Clube de Regatas do Flamengo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Flamengo" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Flamengo (disambigua).
Flamengo
Calcio Football pictogram.svg
Campione del Sud America in carica
Flamengo-RJ (BRA).png
Mengão, Rubro-Negro, O Mais Querido do Brasil (Il più amato del Brasile)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px pentasection horizontal Black HEX-FF221A.svg Rosso, nero
Simboli Avvoltoio
Dati societari
Città Brasão da cidade do Rio de Janeiro.svg Rio de Janeiro
Nazione Brasile Brasile
Confederazione CONMEBOL
Federazione Flag of Brazil.svg CBF
Campionato Série A
Fondazione 1895
Presidente Brasile Rodolfo Landim
Allenatore Portogallo Jorge Jesus
Stadio Maracanã[1]
(78.838 posti)
Sito web www.flamengo.com.br
Palmarès
Campionato brasilianoCampionato brasilianoCampionato brasilianoCampionato brasilianoCampionato brasilianoCampionato brasiliano Coppa del BrasileCoppa del BrasileCoppa del Brasile Coppa LibertadoresCoppa Libertadores Coppa Intercontinentale
Titoli del Brasile 6
Coppa del Brasile 3
Trofei nazionali 35 Campionati Carioca
1 Torneo di Rio-San Paolo
1 Copa dos Campeões
altri 31 titoli (25 stat., 4 naz., 2 cont.)
Trofei internazionali 2 Coppe Libertadores
1 Coppe Mercosur
1 Coppe Intercontinentali
Si invita a seguire il modello di voce

Il Clube de Regatas do Flamengo, noto comunemente come Flamengo, è una società polisportiva brasiliana nota soprattutto per la sua sezione calcistica. Ha sede a Rio de Janeiro nell'omonimo quartiere.

Gli sport praticati nella polisportiva sono calcio, canottaggio, ginnastica artistica, judo, nuoto, nuoto sincronizzato, pallacanestro e pallavolo.[2]

È uno dei club più titolati a livello nazionale, potendo vantare il primato di vittorie (35) nel Campionato Carioca (il campionato dello stato di Rio de Janeiro), 6 campionati brasiliani e 3 Coppe del Brasile. Il Flamengo è inoltre una delle tre squadre che hanno sempre militato in prima divisione, insieme a San Paolo e Santos. A livello internazionale vanta la vittoria di 2 Coppe Libertadores (1981 e 2019) e di una Coppa Intercontinentale (1981), ottenuta con in campo la stella Zico. È, insieme alla Fluminense, al Vasco da Gama e al Botafogo, una delle quattro principali squadre di Rio de Janeiro (altre squadre di Rio sono il Bangu e l'América) e la squadra con più tifosi in Brasile, con oltre 30 milioni di sostenitori secondo i dati del 2018.[3]

Nonostante non sia il nome ufficiale, Flamengo è divenuto il termine utilizzato dai più per riferirsi non solo alla squadra calcistica, ma anche all'intera associazione sportiva. Tra i soprannomi utilizzati dai tifosi per riferirsi al club ci sono Fla, Mengo (abbreviativi del nome ufficiale), Mengão (accrescitivo di "Mengo"), così come descrizioni legate ai colori del club, come ad esempio rubro-negro, che significa "rosso-nero" o "scarlatto-nero".

La mascotte del club è un avvoltoio (urubu in portoghese). Di conseguenza, i tifosi usano occasionalmente il termine urubu come uno dei soprannomi, mentre i sostenitori rivali usano tale nome nei loro cori in tono dispregiativo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio da poco costituitasi prima di una partita contro il Paissandu nel 1912.
Squadra di calcio Flamengo, 1934.

Il Flamengo venne fondato il 17 novembre 1895 come società di canottaggio da José Agostinho Pereira da Cunha, Mário Spindola, Nestor de Barros, Augusto Lopes, José Félix da Cunha Meneses e Felisberto Laport. Il gruppo di ragazzi era solito ritrovarsi al Café Lamas, nel quartiere Largo do Machado di Rio de Janeiro, e decise di formare una squadra di canottaggio. Sul finire del XIX secolo il canottaggio era lo sport d'élite a Rio de Janeiro e i giovani, fondando un loro club, speravano di diventare popolari con le ragazze dell'altà società cittadina. Poterono permettersi soltanto una barca usata chiamata Pherusa, che necessitava di essere completamente ricostruita prima di essere utilizzata nelle competizioni. La squadra debuttò il 6 ottobre 1895 quando salpò dal molo di Caju, sulla spiaggia di Maria Angu, alla volta della spiaggia di Flamengo. Tuttavia i forti venti rovesciarono la barca e i vogatori quasi affogarono. Vennero salvati da un peschereccio nominato Leal ("Leale"). In seguito, durante i lavori di riparazione della Pherusa, l'imbarcazione venne rubata e mai più ritrovata. Il gruppo dovette quindi risparmiare molto denaro per comprare una nuova barca, l'Etoile, rinominata Scyra.

