Eindhoven

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eindhoven
comune
Eindhoven – Stemma Eindhoven – Bandiera
Eindhoven – Veduta
Panorama del centro della città
Localizzazione
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
ProvinciaNorth Brabant-Flag.svg Brabante Settentrionale
Amministrazione
CapoluogoEindhoven
SindacoJohn Jorritsma (VVD) dal 13-9-2016
Territorio
Coordinate
del capoluogo
51°26′07.98″N 5°28′49.98″E / 51.43555°N 5.48055°E51.43555; 5.48055 (Eindhoven)
Altitudine17 m s.l.m.
Superficie88,84 km²
Abitanti227 100 (30-4-2017)
Densità2 556,28 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale5600–5658
Prefisso40
Fuso orarioUTC+1
Codice CBS0772
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Eindhoven
Eindhoven
Eindhoven – Mappa
Sito istituzionale

Eindhoven (pron. italiana: /einˈdovɛn/, o meno correttamente: /ainˈdovɛn; in olandese: [ˈɛi̯ntɦoːvə(n)] ascolta[?·info]) è una città di 227 100 abitanti nella provincia del Brabante Settentrionale, nei Paesi Bassi. Se si considera la Brabantse Stedenrij, l'area metropolitana nei dintorni della città, fa registrare due milioni di abitanti.

Eindhoven era originariamente situata alla confluenza del Dommel e del Gender, ma negli anni '50 il secondo è stato arginato a poca distanza dal centro della città, mentre il primo lo attraversa.[1][2]

Tra i principali centri abitati vicini figurano Son en Breugel, Nuenen, Geldrop-Mierlo, Helmond, Heeze-Leende, Waalre, Veldhoven, Eersel, Oirschot e Best.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

I comuni dell'hinterland sono Son en Breugel, Nuenen, Gerwen en Nederwetten, Geldrop-Mierlo, Heeze-Leende, Waalre, Veldhoven, Oirschot, Eersel e Best. L'agglomerato raggiunge i 440 000 abitanti su una superficie di circa 540 km².

Panorama di Eindhoven

Storia[modifica | modifica wikitesto]

XIII–XV secolo[modifica | modifica wikitesto]

La storia scritta di Eindhoven iniziò nel 1232, quando il duca Enrico I di Brabante concesse i diritti della città ad Eindhoven, allora cittadina proprio alla confluenza dei torrenti Dommel e Gender. Al momento della concessione della sua carta, Eindhoven aveva circa 170 case racchiuse entro un bastione. Appena fuori dalle mura, sorgeva un piccolo castello. Alla città fu anche concesso il diritto di organizzare un mercato settimanale e gli agricoltori dei villaggi vicini furono obbligati a venire a Eindhoven per vendere i loro prodotti. Un altro fattore nella sua istituzione fu la sua posizione sulla rotta commerciale dall'Olanda a Liegi.

Intorno al 1388, le fortificazioni della città andarono ulteriormente rafforzate. E tra il 1413 e il 1420 fu costruito un nuovo castello all'interno delle mura cittadine. Nel 1486, Eindhoven fu saccheggiata e bruciata dalle truppe di Gheldria.

XVI-XVIII secolo[modifica | modifica wikitesto]

La ricostruzione di Eindhoven terminò nel 1502, con un bastione più resistente e un nuovo castello. Tuttavia, nel 1543 cadde di nuovo, essendo state trascurate le opere di difesa a causa della povertà.

Un grande incendio nel 1554 distrusse il 75% delle abitazioni, ma nel 1560 queste erano state ricostruite con l'aiuto di Guglielmo I d'Orange. Durante la rivolta dei pezzenti, Eindhoven passò di mano tra gli olandesi e gli spagnoli diverse volte, finendo bruciata dai soldati iberici rinnegati. Alla fine, nel 1583 finì catturata dalle truppe spagnole e le sue mura cittadine furono demolite.

Eindhoven non divenne parte dei Paesi Bassi fino al 1629. Durante l'occupazione francese, Eindhoven soffrì di nuovo con molte delle sue case distrutte dagli invasori. Da allora, Eindhoven rimase una città minore fino all'inizio della Rivoluzione industriale.

XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

La Rivoluzione industriale del XIX secolo costituì un importante impulso alla crescita, essendosi ultimati canali, strade e ferrovie. Eindhoven era collegata al canale principale Zuid-Willemsvaart attraverso il ramo dell'Eindhovens Kanaal nel 1843 e collegata tramite ferrovia a Tilburg, 's-Hertogenbosch, Venlo e il Belgio tra il 1866 e il 1870. Le attività industriali inizialmente si concentravano sul tabacco e sui tessuti e esplosero con l'ascesa del colosso dell'illuminazione e di elettronica della Philips, nata proponendosi di commerciare lampade a incandescenza nel 1891.

L'industrializzazione stimolò la crescita demografica di Eindhoven. Alla fondazione del Regno dei Paesi Bassi nel 1815, Eindhoven contava 2.310 abitanti.

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1920 la popolazione era di 47.946 abitanti; nel 1925 era di 63.870 e nel 1935 era salito a 103.030.[3] La crescita vorticosa dell'industria nella regione e le successive esigenze abitative dei lavoratori richiedevano cambiamenti radicali nell'amministrazione, poiché la città di Eindhoven era ancora confinata nei suoi confini del fissato medievale. Nel 1920, i cinque comuni limitrofi di Woensel (a nord), Tongelre (a nord-est e a est), Stratum (a sud-est), Gestel en Blaarthem (sudovest) e Strijp (ovest), i quali già convivevano con problematiche legate alle esigenze abitative e a ciò che ne conseguiva, si fusero nel nuovo comune di Groot-Eindhoven ("Grande Eindhoven"). Il prefisso "Groot-" andò successivamente eliminato.

Dopo l'incorporazione del 1920, i cinque ex comuni divennero distretti del comune di Eindhoven, con Eindhoven-Centrum (la città propriamente detta) che ne costituiva il sesto. Da allora, si formò un'ulteriore settima unità amministrativa dividendo il distretto più grande, quello di Woensel, in Woensel-Zuid e Woensel-Noord.

L'inizio del XX secolo vide affermarsi nell'industria il mercato delle automobili, dell'azienda produttrice di camion Van Doorne's Aanhangwagenfabriek (fabbrica di rimorchi) (DAF) che è stata successivamente ribattezzata Van Doorne's Automobiel Fabriek e il successivo spostamento verso l'elettronica e l'ingegneria, con il declino delle industrie tradizionali del tabacco e del tessile, infine scomparse negli anni '70.

La popolazione di Eindhoven (durante la seconda guerra mondiale) guarda le Forze alleate entrare in città dopo la sua liberazione dalle forze dell'Asse il 19 settembre 1944

Una prima incursione aerea nella seconda guerra mondiale avvenne per opera della RAF tramite dei Mosquito il 6 dicembre 1942 prendendo di mira la fabbrica della Philips in centro. Durante l'attacco, morirono 148 civili.[4][5] Le operazioni aeree su larga scala, tra cui il bombardamento della Luftwaffe il 19 settembre 1944 durante l'Operazione Market Garden, distrussero gran parte della città e uccisero 227 civili, lasciando 800 feriti in totale. La ricostruzione che seguì lasciò pochissimi resti storici e il periodo di ricostruzione del dopoguerra vide drastici piani di ristrutturazione in stile grattacielo, alcuni dei quali furono implementati. In quel momento storico, il rispetto per il patrimonio storico passò in secondo piano e, durante gli anni '60, fu costruito un nuovo municipio che andò a sostituire il suo predecessore neogotico (1867), demolito per far posto a un'arteria stradale progettata ma mai realizzata.[6]

Scorcio di architetture moderne in città (18 Septemberplein-Vestdijk-Stationsplein)

Gli anni '70, '80 e '90 videro lo sviluppo abitativo su larga scala nei distretti di Woensel-Zuid e Woensel-Noord, rendendo Eindhoven la quinta città più grande dei Paesi Bassi. All'inizio del XXI secolo, nel sito del vecchio aeroporto di Welschap, a ovest di Eindhoven, fu costruito un nuovo quartiere cittadino chiamato Meerhoven.[7] L'aeroporto stesso si era trasferito in precedenza in una nuova posizione, aprendo la strada alle nuove case urgentemente necessarie. Meerhoven rientra nel distretto di Strijp e si trova in parte su terreni annessi al comune di Veldhoven.[7]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le statistiche aggiornate al 30 aprile 2017 è la quinta città dei Paesi Bassi con 227.100 abitanti e si estende su un territorio pari a 88,28 km².

Clima[modifica | modifica wikitesto]

EINDHOVEN[8] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 4,65,48,512,717,220,321,421,418,614,18,45,25,112,821,013,713,2
T. min. mediaC) −0,5−0,41,64,17,910,712,312,110,07,03,10,80,04,511,76,75,7
Precipitazioni (mm) 734769476373706367706569189179206202776

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Sull'origine del nome "Eindhoven" sono state fatte molte supposizioni. Una di queste suggerisce che, sul luogo dove sorgeva la vecchia Eindhoven, si trovasse l'ultima (eind-) fattoria (-hoven) di una determinata rotta commerciale. Un'altra supposizione narra che vi fosse un antico forno, chiamato eenoven (un forno), il quale nome si sarebbe trasformato nel corso degli anni in Eindhoven.

