Serie A 1957-1958

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 1957-1958
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 56ª (26ª di Serie A)
Organizzatore Lega Nazionale
Date dall'8 settembre 1957
al 25 maggio 1958
Luogo Italia Italia
Partecipanti 18
Risultati
Vincitore Juventus
(10º titolo)
Retrocessioni Atalanta
Verona
Statistiche
Miglior marcatore Galles John Charles (28)
Incontri disputati 306
Gol segnati 879 (2,87 per incontro)
Juventus 1957-58.jpg
La Juventus che conquistò la prima stella
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1956-1957 1958-1959 Right arrow.svg

Il campionato di Serie A 1957-1958 è stato il cinquantaseiesimo campionato italiano di calcio e il ventiseiesimo a girone unico.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

John Charles, neoacquisto della Juventus e, con 28 reti, miglior marcatore del torneo; il gallese andò a formare, con Boniperti e l'altro nuovo arrivo Sívori, il prolifico Trio Magico d'attacco dei torinesi.

Il mercato estivo ebbe tra i protagonisti il Milan, l'Inter e il Bologna, che piazzarono colpi di rilievo internazionale.[1] I rossoneri campioni uscenti acquistarono l'argentino Ernesto Grillo; anche il suo connazionale Angelillo sbarcò a Milano, sponda nerazzurra, mentre i felsinei si aggiudicarono Maschio e lo jugoslavo Vukas,[1][2] quest'ultimo tra i mattatori nella partita che la nazionale balcanica vinse nettamente (6-1) contro l'Italia il 12 maggio 1957.[3][4] Proprio quella sfida aveva destato l'interesse di varie società italiane per il calcio serbo-croato: con diverse fortune, lo stesso Bologna, la Lazio, il Torino e una Juventus ricca d'incognite – che ingaggiò i poco conosciuti Charles e Sívori[5] – s'indirizzarono verso allenatori slavi.[6]

In ambito regolamentare, la squadra classificatasi al penultimo posto avrebbe dovuto giocare uno spareggio interdivisionale contro la seconda classificata della Serie B. L'introduzione di una regola transitoria per le retrocessioni sottolineò lo stato caotico in cui versava all'epoca la dirigenza federale: in prima battuta, infatti, per dar maggior spazio alla nazionale azzurra il Consiglio Federale aveva deliberato la riduzione del campionato a 16 squadre dal 1958 (per cui quest'anno ci sarebbero state tre retrocessioni a fronte di un'unica promozione dalla serie cadetta).[7]

La delibera trovò però la ferma opposizione della Lega, che la denunciò come invalida per abuso di potere e dettata da motivi politici.[8] Il braccio di ferro continuò per mesi finché il nuovo presidente della Lega, Giuseppe Pasquale, succeduto a Saverio Giulini escluso dal caos seguente al disastro di Belfast – ovvero l'esclusione dell'Italia dalla fase finale del campionato del mondo 1958 per la sconfitta nelle qualificazioni contro l'Irlanda del Nord, il 15 gennaio 1958 –, riuscì a imporre un eponimo lodo che a metà stagione cancellò la riduzione degli organici e, anzi, riuscì a rendere solo eventuale una delle due retrocessioni, nell'intento di una maggior garanzia degli investimenti fatti dalle società della massima categoria per sostenere il professionismo.

Il campionato[modifica | modifica wikitesto]

Azzini, Hamrin e Scagnellato furono tra i punti di forza del soprprendente Padova di Nereo Rocco, terzo a fine stagione, tuttora il miglior piazzamento dei biancoscudati in Serie A.

La partenza sorrise alla Juventus, con Charles sugli scudi. Sei vittorie in altrettante giornate permisero alla squadra bianconera di raggiungere la vetta solitaria, seguita a ruota dal buon Napoli.[1] Ben poco felice fu l'inizio del Milan, che vinse solo una volta nelle prime quattordici partite ritrovandosi così in piena zona retrocessione.[9] A destare sorpresa furono inizialmente le neopromosse; la ritrovata Alessandria, interprete di un solido catenaccio, rimase a lungo nelle posizioni medio-alte della classifica,[10] e così il debuttante Verona che condusse un girone di andata di buon livello. Tuttavia, a mettersi in luce e a dimostrare una migliore continuità fu soprattutto il Padova di Nereo Rocco, anch'esso votato in larga misura alla difesa, ma benedetto dalla vena degli attaccanti Hamrin e Brighenti.[11]

La Juventus, fatto suo il simbolico titolo di campione d'inverno, tenne a debita distanza le inseguitrici; l'arretramento dell'esperto Boniperti a trequartista aveva permesso a Charles e Sívori di esprimere tutto il loro potenziale sotto porta.[12] Una nuova serie di risultati utili, all'inizio del girone di ritorno, permise ai bianconeri di allungare a +8 sui pur vivaci patavini, che si lasciarono dunque raggiungere dalla Fiorentina, nuovamente seconda, e dal Napoli. A tre turni dal termine la Juventus vinse matematicamente il titolo, diventando la prima squadra italiana a cucirsi sul petto la stella dei dieci scudetti vinti.[5] Distanti le milanesi, none: il Milan seppe comunque compensare la débâcle in campionato con un buon cammino in Coppa dei Campioni,[9] dove giunse in finale.

