Musica pop

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando riferimenti alla categoria popular music, vedi popular music.
Musica pop
Origini stilistiche Musica popolare
Rock and roll
Origini culturali anni cinquanta, Stati Uniti d'America
Strumenti tipici voce, tastiera, sintetizzatore, batteria, basso, chitarra, pianoforte, archi
Popolarità Estremamente popolare sin dalla sua nascita.
Sottogeneri
Teen pop - Twee pop - Christian pop - Crossover classico - Baroque pop - Bubblegum pop
Generi derivati
Pop rock - Power pop - Pop punk - Country pop - Synth pop - Elettropop - Dance pop - Pop rap - Pop metal - Reggae pop - Soul pop - Jangle pop - Indie pop - Pop psichedelico - New wave
Generi correlati
Blues - Dance - Jazz - R&B - Country - Reggae - Rap - Hip-hop - Musica elettronica - Musica etnica
Scene regionali
Europop - J-pop - K-pop
Categorie correlate

Gruppi musicali pop · Musicisti pop · Album pop · EP pop · Singoli pop · Album video pop

La musica pop, traduzione del termine inglese pop music, è un genere appartenente all'insieme della popular music, che trova origine nella sua forma moderna derivazione del rock and roll[1].

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua inglese, i termini popular music e pop music sono spesso usati impropriamente in modo intercambiabile[1]. Nonostante questo, il termine popular music è un termine generico che si riferisce alla musica di gradimento generale nell'epoca moderna[2], mentre la notazione di musica pop (o pop music) si riferisce ad uno specifico genere musicale. Secondo Gianni Sibilla, la musica pop «indica un campo più ristretto e definito rispetto a quello di popular music».

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La musica pop sempre secondo Sibilla è «contraddistinta da alcuni aspetti specifici che riguardano il periodo storico di produzione, le forme testuali e linguistiche, gli attori sociali coinvolti, il modo in cui essi costruiscono la propria identità e, soprattutto, il rapporto con i mezzi di comunicazione di massa. In altre parole, la musica pop è un macrogenere musicale contemporaneo che ricomprende tutti i sottogeneri specifici della canzone popolare sviluppatisi a partire dall'avvento del rock'n'roll, contraddistinti dalla diffusione intermediale su supporti fonografici e mezzi di comunicazione»[3][4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce negli anni 1950.[senza fonte] Se negli Anni 1960 il termine "musica pop" in Italia era poco usato in favore del più generico musica leggera, sul finire della decade veniva usato per indicare genericamente tutti quei gruppi che uscivano dalle forme imposte dalla canzonetta, e che vedevano nel Festival di Sanremo il loro motore principale. Venivano quindi inseriti senza distinzione nella definizione di pop gruppi musicali che andavano dalla musica beat al rock psichedelico e al rock progressivo[5]. Solo in seguito il termine "pop" fu usato con l'accezione con cui ci si riferisce a livello internazionale. Tra i più celebri e di maggior successo artisti della storia del pop figurano gli statunitensi Michael Jackson e Madonna, soprannominati rispettivamente re e regina del pop. A Britney Spears è stato invece dato il soprannome di "principessa del pop", quest'ultima più che per il grande successo per la grossa pubblicizzazione della sua vita privata[6][7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bill Lamb, What Is Pop Music? A Definition, About.com
  2. ^ Robert Allen, Pocket Fowler's Modern English Usage, 2004
  3. ^ Gianni Sibilla, I linguaggi della musica pop
  4. ^ Rock, pop, leggera, commerciale... o Popular Music? di Alessandro Pascale
  5. ^ Il rock progressivo italiano su Blow Up #189, Tuttle Edizioni, febbraio 2014
  6. ^ Britney Spears: Princess of Pop, Marvista. URL consultato il 28 luglio 2016.
  7. ^ Britney Spears turns 34: A look back at her chaotic life, New York Daily News. URL consultato il 28 luglio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Richard Middleton, Studiare la Popular music, Feltrinelli
  • Lello Savonardo, Sociologia della musica. La costruzione sociale del suono, dalle tribù al digitale, Utet Università, Torino, 2010
  • Christian Bianchi Mauri, "Capire la Musica del Sud", Mondadori, 2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4046781-8
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica