Fuso orario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa dei fusi orari aggiornata a settembre 2016

I fusi orari sono "spicchi" della superficie terrestre (ogni spicchio è formato da un meridiano), che hanno la stessa ora convenzionale, usate per scopi legali, economici e sociali. Precedentemente alla loro adozione nelle varie zone della Terra si usava l'ora solare locale (media o vera), che produceva un orario più o meno differente da luogo a luogo.

I fusi orari, unificando una fascia o una zona di un fuso orario, consentono di impostare gli orologi di una regione, o stato, sull'ora solare media del meridiano centrale del fuso in cui la zona ricade.

La maggior parte dei fusi si discostano dal Tempo Coordinato Universale (UTC) per un numero di ore intero (da UTC-12 a UTC+12), ma alcuni hanno uno scostamento di 30 o 45 minuti (come ad esempio il fuso orario di Terranova è UTC-3:30 e quello del Nepal UTC+5:45). Alcune delle nazioni del nord usano l'ora legale per parte dell'anno, solitamente cambiando l'orario di un'ora. Molti fusi orari terreni sono distorti verso ovest dei corrispondenti fusi orari nautici. Questo crea anche un effetto di ora legale permanente.

Caratteristiche e aggiustamenti[modifica | modifica wikitesto]

Considerando la Terra come sferica, e considerando che la rotazione terrestre si compie in 24 ore, dividendo i 360° della rotazione per 24 si può immaginare la superficie sferica divisa in 24 "spicchi" di 15° l'uno, che vengono quindi percorsi in un'ora ciascuno. A questi spicchi si dà il nome di fusi orari, e si assume per convenzione che in tutto il fuso ci sia l'ora del meridiano centrale a esso, quello che taglia il fuso esattamente a metà.

I fusi orari sono perciò centrati sui meridiani con longitudine multipla di 15°; i confini delle zone di fuso orario risultano però irregolari, in quanto seguono solitamente i confini degli stati.

Tutti i fusi orari sono definiti relativamente al Tempo Coordinato Universale (UTC). Il punto di riferimento per i fusi orari è il meridiano primo (longitudine 000) che passa attraverso l'Osservatorio reale di Greenwich, a Londra, Inghilterra. Per questo motivo il termine Tempo medio di Greenwich (GMT) viene ancora spesso utilizzato (dalla BBC ad esempio) per denotare l'"orario base" al quale tutti i fusi orari sono relativi. UTC è, ciò non di meno, il termine ufficiale per l'odierno orario misurato con gli orologi atomici, distinto da quello determinato dall'osservazione astronomica che veniva svolta a Greenwich.

Incidentalmente GMT (UTC) è l'ora locale di Greenwich solo tra le 01:00 UTC dell'ultima domenica di ottobre e le 01:00 UTC dell'ultima domenica di marzo. Per il resto dell'anno l'ora locale è UTC+1 (a causa dell'ora estiva).

L'ora di un luogo è data relativamente all'UTC. Ad esempio:

  • Roma: UTC+1 (ovvero se sono le 12:00 UTC, allora sono le 13:00 a Roma)
  • Los Angeles, California, USA: UTC-8 (ovvero se sono le 12:00 UTC, allora sono le 04:00 a Los Angeles)
  • Mumbai, India: UTC+5,30 (ovvero se sono le 13:00 UTC, allora sono le 18:30 a Mumbai)
  • Tokyo, Giappone: UTC+9 (ovvero se sono le 11:00 UTC, allora sono le 20:00 a Tokyo)
  • Pechino, Cina: UTC+8 (ovvero se sono le 12:00 UTC, allora sono le 20:00 a Pechino)

Quando l'aggiustamento dovuto ai fusi orari dà un'ora che oltrepassa la mezzanotte, allora la data locale è spostata al giorno dopo. Alcuni esempi:

  • Il Cairo, Egitto: UTC+2 (ovvero se sono le 23:00 UTC di lunedì 15 marzo, allora l'ora del Cairo è la 01:00 di martedì 16 marzo)
  • Auckland, Nuova Zelanda: UTC+12 (ovvero se sono le 21:00 UTC di mercoledì 30 giugno, allora l'ora di Auckland è le 09:00 di giovedì 1º luglio)

Quando l'aggiustamento dovuto ai fusi orari dà un'ora che precede la mezzanotte, allora la data locale è spostata al giorno prima. Alcuni esempi:

  • Buenos Aires, Argentina: UTC-3 (ovvero se sono le 02:00 UTC di sabato 23 luglio, allora l'ora di Buenos Aires sono le 23:00 di venerdì 22 luglio)
  • Honolulu, Hawaii, USA: UTC-10 (ovvero se sono le 06:00 UTC di lunedì 1º maggio, allora l'ora di Honolulu è le 20:00 di domenica 30 aprile)

Nota: L'aggiustamento del fuso orario per una specifica locazione può variare a causa dell'uso dell'ora legale.

  • ad esempio, la Nuova Zelanda che è normalmente a UTC+12, osserva un aggiustamento di un'ora, dovuto all'ora legale durante l'estate dell'emisfero australe, che risulta in un'ora locale di UTC+13.

I militari indicano i fusi orari usando delle designazioni a una singola lettera. La "Z" viene usata per indicare l'UTC, i fusi orari in avanti rispetto all'UTC usano le lettere della prima metà dell'alfabeto latino, mentre quelli indietro rispetto all'UTC sono designati usando la seconda metà. Fusi orari con una deviazione dall'UTC di una quantità non intera usano la lettera dell'ora locale intera più vicina all'UTC, con aggiunto * o †. La lettera "J" si riferisce all'ora locale. Non esistono giurisdizioni che osservino il fuso orario designato dalla lettera "Y" (UTC-12), ma quel particolare fuso orario viene comunque riconosciuto per comodità.

Orario ai poli[modifica | modifica wikitesto]

Per le regioni polari viene adottata convenzionalmente un'ora corrispondente a UTC per il Polo Nord e UTC+12 al Polo Sud

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Tempo siderale.

Fino a metà Ottocento il tempo era misurato nelle diverse località secondo un'ora locale legata al mezzogiorno e, di conseguenza, alla diversa longitudine. In considerazione della bassa velocità di spostamento e della durata dei viaggi, queste differenze di orario erano trascurate. La crescente diffusione di telegrafi e treni rese però necessaria l'introduzione di un coordinamento delle diverse ore locali. Inizialmente venne introdotta una ora ferroviaria per gli orari dei treni, cioè l'ora della città principale da cui si diramava la linea. Le prime ore ferroviarie furono quelle di Napoli (Napoli-Portici) e Milano (Milano-Monza), mentre nel 1866 ne esistevano sei, cioè Torino, Verona, Firenze, Roma, Napoli e Palermo.[1]

Un primo passo fu quello di stabilire un "tempo medio" all'interno delle singole nazioni. Nel Regno d'Italia dal 12 dicembre 1866 (inizio orario invernale) venne adottato il "tempo medio di Roma" per ferrovie, poste e telegrafi, con l'eccezione delle isole di Sicilia e di Sardegna per le quali fu stabilito rispettivamente il tempo medio di Palermo e il tempo medio di Cagliari.[2] Progressivamente il tempo medio di Roma venne adottato dalle singole città di propria iniziativa per tutti gli usi pubblici: Milano dal 12 dicembre 1866 (appena entrato in vigore), Torino e Bologna dal 1º gennaio 1867, Venezia solo dal 1º maggio 1880. Il tempo medio di Roma fu adottato anche in Sardegna (a Sassari dal 1872 e a Cagliari dal 1886), mentre in Sicilia fu mantenuto il tempo medio di Palermo fino all'introduzione del fuso orario dell'Europa Centrale.[1]

L'esistenza di un tempo medio nazionale rese evidente la necessità di un ulteriore coordinamento tra le nazioni stabilendo differenze di orario non in minuti, ma in ore intere.

Situazione dei fusi orari e degli orari ferroviari nel 1896

Una prima descrizione dei fusi orari si deve a una pubblicazione in inglese di Quirico Filopanti nel 1858.[3][4] La loro introduzione è normalmente attribuita a Sandford Fleming, ingegnere capo delle ferrovie canadesi, che nel 1879 utilizzò tale sistema per rispondere alle necessità delle compagnie ferroviarie di avere un orario locale coerente tra le varie stazioni.[5] Il 18 novembre 1883 le ferrovie degli Stati Uniti e del Canada divennero le prime a istituire i fusi orari quando stabilirono quattro fusi orari continentali del Nord America.