In zona retrocessione piombò il Verona, artefice di un pessimo girone di ritorno, presto seguito dall'Atalanta, mentre Sampdoria e Genoa recuperarono posizioni solo nel finale. La classifica fu però sconvolta dal giudice sportivo, che declassò d'ufficio i bergamaschi ritenuti colpevoli di tentato illecito nella gara giocata a Padova.[13] Alle gare di qualificazione contro i cadetti del Bari si presentò dunque il Verona, doppiamente sconfitto dai pugliesi.[1]

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Mappa di localizzazione: Italia
Genova
Genova
Milano
Milano
Torino
Torino
Roma
Roma
Squadre di Milano
Red pog.svg Inter
Red pog.svg Milan
Squadre di Torino
Red pog.svg Juventus
Red pog.svg Torino
Squadre di Roma
Red pog.svg Lazio
Red pog.svg Roma
Squadre di Genova
Red pog.svg Genoa
Red pog.svg Sampdoria
Ubicazione delle squadre della Serie A 1957-1958

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Club partecipanti Città Stadio Stagione 1956-1957
Soccer Jersey Grey.png Alessandria dettagli Alessandria Stadio Giuseppe Moccagatta 2ª in Serie B
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Atalanta dettagli Bergamo Stadio Comunale 15ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Blue (quarters).png Bologna dettagli Bologna Stadio Comunale 6° in Serie A
Jersey violet.svg Fiorentina dettagli Firenze Stadio Comunale 2ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Blue (half).png Genoa dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 16° in Serie A
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Inter dettagli Milano Stadio San Siro 5ª in Serie A
Soccer Jersey White-Black (stripes).png Juventus dettagli Torino Stadio Comunale 9ª in Serie A
Soccer Jersey Red-White (stripes).png L.R. Vicenza dettagli Vicenza Stadio Romeo Menti 11ª in Serie A
Soccer Jersey Sky-White (borders).png Lazio dettagli Roma Stadio Olimpico 3ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Black (stripes).png Milan dettagli Milano Stadio San Siro Campione d'Italia
Soccer Jersey Azure.png Napoli dettagli Napoli Stadio del Vomero 12° in Serie A
Soccer Jersey White-Red (borders).png Padova dettagli Padova Stadio Silvio Appiani 13° in Serie A
Soccer Jersey Roma Red-Yellow (borders).png Roma dettagli Roma Stadio Olimpico 14ª in Serie A
Soccer Jersey Sampdoria Blue (horizontal stripe).png Sampdoria dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 7ª in Serie A
Soccer Jersey Azure-White (arms).png SPAL dettagli Ferrara Stadio Comunale 10ª in Serie A
Soccer Jersey Maroon.png Torino dettagli Torino Stadio Filadelfia 8° in Serie A
Soccer Jersey White-Black (vertical stripe).png Udinese dettagli Udine Stadio Moretti 4ª in Serie A
Soccer Jersey Blue-Yellow (borders).png Verona dettagli Verona Stadio Marcantonio Bentegodi 1° in Serie B

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Juventus Football Club 1957-1958.

