Madonna (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Madonna
MadonnaBMMs2019.jpeg
Madonna nel 2018 mentre si esibisce con Medellín accompagnata da Maluma ai Billboard Music Awards
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop[1][2]
Dance pop[1][3][4]
Periodo di attività musicale1982 – in attività
EtichettaSire
Maverick
Warner
Interscope Records
GruppiBreakfast Club, Emmy
Album pubblicati30
Studio14
Live5
Colonne sonore3
Raccolte6
Logo ufficiale
Sito ufficiale
(EN)

«It has always been difficult, and continues to be difficult, as you can imagine, to speack always openly, to express one's opinions, to fight discrimination and bigotry, to say things you don't like, to go against conventions. But for me it's the only way an artist can really express herself.»

(IT)

«Parlare sempre in modo aperto, esprimere sempre le proprie opinioni, lottare contro la discriminazione e la bigotteria, dire cose che non piacciono, andare contro le convenzioni, è sempre stato difficile e continua a esserlo, come potete immaginare. Ma per me è l'unico modo in cui un'artista può esprimersi davvero.»

(Madonna intervistata da Fabio Fazio l'8 maggio 2015, durante il talk show Che Tempo Che Fa[5])

Madonna, pseudonimo di Madonna Louise Veronica Ciccone[6] (Bay City, 16 agosto 1958Molfetta, 28 dicembre 2018), è stata una cantautrice, attrice, produttrice discografica e cinematografica statunitense.

Diva celebre in tutto il mondo sin dai primi anni ottanta, capace di attirare l'attenzione, le critiche del pubblico e la stampa con i suoi comportamenti ritenuti trasgressivi, nonché per i suoi videoclip iconici, Madonna è definita The Queen of Pop (la "Regina del Pop").[7][8] Madonna nasce nel Michigan nel 1958 e si trasferisce a New York City nel 1978 per seguire una carriera come ballerina. Dopo essere stata una batterista e cantante in due band, Breakfast Club[9] e Emmy, Madonna firma un contratto con la Sire Records nel 1982[10] e l'anno seguente pubblica il suo primo album: Madonna.[9] Seguono altri album dal grande successo, incluso il celebre Like a Virgin (1984) e True Blue (1986), così come il vincitore del Grammy Award per il miglio album pop Ray of Light[11] (1998) e Confessions on a Dance Floor (2005), anch'esso vincitore di un Grammy.[12] Molte delle sue canzoni hanno raggiunto la prima posizione nelle classifiche mondiali, come Like a Virgin, La isla bonita, Like a Prayer, Vogue, Take a Bow, Frozen, Music, Hung Up e 4 Minutes.

Come imprenditrice, Madonna ha fondato una compagnia chiamata Maverick (compresa l'etichetta Maverick Records) nel 1992. Altre sue creazioni includono design di moda, libri per bambini, centri benessere e cinema. Collabora a varie organizzazioni benefiche, avendo fondato la Ray of Light Foundation nel 1998 e Raising Malawi nel 2006. Secondo il Guinness dei primati è l'artista femminile dalle maggiori vendite della storia della musica, con all'attivo 350 milioni di dischi in tutto il mondo, di cui 95 milioni nei soli Stati Uniti d'America,[13][14] il che la rende la quarta artista con maggiori vendite in assoluto.

È inoltre l'artista ad aver piazzato più DVD musicali alla prima posizione nella Billboard Albums Chart negli USA, con nove titoli fino allo Sticky & Sweet Tour del 2010,[15] che è il tour di maggior successo di un'artista donna (quinto in totale), nonché quello di maggior successo nel rapporto introiti/date, con un incasso di oltre 400 milioni di dollari in 85 tappe.[16] Nella sua carriera ha vinto numerosi premi, tra cui 50 Billboard Music Awards e 7 Grammy Awards.[17][18]

L'artista ha intrapreso anche una carriera cinematografica, vincendo il Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale per Evita (1996) e per la migliore canzone originale per Masterpiece, tratta dal film da lei diretto W.E. - Edward e Wallis (2011).

Indice

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Bay City nel Michigan e cresciuta a Pontiac, Madonna è la terza di sei fratelli. Il padre, Sylvio Anthony Ciccone (detto Tony, nato nel giugno 1931), è di origine italiana, figlio di Gaetano Ciccone e Michelina Dilulio, giunti negli Stati Uniti d'America nel 1919 da Pacentro (AQ), mentre la madre, Louise Fortin (1933-1963), era di origini franco-canadesi.[19] Nel 1963, quando Madonna aveva cinque anni, sua madre morì all'età di 30 anni a causa di un tumore al seno. La donna rivelò alla figlia di essere malata durante il suo ultimo periodo di vita, scatenando nella bambina una prematura responsabilizzazione verso i suoi fratelli per i quali prese il ruolo di figura genitoriale.[20] Ha confessato in un'intervista a Taraborrelli: «Ricordo che mi sentivo più forte di lei. Ero così piccola eppure sembrava che fosse lei la bambina. [...] Penso che questo fatto mi abbia fatto crescere più velocemente.»[21]

Quel fatto ha segnato profondamente Madonna: «C'era tanto non detto, tante emozioni districate e irrisolte, rimorsi, sensi di colpa, senso di perdita, rabbia, confusione... ho visto mia madre, bellissima, giacere come se dormisse in una bara aperta. Poi, ho notato che la sua bocca aveva qualcosa di strano. Mi ci è voluto del tempo per capire che era stata cucita. In quel momento terribile, ho cominciato a capire quello che avevo perso per sempre. L'immagine finale di mia madre, al tempo stesso tranquilla e grottesca, mi perseguita anche oggi.»[22] Secondo l'autore John Randy Taraborrelli quel fatto accaduto così prematuramente e quell'episodio hanno segnato talmente tanto Madonna da influenzare la donna che è oggi.[21] La stessa Madonna ha confermato che non esser cresciuta con sua madre ha fatto in modo che lei diventasse una donna in un certo senso "senza freni": «Penso che il motivo più grande per cui sono stata in grado di esprimere me stessa e di non essere intimidita, è stato non avere una madre. Per esempio, una madre ti insegna le buone maniere. E io non ho assolutamente imparato nessuno di questi modi e regole.»[23] Il padre di Madonna, tre anni dopo la morte della moglie, nel 1966, si risposa con la sua governante, Joan Gustafson, dalla quale ha altri due figli, Jennifer e Mario, e con la quale è tuttora sposato.[24]

Trascorsa la sua vita liceale tra gli sport in cui eccelleva e il gruppo di cheerleader, si diploma nel 1976 e le viene consegnato un premio dalla scuola, il Tespian Award, per il grande lavoro svolto al liceo.[20] Ricevuta la borsa di studio per la danza, si reca all'Università del Michigan, dove segue i corsi di balletto di Christopher Flynn, figura maschile chiave nella sua vita. Fu il primo a vedere in lei l'enorme potenziale e ad incoraggiarla nella sua carriera.[23] Nonostante i successi scolastici, Madonna decide di abbandonare l'università, scontrandosi più volte con il padre, per recarsi a New York speranzosa di diventare una ballerina.[20]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978, appena ventenne, venne aggredita e stuprata da alcuni sconosciuti vicino alla sua scuola di danza che frequentava a New York. Madonna ha rivelato questo fatto molti anni dopo a un giornale inglese, affermando: «Sono stata stuprata. Fu un'esperienza devastante, ma che mi ha fatto diventare più forte. È accaduto molto tempo fa e con il passare degli anni sono venuta a patti con quella storia e sono riuscita a superare lo shock.»[20][25] Nel 1985 Madonna e Prince vissero un breve flirt che culminò con la collaborazione nell'album Like a Prayer per il brano Love Song. I due avevano in progetto anche un musical a quattro mani mai realizzato a causa dell'incrinarsi del loro rapporto, ricucito, dopo oltre vent'anni, solo nel 2011[26]. Prince ha infatti dichiarato il 21 maggio 2013 in un'intervista a Billboard che Madonna è stata una delle cause dei suoi problemi con la Warner: "Lei veniva strapagata godendosi la promozione ma noi facevamo il lavoro sporco, vendevamo più dischi e più concerti all'estero ma, chissà perché, lei era quella maggiormente sotto i riflettori"[27].

Nel 1985, durante le riprese del video di Material Girl, Madonna conosce l'attore Sean Penn, con il quale si sposa il giorno del suo 27º compleanno, il 16 agosto 1985, in una cerimonia sulla spiaggia di Malibù.[28] Il 28 dicembre 1988, Madonna denuncia allo sceriffo di Malibù il marito, con l'accusa di violenza domestica; l'accusa è stata poi ritirata.[29] Nel gennaio del 1989, i due firmano le carte per il divorzio.[30] Subito dopo il divorzio da Penn, Madonna inizia una relazione con l'attore Warren Beatty, conosciuto nel 1989 sul set del film Dick Tracy.[28] Negli anni novanta frequenta brevemente anche il campione di basket Dennis Rodman e il modello Tony Ward.[31]

Nel settembre 1994, al Central Park di New York, Madonna incontra quello che sarebbe diventato il suo personal trainer, Carlos Leon, con cui inizia ben presto una relazione. Il 14 ottobre 1996 la cantante dà alla luce a Los Angeles la sua prima figlia, Lourdes Maria, ma questo non la tiene legata al compagno, da cui si separa quasi subito.

Madonna canta Hung Up allo Sticky & Sweet Tour

A inizio 1999 Madonna conosce il regista Guy Ritchie, tramite l'amico comune Sting. I due hanno un figlio, Rocco John, che nasce l'11 agosto 2000. Il 22 dicembre dello stesso anno Madonna sposa Ritchie nella cornice dello Skibo Castle in Scozia.[32] In seguito al matrimonio, la cantante trasloca dagli Stati Uniti per risiedere a Londra. Nell'ottobre del 2006, dopo una visita in Africa per sostenere un progetto umanitario finalizzato alla costruzione di un orfanotrofio e per portare avanti una campagna di prevenzione dell'AIDS, assieme al marito ha adottato un bambino orfano di madre, David Banda, originario del Malawi, nato il 24 settembre 2005. L'adozione del bambino ha generato polemiche sulla stampa per presunte violazioni delle leggi locali in tema di adozione. Madonna ne parlò, nello stesso ottobre, nel talk show di Oprah Winfrey, affermando che non esistevano leggi scritte in Malawi che regolavano le adozioni estere e sottolineando il fatto che il bimbo, quando lei l'ha incontrato, soffriva di una grave forma di polmonite e che era già sopravvissuto alla malaria e alla tubercolosi.[33] Nell'ottobre del 2008 viene annunciato ufficialmente il divorzio tra la cantante e Guy Ritchie.

Nel 2007 la supermodella e attrice Jenny Shimizu ha dichiarato di essere stata amante della cantante.[34][35] Nel 2009 Madonna ottiene il via libera per una seconda adozione in Malawi e diventa madre di Mercy James.[36] Tra il 2010 e il 2013 è stata legata al ballerino francese Brahim Zaibat, che ha preso parte anche al suo MDNA World Tour.[37]

Nel 2016 Madonna adotta le gemelle Stella e Estere Mwale.[38] Madonna si è trasferita a Lisbona, in Portogallo, nel 2017, alla ricerca di una grande accademia calcistica per ragazzi per suo figlio David, che voleva diventare un calciatore professionista.[39] Nello stesso anno inizia ad occuparsi attivamente di politica, distinguendosi per virulenti attacchi a Donald Trump. Durante la campagna elettorale che vide Trump opposto a Hillary Clinton, Madonna dichiarò pubblicamente che avrebbe offerto sesso in cambio di voti a favore della candidata democratica[40]. In seguito, durante la 'marcia delle donne' del 21 gennaio 2017, disse di aver spesso pensato di mettere una bomba alla Casa Bianca[41].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

1970-1980: Gli esordi a New York[modifica | modifica wikitesto]

Con soli 35 dollari in tasca e nessun posto dove vivere, nel 1977 si reca a New York[42] desiderosa di studiare danza dal coreografo Alvin Ailey.[43][44][45] Per alcuni mesi è costretta a dormire sul divano di una sua amica, fino a quando, grazie ai pochi soldi guadagnati con gli umili lavori che riesce a trovare, prende in affitto un monolocale.[20] Nel nuovo quartiere la derubano più volte e subisce un grande shock: viene aggredita e stuprata da alcuni sconosciuti vicino alla scuola di danza che frequentava.[46]

Cercando di adattarsi a vivere nella grande città, fa diversi lavori, come quello della modella per studenti di pittura o per fotografi, i quali vendettero anni dopo le immagini inedite dell'artista a Playboy e Penthouse. Durante questo periodo Madonna frequenta Dan Gilroy, con il quale forma la band dei Breakfast Club.[47]. Diventa batterista del gruppo, poi cantante, e nel frattempo collabora alla stesura di alcune canzoni. Inoltre realizza numerose performance con compagnie di danza moderna tra cui la Alvin Ailey and the Walter Nicks dancers.

Nel 1979 viene contattata da Patrick Hernandez e vola a Parigi per partecipare come corista e ballerina al brano Born to Be Alive.[20] Durante il soggiorno francese, alcuni produttori intravedono le potenzialità di Madonna e decidono di farne una starlette da discoteca, ma lei, stanca dell'ambiente, ritorna a New York. Durante il periodo francese, Madonna partecipa come voce comprimaria e corista alla realizzazione di un disco, Wild Dancing, del cantante Otto Won Werner. Il disco, con suoni tecno-punk rock, uscirà nei negozi solo nel 1986. Intanto, più per sbarcare il lunario che per velleità artistiche, fa il suo debutto nel cinema: recita in L'oggetto del desiderio, un thriller erotico di Stephen Jon Lewicki, per il quale ottiene un compenso di soli 100 dollari. Il film esce solo nel 1985, ai tempi del successo di Like a Virgin, e Madonna cerca inutilmente di evitarne la distribuzione.[48] Nel 1980 decide di abbandonare i Breakfast Club e, insieme al fidanzato Stephen Bray, fonda un gruppo chiamato Emmy.[47].

1982-1985: I primi successi e Like a Virgin[modifica | modifica wikitesto]

«Le persone non sanno ancora quanto io sia brava, ma lo scopriranno presto. Nel giro di qualche anno tutti lo sapranno. Ho progettato di diventare una delle star più grandi di questo secolo.»

(Madonna nel 1983 in un'intervista con J. Randy Taraborrelli[49])

Dopo la rottura con Bray, Madonna cambia genere e inizia a scrivere e produrre brani dance che ottengono una certa fama nei club della Grande Mela. È in questo periodo che un demo di Madonna e Bray, dal titolo Everybody, arriva all'attenzione del popolare dj e produttore Mark Kamins, che porta, a sua volta, la cantante all'attenzione della Sire Records e del suo proprietario Seymour Stein[50] che le propone un contratto discografico.[51]

Il vestito indossato per la copertina dell'album di Like a Virgin è esposto all'Hard Rock Cafe di Miami.

Firmato il contratto con la Sire Records, nell'ottobre 1982, Madonna pubblica il suo primo singolo, Everybody, che ottiene anche una buona programmazione nelle radio R&B, facendo pensare inoltre che Madonna sia un'artista di colore. Everybody riesce a raggiungere la posizione numero 3 della Billboard Hot Dance/Club Party Chart[52]. Nello stesso anno Madonna incontra John Benitez, il quale produrrà insieme a lei Holiday, una delle sue canzoni di maggior successo degli anni ottanta, la prima hit ad entrare in classifica anche nei paesi europei.

Il secondo singolo, pubblicato nel 1983, è Burning Up, che riesce a raggiungere la numero 3 della Billboard Hot Dance/Club Play Chart. Nel luglio dello stesso anno Madonna pubblica il suo primo album, intitolato semplicemente Madonna, che negli Stati Uniti viene certificato con cinque dischi di platino.[53] L'album raggiunge la notorietà e un elevato numero di vendite soprattutto dopo la rotazione dei video dei singoli sulla neonata MTV, che permettono così di promuovere in tutto il mondo l'immagine punk/rock di Madonna. Un mese dopo la pubblicazione dell'album esce il terzo singolo, Holiday, che rappresenta il primo vero successo della cantante. Il brano infatti raggiunge la posizione numero 16 della Billboard Hot 100 ed è la prima Top 20 di Madonna in molti paesi.[54]. Nel 1983 Madonna si esibisce per la prima volta in Italia, in Sardegna nella discoteca "Biggest" a Samassi. Grazie ad un tour musicale trasmesso in tv dalla Rai nella trasmissione "Discoring", Madonna fece l'ultimo live in una discoteca proprio nell'allora famoso locale sardo. Lo stesso look sfoggiato la sera verrà poi indossato anche nel film che la vedrà protagonista nel 1985. Si esibì con "Holiday", singolo che in Italia non era ancora uscito.[55][56][57]

Nel 1984 vengono pubblicati altri due singoli, destinati anch'essi alla top 10: Borderline e Lucky Star. Lucky Star è il primo singolo dei sedici consecutivi ad entrare nella top five della classifica statunitense.[58] Nel 1984 Madonna pubblica il suo secondo album, Like a Virgin che riesce a raggiungere la posizione numero 1 della "Billboard Top 200 Albums Chart".[59] Lanciato soprattutto dal successo della title track, Like a Virgin, al primo posto per sei settimane negli Stati Uniti e in molti paesi del mondo, diventa un successo planetario che rappresenta il vero successo mondiale per Madonna, sia grazie anche agli altri singoli estratti (Material Girl, Angel e Dress You Up) che per l'immagine di Madonna che si trasforma da sensuale e provocante, nel video di Like a Virgin, ad ironica, nell'interpretazione di una novella Marilyn Monroe, nel video di Material Girl, termine coniato dai media a cui paragonano la popstar.[60] L'album ha venduto un totale di 21 milioni di copie nel mondo.[61]

Like a Virgin ha avuto un enorme successo negli Stati Uniti, dove ha venduto oltre 10 milioni di copie ed è stato certificato disco di diamante nel 1999.[62] Like a Virgin ha venduto nel mondo oltre 21 milioni di copie.[63] Grazie a quest'album Madonna riceve il suo primo "MTV Video Music Award": il prestigioso "Video Vanguard Award" per il grande impatto nel mondo dei video.[64] Per quanto riguarda l'impatto dell'album e dell'omonima traccia, Madonna ha dichiarato: "Sono stata sorpresa dal modo in cui la gente ha reagito a "Like a Virgin" perché quando ho scritto quella canzone, per me, stavo cantando su come qualcosa mi ha fatta sentire in un certo modo - nuova e fresca - e tutti l'hanno interpretato come 'Io don non voglio più essere vergine. Fottimi il cervello!' Non è quello che ho cantato affatto. "Like a Virgin" è sempre stato assolutamente ambiguo."[65][66] Nel 1985 Madonna riprova con la carriera cinematografica con una breve apparizione come cantante, in un club, nel film Vision Quest (in Italia e per il mercato europeo è stato tradotto come Crazy for you), in cui presenta nella colonna sonora Crazy for you, canzone che riceve anche una nomination ai Grammy Awards, e Gambler che ottiene un buon successo in alcuni paesi.[67]

Madonna con la propria band durante il Virgin Tour nel 1985

Nel 1985 Madonna ha il ruolo da protagonista, nel film Cercasi Susan disperatamente, che ottiene un buon successo commerciale negli Stati Uniti e grazie al quale riceve buone critiche per la recitazione.[68][69] Il film è da ricordare soprattutto per la colonna sonora che contiene la canzone Into the Groove, che regala a Madonna la sua prima numero uno nella classifica inglese e diventa un grande successo in molti Paesi europei.[70][71] Intanto, nello stesso anno, vengono ristampati Like a Virgin, proprio con l'aggiunta di Into the Groove, e il primo album della star, ripubblicato con il titolo di The First Album e con una copertina ed un artwork diversi dall'originale del 1983.

Nello stesso periodo Madonna parte per il suo primo tour, il Virgin Tour[72] che toccherà solo le principali città americane e canadesi, riscontrando un enorme successo: in questo tour viene accompagnata da un giovane gruppo hip hop, i Beastie Boys.[73] Nel 1985 Madonna parteciperà inoltre con la sua performance al Live Aid, concerto benefico a favore dell'Africa, interpretando Holiday, Into the Groove e presentando in anteprima il brano Love Makes the World Go Round, successivamente pubblicato nell'album True Blue.[74][75]

1986-1988: True Blue e Who's That Girl?[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 1986 Madonna pubblica il suo terzo album, True Blue.[76] È il primo album di un'artista femminile ad entrare direttamente alla numero 1 della "Billboard Top 200" ed è anche l'album in studio più venduto di Madonna con oltre 25 milioni di copie, 7 delle quali vendute negli Stati Uniti dove è stato certificato 7 volte disco di platino.[77].

