Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Pakistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pakistan
Pakistan – Bandiera Pakistan - Stemma
(dettagli) (dettagli)
(UR) Ittehad, Iman, Tanzeem
(IT) Unità, Fede, Disciplina
Pakistan - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica Islamica del Pakistan
Nome ufficiale (UR) اسلامی جمہوریۂ پاکستان
Islami Jamhuriat Pakistan
(EN) Islamic Republic of Pakistan
Lingue ufficiali urdu, inglese
Capitale Islamabad  (1.875.000 ab. / 2009)
Politica
Forma di governo Repubblica islamica parlamentare federale
Presidente Mamnoon Hussain
Primo ministro Nawaz Sharif
Indipendenza Dall'India
14 agosto 1947
Ingresso nell'ONU 30 settembre 1947;
Superficie
Totale 803.940 km² (35º)
 % delle acque 3,1%
Popolazione
Totale 199.085.847[1] ab. (2015) ()
Densità 260.8 ab./km²
Geografia
Continente Asia
Confini Iran, Afghanistan, India e Cina
Fuso orario UTC +4
Economia
Valuta Rupia pakistana
PIL (nominale) 439 558 milioni di $ (2008) (27º)
PIL pro capite (nominale) 2 624 $ (2008) (134º)
ISU (2007) 0,571 (medio) (141º)
Fecondità 3,26
Varie
Codici ISO 3166 PK, PAK, 586
TLD .pk
Prefisso tel. +92
Sigla autom. PK
Inno nazionale Pak sarzamin shad bad
Festa nazionale  
Pakistan - Mappa
Evoluzione storica
Stato precedente Pakistan Dominion del Pakistan
 

Coordinate: 29°N 69°E / 29°N 69°E29; 69

Il Pakistan, ufficialmente Repubblica islamica del Pakistan, è uno stato dell'Asia meridionale. È il sesto stato più popoloso, con una popolazione superiore ai 199 milioni di persone. In termini di superficie, è il 36º paese più grande al mondo con i suoi 881.913 km2. A sud, il Pakistan ha una costa che si estende per 1.046 chilometri sul Mar Arabico e sul Golfo di Oman, a est confina con l'India a ovest con l'Afghanistan mentre con l'Iran e la Cina rispettivamente a sud-ovest e all'estremo nord-est. A nord è separato dal Tagikistan dal corridoio del Vacan dell'Afghanistan, mentre condivide anche un confine marittimo con l'Oman.

Il territorio che oggi costituisce il Pakistan è considerato la culla della civiltà[2][3][4][5][6] e in precedenza fu sede di diverse culture antiche, tra cui quella Mehrgarh del neolitico e la civiltà della valle dell'Indo dell'età del Bronzo. In seguito vi succedettero regni governati da persone di fedi e culture diverse, tra cui indù, indo-greci, musulmani, turco-mongoli, afgani e sikh. Vi dominarono numerosi imperi e dinastie, tra cui l'Impero Maurya indiano, l'impero achemenide persiano, Alessandro di Macedonia, il califfato omayyade arabo, il sultanato di Delhi, l'Impero Mongolo, l'Impero Mughal, l'Impero Durrani, l'Impero Sikh e l'Impero britannico.

Il Pakistan è unico tra i paesi musulmani in quanto è l'unico paese a essere stato creato in nome dell'Islam.[7] Grazie al Movimento del Pakistan guidato da Muhammad Ali Jinnah e alla lotta del subcontinente indiano per l'indipendenza, il Pakistan nacque nel 1947 come una nazione indipendente per i musulmani che vivevano nelle regioni a est e a ovest del subcontinente dove la maggiornanza della popolazione era di quella fede. Inizialmente un dominion, il Pakistan ha adottato una nuova costituzione nel 1956, diventando una repubblica islamica. Una guerra civile nel 1971 ha portato alla secessione del Pakistan orientale facendo nascere il nuovo paese del Bangladesh.

Il Pakistan è una repubblica parlamentare federale composto da quattro province e quattro territori federali. Si tratta di un paese etnicamente e linguisticamente diversificato, con una variazione simile nella sua geografia e alla sua fauna selvatica.[8][9] Il Pakistan possiede la settima forza armata del mondo per grandezza ed è anche una potenza nucleare, così come uno stato con armi nucleari, l'unica nazione nel mondo musulmano e la secondo in Asia meridionale, ad avere un tale status. Il paese ha un'economia semi-industrializzato con un settore agricolo ben integrato, la sua economia è la 26° al mondo in termini di potere d'acquisto e la 45° in termini di PIL ed è considerata una delle economie in maggior crescita del mondo.[10][11]

La storia del Pakistan del dopo indipendenza è stata caratterizzata da periodi di governo militare, dall'instabilità politica e da conflitti con la vicina India. Il paese continua ad affrontare problemi complessi, tra cui la sovrappopolazione, il terrorismo, la povertà, l'analfabetismo e la corruzione. Nonostante questi fattori, esso vanta doti strategiche e potenziale di sviluppo. Negli anni ha goduto di notevoli progressi nella riduzione della povertà arrivando al secondo più basso tasso di povertà organico dell'Asia del Sud. La sua borsa valori è stata tra le più performanti dell'Asia.[12] Il Pakistan è membro delle Nazioni Unite, del Commonwealth delle Nazioni, dei Prossimi undici, dell'Organizzazione di Shanghai per la cooperazione, dell'ECO, dell'UfC, del protocollo di Kyoto, dell'ICCPR, dell'RCD, dell'UNCHR, della Banca Asiatica d'Investimento per le Infrastrutture del G20 per i paesi in via di sviluppo, dell'ECOSOC; è membro fondatore dell'Organizzazione della cooperazione islamica e del SAARC.[13]

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome Pakistan è controversa, in urdu e in persiano pak significa puro di spirito, per cui aggiungendo il suffisso -stan (terra), il significato sarebbe "terra dei puri". La prima apparizione del nome, nella forma Pak(i)stan risale al 28 gennaio 1933 nell'opuscolo "Now or Never. Are we to live or perish forever?" di Choudhary Rahmat Ali (noto anche come Rehmat Ali Khan), uno dei principali sostenitori dell'indipendenza dello Stato islamico. Nelle intenzioni dell'autore il nome nasce dalla contrazione dei nomi delle regioni nell'area che lui individuava come patria dei musulmani del nord dell'India e cioè Punjab, Afghania (l'attuale Khyber Pakhtunkhwa), Kashmir, Indus, Sindh e Belucistan.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Pakistan.

Origine e medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Regno indo-greco, Civiltà della valle dell'Indo, Civiltà vedica e Moghul.
Statua del Buddha del Regno di Gandhāra.

Alcune tra le prime civiltà che si svilupparono in Asia meridionale ebbero origine nelle aree comprese nell'odierno Pakistan.[14] I primi abitanti conosciuti della regione apparvero durante il paleolitico inferiore, i cui strumenti in pietra sono stati trovati nella valle di Soan del Punjab.[15] La regione ove scorre il fiume Indo, per la maggior parte in territorio pakistano, fu dimora di diverse culture antiche tra cui la Mehrgarh del neolitico[16] e la civiltà della valle dell'Indo dell'età del bronzo (2800-1800 a.C.) presso Harappa e Mohenjo-Daro.[17][18]

Il civiltà vedica (1500-500 a.C.), caratterizzata dalla cultura indo-ariana, pose le basi dell'Induismo.[19][20] Multan fu un importante centro di pellegrinaggio indù.[21] Il civiltà vedica fiorì nella città antica di Gandhāra di Takṣaśilā, ora Taxila nel Punjab.[16] Successivamente, diversi imperi e regni si succedettero nella regione: l'impero persiano achemenide intorno 519 a.C., l'impero di Alessandro Magno nel 326 a.C.[22] e l'impero Maurya fondato da Chandragupta Maurya e continuato da Ashoka il Grande fino al 185 a.C.[16] Il Regno indo-greco, fondato da Demetrio I di Battria (180-165 a.C.) includeva Gandhara e il Punjab e raggiunse la sua massima estensione sotto Menandro (165-150 a.C.), facendo prosperare la cultura greco-buddista nella regione.[16][23] A Taxila fu fondata una delle prime università e centro di istruzione superiore di tutto il mondo.[24][25][26][27]

Durante il periodo medievale (642-1219 d.C.) nella regione si diffuse la religione dell'Islam, grazie all'opera fondamentale dei missionari sufi nella conversione della popolazione locale buddista e indù.[28]

Nel 711, il generale arabo Muhammad bin Qasim conquistò la valle dell'Indo da Sindh a Multan, nel sud del Punjab.[29][30][31][32][33] La cronologia ufficiale del governo del Pakistan identifica questo come il punto in cui furono poste le "fondamenta" del Pakistan.[29][34][35] Questa conquista fu propedeutica all'instaurarsi dei successivi imperi musulmani nella regione, tra cui l'impero Ghaznavide (975-1187 dC), l'impero Ghuridi e il Sultanato di Delhi (1206-1526 d.C.). La dinastia Lodi, l'ultimo del Sultanato di Delhi, venne sostituita dall'impero Mughal (1526-1857 d.C.). I Mughul introdussero la letteratura persiana stabilendo le radici della cultura indo-persiana nella regione.[36] Nei primi anni del XVI secolo, la regione rimase sotto il dominio dell'Impero Mughal governato da imperatori musulmani.[37] All'inizio del XVIII secolo, la crescente influenza europea, lentamente portò alla disgregazione dell'impero mentre i confini tra il dominio commerciale e politico furono sempre più sfocati.[37]

Quadro di Edwin Lord Weeks raffigurante un ristorante a cielo aperto nei pressi di Wazir Khan Moschea, Lahore.

Durante questo periodo, la Compagnia britannica delle Indie orientali, stabilì alcuni avamposti sulla costa.[37] Il controllo dei mari, le maggiori risorse, la tecnologia poù avanzata e la forza militare dell'Impero britannico portarono, dal 1765, la Compagnia delle Indie orientali a ottenere il controllo sul subcontinente.[38] Successivamente, con l'ampliamento di là dal Bengala e il conseguente aumento della forza e delle dimensioni del suo esercito consentì alla Compagnia di annettere o sottomettere la maggior parte della regione, entro il secolo successivo.[37] A questo punto, il potere economico e politico della regione fu fortemente limitato dal Parlamento britannico fino a includere ulteriori sfere della vita come l'istruzione, l'organizzazione sociale e culturale.[37] Tali riforme compresero l'applicazione dell'English Education Act 1835 e l'introduzione del Servizio civile indiano.[39] Le tradizionali madrase, primari istituti di istruzione superiore per i musulmani, non vennero sostenuti dall'impero anglo-indiano, e quasi tutte le madrase persero la loro dotazione finanziaria.[40]

Periodo coloniale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Impero anglo-indiano.
Sir Syed Ahmad Khan (1817-1898) la cui visione ha costituito la base del Pakistan
Muhammad Ali Jinnah (1876-1948) servì come del Pakistan primo governatore generale e il leader del Movimento Pakistan.

Il graduale declino dell'Impero Moghul, avvenuto durante i primi anni del XVIII secolo, permise la crescita dell'influenza dell'Impero Sikh nel controllo di aree sempre più grandi, fino a quando la Compagnia delle Indie Orientali estense il suo dominio sul subcontinente indiano.[41] La tensione dovuta al dominio britannico sfociò nei moti indiani del 1857, sedati con un ampio spargimento di sangue.[42] Le divergenze nel rapporto tra Induismo e l'Islam creò una importante spaccatura nell'India britannica; istigando così una violenza religiosa a sfondo razziale nella regione.[43] La controversia sulla lingua peggiorò ulteriormente le tensioni tra indù e musulmani.[44] Il rinascimento del bengala favorì il risveglio dell'intellettualismo tradizionale indù, anche grazie all'atteggiamento più assertivo riguardo alla sfera sociale e politica dell'India britannica.[45][46] Sir Syed Ahmad Khan guidò un movimento atto a contrastare la rinascita induista e contribuì a fondare, nel 1909, la Lega Musulmana Panindiana.[41] A differenza delle attività anti-britanniche perpetrate dal Congresso Nazionale Indiano, la Lega musulmana fu di impronta filo-britannica e il programma politico ereditò i valori britannici che avrebbero plasmato la società civile del futuro del Pakistan.[47][48] Durante la prima guerra mondiale, i servizi segreti britannici sventarono una cospirazione indo-tedesca.[49] Tra il 1920 e il 1930, la lotta per l'indipendenza, in gran parte non violenta e guidata dal Congresso indiano, vide l'intervento di milioni di manifestanti in campagne di massa di disobbedienza civile contro la Impero britannico.[50][51][52]

A partire dal 1930, la Lega Musulmana lentamente crebbe di popolarità per via dei timori di una sottorappresentazione dei musulmani in politica. Nel suo discorso presidenziale del 29 dicembre 1930, Muhammad Iqbal chiese "la fusione del Nord-Ovest a maggioranza musulmana negli stati indiani", comprensivi del Punjab, delle provincie di frontiera del Nord-Ovest, del Sindh e del Belucistan.[53] Muhammad Ali Jinnah, il fondatore di Pakistan, perorò la teoria delle due nazioni e portò la Lega musulmana ad adottare la risoluzione di Lahore del 1940, popolarmente conosciuta come la "risoluzione del Pakistan".[41]

A seguito del fallimento di una missione diplomatica, tra il 1946 e il 1947, la Gran Bretagna annunciò l'intenzione di porre fine al suo dominio sull'India.[54] Nel giugno 1947, i nazionalisti indiani, tra cui Jawaharlal Nehru e Abul Kalam Azad del Congresso, Jinnah della Lega musulmana e Tara Singh in rappresentanza della popolazione Sikh, accettarono le condizioni proposte per il trasferimento del potere e per l'indipendenza.[52] A seguito del partizionamento concordato, il moderno stato del Pakistan venne istituito il 14 agosto 1947 (27° del Ramadan nel 1366 del calendario islamico), amalgamando le regioni orientali e nord-occidentali a maggioranza musulmana dell'India britannica.[55] La divisione del Punjab e del Bengala portò a una serie di violenti scontri sia nell'India sia nel Pakistan; milioni di musulmani si trasferirono nel Pakistan e milioni di indù e sikh emigrarono in India.[56] La controversia sul Kashmir e su Jammu sfociò nella guerra Indo-Pakistana del 1948.[57][58]

Indipendenza e Pakistan moderno[modifica | modifica wikitesto]

Dal 14 agosto[59] 1947 fino al 1971, la nazione fu costituita dal Pakistan occidentale e dal Pakistan orientale, essenzialmente bengalino, i cui territori erano però separati dal Bengala indiano. Nel 1971 il Pakistan orientale si ribellò e, con l'aiuto di truppe indiane, divenne lo stato indipendente del Bangladesh, anche se l'India non concesse mai al suo Stato del Bengala di riunificarsi col Bangladesh.
Dall'indipendenza, il Pakistan è anche sempre stato in disputa con l'India sul territorio del Kashmir, portato "in dote" dal suo sovrano hindu all'Unione Indiana, al momento della divisione del sub-continente, malgrado la netta prevalenza musulmana della popolazione che teoricamente avrebbe dovuto comportare l'adesione al Pakistan della regione.