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Calciatore più presente[14] Cannoniere[14]
Alessandria Italia Franco Pedroni e Italia Luciano Robotti Italia Luigi Traverso (32) Svizzera Roger Vonlanthen (8)
Atalanta[15][16] Italia Carlo Rigotti (1ª-9ª)
Italia Giuseppe Bonomi (10ª)
Italia Carlo Rigotti (11ª-12ª)
Italia Giuseppe Bonomi (13ª)
Austria Karl Adamek e Italia Luigi Tentorio (D.T.) (14ª-34ª)
Italia Francesco Janich (32) Argentina Raul Conti,
Italia Marino Perani (6)
Bologna[17] Jugoslavia Ljubo Bencic (1ª-8ª)
Uruguay Italia Raffaele Sansone (9ª)
Ungheria György Sárosi (I) (10ª-34ª)
Italia Battista Rota (30) Italia Ezio Pascutti,
Italia Gino Pivatelli (12)
Fiorentina Italia Fulvio Bernardini Italia Armando Segato (32) Argentina Italia Miguel Montuori (12)
Genoa[18] Italia Renzo Magli (1ª-6ª)
Italia Annibale Frossi (7ª-34ª)
Italia Amleto Frignani (34) Uruguay Julio Abbadie (13)
Inter Inghilterra Jesse Carver Argentina Antonio Angelillo (34) Argentina Antonio Angelillo (16)
Juventus Jugoslavia Ljubiša Broćić Italia Giampiero Boniperti,
Galles John Charles,
Italia Giuseppe Corradi,
Italia Bruno Garzena (34)
Galles John Charles (28)
L.R. Vicenza[19] Italia Giovanni Varglien (II) (1ª-7ª)
Italia Roberto Lerici (8ª-34ª)
Italia Remo Lancioni (31) Italia Sergio Campana (13)
Lazio[20] Jugoslavia Milovan Ćirić (1ª-19ª)
Italia Alfredo Monza e Italia Dino Canestri (D.T.) (20ª-34ª)
Italia Giovanni Molino (34) Svezia Arne Selmosson (9)
Milan[21] Italia Giuseppe Viani Italia Alfio Fontana,
Italia Cesare Maldini (34)
Italia Carlo Galli (12)
Napoli Italia Amedeo Amadei Brasile Luís Vinício (34) Brasile Luís Vinício (21)
Padova Italia Nereo Rocco Italia Silvano Moro (33) Svezia Kurt Hamrin (20)
Roma[22] Inghilterra Alec Stock (1ª-11ª)
Svezia Gunnar Nordahl (III) (12ª-34ª)
Italia Enzo Menegotti,
Italia Luciano Panetti,
Italia Giosuè Stucchi (34)
Brasile Italia Dino da Costa (19)
Sampdoria[23] Inghilterra William Dodgin (1ª-21ª)
Italia Adolfo Baloncieri (22ª-34ª)
Italia Gaudenzio Bernasconi (34) Sudafrica Italia Eddie Firmani (23)
SPAL Italia Paolo Tabanelli Italia Franco Zaglio (32) Italia Pietro Broccini,
Italia Giancarlo Vitali (6)
Torino[24] Jugoslavia Blagoje Marjanovic (1ª-23ª)
Italia Fioravante Baldi (24ª-34ª)
Italia Vincenzo Rigamonti (33) Paraguay Dionisio Arce (10)
Udinese Italia Giuseppe Bigogno Italia Renato Valenti (33) Svezia Bengt Lindskog (13)
Verona[25] Italia Angelo Piccioli (1ª-31ª)
Italia Guido Tavellin e Italia Luigi Bonizzoni (32ª-34ª)
Italia Auro Enzo Basiliani (34) Brasile Emanuele Del Vecchio (13)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg Star*.svg 1. Juventus 51 34 23 5 6 77 44 +33
2. Fiorentina 43 34 16 11 7 56 36 +20
3. Padova 42 34 16 10 8 55 42 +13
4. Napoli 40 34 17 6 11 65 55 +10
5. Roma 36 34 12 12 10 46 42 +4
6. Bologna 34 34 12 10 12 47 43 +4
7. L.R. Vicenza 33 34 13 7 14 51 48 +3
7. Torino 33 34 11 11 12 42 49 -7
9. Milan 32 34 9 14 11 61 47 +14
9. Udinese 32 34 10 12 12 51 46 +5
9. Inter 32 34 10 12 12 36 36 0
12. Genoa 30 34 9 12 13 53 60 -7
12. Sampdoria 30 34 9 12 13 54 62 -8
12. Alessandria 30 34 9 12 13 36 42 -6
12. Lazio 30 34 10 10 14 45 65 -20
12. SPAL 30 34 10 10 14 32 52 -20
1downarrow red.svg 17. Atalanta 28 34 6 16 12 29 49 -20
1downarrow red.svg 18. Verona 26 34 10 6 18 44 62 -18

Verdetti:

      Juventus campione d'Italia e qualificata in Coppa dei Campioni 1958-1959
      Atalanta e Verona Retrocesse in Serie B 1958-1959
      Inter e Roma invitate in Coppa delle Fiere 1958-1960