Nella notte del 17 novembre 1895, il gruppo, ritrovatosi nella villa di Nestor de Barros, sulla spiaggia di Flamengo, fondò il Grupo de Regatas do Flamengo (Gruppo di Regate del Flamengo) ed elesse il primo consiglio. Il nome venne cambiato qualche settimana dopo in Clube de Regatas do Flamengo (Club di Regate del Flamengo). I fondatori decisero anche che l'anniversario della fondazione della società avrebbe dovuto essere festeggiato il 15 novembre, in coincidenza con il Giorno della Repubblica, festa nazionale.

Il Flamengo incluse una sezione calcistica solo quando un gruppo di giocatori poco soddisfatti del Fluminense ruppe con il proprio club in seguito ad una discussione con il consiglio. I giocatori (Alberto Borghert, Othon de Figueiredo Baena, Píndaro de Carvalho Rodrigues, Emmanuel Augusto Nery, Ernesto Amarante, Armando de Almeida, Orlando Sampaio Matos, Gustavo Adolpho de Carvalho, Lawrence Andrews e Arnaldo Machado Guimarães) decisero di unirsi al Flamengo dal momento che Borghert, il capitano, era anche un vogatore del Flamengo. L'ammissione dei nuovi membri venne approvata l'8 novembre 1911. Si dovette tra l'altro fare i conti anche un gruppo contrario alla partecipazione del club a gare di calcio, ma alla fine i membri dell'assemblea crearono ufficialmente la sezione calcistica il 24 dicembre 1911.

Il nuovo team era solito allenarsi sulla spiaggia di Russel, guadagnando gradualmente il supporto degli abitanti locali, che apprezzavano guardare gli allenamenti. La prima partita ufficiale venne giocata il 3 maggio 1912 ed è, a tutt'oggi, la vittoria più spettacolare della squadra, dato che il Flamengo batté il Mangueira 16 a 2. Il primo Fla-Flu (che sarebbe successivamente diventato uno dei più famosi derby al mondo) venne anch'esso disputato in quell'anno, il 7 luglio, e vide la vittoria del Fluminense per 3 a 2.

Zico ha giocato per il Flamengo dal 1971 al 1983 e dal 1985 al 1989, conseguendo con il club numerosi record.

Nel 1978, con la vittoria del Flamengo nel Campionato Carioca, prese avvio un periodo d'oro per i rossoneri. I cinque anni successivi sarebbero stati anni di gloria. Stelle come Júnior, Carpegiani, Adílio, Cláudio Adão, Tita e, soprattutto, Zico, andarono a vincere il campionato statale per tre volte di fila. La gioia e l'orgoglio per le vittorie portarono il Flamengo fino alla prima vittoria del Campionato brasiliano, nel 1980. Quindi, come campione nazionale, il club si qualificò per giocare il massimo torneo continentale, la Coppa Libertadores.

Il 1981 è un anno di svolta nella storia del Flamengo. Dopo aver battuto i cileni del Cobreloa in tre match, il team si laureò campione sudamericano. L'obiettivo successivo era chiaro: la Coppa Intercontinentale, una gara secca da giocare nello Stadio Olimpico di Tokyo, in Giappone, contro i campioni europei del Liverpool.

Raul, Leandro, Marinho, Mozer, Júnior, Andrade, Adílio, Zico, Tita, Nunes e Lico formavano lo schieramento di partenza nella gara più importante di sempre del Flamengo, il 13 dicembre 1981. Due gol di Nunes, un gol di Adílio e una brillante prestazione di Zico furono più che sufficienti a fare del Flamengo la prima squadra brasiliana campione del mondo dopo il Santos del grande Pelé.

I due anni seguenti sarebbero stati anch'essi ricchi di vittorie. Un altro campionato di Rio nel 1981 e due campionati brasiliani - nel 1982 e nel 1983 - chiusero il periodo d'oro.

Rischio di retrocessione (1995-2005)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il titolo vinto nel 1992, il club entrò in un periodo di grave crisi finanziaria e le vittorie in ambito nazionale e internazionale iniziarono a latitare. Nel 1995, anno del centenario della squadra, la radio sportiva Kléber Leite rilevò la proprietà del club e ingaggiò l'attaccante Romário, il FIFA World Player of the Year in carica, dal Barcellona[4]. Il fuoriclasse si unì a Sávio e poi a Edmundo, per comporre "l'attacco dei sogni", come fu soprannominato dai tifosi[5]. Malgrado i tre campioni presenti in squadra oltre ad altre stelle, l'anno del centenario si chiuse senza trofei, ad eccezione della Taça Guanabara, trofeo assegnato alla squadra vincitrice della prima fase del Campionato Carioca[6][7]. Il Flamengo fu sconfitto anche nella doppia finale della Supercoppa Sudamericana 1995 (dall'Independiente). Nel 1996 il club rossonero chiuse da imbattuto il Campionato Carioca, vincendo sia la fase della Taça Guanabara sia la fase della Taça Rio, con Romário capocannoniere del torneo. Sávio fu capocannoniere e miglior giocatore della squadra nella vittoriosa campagna in Copa de Oro del 1996, primo titolo internazionale vinto dal club dopo il 1981 e terzo in assoluto[8].

Nel 1999 Edmundo dos Santos Silva fu eletto presidente del club e portò con sé un ricco contratto di sponsorizzazione con l'azienda di marketing sportivo ISL[9]. Malgrado gli scarsi risultati nel campionato nazionale, il Flamengo vinse la Coppa Mercosur 1999 e continuò a mietere successi a livello regionale, vincendo tre Campionati Carioca di fila dal 1999 al 2001, impresa riuscita per la quarta volta, oltre alla Copa dos Campeões del 2001, un titolo interstatale. Nel 2001 la retrocessione in Série B fu evitata all'ultima giornata, grazie alla vittoria contro il Palmeiras[10]. Gli anni seguenti furono segnati da piazzamenti molto deludenti nel campionato nazionale.

La ISL fallì nel 2002 per ragioni non legate al rapporto contrattuale con il Flamengo, lasciando il club privo di un ricco partner. Edmundo Santos Silva fu rimosso dal proprio ruolo, essendo rimasto al centro di uno scandalo[11]. Privo di liquidità, il Flamengo evitò la retrocessione con fatica nel 2002, 2004 e 2005. Una delle peggiori annate del club fu proprio il 2005, quando il club rossonero fu salvato dall'arrivo del tecnico Joel Santana, che colse 6 vittorie e 3 pareggi nelle 9 partite in carica. Pur nelle difficoltà, nel 2003 e nel 2004 la squadra raggiunse la finale della Coppa del Brasile, dove fu sconfitta ambedue le volte, rispettivamente dal Cruzeiro e dal Santo André.

Fine del digiuno (2006-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Adriano ottenne il titolo di capocannoniere della Série A con il Flamengo nel 2009, con 19 gol.

Nel 2006 il Flamengo raggiunse la finale della Coppa del Brasile per la quinta volta, ma non riuscì a far proprio il trofeo, che andò al Vasco da Gama. Dal 2007 al 2009 trionfò, invece, nel Campionato Carioca, realizzando il tricampeonato, cioè tre vittorie di fila nella manifestazione, diventando la squadra più titolata nel torneo con 31 titoli e staccando così la Fluminense, con cui all'epoca era appaiata a quota 30 titoli.

Il 9 marzo 2007 il club fu omaggiato con la dedica di una data nel calendario ufficiale dello stato di Rio de Janeiro: il governatore dello stato, Sérgio Cabral Filho, dichiarò che il 17 novembre sarebbe stata la "giornata del Flamengo".

Il campionato nazionale del 2007 vide il Flamengo vincere molte partite in casa e risalire dalla retrocessione fino al secondo posto, prima di perdere per 1-0 contro il Náutico all'ultima giornata e chiudere al terzo posto finale. Da allora i piazzamenti migliorarono costantemente, con il quinto posto nel campionato seguente (dopo aver terminato la prima parte di stagione al decimo posto) e il primo posto nel 2009. Con questa vittoria il Flamengo ottenne il quinto titolo nazionale, a 17 anni dall'ultimo successo[12]. Il campionato del 2009 fu chiuso dai rossoneri con 67 punti, la quota più bassa per una squadra laureatasi campione dall'entrata in vigore del nuovo formato del campionato, nel 2003. Il club si aggiudicò il campionato pur avendo trascorso solo due giornate in vetta alla classifica, grazie al successo per 2-1 in rimonta contro il Grêmio all'ultimo. Adriano fu capocannoniere della Série A con 19 gol.

Ronaldinho celebra un gol con il Flamengo nel 2011.

