblica, 14 giugno 2016. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  63. ^ Portogallo-Islanda 1-1: flop Ronaldo, gol storico di Bjarnason, su la Repubblica, 14 giugno 2016. URL consultato il 15 giugno 2016.
  64. ^ (EN) Turkey 0-3 Iceland, in BBC Sport, 7 ottobre 2017. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  65. ^ (EN) Iceland World Cup squad guide: Full fixtures, group, ones to watch, odds and more, su independent.co.uk, 11 giugno 2018. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  66. ^ (EN) Iceland at the 2018 World Cup: Scores, schedule, complete squad, TV and live stream, players to watch, su cbssports.com. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  67. ^ (IS) „Held að framtíðin sé mjög björt“, su mbl.is. URL consultato il 6 settembre 2021.
  68. ^ (IS) Byrjunarlið Íslands: Birkir jafnar leikjametið, su mbl.is. URL consultato il 12 novembre 2021.
  69. ^ (IS) Birkir heiðraður í Skopje – fékk treyju frá Norður-Makedóníu, su mbl.is. URL consultato il 15 novembre 2021.
  70. ^ (IS) Tap í Norður Makedóníu, su ksi.is. URL consultato il 15 novembre 2021.
  71. ^ a b c d e Play-off.
  72. ^ a b Nei turni preliminari.
  73. ^ 1º gol islandese ad un Europeo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]