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
L'Atalanta fu inizialmente declassata all'ultimo posto per giudizio sportivo e successivamente riabilitata.
Il Verona retrocesse dopo gare di qualificazione disputata contro la seconda classificata in Serie B, il Bari.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Ale Ata Bol Fio Gen Int Juv LRV Laz Mil Nap Pad Rom Sam Spa Tor Udi Ver
Alessandria –––– 0-0 2-0 1-0 3-1 2-1 1-2 2-1 4-0 0-0 0-0 0-0 1-3 2-0 0-0 0-0 1-2 3-1
Atalanta 1-1 –––– 1-1 0-0 1-1 1-0 0-0 2-4 1-1 1-0 2-4 1-1 0-0 1-0 0-0 0-1 1-1 2-1
Bologna 3-1 3-1 –––– 0-3 3-3 1-0 3-4 4-0 5-0 0-0 1-1 0-0 0-0 3-3 0-1 2-1 2-2 1-0
Fiorentina 0-0 2-2 2-1 –––– 2-0 0-0 2-1 2-1 2-0 4-3 4-1 6-1 2-0 1-1 3-0 2-1 2-0 1-1
Genoa 0-2 1-2 0-0 1-3 –––– 0-0 1-3 1-0 5-2 1-1 2-1 1-4 4-2 3-1 0-0 1-1 1-0 4-1
Inter 1-1 1-1 0-2 0-1 1-0 –––– 2-2 1-0 5-2 1-0 0-1 0-0 1-1 2-2 4-0 0-0 0-1 1-0
Juventus 2-1 3-0 4-1 0-0 3-2 3-1 –––– 5-2 3-1 1-0 1-3 2-1 3-0 4-1 3-1 4-1 2-0 3-2
L.R. Vicenza 4-0 2-0 3-2 3-0 3-3 2-0 2-1 –––– 1-0 1-1 4-0 1-2 3-1 2-4 2-0 1-1 0-0 1-1
Lazio 2-1 3-1 4-3 2-2 0-0 3-1 1-4 2-0 –––– 1-1 4-1 1-0 2-1 2-2 1-1 1-1 1-0 4-0
Milan 1-1 5-0 0-1 2-1 1-5 2-2 1-1 4-1 6-1 –––– 2-2 1-1 1-1 0-1 4-2 4-0 1-1 2-0
Napoli 4-1 2-2 0-1 3-1 4-0 1-0 4-3 3-1 1-1 1-0 –––– 4-0 0-0 0-1 2-0 3-0 3-2 6-0
Padova 2-1 0-3 3-1 3-2 6-3 0-0 1-1 1-0 3-1 3-2 3-0 –––– 3-0 2-0 3-0 3-0 0-0 2-0
Roma 2-1 0-0 2-0 0-0 2-1 0-1 4-1 1-1 3-0 3-3 0-2 3-1 –––– 5-1 1-1 2-0 3-3 2-1
Sampdoria 1-1 1-1 0-1 3-1 0-0 0-2 3-2 1-1 1-1 0-2 3-0 3-2 3-1 –––– 1-1 4-0 3-5 1-1
SPAL 3-2 2-1 0-2 2-2 1-1 2-0 0-1 1-3 3-0 1-5 1-2 1-1 1-0 1-0 –––– 0-1 2-0 1-1
Torino 0-0 4-0 0-0 2-1 4-2 2-3 0-1 1-0 1-1 3-2 4-3 2-0 0-0 4-3 0-1 –––– 6-2 0-0
Udinese 2-0 1-0 1-0 1-1 2-2 1-1 0-1 0-1 1-0 1-1 7-0 1-2 1-2 3-3 5-0 1-1 –––– 2-0
Verona 3-0 3-0 1-0 0-1 1-3 2-4 2-3 1-0 1-0 4-3 4-3 1-1 0-1 5-3 1-2 2-0 3-2 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (18ª)
8 set. 1-0 Alessandria-Fiorentina 0-0 26 gen.
2-2 Bologna-Udinese 0-1
0-0 Inter-Torino 3-2
3-2 Juventus-Verona 3-2
1-1 L.R. Vicenza-Milan 1-4
4-0 Napoli-Genoa 1-2
3-1 Padova-Lazio 0-1
1-1 Roma-SPAL 0-1
1-1 Sampdoria-Atalanta 0-1


Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (20ª)
22 set. 0-0 Alessandria-Milan 1-1 9 feb.
0-3 Bologna-Fiorentina 1-2
5-2 Inter-Lazio 1-3
3-2 Juventus-Genoa 3-1
2-0 L.R. Vicenza-Atalanta 4-2
3-0 Napoli-Torino 3-4
3-1 Roma-Padova 0-3
1-1 Sampdoria-Verona 3-5
5-0 Udinese-SPAL 0-2


Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (22ª)
6 ott. 4-0 Alessandria-Lazio 1-2 23 feb.
2-1 Bologna-Torino 0-0
1-0 Inter-Milan 2-2
2-1 Juventus-Padova 1-1
3-0 L.R. Vicenza-Fiorentina 1-2
6-0 Napoli-Verona 3-4
2-1 Roma-Genoa 2-4
1-1 Sampdoria-SPAL 0-1
1-0 Udinese-Atalanta 1-1


Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (24ª)
20 ott. 1-0 Atalanta-Inter 1-1 9 mar.
2-0 Fiorentina-Roma 0-0
1º nov. 3-1 Genoa-Sampdoria 0-0
20 ott. 4-1 Lazio-Napoli 1-1
1-1 Milan-Juventus 0-1
1-0 Padova-L.R. Vicenza 2-1
3-2 SPAL-Alessandria 0-0
6-2 Torino-Udinese 1-1
1-0 Verona-Bologna 0-1