Nel frattempo (1956) venne proclamata la repubblica facendo decadere i Windsor nella persona di Elisabetta II.

Firma della Dichiarazione di Tashkent che mise fine alle ostilità con l'India nel 1965, da parte di Ayyub Khan, Bhutto (al centro) e Aziz Ahmed (a sinistra).

Subito dopo l'indipendenza, India e Pakistan entrarono in guerra tra di loro, a seguito dell'invasione di Jammu e Kashmir da «elementi tribali» pakistani. Ulteriori guerre furono combattute nel 1965 e nel 1971 su quel territorio. Nonostante le numerose battaglie, lo status del Kashmir rimane in un limbo: tale disputa ha complicato le relazioni tra Pakistan e India. Il Pakistan ha anche avuto una disputa - relativamente dormiente da quando la guerra fredda terminò con il ritiro delle truppe sovietiche - con l'Afghanistan, sulla Linea Durand.

La storia politica pakistana è divisa in periodi alternati di dittatura militare e governo democratico parlamentare. Lo status di dominion terminò nel 1956 con la formazione di una Costituzione e la dichiarazione del Pakistan come una repubblica islamica; i militari presero però il controllo nel 1958 e tennero il potere per più di 10 anni. Il governo civile ritornò a essere eletto dopo la Guerra indo-pakistana del 1971, ma alla fine degli anni settanta, con l'esecuzione di Zulfiqar Ali Bhutto, che fu dichiarato colpevole d'avere assassinato un oppositore politico, in una decisione presa dalla Corte Suprema pakistana che è estremamente generoso definire "controversa".

Negli anni ottanta, il Pakistan ricevette sostanziosi aiuti dagli USA, e assorbì milioni di rifugiati afghani, soprattutto Pashtun, che fuggivano a causa dell'intervento sovietico. L'influsso di così tanti rifugiati ha avuto un grande impatto sul Pakistan. La dittatura del generale Muhammad Zia-ul-Haq vide un'espansione della legge islamica, oltre a un afflusso di armi e droghe dall'Afghanistan. Nel 1988 il generale morì in un incidente aereo e il Pakistan ritornò ad avere un governo democraticamente eletto, con l'elezione di Benazir Bhutto.

Dal 1988 al 1998 il Pakistan ebbe un governo civile, guidato alternativamente da Benazir Bhutto e Nawaz Sharif, che furono entrambi eletti due volte e deposti con la consueta accusa di corruzione. La crescita economica declinò verso la fine di questo periodo, tarpata da politiche economiche errate associate a corruzione politica e clientelismo. Altri fattori limitanti sono stati la crisi finanziaria asiatica e le sanzioni economiche imposte al Pakistan dopo i suoi primi test nucleari nel 1998. Questi test avvennero poco dopo che anche l'India aveva testato armi nucleari, accrescendo le paure di una corsa agli armamenti nucleari nell'Asia meridionale. L'anno successivo, il conflitto del Kargil in Kashmir minacciò di sfociare in una guerra su vasta scala.

Nell'elezione del 1997 che portò nuovamente Nawaz Sharif a essere Primo ministro, il suo partito ricevette un'ampia maggioranza dei voti, ottenendo abbastanza seggi nel parlamento per modificare la costituzione, per eliminare i controlli formali che limitavano il potere del Primo ministro. Le sfide istituzionali portate all'autorità di Sharif dal capo della Corte Suprema Sajjad Ali Shah e dal capo militare Jehangir Karamat furono rintuzzate, nel primo caso con un'invasione della Corte Suprema da parte di attivisti del partito.

Il crescente autoritarismo e le voci di corruzione del governo di Sharif portarono a una vasta sollevazione popolare, culminata nel 1999 nel colpo di Stato militare del generale Pervez Musharraf, che ha assunto il titolo di capo dell'esecutivo e ha nominato un Consiglio nazionale di sicurezza composto da otto membri come organo di governo. Musharraf ha in seguito accentrato nelle sue mani anche la presidenza del paese, prorogando il mandato fino al 2007 con un referendum svoltosi nell'aprile 2002.

Il presidente Bush incontra il presidente Musharraf a Islamabad durante la sua visita in Pakistan del 2006.

Nel 2004 Musharraf ha cominciato una serie di passi per far ritornare la nazione a una certa qual formale democrazia, essendosi impegnato a dimettersi da capo delle forze armate per la fine del 2004. Nonostante il suo impegno formale, il 14 ottobre 2004 il Parlamento pakistano ha approvato una legge che ha consentito a Musharraf di mantenere entrambe le cariche, «per continuare la lotta al terrorismo e salvaguardare l'integrità territoriale del Pakistan». Musharraf si è infine dimesso da capo delle forze armate solo dopo che la Corte Suprema ha convalidato la sua rielezione a Presidente della Repubblica del 7 ottobre 2007.

Mentre le sue riforme economiche hanno portato alcuni benefici, il programma di riforme sociali sembra avere incontrato una certa resistenza. Il potere di Musharraf è minacciato dai fondamentalisti islamici, che si sono rafforzati dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001 e sono particolarmente irritati dalla stretta alleanza politica e militare di Musharraf con gli Stati Uniti. Per ironia della sorte tale alleanza si è creata proprio in seguito all'attacco alle Torri Gemelle, quando gli statunitensi cercarono un appoggio contro l'Afghanistan.

Nel 2005 un terremoto di magnitudo 7,6 scosse la regione del Kashmir causando più di 30.000 vittime, di cui gran parte bambini.

Negli ultimi mesi del 2007 il Pakistan è stato teatro di aspre rivolte dovute alla situazione politica instabile. Il 27 dicembre 2007 il capo del partito dell'opposizione Benazir Bhutto è stata uccisa in un attentato dopo una manifestazione nella città di Rawalpindi.

Il 18 agosto 2008, in seguito all'accusa di aver violato la costituzione e alla conseguente apertura di una procedura di impeachment, Musharraf ha annunciato le sue dimissioni pur dichiarando la sua innocenza. In seguito alle sue dimissioni le funzioni di Presidente della Repubblica sono state assunte dal Presidente del Senato Mohammedian Soomro, conformemente alla Costituzione pakistana. Il 6 settembre 2008 Asif Ali Zardari, già marito di Benazir Bhutto, è stato eletto nuovo Presidente.

Nel 2013, Musharraf torna in Pakistan ma viene arrestato; si svolgono le elezioni, nonostante le violenze ai talebani; prevale Nawaz Sharif che diventa Primo ministro per la terza volta

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Pakistan si trova nell'Asia meridionale, si estende tra i 24° e i 37° di latitudine nord e i 61° e i 77° di longitudine est occupando una superficie di 796.095 km²[60], questo dato non comprende i territori settentrionali dell'Azad Kashmir e del Gilgit-Baltistan amministrati dal Pakistan ma contesi con l'India e quindi non conteggiati nei dati ufficiali.

Da nord a sud lo Stato si estende per 1.500 km, a est confina con l'India per 2.912 km; a ovest, l'Iran ha 909 km di confine con il Pakistan. A nord ovest si trova l'Afghanistan, il cui confine comune misura 2.430 km. Infine a nord est ci sono 523 km di confine con la Cina. A sud si affaccia sul Mare Arabico per uno sviluppo costiero di 1.046 km.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Il K2, seconda cima più alta della Terra, si trova in Pakistan

Le aree settentrionali e occidentali del Pakistan sono montuose. La parte del Kashmir amministrata dal Pakistan comprende alcune delle montagne più alte del mondo, tra cui la seconda in altezza, il K2. Vi si concentra anche la più alta percentuale di foreste, pascoli, biodiversità, piante medicinali e aree protette della nazione. Il territorio viene utilizzato come terreno arabile, da pascolo o per la silvicoltura, in base sia al clima sia all'altitudine, all'aspetto fisico-geografico, all'umidità del terreno e alle condizioni socio-economiche. Oltre il 90% della regione è composta da montagne a forte pendenza con uno strato molto sottile e fragile di suolo. Generalmente, l'instabilità di questi territori li rende poco coltivabili e piuttosto aridi.

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio, a eccezione per i fiumi Dashte e Hingol, comprende gran parte del bacino dell'Indo,cosa molto importante se si considera che l'economia del Pakistan, paese assai arido, è essenzialmente condizionata dalla disponibilità di acqua che questo fiume e i suoi tributari possono fornire. Superato il settore trans-himalayano del suo corso, volge verso sud e nella depressione di Peshāwar è raggiunto dal Kabul, che raccoglie le acque dell'Hindukush afghano; quindi, dopo un lungo tratto pressoché parallelo alla catena dei Sulaimān, riceve gli apporti dei fiumi del Punjab. Questa regione, che si può considerare come un unico grande conoide di deiezione ai piedi dell'Himalaya, è una delle parti più ricche e popolose del Pakistan. I “cinque fiumi” che lo attraversano (punch significa appunto cinque) drenano il versante esterno himalayano, da cui fuoriescono dopo corsi tortuosi in valli profonde, trasportando spesso, con furia devastatrice, ingenti quantitativi di detriti. I maggiori fiumi del Punjab sono il Chenāb, il Rāvi e il Sutlej, il principale. L'Indo dopo la confluenza con il Sutlej non riceve più consistenti tributi. Il suo regime dipende dalle piogge monsoniche e dallo scioglimento delle nevi e dei ghiacci. Così come quelle del Gange, le piene dell'Indo conoscono violenze incalcolabili, anche per le loro enormi masse alluvionali; per contro l'effetto benefico di queste colossali piene è evidente: esse permettono l'irrigazione delle colture estive e, dove è possibile, lo sbarramento delle acque, anche di quelle invernali.

Mappa del Pakistan secondo la classificazione climatica di Köppen.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il Pakistan ha un clima tendenzialmente arido, con alcune caratteristiche simili a quelle mediterranee, ben distinto perciò dal clima tropicale monsonico prevalente in India. Sul territorio gli influssi monsonici dell'Oceano Indiano giungono assai attenuati e si fanno sentire soprattutto sui versanti himalayani, mentre il Pakistan è aperto ai venti caldi e asciutti provenienti da sud-ovest.

D'estate le precipitazioni sono molto scarse, almeno su gran parte del Paese. Più rilevanti, invece, le precipitazioni invernali, determinate dal regime di basse pressioni che si forma ai margini delle alte pressioni continentali, così come nel Mediterraneo. Le precipitazioni annue complessive variano da zona a zona: in tutta la sezione centrale e meridionale del Paese non superano i 400 mm; si elevano un po' nel Punjab e più considerevolmente sui primi rilievi. In media però raramente superano i 500 mm annui e in alcune zone non raggiungono neppure i 200 mm. Dal punto di vista termico si può parlare per il Pakistan di un clima di tipo continentale, specie nella pianura dell'Indo, dove le temperature sono elevate, con sensibili differenze tra gennaio e luglio.

Nelle zone montuose si hanno le stesse escursioni stagionali, però con valori nettamente più bassi. Diverse sono le condizioni nella fascia costiera: per l'azione mitigatrice dell'oceano, sono più elevate le temperature dei mesi freddi con medie di 22-23 ºC e assai più basse quelle dei mesi estivi (28 ºC).

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Crescita demografica dal 1961 al 2003

L'Ufficio del censimento degli Stati Uniti d'America stima che la popolazione del Pakistan sia stata, nel 2015, di 199.085.847[61] corrispondente al 2,57% della popolazione mondiale[62] che lo fa il sesto paese più popolato del mondo. Il suo tasso di crescita è ritenuto esser di circa il 2,03%, che è il più elevato tra i membri dell'associazione sud-asiatica per la cooperazione regionale, e ciò gli conferisce un incremento annuo di 3,6 milioni di individui. Ne consegue che la popolazione dovrebbe raggiungere 210.130.000 individui entro il 2020 e raddoppiare entro il 2045.

La popolazione Kalash mantengono una identità e religione unica tra i pakistani.