Un altro filone suggerisce che il nome potrebbe derivare dalla contrazione dai termini dialettali eind (ovvero "ultimo" o "fine") e hove (o hoeve, una sezione di circa 14 ettari o paese). In ambito toponomastico, end ricorre comunemente come prefisso e postfisso nei nomi di strade e luoghi locali. Un "hove" comprendeva un appezzamento di terreno che un signore locale poteva cedere in usufrutto a privati ​​(come gli agricoltori). Dato che una serie di tali appezzamenti esisteva intorno a Woensel, il nome Eindhoven potrebbe aver avuto origine con il significato di "ultimi rifugi sulla terra di Woensel".

Un'altra spiegazione è che "End" derivi da "Gender", un fiume che attraversa la città.

Stemma cittadino[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma di Eindhoven è composto da due parti. In quella di sinistra viene raffigurato un leone rosso su campo argentato, mentre nella parte di destra vi sono tre corni argentati su sfondo rosso. Lo stemma unisce il leone del duca di Brabante e i corni del signore di Cranendonk. La prima attestazione di uno stemma è comparsa su un sigillo risalente al 1355. L'attuale stemma è stato fissato nel 1923.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

I centri culturali più importanti sono:

Vita notturna[modifica | modifica wikitesto]

La vita notturna di Eindhoven è sempre molto vivace. Ci sono numerosi caffè sulla Piazza Markt, ossia "piazza del mercato", come pure nelle altre vie centrali quali Stratumseind, Dommelstraat e Wilhelminaplein.

Al pari delle altre città del Brabante, Eindhoven festeggia un carnevale molto colorato e si trasforma così in Lampegat, in onore appunto della sua rinomata e sopracitata fabbrica di lampadine.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Durante la primavera e l'estate si svolgono i seguenti avvenimenti:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Particolare importanza ha il calcio. La maggiore squadra di calcio locale è il PSV, che gioca le sue partite casalinghe nel Philips Stadion. Nella sua storia il PSV ha vinto una Coppa dei Campioni, una Coppa UEFA e 24 campionati nazionali. Eindhoven ha anche un'altra squadra, l'FC Eindhoven, che milita in seconda serie.

Il nuoto e la pallanuoto sono ben rappresentati dal circolo anch'esso chiamato PSV.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia è incentrata principalmente sulle industrie Philips e DAF.

Tecnologia[modifica | modifica wikitesto]

Eindhoven è sicuramente il centro della tecnologia per quanto riguarda il sud dei Paesi Bassi. Un terzo del denaro destinato in questo stato alla ricerca e allo sviluppo, si concentra appunto ad Eindhoven. Gli studenti della Eindhoven University of Technology (Technische Universiteit Eindhoven), della Fontys Hogescholen e della Design Academy fanno sì che la popolazione sia in gran parte formata da giovani.

Un bell'esempio del patrimonio industriale di Eindhoven è la recentemente ristrutturata Witte Dame, costruzione che fu la fabbrica Philips. Attualmente ospita la biblioteca pubblica, la Design Academy e alcuni negozi. Davanti alla Witte Dame, si trova l'edificio che ospitava la vecchia fabbrica delle lampadine Philips che è adesso sede del museo della storia Philips. Il simbolo della città è comunque la struttura chiamata Evoluon, imponente edificio dalla forma avveniristica di navicella spaziale che è sede permanente di esposizioni sulla tecnica e lo sviluppo. Dalla fine degli anni ottanta, quest'edificio non ha più alcuna funzione pubblica. Una copia in scala ridotta è stata collocata nella città in miniatura Madurodam.

Inoltre Eindhoven ha ospitato la Robocup 2013, gara di massimo livello internazionale di robotica.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Eindhoven ha un suo aeroporto a 10 km dal centro, l'aeroporto di Eindhoven (secondo aeroporto olandese), e due stazioni ferroviarie:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Eindhoven, su visitholland.nl. URL consultato il 10 settembre 2021.
  2. ^ (EN) Eindhoven, su www-set.win.tue.nl, 29 aprile 2015. URL consultato il 10 settembre 2021.
  3. ^ (NL) Eindhoven – Groei van Eindhoven (inwoners), su eindhoven.nl, 30 aprile 2016. URL consultato l'11 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2017).
  4. ^ (EN) Royal Air Force Bomber Command 60th Anniversary, su raf.mod.uk. URL consultato l'11 settembre 2021.
  5. ^ (EN) Low level daylight attack on the Philips plant, Holland, su WWII Today, 6 dicembre 2012. URL consultato l'11 settembre 2021.
  6. ^ (EN) 20 Intriguing Things To Do In Eindhoven: Modern Architecture, Design And Nightlife, su inspiredbymaps.com. URL consultato l'11 settembre 2021.
  7. ^ a b (EN) Terry Boyd, 'Expathoven': Influx of expats makes Meerhoven Eindhoven’s most international neighborhood, su dispatcheseurope.com, 24 luglio 2018. URL consultato l'11 settembre 2021.
  8. ^ https://it.climate-data.org/location/896/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN155923341 · LCCN (ENn79023006 · GND (DE4013831-8 · WorldCat Identities (ENlccn-n79023006
Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Paesi Bassi