Andata (9ª) Nona giornata Ritorno (26ª)
3 nov. 1-1 Atalanta-Padova 3-0 30 mar.
0-0 Bologna-Roma 0-2
4 nov. 0-2 Genoa-Alessandria 1-3
3 nov. 1-0 Inter-Verona 4-2
2-1 L.R. Vicenza-Juventus 2-5
2-2 Lazio-Fiorentina 0-2
2-0 Napoli-SPAL 2-1
3-2 Torino-Milan 0-4
4 nov. 3-3 Udinese-Sampdoria 5-3


Andata (11ª) Undicesima giornata Ritorno (28ª)
17 nov. 2-1 Alessandria-L.R. Vicenza 0-4 13 apr.
3-4 Bologna-Juventus 1-4
1-2 Genoa-Atalanta 1-1
0-1 Inter-Udinese 1-1
1-1 Lazio-Milan 1-6
0-0 Napoli-Roma 2-0
2-0 Padova-Sampdoria 2-3
0-1 Torino-SPAL 1-0
0-1 Verona-Fiorentina 1-1


Andata (13ª) Tredicesima giornata Ritorno (30ª)
8 dic. 2-0 Alessandria-Sampdoria 1-1 27 apr.
4-1 Genoa-Verona 3-1
3-0 Juventus-Atalanta 0-0
2-0 L.R. Vicenza-Inter 0-1
1-1 Lazio-Torino 1-1
1-1 Milan-Roma 3-3
0-1 Napoli-Bologna 1-1
2-2 SPAL-Fiorentina 0-3
1-2 Udinese-Padova 0-0


Andata (15ª) Quindicesima giornata Ritorno (32ª)
29 dic. 1-1 Atalanta-Alessandria 0-0 11 mag.
1-1 Genoa-Torino 2-4
8 gen. 4-1 Juventus-Sampdoria 2-3
29 dic. 3-2 L.R. Vicenza-Bologna 0-4
2-1 Milan-Fiorentina 3-4
3-2 Napoli-Udinese 0-7
0-1 Roma-Inter 1-1
3-0 SPAL-Lazio 1-1
1-1 Verona-Padova 0-2


Andata (17ª) Diciassettesima giornata Ritorno (34ª)
19 gen. 0-0 Atalanta-SPAL 1-2 25 mag.
1-1 Genoa-Milan 5-1
0-2 Inter-Bologna 0-1 24 mag.
3-1 Napoli-L.R. Vicenza 0-4 25 mag.
3-2 Padova-Fiorentina 1-6
4-1 Roma-Juventus 0-3 24 mag.
4-3 Torino-Sampdoria 0-4 25 mag.
2-0 Udinese-Alessandria 2-1
1-0 Verona-Lazio 0-4
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (19ª)
15 set. 0-0 Atalanta-Roma 0-0 2 feb.
1-1 Fiorentina-Sampdoria 1-3
1-4 Genoa-Padova 3-6
4-3 Lazio-Bologna 0-5
2-2 Milan-Napoli 0-1
2-0 SPAL-Inter 0-4
0-0 Torino-Alessandria 0-0
0-1 Udinese-Juventus 0-2
1-0 Verona-L.R. Vicenza 1-1


Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (21ª)
29 set. 2-4 Atalanta-Napoli 2-2 16 feb.
2-0 Fiorentina-Udinese 1-1
0-0 Genoa-Bologna 3-3
2-0 [26]Lazio-L.R. Vicenza 0-1
0-1 Milan-Sampdoria 2-0
0-0 Padova-Inter 0-0
0-1 SPAL-Juventus 1-3
0-0 Torino-Roma 0-2
3-0 Verona-Alessandria 1-3


Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (23ª)
13 ott. 1-1 Atalanta-Lazio 1-3 2 mar.
3-3 Bologna-Sampdoria 1-0
1-3 Genoa-Fiorentina 0-2
1-1 Inter-Alessandria 1-2
2-0 L.R. Vicenza-SPAL 3-1
4-0 Napoli-Padova 0-3
2-1 Roma-Verona 1-0
0-1 Torino-Juventus 1-4
1-1 Udinese-Milan 1-1


Andata (8ª) Ottava giornata Ritorno (25ª)
27 ott. 2-0 Alessandria-Bologna 1-3 16 mar.
4-1 Fiorentina-Napoli 1-3
3-1 Juventus-Inter 2-2
5-0 Milan-Atalanta 0-1
3-0 Padova-Torino 0-2
3-0 Roma-Lazio 1-2
1-1 Sampdoria-L.R. Vicenza 4-2
1-1 SPAL-Genoa 0-0
3-2 Verona-Udinese 0-2


Andata (10ª) Decima giornata Ritorno (27ª)
26 dic. 0-0 Alessandria-Napoli 1-4 6 apr.
10 nov. 2-1 Fiorentina-Torino 1-2
3-1 Juventus-Lazio 4-1
26 dic. 3-3 L.R. Vicenza-Genoa 0-1
1º gen. 1-1 Milan-Padova 2-3
10 nov. 3-3 Roma-Udinese 2-1
26 dic. 0-2 Sampdoria-Inter 2-2
10 nov. 0-2 SPAL-Bologna 1-0
1° dic 3-0 Verona-Atalanta 1-2