Madonna nel 1987 durante uno show a Rotterdam

Dall'album sono stati estratti Live to Tell, Papa Don't Preach, True Blue, Open Your Heart e La Isla Bonita.[67][78] Il singolo Papa Don't Preach ha scatenato le ire delle associazioni abortiste.[79] La portavoce della National Organization of Women critica pesantemente il testo della canzone e Madonna stessa chiedendole di lasciare qualche dichiarazione o di fare un brano a sostegno dell'aborto.[80] Le associazioni anti-abortiste, invece, elogiano la cantante, e Susan Carpenter-McMillan, presidente della Feminists for Life sostiene che con questa canzone Madonna ha mostrato alle donne e giovani ragazze madri che esiste un'alternativa all'aborto, ovvero tenere il figlio.[81]

Nel 1986 Madonna recita nel film Shanghai Surprise accanto al neo-marito Sean Penn e, nel 1987, come protagonista nel film commedia Who's That Girl, che si rivela un flop al botteghino negli Stati Uniti. Ma la colonna sonora ha un grande successo di vendite (disco di platino negli Stati Uniti[53]). Quattro dei 9 brani dell'album sono interpretati dalla stessa Madonna: Who's That Girl (che raggiunge la numero 1 della classifica americana), Causing a Commotion, The Look of Love e Can't Stop. I film furono entrambi pesantemente stroncati dalla critica, tanto che nel 1987 Madonna si guadagna il premio come peggior attrice ai "Golden Raspberry Awards".[82] Dopo il cinema, Madonna fa il suo esordio nel teatro, recitando a Broadway nella commedia Goose & Tomtom (scritta da David Rabe e diretta da Gregory Mosher), anche stavolta al fianco del marito Sean Penn e dell'attore Harvey Keitel.[83]

Per la prima volta Madonna scrive una canzone per un altro artista: si tratta di Nick Kamen, giovane modello inglese, al quale la star regala il brano Each Time You Break My Heart, pubblicato sull'omonimo album del cantante esordiente dove la cantante partecipa come seconda voce. Nell'estate del 1987 Madonna intraprende il suo primo tour mondiale Who's That Girl Tour che in 38 date tocca Giappone, Nord America e Europa.[84] Alla fine del 1987 Madonna pubblica una raccolta remixata di alcuni dei suoi precedenti successi, intitolata You Can Dance, che vende sei milioni di copie nel mondo e viene certificata disco di platino negli Stati Uniti.[53]>[85] Intanto appare di nuovo sullo schermo nel film I maledetti di Broadway che vedrà la luce solo in vhs per la prematura scomparsa del regista Howard Brookner, e insiste nella carriera teatrale con la commedia di David Mamet Speed the Plow, al fianco di Joe Mantegna.

1988-1989: Like a Prayer[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1989 pubblica il suo quarto album in studio, Like a Prayer, il terzo consecutivo a raggiungere la vetta della classifica statunitense.[86] Dall'album vengono estratti sei singoli: Like a Prayer, Express Yourself, Cherish, Keep It Together, Dear Jessie e la top 20 hit Oh Father. L'album contiene anche Love Song, in cui Madonna duetta con Prince, il quale, non accreditato, suona anche la chitarra elettrica in diversi brani del disco come Like a Prayer, Keep It Together e Act of Contrition.[26]. Con Like a Prayer Madonna sperimenta diversi stili musicali, con incursioni nel rock, nell'R&B, e nel gospel, e viene giudicato molto positivamente dai critici. L'album vende oltre quindici milioni di copie e viene certificato quattro volte disco di platino negli USA.[53]

Il video musicale del singolo omonimo, Like a Prayer, viene aspramente criticato, perché giudicato "sacrilego" (nel video Madonna bacia la statua di un santo di colore che si anima, appare con le sacre stigmate e danza davanti a delle croci in fiamme), prima da alcune associazioni cristiane americane e in seguito dallo stesso Vaticano che "impedisce" a Madonna di recarsi in Italia e censura il video.[87] Nonostante le varie controversie il singolo Like a Prayer è divenuto uno dei singoli più venduti della storia.[63] Poco prima dell'uscita dell'album, Madonna aveva firmato un contratto da cinque milioni di dollari per la campagna promozionale della Pepsi, girando un suggestivo spot (a cui Like a Prayer faceva da colonna sonora), in cui la star rievocava la propria infanzia. A causa dello scandalo suscitato dal video la Pepsi decise di rescindere il contratto con Madonna, cancellando gli spot in programmazione e rifiutando la sponsorizzazione del Blond Ambition Tour (che andò invece alla Pioneer); per contro, durante un passaggio del video di Oh Father si nota su un muro un maxi-poster pubblicitario della Coca Cola, principale avversario della Pepsi.[88][89]

1990-1991: Vogue, il Blond Ambition Tour e The Immaculate Collection[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990, Madonna interpreta Breathless Mahoney nel film Dick Tracy al fianco di Warren Beatty.[90] Il film ottiene un buon successo commerciale e Madonna ottiene critiche positive per l'interpretazione del suo ruolo di vamp.[91][92] L'album di Madonna I'm Breathless contiene tre brani della colonna sonora di Dick Tracy (Sooner or Later, More, e What Can You Lose)[93] e altri ispirati alle atmosfere della pellicola. Dall'album vengono estratti due singoli, Hanky Panky e Vogue; lanciato nell'aprile del 1990, quest'ultimo vende quasi sei milioni di copie.[94] Nel videoclip di Vogue, Madonna si esibisce nel vogueing, un ballo che la cantante aveva scoperto in un locale di Chelsea, il Sound Factory. Affascinata dal ballo, allora diffuso tra la comunità LGBT di New York, assume alcuni ballerini del locale e inizia a comporre Vogue in onore del ballo che da quel momento diventerà famoso in tutto il mondo.[95] Originariamente dall'album dovevano essere estratti anche Sooner or Later e Now I'm Following You, anch'essa contenuta nel film ma interpretata da Andy Paley. L'album contiene anche Something to Remember, inclusa nell'album omonimo uscito nel 1995.

Madonna durante una tappa del Blond Ambition Tour nel 1990

Nell'aprile 1990 Madonna parte anche per il suo secondo, e più trasgressivo, tour mondiale, il Blond Ambition Tour.[96] Il tour tocca, come nel Who's That Girl Tour, il Giappone, Nord America ed Europa. Il tour vienne accolto positivamente dalla critica, che lo definisce il "miglior tour degli anni novanta".[97]

Alla fine del 1990 Madonna pubblica uno dei suoi massimi successi, dal titolo The Immaculate Collection.[98] La raccolta include quindici successi, più due inediti che raggiungono la top ten statunitense; Rescue Me e Justify My Love (scritta in collaborazione con Lenny Kravitz) che con il suo contenuto erotico e il suo provocante video, censurato da MTV, anticipa la cosiddetta "fase sex" della carriera di Madonna. L'album vende trenta milioni di copie nel mondo e viene certificato disco di diamante negli Stati Uniti.[62] The Immaculate Collection uscì anche come raccolta di videoclip (in VHS e Laser Disc, fu pubblicato in DVD nel 1999), che raggiunse negli USA il triplo platino. Il videoclip di Justify My Love è il video distribuito su VHS più venduto della storia.[63][99]

Nel 1991 Madonna è protagonista del film-documentario, A letto con Madonna, presentato in anteprima al Festival di Cannes di quell'anno, che racconta i retroscena durante i concerti del Blond Ambition Tour.[100] Nel film, che alterna immagini sul palco e dietro le quinte, la personalità e la vita privata di Madonna vengono esplorate nei più intimi dettagli. I ballerini del Blond Ambition Tour Oliver Crumes, Kevin Stea e Gabriel Trupin hanno fatto causa alla popstar per frode e violazione della privacy per aver incluso nel documentario delle scene che la popstar aveva promesso di non montare.[101] Nel 1992, Madonna appare nel film Ragazze vincenti con Tom Hanks e Geena Davis. Il film ottiene un discreto successo e la canzone principale della colonna sonora del film, This Used to Be My Playground, pubblicata nella compilation celebrativa dei Giochi Olimpici di Barcellona, Barcelona Gold, diventa una hit mondiale ed è la decima numero uno di Madonna nella classifica statunitense dei singoli.[102] Nello stesso anno Madonna partecipa alla compilation Red Hot + Dance con un remix del brano inedito Supernatural (che, nella sua versione originale, era già stato pubblicato come b-side del singolo di Cherish).

1992-1993: La fase Sex, Erotica e The Girlie Show Tour[modifica | modifica wikitesto]

Il 1992 costituisce la fase più controversa della carriera di Madonna. Secondo quella che appare come una ben calcolata strategia multimediale, escono, nello spazio di alcuni mesi, il libro fotografico Sex, l'album Erotica e il film Body of evidence - Corpo del reato diretto da Uli Edel. Le foto di Sex, opera di Steven Meisel, intendono rappresentare le fantasie sessuali della cantante, molte delle quali di natura sadomaso e omosessuale.[103] Tra le comparse, figurano Naomi Campbell, Isabella Rossellini e il rapper Vanilla Ice.[63] Il libro contiene anche dei testi nello stesso spirito delle immagini e un CD con il brano Erotic, una versione speciale del singolo Erotica. Il libro ha un'enorme eco a livello internazionale ed è presto esaurito. Oggi fuori stampa, è diventato un oggetto da collezionisti.

Madonna si esibisce con Express Yourself durante il The Girlie Show Tour del 1993

Nell'ottobre del 1992 esce l'album Erotica, il quinto realizzato in studio dalla cantante, co-prodotto da Madonna, Shep Pettibone e André Betts.[104][105] Il primo singolo estratto dall'album è Erotica, che presenta un testo abbastanza spinto ed audace in cui Madonna si presenta come Mistress Sadomaso che si prefigge di insegnare le arti del piacere erotico.[106] Seguono i singoli Deeper and Deeper, Bad Girl, Fever (cover in stile pop/dance del celebre pezzo jazz di Peggy Lee pubblicata come singolo soltanto per il mercato europeo), Rain e Bye Bye Baby.

L'album viene certificato doppio disco di platino negli Stati Uniti e vende oltre cinque milioni di copie: cifra notevole per qualunque altro artista, ma ben al di sotto delle vendite degli album precedenti della cantante, tanto che numerosi critici considerano la carriera di Madonna ormai in declino.[53][63] In seguito ad un rifiuto della Warner Bros. Records di darle una parte dei profitti ricavati con gli album fino ad allora pubblicati, Madonna li convince a finanziare il progetto "Maverick Records", una casa discografica fondata dalla cantante insieme a Freddy DeMann, co-presidente dell'etichetta che ha fornito 20 milioni di dollari di budget per la realizzazione della società.[20][107] Erotica è il primo album di Madonna ad essere stato pubblicato dalla sua etichetta.

Il flop del film Body of evidence - Corpo del reato (1993) sembra confermare le cattive voci. Il film, che racconta della relazione tra una gallerista accusata di omicidio e il suo difensore, viene definito eccessivamente esplicito nelle scene di sesso (spesso sadomaso) tra i protagonisti.[108][109] Per la promozione italiana del film, Madonna arriva in Italia, a Roma, il 23 gennaio 1993 e partecipa, per la prima volta in uno show televisivo italiano (seppure fosse già apparsa dieci anni prima alla TV italiana in una puntata di Discoring, per promuovere, da semisconosciuta, il suo singolo di debutto Everybody), alla trasmissione Partita Doppia, condotto da Pippo Baudo, dove in un'intervista esclusiva di circa un'ora, la cantante svela i retroscena del tanto criticato film e risponde ad alcune domande personali. La serata, molto seguita, soprattutto durante la sua apparizione, raggiunge il 42,65% di share con 9.540.000 spettatori, decretandone un vero successo mediatico.[110] Il film fece guadagnare a Madonna un Razzie Award per la peggiore interpretazione dell'anno.[111][112]

Intanto compone il brano Just a Dream per la sua storica corista, Donna DeLory, che lo pubblica nel suo album omonimo da solista.[113] Nel 1993 recita nella commedia di Woody Allen Ombre e nebbia, al fianco di Mia Farrow e John Malkovich e nell'autunno dello stesso anno parte il Girlie Show, il terzo tour mondiale della cantante, che in 38 tappe tocca Europa, Stati Uniti, Giappone e per la prima volta Israele, Turchia, America Latina e Australia. Ancora un'altra prova da attrice, questa volta drammatica, nel film fiasco ai botteghini Occhi di serpente, diretto dal regista Abel Ferrara, con Harvey Keitel e James Russo. E ancora qualche collaborazione discografica: cede al giovane artista Nick Scotti il brano Get Over (originariamente composto come terzo inedito di The Immaculate Collection), che viene pubblicato nel suo album di debutto omonimo; inoltre incide il brano Queen's English con i suoi ballerini Jose Guiterez e Luis Camacho (proprio quelli che indossavano i reggiseni a cono nella performance di Like a Virgin nel Blond Ambition Tour).

1994-1997: Bedtime Stories e Evita[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del 1994 Madonna pubblica il singolo di successo I'll Remember (incluso nella colonna sonora del film 110 e lode, diretto dal suo amico Alek Keshishian) e nel mese di ottobre pubblica Bedtime Stories, caratterizzato da sonorità R&B e co-prodotto da Dallas Austin e Nellee Hooper, che vende 145.000 copie nella prima settimana.[63] L'album, alla fine del 1995, è certificato triplo disco di platino negli Stati Uniti.[53] Il singolo Secret, che anticipa l'album e l'altro fortunatissimo singolo Take a Bow co-prodotto con Babyface, mantiene la vetta della classifica Billboard Hot 100 per ben sette settimane consecutive, superando il record di Like a Virgin.[114] Contemporaneamente alla fine dello stesso anno esce un secondo libro fotografico "The Girlie Show". Il libro raccoglie frasi, poesie e pensieri della cantante insieme ad immagini live scattate durante l'omonimo tour del 1993. Nel libro è contenuto anche un cd con tre canzoni registrate dal vivo nel corso della tournée. Il 31 marzo 1994 viene ospitata al David Letterman Show e a causa del linguaggio della cantante, che ripete per ben dodici volte la parola "fuck" nel corso dell'intervista, la puntata diviene la più censurata della storia del canale CBS.[63] Nel febbraio 1995 Take a Bow viene eseguita da Madonna nella sua prima apparizione al Festival di Sanremo.[115]

Opera di Paul Harvey che ritrae Madonna

Da Bedtime Stories vengono estratti inoltre i singoli Bedtime Story, scritta da Björk e Human Nature, nel cui video dichiara di "non avere rimpianti" per gli scandali creati con l'uscita dell'album Erotica e del libro Sex.

Nel 1995 l'attività di Madonna è piuttosto intensa: partecipa alla colonna sonora del film italiano Il postino con la lettura della poesia di Pablo Neruda: If You Forget Me.[116] Realizza come testimonial la sua seconda campagna pubblicitaria per Versace e recita piccole parti nei film Blue in the Face, Four Rooms e, l'anno successivo, Girl 6. Madonna pubblica verso la fine dell'anno Something to Remember, una raccolta delle sue ballate più celebri che comprende anche gli inediti You'll See, I Want You e One More Chance. Il gruppo britannico trip-hop dei Massive Attack collabora nel riarrangiamento di I Want You, cover di una canzone di Marvin Gaye. You'll See raggiunge la top ten della classifica americana e viene pubblicato anche in spagnolo con il titolo Veràs. Nella raccolta è inclusa anche una nuova versione del brano Love Don't Live Here Anymore, lanciato per l'album Like a Virgin solo per il mercato giapponese dieci anni prima. Something to Remember vende oltre otto milioni di copie.

Nel 1996 Madonna ottiene la sua consacrazione anche come attrice, interpretando il ruolo di Evita Perón nel film di Alan Parker Evita basato sul musical di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice.[117][118] Madonna riceve critiche unanimemente molto positive, le migliori da Cercasi Susan disperatamente e si aggiudica un Golden Globe come migliore attrice in un film commedia o musicale.[119] Della colonna sonora Evita vengono pubblicate due edizioni: la prima include una selezione delle canzoni del film mentre la seconda in due CD include tutte le canzoni eseguite. L'album della colonna sonora riscuote un grande successo grazie ai singoli Don't Cry for Me Argentina e You Must Love Me, canzone scritta da Tim Rice e Andrew Lloyd Webber appositamente per il film e che vince il premio Oscar per la migliore canzone.

Nello stesso anno partecipa alla compilation Sweet Relief II con la canzone Guilty by Association, la reinterpretazione di un brano di Vic Chesnutt in cui Madonna fa da corista al cognato Joe Henry. Nel 1997 partecipa alla realizzazione della compilation benefica Carnival!, con il brano inedito Freedom. Cede a Gary Barlow il brano Love Won't Wait, scartato dall'album Bedtime Stories, che viene pubblicato nell'album dell'ex Take That, Open Road.

1998-1999: Ray of Light[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998, pubblica il suo settimo album Ray of Light, co-prodotto da William Orbit.[120][121] L'album, dalle sonorità maggiormente orientate verso la musica techno e dalle atmosfere più introspettive e intimiste dei precedenti lavori,[122] che riceve ottime critiche e viene acclamato come il miglior album dai tempi di Like a Prayer, vende oltre venti milioni di copie e viene certificato quattro volte disco di platino negli Stati Uniti.[53][63] Frozen, singolo che anticipa l'uscita dell'album, raggiunge la top five americana così come il secondo singolo Ray of Light per il quale Madonna vince tre Grammy Awards.[17] Il singolo Ray of Light ha venduto 371.000 copie nella sua prima settimana di pubblicazione.[63]

Agli MTV Video Music Awards 1998 si esibisce in Ray of Light simulando una scena di sesso con il viso ornato da immagini indù simbolizzanti castità e purezza. Questo gesto scatena i dissensi della World Vaishnava Association, che si dice offesa a nome di tutti gli induisti dall'esibizione della cantante.[63] Il terzo singolo estratto è Drowned World/Substitute for Love che però non viene pubblicato negli Stati Uniti. Il video della canzone viene pesantemente criticato per la somiglianza negli eventi che ricordano la morte di Lady Diana. Gli altri singoli estratti dall'album sono The Power of Good-Bye[123] e Nothing Really Matters[124] nel cui video Madonna veste i panni di una geisha. Nello stesso anno partecipa a un altro album benefico, A Gift of Love, per il quale interpreta Bittersweet, una poesia del poeta persiano Gialal al-Din Rumi. Nel 1999 Madonna pubblica la top twenty hit Beautiful Stranger, scritta e interpretata per la colonna sonora del film Austin Powers: La spia che ci provava, e incide Be Careful (Cuidado Con Mi Corazón) con Ricky Martin, pubblicata sull'omonimo album del cantante.

Dopo essersi aggiudicata un altro Grammy Award per il brano Beautiful Stranger,[17] Madonna fa da testimonial per la campagna pubblicitaria della Max Factor, girando il famoso spot in cui bacia l'attore italiano Raoul Bova. Alla fine del 1999 viene pubblicata la raccolta di videoclip The Video Collection 93:99, un'ideale continuazione del video The Immaculate Collection del 1990, contenente quattordici videoclip da Bad Girl fino a Beautiful Stranger.

