Ljubiša Broćić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ljubiša Broćić
Ljubiša Broćić (1959).jpg
Broćić nel 1959
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Carriera
Carriera da allenatore
1946 Albania Albania
1947-1950 Metalac Belgrado
1951 Stella Rossa
1952 Vojvodina
1953 Stella Rossa
1954-1955 Egitto Egitto
1955 Racing Beirut
1956 Libano Libano
1956-1957 PSV
1957-1959 Juventus
1959-1960 PSV
1960-1961 Barcellona
1961 Tenerife
1962 Kuwait Kuwait
1962-1964 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
1964-1966 South Melbourne
1968-1969 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
1969 South Melbourne
1970 Kuwait Kuwait
1973-1975 Kuwait Kuwait
1980 Bahrein Bahrein
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ljubiša Broćić (Belgrado, 3 ottobre 1911Melbourne, 16 agosto 1995) è stato un allenatore di calcio serbo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 1957, dopo essersi proposto come guida tecnica della Juventus tramite una lettera, viene ingaggiato dalla società torinese, conquistando nella stagione 1957-1958 lo scudetto della prima stella, ovvero il decimo per i bianconeri. Parlava diverse lingue, ma non sapeva l'italiano e si avvaleva della collaborazione di Teobaldo Depetrini. Broćić scelse di affidarsi all'allora ventenne Carlo Mattrel come portiere, mutando il ruolo di Umberto Colombo da mezzala in mediano. La sua Juventus applicava uno schema razionale, con una difesa bloccata e pronta al rilancio per le due punte Omar Sívori e John Charles. Con questo gioco la Juventus vinse il suo decimo titolo italiano.

Broćić (secondo da sinistra) alla guida della Juventus nella stagione 1957-1958, insieme ai giocatori Charles, Mattrel e Stacchini.

L'anno dopo, forte del successo ottenuto, Broćić fu confermato. Tuttavia, in seguito alle pesanti sconfitte a Vienna contro il Wiener Sportklub (vittorioso per 7-0) il 1º ottobre 1958 in Coppa dei Campioni e in casa contro il Milan (che prevalse per 5-4 con il gol decisivo al 90' di Ernesto Grillo[1]) il 16 novembre dello stesso anno in campionato, oltre a incomprensioni con il citato Sívori, fu licenziato a favore di Depetrini[2] e destinato all'incarico di osservatore.[3] La squadra era quarta, a due punti dalla prima in classifica, all'ottava giornata di campionato.[4]

Nel 1960 fu messo sotto contratto dal Barcellona, che quell'anno acquistò giocatori come Jesús Garay, Salvador Sadurní e Josep Maria Fusté, ma la sua carriera in blaugrana non fu felice: dopo aver vinto tutte le amichevoli giocate contro altre squadre europee, le prime quattro giornate di campionato e aver eliminato il Real Madrid agli ottavi di finale della sesta Coppa dei Campioni, prima squadra a riuscire nell'impresa, lentamente la classifica peggiorò, sinché il 12 gennaio 1961, dopo il pareggio per 2-2 contro l'Athletic Bilbao al Camp Nou, fu esonerato e sostituito dall'allenatore in seconda Enrique Orizaola.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Stella Rossa: 1951, 1952-1953
Juventus: 1957-1958

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Corriere dello Sport, 17 novembre 1958, p. 3.
  2. ^ Tavella
  3. ^ Corriere dello Sport, 20 novembre 1958, p. 5.
  4. ^ (EN) Maurizio Mariani, Italy 1958/59, su rsssf.com, 6 maggio 2002.
  5. ^ (EN) Ljubisa Brocic (1960-61), su fcbarcelona.com (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Renato Tavella, Dizionario della grande Juventus - Dalle origini ai nostri giorni, Roma, Newton & Compton.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]