Al momento della divisione del 1947, il Pakistan aveva una popolazione di 32,5 milioni,[63][64] ma la popolazione aumentò di circa il 57,2% tra il 1990 e il 2009.[65] Nel 2030, si prevede che esso superi l'Indonesia come il più grande paese a maggioranza musulmana nel mondo.[66][67][68] Il Pakistan è classificato come una "giovane nazione", con un'età media di circa 22 anni e 104 milioni di persone con un'età inferiore ai 30, secondo stime del 2010. Il tasso di fertilità del Pakistan è 3,07, superiore alla sua vicina India (2,57). Circa il 35% degli individui ha meno di 15 anni di età.[63]

La grande maggioranza che risiede nel Pakistan meridionale vive lungo il fiume Indo e Karachi è la città commerciale più popolosa.[69] Nella zona orientale, occidentale e settentrionale del Pakistan, la maggior parte della popolazione vive in un arco formato dalle città di Lahore, Faisalabad, Rawalpindi, Sargodha, Islamabad, Gujranwala, Sialkot, Gujrat, Jhelum, Sheikhupura, Nowshera, Mardan e Peshawar.[70] Tra il 1990 e il 2008, gli abitanti cittadini componevano il 36% della popolazione del paese, il che rende la nazione la più urbanizzata del Sud dell'Asia, e questo dato è ulteriormente aumentato al 38% nel 2013.[70][63][71] Inoltre, il 50% dei pakistani vive in città di 5.000 persone o più.[72]

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

Popolazioni indigene Pashtun.

Il gruppo etnico più numeroso è il punjabi seguito da quello dei sindhi; altre minoranze, di stirpe iranica, sono i pashtun (che hanno nell'Afghanistan la loro patria originale) e i balochi (presenti sia in Afghanistan che nell'Iran sud-orientale). Infine vi sono i muhajir (lett.: "emigrati"), propriamente non un gruppo etnico in quanto con questo termine si designano i profughi musulmani giunti dall'India dopo la spartizione. Ci sono anche apprezzabili minoranze di altri gruppi etnici immigrati come i bengali, concentrati a Karachi. In Pakistan, anche se è uno Stato musulmano, vi sono anche delle minoranze di religione cristiana, buddista e animista. Questo è dimostrato anche dalla bandiera: la fascia bianca rappresenta la parte delle minoranze non mussulmane.

Salute[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013, la spesa per l'assistenza sanitaria è stat pari a circa al 2,8% del PIL. Sempre nello stesso anno, la speranza di vita alla nascita era di 67 anni per le donne e 65 anni per i maschi.[71] L'80% delle visite ambulatoriali mediche vengono svolte nel settore privato. Circa il 19% della popolazione e il 30% dei bambini sotto i cinque anni soffrono di malnutrizione.[73] Nel 2012, la mortalità dei bambini sotto i cinque era di 86 per 1.000 nati vivi.[71]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Religioni in Pakistan e Religioni in India.
Religioni in Pakistan[74][75][76][77]
Religione Percentuale
Islam
  
96,4%
Altro
  
3,6%

Il Pakistan è il secondo Paese con la maggioranza musulmana più popolosa,[78] ed in particolare la seconda più grande popolazione sciita del mondo, dopo l'Iran.[79][80][81][41][80][82] Circa il 97,0% dei pakistani sono musulmani e appartengono a diverse scuole chiamate Madhahib (singolare: Madhhab) cioè "Scuole di Giurisprudenza" (anche 'Maktab-e-Fikr' (Scuole di Pensiero) in Urdu). Circa il 75% di essi sono sunniti ed è presente una corposa minoranza di circa il 25% di sciiti.[83] La maggioranza dei musulmani sunniti segue la scuola hanafita e una minoranza quella hanbalita nelle correnti definite wahhabita o degli Ahle Hadith. La scuola hanafita ha poi le correnti barelvita e deobandita. Sebbene la maggioranza degli sciiti pakistani sia duodecimana, è presente una discreta minoranza ismailita, composta da Nizari e Mustaali. Gli Ahmadiyya, sono un'ulteriore gruppo religioso di minoranza pakistano, tuttavia pochi ne fanno parte e sono ufficialmente considerati non-musulmani in virtù del secondo emendamento della costituzione pakistana.[84] Inoltre, vi sono anche diverse comunità di coranisti.[85][86] Dopo gli attentati dell'11 settembre 2001 avvenuti negli Stati Uniti, la violenza settaria tra i gruppi musulmani è aumentato con uccisioni sistematiche tra sunniti e sciiti.[87][88] Nel 2013, vi sono state proteste in tutto il paese da parte sia degli sciiti che dei sunniti che chiedevano la fine delle violenze settarie, il rafforzamento della legge e dell'ordine e sollecitando l'unità tra i due rami dell'Islam.[89] Gli ahmadi sono particolarmente perseguitati, soprattutto a partire dal 1974, quando gli è stato proibito di considerarsi musulmani e a partire dal 1984 i loro luoghi di culto non possono più essere chiamate "moschee".[90] Al 2012, il 12% dei musulmani pakistani si considera come musulmano non confessionale.[91]

In una certa misura, l'Islam è stato contaminato da influenze pre-islamici, che ha portato ad una conseguente religione in cui vi sono tradizioni diverse da qeuelle comune del mondo arabo.[92] Due Sufi, i cui santuari ricevono una grande attenzione nazionale, sono Abu l-Hasan 'Ali al-Hujviri a Lahore (circa XII secolo)[93] e Shahbaz Qalander a Sehwan, Sindh (anch'esso circa XII secolo).[94] Il sufismo, una tradizione mistica islamica, vanta una lunga storia e un grande seguito popolare in Pakistan. La cultura popolare sufi è centrata su incontri notturni di giovedì nei santuari e feste annuali caratterizzati dalla musica sufi e dalla danza. I fondamentalisti islamici contemporanei criticano il suo carattere popolare, che a loro avviso, non riflette con precisione gli insegnamenti e le pratiche del Profeta e dei suoi compagni.[95][96]

Dopo l'Islam, l'induismo e il cristianesimo sono le più grandi religioni in Pakistan, con 2.800.000 (1,6%) aderenti per ciascuna, secondo un'indagine del 2005.[41] Nel 1998, a seguito di un censimento, sono stati individuati anche fedeli Bahá'í, con un seguito di 30.000 persone, e seguaci del Sikhismo, Buddhismo, Zoroastrismo e animisti (soprattutto i Kalash di Chitral), con circa 20.000 aderenti ciascuna,[97] e una piccola comunità di giananisti. Vi è una comunità cattolica romana a Karachi che è stato introdotto dai Goa e dai Tamil immigrati quando le infrastrutture di Karachi vennero sviluppate dagli inglesi durante l'amministrazione coloniale tra la prima e la seconda guerra mondiale. Solo circa l'1% della popolazione si dichiara ateo nel 2005.[98] Tuttavia, questo valore sembra essersi raddoppiato nel 2012.[98]

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingue principali parlate in Pakistan[99]
Punjabi
  
48%
Sindhi
  
12%
Dialetto Saraiki
  
10%
Pashto
  
8%
Urdu
  
8%
Balochi
  
3%
Altre
  
11%

Più di sessanta lingue vengono parlate in Pakistan, tra cui un certo numero di lingue provinciali. L'urdu è la lingua franca, un simbolo di identità musulmana e di unità nazionale, ed è parlata da oltre il 75% dei pakistani ed è la principale forma di comunicazione linguistica a livello nazionale, tuttavia rappresenta solamente l'8% della lingua principale della popolazione.[100][101][102] L'urdu e l'inglese sono le lingue ufficiali del paese, ma l'inglese viene utilizzato principalmente negli atti governativi, negli affari, oltre che dall'élite urbana;[70] il dialetto locale è conosciuto come il "pakistano inglese". Oltre a queste due lingue, quasi tutti i pakistani ne parlano una d'un gruppo di lingue indoeuropee mutuamente correlate, tra le quali la più comune è il punjabi, seguito dal sindhi; diffuse sono anche alcune lingue appartenentei al ceppo iranico come il pashto e il balochi.

La lingua punjabi è la più comune in Pakistan ed è lingua madre del 66% della popolazione, per lo più abitanti o autoctoni del Punjab.[103] Tra di essi il il 48% parlano il punjabi originale[102], mentre gli altri utilizzano dialetti regionali come il Saraiki e l'hindko. Il dialetto Saraiki viene parlato principalmente nel sud del Punjab da circa il 10% della popolazione complessiva del Pakistan, mentre il dialetto hindko viene parlato in Khyber Pakhtunkhwa dove la lingua pashtu è la lingua locale ma viene ben compreso anche in Sindh e Belucistan.[104] La lingua Sindhi è parlata comunemente presso Sindh mentre la lingua balochi è predominanate nel Belucistan.[104][41][105]

Ordinamento dello stato[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Province e territori del Pakistan e Distretti del Pakistan.
Province e territori del Pakistan

Il Pakistan è una federazione che comprende 4 province, 2 territori, e amministra anche parte del Kashmir. Le province sono ulteriormente suddivise in un totale di 107 distretti.

Suddivisione amministrativa Capitale Popolazione
1. Belucistan Quetta 7.914.000
2. Khyber Pakhtunkhwa Peshawar 28.000.000
3. Punjab Lahore 101.000.000
4. Sindh Karachi 42.400.000
5. Territorio della capitale Islamabad Islamabad 1.151.868
6. Aree Tribali di Amministrazione Federale 3.176.331
7. Azad Kashmir Muzaffarabad 4.567.982
8. Gilgit–Baltistan Gilgit 1.800.000

L'Azad Kashmir ha il suo governo democratico, dove i cittadini eleggono un proprio presidente e primo ministro per la gestione degli affari locali.

Città principali[modifica | modifica wikitesto]

Città principali del Pakistan
stima del 2010[106]
Pos. Città Provincia Popolazione Pos. Città Provincia Popolazione
1 Karachi Sindh 24 000 000 11 Sargodha Punjab 600 501
2 Lahore Punjab 11 007 835 12 Bahawalpur Punjab 543 929
3 Faisalabad Punjab 7 480 765 13 Sialkot Punjab 510 863
4 Rawalpindi Punjab 1 991 656 14 Sukkur Sindh 493 438
5 Multan Punjab 1 606 481 15 Larkana Sindh 456 544
6 Hyderabad Sindh 1 578 367 16 Sheikhupura Punjab 426 980
7 Gujranwala Punjab 1 569 090 17 Jhang Punjab 372 645
8 Peshawar Khyber Pakhtunkhwa 1 439 205 18 Rahim Yar Khan Punjab 353 112
9 Quetta Balochistan 896 090 19 Mardan Khyber Pakhtunkhwa 352 135
10 Islamabad Territorio della capitale 689 249 20 Gujrat Punjab 336 726

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo del parlamento.

Il Pakistan è una repubblica parlamentare federale democratica che assume l'Islam come religione di Stato.[107] La prima costituzione è stata adottata nel 1956, ma poi sospesa da Ayyub Khan nel 1958, che l'ha sostituita un'altra emanata nel 1962.[52] Una costituzione completa ed esauriente è stato poi adottata nel 1973 e sospesa anch'essa da Zia-ul-Haq quattro anni più tardi, per essere ripristinata nel 1985, ed è il documento più importante del paese, che pone le basi dell'attuale governo.[70] L'establishment militare pakistano ha svolto un ruolo influente nella storia politica del paese.[52] Vi sono stati dei colpi di stato militari che hanno provocato l'imposizione della legge marziale e comandanti militari che hanno governato come presidenti de-facto dal 1958 al 1971, dal 1977 al 1988 e dal 1999 al 2008.[108] Al 2016, il Pakistan possiede un sistema parlamentare multipartitico con una chiara divisione dei poteri e delle responsabilità tra i rami del governo. La politica in Pakistan è centrata dalla filosofia sociale, consistente nelle idee del socialismo, del conservatorismo e della terza via. I tre partiti protagonisti delle elezioni parlamentari in Pakistan del 2013 sono stati: la Lega Musulmana del Pakistan (N) (centro-destra conservatrice), il socialista Partito Popolare Pakistano di centro-sinistra); il centrista Movimento per la Giustizia del Pakistan guidato da Imran Khan.

  • Capo dello Stato: il Presidente viene eletto da un collegio elettorale ed è il capo cerimoniale dello stato oltre ad essere comandante in capo civile delle Forze Armate del Pakistan; tuttavia le nomine militari e le scelte strategiche vengono fatte dal primo ministro dopo aver esaminato i rapporti sul loro merito. Quasi tutti gli ufficiali nominati richiedono la conferma esecutiva del primo ministro, che deve comunque consultare il presidente, per legge. Il potere di concedere clemenza e grazia sono prerogativa del presidente del Pakistan.
  • Potere legislativo: è costituito da un sistema bicamerale composto da un senato (camera alta) con 100 membri ed una Assemblea Nazionale (camera bassa) con 342 membri. I membri dell'Assemblea Nazionale vengono eletti attraverso uno scrutinio uninominale maggioritario a suffragio universale. Secondo la costituzione, i 70 posti sono riservati alle donne e alle minoranze religiose vengono assegnati ai partiti politici in base alla loro rappresentanza proporzionale. I membri del Senato sono eletti di legislatori provinciali e tutte le province hanno pari rappresentanza.
  • Potere esecutivo: Il Primo ministro è solitamente il leader della maggioranza di partito o di una coalizione nella Assemblaggio Nazionale della camera bassa. Il Presidente del Consiglio opera come capo del governo ed è delegato ad amministrare il paese. È responsabile della nomina di un gabinetto composto dA ministri e consiglieri, nonché l'esecuzione delle operazioni del governo, prendendo e autorizzando le decisioni esecutive, regola l'agenda del governo e le raccomandazioni che richiedono la conferma esecutiva del primo ministro.
Corte suprema del Pakistan
  • Governi provinciali: Ognuna delle quattro provincie possuede un sistema di governo simile a quello nazionale, con una Assemblea Provinciale eletta direttamente, in cui viene nominato il leader del più grande partito o coalizione. In Pakistan è frequente avere avere diversi partiti di governo o coalizioni in ogni provincia. Le assemblee provinciali hanno il potere di emanare leggi e approvare il bilancio provinciale che è comunemente presentato dal ministro delle finanze provinciale ad ogni anno fiscale. I governatori provinciali che svolgono il ruolo come capo cerimoniale della provincia sono nominati dal Presidente.
  • Potere giudiziario: La magistratura del Pakistan è un sistema gerarchico con due classi di tribunali: la magistratura superiore e la magistratura subordinata (o inferiore). Il Presidente della Corte Suprema del Pakistan è il giudice supremo che sovrintende il sistema giudiziario a tutti i livelli di comando. La magistratura superiore è composta dalla Corte suprema del Pakistan, dalla Corte federale Shariat e da cinque Alte Corti, con la Corte Suprema al vertice. La Costituzione del Pakistan affida alla magistratura superiore l'obbligo di preservare, proteggere e difendere la Costituzione. Né la Corte Suprema, né una Alta Corte possono esercitare la giurisdizione in relazione alle aree tribali, salvo diversamente previsto. Le regioni contese del Kashmir e del Gilgit-Baltistan hanno sistemi giudiziari separati.