2000-2002: Music e il Drowned World Tour[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 Madonna recita come protagonista nel film Sai che c'è di nuovo?, insieme a Rupert Everett. Riadatta per la colonna sonora, e pubblica come singolo, una cover del celebre successo degli anni settanta di Don McLean, American Pie che raggiunge presto la vetta delle classifiche internazionali. Nella colonna sonora del film è presente un ulteriore inedito registrato dalla popstar, la ballata Time Stood Still. Nel 2000 Madonna pubblica un nuovo album, Music,[125] in cui si propone, rispetto alla veste spirituale di Ray of Light, in una versione dance-pop-country.[126][127] A seconda dei paesi in cui viene pubblicato, l'album presenta anche Cyberraga, o American Pie. Music ha debuttato alla numero uno della Billboard 200, registrando 420.000 copie vendute nella prima settimana. Vengono estratti solo 3 singoli (Music, Don't Tell Me e What It Feels Like for a Girl), e con il Drowned World Tour,[128] è stata pubblicata un'edizione speciale dell'album con delle bonus tracks. In totale Music ha venduto undici milioni di copie.[63]

Madonna nel 2001 durante uno show del Drowned World Tour

Il singolo omonimo Music è diventato la dodicesima numero uno statunitense della popstar, mentre il video di What It Feels Like for a Girl è stato giudicato come controverso e censurato da MTV per le scene di violenza e di morte, anche se l'obiettivo del video era di mettere in risalto il fatto che la violenza da parte degli uomini non è censurata, mentre da parte delle donne sì.[63] Nel 2001 Madonna è stata in tour, dopo otto anni dal Girlie Show del 1993, con il Drowned World Tour e da cui successivamente è stato pubblicato un DVD che contiene il concerto tenuto a Detroit. Per l'occasione è stata pubblicata una nuova edizione dell'album Music e sono stati rimasterizzati i primi tre album di Madonna con l'aggiunta di alcuni remix.[128]

Nel novembre del 2001 Madonna pubblica GHV2 (Greatest Hits Volume 2), seconda raccolta della popstar che presenta una selezione di 15 successi dal 1992 al 2001, ma senza nessun brano inedito.[129] Dopo il tour, Madonna viene diretta da Guy Ritchie in uno spot per la campagna promozionale della BMW dal titolo Star in cui interpreta un'arrogante rock star che licenzia i suoi due autisti personali. Nel 2002 Madonna recita nel ruolo che fu di Mariangela Melato nel remake del film di Lina Wertmüller, Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto, diretto da Guy Ritchie. Travolti dal destino, stroncato dalla critica cinematografica, risultando anche un fiasco negli incassi, fa guadagnare alla coppia protagonista due Razzie Awards.[111][130]

Nell'ottobre del 2002 Madonna pubblica come singolo Die Another Day, tema principale della colonna sonora del 20º film di James Bond, La morte può attendere, e nominato per il Golden Globe come "migliore canzone originale".[131] Madonna recita anche un breve cameo nel film La morte può attendere, nel ruolo di un'istruttrice di scherma, vincendo così un Razzie Award come peggior attrice non protagonista.[111]

2003-2004: American Life e il Re-Invention Tour[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2003 esce l'album American Life, disco con sonorità elettronico-acustiche e con testi di natura politica e spirituale.[132][133][134] Scoppiano le polemiche legate alla prima versione del video American Life che, ambientato nel corso di una surreale sfilata di moda in cui i modelli sfilano in divise militari e in cui vengono mostrate scene violente di guerre, esplosioni e morti, pochi giorni prima dell'uscita ufficiale viene ritirato e sostituito con un'altra versione "innocua" in cui, al posto delle scene di guerra, Madonna esegue il brano ripresa in primo piano con l'alternanza di bandiere di vari paesi sullo sfondo. La nuova versione, pubblicata nello stesso momento in cui partono le prime spedizioni contro l'Iraq, non fa placare le polemiche e molti cittadini interpretano il video come anti-americano. Ne consegue il boicottaggio da parte delle radio statunitensi.[63]

Madonna in una tappa del Re-Invention Tour

Il secondo singolo è Hollywood in cui Madonna parla della vanità del successo e critica il mondo di Hollywood. Esce anche il singolo Nothing Fails, un'intensa ballata accompagnata da un coro gospel, che però non è illustrato da nessun video, mentre il quarto e ultimo estratto dall'album è Love Profusion il cui video è stato girato da Luc Besson. La canzone è stata anche usata per la pubblicità del profumo Beyond Paradise di Estée Lauder. American Life ottiene un discreto successo nel mondo, ma non negli Stati Uniti, dove arriva appena a un milione di copie.[53][135] Intanto si esibisce con Britney Spears, Christina Aguilera e Missy Elliott in una performance molto discussa agli MTV Video Music Awards, in cui le quattro artiste eseguono un medley di Like A Virgin e Hollywood. Durante l'esibizione Madonna bacia sulla bocca Spears e Aguilera. La performance diventerà una delle più memorabili della storia di MTV.[136][137] Pochi mesi dopo Madonna collabora nuovamente con Spears, con la quale incide il brano top ten Me against the Music, che verrà incluso nell'album della giovane artista In The Zone.[138]

Nel 2003 Madonna pubblica Le rose inglesi primo libro di una collana di libri di fiabe i cui proventi sono destinati all'associazione Spirituality for Kids.[139] Nel novembre del 2003 viene pubblicato l'EP Remixed & Revisited, che contiene alcuni remix di brani tratti dall'album American Life e un inedito. In quello stesso anno Madonna è con Missy Elliott testimonial della catena d'abbigliamento GAP (nei negozi della catena viene distribuito un CD promozionale, Madonna & Missy). Nel 2003 partecipa anche a un episodio della quinta serie del telefilm Will & Grace, intitolato "Bambole & Bambole" in cui Madonna interpreta il ruolo di Liz, coinquilina di Karen. Nel 2004 parte per il Re-Invention Tour[140] con 56 date in Nord America ed Europa incassando 125 milioni di dollari, e viene inserita nella Uk Hall of fame come uno dei cinque membri fondatori.[141] Il tour nasce dall'idea concepita da Madonna e dal suo team di "rivisitare" i più importanti momenti della carriera musicale della popstar. I retroscena della vita di Madonna e della sua famiglia durante il tour sono raccontati nel film-documentario I'm Going to Tell You a Secret, pubblicato in DVD solo nel 2006.[142]

Il 26 dicembre 2004, subito dopo lo tsunami in Asia, Madonna appare in uno special della NBC interpretando Imagine di John Lennon.[143] Il 2 luglio 2005 partecipa a Londra al concerto benefico organizzato da Bob Geldof, il Live 8, che segue l'ideale del Live Aid del 1985, seguendo tre grandi successi: Like a Prayer, Ray of Light e Music.[144]

2005-2007: Confessions on a Dance Floor e il Confessions Tour[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2005 Madonna pubblica Confessions on a Dance Floor, il suo decimo album in studio, co-prodotto da Madonna, Stuart Price, Mirwais Ahmadzaï e Bloodshy & Avant.[145]Confessions on a Dance Floor segna il ritorno di Madonna alla dance e al genere degli esordi, e debutta alla posizione numero uno della Billboard 200, con 350.000 copie vendute nella prima settimana, raggiungendo la vetta in altri 39 paesi, diventando l'album con maggiori numero uno della storia.[63] In meno di tre mesi vende oltre 6 milioni di copie.[146] L'album riceve le migliori recensioni e critiche dall'uscita di Ray of Light. Il primo singolo, Hung Up diviene la canzone con un maggior numero di primi posti in classifica della storia grazie al raggiungimento della vetta in cinquanta paesi.[147] Questo record sarà eguagliato l'anno successivo da Hips Don't Lie di Shakira ft. Wyclef Jean. Il brano diviene inoltre il singolo di maggior successo della carriera di Madonna.

Madonna esegue Hung Up durante una tappa del Confessions Tour del 2006

Il 17 febbraio viene pubblicato il secondo singolo, Sorry, il cui video rappresenta il seguito di Hung Up; mentre il 16 giugno 2006 il terzo singolo estratto da Confessions on a Dance Floor, Get Together. Nella stessa data è uscito il cofanetto I'm Going to Tell You a Secret composto da un CD live (il primo nella carriera di Madonna) contenente alcune canzoni eseguite durante il Re-Invention Tour del 2004 e un DVD con il documentario I'm going to tell you a secret (che racconta i retroscena della tournée). Nell'estate del 2006 Madonna si è esibita con il suo Confessions Tour con 60 date in Nord America, Europa e Giappone.[148] Il tour, registrando il tutto esaurito in tutte le sue date, è il tour di un'artista femminile che ha raggiunto i maggiori incassi della storia della musica. A fine gennaio 2007 esce il cofanetto The Confessions Tour (certificato in Italia già disco di platino solo dalle prenotazioni precedenti l'uscita ufficiale dell'album), che comprende un DVD con il concerto del Confessions Tour e un CD con tredici tracce tratte dall'esibizione. Per promuovere il disco solo per le radio sono stati diffusi i singoli Future Lovers/I Feel Love e Music Inferno. Music Inferno è una delle poche canzoni remixate cantate dal vivo in un concerto ad avere successo nella storia della musica.[149]

Successivamente le viene assegnato il suo sesto Grammy Award per l'album Confessions on a Dance Floor nella categoria Miglior album dance/elettronico.[17] Per il 2007 Madonna disegna la nuova linea "M by Madonna" per l'azienda di abbigliamento svedese H&M. La linea, uscita nel marzo 2007, è promossa da una campagna pubblicitaria in cui Madonna indossa gli abiti da lei stessa disegnati, le cui foto sono state realizzate da Steven Klein, fotografo di Vogue USA. Il 16 maggio Madonna pubblica Hey You, brano co-prodotto da Madonna e Pharrell Williams scaricabile solo dal web dal sito del Live Earth, concerto evento organizzato da Al Gore per il 7 luglio a favore della difesa dell'ambiente, i cui proventi sono devoluti a questa causa. Al concerto di Londra nel nuovo Stadio di Wembley oltre a Hey You,[150] Madonna ha eseguito una nuova versione di La isla bonita con i Gogol Bordello; Ray Of Light e Hung Up. Hey You sarà poi inserita nella compilation del Live Earth mentre La isla bonita nella versione con i Gogol Bordello sarà inserita nel DVD con i concerti della manifestazione.

Grande scalpore fece la scelta di Madonna di "crocifiggersi" durante il Confessions Tour

Collabora con Annie Lennox, Anastacia ed altre venti cantanti, alla realizzazione della canzone Sing contenuta nell'album Songs of Mass Destruction. Nell'estate del 2007 Madonna dirige il suo primo film, intitolato Sacro e profano, presentato nel febbraio 2008 al Festival di Berlino, e in quello stesso autunno, in rottura con la sua storica casa discografica Warner Bros., sigla un contratto di 120 milioni di dollari con Live Nation, colosso americano che si occupa della gestione dei concerti di migliaia di artisti.[151] Il contratto prevede una durata di dieci anni e comprende tutti i progetti futuri di Madonna, tra cui tre nuovi album in studio, tre tour, eventuali raccolte, e la possibilità di sfruttare il "marchio Madonna". La Warner Bros. continuerà comunque a gestire la pubblicazione del catalogo di Madonna 1982-2008.[151]

Durante lo svolgimento del tour, Madonna fonta l'associazione di beneficenza Raising Malawi, e adotta un bambino chiamato David Banda nell'ootobre del 2006,[152] adozione conclusa ufficialmente nel maggio 2008.[153][154]

2008-2009: Hard Candy e Celebration[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 febbraio 2008 Madonna vince il suo settimo Grammy Award per il DVD The Confessions Tour nella categoria Best Long Form Music Video, mentre esattamente un mese dopo diventa membro della Rock and Roll Hall of Fame.[155][156] Nel marzo 2008 viene lanciato in tutto il mondo 4 Minutes, primo singolo che precede l'uscita dell'album Hard Candy. Il brano, eseguito in duetto con Justin Timberlake e con la collaborazione di Timbaland, a cinque mesi dalla pubblicazione ha raggiunto i due milioni di copie vendute.[53][157][158]

Madonna nel 2009 durante una tappa del Sticky & Sweet Tour

Hard Candy, pubblicato il 25 aprile 2008, vede una grande partecipazione di Timberlake, che ha co-scritto cinque tracce, in quattro delle quali è presente anche come voce in duetto con Madonna.[159] Questa ennesima mutazione di Madonna la vede collaborare con produttori come Timbaland, Justin Timberlake, Pharrell Williams e Kanye West. Il secondo singolo estratto da Hard Candy è Give It 2 Me (brano a cui partecipa anche il rapper Pharrell Williams) seguito da Miles Away, del quale verrà pubblicato un video con estratti dal vivo tratti dall'ultimo tour. Il 23 agosto di quell'anno, Madonna è partita con il suo ottavo tour mondiale, lo Sticky & Sweet Tour; il tour si è concluso il 21 dicembre 2008 a San Paolo del Brasile, per ripartire nell'estate 2009, toccando alcune città europee.[160] Il tour rimase il primo nella classifica dei tour di un artista singolo con il maggior incasso fino al 2013, quando venne sorpassato da quello di Roger Waters.[161]

Nel 2008 Madonna fa il suo debutto come regista: scrive la sceneggiatura di Sacro e profano e decide di occupare il posto dietro la cinepresa, suo sogno nel cassetto da molto tempo.[159] Il film, presentato al Festival di Berlino, è una commedia che racconta la storia di tre persone che cercano di sbarcare nel mondo dello spettacolo.[162] La pellicola ha ricevuto per lo più critiche negative. Peter Bradshaw del The Guardian ha scritto che «Madonna è stata una terribile attrice in molti, molti film ed ora è passata ad essere una terribile regista.»[163] Una delle poche recensioni positive, è stata quella di James Christopher del The Times di Londra che ha ritenuto il film un esempio del potenziale da regista di Madonna.[159]

Tramite una ricerca effettuata tra il 2000 e il 2009 Madonna risulta essere la celebrità più ascoltata nel Regno Unito, infatti le sue canzoni sono state le più trasmesse dalle radio, battendo così i Beatles, Robbie Williams, e i Take That.[164] A settembre 2009, dopo 27 anni di carriera di Madonna con la Warner, viene pubblicato il terzo greatest hits della cantante dal titolo Celebration, che contiene alcuni dei suoi maggiori successi e viene pubblicato in diverse versioni. Il disco contiene anche due inediti: la title track Celebration, primo singolo della raccolta e il secondo Revolver (nella versione download digitale è presente anche un terzo inedito dal titolo It's So Cool). L'album è l'ultimo lavoro di Madonna con l'etichetta discografica Warner Bros. prima di passare alla casa Live Nation.[165][166]

2010-2012: W.E., MDNA e il MDNA World Tour[modifica | modifica wikitesto]

Madonna nel gennaio 2010 si è esibita con una versione acustica del brano Like a Prayer accompagnata da coro per la manifestazione "Hope For Haiti Now", evento benefico per sostenere la popolazione colpita dal terremoto di Haiti.[167] Madonna produce anche un episodio della prima stagione della serie televisiva Glee, totalmente incentrato sulla sua musica.[168] Insieme alla figlia Lourdes crea la linea di moda Material Girl,[169][170] e nel mese di ottobre fonda alcuni centri benessere sparsi nel mondo, tra cui tre in Italia, chiamati Hard Candy Fitness.[171] Alcuni mesi dopo crea un'altra linea di moda chiamata Truth or Dare.[172] Il 26 marzo è stato pubblicato il DVD dello Sticky & Sweet Tour filmato a Buenos Aires, Argentina.[173]

Madonna durante il MDNA Tour

Nella prima metà del 2012 è prevista l'uscita del film W.E. - Edward e Wallis, del quale l'artista è regista. Il film interpretato da Andrea Riseborough, James D'Arcy e Abbie Cornish, narra la storia d'amore tormentata tra Wallis Simpson e re Edoardo VIII.[174] Il famoso produttore di Hollywood ha così commentato il lavoro della Ciccone: "Madonna ha saputo interpretare in maniera sublime le vicende tormentate che hanno attanagliato la vita di Wallis Simpson, considerata in patria un'amante tormentata e in Inghilterra un'arrampicatrice sociale. È un film che va oltre la semplice biografia o il blando racconto di una storia d'amore: ha quel qualcosa in più che mi ha fatto scommettere su questa produzione. Sono eccitatissimo, non vedo l'ora che arrivi il giorno della prima".[175] Il 15 gennaio 2012, Madonna ha ricevuto il Golden Globe per Masterpiece coprodotta insieme a William Orbit, come miglior canzone originale tratta dal film "W.E.". Nel 2011, nel mese di dicembre ne era stato pubblicato su internet il demo.

Il 4 luglio 2011 in occasione del giorno dell'Indipendenza americana il manager di Madonna, Guy Oseary, ha annunciato ufficialmente l'inizio della registrazione del nuovo album della pop star.[176] L'11 gennaio 2012 Madonna ha annunciato, tramite la sua pagina Facebook, il titolo del suo nuovo album, MDNA. Nel 2011, a dicembre, durante la presentazione del film W.E. - Edward e Wallis Madonna ne aveva presagito anche l'uscita con un ulteriore singolo che lo precede, previsto invece tra febbraio/marzo. Il 5 febbraio 2012, allo stadio d'Indianapolis, Madonna si è esibita durante l'half-time show del SuperBowl XLVI, esordiendo con Vogue come una moderna Cleopatra trainata da soldati egizio-romani, e continuando con Music.[177] La partecipazione di Madonna al grande evento sportivo del Superbowl era stata annunciata nel 2011, nel mese di ottobre, e confermata poco dopo, a dicembre. La performance di Madonna al Super Bowl diventa la più vista di sempre, con oltre 114 milioni di visualizzazioni, più ancora della partita stessa.[178]

Nel marzo 2012 l'etichetta Warner ha pubblicato un cofanetto contenente gli undici album in studio di Madonna pubblicati dal 1983 al 2008 intitolato The Complete Studio Albums (1983-2008).[179] Il cofanetto è riuscito ad entrare in classifica in Regno Unito, arrivando alla posizione numero 70.[180] Nel febbraio del 2012, è stato reso disponibile al pre-ordine su iTunes il dodicesimo album di Madonna, MDNA. L'album ha raggiunto la prima posizione della classifica iTunes in cinquanta Paesi, registrando in un giorno il più alto numero di pre-ordini nella storia di iTunes.[63][181]

Madonna e gli LMFAO durante l'half-time show del SuperBowl XLVI

È stato pubblicato il 26 marzo 2012, e preceduto da Give Me All Your Luvin' interpretato insieme a Nicki Minaj e M.I.A., e presentato in anteprima mondiale all'halftime show del Super Bowl XLVI.[182] Ancor prima dell'inizio del MDNA Tour, dell'uscita del nuovo album e della distribuzione in CD singolo di Give Me All Your Luvin', prevista per il 6 marzo 2012, è stato deciso di pubblicare un ulteriore singolo, Girl Gone Wild. Il 12 aprile 2012 Madonna ha lanciato il suo primo profumo Truth or Dare, fragranza che prende il nome da A letto con Madonna (Madonna: Truth or Dare), il celebre film documentario diretto da Alek Keshishian[183]. Il 31 maggio 2012, a Tel Aviv, è partito il nuovo tour mondiale di Madonna, l'MDNA Tour[184], proposto per promuovere l'album MDNA e, proprio durante una tappa in Italia, a Firenze, Madonna ha girato il video del suo singolo estivo, uscito in Italia il 3 luglio 2012, intitolato Turn Up the Radio[185]. Il tour ha registrato il 'tutto esaurito' per ognuno degli 88 spettacoli in programmazione, diventando la tournée di maggior successo dell'anno, e la decima di tutti i tempi, con un incasso di oltre 305 milioni di dollari.[186] Grazie al successo del tour, la rivista Forbes l'ha eletta la celebrità più ricca dell'anno.[187]

Tra il 19 e il 20 novembre 2012 è stato girato all'American Airlines Arena di Miami il live ufficiale del tour, diretto da Stéphane Sennour e Danny Tull, la cui pubblicazione in DVD e Blu-ray è avvenuta nel 2013.[188] Il 6 settembre 2013 è stato pubblicato il DVD del MDNA Tour.