Il sistema dei fusi orari fu discusso nel corso della Conferenza Internazionale dei Meridiani convocata a Washington D.C. nell'ottobre del 1884 a cui parteciparono 25 paesi tra cui l'Italia. La Conferenza stabilì le regole generali del sistema che fu ufficialmente assunto come standard internazionale a partire dal 1º novembre.

In Italia dal 1º novembre 1893 venne adottato il fuso orario corrispondente a 15° Est da Greenwich,[6] centrato sul meridiano TermoliEtna.

Si riporta una tabella pubblicata nel 1892[7] per confrontare il tempo medio locale sia con il tempo medio di Roma sia con il tempo relativo al nuovo fuso orario. Le località sono ordinate da quelle più a ovest (segno negativo, con ritardo rispetto ai meridiani di riferimento) a quelle più a est (segno positivo, in anticipo).

Luogo Differenza dal tempo
medio di Roma dell'Europa Centrale
Monte Tabor (punto più occ. del Regno) -23m 32s -33m 36s
Torino -19m 09s -29m 13s
Cagliari -13m 25s -23m 59s
Milano -13m 09s -23m 13s
Bologna -4m 54s -14m 58s
Firenze -4m 31s -14m 35s
Venezia -0m 30s -10m 34s
Roma -10m 04s
Palermo +3m 49s -6m 15s
Napoli +7m 05s -2m 59s
Catania +11m 01s +0m 57s
Messina +12m 22s +2m 18s
Bari +17m 32s +7m 28s
Capo d'Otranto +24m 08s +14m 04s

Lista dei fusi orari e delle zone in essi contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Carta dell'illuminazione solare (calcolata per le 13:00 UTC del 2 aprile 2005)

Le regioni segnate con * osservano l'ora legale aggiungendo 1 ora in estate. Si noti che l'orario di alcune regioni differisce di più di 24 ore. I due fusi orari più estremi differiscono di 25 ore quindi, per un'ora al giorno, le date differiscono per due giorni.

UTC-12[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: Y

UTC-11 (BEST – Bering Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: X

UTC-10 (HST – Hawaii-Aleutian Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: W

UTC-9:30[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: V*

UTC-9 (AKST – Alaska Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: V

UTC-8 (PST – Pacific Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: U

UTC-7 (MST – Mountain Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: T

UTC-6 (CST – Central Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: S

UTC-5 (EST – Eastern Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: R

UTC-4 (AST – Atlantic Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: Q

UTC-3:30 (NST – Newfoundland Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: P*

UTC-3[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: P

UTC-2[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: O

UTC-1[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: N

UTC+0 (WET – West European Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: Z

UTC+1 (CET – Central European Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: A

UTC+2 (EET – East European Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: B

UTC+3 (MSK – Moscow Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: C

UTC+3:30[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: C*

UTC+4[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: D

UTC+4:30[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: D*

UTC+5[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: E

UTC+5:30 (IST – Indian Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: E*

UTC+5:45[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: E†

UTC+6[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: F

UTC+6:30[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: F*

UTC+7[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: G

UTC+8 (AWST – Australian Western Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: H

Si noti che l'intera Cina ha lo stesso orario, il che rende questo fuso orario eccezionalmente ampio. All'estremità occidentale della Cina il sole raggiunge lo zenit alle 15:00, all'estremità orientale alle 11:00.

UTC+8:30 (NKST – North Korean Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: H*

UTC+8:45[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: H‡

UTC+9[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: I

UTC+9:30 (ACST – Australian Central Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: I*

UTC+10 (AEST – Australian Eastern Standard Time)[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: K
Gli Stati Uniti hanno designato ufficialmente questo fuso orario come Chamorro Standard Time.

UTC+10:30[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: K*

UTC+11[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: L

UTC+12[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: M

UTC+12:45[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: M*

UTC+13[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: M†

UTC+13:45, UTC+14[modifica | modifica wikitesto]

Designazione militare: M‡

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giuseppe Rocca, L'ora universale, in La rassegna nazionale, 1893, pp. 38-76.
  2. ^ Decreto n. 3224 del 22 settembre 1866.
  3. ^ Quirico Filopanti, Miranda, 1858, pp. 387-388.
  4. ^ Miranda! I fusi orari, badigit.comune.bologna.it. URL consultato il 24 luglio 2016.
  5. ^ Sandford Fleming, Time Reckoning and Prime Meridian, 1879.
  6. ^ Regio decreto n. 490 del 10 agosto 1893.
  7. ^ Atti del primo convegno congresso geografico italiano, vol. II, parte I, 1892, p. 68.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4190659-7