Andata (12ª) Dodicesima giornata Ritorno (29ª)
24 nov. 0-1 Atalanta-Torino 0-4 20 apr.
0-0 Fiorentina-Inter 1-0
1-3 Juventus-Napoli 3-4
0-1 Milan-Bologna 0-0
2-1 Padova-Alessandria 0-0
1-1 Roma-L.R. Vicenza 1-3
1-1 Sampdoria-Lazio 2-2
1-1 SPAL-Verona 2-1
2-2 Udinese-Genoa 0-1


Andata (14ª) Quattordicesima giornata Ritorno (31ª)
15 dic. 1-3 Alessandria-Roma 1-2 4 mag.
3-1 Bologna-Atalanta 1-1
2-1 Fiorentina-Juventus 0-0
1-0 Inter-Genoa 0-0
1-0 Lazio-Udinese 0-1
3-0 Padova-SPAL 1-1
3-0 Sampdoria-Napoli 1-0
1-0 Torino-L.R. Vicenza 1-1
4-3 Verona-Milan 0-2


Andata (16ª) Sedicesima giornata Ritorno (33ª)
5 gen. 1-2 Alessandria-Juventus 1-2 18 mag.
0-0 Bologna-Padova 1-3
6 gen. 2-2 Fiorentina-Atalanta 0-0
5 gen. 0-1 Inter-Napoli 0-1
0-0 Lazio-Genoa 2-5
6 gen. 3-1 Sampdoria-Roma 1-5
5 gen. 1-5 SPAL-Milan 2-4
0-0 Torino-Verona 0-2
0-1 Udinese-L.R. Vicenza 0-0

Spareggio interdivisionale[modifica | modifica wikitesto]

Città e data
Bari 1-0 Verona Bologna, 20 luglio 1958
Bari 2-0 Verona Roma, 24 luglio 1958

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]

[27]  
10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª 27ª 28ª 29ª 30ª 31ª 32ª 33ª 34ª
Alessandria 2 3 4 4 6 7 7 9 11 12 14 14 16 16 17 17 17 18 19 20 22 22 24 25 25 27 27 27 28 29 29 30 30 30
Atalanta 1 2 2 2 2 3 5 5 6 6 8 8 8 8 9 10 11 13 14 14 15 16 16 17 19 21 23 24 24 25 26 27 28 28
Bologna 1 1 1 2 4 5 5 5 6 8 8 10 12 14 14 15 17 17 19 19 20 21 23 25 27 27 27 27 28 29 30 32 32 34
Fiorentina 0 1 3 5 5 7 9 11 12 14 16 17 18 20 20 21 21 22 22 24 25 27 29 30 30 32 32 33 35 37 38 40 41 43
Genoa 0 0 0 1 1 1 3 4 4 5 5 6 8 8 9 10 11 13 13 13 14 16 16 17 18 18 20 21 23 25 26 26 28 30
Inter 1 1 3 4 6 7 7 7 9 11 11 12 12 14 16 16 16 18 20 20 21 22 22 23 24 26 27 28 28 30 31 32 32 32
Juventus 2 4 6 8 10 12 13 15 15 17 19 19 21 21 23 25 25 27 29 31 33 34 36 38 39 41 43 45 45 46 47 47 49 51
L.R. Vicenza 1 1 3 3 5 7 7 8 10 11 11 12 14 14 16 18 18 18 19 21 23 23 25 25 25 25 25 27 29 29 30 30 31 33
Lazio 0 2 2 4 4 5 7 7 8 8 9 10 11 13 13 14 14 16 16 18 18 20 22 23 25 25 25 25 26 27 27 28 28 30
Milan 1 2 3 3 3 4 5 7 7 8 9 9 10 10 12 14 15 17 17 18 20 21 22 22 22 24 24 26 27 28 30 30 32 32
Napoli 2 3 5 7 9 11 11 11 13 14 15 17 17 17 19 21 23 23 25 25 26 26 26 27 29 31 33 35 37 38 38 38 40 40
Padova 2 4 4 5 5 5 7 9 10 11 13 15 17 19 20 21 23 23 25 27 28 29 31 33 33 33 35 35 36 37 38 40 42 42
Roma 1 2 4 5 7 9 9 11 12 13 14 15 16 18 18 18 20 20 21 21 23 23 25 26 26 28 30 30 30 31 33 34 36 36
Sampdoria 1 2 3 5 6 7 7 8 9 9 9 10 10 12 12 14 14 14 16 16 16 16 16 17 19 19 20 22 23 24 26 28 28 30
SPAL 1 3 3 3 4 4 6 7 7 7 9 10 11 11 13 13 14 16 16 18 18 20 20 21 22 22 24 24 26 26 27 28 28 30
Torino 1 2 2 3 3 3 5 5 7 7 7 9 10 12 13 14 16 16 17 19 19 20 20 21 23 23 25 27 29 30 31 33 33 33
Udinese 1 1 3 3 5 6 6 6 7 8 10 11 11 11 11 11 13 15 15 15 16 17 18 19 21 23 23 24 24 25 27 29 30 32
Verona 0 2 3 5 5 5 7 9 9 11 11 12 12 14 15 16 18 18 19 21 21 23 23 23 23 23 23 24 24 24 24 24 26 26

Classifiche di rendimento[modifica | modifica wikitesto]

Rendimento andata-ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Andata Ritorno
Juventus 25 Juventus 26
Napoli 23 Fiorentina 22
Padova 23 Genoa 19
Fiorentina 21 Padova 19
Roma 20 Udinese 19
L.R. Vicenza 18 Atalanta 17
Verona 18 Bologna 17
Alessandria 17 Milan 17
Bologna 17 Napoli 17
Inter 16 Torino 17
Torino 16 Inter 16
Milan 15 Lazio 16
Lazio 14 Roma 16
Sampdoria 14 Sampdoria 16
SPAL 14 SPAL 16
Udinese 13 L.R. Vicenza 15
Atalanta 11 Alessandria 13
Genoa 11 Verona 8

Rendimento casa-trasferta[modifica | modifica wikitesto]

In casa In trasferta
Juventus 31 Juventus 20
Fiorentina 29 Fiorentina 14
Padova 29 Bologna 13
Napoli 27 Inter 13
Lazio 26 Napoli 13
L.R. Vicenza 25 Padova 13
Roma 24 Roma 12
Torino 23 SPAL 12
Alessandria 22 Udinese 12
Bologna 21 Genoa 11
Milan 21 Milan 11
Verona 21 Sampdoria 11
Udinese 20 Atalanta 10
Genoa 19 Torino 10
Inter 19 Alessandria 8
Sampdoria 19 L.R. Vicenza 8
Atalanta 18 Verona 5
SPAL 18 Lazio 4

Primati stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Record

  • Maggior numero di partite vinte: 23 (Juventus)
  • Maggior numero di partite vinte in casa: 15 (Juventus)
  • Maggior numero di partite vinte in trasferta: 8 (Juventus)
  • Minor numero di partite perse: 6 (Juventus)
  • Minor numero di partite perse in casa: 0 (Fiorentina)
  • Minor numero di partite perse in trasferta: 5 (Juventus)
  • Massimo dei pareggi: 16 (Atalanta)
  • Massimo dei pareggi in casa: 10 (Atalanta)
  • Massimo dei pareggi in trasferta: 7 (Genoa, Milan, Padova)
  • Minor numero di partite vinte: 6 (Atalanta)
  • Minor numero di partite vinte in casa: 4 (Atalanta)
  • Minor numero di partite vinte in trasferta: 0 (Hellas Verona, Lazio)
  • Maggior numero di partite perse: 18 (Hellas Verona)
  • Maggior numero di partite perse in casa: 6 (Hellas Verona, Spal)
  • Maggior numero di partite perse in trasferta: 13 (Lazio)
  • Minimo dei pareggi: 5 (Juventus)
  • Minimo dei pareggi in casa: 1 (Juventus)
  • Minimo dei pareggi in trasferta: 2 (Lanerossi Vicenza)
  • Massimo delle reti segnate: 77 (Juventus)
  • Minimo delle reti subite: 36 (Fiorentina, Inter)
  • Miglior differenza reti: 33 (Juventus)
  • Miglior quoziente reti: 1,75 (Juventus)
  • Minimo delle reti segnate: 29 (Atalanta)
  • Massimo delle reti subite: 65 (Lazio)
  • Peggior differenza reti: −20 (Atalanta, Lazio, Spal)
  • Peggior quoziente reti: 0,59 (Atalanta)

Capolista solitarie

  • dalla 3ª alla 34ª giornata: Juventus

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del campionato furono segnati complessivamente 880 gol (di cui 26 su autorete e 67 su calcio di rigore) da 184 diversi giocatori, per una media di 2,87 gol a partita. Di seguito, la classifica dei marcatori.[27]

Gol Rigori Giocatore Squadra
28 2 Galles John Charles Juventus
23 Sudafrica Eddie Firmani Sampdoria
22 Argentina Omar Sívori Juventus
21 Brasile Luís Vinício Napoli
20 Svezia Kurt Hamrin Padova
19 Brasile Dino Da Costa Roma
13 Uruguay Julio Abbadie Genoa
13 Italia Sergio Campana L.R. Vicenza
13 Brasile Emanuele Del Vecchio Verona
13 4 Svezia Bengt Lindskog Udinese

Marcature multiple[modifica | modifica wikitesto]

[27]