2013-2017: Rebel Heart e la momentanea pausa[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2013, Madonna ha tenuto un discorso durante il GLAAD Awards sulla libertà sessuale e sull'uguaglianza, contro l'omofobia e la violenza sulle donne.[189] Il 24 settembre 2013 esce invece secretprojectrevolution, un film di 17 minuti in collaborazione con il fotografo Steven Klein, contro la violenza nelle carceri e il femminicidio. Nel maggio 2013, la cantante ha partecipato ai Billboard Music Awards, vincendo nelle categorie "Miglior Artista in Tour", "Miglior Artista Dance" e "Miglior Album Dance" (per l'album MDNA).[190]

Madonna mentre tiene un discorso al "Bringing Human Rights Home" organizzato da Amnesty International a New York nel 2014

Nel gennaio 2014, Madonna ha partecipato ai Grammy Awards, prendendo parte all'esibizione di Macklemore e Ryan Lewis.[191] Pochi giorni più tardi la diva ha preso parte al concerto MTV Unplugged di Miley Cyrus.[192] Durante un'intervista in Canada, Madonna avrebbe rivelato di essere impegnata con la produzione di un nuovo album, in uscita nel 2014.[193] Per questo progetto la superstar ha rivelato di essersi messa in collaborazione con Avicii e Natalia Kills.[194] A causa della pubblicazione illegale, da parte di sconosciuti, di quasi tutte le tracce contenute nell'album che sarebbe dovuto uscire nel 2015, Madonna pubblica il giorno 20 dicembre 2014 il nuovo disco, Rebel Heart, in prenotazione sul noto store di musica iTunes.[195] Inizialmente sono scaricabili solamente le prime sei canzoni, altre verranno rese disponibili fino al 10 marzo 2015, data di uscita definitiva dell'album. Lo stesso 20 dicembre è stato ufficializzato come primo singolo della nuova era Living for Love.[196] L'8 febbraio 2015 prende parte alla 57ª edizione dei Grammy Awards esibendosi con Living for Love immersa in un'atmosfera che riprende la tauromachia del videoclip realizzato per la canzone. L'8 marzo 2015 presenta il suo nuovo disco Rebel Heart in anteprima mondiale in Italia, partecipando alla trasmissione Che tempo che fa condotta da Fabio Fazio. Esegue inoltre dal vivo due brani inediti, Devil Pray e Ghosttown.

Il secondo singolo estratto è Ghosttown, anch'esso affiancato dalla pubblicazione di un video ufficiale su YouTube e pubblicato il 13 marzo 2015: la canzone viene eseguita e presentata in anteprima mondiale al talk show Che tempo che fa in Italia, dove viene certificato disco di platino dopo aver venduto 50.000 copie; il video è stato diretto dal suo amico e collaboratore Jonas Åkerlund e vede come protagonisti la cantante e il famoso attore statunitense Terrence Howard, i quali si concedono un appassionante ballo di tango.[197] Nello stesso mese presenta la canzone agli IHeartRadio Music Awards, accompagnata alla chitarra da Taylor Swift. Il terzo singolo estratto è Bitch I'm Madonna, che vede la collaborazione vocale della rapper Nicki Minaj e viene pubblicato il 15 giugno 2015: il brano è stato scritto con il dj Diplo e presenta influssi tipicamente raggae, electro house e dance; anche questo singolo viene promosso da un video musicale su YouTube, a cui partecipano moltissime guest star del mondo dello spettacolo e dell'intrattenimento (tra cui Nicki Minaj, Diplo, Beyoncé, Miley Cyrus, Katy Perry, Rita Ora, Kanye West e altri). Il quarto singolo è Hold Tight, pubblicato per le sole radio italiane dal 24 luglio 2015.

Il 9 settembre 2015 inizia il colossale Rebel Heart Tour dal Bell Centre di Montréal, che tocca il 19, il 21 e il 22 novembre anche l'Italia al Palalpitour di Torino. Il tour si rivela l'ennesimo successo globale della cantante: in meno di cinque minuti, in oltre 60 città del mondo i biglietti per i concerti vengono infatti dichiarati sold out,[198][199] e ciò comporta un'aggiunta di spettacoli supplementari in città quali Torino, Parigi, Amsterdam, Città del Messico, Hong Kong, Macao, Tokyo e New York.[200] Diventa il tour più costoso del 2015 e anche quello di maggior successo dell'anno, nonché il secondo di maggior successo della cantante. Gli spettacoli e le coreografie messe in scena dalla tournée vengono accolte dal plauso dei media e dal pubblico. La performance di Madonna nella tappa di New York tenutasi al Madison Square Garden il 12 settembre 2015 viene elogiata e osannata dalla critica musicale di tutto il mondo, riscuotendo un grande impatto e spingendo i media a definirla come una delle esibizioni più spettacolari di tutta la sua carriera.[201][202][203]

Madonna durante il Rebel Heart Tour nella tappa di Stoccolma il 14 novembre 2015

Nell'ottobre 2016, Billboard ha nominato Madonna la "Donna dell'anno" (Woman of The Year, Billboard Women in Music 2016). Il suo discorso "schietto e brutalmente onesto" sull'età e il sessismo alla cerimonia ha ricevuto una copertura diffusa nei media.[204][205]

«Non sono grata tanto per il premio quanto per l'opportunità di trovarmi di fronte a voi e dirvi grazie, come donna, come artista, come essere umano non solo alle persone che mi hanno voluto bene e mi hanno supportato per tutto questo tempo (tanti di loro sono seduti qui di fronte a me - non avete idea di quanto significhi il vostro sostegno), ma ai dubbiosi e ai Signornò che mi hanno fatto passare le pene dell'inferno dicendomi che non avrei potuto, che non sarei riuscita e che non avrei dovuto. La vostra resistenza mi ha reso più forte, mi ha portata a impegnarmi di più e mi ha reso la combattente che sono oggi. Mi ha reso la donna che sono oggi. Perciò vi ringrazio.»

(Parte del discorso di Madonna dopo aver ricevuto il premio "Donna dell'anno")

Il mese successivo Madonna, che ha attivamente supportato Hillary Clinton durante le elezioni presidenziali statunitensi del 2016, ha tenuto un concerto acustico improvvisato a Washington Square Park a sostegno della campagna della Clinton.[206] Sconvolta dal fatto che Donald Trump vinse le elezioni, Madonna parlò contro di lui alla marcia delle donne a Washington, un giorno dopo la sua inaugurazione.[207] Ha suscitato polemiche quando ha detto che "pensava molto a far saltare in aria la Casa Bianca".[208] Il giorno seguente, Madonna affermò di non essere "una persona violenta" e che le sue parole erano state "portate selvaggiamente fuori dal contesto".[209]

Nel febbraio 2017, Madonna ha adottato sorelle gemelle di quattro anni originarie del Malawi di nome Estere e Stella, e si è trasferita a Lisbona, in Portogallo, nell'estate 2017 con i suoi figli adottivi. A luglio ha aperto il Mercy James Institute for Pediatric Surgery and Intensive Care in Malawi, un ospedale pediatrico costruito dalla sua organizzazione benefica Raising Malawi.[210] L'album dal vivo che racconta il Rebel Heart Tour è stato pubblicato a settembre 2017 e ha vinto il Best Music Video per gli artisti occidentali al 32esimo Japan Gold Disc Award.[211][212] Quel mese Madonna lanciò anche la linea di cosmetici e prodotti per la pelle MDNA Skin in negozi selezionati negli Stati Uniti, dopo essersi "stancata di sentire le persone lamentarsi qui che non potevano averlo in America".[213] Alcuni mesi prima, la casa d'aste "Gotta Have Rock and Roll" aveva messo in vendita oggetti personali di Madonna come lettere d'amore di Tupac Shakur, cassette, biancheria intima e una spazzola per capelli. Darlene Lutz, un commerciante d'arte che aveva avviato l'asta, è stato citato in giudizio dai rappresentanti di Madonna per fermare il procedimento. Madonna ha chiarito che il suo status di celebrità "non pregiudica il mio diritto a mantenere la mia privacy, anche per quanto riguarda gli oggetti altamente personali". Madonna perse il caso e il giudice che presiedette decise a favore di Lutz, che fu in grado di dimostrare che nel 2004 Madonna aveva stretto un accordo legale con lei per la vendita degli oggetti.[214]

2018-presente: Madame X[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di gennaio 2018, Madonna ha rivelato di aver iniziato a lavorare al suo 14° album in studio.[215] In seguito ha chiarito che l'album sarebbe stato infuso con musica portoghese, con la sua uscita prevista per il 2019.[216][217] Quattro mesi dopo, è apparsa al Met Gala e ha eseguito una nuova canzone chiamata "Beautiful Game" (in seguito rinominata "Dark Ballet"), insieme a "Like a Prayer" e una cover di "Allelujah" di Leonard Cohen.[218] All'MTV Video Music Awards, Madonna ha reso omaggio alla cantante Aretha Franklin, che era morta la settimana precedente.[219] In ottobre, ha contribuito come cantante ospite alla traccia "Champagne Rosé" sull'album di debutto del rapper americano Quavo, Quavo Huncho.[220] Altri suoi progetti includono la regia del film "MGM, Taking Flight", basato sul memoriale della ballerina Michaela DePrince, e l'adattamento cinematografico del romanzo di Andrew Sean Greer, "The Impossible Lives of Greta Wells".[221]

Dopo una pausa di circa quattro anni dal precedente album in studio Rebel Heart, il 14 aprile 2018 Madonna annuncia attraverso i social network che il suo prossimo disco si intitolerà Madame X.[222]

Madonna durante la première del videoclip di Medellín a MTV

Il 15 aprile, sempre dal suo profilo Instagram ufficiale, è stata annunciata l'uscita, per il 17 aprile 2018 del nuovo singolo dal titolo Medellín, in collaborazione con Maluma.[223] Il 1º maggio ai Billboard Music Awards 2018, Madonna si è esibita con Maluma in Medellín per la prima volta, danzando insieme agli ologrammi di se stessa nei panni di Madame X in una coreografia costata 5 milioni di dollari.[224] Il 3 maggio viene rilasciato il secondo singolo promozionale estratto dall'album, I Rise, un inno alla diversità.[225] Il terzo singolo estratto è Crave uscito il 10 maggio 2018, con il featuring di Swae Lee.[226] Nello stesso periodo viene confermata la partecipazione da un milione e mezzo di dollari di Madonna alla serata finale dell'Eurovision Song Contest il 18 maggio.[227] Il 17 maggio esce il singolo Future, in collaborazione con Quavo,[228] mentre il 7 giugno viene rilasciato il quinto singolo Dark Ballet.[229] L'album Madame X è stato rilasciato il 14 giugno su etichetta discografica Interscope Records.[230]

Il 6 maggio 2018 è stato annunciato ufficialmente il Madame X Tour, undicesimo tour della cantante, in partenza da settembre 2018.[231] Il 27 giugno viene presentato il video del sesto singolo God control, canzone in cui Madonna condanna l’uso delle armi in America;[232] [233] il video, in cui si allude alle recenti stragi di innocenti in discoteche e luoghi pubblici, si presenta come una denuncia dai toni molto forti della politica americana troppo tollerante nei confronti della detenzione e dell’uso di armi da fuoco.[234] Il 30 giugno Madonna si esibisce al World Pride di New York con quattro canzoni: Vogue, American Life, God control, e I Rise.[235]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

«Madonna è una brillante melodista pop e paroliere. Sono stato messo al tappeto dalla qualità della scrittura [durante le sessioni di Ray of Light] ... So che è cresciuta su Joni Mitchell e Motown, e alle mie orecchie incarna il meglio di entrambi i mondi. È una cantautrice confessionale meravigliosa, oltre ad essere una scrittrice pop corale di grande successo.»

(Rick Nowels, in co-scrittura con Madonna.[236])

Madonna si è imposta con uno stile irriverente e sensuale spesso sfociato nella dance.[1][2][237] L'artista si è inoltre ispirata a stili quali la musica nera, il rock e l'elettronica.[237]

La musica di Madonna è stata oggetto di molte analisi e controlli. Robert M. Grant, autore di Contemporary Strategy Analysis (2005), ha commentato che ciò che ha portato il successo di Madonna non è "certamente un talento naturale eccezionale. Come cantante, musicista, ballerina, cantautrice o attrice, i talenti di Madonna sembrano modesti".[238] Afferma che il successo di Madonna sta nel fare affidamento sui talenti degli altri e che le sue relazioni personali sono state i cardini delle numerose reinventazioni nella longevità della sua carriera.[238] L'autore riteneva che l'approccio di Madonna fosse ben distante dalla saggezza dell'industria musicale di "Trova una formula vincente e mantienila".

Madonna in una tappa del Rebel Heart Tour nel 2015

La sua carriera musicale è stata una continua sperimentazione di nuove idee musicali e nuove immagini e una costante ricerca di nuove altezze di fama e consensi. Grant concluse che "essendosi affermata come la regina della musica popolare, Madonna non si fermò qui, ma continuò a reinventare."[239] Secondo Thomas Harrison nel libro Pop Goes the Decade: The Eighties, Madonna era "un'artista che ha spinto i confini "di ciò che una cantante potrebbe fare, sia visivamente che liricamente.[240] Nel corso della sua carriera, Madonna è stata coinvolta nello scrivere e produrre la maggior parte della sua musica.[241] Stuart Price, uno dei suoi precedenti collaboratori, ha affermato che "Non produci Madonna, collabori con lei. È lei stessa una produttrice davvero brava e ovviamente anche una grande scrittrice. Ha la sua visione e sa come ottenerla."[242] La prima abilità di compositrice di Madonna fu sviluppata durante il suo periodo con il Breakfast Club nel 1979. Secondo Carol Gnojewski, i suoi primi tentativi di scrivere canzoni sono percepiti come un'importante "auto-rivelazione".[243]

Madonna divenne in seguito l'unica scrittrice di cinque canzoni del suo album di debutto, tra cui "Lucky Star" che compose sul sintetizzatore.[244] Come cantautrice, ha registrato un totale di 287 brani in ASCAP, inclusi 18 brani interamente scritti da lei stessa.[245] La rivista Rolling Stone l'ha definita " una cantautrice esemplare con un dono per testi indelebili."[246] Secondo Freya Jarman-Ivens, il talento di Madonna per lo sviluppo di ami "incredibili" per le sue canzoni consente ai testi di catturare l'attenzione del pubblico, anche senza l'influenza della musica."[247] Nonostante abbia lavorato con produttori di molti generi, Rolling Stone scrive che le canzoni di Madonna sono state "costantemente stampate con la sua sensibilità e flesse con dettagli autobiografici". Ha dichiarato la sua preferenza per la scrittura di materiale con altri artisti "dall'inizio alla fine" di un disco,[248] e ha descritto le sue canzoni come "pensate per essere ironiche e non prese alla lettera, e alcune sono semplicemente dirette," Apri le mie vene, questo è quello che sono."[249] Madonna è stata nominata per essere introdotta nella Hall of Fame dei Songwriters tre volte, per la cerimonia 2014, 2016 e 2017.[250][251][252] Nel 2015, Rolling Stone ha classificato Madonna al numero 56 nella lista "100 più grandi cantautori di tutti i tempi".[253]

Se Madonna (1983) e Like a Virgin (1984) fanno leva su sonorità ballabili ispirate alla disco music,[2][254][255] il successivo Like a Prayer (1989) segue la scia del soul degli anni sessanta e cita artisti quali Sly and the Family Stone, Simon & Garfunkel e Phil Spector.[254] Al meno ballabile e più sperimentale Erotica (1992) segue Bedtime Stories (1994). Quest'ultimo anticipa il suono classicheggiante ed elettronico di Ray of Light (1998), ispirato al trip hop, all'ambient e alla techno: segno di una collaborazione con William Orbit.[2][237][256][257] Se l'album Music (2000), sempre frutto di una collaborazione con Orbit, è stato definito dalla stessa cantante un disco di "musica funky, elettronica miscelata a folk futuribile",[258] Confessions on a Dancefloor (2005), un tributo alla disco degli anni settanta, segna un ritorno alla musica da ballo degli esordi poi ripreso nei dischi successivi.[2][237]

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

La persona che maggiormente ha influenzato Madonna, più che artisticamente a livello comportamentale è stata la madre, la cantante infatti è ossessionata dai ricordi della fragilità della madre e dal comportamento passivo che la donna aveva assunto prima di morire.[23] È per questo che l'artista ha sempre voluto "far sentire la sua voce", non apparire mai fragile ed ottenere l'approvazione altrui: «Sono diventata una che va sempre oltre il limite per ottenere l'approvazione dal mondo. Non ho avuto una madre, quindi ho bisogno di tutto il mondo intorno a me.»[259] Nel 1985 in un'intervista, Madonna ha confessato che la prima canzone ad averla colpita in modo particolare è stata These Boots Are Made for Walkin' di Nancy Sinatra.

Una delle influenze di Madonna e idolo è Marilyn Monroe. Durante i suoi primi anni di carriera, Madonna, infatti ha omaggiato la diva con il suo brano Material Girl, un chiaro richiamo a Diamonds Are a Girl's Best Friend.[260] Durante un'intervista, ha rivelato la sua passione per Marilyn Monroe: «Amavo Carole Lombard, Judy Holliday e Marilyn Monroe. Sono state incredibilmente divertenti... e vedevo in loro me stessa... la mia fanciullezza, la mia intelligenza e la mia innocenza.» Altra influenza, a livello di immagine, è stata Marlene Dietrich che nei suoi anni d'oro ha sconvolto la figura femminile.[259]Più volte Madonna ha citato Debbie Harry come modello di riferimento, nella prima fase della sua carriera, sia in interviste pubblicate da giornali ( "Mojo" ) sia in video postati su YouTube, tra cui quello dell'assegnazione del Billboard Women of the year in Music 2016, e ringraziandola anche su Twitter per le sue affermazioni femministe.

Video ed esibizioni[modifica | modifica wikitesto]

«Non ha soltanto fatto i migliori video musicali tra tutti, ma hanno trasceso la sua personalità. È stata la prima artista dei video musicali, e potrebbe essere l'unica nuova forma d'arte popolare nella vita americana.»

(Norman Mailer di Esquire.[159])

I biografi Allen Metz e Carol Benson hanno notato come per Madonna, più di molti altri artisti, l'impatto visivo sia importante e che l'abbia aiutata a vendere moltissimi dischi.