Politica interna[modifica | modifica wikitesto]

Ufficialmente una repubblica federale, e democratica a intermittenza, il Pakistan ha avuto una lunga storia di dittature militari, comprendente il generale Ayyub Khan negli anni sessanta, il generale Zia-ul-Haq negli anni ottanta, e il generale Pervez Musharraf dal 1999. Si sono tenute delle elezioni generali nell'ottobre 2002. Il 22 maggio 2004, il Gruppo di Azione Ministeriale del Commonwealth ha riammesso all'interno del Commonwealth il Pakistan, riconoscendo formalmente i suoi progressi nel tornare alla democrazia.

Partiti politici[modifica | modifica wikitesto]

I due principali partiti in Pakistan sono il Partito Popolare Pakistano (Pakistan People's Party (PPP)) dell'ex premier Benazir Bhutto e la Lega Musulmana Pakistana (Q) (Pakistan Muslim League (Q) (PML-Q) ), del presidente Pervez Musharraf. Tra gli altri partiti politicamente significativi si annoverano la Pakistan Muslim League (N) (PML-N), dell'ex premier Nawaz Sharif, il Movimento Muttahida Qaumi (Muttahida Qaumi Movement) (MQM) degli ex-immigrati dall'India nel 1947 e il Partito nazionale Awami (Awami National Party) dei pashtu. Il Muttahida Majlis-e-Amal (United Council of Action), una coalizione di partiti confessionali formata in opposizione al governo e alla sua scelta di appoggiare gli Stati Uniti nella guerra al terrorismo.

Storia politica recente[modifica | modifica wikitesto]

Pervez Musharraf.

Nell'ottobre 1999 il generale Pervez Musharraf rovesciò il governo civile dopo avere affermato che il Primo ministro Nawaz Sharif aveva dirottato il volo commerciale sul quale Musharraf stava viaggiando, tentando d'impedire il suo atterraggio a Karachi. Musharraf assunse il potere esecutivo. Furono tenute delle elezioni locali nel 2000; Musharraf si autoproclamò presidente nel 2001.

Un referendum nazionale tenutosi nell'aprile 2002 approvò la nomina di Musharraf come presidente, ma il voto fu macchiato da accuse di brogli, e l'opposizione ha vivacemente contestato la legittimità della presidenza di Musharraf fino alla sua vittoria nel Collegio Elettorale Pakistano del gennaio 2004.

Nel 2002 si sono tenute delle elezioni parlamentari nazionali, con Zafarullah Khan Jamali della Lega Musulmana Pakistana (LMP) che conquistò la carica di Primo ministro. Dopo oltre un anno di battaglie politiche nelle due camere, Musharraf siglò un compromesso con alcuni dei suoi oppositori parlamentari, ottenendo la maggioranza dei due terzi necessaria per modificare la costituzione Pakistana nel dicembre 2003; il suo colpo di Stato del 1999 fu retroattivamente legalizzato, e gli venne data la possibilità di rimanere presidente se alcune condizioni fossero state soddisfatte. Un Collegio Elettorale - che consisteva dell'Assemblea Nazionale, del Senato e delle assemblee provinciali - concesse a Musharraf un voto di fiducia[109] il 1º gennaio 2004, legittimando pertanto la sua presidenza fino al 2007.

Il primo ministro Jamali si è dimesso il 26 giugno 2004. Il leader della LMP Chaudhry Shujaat Hussain divenne premier ad interim, e gli succedette il ministro delle finanze e ex-vicepresidente di Citibank Shaukat Aziz, che divenne Primo ministro il 28 agosto 2004. Nonostante il suo impegno formale a dimettersi dalla carica di capo delle forze armate, il 14 ottobre 2004 il Parlamento pakistano ha approvato una legge che consente al presidente Musharraf di mantenere entrambe le cariche, «per continuare la lotta al terrorismo e salvaguardare l'integrità territoriale del Pakistan».

Il 27 dicembre 2007 il capo del partito dell'opposizione Benazir Bhutto è stata uccisa in un attentato dopo una manifestazione nella città di Rawalpindi. L'attentatore l'ha prima colpita al collo, poi al petto e infine si è fatto esplodere provocando la morte di venti persone, oltre l'ex premier pakistano. Il 18 agosto Musharraf si è dimesso in seguito all'iniziativa della maggioranza parlamentare di metterlo in stato d'accusa per violazione della Costituzione. In seguito alle dimissioni di Musharraf, le funzioni di Presidente della Repubblica sono state assunte dal Presidente del Senato Mohammedmian Soomro. Il 6 settembre 2008 è stato eletto nuovo Presidente della Repubblica del Pakistan Asif Ali Zardari, vedovo di Benazir Bhutto.

Politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Ayyub Khan con il presidente statunitense John F. Kennedy nel 1961.

Essendo la seconda nazione del mondo musulmano per popolazione (dopo l'Indonesia) e l'unica con armi nucleari, il Pakistan vanta un ruolo importante nella comunità internazionale.[110][111] Con un'economia semi-agricola e semi-industrializzata, la sua politica estera determina il suo coinvolgimento internazionale, sia per le sue aziende che per i singoli cittadini.[112][113] Le sue intenzioni geostrategiche sono state spiegate da Jinnah in un messaggio trasmesso nel 1947: "il fondamento della nostra politica estera è l'amicizia con tutti i popoli di tutto il mondo".[114]

Da allora, il Pakistan ha cercato di bilanciare le sue relazioni con le nazioni straniere.[115][116][117] Nonostante non sia firmatario del trattato di non proliferazione nucleare, il Pakistan è un membro influente della agenzia internazionale per l'energia atomica.[118] Nel corso degli ultimi avvenimenti, il Pakistan ha bloccato un trattato internazionale per limitare il materiale fissile, sostenendo che il "trattato sarebbe stato destinato specificatamente al Pakistan".[119] Nel XX secolo, il programma di deterrenza nucleare pakistano è stato focalizzato sulla lotta alle ambizioni nucleari dell'India nella regione e i test nucleari indiani hanno portato il Pakistan a cercare di mantenere l'equilibrio geopolitico assumendo il ruolo di potenza nucleare.[120] Attualmente, il Pakistan mantiene una politica di deterrenza minima, chiamandla "programma di deterrenza nucleare di vitale importanza contro l'aggressione straniera".[121][122]

Il presidente iraniano Hassan Rouhani in una conversazione con il primo ministro Nawaz Sharif, gennaio 2016.

Situato nel corridoio strategico e geopolitico delle principali linee di rifornimento di petrolio marittimo del mondo, della fibra di comunicazione ottica, il Pakistan vanta anche la vicinanza alle risorse naturali dei paesi dell'Asia centrale.[123] Il Pakistan è un membro influente e fondatore dell'Organizzazione della cooperazione islamica (OIC) ed è un importante alleato, non appartenenete alla NATO, degli Stati Uniti nella guerra al terrorismo.[124] La politica estera del Pakistan e geostrategia si concentra principalmente sull'economia e sulla sicurezza contro le minacce alla sua identità nazionale e all'integrità territoriale e sulla promozione di strette relazioni con altri paesi musulmani.[125][126]

Il Pakistan è un membro attivo delle Nazioni Unite e ha un rappresentante permanente a rappresentarne la politica a livello internazionale.[127] Il paese ha fatto pressioni per il concetto di "moderazione illuminata" nel mondo musulmano.[128][129] Il Pakistan è anche un membro del Commonwealth delle Nazioni,[130] dell'Associazione sud-asiatica per la cooperazione regionale (SAARC), dell'Organizzazione di cooperazione economica (ECO)[131][132] e del G20 dei paesi in via di sviluppo.[133] Il paese non possiede relazioni diplomatiche con Israele,[134] tuttavia alcuni cittadini israeliani hanno potuto visitare il paese ottenendo un visto turistico[135] sulla base di una cooperazione reciproca, che ha visto la Turchia come canale di comunicazione.[136] Nonostante il Pakistan sia l'unico paese al mondo a non aver stabilito una relazione diplomatica con l'Armenia, la comunità armena risiede tutt'ora nel paese.[137]

Il primo ministro pakistano Huseyn Shaheed Suhrawardy con il premier cinese Zhou Enlai, firmano il Trattato di amicizia tra Cina e Pakistan.[138]

Il mantenimento delle relazioni culturali, politiche, sociali ed economiche con il mondo arabo musulmano è un fattore vitale per la politica estera del Pakistan;[139] è stato il primo paese ad aver stabilito relazioni diplomatiche con la Cina e questo rapporto continua ad essere importante, sin dalla guerra sino-indiana del 1962.[140] Dagli anni 1960 agli anni 1980, il Pakistan ha contribuito notevolmente a dar si che la Cina raggiungesse i principali paesi del mondo e favorì la visita di stato del presidente statunitense Nixon nel paese.[140] Nonostante il cambio di governo in Pakistan, le variazioni delle situazioni regionali e globali, la politica cinese in Pakistan continua a essere il fattore dominante in tutti i tempi.[160] In cambio, la Cina è il principale partner commerciale del Pakistan e questa cooperazione economica ha raggiunto alti risultati, concretizzandosi con notevoli investimenti cinesi nell'estensione delle infrastrutture pakistane, tra cui la realizzazione del porto di Gwadar. Le relazioni amichevoli sino-pachistane hanno toccato nuove vette quando entrambi i paesi hanno firmato 51 accordi e protocolli d'intesa (MoU) nel 2015 per la cooperazione in diversi settori.[141] [142][143][144] Entrambi i paesi hanno firmato l'accordo di libero scambio negli anni 2000 e il Pakistan continua a servire come ponte di comunicazione della Cina verso il mondo musulmano.[145]

A causa delle difficoltà nei rapporti con il suo rivale geopolitico, l'India, Pakistan mantiene strette relazioni politiche con la Turchia e l'Iran.[146] Anche l'Arabia Saudita mantiene una posizione di rispetto nella politica estera del Pakistan.[146] Il conflitto del Kashmir rimane il principale punto di frattura con i vicini indiani.[147] A causa delle differenze ideologie, il Pakistan si schierò contro l'Unione Sovietica nel 1950 e durante la guerra sovietico-afghana del 1980 il Pakistan è stato uno dei più stretti alleati degli Stati Uniti.[126][148] a partire dal 1999, le relazioni con la Russia sono andate ntotevolmente a migliorare e la cooperazione in vari settori è decisamente aumentata.[149] I rapporti tra Pakistan e Stati Uniti sono stati, nel corso degli anni, altalenanti: stretti alleati durante la guerra fredda le relazioni si incrinarono nel 1990, quando gli Stati Uniti imposero al paese sanzioni per via dello sviluppo nucleare segreto.[150] In seguito agli eventi dell'11 settembre, il Pakistan tornò ad essere uno stretto alleato degli Stati Uniti nella guerra al terrorismo nelle regioni del Medio Oriente e in Asia meridionale, ricevendo dagli statunitensi sostegno in denaro e armi.[151][152]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Vista di Karachi, capitale finanziaria e maggiore città del Pakistan.

Il Pakistan è il sesto paese più popoloso nel mondo, con una serie di sfide sui fronti politico ed economico. Storicamente, il confronto con la vicina India è risultato in una percezione negativa del Pakistan, soprattutto nei paesi occidentali, il che ha portato a una scarsità d'investimenti stranieri diretti nella nazione. Occorre però tenere conto che lo stato economico del Pakistan è migliorato negli ultimi anni, in parallelo a un grande miglioramento nella sua posizione nel mercato dei cambi: più precisamente, l'attivo della bilancia dei pagamenti e la rapida crescita delle sue riserve monetarie. Inoltre, il ridursi della tensione con l'India e il processo di pace in corso danno nuove speranze per la prosperità e stabilità dell'Asia meridionale.

L'economia pakistana, che si pensava essere altamente vulnerabile agli choc esterni e interni, si è dimostrata inaspettatamente forte durante una serie d'eventi potenzialmente distruttivi come la crisi finanziaria asiatica, la recessione globale, la carestia, l'azione militare in Afghanistan dopo l'11 settembre, e le tensioni con l'India. Nei due anni e mezzo seguenti agli attacchi dell'11 settembre, l'indice KSE-100 della borsa pakistana è stato quello con la maggiore performance mondiale. Ultimamente il settore manifatturiero pakistano ha avuto tassi di crescita in doppia cifra, con la manifattura su larga scala cresciuta del 18% nel 2003. Una riduzione del deficit fiscale ha portato a una minore richiesta statale di denaro nel mercato monetario domestico, minori tassi d'interesse e un'espansione nei prestiti a privati e aziende. L'economia pakistana è stata anche abbastanza stabile nel lungo periodo: l'ultimo anno di crescita negativa nel prodotto nazionale lordo è stato il 1951.