In ambito continentale la compagine rossonera continuò a faticare nei primi anni 2000. Dopo aver perso la finale della Coppa Mercosur 2001 contro il San Lorenzo ai tiri di rigore, la squadra superò i quarti di finale solo una volta nelle successive competizioni internazionali disputate. Nel 2008 fu eliminato dalla Coppa Libertadores agli ottavi di finale dai messicani dell'América.

Dal 2010 al 2015 in Série A i risultati furono negativi: solo una volta il campionato fu concluso al di sopra del decimo posto. Dopo il successo del 2009, fu ingaggiato l'attaccante Vágner Love, da affiancare ad Adriano, ma nel 2010 fallì la conquista del quarto campionato di fila (il titolo andò al Botafogo). Pur avendo superato per il rotto della cuffia il girone di Libertadores nel 2010, l'allenatore Andrade fu esonerato. Nella prima apparizione ai quarti di finale del torneo dal 1993, la squadra fu eliminata dall'Universidad de Chile; poco dopo sia Vágner Love che Adriano lasciarono il Flamengo. Una serie di avvicendamenti alla guida tecnica caratterizzò i mesi successivi, in cui il Flamengo riuscì a evitare la retrocessione e poi a ottenere un posto in Libertadores sotto la gestione di Vanderlei Luxemburgo.

L'acquisto di grido del 2011 fu quello del 31enne Ronaldinho, fuoriclasse proveniente dal Milan cui furono affiancati Darío Bottinelli e Thiago Neves. Il Flamengo vinse il Campeonato Carioca senza subire sconfitte, ma, nonostante le alte aspettative, fu eliminato nella Coppa Sudamericana 2011 dall'Universidad de Chile e non andò oltre il quarto posto nel campionato nazionale. L'annata si chiuse con il ritiro dall'attività agonistica del serbo Dejan Petković, bandiera del club.

Nel 2012 Ronaldinho fece causa al Flamengo reclamando pagamenti insoluti per quattro mesi e rescisse il proprio contratto con il club[13]. Thiago Neves tornò alla Fluminense dopo una negoziazione con l'Al-Hilal, titolare del suo cartellino, non andata a buon fine, mentre il difensore Alex Silva fu ceduto in prestito al Cruzeiro dopo aver minacciato il Flamengo di azioni legali. Per la stagione 2012 tornarono in organico Vágner Love e Ibson, ma ancora una volta non fu vinto alcun trofeo e l'eliminazione dalla Coppa Libertadores 2012 fu prematura.

Alla fine del 2012, Eduardo Bandeira de Mello fu eletto presidente del club per i successivi tre anni con l'obiettivo di risanare la complicata situazione debitoria del club, insolvente per 750 milioni di real[14]. Dopo una serie di cambi di allenatore, il tecnico Jayme de Almeida, nominato ad interim, evitò la retrocessione e vinse la Coppa del Brasile del 2013 battendo in finale l'Atl. Paranaense (terzo successo per i rossoneri dopo quelli del 1990 e del 2006).

Ritorno graduale ai vertici (2014-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

La difesa della Coppa del Brasile vinta nel 2013 fallì contro l'Atlético Mineiro in semifinale, ma nel 2014 il Flamengo rimase l'unico club capace di ridurre il proprio debito nel corso dell'anno (fino a 600 milioni di real) e fu la società che registrò il maggiore profitto annuo. Nel 2015, dopo un inizio altalenante nel Campionato Carioca e nel campionato nazionale, si successero sulla panchina del club vari allenatori, con la squadra che non fu in grado di qualificarsi per la Coppa Libertadores, chiudendo al terzo posto. Malgrado l'organico annoverasse nuovi acquisti di spicco come Paolo Guerrero ed Ederson, il debito della società era stato ridotto a 495 millioni di real, risultato che consentì al presidente Bandeira di essere rieletto. A metà della stagione 2016 il club ingaggiò Diego, ma non riuscì ad andare oltre il quarto posto finale.

Nel Campionato Carioca 2017 la squadra chiuse da imbattuta, mentre fu eliminata dalla Coppa Libertadores già dopo la fase a gironi, dove non ottenne nessuna vittoria fuori casa, ma con il terzo posto nel raggruppamento ebbe accesso alla Coppa Sudamericana. Arrivò inoltre in finale di coppa nazionale, dove fu sconfitta ai tiri di rigore dal Cruzeiro. Tre mesi dopo, raggiunse per la prima volta la finale di Coppa Sudamericana, in cui perse contro l'Independiente in trasferta e pareggiò in casa, vedendo sfumare il trofeo. A causa degli incidenti provocati dai sostenitori del Flamengo nei pressi dell'hotel dove alloggiavano i giocatori dell'Independiente, il Flamengo fu poi punito con due match a porte chiuse nella successiva edizione della Coppa Libertadores.