Chris Nelson, giornalista del New York Times, ha scritto: «Artiste come Madonna e Janet Jackson hanno definito un nuovo modo di intendere la musica per una donna, con concerti che includono non solo costumi elaborati e fuochi d'artificio, ma anche importanti numeri di danza, soprattutto moderna.» Questi effetti speciali diventano veri e propri protagonisti dell'evento, allo stesso modo, o addirittura più, delle canzoni.[261] Secondo loro, molte delle sue canzoni hanno le immagini del video musicale in un contesto forte, mentre si riferiscono alla musica. Il critico culturale Mark C. Taylor nel suo libro Nots (1993) ha ritenuto che la forma d'arte postmoderna per eccellenza sia il video e la "regina del video" regnante sia Madonna. Ha inoltre affermato che "la creazione più straordinaria di MTV è Madonna. Le risposte ai video eccessivamente provocatori di Madonna sono state prevedibilmente contraddittorie."[262] I media e la reazione pubblica nei confronti delle sue canzoni più discusse come "Papa Don't Preach" , "Like a Prayer" o "Justify My Love" hanno a che fare con i video musicali creati per promuovere le canzoni e il loro impatto, piuttosto che le canzoni stesse.[261] Morton pensava che "artisticamente, la scrittura di Madonna è spesso messa in ombra dai suoi sorprendenti video pop".[263]

Inizialmente, i video musicali di Madonna riflettevano il suo stile di strada misto americano e ispanico combinato con un glamour sgargiante.[261] È stata in grado di trasmettere il suo senso della moda nel centro di New York alla moda per il pubblico americano.[264] Le immagini e l'integrazione della cultura ispanica e del simbolismo cattolico sono continuate con i video musicali dell'era True Blue. [265] L'autore Douglas Kellner ha osservato che "tale ' multiculturalismo' e le sue mosse culturalmente trasgressive si sono rivelate di grande successo e la hanno attratta a un vasto e variegato pubblico di giovani." [266] Lo sguardo spagnolo di Madonna nei video è diventato la tendenza della moda di quel tempo, sotto forma di boleri e gonne a strati, accessoriati con rosari e un crocifisso come nel video di "La Isla Bonita". [267][268]

Madonna nel 1990 durante una tappa del Blond Ambition World Tour

Gli accademici hanno notato che con i suoi video, Madonna stava sottilmente cambiando il ruolo del maschio come sesso dominante.[269] Questo simbolismo e queste immagini erano probabilmente i più diffusi nel video musicale di "Like a Prayer". Il video includeva scene di un coro di chiese afroamericane, con Madonna che era attratta da una statua di un santo nero e cantava davanti a croci in fiamme. Questo mix di sacro e profano sconvolse il Vaticano e provocò il ritiro commerciale della Pepsi, che aveva scritto un contratto con la cantante, in cui la canzone sarebbe stata usata per le pubblicità.[270] Nel 2003, MTV l'ha nominata "La più grande star di video musicali di sempre" e ha affermato che "l'innovazione, la creatività e il contributo di Madonna ai video musicali sono ciò che le fa guadagnare il premio".[271]

La nascita di Madonna avvenne durante l'avvento di MTV; Chris Nelson del New York Times ha parlato di artisti pop come Madonna che dicevano: "MTV, con i suoi video quasi esclusivamente sincronizzati con le labbra, ha inaugurato un'era in cui i fan della musica potrebbero trascorrere felicemente ore del giorno, ogni giorno, guardando i cantanti a bocca aperta."[272] La relazione simbiotica tra il video musicale e la sincronizzazione labiale ha portato al desiderio di trasferire lo spettacolo e le immagini del video musicale in spettacoli dal vivo. Ha aggiunto: "Artisti come Madonna e Janet Jackson stabiliscono nuovi standard per lo spettacolo, con concerti che includevano non solo costumi elaborati e articoli pirotecnici di precisione, ma anche danze altamente atletiche. Questi effetti andavano a scapito del canto dal vivo."[272] Thor Christensen di The Dallas Morning News ha commentato che mentre Madonna si è guadagnata la reputazione di sincronizzazione labiale durante il suo Blond Ambition World Tour del 1990, ha successivamente riorganizzato le sue esibizioni "restando per lo più ferme durante le sue parti più difficili del canto e [lascia] la danza routine alla sua crew."[273]

Per consentire un maggiore movimento mentre balla e canta, Madonna è stata una delle prime ad adottare microfoni auricolari a radiofrequenza a mani libere, con l'auricolare fissato sopra le orecchie o la parte superiore della testa e la capsula del microfono su un braccio che si estende fino alla bocca. A causa del suo uso di spicco, il design del microfono divenne noto come "Madonna mic".[274][275] Metz ha osservato che Madonna rappresenta un paradosso in quanto viene spesso percepita come una sua intera esistenza. Mentre le sue esibizioni sul grande schermo sono programmate, le sue esibizioni dal vivo sono successi critici.[276] Madonna è stata la prima artista ad avere i suoi concerti come rievocazione dei suoi video musicali. L'autrice Elin Diamond ha spiegato che, reciprocamente, il fatto che le immagini dei video di Madonna possano essere ricreate in un ambiente dal vivo migliora il realismo dei video originali. Credeva che "le sue esibizioni dal vivo sono diventate il mezzo con cui le rappresentazioni mediate sono state naturalizzate".[277]

Taraborrelli ha affermato che, includendo contenuti multimediali, tecnologia e sistemi audio all'avanguardia, i concerti e le esibizioni live di Madonna sono "stravaganti pezzi di spettacolo, [e] spettacoli d'arte viventi".[278] Madonna filma sempre i suoi concerti, dicendo: " È come documentare e archiviare le tue opere d'arte. È una registrazione di qualcosa che ho creato con molte persone fantastiche e di talento... Sono fasi della mia carriera e raccontano una storia. Sono una parte importante della mia eredità, quindi li sto documentando ", ha spiegato. Madonna ha espresso il suo desiderio di creare un concerto solo acustico ridotto al minimo "che continua a coinvolgere musica e danza [ma anche] poesia e umorismo". Voleva anche coinvolgere elementi idrici nelle sue produzioni, ma era stata scoraggiata a causa di problemi logistici.[249]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al terremoto che ha colpito L'Aquila e parte dell'Abruzzo (regione di provenienza dei suoi nonni paterni) il 6 aprile 2009, Madonna ha deciso di contribuire personalmente alla ricostruzione con una donazione di circa 500.000 dollari.[279]

Raising Malawi

«La gente mi chiede sempre perché ho scelto il Malawi. E dico loro, non l'ho fatto. Lui ha scelto me. Ricevetti una telefonata da una donna di nome Victoria Keelan. È nata e cresciuta in Malawi. Mi disse che c'erano oltre un milione di bambini resi orfani dall'AIDS. Disse che non c'erano abbastanza orfanotrofi. E che i bambini erano ovunque. A vivere per strada. A dormire sotto i ponti. Nascosti in edifici abbandonati. Rapiti, sequestrati, stuprati. Disse che c'era uno stato d'emergenza. Sembrava esausta e sull'orlo delle lacrime. Le chiesi come avrei potuto aiutare. Disse, sei una persona con delle risorse. La gente presta attenzione a ciò che dici e fai. Mi sentivo in imbarazzo. Le dissi che non sapevo dove fosse il Malawi. Mi disse di guardare su una mappa, e poi riattaccò. Decisi di indagare e ho scoperto molto più di quanto mi aspettassi, del Malawi, di me stessa, dell'umanità.»

(Madonna parla di Raising Malawi.[159])

Nel 2006 ha fondato, insieme al co-direttore della Kaballah Centre International Michael Berg, un'organizzazione no-profit per il sostentamento alimentare, educativo, medico e psicologico degli oltre 1.400.000 orfani del Malawi, chiamata Raising Malawi.[280][281] Per promuovere la causa ha finanziato un documentario sulla situazione dei bambini malawiani, intitolato I Am Because We Are. Ha inoltre costituito una partnership con Jeffrey Sachs, economista e fondatore della Earth Institute, per migliorare l'agricoltura, l'economia e la salute di un villaggio vicino alla zona che ospita il centro d'assistenza della Raising Malawi.[282]

Nel 2012 l'associazione, dopo uno stallo dei progetti durato due anni per via di problemi amministrativi, ha portato a termine un progetto di 15 milioni di dollari per la costruzione di scuole in Malawi; sono state costruite in totale dieci scuole che serviranno ad istruire 4.871 bambini.[283]

Impatto culturale ed eredità[modifica | modifica wikitesto]

Vari giornalisti musicali, teorici della critica e autori hanno notato l'eredità di Madonna[284][285][286] e la considerano la più influente artista discografica femminile di tutti i tempi,[287][288] mettendola in cima alla lista "100 Greatest Women in Music" di VH1 e alla lista "20 Greatest Female Artists" di The Daily Telegraph.[289][290] L'autrice Carol Clerk ha scritto che "durante la sua carriera, Madonna ha trasceso il termine 'pop star' per diventare un'icona culturale globale."[291] Rolling Stone of Spain ha scritto che "è diventata la prima virale Master of Pop della storia, anni prima del massivo uso di Internet: Madonna era ovunque; nei canali televisivi musicali onnipotenti, 'formule radiofoniche', copertine di riviste e persino nelle librerie. Una dialettica pop, mai vista dal regno dei Beatles, che le ha permesso di rimanere nella cima delle tendenze e del commercio."[292] Laura Barcella e Jessica Valenti, nel libro Madonna and Me: Women Writers on the Queen of Pop (2012) hanno scritto che "davvero, Madonna ha cambiato tutto il panorama musicale, gli anni '80 sembrano du jour e, cosa più significativa, ciò che il pop femminile mainstream potrebbe (e non potrebbe) dire, fare o realizzare sotto gli occhi del pubblico."[293] William Langley del Daily Telegraph sentiva che" Madonna ha cambiato la storia sociale del mondo, ha fatto più cose, in veste di più persone, di chiunque altro."[294] Alan McGee di The Guardian ha ritenuto che "Madonna sia un'arte postmoderna, cose del genere di cui non vedremo mai più." Ha inoltre affermato che Madonna e Michael Jackson "hanno inventato i termini regina e re del pop."[295]

Una statua di cera di Madonna, raffigurata come nel videoclip di Open Your Heart

Secondo Tony Sclafani di MSNBC, "Vale la pena notare che prima di Madonna, la maggior parte delle mega-star della musica erano ragazzi rocker; dopo di lei, quasi tutte sarebbero state cantanti donne. Quando i Beatles arrivarono in America, cambiarono il paradigma dell'attore dal solo recitare in una band. Madonna lo ha cambiato di nuovo, con un'enfasi sulla femmina."[296] Howard Kramer, direttore curatoriale della Rock and Roll Hall of Fame, ha affermato che "Madonna e la carriera che ha escogitato per se stessa hanno reso possibile praticamente ogni altre cantanti pop femminili a seguire... Ha sicuramente alzato gli standard di tutti loro... Ha ridefinito i parametri per le interpreti femminili."[297] Secondo Fouz-Hernández, le cantanti come Britney Spears, Christina Aguilera, Kylie Minogue, le Spice Girls, Destiny's Child, Jennifer Lopez e Pink erano come "le sue figlie nel senso molto diretto, per il fatto che sono cresciute ascoltando e ammirando Madonna, e si sono decise che volevano essere come lei."[298] Madonna ha anche influenzato artisti maschili, ispirando i frontman rock Liam Gallagher degli Oasis e Chester Bennington dei Linkin Park a diventare musicisti.[299][300] Altri cantanti che si sono ispirati a Madonna sono Sia,[301] Nicki Minaj,[302][303][304][305][306] Adele,[307][308] Jessie J,[309][310] Justin Bieber, [311][312] Miley Cyrus, [313][314][315] Robbie Williams,[316] Avril Lavigne,[317] Beyoncé,[318] Cameron Diaz,[319] Gwyneth Paltrow,[320][321] Katy Perry,[322][323] Lady Gaga[324] Maluma,[325] e Rihanna.[326][302][327]

L'uso delle immagini sessuali di Madonna ha giovato alla sua carriera e ha catalizzato il discorso pubblico sulla sessualità e il femminismo.[328] Come documenta Roger Chapman in Culture Wars: An Encyclopedia of Issues, Viewpoints and Voices, Volume 1 (2010), ha attirato frequentemente condanne da parte di organizzazioni religiose, conservatori sociali e gruppi di controllo parentale per il suo uso di immagini e testi espliciti e sessuali, simbolismo religioso e comportamento altrimenti "irriverente" nelle sue esibizioni dal vivo.[329] Il Times scrisse che aveva "iniziato una rivoluzione tra le donne nella musica... I suoi atteggiamenti e opinioni su sesso, nudità, stile e sessualità costrinsero il pubblico a sedersi e prenderne atto."[330] Il professor John Fiske notò che il senso del potenziamento che Madonna offre è indissolubilmente connesso con il piacere di esercitare un certo controllo sui significati di sé, della sessualità e delle proprie relazioni sociali.[331] In Doing Gender in Media, Art and Culture (2009), gli autori hanno notato che Madonna, in quanto celebrità, interprete e icona pop femminile, è in grado di turbare riflessioni e dibattiti femministi.[332] Secondo la femminista lesbica Sheila Jeffreys, Madonna rappresenta l'occupazione femminile di quella che Monique Wittig definisce la categoria del sesso, come potente, e sembra abbracciare allegramente le prestazioni della corvée sessuale assegnata alle donne.[333] Il professor Sut Jhally ha indicato Madonna come "un'icona femminista quasi sacra."[334]

Madonna ha ricevuto il plauso anche come modello di riferimento per le donne d'affari nel suo settore, "ottenendo il tipo di controllo finanziario per il quale le donne avevano combattuto a lungo nel settore" e generando oltre 1,2 miliardi di dollari di vendite nel primo decennio della sua carriera.[335] Secondo Gini Gorlinski nel libro The 100 Most Influential Musicians of All Time (2010), i livelli di potere e controllo di Madonna erano "senza precedenti" per una donna nell'industria dell'intrattenimento.[336] Il professore Colin Barrow della Cranfield School of Management l'ha descritta come "la donna d'affari più intelligente d'America... che si è spostata ai vertici del suo settore e vi è rimasta reinventando costantemente se stessa".[337] Gli accademici della London Business School la definirono "un'imprenditrice dinamica" che vale la pena copiare; hanno identificato la sua visione del successo, la sua comprensione del settore musicale, la sua capacità di riconoscere i propri limiti di performance (e quindi portare aiuto), la sua volontà di lavorare sodo e la sua capacità di adattarsi come le chiavi del suo successo commerciale.[338] Morton ha scritto che "Madonna è opportunista, manipolatrice e spietata - qualcuno che non si fermerà fino a quando non otterrà ciò che vuole - ed è qualcosa che puoi ottenere a scapito forse di perdere i tuoi cari. Ma questo non le importava."[339]

Status di icona gay[modifica | modifica wikitesto]

Madonna è considerata un'icona gay e la comunità gay l'ha abbracciata come icona della cultura pop.[340] Secondo la rivista LGBT The Advocate, Madonna è la più grande icona gay.[341]

Madonna è stata presentata alla comunità gay quando era ancora adolescente. Fu il suo insegnante di balletto, Christopher Flynn, un uomo gay, che per primo disse a Madonna che era bella e che aveva qualcosa da offrire al mondo.[342] La presentò anche alla comunità gay locale di Detroit, nel Michigan, portandola spesso nei bar e nelle discoteche gay locali. Flynn ha anche incoraggiato Madonna ad abbandonare la sua borsa di studio parziale per l'Università del Michigan e trasferirsi a Manhattan per perseguire una carriera come ballerina professionista.[342][343] Nell'agosto 2009, durante uno spettacolo in Romania (una delle tappe dello Sticky and Sweet Tour), Madonna ha criticato la discriminazione contro i rom, parlando anche contro la discriminazione dei gay.[344] Nella sua autobiografia del 2008 Hit Man, il produttore discografico David Foster racconta un incontro con Madonna in cui esprime disgusto alla vista di due uomini che si baciano; Madonna si accigliò e rispose "Due uomini che si baciano dovrebbero essere guardati come al solito! Rappresenti tutto ciò che sto cercando di cambiare."

Madonna nel 2018 al World Pride di New York City

Nel giugno 2010, Madonna ha rilasciato una dichiarazione in cui criticava la decisione di imprigionare due uomini in Malawi perché celebravano la loro unione con una cerimonia. La dichiarazione di Madonna includeva il seguente estratto: "In linea di principio, credo negli stessi diritti per tutte le persone, indipendentemente dal sesso, dalla razza, dal colore, dalla religione o dall'orientamento sessuale. Questa settimana, il Malawi ha fatto un enorme passo indietro. il mondo è pieno di dolore e sofferenza, quindi dobbiamo sostenere il nostro diritto umano fondamentale di amare ed essere amati. Invito gli uomini e le donne progressisti del Malawi - e in tutto il mondo - a sfidare questa decisione in nome della dignità umana e uguali diritti per tutti."[345][346]

Nel novembre 2010, Madonna ha fatto un'apparizione speciale al The Ellen DeGeneres Show per parlare contro il bullismo di bambini e adolescenti in generale, incluso il bullismo di adolescenti gay e i recenti suicidi. Nella sua conversazione con Ellen, Madonna ha ribadito come si è avvicinata alla comunità gay quando era adolescente, affermando che si sentiva diversa al liceo e ha trovato accettazione e simpatia tra gli amici gay, in particolare il suo istruttore di danza. Ha anche detto "In effetti, non avrei una carriera se non fosse per la comunità gay."[347] Nel giugno 2011, Madonna ha esortato i suoi fan a sostenere i matrimoni omosessuali a New York, pubblicando il seguente messaggio sul suo sito Web: "I newyorkesi devono essere ascoltati. Dì ai deputati del tuo stato di sostenere il disegno di legge sul matrimonio omosessuale. Tutto ciò di cui hai bisogno è l'amore."[348]

Nel marzo 2013, Madonna ha assegnato il Vito Russo Award al giornalista gay Anderson Cooper al 24 ° GLAAD Media Awards di New York City. Vestita da boy scout, in segno di protesta contro il divieto dei boy scout americani di scout e leader omosessuali,[349] ha tenuto un discorso in cui affermava che "cose come il bigottismo, l'omofobia, i crimini d'odio, il bullismo e qualsiasi forma di discriminazione sembrano sempre essere una manifestazione della paura dell'ignoto, e scommesso che se ci prendessimo il tempo per conoscerci l'un l'altro, facessimo le nostre indagini, guardassimo sotto la superficie delle cose, scopriremmo che dopo tutto non siamo così diversi". Ha anche detto "non puoi usare il nome di Dio o la religione per giustificare atti di violenza per ferire, odiare, discriminare". E chiese poi alla folla "Siete con me? È il 2013, gente. Viviamo in America - terra dei liberi e dimora dei coraggiosi? Questa è una domanda, non un'affermazione."[350] Madonna ha ricevuto il premio GLAAD come avvocato del cambiamento il 5 maggio 2019, che le è stato consegnato da Rosie O'Donnell, Anderson Cooper e Mykki Blanco.[351] Madonna è stata anche nominata Amabsciatrice di Stonewall Inn per la "Stonewall/WorldPride Celebration" nel mese di giugno 2019.[352]

Primati[modifica | modifica wikitesto]

Madonna esegue Vogue al The MDNA Tour
  • Secondo il Guinness dei primati e la RIAA, con 345 milioni di dischi certificati, venduti in tutto il mondo, Madonna è riconosciuta come l'artista femminile che ha venduto di più, nonché quarto artista musicale più venduto in assoluto, dietro i The Beatles, Elvis Presley e Michael Jackson.[353][354][355]
  • Secondo la RIAA, è la rock star femminile più venduta del ventesimo secolo e la seconda in America, dietro Barbra Streisand, con 64,5 milioni di copie vendute (per quanto alcune fonti aggiornate al 2016, riportino un superamento da parte di Madonna nei confronti della Streisand, di ben trenta milioni di copie, solo negli Stati Uniti).[356][357]
  • Nel 2015 la rivista Billboard ha incoronato Madonna come l'artista solista più di successo nella storia della Billboard Hot 100 dal 1958 ad oggi (seconda solo ai Beatles).[26][358] È infatti l'artista da più a lungo presente nelle classifiche americane (1982-2019), l'artista solista che ha ottenuto il maggior numero di ingressi nella top five (28, seconda solo ai Beatles), l'artista con il maggior numero di ingressi in top ten in assoluto (38), il maggior numero di singoli al numero uno combinati negli Stati Uniti (ovvero sommati tra i differenti tipi di classifiche) (175), ed il maggior numero di ingressi nella classifica americana in assoluto.[26]
  • Grazie al singolo Ghosttown, ha raggiunto il primato come artista con il maggior numero di singoli alla prima posizione per una classifica musicale (45), nonché quello per il maggior numero di prime posizioni nella Hot Dance Club Play (45).[359]. Il record è stato esteso dal singolo Bitch I'm Madonna divenuto il suo quarantaseiesimo chart topper[360], e da Medellín, che nel 2019 è diventato il quarantasettesimo singolo a raggiungere il primo posto in questa classifica[361].
  • Nel maggio del 2014, Billboard ha stilato una classifica degli artisti che hanno avuto gli incassi dei tour più alti, dal 1990 ad oggi, e Madonna è l'artista solista che ha ottenuto maggior successo di sempre, con oltre 1 miliardo di dollari e un pubblico di 9,694,079 spettatori.[362], nonché la terza in assoluto, dietro ai The Rolling Stones ($ 1.84 miliardi) e gli U2 ($ 1.67 miliardi di dollari).
  • È l'artista donna più di successo degli anni 80 per vendite e presenze in classifica, con sette singoli giunti alla prima posizione (ex aequo con Whitney Houston).[365]
  • Madonna è l'artista con il maggior numero di singoli certificati Oro in America (28).[366]. Hung Up detiene il record come singolo che ha toccato la prima posizione nel maggior numero di paesi contemporaneamente (41).
  • Nel 1984, con Like a Virgin, diventa la prima artista femminile in America a vendere oltre 5 milioni di copie in un solo anno. True Blue è l'album di un'artista femminile più venduto degli anni '80, con oltre 25 milioni di copie nel mondo, nonché quello a permanere per più tempo alla prima posizione delle classifiche europee (34 settimane consecutive).[26]. È inoltre il primo album di un'artista femminile ad entrare direttamente alla numero 1 della "Billboard Top 200".[77].
  • The Immaculate Collection è il Greatest Hits più venduto di sempre per un'artista solista, mentre You Can Dance è il secondo album di Remix più venduto di sempre. Confessions on a Dance Floor è l'album che ha toccato la prima posizione nel maggior numero di paesi contemporaneamente (40). MDNA è l'album che ha ottenuto il maggior numero di pre-order nella storia di iTunes in un solo giorno, toccando la vetta contemporaneamente nel maggior numero di paesi (50).[26]
  • Madonna è l'artista più certificata di tutti i tempi nel Regno Unito, con 45 riconoscimenti discografici da parte della British Phonographic Industry (BPI) fino ad aprile 2013. Secondo la classifica ufficiale inglese infatti, è la quarta artista in assoluto per numero di vendite di singoli in Gran Bretagna, prima tra le donne, con oltre 17,6 milioni di singoli venduti, l'artista femminile col maggior numero di singoli al primo posto (13) e di singoli nella Top ten (63), l'artista femminile più venduta e quella con il maggior numero di album al primo posto in assoluto (12) e nella Top Ten (22).[367][368].
  • Il video-single di Justify My Love è il più venduto di sempre, mentre quello di Ray of Light è il video digitale più venduto della storia.[26].
  • Il libro Sex è il coffe book più venduto in assoluto e più in fretta, con oltre un milione e 500 mila copie in soli tre giorni, mentre Le rose inglesi è il secondo libro per bambini più venduto di sempre, con sole 220 copie vendute in meno, nella prima settimana, rispetto al quinto libro di Harry Potter.[369]
  • Secondo la rivista Forbes ed il Guinness dei primati, Madonna è l'artista dell'industria musicale più ricca del mondo.[370], l'artista femminile più pagata[371], l'artista femminile con il contratto discografico più alto della storia (120 milioni di dollari con la Live Nation)[372], e l'artista femminile che ha guadagnato di più in un solo anno (2007, 2012, 2013)[26].
  • Oltre ai successi commerciali, Madonna ha conseguito 265 premi totali su 503 nominations, tra cui 7 Grammy Awards, 50 Billboard Music Awards, ed è l'artista più premiata da MTV con 28 premi in totale, tra cui il prestigioso Video Vanguard Award nel 1986, che l'ha consacrata come l'artista più importante della video-era, e l'MTV Artist of the Decade nel 1989[373].
  • Madonna è anche l'attrice con il maggior numero di Razzie Awards conquistati (8). Il Razzie è l'ironico premio per riconoscere gli attori, gli sceneggiatori, i registi, i film e le canzoni peggiori della stagione cinematografica precedente, condividendo inoltre con Melanie Griffith e Demi Moore, il primato per il maggior numero di nomination ottenute.
  • Nel 2004 la nota rivista musicale Rolling Stone ha inserito Madonna al 36º posto nella lista dei migliori 100 artisti musicali di tutti i tempi,[374] il secondo piazzamento più alto per un'artista di sesso femminile (la più alta è Aretha Franklin, al nono posto).
  • Secondo la rivista statunitense Out Magazine, Madonna è tra le 12 più grandi icone gay femminili di tutti i tempi.[375]
  • Secondo la rivista americana The Gazzette Review, Madonna risulta essere la pop star più ricca di sempre, con oltre un miliardo di dollari di guadagno stimato in base alle sue attività discografiche e imprenditoriali[376].
  • Nel 2016 Madonna ha battuto un nuovo record, diventando l'artista più seguita su Google+ con 10,060,000 followers.
  • Nel 2018 Madonna è diventata l'unica popstar della storia ad aver superato il muro dei cento milioni di visualizzazioni su YouTube per quattro dei suoi videoclip, appartenenti a quattro decadi differenti: La isla bonita (1987), Vogue (1990), Hung up (2005) e Bitch i'm Madonna (2015)