Il governo pakistano ha garantito negli ultimi anni numerosi incentivi alle compagnie tecnologiche che intendessero fare affari in Pakistan. Una combinazione di esenzioni fiscali per più di dieci anni, l'azzeramento dei dazi sulle importazioni di calcolatori, incentivi governativi per i venture capital e una varietà di programmi per finanziare l'educazione tecnica hanno dato un grande impeto alla nascente industria dell'Information Technology. Molte aziende tecnologiche pakistane forniscono software e servizi alle maggiori corporation mondiali.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

La moschea Badshahi fu voluta dai Moghul nel 1671. Essa fa parte del Patrimonio Mondiale dell'Umanità.

Grazie alle sue diverse culture, al suo popolo e ai paesaggi, nel 2012 il Pakistan ha attirato 1 milione di turisti.[153] Negli anni 1970 l'industria del turismo pakistano si trovava nel suo periodo di massimo splendore, quando il paese ricevette una quantità senza precedenti di turisti stranieri. Le principali destinazioni di questi turisti furono il passo Khyber, Peshawar, Karachi, Lahore, Swat e Rawalpindi.[154] Le principali attrazione del paese comprendono alcuni siti archeologici di importante valore e luoghi di interesse naturalistico sulle pendici dell'Himalaya. Il Pakistan vanta diverse montagne di altezza superiore ai 7000 m. La parte a nord del Pakistan è ricca di antiche fortificazioni, di esempi di architetture passate, mentre la valle di Hunza e Chitral è sede di piccole comunità pre-islamiche animiste Kalasha che affermano di discendere da Alessandro Magno. La capitale culturale del Pakistan, Lahore, contiene molti esempi di architettura di Mughal, come la moschea Imperiale, i giardini Shalimar, la tomba di Jahangir e forte Lahore. Prima della crisi economica globale, il Pakistan ospitava oltre 500.000 turisti ogni anno.

Nell'ottobre 2006, appena un anno dopo il terremoto del Kashmir del 2005, il The Guardian ha pubblicato "I primi cinque siti turistici in Pakistan", al fine di aiutare l'industria turistica del paese.[155] I cinque siti includevano Taxila, Lahore, la strada del Karakorum, Karimabad e il lago Saiful Muluk.[156][157]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il settore dei trasporti contribuisce a circa il 10,5% del PIL del paese.[158] Il Pakistan vanta infrastrutture autostradali migliori di quelle dell'India, del Bangladesh e dell'Indonesia, tuttavia il trasporto ferroviario è ancora inferiore a quello dell'India e della Cina e anche le infrastrutture aeronautiche necessiterebbero di miglioramento.[159] Il paese è praticamente privo di un sistema di trasporto sulle acque interne e la navigazione costiera soddisfa solo esigenze locali minori.[160]

Le autostrade costituiscono la spina dorsale del sistema di trasporto del Pakistan; con una lunghezza totale di 259.618 km spostano il 91% dei passeggeri e il 96% del traffico merci. I servizi di trasporto terrestre sono in gran parte nelle mani del settore privato, che gestisce circa il 95% del traffico merci. L'"Autorità Nazionale per le Autostrade" è responsabile per la manutenzione delle strade e delle autostrade nazionali. Il collegamento dai porti del sud alle provine popolose del Punjab e Khyber a nord è garantito dal sistema autostradale, anche se questa rete rappresenta solo il 4,2% della lunghezza totale percorribile, essa gestisce l'85% del traffico del paese.[161][162]

Le "Ferrovie Pakistane", controllate dal Ministero delle Ferrovie, gestisce il sistema ferroviario. Dal 1947 al 1970, il treno era il mezzo principale di trasporto, fintanto che vennero realizzate le strade nazionali e si andò incontro al boom economico del settore automobilistico. Dal 1990, ci fu un marcato spostamento del traffico dalla rotaia alla autostrada. Al 2015, il traffico ferroviario interno trasporta solo il 10% dei viaggiatori e il 4% delle merci, l'estensione della rete ferroviarai è diminuita dagli 8.775 km del 1990 ai 7.791 km del 2011.[161][163] Tuttavia, per il prossimo futuro, il Pakistan prevede di utilizzare il servizio ferroviario per incrementare il commercio estero con la Cina, l'Iran e la Turchia.[164][165]

Il paese è dotato, approssimative, di 139 aeroporti sia militari che civili, e sono per lo più di proprietà pubblica. Anche se l'Aeroporto Internazionale Jinnah è la principale porta di accesseo internazionale al Pakistan, gli aeroporti internazionali di Lahore, Islamabad, Peshawar, Quetta, Faisalabad, Sialkot e Multan gestiscono anch'essi una notevole quantità di traffico. Il settore dell'aviazione civile è in parte pubblico e in parte privato, grazie alla liberalizzato avvenuta nel 1993. Mentre la compagnia di bandiera Pakistan International Airlines (PIA) è il principale vettore aereo trasportando circa il 73% dei passeggeri domestici, le compagnie private come Airblue, Shaheen Air International e Air Indus, forniscono servizi simili con le caratteristica di compagnie low cost. I principali porti marittimi sono a Karachi e Sindh.[161][163] Dal 1990, alcune operazioni portuali sono state spostati Balochistan con la costruzione di nuove infrastrutture.[161][163] Secondo Mundi Index, la valutazione della qualità dei porti marittimi pakistani è aumentata dal 3,6 al 4 tra il 2006 e il 2009.

Energia e energia nucleare[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Energia nucleare in Pakistan.
La diga di Tarbela è stata realizzata nel 1968.

L'energia nucleare è fornita da tre impianti commerciali.[166] Il Pakistan è l'unico paese musulmano a edificare e gestire centrali nucleari civili. Il Pakistan Atomic Energy Commissione (PAEC), l'autorità scientifica e nucleare del governo, è l'unico responsabile per il funzionamento di queste centrali, mentre il Pakistan Nuclear Regulatory Authority regola l'utilizzo sicuro di questa tecnologia.[167] L'elettricità generata da centrali nucleari commerciali costituisce circa il 5,8% dell'energia elettrica prodotta nel paese, che si somma al 62% fornita da combustibili fossili (in particolare petrolio), al 29,9% da energia idroelettrica e dal 0,3% del carbone.[168][169][170] Il Pakistan è uno dei quattro stati con armi nucleari (insieme con a India, Israele e Corea del Nord), che non è firmatario del trattato di non proliferazione nucleare, ma ha aderito all'Agenzia internazionale per l'energia atomica.[171][172][173]

Per l'utilizzo commerciale dell'energia nucleare, la Cina ha fornito un cospicuo sostegno fin dall'inizio, fornendo il reattore della Centrale nucleare di Chasnupp. Il reattore Karachi-I, di tipo CANDU, è stato consegnato nel 1971 dal Canada, prima centrale nucleare commerciale del paese. Negli anni successivi, Repubblica popolare cinese ha venduto ulteriori reattori nucleari per aiutare lo sviluppo industriale del paese. Nel 2005, entrambi i paesi hanno raggiunto un accordo congiunto sulla sicurezza energetica, che richiede un enorme aumento della capacità di generazione di più di 160.000 MWe entro il 2030.[174]

Parco eolico di Jhampir

Un ulteriore accordo con la Cina è il progetto firmato nell'ottobre 2008 e si suppone che sia la risposta all'accordo Stati Uniti-India che lo procede di poco. Nel 2013, il secondo complesso commerciale nucleare a Karachi è stato ampliato con reattori supplementari.[175]

L'energia elettrica è generata da varie società di energia e distribuita uniformemente dall'autorità per l'energia elettrica nazionale (NEPRA) tra le quattro province pakistane. Tuttavia, a Karachi il Magistrato alle Acque e dello sviluppo energetico (WAPDA) genera gran parte dell'energia elettrica e raccoglie le entrate a livello nazionale.[176] Una capacità di generare energia elettrica per circa 22,797MWt è stata installata nel 2014, con l'avvio di diversi progetti.[168] L'energia da fonti nucleari è fornita da tre centrali nucleari commerciali autorizzate e gestite dalla Pakistan Atomic Energy Commission (PAEC) sotto licenza da parte dell'Autorità di regolamentazione nucleare.[177]

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Natura del Pakistan.
Un markhor, animale nazionale del Pakistan

L'animale nazionale del Pakistan è il markhor e il suo uccello nazionale il chukar, detto anche chakhoor in urdu[178]. La grande varietà di habitat e di climi del Pakistan permette lo sviluppo di una vasta varietà di animali e uccelli. Le varie foreste possono essere formate da conifere alpine e sub-alpine, come abeti, pini e cedri dell'Himalaya, sulle montagne settentrionali o da alberi decidui, come lo shisham, simile al gelso, sui Monti Sulaiman a sud. Sulle colline occidentali crescono ginepri e tamerici, oltre a sparuti ciuffi d'erba ed arbusti. Lungo le coste meridionali gran parte delle paludi costiere sono formate da foreste di mangrovie[179].

Nel sud, i coccodrilli nuotano nelle acque fangose delle foci dell'Indo, mentre sulle rive del fiume vivono cinghiali, cervi, istrici e piccoli roditori. Nelle boscaglie sabbiose del Pakistan centrale si trovano sciacalli, iene, gatti selvatici, pantere e leopardi e negli azzurri cieli sovrastanti volano sparvieri, falchi ed aquile. Nei deserti sud-occidentali sopravvivono i rarissimi ghepardi asiatici. Sulle montagne settentrionali è diffusa una gran varietà di specie minacciate, tra cui pecore di Marco Polo, pecore urial, markhor, stambecchi, orsi neri asiatici, orsi bruni dell'Himalaya e il rarissimo leopardo delle nevi. Nell'agosto 2006, il Pakistan ha donato un cucciolo orfano di questo felino, chiamato Leo, agli USA[180]. Un'altra specie rara è il delfino di fiume dell'Indo, completamente cieco, del quale si ritiene sopravvivano circa 1100 esemplari, protetti nella Riserva del Delfino di Fiume dell'Indo, nel Sindh[181]. Negli ultimi anni il numero di animali selvatici uccisi per il commercio di pelli e pellicce ha portato all'istituzione di una nuova legge che vieta la loro uccisione e la creazione di numerosi santuari della fauna selvatica e di riserve di caccia. Da allora il numero dei cacciatori è notevolmente diminuito[182].

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio dell'attuale Pakistan si trovano le vestigia di tempi antichissimi, dall'arte della civiltà della Valle dell'Indo all'arte indiana, dall'arte persiana del periodo preislamico all'arte islamica. I contatti con l'Occidente, a partire soprattutto dall'epoca del colonialismo britannico, hanno favorito l'innesto di mode e correnti di origine europea, ulteriormente rafforzatesi con l'apporto dei pakistani della diaspora. Tuttavia questa tendenza trova oggi un obiettivo ostacolo nell'ondata di re-islamizzazione della società, percorsa da virulenti tendenze antieuropee.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il Forte Lahore, un punto di riferimento costruito in epoca Mughal, è un patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Dell'architettura pakistana si riconoscono quattro periodi: pre-islamico, islamico, coloniali e post-coloniali. Con l'inizio della civiltà intorno alla metà del III millennio a.C.,[183] si sviluppò per la prima volta una cultura urbana avanzata, con la costruzione di grandi edifici, alcuni dei quali sopravvivono ancora oggi.[184] Mohenjo-daro, Harappa e Kot Diji sono tra gli insediamenti pre-islamici che ora sono attrazioni turistiche del paese. A partire dal I secolo d.C., l'ascesa del Buddismo e l'influenza greca portò allo sviluppo dello stile greco-buddhista.[185]Il punto più alto elevato di questa era si raggiunse con il culmine del Regno di Gandhāra. Un esempio di architettura buddista sono le rovine del monastero Takht-i-Bahi.[186]

L'arrivo dell'Islam in Pakistan odierno ha significato la fine improvvisa dell'architettura buddista una veloce transizione verso l'architettura islamica, prevalentemente caratterizzata dall'assenza di immagini. L'edificio più importante in stile indo-islamico ancora esistente è la tomba dello Shah Rukn-i-Alam a Multan. Durante l'era Mughal, elementi dell'architettura persiana sono stati fusi con quelli islamici. La Moschea Imperiale, il Forte di Lahore, con la famosa Porta Alamgiri, la moschea Wazir Khan,[187] i Giardini Shalimar a Lahore e la Moschea Shahjahan a Thatta, sono gli esempi di maggior pregio. Nel periodo coloniale britannico, edifici prevalentemente funzionali si sono sviluppati da una miscela di componenti europei e indiani-islamici. L'identità nazionale post-coloniale si è espressa in strutture moderne come la Moschea Faisal, il Minar-e-Pakistan e Mazar-e-Quaid.[188]

