Baarle-Nassau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Baarle-Nassau
comune
Baarle-Nassau – Stemma Baarle-Nassau – Bandiera
Baarle-Nassau – Veduta
Veduta
Localizzazione
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
ProvinciaNorth Brabant-Flag.svg Brabante Settentrionale
Amministrazione
CapoluogoBaarle-Nassau
Territorio
Coordinate
del capoluogo
51°26′43″N 4°55′49.98″E / 51.445277°N 4.93055°E51.445277; 4.93055 (Baarle-Nassau)Coordinate: 51°26′43″N 4°55′49.98″E / 51.445277°N 4.93055°E51.445277; 4.93055 (Baarle-Nassau)
Altitudine28 m s.l.m.
Superficie76,30 km²
Abitanti6 701 (2010)
Densità87,82 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale5110, 5111, 5113, 5114
Prefisso(+31) 013
Fuso orarioUTC+1
Codice CBS0744
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Baarle-Nassau
Baarle-Nassau
Baarle-Nassau – Mappa
Sito istituzionale

Baarle-Nassau ascolta[?·info] è una municipalità dei Paesi Bassi di 6.701 abitanti situata nella provincia del Brabante Settentrionale.

Nel suo interno si trova l'exclave belga di Baarle-Hertog, che a sua volta circonda 7 contro-enclavi olandesi.

Dopo il trattato tra India e Bangladesh del 2015 che ha fatto sparire l'80% delle enclavi di secondo grado al mondo (e l'unica di terzo, Dahala Khagrabari) il comune possiede 7 delle uniche 8 enclavi di secondo grado al mondo (l'ottava è l'emiratina Nahwa).

La frontiera tra Belgio e Paesi Bassi a Baarle-Hertog

L'exclave belga[modifica | modifica wikitesto]

Il confine
In una parte del confine tra il Belgio e i Paesi Bassi di Baarle-Nassau sorge un caffè.

All'interno della cittadina i confini con l'exclave belga Baarle-Hertog sono tracciati lungo le strade ed i marciapiedi con due differenti tipi di linee.

Una serie di croci bianche, con le indicazioni B e NL (rispettivamente B = Belgio, NL = Paesi Bassi), delimitano le due nazioni sopra i marciapiedi o nelle piazze.

I confini tracciati per le strade appaiono semplicemente come delle linee grigie. A differenza dei confini sui marciapiedi svolgono, senz'altro, un ruolo più amministrativo che turistico.

L'exclave di Baarle-Hertog costituisce il caso più complicato di exclave situata in territorio europeo. Al comune belga di Baarle-Hertog appartengono difatti ben 22 exclave in territorio olandese all'interno del comune di Baarle-Nassau, e alcune di queste exclave contengono ulteriori sette exclave, questa volta olandesi.

Il confine è così articolato che alcune case sono divise tra due stati. In passato, quando la legge olandese prevedeva per i ristoranti un orario di chiusura anteriore a quello belga, alcuni esercizi posti sul confine risolsero il problema semplicemente facendo cambiare tavolo ai clienti.[1]

La storia dell'exclave di Baarle-Hertog risale al Trattato di Maastricht del 1843, che stabilì il Confine tra il Belgio e i Paesi Bassi. In particolare, il confine tra i cippi 214 e 215 non poté essere stabilito per una lunghezza di 50 km, cosicché i due stati giunsero a un accordo per attribuirsi la sovranità su 5.732 parcelle di terreno. Ne risultò un arcipelago di exclavi (circostanza non del tutto infrequente nei confini di allora) per una superficie di 8 km².

Il 20 giugno 1959, la Corte internazionale di giustizia, investita della controversia, stabilì la sovranità del Belgio sul gruppo di enclavi, risolvendo così un contenzioso fra i due Paesi confinanti.

Il 26 aprile 1974 il Belgio e i Paesi Bassi firmarono un trattato a Turnhout nella provincia di Anversa nelle Fiandre in Belgio per rendere ufficiali i confini così delineati tra i cippi 214 e 215. Successivamente venne però scoperto un lotto di terreno a sud della frazione di Ulicoten che non era stato assegnato a nessuno dei due stati, e che nel 1995 fu attribuito al Belgio come ventiduesima exclave di Baarle-Hertog.

Con la pandemia di COVID-19 si è giunti alla situazione paradossale di semi-lockdown dato che Baarle Hertog è in lockdown, mentre Baarle Nassau no. Alcuni negozi hanno pertanto deciso di propria iniziativa di chiudere comunque.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Selena, Il curioso confine di Baarle-Hertog, su sconfinato.it, 21 maggio 2019. URL consultato il 4 maggio 2020.
  2. ^ Coronavirus, mondo diviso su lockdown, su ansa.it, 18 aprile 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  3. ^ Redazione, Coronavirus, Baarle-Nassau/Hertog la cittadina olandese-belga con lockdown a metà, in 31 mag, 22 marzo 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN243558815 · GND (DE4280264-7 · WorldCat Identities (ENviaf-243558815
Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Paesi Bassi