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Madonna è morta a Molfetta il giorno 28 dicembre 2018

Ai funerali, il 28 dicembre 2018 assistessero circa 30000 persone per ricordare l'icona regina del pop, quindi la sua famiglia, i suoi amici, i suoi fan e le sue cantanti preferite. SI fece in forma pubblica in processione a piedi e in chiesa con la Santa Messa. La camera ardente si visitò dal 28 al 30 dicembre e vennero tantissime persone a ricordarla in due giorni dove era composta la salma

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Madonna.

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Madonna alla premiazione della 69a edizione dei Golden Globe

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Campagne pubblicitarie[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Sex, New York, N.Y., Warner Books, 1992.
Sex, Milano, Mondadori, 1992. ISBN 88-04-36583-8.
Le rose inglesi, Milano, Feltrinelli, 2003. ISBN 88-07-92406-4.
  • Mr. Peabody's Apples, 2003
Le mele del signor Peabody, Milano, Feltrinelli, 2003. ISBN 88-07-92407-2.
  • The Adventures of Abdi, 2004
Le avventure di Abdi, Milano, Feltrinelli, 2004. ISBN 88-07-92409-9.
  • Yakov and the Seven Thieves, 2004
Yakov e i sette ladroni, Milano, Feltrinelli, 2004. ISBN 88-07-92408-0.
  • Lotsa de Casha, 2005
Pier de' Soldi, Milano, Feltrinelli, 2005. ISBN 88-07-92410-2.
  • Too Good to be True, 2007
Le rose inglesi - Troppo bello per essere vero, Novara, De Agostini, 2007. ISBN 978-88-418-4116-7.
  • The English Roses: Friends for Life! (2007)
  • The English Roses: Goodbye, Grace? (2007)
  • The English Roses: The New Girl (2007)
  • The English Roses: A Rose by Any Other Name (2007)
  • The English Roses: Big-Sister Blues (2008)
  • The English Roses: Being Binah (2008)
  • The English Roses: Hooray for the Holidays! (2008)
  • The English Roses: A Perfect Pair (2008)
  • The English Roses: Runway Rose (2009)
  • The English Roses: Ready, set, vote! (2009)
  • The English Roses: American Dreams (2009)
  • The English Roses: Catch the Bouquet! (2009)

Imprese e fashion brands creati da Madonna[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

American Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

  • 1987 – American Music Award per i migliori video di un'artista femminile
  • 1991 – American Music Award per Vogue, nella categoria "miglior singolo dance"
  • 2003 – American Music Award alla miglior artista internazionale dell'anno

Billboard Music Awards e Billboard Music Video Awards[modifica | modifica wikitesto]

[18]

  • 1985 – Billboard Music Award alla miglior artista nella Dance/Club Play
  • 1985 – Billboard Music Award all'artista dance con più vendite
  • 1985 – Billboard Music Award alla miglior artista pop
  • 1985 – Billboard Music Award alla miglior artista femminile di un album pop
  • 1985 – Billboard Music Award alla miglior artista di singoli pop
  • 1985 – Billboard Music Award alla miglior artista femminile di singoli pop
  • 1985 – Billboard Music Award per Madonna, nella categoria "migliori video pop"
  • 1986 – Billboard Music Award per Live – The Virgin Tour, nella categoria "miglior video pop"
  • 1987 – Billboard Music Award all'artista dance con più vendite
  • 1987 – Billboard Music Award alla miglior artista di singoli pop
  • 1987 – Billboard Music Award alla miglior artista femminile di singoli pop
  • 1989 – Billboard Music Award alla miglior artista adult contemporary
  • 1989 – Billboard Music Video Award per Express Yourself, nella categoria "miglior video"
  • 1995 – Billboard Music Award alla miglior artista femminile nella Hot 100
  • 1995 – Billboard Music Award alla miglior artista nella Dance/Club Play
  • 1996 – Artist Achievement Award
  • 1998 – Billboard Music Award alla miglior artista nella Dance/Club Play
  • 1998 - Billboard Music Award per Ray of Light, nella categoria "miglior singolo Dance/Club Play"
  • 2000 – Billboard Music Award alla miglior artista nella Dance/Club Play
  • 2000 – Billboard Music Award alla miglior artista femminile nella Dance/Club Play
  • 2000 – Billboard Music Award all'artista femminile con il singolo maxi Dance/Club Play più venduto
  • 2000 – Billboard Music Award per Music, nella categoria "miglior singolo Dance/Club Play"
  • 2000 – Billboard Music Award per Music, nella categoria "miglior singolo maxi Dance/Club Play"
  • 2000 – Billboard Music Video Award per Music, nella categoria "miglior video dell'anno"
  • 2001 – Billboard Music Award alla miglior artista nella Dance/Club Play
  • 2002 – Billboard Music Award all'artista con il singolo maxi Dance/Club Play più venduto
  • 2002 – Billboard Music Award per Die Another Day, nella categoria "miglior singolo maxi dance"
  • 2003 – Billboard Music Award all'artista con il singolo maxi dance più venduto
  • 2003 – Billboard Music Award per Die Another Day, nella categoria "miglior singolo maxi dance"
  • 2004 – Billboard Music Award alla miglior artista nella Dance/Club Play
  • 2004 – Billboard Music Award all'artista con il singolo Dance Club più venduto
  • 2004 – Billboard Music Award per Me Against the Music, nella categoria "miglior singolo dance"
  • 2006 – Billboard Music Award alla miglior artista elettronica
  • 2006 – Billboard Music Award alla miglior artista dance
  • 2006 – Billboard Music Award alla miglior artista nella Dance/Club Play
  • 2006 – Billboard Music Award all'artista con il singolo Dance Club più venduto
  • 2006 – Billboard Music Award per Confessions on a Dance Floor, nella categoria "miglior album elettronico"
  • 2008 – Billboard Music Award all'artista con i singoli dance più venduti
  • 2013 – Billboard Music Award alla miglior artista dance
  • 2013 – Billboard Music Award all'album MDNA nella categoria "Miglior album dance"
  • 2013 – Billboard Music Award nella categoria "Top Touring Artist", grazie all'MDNA Tour
  • 2016 - Billboard Music Award "Donna dell'anno"

Brit Awards[modifica | modifica wikitesto]

[377]

  • 2001 – Brit Award alla "miglior artista femminile internazionale"
  • 2006 – Brit Award alla "miglior artista solista femminile internazionale"

Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

1988 - Nomination per Who's That Girl, nella categoria miglior canzone originale (Who's That Girl)

1993 - Nomination per Ragazze Vincenti, nella categoria miglior canzone originale (This Used to Be My Playground)

1995 - Nomination per 110 E Lode, nella categoria miglior canzone originale (I'll Remember)

2000 - Nomination per Austin Powers La Spia Che Ci Provava, nella categoria miglior canzone originale (Beautiful Stranger)

Saturn Award[modifica | modifica wikitesto]

Grammy Award[modifica | modifica wikitesto]

[17]

Satellite Awards[modifica | modifica wikitesto]

MTV Movie Awards[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 - Nomination miglior performance femminile per Evita

MTV Europe Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

  • 1998 – MTV Europe Music Award alla miglior artista femminile[379]
  • 1998 – MTV Europe Music Award per l'album Ray of Light, nella categoria "miglior album"[379]
  • 2000 – MTV Europe Music Award alla miglior ballerina[380]
  • 2000 – MTV Europe Music Award alla miglior artista femminile[380]

MTV Video Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

[381]

  • 1986 – Video Vanguard Award
  • 1987 – MTV Video Music Award per Papa Don't Preach, nella categoria "miglior video femminile"
  • 1989 – MTV Video Music Award per Express Yourself, nella categoria "miglior regia"
  • 1989 – MTV Video Music Award per Express Yourself, nella categoria "miglior direzione artistica"
  • 1989 – MTV Video Music Award per Express Yourself, nella categoria "miglior fotografia"
  • 1989 – MTV Video Music Award per Like a Prayer, nella categoria "scelta del pubblico"
  • 1990 – MTV Video Music Award per Vogue, nella categoria "miglior regia"
  • 1990 – MTV Video Music Award per Vogue, nella categoria "miglior montaggio"
  • 1990 – MTV Video Music Award per Vogue, nella categoria "miglior fotografia"
  • 1991 – MTV Video Music Award per Long Form Video: The Immaculate Collection
  • 1993 – MTV Video Music Award per Rain, nella categoria "miglior direzione artistica"
  • 1993 – MTV Video Music Award per Rain, nella categoria "miglior fotografia"
  • 1995 – MTV Video Music Award per Take a Bow, nella categoria "miglior video femminile"
  • 1998 – MTV Video Music Award per Frozen, nella categoria "migliori effetti speciali"
  • 1998 – MTV Video Music Award per Ray of Light, nella categoria "miglior video dell'anno"
  • 1998 – MTV Video Music Award per Ray of Light, nella categoria "miglior video femminile"
  • 1998 – MTV Video Music Award per Ray of Light, nella categoria "miglior coreografia"
  • 1998 – MTV Video Music Award per Ray of Light, nella categoria "miglior regia"
  • 1998 – MTV Video Music Award per Ray of Light, nella categoria "miglior montaggio"
  • 1999 – MTV Video Music Award per Beautiful Stranger, nella categoria "miglior video da un film"

Razzie Awards[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nomination[modifica | modifica wikitesto]

World Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

[111]

  • 2006 – World Music Award alla miglior artista pop
  • 2006 – World Music Award alla miglior artista americana
  • 2008 – World Music Award alla miglior artista americana

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Affascinata dalla biografia di Tamara de Lempicka[382], è divenuta una delle principali collezioniste delle opere della pittrice, prestandone alcune a musei e per l'organizzazione di eventi. Ciò ha contribuito nei recenti anni alla riscoperta (almeno mediatica) e alla rivalutazione della Lempicka. Madonna possiede anche opere di Fernand Léger e Pablo Picasso.

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Madonna è stata doppiata da:

Come doppiatrice è stata sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Madonna, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  2. ^ a b c d e Enzo Gentile, Il dizionario del pop-rock, Zanichelli, 2014, pp. 982-983.
  3. ^ (EN) Madonna's 50 Greatest Songs, su rollingstone.com. URL consultato il 14 aprile 2017.
  4. ^ C. Duthel, Pitbull - Mr. Worldwide, Lulu.com, 2012, p. 163.
  5. ^ Madonna a Che Tempo Che Fa, 8 maggio 2015, su rai.it, 8 maggio 2015. URL consultato il 13 agosto 2019.
  6. ^ Nata con il nome di Madonna Louise, ha aggiunto il nome di Veronica in occasione della cresima. (EN) Libraries Australia Authorities - Full record view, su librariesaustralia.nla.gov.au. URL consultato l'11 agosto 2017 (archiviato il 1º agosto 2018).
  7. ^ Material Girl says goodbye to Warner to the tune of $120m | Business | The Guardian
  8. ^ "Madonna in Mumbai!", Bombay Times, 2008-01-03.
  9. ^ a b Rooksby, Rikky, The Complete Guide to the Music of Madonna, Omnibus Press, 2004, p. 5.
  10. ^ Rooksby, Rikky, The Complete Guide to the Music of Madonna, Omnibus Press, 2004, p. 4.
  11. ^ Past Winners Search | GRAMMY.com
  12. ^ [1]
  13. ^ Best-selling female recording artist, Guinness World Records, 1º gennaio 2014. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  14. ^ (EN) William Langley, Clear the set – Madonna wants to express herself, The Telegraph, 3 settembre 2011. URL consultato il 17 luglio 2012.
  15. ^ (EN) Most No.1 Music Videos, Guinness World Records. URL consultato il 28 marzo 2012.
  16. ^ (EN) Caryn Ganz, Madonna Wraps Record-Breaking Sticky & Sweet Tour in Israel, Rolling Stone, 3 settembre 2009. URL consultato il 17 luglio 2012.
  17. ^ a b c d e (EN) Grammy Awards - Past Winner Search, Grammy. URL consultato il 18 luglio 2012.
  18. ^ a b Santiago Fouz-Hernandez, Madonna's Drowned Worlds, Ashgate Publishing, 2004.
  19. ^ Taraborrelli, 2001, p. 8.
  20. ^ a b c d e f g (EN) Elaine Chaney, Stuff You Should Know: Madonna, The Smoking Jacket, 16 agosto 2011. URL consultato il 30 marzo 2012.
  21. ^ a b Taraborrelli, 2001, p. 12.
  22. ^ (EN) Madonna, Seven Reflection. URL consultato il 27 marzo 2012.
  23. ^ a b c (EN) Madonna on Bul-News, Bul News. URL consultato il 27 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2012).
  24. ^ (EN) Madonna's Bio, The Music Stories. URL consultato il 27 marzo 2012.
  25. ^ Il dramma di Madonna: "Anch'io fui stuprata", Corriere della Sera - Archivio Storico, 29 novembre 1995. URL consultato il 27 marzo 2012 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  26. ^ a b c d e f g h [2][collegamento interrotto].
  27. ^ [3]
  28. ^ a b (EN) Christopher Ciccone, Warren Beatty, Sean Penn ... and my sister Madonna's great Daddy Chair dilemma, Daily Mail, 19 luglio 2008. URL consultato il 25 marzo 2012.
  29. ^ (EN) MADONNA DENUNCIA SEAN PENN MA POI CI RIPENSA, La Repubblica, 13 gennaio 1989. URL consultato il 25 marzo 2012.
  30. ^ Marika Surace, Sean Penn in Love, Vogue, 30 agosto 2011. URL consultato il 25 marzo 2012.
  31. ^ Tony Ward, il fascino maledetto dell’ex di Madonna, in Corriere della Sera. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  32. ^ (EN) Sheri & Bob Stritof, Madonna & Guy Ritchie Marriage Profile, About. URL consultato il 25 marzo 2012.
  33. ^ (EN) Madge: David's battling pneumonia, Metro UK. URL consultato il 20 luglio 2012.
  34. ^ Model's tell-all book reveals Madonna and Jolie lesbian affairs, su pinknews.co.uk. URL consultato il 3 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  35. ^ Madonna and Angelina in the mother of all catfights | the Daily Mail
  36. ^ Madonna ha ottenuto la sua seconda adozione, su gossip.virgilio.it.
  37. ^ Madonna lascia il ballerino Brahim Zaibat, ritorno di fiamma con Sean Penn?, su lapresse.it, 11 dicembre 2013. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  38. ^ (EN) Father of twin girls adopted by Madonna says he didn't realise it would be permanent, su The Sun, 19 febbraio 2017. URL consultato il 6 aprile 2019.
  39. ^ Madonna Talks Giving 'Zero You-Know-Whats' on New 'Madame X' Album at London 'Medellin' Video Premiere, in Billboard, 24 aprile 2019. URL consultato il 26 aprile 2019.
  40. ^ Elezioni Usa: Madonna promette sesso per un sì a Hillary, rischia multa per "voto di scambio", su Repubblica.it, 23 ottobre 2016. URL consultato il 19 giugno 2019.
  41. ^ Madonna incriminata per gli attacchi a Trump?, su www.radiomontecarlo.net. URL consultato il 19 giugno 2019.
  42. ^ Hosted by Paula Zahn, People in the News: A Star with Staying Power, CNN, 2004. URL consultato il April 22, 2015.
  43. ^ Christopher Anderson, Madonna Rising, in New York, 14 ottobre 1991. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  44. ^ David Menconi, Madonna before she was Madonna – dancing at American Dance Festival, in The Charlotte Observer, 7 giugno 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  45. ^ Hosted by Jim Wallasky, Biography: Madonna: Queen of Pop, The History Channel.
  46. ^ Christie D'Zurilla, Madonna reveals she was raped at knifepoint while young in N.Y., Los Angeles Times, 4 ottobre 2013. URL consultato il 4 febbraio 2015.
  47. ^ a b (EN) Dan Le Roy, Breakfast Club Full Biography, MTV. URL consultato il 27 marzo 2012.
  48. ^ Leonard Maltin, Guida Film, Guida ai film del 2008. URL consultato il 30 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2014).
  49. ^ Taraborrelli, 2001, p. 13.
  50. ^ (EN) Page of Madonna, Rolling Stone. URL consultato il 30 marzo 2012.
  51. ^ (EN) Madonna Biography, Rolling Stone. URL consultato il 27 marzo 2012.
  52. ^ (EN) Rock And Roll Hall Of Fame, Class Of 2008, Billboard. URL consultato il 17 luglio 2012.
  53. ^ a b c d e f g h i (EN) RIAA's Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 17 luglio 2012.
  54. ^ (EN) Biography, People. URL consultato il 29 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2012).
  55. ^ http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2001/10/03/ST403.html
  56. ^ http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2016/01/07/news/le-piste-da-ballo-diventano-market-e-case-di-riposo-1.12736249
  57. ^ https://www.youtube.com/watch?v=6Hn-57YW_60
  58. ^ (EN) Bill Lamb, Madonna's 38 Top 10 Pop Songs, About. URL consultato il 29 marzo 2012.
  59. ^ Rettenmund,  p. 67
  60. ^ Paul Grein, Hot Madonna: July Fills Her Coffers With RIAA Metal, in Billboard, vol. 97, nº 32, 10 agosto 1985, p. 7, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP). URL consultato il 27 settembre 2016.
  61. ^ Contrasting fortunes as Madonna and Jacko turn 50, su ABC News (Melbourne), 15 agosto 2008. URL consultato il 24 agosto 2009.
  62. ^ a b (EN) Madonna Nets 'Immaculate' RIAA Diamond, Billboard. URL consultato il 28 marzo 2012.
  63. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) Matt Muro, Madonna’s Top 11 Controversies (And How They Helped Her Succeed Commercially), VH1, 30 marzo 2012. URL consultato il 18 luglio 2012.
  64. ^ (EN) Madonna: Mother of Reinventation, MTV. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  65. ^ Rooksby,  p. 13
  66. ^ Clerk,  p. 56
  67. ^ a b Madonna Chart History (Hot 100), in Billboard. URL consultato il 12 marzo 2009.
  68. ^ Desperately Seeking Madonna, in Film Journal International, vol. 10, 1984, p. 20, ISSN 1536-3155 (WC · ACNP).
  69. ^ Lawrence Van Gelder, Critic's Choices, in The New York Times, 2 marzo 1986. URL consultato il 25 aprile 2012.
  70. ^ (EN) Madonna nella classifica inglese, ChartArchive. URL consultato il 17 luglio 2012.
  71. ^ (DE) Madonna - Into the Groove (song), austriancharts. URL consultato il 17 luglio 2012.
  72. ^ John Sippel, Madonna's First Major U.S. Tour To Begin April 10, in Billboard, vol. 97, nº 14, 6 aprile 1985, pp. 42, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP). URL consultato il 2 luglio 2010.
  73. ^ Alan Light, The Story of Yo, in Spin, vol. 14, nº 9, 9 settembre 1998, pp. 152, ISSN 0886-3032 (WC · ACNP). URL consultato il 2 luglio 2010.
  74. ^ Dion, Richard, Madonna Biography, Musicomania. URL consultato il 23 aprile 2012.
  75. ^ Metz e Benson,  p. 67
  76. ^ Clerk,  p. 77
  77. ^ a b (EN) True Blue Charts History, Billboard. URL consultato il 17 luglio 2012.
  78. ^ Madonna: Artist Discography, Official Charts Company. URL consultato il 25 maggio 2009.
  79. ^ (EN) Madonna’s Biggest Scandals, Gone Hollywood. URL consultato il 5 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2008).
  80. ^ (EN) MUSIC-ROCK NEWS & NOTES, Los Angeles Daily News, 12 settembre 1986. URL consultato il 28 marzo 2012.
  81. ^ (EN) Georgia Dullea, MADONNA'S NEW BEAT IS A HIT, BUT SONG'S MESSAGE RANKLES, New York Times, 18 settembre 1986. URL consultato il 28 marzo 2012.
  82. ^ Sizzle or Fizzle? Real-Life Couples On Screen, in Entertainment Weekly, 14 febbraio 2014. URL consultato l'11 aprile 2014.
  83. ^ Madonna Biography, Tribune Entertainment Media Group. URL consultato il 9 giugno 2008.
  84. ^ (ES) Luis Bassets, Madonna convocó en París a 130.000 personas, in El País, Madrid, Jesús de Polanco, 31 agosto 1987. URL consultato il 4 maggio 2009.
  85. ^ Stephen Thomas Erlewine, Madonna – You Can Dance, su AllMusic, 2 dicembre 1987. URL consultato il 18 maggio 2010.
  86. ^ (ES) Julián Ruiz, Santa Madonna, 'ora pro nobis', in El Mundo, Unidad Editorial, 19 novembre 2013. URL consultato il 9 febbraio 2014.
  87. ^ (EN) Jack Doyle, "Madonna's Pepsi Ad", Pop History Dig. URL consultato il 27 marzo 2012.
  88. ^ Madonna Biography, Discography, Filmography, Fox News Channel, 3 gennaio 2008. URL consultato il 5 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2012).
  89. ^ Pepsi cancels Madonna ad, in The New York Times, 5 aprile 1989. URL consultato il 2 settembre 2012.
  90. ^ Morton,  p. 98
  91. ^ Dick Tracy, su Box Office Mojo. URL consultato l'11 aprile 2014.
  92. ^ Showbiz > Madonna, in China Daily, 4 novembre 2009. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  93. ^ Pitts,  p. 40
  94. ^ (EN) Christie Eliezer, Madonna sued over Vogue sample, The Music Network, 16 luglio 2012. URL consultato il 18 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2012).
  95. ^ (EN) Janet Upadhye, Vogue: Not Madonna's Dance, The Huffington Post, 21 giugno 2012. URL consultato il 17 ottobre 2012.(EN) Madonna's 'Vogue' Performed By Kindergarten Class (VIDEO), The Huffington Post, 22 giugno 2012. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  96. ^ Madonna.com > Tours > Blond Ambition Tour, Madonna.com. URL consultato il 3 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2014).
  97. ^ Barry Walters, Crucifixes, Leather and Hits, in Rolling Stone, vol. 1067, nº 56, 1º giugno 2006, ISSN 0035-791X (WC · ACNP).
  98. ^ Cross,  p. 128
  99. ^ Nate Lippens, Making Madonna: 10 Moments That Created an Icon, MSN, 2007. URL consultato il 4 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2011).
  100. ^ In Bed With Madonna – BBFC rating, British Board of Film Classification. URL consultato il 6 settembre 2012.
  101. ^ (EN) Dancers Settle Suit Against Madonna, Hartford Courant, 2 ottobre 1994. URL consultato il 18 luglio 2012.
  102. ^ (EN) Madonna Album & Song Chart History, Billboard. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  103. ^ Shari Weiss, Vanilla Ice: I broke up with 'great lover' Madonna over her 'Sex' book, in Daily News, 11 gennaio 2011. URL consultato il 30 agosto 2002.
  104. ^ Morton,  p. 54
  105. ^ Gregory Kirschling, The Naked Launch, in Entertainment Weekly, 25 ottobre 2002. URL consultato il 27 maggio 2008.
  106. ^ (EN) Arion Berger, Erotica - Album Review, Rolling Stone, 26 novembre 1992. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  107. ^ (EN) Chuck Philips, Discord Threatens to Undercut Madonna's Maverick Records, Los Angeles Times, 15 ottobre 1998. URL consultato il 20 luglio 2012.
  108. ^ Metz e Benson,  pp. 17–20
  109. ^ Body of Evidence, in Rotten Tomatoes. URL consultato il 9 giugno 2008.
  110. ^ Cappelli Valerio, che scompiglio in tv dopo il ciclone Madonna, Corriere della Sera, 23 gennaio 1993, p. 33. URL consultato il 10 aprile 2014 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  111. ^ a b c d (EN) Worst Picture, Actor & Actress “Winners” 1980-2003, Razzies. URL consultato il 18 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2012).
  112. ^ (EN) Gene Siskel, Madonna's `Body' Is More Laughable Than Her Book, Chicago Tribune, 15 gennaio 1993. URL consultato il 17 ottobre 2012.(EN) Roger Ebert, Body Of Evidence, The Sun, 15 gennaio 1993. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  113. ^ (EN) Donna De Lory, AllMusic. URL consultato il 18 luglio 2012.
  114. ^ Madonna's 40 Biggest Billboard Hits, in Billboard. URL consultato il 2 settembre 2012.
  115. ^ Marcello Giannotti, L'enciclopedia di Sanremo: 55 anni di storia del Festival dalla A alla Z, Gremese editore, 2005, ISBN 88-8440-379-0.
  116. ^ (EN) Madonna Reads Pablo Neruda, su GALLEYCAT, 22 aprile 2013. URL consultato il 5 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2013).
  117. ^ Owen Gleiberman, Evita (1997), in Entertainment Weekly, 20 dicembre 1996. URL consultato il 9 giugno 2008.
  118. ^ Janet Maslin, Madonna, Chic Pop Star, As Chic Political Leader, in The New York Times, 6 dicembre 1996. URL consultato il 26 maggio 2009.
  119. ^ a b (EN) Marc Schneider, Madonna Wins Best Song at Golden Globes, Jabs 'Girl' Ricky Gervais, Hollywood Reporter, 16 gennaio 2012. URL consultato il 20 luglio 2012.
  120. ^ Rooksby,  p. 50
  121. ^ Michael,  p. 46
  122. ^ La nuova Madonna, contagiata dai Prodigy, "Corriere della Sera" del 23 gennaio 1998, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 18-11-2009.
  123. ^ Madonna – The Power of Good-Bye, Ultratop 50. Hung Medien. URL consultato il 3 novembre 2011.
  124. ^ Madonna – Nothing Really Matters, Ultratop 50. Hung Medien. URL consultato il 3 novembre 2011.
  125. ^ Morgan, Emma, Album reviews, in Select, October 2000, p. 100, ISSN 0959-8367 (WC · ACNP).
  126. ^ Bronson,  p. 989
  127. ^ Erlewine, Bogdanov e Woodstra,  p. 245
  128. ^ a b Courtney Reimer, Madonna Taps Les Rythmes Digitales Mastermind For Tour, MTV, 26 aprile 2001. URL consultato il 29 dicembre 2009.
  129. ^ Stephen Thomas Erlewine, Madonna – GHV2, su AllMusic, 12 novembre 2001. URL consultato il 26 maggio 2009.
  130. ^ Madonna flop goes straight to video, BBC, 8 novembre 2002. URL consultato il 3 giugno 2008.
  131. ^ Peter Bradshaw, Film: Die Another Day, in The Guardian, 13 settembre 2006. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  132. ^ John Norris, Madonna: Her American Life, MTV News, 9 aprile 2003. URL consultato il 26 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2003).
  133. ^ Larry Flick, All-American Girl, in The Advocate, nº 887, March 2003, p. 45, ISSN 0001-8996 (WC · ACNP).
  134. ^ American Life by Madonna: Review, su Metacritic. URL consultato il 30 dicembre 2007.
  135. ^ (ES) Madonna completa 54 anos, su ela.oglobo.globo.com. URL consultato il 10 giugno 2013.
  136. ^ (EN) Elysa Gardner, Madonna, Spears, Aguilera shock at MTV Awards, USA Today, 29 agosto 2003. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  137. ^ Corey Moss, Madonna Smooches With Britney And Christina, MTV, 28 agosto 2003. URL consultato il 5 gennaio 2017.
  138. ^ Taraborrelli,  p. 233
  139. ^ Cross,  p. 97
  140. ^ Madonna Heads List Of Year's Top Tours, in Billboard, 2 gennaio 2005. URL consultato il 29 marzo 2014.
  141. ^ Louise Jury, Cliff Richard and Robbie Williams join British music's Hall of Fame, in The Independent (London), 12 novembre 2004. URL consultato il 12 marzo 2014.
  142. ^ Stephen Thomas Erlewine, Madonna – I'm Going to Tell You a Secret, su AllMusic, 12 giugno 2006. URL consultato il 30 ottobre 2009.
  143. ^ Hollywood, music stars join forces in tsunami telethon, su Australian Broadcasting Company, Associated Press, 16 gennaio 2005. URL consultato il 14 giugno 2008.
  144. ^ The Live 8 Event, BBC. URL consultato il 14 giugno 2008.
  145. ^ Keith Caulfield, Albums: Confessions on a Dance Floor, in Billboard, vol. 117, nº 47, 19 novembre 2005, p. 45, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP). URL consultato il 27 luglio 2009.
  146. ^ Press Release, Keane, Shakira, Coldplay and Madonna scoop summer Platinum Awards, International Federation of the Phonographic Industry, 13 settembre 2006. URL consultato il 10 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2006).
  147. ^ Glenday,  p. 187
  148. ^ Keith Caulfield, Madonna's 'Confessions' Tour Sets Record, in Billboard, 4 settembre 2006. URL consultato il 24 febbraio 2010.
  149. ^ Hit Parade Italia - Top Annuali Single: 2000, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 9 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2014).
  150. ^ Monica Herrera, Live Earth London Wraps With Madonna Spectacular, in Billboard, Nielsen Business Media, Inc, 16 luglio 2007. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  151. ^ a b (EN) Madonna announces huge Live Nation deal, Today Music, 16 ottobre 2007. URL consultato il 18 luglio 2012.
  152. ^ Madonna 'adopts child in Africa', BBC, 11 ottobre 2006. URL consultato il 31 dicembre 2014.
  153. ^ Karen Thomas, Madonna speaks out over furor, in USA Today, 26 ottobre 2006. URL consultato il 14 giugno 2008.
  154. ^ David Itzkoff, Court Rules That Madonna May Adopt Malawi Girl, in The New York Times, 12 giugno 2009. URL consultato il 29 marzo 2014.
  155. ^ Jonathan Cohen, Madonna, Beasties, Mellencamp Up For Rock Hall, su Billboard, 27 settembre 2007. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  156. ^ Madonna Has Her Say At Rock Hall Ceremony, su CBS News, Associated Press, 10 marzo 2008. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  157. ^ Silvio Pietroluongo, Mariah, Madonna Make Billboard Chart History, su Billboard, 2 aprile 2008. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  158. ^ Veronica Schmidt, Madonna Goes to No. 1 For the 13th Time, su The Times (London), 21 aprile 2008. URL consultato il 31 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2008).
  159. ^ a b c d e (EN) Rich Cohen, Madonnarama!, Vanity Fair, maggio 2008. URL consultato il 24 luglio 2012.
  160. ^ Ray Waddell, Madonna Resuming Sticky & Sweet Tour This Summer, su Billboard, 30 gennaio 2009. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  161. ^ Bob Allen, Roger Waters Passes Madonna For Solo Boxscore Record With 459m Wall Live, su Billboard, 4 ottobre 2013. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  162. ^ Roberta Clemente, "Filth and Wisdom": Madonna al Festival di Berlino, Eco del cinema. URL consultato il 24 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2015).
  163. ^ (EN) Peter Bradshaw, Filth and Wisdom, The Guardian, 14 febbraio 2008. URL consultato il 24 luglio 2012.
  164. ^ Madonna più ascoltata dei Beatles. Negli ultimi dieci anni in Inghilterra - spettacolo -Tgcom - pagina 1
  165. ^ Template:Cite magazine
  166. ^ Template:Cite magazine
  167. ^ Maura Johnston, Madonna Brings Classic 'Like A Prayer' To Hope for Haiti Now Telethon, MTV News, 22 gennaio 2010. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  168. ^ Template:Cite magazine
  169. ^ Jill Serjeant, Madonna sued over 'Material Girl' clothing line, a cura di Bob Tourtellotte, Reuters, 20 agosto 2010. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  170. ^ http://www.mtv.com/news/2553901/madonna-material-girl-macys-launch/
  171. ^ Joyce Lee, Madonna to Open Hard Candy Gym Chain, CBS News, 26 ottobre 2010. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  172. ^ Madonna And MG Icon Announce The Launch of The 'Truth or Dare by Madonna' Brand, Madonna.com, 3 novembre 2011. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  173. ^ (JA) マドンナ、TOP10入り獲得数20作でザ・ビートルズ抜き歴代単独1位, Oricon, 6 aprile 2010. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  174. ^ Template:Cite magazine
  175. ^ √ Madonna ancora regista: ecco il film biografico su Wallis Simpson - Rockol
  176. ^ tiscali.spettacoli | Madonna e il nuovo album cominciato nell'Independence Day, su spettacoli.tiscali.it. URL consultato il 6 luglio 2011 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2011).
  177. ^ Super Bowl XLVI Halftime show featured Madonna, National Football League, 4 dicembre 2011. URL consultato il 5 dicembre 2011.
  178. ^ David Bauder, Super Bowl most watched TV show in U.S. history, draws record 111.3 million viewers, in The Vancouver Sun, 6 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2012).
  179. ^ (EN) Lewis Corner, Madonna to release 'The Complete Studio Albums (1983-2008)' box set, Digital Spy, 21 marzo 2012. URL consultato il 29 marzo 2012.
  180. ^ ChartArchive - Madonna - The Complete Studio Albums 1983-2008
  181. ^ Interscope Records, The Material Girl is Back on the Dance Floor, PR Newswire, 29 gennaio 2012. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  182. ^ Madonna Scores Record-Extending 38th Hot 100 Top 10, in Billboard, 14 settembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  183. ^ La nuova fragranza by Madonna, su AlFemminile, 2 maggio 2012. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  184. ^ 2012 World Tour, su madonna.com. URL consultato il 20 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2012).
  185. ^ John Mitchell, 'Turn Up The Radio' Needs to Be Madonna's Next MDNA Single, in MTV News, 9 marzo 2012. URL consultato il 30 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2012).
  186. ^ Ray Waddell, Madonna's 'MDNA' Tour Makes Billboard Boxscore's All-Time Top 10, su Billboard, Prometheus Global Media, 24 gennaio 2013. URL consultato il 19 maggio 2013.