Nove anni dopo l'ultima vittoria del campionato nazionale, il club rossonero andò molto vicino alla vittoria finale, trascorrendo la maggior parte della stagione 2018 in testa alla classifica (13 giornate) e battendo il record di punti del club stabilito nel 2016, ma alla fine terminò al secondo posto dietro il Palmeiras. Quell'anno la società concluse i due affari in uscita più costosi della propria storia, cedendo in Europa due prodotti del proprio vivaio, il 18enne Vinícius Júnior al Real Madrid a luglio per 46 milioni di euro e il 20enne Lucas Paquetá al Milan per 35 milioni di euro a dicembre. Alla fine del 2018 Rodolfo Landim fu eletto presidente per un triennio. Il Flamengo ingaggiò Giorgian De Arrascaeta dal Cruzeiro per 63 milioni di real (14,5 milioni di euro), record per il calcio brasiliano, e Gabigol in prestito dall'Inter.

A causa di un incendio scoppiato l'8 febbraio 2019 nel centro di allenamento del club per via di un malfunzionamento del sistema di aria condizionata, dieci giocatori delle giovanili rimasero uccisi e tre feriti.

Nel novembre 2019, battendo in finale il River Plate allo Stadio Monumental "U" di Lima, la squadra si aggiudica per la seconda volta la Coppa Libertadores, a trentotto anni dal primo successo ottenuto nella competizione. Decisivo è Gabigol, che con un doppietta siglata nei minuti conclusivi dell'incontro ribalta il punteggio, fissandolo sul 2-1[15].

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

I più grandi rivali del Flamengo sono le altre tre grandi squadre di Rio de Janeiro: il Fluminense, il Botafogo e il Vasco da Gama. Al giorno d'oggi, quella con il Vasco da Gama è considerata la rivalità più forte del Flamengo. L'intensità delle rivalità a Rio è cambiata negli anni: negli anni sessanta e per buona parte degli anni settanta, per esempio, i tifosi del Flamengo consideravano il Botafogo come la prima squadra nemica.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

1981, 2019
1981
1999
1996

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1980, 1982, 1983, 1992, 2009, 2019
1990 (imbattuto), 2006, 2013
2001

Competizioni inter-statali[modifica | modifica wikitesto]

1961
  • Taça dos Campeões Estaduais Rio–São Paulo[17]: 1
1955

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

1914, 1915 (imbattuto), 1920 (imbattuto), 1921, 1925, 1927, 1939, 1942, 1943, 1944, 1953, 1954, 1955, 1963, 1965, 1972, 1974, 1978, 1979 (imbattuto), 1979 (extra)[18], 1981, 1986, 1991, 1996 (imbattuto), 1999, 2000, 2001, 2004, 2007, 2008, 2009, 2011 (imbattuto), 2014, 2017, 2019
1970, 1972, 1973 (imbattuto), 1978, 1979, 1980 (imbattuto), 1981, 1982, 1984, 1988, 1989 (imbattuto), 1995, 1996 (imbattuto), 1999 (imbattuto), 2001, 2004, 2007, 2008, 2011 (imbattuto), 2014
1983, 1985, 1986, 1991, 1996 (imbattuto), 2000, 2009, 2011 (imbattuto), 2019
1920, 1922, 1946, 1951, 1952, 1959
  • Copa Rio: 1
1991
  • Taça Luiz Aranha[19]: 1
1979
  • Taça Jorge Frias de Paula[20]: 1
1979
  • Taça Innocêncio Pereira Leal[21]: 1
1979
  • Taça Organizaciones Globo[22]: 1
1979
  • Taça Sylvio Corrêa Pacheco[23]: 1
1981
  • Taça Pedro Magalhães Corrêa[24]: 1
1974
  • Taça Cidade do Rio de Janeiro: 4
1973, 1978, 1991, 1993
  • Torneio Relâmpago[25]: 1
1936
  • Torneio Aberto do Rio de Janeiro[26]: 1
1936
  • Torneio Extra do Rio de Janeiro[27]: 1
1934
  • Torneio Super Clássicos[28]: 3
2013, 2014, 2015

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1964, 2018
Terzo posto: 2007, 2016
Finalista: 1997, 2003, 2004, 2017
Semifinalista: 1989, 1993, 1995, 1996, 2014, 2018
Finalista: 1991
Semifinalista: 2016
Semifinalista: 2000, 2002
Secondo posto/Finalista: 1912, 1913, 1919, 1922, 1923, 1924, 1936, 1937, 1938, 1939, 1940, 1941, 1952, 1958, 1961, 1962, 1966, 1968, 1969, 1971, 1973, 1977, 1982, 1983, 1984, 1987, 1988, 1989, 1994, 1995, 2010
Terzo posto: 1917, 1935, 1945 (Torneo Municipal), 1946 (Torneo Relampago), 1946, 1947 (Torneo Municipal), 1948 (Torneo Municipal), 1949, 1957, 1964, 1985
Semifinalista: 1973, 2003, 2015, 2016, 2018
Secondo posto: 1958, 1997
Terzo posto: 1957, 1959
Semifinalista: 1982, 1984
Finalista: 2017
Finalista: 1993, 1995
Semifinalista: 1992
Finalista: 2001

Competizioni amichevoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Trofeo Ciudad de Palma: 1978
  • Trofeo Ramón de Carranza: 1979, 1980
  • Torneo Mohamed V: 1968
  • Torneo di Brasilia: 1997
  • Trofeo del Distretto Federale: 1976
  • Coppa dei Campioni del mondo di Brasile: 1997 (imbattuto)
  • Torneio do Povo: 1972
  • Taça Brahma dos Campeões Brasileiros: 1992 (imbattuto)
  • Torneio Gilberto Alves: 1965
  • Torneio Quadrangular de Vitória: 1965
  • Torneio Governador Leonino Caiado: 1975
  • Taça Prefeito do Distrito Federal: 1976
  • Torneio Quadrangular de Jundiai (Torneio da Uva): 1975
  • Torneio Cidade de Cuiabá: 1976
  • Torneio Quadrangular de Varginha: 1990
  • Torneio de Verão de Nova Friburgo: 1990
  • Torneio triangular de Curitibas: 1953

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

1921; 1936; 1942; 1943; 1945; 1946; 1956; 1957; 1958; 1960; 1965; 1967; 1972; 1973; 1979; 1980; 1983; 1985; 1986; 1989; 1990; 1993; 1994; 1996; 1999; 2005; 2006; 2007, 2015 e 2018.
  • Taça Rio Sub-20: 7
1999; 2007; 2008; 2011; 2013; 2015 e 2016
  • Taça Guanabara Sub-20: 5
2005; 2006; 2007 ; 2015 e 2018.
1990, 2011 e 2016
  • Coppa Belo Horizonte Juniores: 3
1986, 2003, 2007
1999, 2006

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 4 novembre 2019.[29]

N. Ruolo Giocatore
1 Brasile P Diego Alves Captain sports.svg
2 Brasile D Rodinei
3 Brasile D Rodrigo Caio
4 Spagna D Pablo Marí
5 Brasile C Willian Arão
6 Brasile D Renê
7 Brasile C Éverton Ribeiro
8 Brasile C Gerson
9 Brasile A Gabriel Barbosa
10 Brasile C Diego
11 Brasile A Vitinho
13 Brasile D Rafinha
14 Uruguay C Giorgian De Arrascaeta
15 Brasile C Vinicius Souza
16 Brasile D Filipe Luís
18 Brasile C Hugo Moura
N. Ruolo Giocatore
19 Brasile C Reinier
22 Brasile P Gabriel Batista
23 Brasile C Lucas Silva
25 Paraguay C Robert Piris
26 Brasile D Thuler
27 Brasile C Bruno Henrique
28 Colombia A Orlando Berrío
29 Brasile A Lincoln
32 Brasile D João Lucas
37 Brasile P César
44 Brasile D Rhodolfo
46 Brasile P Hugo Souza
54 Brasile A Vitor Gabriel
55 Brasile D Matheus Dantas
58 Brasile D Rafael Santos

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del C.R. Flamengo

Vincitori di titoli[modifica | modifica wikitesto]

Campioni del mondo

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del C.R. Flamengo

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Anno Posizione Anno Posizione Anno Posizione Anno Posizione Anno Posizione
1971 14° 1981 1991 2001 24° 2011
1972 12° 1982 1992 2002 18° 2012 11°
1973 24° 1983 1993 2003 2013 16°
1974 1984 1994 17° 2004 17° 2014 10°
1975 1985 1995 21° 2005 15° 2015 12°
1976 1986 11° 1996 13° 2006 11° 2016
1977 1987 [30] 1997 2007
1978 16° 1988 1998 11° 2008
1979 1989 1999 12° 2009
1980 1990 11° 2000 15° 2010 14º

Piazzamenti in Coppa del Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Anno Turno Anno Turno Anno Turno
1989 semifinali 2000 quarti di f. 2010 -
1990 vincitore 2001 quarti di f. 2011 quarti di f.
1991 - 2002 - 2012 -
1992 - 2003 finalista 2013 vincitore
1993 semifinali 2004 finalista 2014 semifinali
1994 - 2005 ottavi di f. 2015 ottavi di f.
1995 semifinali 2006 vincitore 2016 secondo turno
1996 semifinali 2007 -
1997 finalista 2008 -
1998 ottavi di f. 2009 quarti di f.
1999 quarti di f. 2009 quarti di f.