Pittura e scultura[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

La relativa giovinezza dello Stato pakistano, frutto dello smembramento dei territori indiani della Corona britannica a partire dal 1947, fa comprendere come una "letteratura pakistana" sia concetto storicamente e culturalmente problematico. Gli scrittori musulmani dell'India sin dal Medioevo si sono espressi essenzialmente in lingua urdu e in lingua persiana, contribuendo allo sviluppo di due distinte letterature, la letteratura persiana e la letteratura urdu. La problematicità del concetto di letteratura pakistana emerge già dal fatto che scrittori persiani operarono sin dal Medioevo in un'area che copre tutta l'attuale India settentrionale, non solo l'attuale Pakistan; così come, d'altronde, gli scrittori in lingua urdu ebbero i loro principali centri a Lahore nell'attuale Pakistan e a Delhi e Lucknow, nell'attuale India, dove tuttora esiste una ricca tradizione letteraria in lingua urdu. Il più grande autore "pakistano" del Novecento, Muhammad Iqbal (m. 1938, ossia prima della spartizione), scrittore filosofo e nazionalista considerato il "padre del Pakistan" che tuttavia non fece in tempo a veder sorgere, compose sia in persiano che in urdu raggiungendo livelli di assoluta eccellenza in entrambe le lingue. Per questo risulta certamente più esatto parlare, al plurale, di "letterature del Pakistan", peraltro anche in considerazione del fatto che -oltre all'urdu e al persiano- esistono nel paese altre lingue, come ad esempio il pashto e il baluchi che a loro volta alimentano distinte letterature (che hanno centri culturali importanti anche oltre confine, in Afghanistan e in Iran). Il perdurare di un clima di reciproci sospetti e continue tensioni politiche con l'India ha certamente favorito l'evolversi di una letteratura in urdu come fattore importante di identità culturale e etnico-religiosa del Pakistan. Tuttavia è da osservare che molti scrittori pakistani contemporanei, non diversamente da quelli indiani, si esprimono sempre più spesso in lingua inglese, come è il caso ad esempio di Tariq Ali, autore di notevoli romanzi storici (Il sultano di Palermo, 2007; All'ombra del melograno, 2007; Il libro del Saladino, 2008, pubblicati in versione italiana da Baldini e Castoldi); ma sono da ricordare anche Hanif Kureishi, Nadeem Aslam (Mappe per amanti smarriti, Feltrinelli, Milano 2006) e Mohammed Hanif (Il caso dei manghi esplosivi, Bompiani, Torino 2009), tutti scrittori formatisi in Inghilterra ma di origini pakistane che hanno raggiunto con i loro romanzi notevole fama internazionale.

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Sir Muhammad Iqbal (Sialkot, 9 novembre 1877 – Lahore, 21 aprile 1938) è stato un poeta e filosofo pakistano di origine indiana. Viene considerato il poeta nazionale pakistano. Muhammed Iqbal (Urdu محمد اقبال) viene spesso titolato che significa “ʿAllāma Iqbal, sapientissimo ” (in arabo: علامہ اقبال),[1] per sottolineare la sua grande erudizione. La maggioranza delle sue opere sono state scritte in lingua persiana. Iqbal conseguì il suo Master of Arts in Filosofia a Lahore, allora parte dell'India britannica. Tra il 1905 e il 1907 studiò giurisprudenza e filosofia a Cambridge, Monaco di Baviera e Heidelberg. Erano questi gli anni che portarono il poeta Iqbal a paragonare l'Oriente e le sue filosofie con quelle dell'Occidente. Consapevole che la cultura islamica era in declino, sviluppò al suo ritorno in patria il desiderio di riportare la cultura musulmana alle antiche glorie spirituali. Per ottenere ciò predicò la solidarietà islamica.

Tra gli altri poeti del Novecento si può annoverare Golam Mostofa.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Anche la musica è molto popolare in Pakistan; gli stili variano da quelli tradizionali come il Qawwali a gruppi più moderni, che cercano di fondere la musica tradizionale pakistana con quella occidentale. Altre musiche sono i naat (canzoni religiose).

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le relazioni tese con l'India, i film indiani sono popolari nel Pakistan, dove possono essere reperiti con facilità nonostante siano ufficialmente illegali. Esiste anche un'industria cinematografica indigena, soprannominata «Lollywood», che produce più di 40 lungometraggi l'anno, concentrata a Lahore.

Una ballerina che ha introdotto la danza nel cinema pakistano degli anni quaranta è stata Anna Marie Gueizelor (o Madam Azurie).

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Lo sport più popolare in Pakistan è il cricket: milioni di pakistani assistono alla TV alle partite della nazionale nelle competizioni internazionali, specialmente contro la storica rivale India. I pakistani hanno anche vinto la coppa del mondo di cricket nel 1992. Lo sport nazionale è l'hockey su prato, dove il Pakistan ha conquistato più volte la medaglia d'oro olimpica. Il calcio è praticato, ma non è molto popolare. Si pensa che il polo sia nato nelle parti settentrionali del Pakistan: esso continua ad essere uno sport importante, con molte competizioni durante l'anno. Lo squash è molto praticato.

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Pakistan ha una tradizione culturale molto ricca che risale alla civilizzazione della valle dell'Indo, 2800–1800 a.C. La regione che oggi corrisponde al Pakistan nel passato è stata invasa e occupata da molte popolazioni, tra cui gli unni bianchi, i persiani, gli arabi, i turchi, i mongoli e vari gruppi europei. La cultura pakistana ha pertanto le sue origini nella sovrapposizione di varie culture, cui l'ultima, la islamica, che si perpetua dall'VIII secolo, fornisce la nota dominante. Ci sono differenze in cultura tra i diversi gruppi etnici in materie come vestiti, cibo e religione, specialmente dove gli usi preislamici differiscono dalle pratiche islamiche. La crescente globalizzazione ha accresciuto l'influenza della «cultura occidentale» nel Pakistan, specialmente tra la parte più ricca della popolazione che ha facile accesso a prodotti, televisione, mass media e cibi occidentali. Molte catene di ristoranti occidentali sono entrate nel mercato pakistano, e si possono trovare nelle principali città. Allo stesso tempo, c'è anche un movimento reazionario all'interno del Pakistan che vuole allontanarsi dalle influenze occidentali, tornando alle radici più tradizionali dell'Islam. C'è una notevole diaspora pakistana, soprattutto nel Regno Unito, negli USA, in Canada e Australia ma anche nelle nazioni scandinave. Molti pakistani vivono anche nel Medio oriente. Questi emigranti e la loro prole influenzano culturalmente ed economicamente il Pakistan, sia con i loro viaggi interni alla nazione, che in particolare tornando in patria o facendo degli investimenti. Le città di Lahore, Karachi, Peshawar, Islamabad, Faisalabad, Sialkot e Quetta sono specialmente note per i grandi contrasti nelle esperienze d'acquisto - dai fiorenti bazàr ai moderni centri commerciali multipiano. In particolare, Lahore e Karachi sono costellate di colorate aree con all'interno centinaia di negozi di tecnologia. Molti di questi sono piccoli, con offerte speciali incredibili e servizi di riparazione per praticamente ogni prodotto tecnologico. Ci si può trovare di tutto, dagli ultimi telefonini a CD e DVD davvero economici. Il bazar tecnico più famoso di Lahore è l'Hafeez Center, situato sul Gulberg Main Boulevard.

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina del Pakistan.
Un piatto pakistano cucinato utilizzando il metodo tandoori.

La cucina pakistana è simile alla cucina di altre regioni dell'Asia meridionale, dal momento che gran parte di essa origina dalle cucine reali degli imperatori Mughal del XVI secolo. Tuttavia, il Pakistan vanta una maggiore varietà di carne rispetto al resto del sub-continente. La maggior parte di questi piatti affondano le radici nella cucina britannica, in quella dell'Asia centrale e del Medio Oriente. La cucina pakistana sovente utilizza grandi quantità di spezie, erbe aromatiche e condimenti. Aglio, zenzero, curcuma, peperoncino rosso e garam masala vengono utilizzati nella maggior parte dei piatti e la cucina casalinga comprende regolarmente il curry. Il chapati, una sottile focaccia di grano, è un alimento di base, servito con curry, carne, verdure e lenticchie. Anche il riso è un alimento comune.[100][189][190]

Il lassi è una bevanda tradizionale nella regione del Punjab. Tè nero con latte e zucchero è popolare in tutto il Pakistan e viene bevuto quotidianamente dalla maggior parte della popolazione.[21][191] Sohan Halwa è un piatto dolce popolare dalla regione meridionale della provincia del Punjab ma si può gustare in tutto il Pakistan.[192]

Festività[modifica | modifica wikitesto]

L'Eid Mubarak (in arabo:  عيد مبارك, in persiano/Urdu: عید مُبارک), è un augurio tradizionale islamico usato per le festività del Eid ul-Adha e Eid ul-Fitr.  Eid fa riferimento alla festività, Mubarak significa benedetto: la frase si traduce quindi festa benedetta ed è comunemente usata nel senso di buona festa.

« Colui che digiuna avrà la gioia e la felicità in due occasioni: quando interrompe il digiuno e quando incontrerà il suo Signore il Giorno del Giudizio. (Mohammad) ».Il primo giorno del mese di Shawwal, dopo la fine del digiuno di Ramadan, si celebra l'Eid-ul-fitr: la festa per la fine del digiuno. L'Eid è un giorno dedicato interamente ai festeggiamenti. È un giorno di gioia, in cui si rende grazie a Dio per avere terminato il digiuno e per aver partecipato ai doni e alle grazie che Egli ha promesso a chi abbia rispettato con fede il suo comandamento. È dopo questa preghiera che i musulmani si augurano a vicenda Eid Mubarak.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The World Factbook, su CIA World Factbook. URL consultato il 2 novembre 2015.
  2. ^ Georg Feuerstein, Subhash Kak e David Frawley, In search of the cradle of civilization: new light on ancient India, Wheaton, Illinois, Quest Books, 1995, p. 147, ISBN 978-0-8356-0720-9.
  3. ^ Yasmeen Niaz Mohiuddin, Pakistan: a global studies handbook. ABC-CLIO publishers, 2006, ISBN 1-85109-801-1
  4. ^ http://www.globalpost.com/dispatch/news/regions/asia-pacific/india/121116/indus-civilization-2000-years-old-archaeologists
  5. ^ http://nation.com.pk/editorials/10-May-2015/cradle-of-civilisation
  6. ^ http://tribune.com.pk/story/1100222/rich-heritage-ancient-civilisations-offer-potential-for-regional-linkages-says-aziz/
  7. ^ Hussain, Rizwan . "Pakistan." In The Oxford Encyclopedia of the Islamic World. Oxford Islamic Studies Online. 04-Apr-2016. <http://www.oxfordislamicstudies.com/article/opr/t236/e0616>.
  8. ^ Barry Buzan, The United States and the great powers: world politics in the twenty-first century, Polity, 2004, pp. 71, 99, ISBN 978-0-7456-3374-9. URL consultato il 27 dicembre 2011.
  9. ^ Hussein Solomon, South African Foreign Policy and Middle Power Leadership, iss.co.za. URL consultato il 27 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2002).
  10. ^ Anwar Iqbal, Pakistan an emerging market economy: IMF, su www.dawn.com, 8 novembre 2015. URL consultato il 27 febbraio 2016.
  11. ^ Seth Kaplan, Is Pakistan an emerging market?, globaldashboard.org. URL consultato il 27 febbraio 2016.
  12. ^ Bloomberg ranks Pakistan among world’s top ten stock market performers, su DailyTimes.
  13. ^ Thumbs up: Pakistan meets criteria for CERN, su The Express Tribune.
  14. ^ Petraglia, Michael D.; Allchin, Bridget (2007), "Human evolution and culture change in the Indian subcontinent", in Michael Petraglia, Bridget Allchin, The Evolution and History of Human Populations in South Asia: Inter-disciplinary Studies in Archaeology, Biological Anthropology, Linguistics and Genetics, Springer, ISBN 978-1-4020-5562-1
  15. ^ Parth R. Chauhan, An Overview of the Siwalik Acheulian & Reconsidering Its Chronological Relationship with the Soanian – A Theoretical Perspective, su Sheffield Graduate Journal of Archaeology, University of Sheffield. URL consultato il 22 dicembre 2011.
  16. ^ a b c d Vipul Singh, The Pearson Indian History Manual for the UPSC Civil Services Preliminary Examination, Dorling Kindesley, licensees of Pearson Education India, 2008, pp. 3–4, 15, 88–90, 152, 162, ISBN 81-317-1753-4. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  17. ^ Robert Arnett, India Unveiled, Atman Press, 15 luglio 2006, pp. 180–, ISBN 978-0-9652900-4-3. URL consultato il 23 dicembre 2011.
  18. ^ Meghan A. Porter, Mohenjo-Daro, Minnesota State University. URL consultato il 15 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2011).
  19. ^ Marian Rengel, Pakistan: a primary source cultural guide, New York, NY, The Rosen Publishing Group Inc, 2004, pp. 58–59,100–102, ISBN 0-8239-4001-2. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  20. ^ Britannica Online – Rigveda, Encyclopædia Britannica. URL consultato il 16 dicembre 2011.
  21. ^ a b Sarina Singh, Lindsay Brow, Paul Clammer, Rodney Cocks e John Mock, Pakistan & the Karakoram Highway, Lonely Planet, 2008, p. 60,128,376, ISBN 978-1-74104-542-0. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  22. ^ David W. del Testa (a cura di), Government Leaders, Military Rulers, and Political Activists, Westport, Connecticut, The Oryx Press, 2001, p. 7, ISBN 1-57356-153-3. URL consultato il 15 aprile 2012.
  23. ^ Ahmad Hasan Dani, Guide to Historic Taxila, The National Fund for Cultural Heritage. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  24. ^ Joseph Needham, A selection from the writings of Joseph Needham, McFarland & Co, 1994, p. 24, ISBN 978-0-89950-903-7.
  25. ^ Hermann Kulke e Dietmar Rothermund, A History of India, Routledge, 2004, p. 157, ISBN 0-415-32919-1.
  26. ^ Balakrishnan Muniapan e Junaid M. Shaikh, Lessons in corporate governance from Kautilya's Arthashastra in ancient India, in World Review of Entrepreneurship, Management and Sustainable Development 2007, vol. 3, nº 1, 2007, pp. 50–61, DOI:10.1504/WREMSD.2007.012130.
  27. ^ Radha Kumud Mookerji, Ancient Indian Education: Brahmanical and Buddhist, 2nd, Motilal Banarsidass, 1951 [reprint 1989], pp. 478–479, ISBN 81-208-0423-6.
  28. ^ Ira Marvin Lapidus, A history of Islamic societies, Cambridge University Press, 2002, pp. 382–384, ISBN 0-521-77933-2.
  29. ^ a b History in Chronological Order, Ministry of Information and Broadcasting, Government of Pakistan. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  30. ^ Why some in Pakistan want to replace Jinnah as the founder of the country with an 8th-century Arab, scroll.in.
  31. ^ Figuring Qasim: How Pakistan was won, Dawn. URL consultato il 19 febbraio 2015.
  32. ^ The first Pakistani?, Dawn. URL consultato il 19 febbraio 2015.
  33. ^ Muhammad Bin Qasim: Predator or preacher?, Dawn. URL consultato il 19 febbraio 2015.
  34. ^ Rubina Saigol, What is the most blatant lie taught through Pakistan textbooks?, Herald, 2014. URL consultato il 14 agosto 2014.
  35. ^ Shazia Rafi, A case for Gandhara, Dawn, 2015. URL consultato il 19 febbraio 2015.
  36. ^ Robert L. Canfield, Turko-Persia in historical perspective, Cambridge University Press, 2002, pp. 4–21, ISBN 978-0-521-52291-5. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  37. ^ a b c d e Metcalf, B.; Metcalf, T. R. (9 October 2006), A Concise History of Modern India (2nd ed.), Cambridge University Press, ISBN 978-0-521-68225-1
  38. ^ Asher, C.B.; Talbot, C (1 January 2008), India Before Europe (1st ed.), Cambridge University Press, ISBN 978-0-521-51750-8
  39. ^ Jalal, Ayesha (1994). The Sole Spokesman: Jinnah, the Muslim League and the Demand for Pakistan. Cambridge UK: Cambridge South Asian Studies.
  40. ^ Stephen Evans, "Macaulay's minute revisited: Colonial language policy in nineteenth-century India," Journal of Multilingual and Multicultural Development (2002) 23#4 pp. 260–281
  41. ^ a b c d e f Country Profile: Pakistan (PDF), Library of Congress, 2005, pp. 2, 3, 6, 8. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  42. ^ Sepoy Rebellion: 1857, Thenagain.info, 12 settembre 2003. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  43. ^ Claude Markovits, India from 1900 to 1947, su http://www.massviolence.org, Online Encyclopedia of Mass Violence, 2 novembre 2007. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  44. ^ Altāf Ḥusain Ḥālī ; Talk̲h̲īṣ, Salim Ak̲h̲tar, Ḥayāt-i jāved, Lāhaur, Sang-i Mīl Pablikeshanz, 1993, ISBN 969-35-0186-1.
  45. ^ ed. by Harold G. Coward, Modern Indian responses to religious pluralism, Albany, N.Y., State University of New York Press, 1987, ISBN 0-88706-572-4.
  46. ^ R.N. Sarkar, Islam related Naipual [sic], 1st, New Delhi, Sarup & Sons, 2006, ISBN 81-7625-693-5.
  47. ^ M. Naeem Qureshi, Pan-Islam in British Indian politics : a study of the Khilafat movement, 1918 – 1924, Leiden [u.a.], Brill, 1999, ISBN 978-90-04-11371-8.
  48. ^ byQureshi, M. Naeem Pan-Islam in British Indian politics, pp. 57,245 by M.Naeem Qureshi
  49. ^ Chirol, Valentine (2006), Indian Unrest, Adamant Media Corporation, ISBN 0-543-94122-1.
  50. ^ John Farndon, Concise encyclopaedia, Dorling Kindersley Limited, 1º marzo 1999, p. 455, ISBN 0-7513-5911-4.
  51. ^ Daniel Lak, India express: the future of a new superpower, Viking Canada, 4 marzo 2008, p. 113, ISBN 978-0-670-06484-7. URL consultato il 14 marzo 2012.
  52. ^ a b c d Stephen Philip Cohen, The idea of Pakistan, 1st pbk., Washington, D.C., Brookings Institution Press, 2004, ISBN 0-8157-9761-3.
  53. ^ Sir Muhammad Iqbal's 1930 Presidential Address, su Speeches, Writings, and Statements of Iqbal. URL consultato il 19 dicembre 2006.
  54. ^ Wasim Akram, Jinnah and cabinet Mission Plan, su http://www.academia.edu, Academia Edu. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  55. ^ Stanley Wolpert, Jinnah of Pakistan, Oxford University Press, 2002, pp. 306–332, ISBN 0-19-577462-0.
  56. ^ William D. Rubinstein, Genocide: a history., Pearson Longman Publishers, 2004, p. 270, ISBN 0-582-50601-8.
  57. ^ Subir Bhaumik, Insurgent Crossfire: North-East India, Lancer Publishers, 1996, p. 6, ISBN 978-1-897829-12-7. URL consultato il 15 aprile 2012.
  58. ^ Resolution adopted by the United Nations Commission for India and Pakistan, Mount Holyoke College. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  59. ^ Giorno della festa nazionale.
  60. ^ (EN) CIA - The World Factbook url consultato il 29 settembre 2010
  61. ^ U.S. and World Population Clock, su United States Census Bureau.
  62. ^ World Meters staff works, Pakistan Population, su http://www.worldometers.info/, World Meters. URL consultato il 2 marzo 2015.
  63. ^ a b c N.S. Nizami, Population, Labour Force and Employment (PDF), Ministry of Finance, Pakistan, 2010, pp. 1, 2, 9, 12, 20. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  64. ^ High population growth rate affecting economy', in Daily Times, 12 luglio 2011. URL consultato il 19 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2012).
  65. ^ CO2 Emissions from Fuel Combustion (PDF), International Energy Agency (IEA) Paris, 2011, p. 88. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  66. ^ PAKISTAN, su Treccani, Geopolitico. URL consultato il 12 maggio 2016.
  67. ^ World Muslim Population Doubling, Report Projects, Assyrian International News Agency, 27 gennaio 2011. URL consultato il 16 aprile 2011.
  68. ^ Pakistan set to become most populous Muslim nation, Samaa Tv, 27 gennaio 2011. URL consultato il 16 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2011).
  69. ^ The Urban Frontier—Karachi, National Public Radio, 2 giugno 2008. URL consultato il 2 luglio 2008.
  70. ^ a b c d Pakistan, su World Factbook, CIA. URL consultato il 13 febbraio 2008.
  71. ^ a b c WHO | Pakistan, World Health Organization, 6 ottobre 2015. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  72. ^ Jason Burke, Pakistan looks to life without the general, in The Guardian (London), 17 agosto 2008. URL consultato il 20 maggio 2010.
  73. ^ Pakistan Country Report (PDF), su RAD-AID, 2010, pp. 3, 7. URL consultato il 26 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2012).
  74. ^ Religions in Pakistan, CIA World Factbook. URL consultato il 9 luglio 2013.
  75. ^ Curtis, Lisa; Mullick, Haider (4 May 2009). "Reviving Pakistan's Pluralist Traditions to Fight Extremism". The Heritage Foundation. Retrieved 31 July 2011
  76. ^ a b c "Religions: Islam 95%, other (includes Christian and Hindu, 2% Ahmadiyyah ) 5%". CIA. The World Factbook on Pakistan. 2010. Retrieved 28 August 2010.
  77. ^ # ^ International Centre for Political Violence and Terrorism Research at Nanyang Technological University, Singapore: "Have Pakistanis Forgotten Their Sufi Traditions?" by Rohan Bedi April 2006
  78. ^ Robert U. Ayres, Turning Point: The End of the Growth Paradigm., James & James publishers, 1998, p. 63, ISBN 1-85383-439-4.
  79. ^ Tracy Miller (a cura di), Mapping the Global Muslim Population: A Report on the Size and Distribution of the World's Muslim Population, Pew Research Center, October 2009. URL consultato il 9 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2010).
  80. ^ a b Field Listing : Religions, su The World Factbook, Central Intelligence Agency, 2010. URL consultato il 24 agosto 2010.
  81. ^ Vali Nasr, The Shia revival : how conflicts within Islam will shape the future, Paperback, New York, W.W. Norton, 2007, ISBN 0-393-32968-2.
  82. ^ Chapter 1: Religious Affiliation, su The World's Muslims: Unity and Diversity, Pew Research Center's Religion & Public Life Project, 9 agosto 2012. URL consultato il 26 giugno 2015.
  83. ^ Pakistan-Atlante Geopolitico, treccani.it.
  84. ^ International Religious Freedom Report 2008: Pakistan, US State Department. URL consultato il 24 giugno 2010.
  85. ^ South Asian Media Net, South Asian Free Media Association. URL consultato il 31 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2011).
  86. ^ Can Sufi Islam counter the Taleban?, in BBC, 24 febbraio 2009. URL consultato il 20 maggio 2010.
  87. ^ Sunni Leader Killed in Pakistan, Nigeria Times, 15 febbraio 2015. URL consultato il 21 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2015).
  88. ^ Sonya Fatah, 2012 bloodiest year for Shias in Pakistan, su Times Internet, The Times of India, 17 gennaio 2013. URL consultato il 20 settembre 2014.
  89. ^ Bomb kills four at Pakistan Shiite funeral: police, in The Times Of India, The Times of India, 17 gennaio 2013. URL consultato il 17 gennaio 2013.
  90. ^ New Approaches to the Analysis of Jihadism: Online and Offline – Page 38, Rüdiger Lohlker – 2012
  91. ^ Chapter 1: Religious Affiliation retrieved 4 September 2013
  92. ^ Ishtiaq Ahmed, South Asia, in Ingvar Svanberg, David Westerlund (a cura di), Islam Outside the Arab World, Routledge, 12 agosto 1999, pp. 201–222, ISBN 978-0-7007-1124-6.
  93. ^ Amer Morgahi, An emerging European Islam: The case of the Minhaj ul Quran in the Netherlands, in Martin van Bruinessen, Stefano Allievi (a cura di), Producing Islamic Knowledge: Transmission and Dissemination in Western Europe, Routledge, 2011, p. 47, ISBN 978-0-415-35592-6. URL consultato il 30 luglio 2013.
  94. ^ Farooq Soomro, Sehwan: The undisputed throne of Lal Shahbaz Qalandar, su dawn.com. URL consultato il 13 gennaio 2016.
  95. ^ Produced by Charlotte Buchen, Sufism Under Attack in Pakistan, in The New York Times. URL consultato il 21 maggio 2012.
  96. ^ Huma Imtiaz e Charlotte Buchen, The Islam That Hard-Liners Hate, in The New York Times, 6 gennaio 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  97. ^ Pakistan — International Religious Freedom Report 2008, su United States Department of State, 2008. URL consultato il 28 agosto 2010.
  98. ^ a b Irfan Husain, Faith in decline, in Dawn, Irfan, 27 Aug 2012. URL consultato il 16 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2012).
  99. ^ Uncommon tongue: Pakistan's confusing move to Urdu, su BBC News. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  100. ^ a b Yasmeen Niaz Mohiuddin, Pakistan: a global studies handbook, ABC-CLIO |, 2006, pp. 3, 317, 323–324, ISBN 1-85109-801-1.
  101. ^ Braj B. Kachru, Yamuna Kachru e S.N. Sridhar, Language in South Asia, Cambridge University Press, 27 marzo 2008, p. 138, ISBN 978-1-139-46550-2.
  102. ^ a b Urdu In Contempt, su The Nation, 31 dicembre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  103. ^ Pakistan Narcotics Control Board, 1986, p. 7
  104. ^ a b Background Note: Pakistan-Profile, State.Gov, 6 ottobre 2010. URL consultato il 29 maggio 2012.
  105. ^ Teaching and Learning in Pakistan: The Role of Language in Education (PDF), British Council.Org, 2010, pp. 13, 14, 15. URL consultato il 29 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2011).
  106. ^ Pakistan: largest cities and towns and statistics of their population, World Gazetteer. URL consultato il 9 febbraio 2010.
  107. ^ Part I: "Introductory", su pakistani.org.
  108. ^ World: South Asia Pakistan's army and its history of politics, BBC, 10 dicembre 1999. URL consultato il 16 marzo 2009.
  109. ^ Musharraf wins vote of confidence -DAWN - Top Stories; 02 January, 2004
  110. ^ Rosemary Colgrove, Eye on the sparrow : the remarkable journey of Father Joseph Nisari, Pakistani priest, Minneapolis, Mill City Press, 2010, ISBN 1-936400-87-1.
  111. ^ Peter Lyon, Conflict between India and Pakistan : an encyclopedia, Santa Barbara, Calif., ABC-CLIO, 2008, ISBN 1-57607-712-8. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  112. ^ Hafeez Ashfaq Ahmad, Determinants of Foreign Policy of Pakistan, in Scrib, 19 November 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  113. ^ Ministry of Foreign Affairs, su Pakistan Government, Official policy statements. URL consultato il 19 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2012).
  114. ^ Ministry of Foreign Affairs Homepage, su MoFA.gov.pk, Government of Pakistan, 2013. URL consultato il 4 agosto 2015.
  115. ^ ed. by Verinder Grover e Ranjana Arora, Political system in Pakistan, New Delhi, Deep & Deep Publ., 1995, ISBN 81-7100-739-2.
  116. ^ K.V. KrishnaRao, Prepare or perish : a study of national security, New Delhi, Lancer Publ., 1991, ISBN 81-7212-001-X.
  117. ^ Associate press, Pakistan wants friendly ties will all countries, Dawn newspapers, 28 dicembre 2013. URL consultato il 3 febbraio 2015. [collegamento interrotto]
  118. ^ Bhumitra Chakma, Pakistan's nuclear weapons, London, Routledge, UK, 2009, ISBN 0-415-40871-7.
  119. ^ Officials reports, Pakistan a Responsible Nuclear Power, Official Asserts, in NPT News Directorate, 18 giugno 2010. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  120. ^ World: Monitoring Nawaz Sharif's speech, in BBC, 28 maggio 1998. URL consultato l'11 marzo 2012.
  121. ^ Husain Haqqani, §Chapter 3, in Pakistan : between mosque and military, 1. print., Washington, DC, United Book Press., 2005, ISBN 978-0-87003-214-1.
    «The trauma was extremely severe in Pakistan when the news of secession of East Pakistan as Bangladesh arrived — a psychological setback, complete and humiliating defeat that shattered the prestige of Pakistan Armed Forces.».
  122. ^ N-deterrence to be pursued, in Dawn, 15 luglio 2011. URL consultato l'11 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2011).
  123. ^ Mehtab Ali Shah, The foreign policy of Pakistan : ethnic impacts on diplomacy, 1971–1994, London [u.a.], Tauris, 1997, ISBN 1-86064-169-5.
  124. ^ Abdul Sattar ; foreword by Agha Shahi, Pakistan's foreign policy, 1947–2012 : a concise history, Third, Karachi, Oxford University Press, Shahi, 2013, ISBN 0-19-906910-7.
  125. ^ Govt of Pakistan, Foreign Policy of Pakistan, su http://www.mofa.gov.pk/, Govt of Pakistan. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  126. ^ a b Hasan Askari Rizvi, Pakistan's Foreign Policy:An Overview 1947–2004 (PDF), Pakistan Institute of Legislative Development and Transparency, pp. 10–12, 20. URL consultato il 20 dicembre 2011.
  127. ^ United Nations Member States, United Nations, 3 luglio 2006. URL consultato l'8 luglio 2010.
  128. ^ Senate OIC Report (PDF), Senate of Pakistan: Senate Foreign Relations Committee, September 2005, pp. 16–18. URL consultato l'8 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2009).
  129. ^ A Plea for Enlightened Moderation, in The Washington Post, 1º giugno 2004. URL consultato il 24 dicembre 2011.
  130. ^ Pakistan, Commonwealth Secretariat. URL consultato l'8 luglio 2010.
  131. ^ Member Countries, su ECO. URL consultato il 24 dicembre 2011.
  132. ^ A.R.Kemal, Exploring Pakistan's Regional Economic Cooperation Potential (PDF), su PIDE, pp. 1–2. URL consultato il 24 dicembre 2011.
  133. ^ G-20 Ministerial Meeting, su Commerce.nic.in, Department of Commerce, Ministry of Commerce and Industry, India, 19 marzo 2005. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  134. ^ Ishaan Tharoor, The Pakistani origins of the Israeli state, Washington Post, Pakistan Bureau, 3 dicembre 2014. URL consultato il 2 marzo 2015.
  135. ^ Jack Khoury, Israeli lecturer takes part in Pakistan conference, Haaretz, 28 febbraio 2015. URL consultato il 2 marzo 2015.
  136. ^ Pakistan-Israel in landmark talks, BBC News, 1º settembre 2005. URL consultato il 4 luglio 2012.
  137. ^ Staff work, Pakistan the only country not recognizing Armenia – envoy, Armenian TImes, 5 febbraio 2015. URL consultato il 2 marzo 2015.
  138. ^ China opens ‘largest’ embassy in Pakistan, strengthens South Asia presence – Asian Correspondent, su asiancorrespondent.com.
  139. ^ Aparna Pande, Explaining Pakistan's Foreign Policy: Escaping India, Taylor & Francis., 2006, ISBN 1-136-81894-4.
  140. ^ a b Jamal Afridi e Jayshree Bajoria, China-Pakistan Relations, su http://www.cfr.org/, Council on Foreign Relations, China Pakistan, 6 luglio 2010. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  141. ^ ISLAMABAD: Pakistan and China agreed to raise their trade volume up to $20 billion and pledged to continue their cooperation in civil nuclear technology., su http://www.thenews.com.pk/.
  142. ^ Urvashi Aneja, PAKISTAN-CHINA RELATIONS (PDF), Institute of Peace and Conflict Studies, June 2006, p. 1. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  143. ^ CHRONOLOGY-Main events in Chinese-Pakistani relations, in Thomson Reuters, Reuters, 24 novembre 2006. URL consultato il 24 novembre 2006.
  144. ^ Jamal Afridi, China-Pakistan Relations, su Council on Foreign Relations. URL consultato il 6 luglio 2010.
  145. ^ Maris Boyd Gillette, Between Mecca and Beijing, California, [u.s], Stanford University Press, California, [u.s], 2000, ISBN 0-8047-6434-4.
  146. ^ a b Muhammad Anwar, Friends Near Home: Pakistan's Strategic Security Options, Islamabad, Pakistan, AuthorHouse. 2006, 2006, ISBN 1-4670-1541-5.
  147. ^ Kashmir, Encyclopædia Britannica. URL consultato il 19 dicembre 2011.
  148. ^ Robert Nolan, Pakistan: The Most Allied Ally in Asia, Foreign Policy Association. URL consultato il 12 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2011).
  149. ^ staff writer, Accord to diversify ties with Russia, Dawn, 2015, 9 gennaio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  150. ^ Sabir Shah, US military aid to Pakistan suspended six times since 1954, The News International, Pakistan. URL consultato il 26 ottobre 2009.
  151. ^ 2015 Joint Statement By President Barack Obama And Prime Minister Nawaz Sharif, su whitehouse.gov. URL consultato il 28 dicembre 2015.
  152. ^ Shanthie D'Souza, US-Pakistan Counter-Terrorism Cooperation: Dynamics and Challenges (PDF), in Strategic Analysis, 2006. URL consultato il 28 dicembre 2015.
  153. ^ One million tourists visit Pakistan in 2012, su Pakistan Observer, 21 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  154. ^ Nadeem Paracha, Before the Lights Went Out, in http://nadeemfparacha.wordpress.com (Karachi), 7 luglio 2008. URL consultato il 19 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2010).
  155. ^ Antonia Windsor, Out of the rubble, in The Guardian (London), 17 ottobre 2006. URL consultato il 25 maggio 2010.
  156. ^ Events taking place during 2007, Press released by Tourism of Pakistan [collegamento interrotto]
  157. ^ Tourism Events in Pakistan in 2010, Tourism.gov.pk. URL consultato il 27 settembre 2010.
  158. ^ The World Bank, Transportation in Pakistan, World Bank, 2011. URL consultato il January 2012.
  159. ^ Pravakar Sahoo, Macroeconomic Performance and Infrastructure Development in India (PDF), in Transport Infrastructure in India: Developments, Challenges and Lessons from Japan, Visiting Research Fellows, Institute of Development Economies, Japan External Trade Organization, March 2011, p. 4, 465. URL consultato il 13 giugno 2012.
  160. ^ Farrukh Javed, Sustainable financing for the maintenance of Pakistan Highways (PDF), UNESCAP, 2005, p. 2. URL consultato il 31 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2007).
  161. ^ a b c d Ahmed Jamal pirzada, Draft: Role of Connectivity in Growth Strategy of Pakistan (PDF), Planning Commission, Pakistan, 2011, pp. 4, 7, 9. URL consultato il 31 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2012).
  162. ^ National Highway Development Sector Investment Program (PDF), Asian Development Bank, 2005, pp. 11, 12. URL consultato il 31 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2007).
  163. ^ a b c PAKISTAN, su Encyclopedia Nation. URL consultato il 31 dicembre 2011.
  164. ^ Syed Fazl-e-Haider, China-Pakistan rail link on horizon, in Asia Times Online, 24 febbraio 2007. URL consultato il 31 dicembre 2011.
  165. ^ Pakistan-Turkey rail trial starts, BBC, 14 agosto 2009. URL consultato il 13 marzo 2012.
  166. ^ Pakistan Atomic Energy Commission (PAEC), Prime Minister inaugurates 340 MW Chashma Nuclear Power Plant Unit-2: Govt to provide full support to PAEC for Nuclear Power Projects Urges International Community to make nuclear technology accessible to Pakistan for power generation, su Pakistan Atomic Energy Commission's Press Directorate, Pakistan Atomic Energy Commission Directorate for Public Press and International News Relations, 12 maggio 2011. [collegamento interrotto]
  167. ^ Pakistan Atomic Energy Commission (PAEC), Nuclear Power Generation Programme, su Government of Pakistan, PAEC. URL consultato il 2011 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2005).
  168. ^ a b Zahir Kazmi, Pakistan's energy security, in Special report on Energy security efforts in Pakistan, Express Tribune, 7 gennaio 2014. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  169. ^ Raza Syed Yousaf, Current Picture of Electrical Energy In Pakistan, su Pakistan Atomic Energy Commission, Directorate-General for Nuclear Power Generation, 31 luglio 2012. URL consultato il 28 novembre 2012.
  170. ^ Saman Zulfikar, Pak-China energy cooperation, in Pakistan Observer, 23 aprile 2012. URL consultato il 23 aprile 2012.
  171. ^ UN Press Release, IAEA Publications: Pakistan Overview, su IAEA, P.O. Box 100, Wagramer Strasse 5, A-1400 Vienna, Austria, IAEA Membership states. URL consultato il 17 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2007).
  172. ^ Associate Press of Pakistan (APP), IAEA declares nuclear energy programme safe, in Dawn Newspapers, 25 April 2011, 25 aprile 2011. URL consultato il 17 aprile 2012.
  173. ^ Fredrik Dahl, Nuclear-armed Pakistan chairs board of U.N. atom body, in Reuters, Vienna, 27 settembre 2010. URL consultato il 17 aprile 2012.
  174. ^ Muhammad, Director of Scientific Information and Public Relation (SIPR) Ijaz, PAEC assigned 8,800 MWe nuclear power target by 2030:PAEC contributing to socio-economic uplift of the country (PDF), in PakAtom Newsletter, vol. 49, 1–2, Islamabad, Islamabad Capital Territory, Pakistan Atomic Energy Commission, December 2010, pp. 1–8. [collegamento interrotto]
  175. ^ Zafar Bhutta, Govt to kick off work on 1,100MW nuclear power plant, Express Tribune, 7 giugno 2013. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  176. ^ Power Sector Situation in Pakistan (PDF), su Alternate Energy Development Board and GTZ, 2005, p. 1. URL consultato il 26 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2011).
  177. ^ Z.H. Siddiqui; I.H. Qureshi, Nuclear power in Pakistan (PDF), in The Nucleus, vol. 42, 1–2, Nilore, Islamabad, The Nucleus PINSTECH publication, 13 ottobre 2005, pp. 63–66, ISSN 0029-5698. URL consultato il 28 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2012).
  178. ^ Basic Facts, Pakistan Ministry of Information and Broadcasting. URL consultato il 12 marzo 2009.
  179. ^ Conservation of Mangrove Forests in the Coastal Areas of Sindh and Balochistan, WWF Pakistan. URL consultato il 17 marzo 2009.
  180. ^ Leo the snow leopard is US-bound, in BBC News, 9 agosto 2006. URL consultato il 5 agosto 2008.
  181. ^ Paul Massicot, Animal Info:Indus River Dolphin, animalinfo.org, 21 giugno 2006. URL consultato il 17 marzo 2009.
  182. ^ Pakistan Wildlife, Wildlife Sanctuaries of Pakistan. URL consultato il 12 marzo 2009.
  183. ^ Vidja Dehejia, South Asian Art and Culture, su The Metropolitan Museum of Art. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  184. ^ The Indus Valley And The Genesis Of South Asian Civilization, su History World International. URL consultato il 6 febbraio 2008.
  185. ^ Sachindra Kumar Maity. Cultural Heritage of Ancient India Abhinav Publications, 1983 ISBN 039102809X p 46
  186. ^ UNESCO Advisory Body Evaluation of Takht Bhai (PDF), International Council on Monuments and Sites, 29 dicembre 1979, pp. 1–2. URL consultato il 25 luglio 2010.
  187. ^ Simon Ross Valentine. 'Islam and the Ahmadiyya Jama'at: History, Belief, Practice Hurst Publishers, 2008 ISBN 1850659168 p 63
  188. ^ Kamil Khan Mumtaz, Architecture in Pakistan, Concept Media Pte Ltd, 1985, pp. 32,51,160, ISBN 9971-84-141-X.
  189. ^ Kathleen W. Deady, Countries of the world :Pakistan, Capstone Press, 2001, pp. 13–15, ISBN 0-7368-0815-9.
  190. ^ American Geriatrics Society. Ethnogeriatrics Committee, Doorway thoughts: cross-cultural health care for older adults, Jones & Bartlett Learning, 2006, pp. 119–120, ISBN 978-0-7637-4355-0.
  191. ^ Tarla Dalal, Punjabi Khana, Sanjay & Co, 2007, p. 8, ISBN 978-81-89491-54-3.
  192. ^ Sohan Halwa a gift of saints’ city, Dawn.com, 16 dicembre 2013. URL consultato il 28 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN268930849 · LCCN: (ENn80125947 · GND: (DE4075812-6 · BNF: (FRcb119424488 (data)