Hans-Peter Briegel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans-Peter Briegel
6633 Hans Peter Briegel.JPG
Briegel nel 2012
Nazionalità bandiera Germania Ovest
Germania Germania (dal 1990)
Altezza 188 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1988 - giocatore
2007 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1975-1984 Kaiserslautern 240 (47)
1984-1986 Verona 55 (12)
1986-1988 Sampdoria 51 (9)
Nazionale
1979-1986 Germania Ovest Germania Ovest 72 (4)
Carriera da allenatore
1989-1992 Glarus
1992-1994 Nero e Rosso (Strisce).png Edenkoben
1994-1995 Wattenscheid 09
1999-2000 Beşiktaş
2001-2002 Trabzonspor
2002-2006 Albania Albania
2006-2007 Bahrein Bahrein
2007 Ankaragücü
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Spagna 1982
Argento Messico 1986
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Italia 1980
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Hans-Peter Briegel (Rodenbach, 11 ottobre 1955) è un ex allenatore di calcio ed ex calciatore tedesco, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Briegel con la maglia del Verona

Intraprese la carriera di calciatore alle soglie della maggiore età, dopo anni di buoni risultati nell'atletica leggera, in special modo nel decathlon.

Nel ruolo di terzino e di esterno sinistro giocò a lungo in patria nel Kaiserslautern, squadra in cui militò per ben otto stagioni a cavallo degli anni 1970 e 1980.

La parte conclusiva della sua carriera si svolse in Italia, con un biennio a testa dapprima nel Verona, che lo acquistò a basso costo[1] e con cui vinse lo storico scudetto della stagione 1984-1985, e poi nella Sampdoria che lo prelevò dagli scaligeri per 4 miliardi di lire,[2] giocando in blucerchiato fino al suo ritiro al termine dell'annata 1987-1988, e vincendo nell'occasione la Coppa Italia.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordì nella Germania Ovest nel 1979 in una sfida contro il Galles, prendendo successivamente parte ai Mondiali di Spagna 1982 e Messico 1986, raggiungendo in entrambi i casi la finale e venendo sconfitto, rispettivamente, dall'Italia e dall'Argentina.

Briegel in azione con la Germania Ovest durante la finale di Euro '80

Partecipò inoltre a due manifestazioni continentali, gli Europei di Italia 1980, dove colse il titolo superando in finale il Belgio, e Francia 1984. Con la nazionale tedesco-occidentale ha collezionato in totale 72 presenze, segnando 4 gol.

In un'amichevole del 1984 contro l'Italia – organizzata come «rivincita» della finale mondiale di due anni prima – segnò il gol della vittoria.[3]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

È stato l'allenatore dell'Albania e del Bahrein.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Verona: 1984-1985
Sampdoria: 1987-1988

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Italia 1980

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1985

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 1 (1984-1985), Panini, 2012, p. 10.
  2. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 3 (1986-1987), Panini, 2012, p. 10.
  3. ^ Gianni Brera, Italia-Germania che noia Mundial, in la Repubblica, 23 maggio 1984, p. 37.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]