Gare giocate[modifica | modifica wikitesto]

Gare giocate
1. Júnior 857
2. Zico 731
3. Adílio 611
4. Jordan 589
5. Andrade 569

Fonte: Sito ufficiale del Flamengo

Reti segnate[modifica | modifica wikitesto]

Reti segnate
1. Zico 508
2. Dida 244
3. Henrique 214
4. Romário 204
5. Pirilo 201

Fonte: Sito ufficiale del Flamengo

Altre sezioni[modifica | modifica wikitesto]

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Clube de Regatas do Flamengo (pallacanestro).

Pallavolo[modifica | modifica wikitesto]

Canottaggio[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Internazionale[modifica | modifica wikitesto]
  • Taça Sul-América: 1
1905
Nazionale[modifica | modifica wikitesto]
  • Troféu Brasil: 10
1978, 1980, 1982, 1983, 1985, 1989, 1991, 1995, 1996, 1997
Statale[modifica | modifica wikitesto]
  • Campionato carioca: 31
1914, 1915, 1920, 1921, 1925, 1927, 1929, 1942, 1943, 1944, 1953, 1954, 1955, 1963, 1965, 1972, 1974, 1978, 1979, 1979(speciale), 1981, 1986, 1991, 1996, 1999, 2000, 2001, 2004, 2007, 2008, 2009

Allenatori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Nuoto[modifica | modifica wikitesto]

La sezione di nuoto del Flamengo è riuscita a realizzare il difficilmente eguagliabile di record di 20 titoli carioca consecutivi tra il 1979 e il 1998. Nello stesso periodo ha vinto 8 titoli brasiliani consecutivi (dal 1980 al 1987).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]
  • Campionato brasiliano: 12
1968, 1980, 1981, 1982, 1983, 1984, 1985, 1986, 1987, 1989, 1991, 2002
  • Trofeo José Finkel: 12
1977, 1980, 1981, 1982, 1983, 1984, 1985, 1986, 1987, 1990, 2001, 2002
Statale[modifica | modifica wikitesto]
1914, 1915, 1920, 1921, 1925, 1927, 1939, 1942, 1943, 1944, 1953, 1954, 1955, 1963, 1965, 1972, 1974, 1978, 1979, 1979, 1981, 1986, 1991, 1996, 1999, 2000, 2001, 2004, 2007, 2008, 2009, 2011, 2014, 2017, 2019

Nuotatori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Ginnastica artistica[modifica | modifica wikitesto]

Ginnasti celebri[modifica | modifica wikitesto]

Atletica leggera[modifica | modifica wikitesto]

Atleti celebri[modifica | modifica wikitesto]

Altri sport[modifica | modifica wikitesto]