Reti Calciatore Incontro Giornata
5 Brasile Emanuele Del Vecchio Verona-Sampdoria 5-3 20
5 Italia Carlo Galli Milan-Lazio 6-1 28
4 Svezia Kurt Hamrin Padova-Genoa 6-3 19
4 Svezia Jan Aronsson Atalanta-L.R. Vicenza 2-4 20
4 Argentina Omar Sivori Juventus-L.R. Vicenza 5-2 20

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Chiesa, p. 58
  2. ^ Chiesa, pp. 62-63
  3. ^ Chiesa, p. 46
  4. ^ Tabellino su solocalcio.com
  5. ^ a b Chiesa, pp. 58-59
  6. ^ Chiesa, pp. 58-59, 62-63
  7. ^ Tre retrocessioni ed una promozione per la Serie A '57-58, in Corriere dello Sport, 20 luglio 1957, p. 5. (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2013).
  8. ^ La situazione della nazionale, che sfocerà poi nel disastro di Belfast, aveva spinto vari politici a chiedere il commissariamento della FIGC. L'accusa della Lega era dunque che la delibera fosse stata deliberata dai dirigenti federali per salvare le proprie cariche, che sarebbero state cancellate da un eventuale commissario, cfr. Riforma-boomerang per il calcio italiano, in Corriere dello Sport, 24 luglio 1957, p. 5. (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2013).
  9. ^ a b Storia della stagione su magliarossonera.com
  10. ^ Marcellini, p. 5
  11. ^ Chiesa, pp. 60-61, 65
  12. ^ Melegari, p. 234
  13. ^ L'equivoco nacque a causa dell'entrata in scena, nel corso delle indagini, di Eugenio Gaggiotti, personaggio pluripregiudicato coinvolto nei maggiori scandali sportivi degli anni 1950, tanto che la FIGC aveva da tempo deliberato una disposizione d'emergenza secondo la quale il solo fatto di aver rapporti con lui avrebbe comportato la radiazione per i tesserati e la retrocessione per le società. La posizione dell'Atalanta fu a priori considerata sospetta essendo stata toccata, seppur come parte offesa, dal precedente scandalo Scaramella, cfr. Alberto Marchesi, Lo spareggio di luglio non è una cosa seria, in Corriere dello Sport, 9 luglio 1958, p. 3. (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2013).; in realtà la società bergamasca riuscì tempo dopo a dimostrare di non essere invischiata nella vicenda. Per approfondire si legga il caso Azzini.
  14. ^ a b Melegari, p. 483
  15. ^ I nerazzuri liquidati in mezz'ora, nº 287, Corriere dello Sport, 2 dicembre 1957, p. 3.
  16. ^ Da oggi Adamek alla guida dell'Atalanta, in Corriere dello Sport, nº 297, 13 dicembre 1957, p. 5.
  17. ^ Contratto sottoscritto tra Sarosi e il Bologna, in Corriere dello Sport, nº 262, 2 novembre 1957, p. 1.
  18. ^ Da domani Frossi alla guida del Genoa, in Corriere dello Sport, nº 246, 15 ottobre 1957, p. 6.
  19. ^ Varglien II "dimissionario", Lerici al timone del L.R. Vicenza, in Corriere dello Sport, nº 255, 25 ottobre 1957, p. 1.
  20. ^ La Lazio esonera Ciric e vorrebbe assumere Foni, in La Stampa, nº 30, 4 febbraio 1958, p. 6.
  21. ^ Storia della stagione su magliarossonera.it
  22. ^ Esonerato Alec Stock, Nordahl allenatore della Roma, in Corriere dello Sport, nº 277, 20 novembre 1957, p. 1.
  23. ^ Quale formazione il Torino schiererà contro il Bologna, in La Stampa, nº 44, 20 febbraio 1958, p. 7.
  24. ^ Definitivo nel Torino l'allontanamento di Marjanovic, in Corriere dello Sport, nº 57, 7 marzo 1958, p. 6.
  25. ^ Bonizzoni e Tavellin al timone del Verona, in Corriere dello Sport, nº 110, 9 maggio 1958, p. 4.
  26. ^ Disputata in campo neutro allo stadio del Vomero di Napoli.
  27. ^ a b c Campionato 1957-58 su rsssf.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio, Milano, Rizzoli Editore, 1957 e 1958.
  • Carlo Fontanelli, Annogol 1957-58, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., maggio 2003.
  • Carlo F. Chiesa. Il grande romanzo dello scudetto. Tredicesima puntata: Milan e Juve, rivoluzione vincente, da Calcio 2000, febbraio 2003, pp. 48-65.
  • Marcello Marcellini. Giorni di grigio intenso. Campionato di Serie A 1957-58, la più bella Alessandria del dopoguerra. Alessandria, Litografia Viscardi, 2009.
  • La Gazzetta dello Sport, annate 1957 e 1958.
  • Il Corriere dello Sport, annate 1957 e 1958.
  • La Stampa, annate 1957 e 1958.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]