Il club è attivo anche in altre discipline olimpioniche, come il Judo e la pallanuoto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lo stadio casalingo del Flamengo è ufficialmente l'Estádio José Bastos Padilha (noto anche come Estádio da Gávea). Questo impianto venne inaugurato il 4 settembre 1938 e ha una capacità di 9.500 spettatori. La maggior parte delle gare, comunque, viene giocata al Maracanã.
  2. ^ (PT) Clube de Regatas do Flamengo - Esportes Olímpicos, su flamengo.com.br. URL consultato il 20 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2015).
  3. ^ (PT) Flamengo e Corinthians seguem na liderança de torcidas - 13/04/2018 - Opinião Pública - Datafolha, su datafolha.folha.uol.com.br, 13 aprile 2018.
  4. ^ (PT) Flamengo anuncia contratação de Romário, Folha de São Paulo, 10 gennaio 1995.
  5. ^ (PT) 'Ataque dos sonhos' faz a estréia hoje no Flamengo, Folha de São Paulo, 27 agosto 1995.
  6. ^ (PT) Campeonato Carioca 1995, Fase Final, futpédia, 25 giugno 1995.
  7. ^ (PT) Sávio: o ataque dos sonhos do Fla "não podia dar certo", band.com.br, 19 febbraio 2016.
  8. ^ (PT) Flamengo Campeão da Copa Ouro de 1996, Baú do Futebol, 16 agosto 1996.
  9. ^ (PT) Flamengo e ISL assinam contrato, Diário de Cuiabá, 1999.
  10. ^ (PT) Em 2001, Flamengo vence o Palmeiras em Juiz de Fora e escapa do rebaixamento, globoesporte.com, 2 dicembre 2001.
  11. ^ (PT) Edmundo: escândalos e títulos no Fla - Esportes, su Estadão, 9 luglio 2002.
  12. ^ (PT) Títulos, NetFla.com.br.
  13. ^ (EN) Ronaldinho leaving Flamengo over unpaid salaries, Canadian Broadcasting Corporation, 31 maggio 2012.
  14. ^ (PT) Flamengo admite susto com a dívida, reconhece longo caminho e volta a recorrer à ajuda de torcedor, ESPN, 11 aprile 2013.
  15. ^ https://www.goal.com/it/notizie/flamengo-river-plate/1pahwco455q6k11hpdil6xvwxh
  16. ^ La Federacalco brasiliana (CBF) ha riconosciuto il Flamengo come vincitore del torneo 1987 insieme allo Sport nel febbraio 2011 ma il 15 giugno seguente la decisione è stata revocata su ordine della 10ª Corte Federale di Primo Grado della Sezione Giudiziaria del Pernambuco, che il 29 novembre 2011 ha respinto il successivo ricorso del Flamengo e quindi lo Sport è riconosciuto come unico vincitore del campionato 1987:
  17. ^ Torneio Rio-São Paulo -- List of Champions, su www.rsssfbrasil.com. URL consultato l'11 agosto 2018.
  18. ^ Nel 1975, lo Stato di Rio de Janeiro si fuse con lo Stato di Guanabara, l'ex Distretto Federale quando Rio de Janeiro era la capitale del Brasile. Comunque, fu solo nel 1979 che i campionati dei due stati vennero finalmente unificati. Come transizione, l'organo governativo dello Stato di Rio decise che tutte le squadre avrebbero giocato in due tornei con leggere differenze di formato. La decisione fu controversa e ancora oggi è sotto questione. Quel che è certo è che portò alla disputa di due campionati statali in un anno, vinti entrambi dal Flamengo.
  19. ^ Miguel Gonzalez, Esporte Rio: CR Flamengo Campeão da Taça Luiz Aranha de 1979, su Esporte Rio, segunda-feira, 15 de dezembro de 2008. URL consultato l'11 agosto 2018.
  20. ^ Marcos C. s Nascimento, Blog do Marcão: Campeonato Carioca Especial 1979 - Segundo Turno, su Blog do Marcão, sexta-feira, 22 de janeiro de 2010. URL consultato l'11 agosto 2018.
  21. ^ Miguel Gonzalez, Esporte Rio: CR Flamengo Campeão da Taça Innocêncio Pereira Leal de 1979, su Esporte Rio, sábado, 13 de dezembro de 2008. URL consultato l'11 agosto 2018.
  22. ^ Miguel Gonzalez, Esporte Rio: CR Flamengo Campeão da Taça Organizações Globo de 1979, su Esporte Rio, sábado, 13 de dezembro de 2008. URL consultato l'11 agosto 2018.
  23. ^ Rio de Janeiro Championship 1981, su www.rsssfbrasil.com. URL consultato l'11 agosto 2018.
  24. ^ Miguel Gonzalez, Esporte Rio: CR Flamengo Campeão da Taça Pedro Magalhães Corrêa de 1974, su Esporte Rio, quinta-feira, 27 de novembro de 2008. URL consultato l'11 agosto 2018.
  25. ^ Rio de Janeiro - Torneio Relâmpago 1943, su www.rsssfbrasil.com. URL consultato l'11 agosto 2018.
  26. ^ TORNEIO ABERTO CARIOCA – 1936, su cacellain.com.br.
  27. ^ Torneio Extra (campeões), su www.rsssfbrasil.com. URL consultato l'11 agosto 2018.
  28. ^ (PT) Flamengo é campeão do Torneio Super Clássicos da Ferj! É verdade, in Extra Online. URL consultato l'11 agosto 2018.
  29. ^ Clube de Regatas do Flamengo :: Site oficial do Clube mais querido do Brasil :: Beta, su flamengo.com.br. URL consultato il 1º marzo 2012 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2012).
  30. ^ http://oglobo.globo.com/esportes/stf-declara-sport-campeao-brasileiro-de-1987-21224227

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]