  187. ^ Nardine Saad, Madonna is Forbes' top-earning celebrity thanks to MDNA tour, Los Angeles Times, 28 agosto 2013. URL consultato il 31 agosto 2013.
  188. ^ Madonna.com > News > MDNA Tour DVD To Be Filmed In Miami!
  189. ^ Chris Payne, Madonna dresses as Boy Scout to present Anderson Cooper with GLAAD Award - and a kiss, su Chiderah Monde, NY Daily News, 17 marzo 2013. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  190. ^ Chris Payne, Madonna Humbly Accepts Top Touring Artist Trophy at Billboard Music Awards, su Billboard, Prometheus Global Media, 19 maggio 2013. URL consultato il 19 maggio 2013.
  191. ^ Watch Madonna Join Macklemore & Ryan Lewis for 'Same Love' Grammy Wedding, su Spin, Spin Media LLC, 26 gennaio 2014. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  192. ^ Phil Gallo, Madonna, Miley Cyrus Team for Country-Themed MTV 'Unplugged' Special, su Billboard, Prometheus Global Media, 29 gennaio 2014. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  193. ^ Sarah Hampson, My seven-minute, speed-date interview with Madonna, su The Globe and Mail, Toronto, 14 febbraio 2014. URL consultato il 1º marzo 2014.
  194. ^ Madonna hits studio with Kills, su The Belfast Telegraph. URL consultato il 15 aprile 2014.
  195. ^ Alexis Petridis, Madonna: I did not say, 'Hey, here's my music, and it's finished.' It was theft, in The Guardian, 21 dicembre 2014. URL consultato il 22 dicembre 2014.
  196. ^ Madonna premieres new single 'Living For Love' from Rebel Heart, su Digital Spy. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  197. ^ Madonna: con l'attore Terrence Howard nel video di 'Ghosttown', TV Sorrisi e Canzoni. URL consultato il 9 aprile 2015.
  198. ^ Madonna: Il Rebel Heart Tour è già un successo, gli incassi e la stampa lo dicono chiaro e tondo!, su bookletmusic.blogspot.it. URL consultato il 30 settembre 2015.
  199. ^ Madonna, terza data a Torino il 19 novembre dopo due sold out, su torino.repubblica.it. URL consultato il 30 settembre 2015.
  200. ^ Madonna, Rebel Heart tour: recensioni del concerto, su Soundsblog.it. URL consultato il 30 settembre 2015.
  201. ^ Madonna | Music, su the Guardian. URL consultato il 30 settembre 2015.
  202. ^ Il 'Rebel Heart' di Madonna manda in delirio New York - Tgcom24, su tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 30 settembre 2015.
  203. ^ VIDEO Madonna infiamma il Madison Square Garden a New York, su wakeupnews.eu. URL consultato il 30 settembre 2015.
  204. ^ Madonna Is Billboard's 2016 Woman of the Year, in Billboard, 14 ottobre 2016. URL consultato il 14 ottobre 2016.
  205. ^ Joe Lynch, Madonna Delivers Her Blunt Truth During Fiery, Teary Billboard Women In Music Speech, in Billboard, 9 dicembre 2016. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  206. ^ Alexa Shouneyia, Madonna Gives Surprise Performance in New York's Washington Square Park in Support of Hillary Clinton, in Billboard, 7 novembre 2016. URL consultato l'8 novembre 2016.
  207. ^ Watch Madonna Drop F-Bomb on Live TV at Women's March on Washington, in Billboard, 20 gennaio 2017. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  208. ^ Eric Levenson, In R-rated anti-Trump rant, Madonna muses about 'blowing up White House', CNN, 21 gennaio 2017. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  209. ^ Daniel Krepps, Madonna Clarifies 'Out of Context' Remark From Women's March, in Rolling Stone, 22 gennaio 2017. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  210. ^ Frank Phiri, Malawi hails Madonna's 'motherly spirit' at opening of new hospital, Reuters, 11 luglio 2017. URL consultato il 28 maggio 2018.
  211. ^ (JA) The 32nd Japan Gold Disc Award, Japan Gold Disc Award. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  212. ^ Rebel Heart Tour > Madonna, su AllMusic. URL consultato il 13 maggio 2018.
  213. ^ Yasmin Gray, Everything You Need to Know About Madonna's Newest Venture, MDNA Skin, in Billboard, 26 settembre 2017. URL consultato il 13 maggio 2018.
  214. ^ Madonna loses legal battle to prevent auction of Tupac letter and other personal items, in The Daily Telegraph (London), 24 aprile 2018. URL consultato il 13 maggio 2018.
  215. ^ Rob Copsey, Madonna Confirms She Is Working On New Music, Official Charts Company, 17 gennaio 2018. URL consultato il 21 gennaio 2018.
  216. ^ Template:Cite magazine
  217. ^ Nicole Engelman, Madonna Says Her Next Album Is Coming in 2019, in Billboard, 1º ottobre 2018. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  218. ^ Andrea Park, Met Gala 2018: Madonna Performs 'Like a Prayer', in Women's Wear Daily, 8 maggio 2018. URL consultato l'8 maggio 2018.
  219. ^ Meredith Kile, Madonna Honors Aretha Franklin With Personal VMA Tribute, MSN, 21 agosto 2018. URL consultato il 21 agosto 2018.
  220. ^ Matthew Strauss, Listen to Quavo's New Album Featuring Drake, Madonna, Cardi B, Kid Cudi, More, in Pitchfork, 12 ottobre 2018. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  221. ^ Template:Cite magazine
  222. ^ Rockol com s.r.l, √ Madonna, sui social ancora un teaser del nuovo progetto 'Madame X', su Rockol. URL consultato il 14 aprile 2019.
  223. ^ http://news.mtv.it/musica/madonna-maluma-nuova-canzone-medellin/
  224. ^ (EN) Madonna and Maluma to Perform 'Medellin' at 2019 Billboard Music Awards, Billboard, 19 aprile 2019. URL consultato il 21 aprile 2019.
  225. ^ Alston, Trey, Madonna brings soft power to resilience on striking 'I Rise', su MTV, 3 maggio 2019. URL consultato il 3 maggio 2019.
  226. ^ (EN) Inside Madonna's ambitious album campaign for 'Madame X': augmented reality, multiple tracks, tour prep and TikTok, Billboard, 3 maggio 2019. URL consultato il 3 maggio 2019.
  227. ^ (EN) For 1.15 million euros: Madonna occurs at the Eurovision Song Contest in Tel Aviv, su tellerreport.com. URL consultato il 14 giugno 2019.
  228. ^ Legaspi, Althea, Madonna and Quavo Welcome the ‘Future’ in New Song, in Rolling Stone, 18 maggio 2019. URL consultato il 18 maggio 2019.
  229. ^ (EN) Watch and listen to Madame X's "Dark Ballet" now!, su madonna.com, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  230. ^ (EN) Madame X marks the spot for Madonna's Portuguese album, su The Press. URL consultato il 5 maggio 2019.
  231. ^ Madonna Reveals Madame X Tour Dates, su Variety, 6 maggio 2019. URL consultato il 14 giugno 2019.
  232. ^ Ryan Reed, Madonna Protests Gun Violence in Disturbing ‘God Control’ Video, su Rolling Stone", 26 giugno 2019. URL consultato il 30 giugno 2019.
  233. ^ Martha Ross, Pulse nightclub survivors slam Madonna’s graphic new video, calling it ‘insensitive’ and the wrong way to address gun violence, su The Mercury News, 27 giugno 2019. URL consultato il 30 giugno 2019.
  234. ^ Lisa Respers France, Madonna makes powerful statement against gun violence in 'God Control' video, su CNN. URL consultato il 27 giugno 2019.
  235. ^ Ramin Setoodeh, Madonna Closes World Pride With Message About Gun Violence in America, Variety, 30 giugno 2019. URL consultato il 1º luglio 2019.
  236. ^ Stephen Sears, Madonna's 'Ray Of Light' Turns 15: Backtracking, Idolator, 4 marzo 2013. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  237. ^ a b c d Ondarock: Madonna, su ondarock.it. URL consultato il 4 luglio 2016.
  238. ^ a b Grant,  p. 6
  239. ^ Grant,  p. 3
  240. ^ Harrison,  p. 213
  241. ^ Madonna >Credits, su AllMusic. URL consultato il 22 marzo 2014.
  242. ^ Stuart Price interview, Popjustice, 16 novembre 2005. URL consultato il 5 novembre 2016.
  243. ^ Gnojewski,  p. 57
  244. ^ Zollo,  p. 616
  245. ^ ACE Repertory: Madonna L. Ciccone, American Society of Composers, Authors and Publishers. URL consultato l'11 novembre 2017.
  246. ^ Madonna: Album Guide, in Rolling Stone. URL consultato il 7 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2011).
  247. ^ Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  pp. 55–58
  248. ^ Daniel Welsh, Madonna, Step Away From The 'Songwriting Camps', in HuffPost, 27 febbraio 2018. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  249. ^ a b Template:Cite magazine
  250. ^ Erin Coulhan, Madonna, Led Zeppelin Among Songwriters Hall of Fame Nominees, in Rolling Stone, 9 ottobre 2013. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  251. ^ Who's up for the 2016 Songwriters Hall of Fame?, CBS News, 5 ottobre 2015. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  252. ^ Jay Z, Madonna Among Nominees For The 2017 Songwriters Hall Of Fame, in Access Hollywood, 20 ottobre 2016. URL consultato il 20 ottobre 2016.
  253. ^ The 100 Greatest Songwriters of All Time, in Rolling Stone. URL consultato il 17 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2015).
  254. ^ a b Dimery; pag. 610
  255. ^ autori vari, Enciclopedia rock anni '80 (quarto volume), Arcana, 2002, p. 322.
  256. ^ (EN) Tom Moon, 1001 Recordings to Hear Before You Die, Workman, 2008, pp. 464-634.
  257. ^ autori vari, Enciclopedia rock anni '90 (quinto volume), Arcana, 2002, p. 442.
  258. ^ Dimery; pag. 873
  259. ^ a b (EN) Mimi Makabi, MADONNA: Icon of Postmodernity, Celebrity Society. URL consultato il 26 marzo 2012.
  260. ^ Influence Of A Legend: Marilyn Monroe, example essays. URL consultato il 26 marzo 2012.
  261. ^ a b c Metz e Benson,  p. 161
  262. ^ Taylor,  p. 191
  263. ^ Morton,  p. 20
  264. ^ Metz e Benson,  p. 163
  265. ^ Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  p. 145
  266. ^ Kellner,  p. 271
  267. ^ Clerk,  p. 44
  268. ^ Rettenmund,  p. 34
  269. ^ Welton,  p. 234
  270. ^ Cross,  p. 70
  271. ^ Landrum,  p. 258
  272. ^ a b Chris Nelson, Lip-Synching Gets Real, in The New York Times, 1º febbraio 2004. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  273. ^ Thor Christensen, Loose Lips: Pop Singers' Lip-Syncing In Concert Is An Open Secret, in Pittsburgh Post-Gazette, 15 settembre 2001, p. B.8, ISSN 1068-624X (WC · ACNP). URL consultato il 4 agosto 2018.
  274. ^ Kai Harada, Kai Harada, sound designer and sound handbook author, writes about 'The Feeding and Care of RF Microphones', Harada-Sound.com, 1º settembre 2007. URL consultato il 17 marzo 2010.
  275. ^ Andrew Castle, Wimbledon's No 1 seat, in The Independent (London), 2 luglio 2007. URL consultato il 17 marzo 2010.
  276. ^ Metz e Benson,  p. 290
  277. ^ Diamond,  p. 202
  278. ^ Taraborrelli,  p. 90
  279. ^ Madonna, una donazione per l'Abruzzo, su tg24.sky.it. URL consultato il 10 giugno 2013.
  280. ^ (EN) Nancy Dillon, Madonna sued by former Raising Malawi charity workers over unpaid salary, benefits, New York Daily, 28 marzo 2011. URL consultato il 20 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2012).
  281. ^ (EN) About Raising Malawi, Raising Malawi. URL consultato il 20 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2012).
  282. ^ (EN) Belinda Luscombe, Exclusive: Madonna Speaks About Her "Big, Big Project", Time, 3 agosto 2006. URL consultato il 20 luglio 2012.
  283. ^ Madonna ha costruito 10 scuole in Malawi quest'anno, Ansa, 28 dicembre 2012. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  284. ^ Martha Ross, Madonna should look to Mark Zuckerberg for reasons that a critical biopic can be a good thing, in The Mercury News, 12 maggio 2017. URL consultato il 1º luglio 2018.
  285. ^ James Evans, 10 Things You Never Knew About... Madonna, in Clash, 22 marzo 2013. URL consultato il 27 giugno 2018.
  286. ^ Austin Scaggs, Madonna Looks Back: The Rolling Stone Interview, in Rolling Stone, 22 ottobre 2009. URL consultato il 27 giugno 2018.
  287. ^ Kellner,  p. 263
  288. ^ Ben Kaye, MDNA in the time of MDMA: The End of Madonna's Reign?, in Consequence of Sound, 10 aprile 2012. URL consultato il 15 agosto 2014.
  289. ^ Mark Graham, VH1's 100 Greatest Women in Music, VH1. Viacom, 13 febbraio 2012. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  290. ^ Pop's 20 greatest female artists, in The Daily Telegraph, 7 agosto 2015. URL consultato il 18 giugno 2017.
  291. ^ Clerk,  p. 12
  292. ^ (ES) Mujeres que cambiaron las reglas del rock, in Rolling Stone Spain, 14 aprile 2012. URL consultato il 14 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  293. ^ Barcella,  p. 8
  294. ^ William Langley, Madonna, mistress of metamorphosis, in The Daily Telegraph, 9 agosto 2008. URL consultato il 6 aprile 2013.
  295. ^ Alan McGee, Madonna Pop Art, in The Guardian, 20 agosto 2008. URL consultato il 17 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  296. ^ Tony Sclafani, At 50, has Madonna surpassed the Beatles?, MSNBC. NBCUniversal, 12 agosto 2008. URL consultato il 29 aprile 2012.
  297. ^ Kellie B. Gormly, Flamboyant Divas Can Thank Madonna, in Pittsburgh Tribune-Review, 1º novembre 2012. URL consultato l'8 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  298. ^ Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  p. 161
  299. ^ Madonna inspired Liam Gallagher to become a musician, in Business Standard, 1º settembre 2017. URL consultato il 1º settembre 2017.
  300. ^ Remembering Our Time with Chester Bennington, in Elvis Duran and the Morning Show, 21 febbraio 2017. URL consultato il 1º settembre 2017.
  301. ^ Chris Azzopardi, Sia Gets Into the Groove, in Pride Source, 22 aprile 2010. URL consultato il 5 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2015).
  302. ^ a b Stereo Tude, Artists Who Were Inspired By Madonna, pp. 1–21. URL consultato il 20 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  303. ^ Nicki Minaj: 'I'm inspired by Madonna', in New Musical Express (NME), 12 aprile 2012. URL consultato l'11 aprile 2013.
  304. ^ Nicki Minaj: 'Madonna Is My Inspiration', in Take40, 8 aprile 2012. URL consultato l'11 aprile 2013.[collegamento interrotto]
  305. ^ Kayleigh Dray, Nicki Minaj: Madonna Is My Inspiration, in Entertainmentwise, 8 aprile 2012. URL consultato l'11 aprile 2013.
  306. ^ Sean Michaels, Nicki Minaj: provocative Anaconda artwork inspired by Madonna, in The Guardian, 5 agosto 2014. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  307. ^ Brian Hiatt, Adele: Inside Her Private Life and Triumphant Return, in Rolling Stone, 15 novembre 2015. URL consultato il 5 dicembre 2015.
  308. ^ Gina Vivinetto, Adele Tells Rolling Stone Madonna Inspired 25 Album, in The Advocate, 3 novembre 2015. URL consultato il 4 novembre 2015.
  309. ^ Jessie J performs at the first Facebook UK Live event earlier today (Video), in PrimeTime.Unrealitytv.co.uk, 26 settembre 2013. URL consultato il 23 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2013).
  310. ^ World Entertainment News Network, Jessie J to Play First Ever U.K. Facebook Live Event, Hollywood.com, 19 settembre 2013. URL consultato il 23 novembre 2013.
  311. ^ (ES) Justin Bieber, Lady Gaga y el secreto de Madonna, in Neoclupress, 17 luglio 2011. URL consultato l'11 aprile 2013.
  312. ^ (ES) Ray Rodriguez, Justin Bieber sueña en ser como Madonna, in Impre, ImpreMedia, 10 gennaio 2012. URL consultato l'11 aprile 2013.
  313. ^ Harjeet Mander, Miley Cyrus Wants To Be The Next Madonna, in Entertainment Wise, 4 luglio 2008. URL consultato il 18 aprile 2013.
  314. ^ (ES) Miley Cyrus: Quiere ser la nueva Madonna, ADNMundo.com, 8 luglio 2008. URL consultato il 18 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2013).
  315. ^ Daniel Kilkelly, Miley Cyrus hopes to emulate Madonna, in Digital Spy, 5 luglio 2008. URL consultato il 18 aprile 2013.
  316. ^ Emily Herbert, Take That and Robbie Williams, John Blake Publishing, 2010, p. 22, ISBN 978-1-84358-695-1.
  317. ^ Rick Fulton, Avril Lavigne: Madonna is my idol, in Daily Record (Scotland), 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2013).
  318. ^ Lewis Corner, Beyoncé: 'There are not enough independent women like Madonna', in Digital Spy, 19 febbraio 2013. URL consultato l'11 aprile 2013.
  319. ^ Lady Gaga, Rihanna, and Other Stars Influenced by Madonna's Iconic Style, MSN, pp. 1–13. URL consultato il 13 giugno 2014.
  320. ^ Chris Reidy, Inspired by Madonna: Get The Look, in Marie Claire, 24 settembre 2014. URL consultato il 20 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2015).
  321. ^ LondonNew Haken Album Will Be Strongly Influenced By Every '80s Artist From Madonna to Metallica, Band Hints Blanca, Gwyneth Paltrow transforms into Madonna for new Max Factor ad - even though the pair are frenemies, in Daily Mail, 1º luglio 2014. URL consultato il 20 marzo 2015.
  322. ^ Kat Trofimova, Singer Credits Madonna's Influence, Sheknows.ca, 10 aprile 2012. URL consultato l'11 aprile 2013.
    «Citing Madonna as a musical influence is not new».
  323. ^ (ES) Katy Perry quiere ser como Madonna, in Los 40 Principales, PRISA, 7 marzo 2012. URL consultato l'11 aprile 2013.
  324. ^ Adam Bychawski, Lady Gaga: "Born This Way' was inspired by Madonna and Prince', in NME, 10 giugno 2011. URL consultato il 27 marzo 2016. name="Gaga2"> Emily Sheridan, 'When I heard Born This Way on the radio, I thought that sounds familiar': Madonna finally breaks silence over Lady Gaga song, in Daily Mail (London), 12 gennaio 2012. URL consultato l'11 aprile 2013.
  325. ^ (ES) Maluma celebró sus 23 años, in Washington Hispanic, 3 febbraio 2017. URL consultato il 17 maggio 2017.
  326. ^ (ES) Rihanna se inspiró en Madonna, in Excélsior, 27 luglio 2011. URL consultato l'11 aprile 2013.
  327. ^ Lewis Corner, Rihanna: 'Madonna is my biggest inspiration', in Digital Spy, 21 luglio 2011. URL consultato l'11 aprile 2013.
  328. ^ Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  p. 168
  329. ^ Roger Chapman, Culture Wars: An Encyclopedia of Issues, Viewpoints, and Voices, Volume 1, M.E. Sharpe, 2010, p. 333.
  330. ^ Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  p. 162
  331. ^ Fiske,  p. 102
  332. ^ Buikema e van der Tuin,  p. 119
  333. ^ Jeffreys,  p. 96
  334. ^ Jhally,  p. 194
  335. ^ Kramarae e Spender,  p. 459
  336. ^ Gorlinski,  p. 330
  337. ^ Ian Johnston, Get a head for business, tune into Madonna, in The Scotsman, 23 settembre 2004. URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  338. ^ Jamie Anderson e Martin Kupp, Case Study: Madonna, in The Times, News Corp, 18 gennaio 2007. URL consultato il 3 agosto 2009.
  339. ^ Morton,  p. 89
  340. ^ Tony Grew, Gordon Ramsay 50th most popular gay icon, in Pink News, 5 gennaio 2007. URL consultato il 13 febbraio 2012.
  341. ^ Ari Karpel, Madonna: The Truth Is She Never Left You, in The Advocate, 2 febbraio 2012. URL consultato il 16 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2012).
  342. ^ a b (Omnibus, BBC, December 1990)
  343. ^ The Howard Stern Show, OFFICIAL AUDIO: Madonna on the Howard Stern Show (3-11-15), 12 marzo 2015. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  344. ^ Chris Harris, Madonna Booed After Standing Up For Gypsies In Romania - Music, Celebrity, Artist News, MTV, 27 agosto 2009. URL consultato il 20 gennaio 2012.
  345. ^ Stand for equal rights and human dignity for all, Raising Malawi. URL consultato il 20 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2010).
  346. ^ Advocate.com Editors, Madonna Condemns Malawi Gay Sentence, The Advocate. URL consultato il 20 gennaio 2012.
  347. ^ Web Exclusive: The Unedited Madonna Interview, YouTube, 9 novembre 2010. URL consultato il 20 gennaio 2012.
  348. ^ News - Madonna's Statement To New Yorkers, Madonna.com. URL consultato il 20 gennaio 2012.
  349. ^ Noah Michelson, Madonna Dresses As Boy Scout, Slams Organization's Gay Ban And Honors Anderson Cooper (VIDEO), in The Huffington Post, 17 marzo 2013. URL consultato il 15 aprile 2013.
  350. ^ Hawks, Asa, VIDEO TRANSCRIPT Madonna’s full speech at GLAAD Media Awards in boy scout uniform, starcasm.net. URL consultato il 15 aprile 2013.
  351. ^ Spencer Harvey, Madonna Declares "It Is Every Human's Duty To Fight, To Advocate" at the 30th Annual GLAAD Media Awards in New York, GLAAD, 5 maggio 2019. URL consultato il 13 maggio 2019.
  352. ^ Madonna Named 'Stonewall Ambassador', Sparking Talk of NYC Pride Performance, su madonnaunderground.com. URL consultato il 14 maggio 2019.
  353. ^ Dan Lane, Madonna's Top 40 most downloaded tracks revealed!, Official Charts Company, 29 marzo 2012. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  354. ^ Barry Egan, U2 strike a chord in the best albums from 2009, in The Independent, Independent News & Media, 3 gennaio 2010. URL consultato il 23 luglio 2010.
  355. ^ Best-Selling Female Recording Artist of All Time, su Guinness World Records, Jim Pattison Group. URL consultato il 3 ottobre 2014.
  356. ^ Top Selling Artists, Recording Industry Association of America. URL consultato il 9 giugno 2008.
  357. ^ The American Recording Industry Announces Its Artists of the Century, Recording Industry Association of America, 10 novembre 1999. URL consultato il 30 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2007).
  358. ^ https://www.billboard.com/articles/events/greatest-of-all-time/6760664/madonna-most-billboard-hot-100-top-10-hits.
  359. ^ Madonna Makes History With 45th No. 1 on Billboard's Dance Club Songs Chart | Billboard
  360. ^ https://www.billboard.com/articles/columns/chart-beat/6649413/madonna-46th-number-1-dance-club-songs-chart.
  361. ^ https://www.billboard.com/articles/columns/chart-beat/8517120/madonna-madame-x-No1-debut-billboard-200-chart
  362. ^ (EN) Ray Waddell, Top Live Artists From 1990-2014, su Billboard, Prometheus Global Media, 27 maggio 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.
  363. ^ https://web.archive.org/web/20171129123752/https://www.highbeam.com/doc/1P2-22545124.html
  364. ^ https://elpais.com/diario/1987/08/31/cultura/557359210_850215.html
  365. ^ Search | Billboard
  366. ^ RIAA - Gold & Platinum Searchable Database - October 27, 2015[collegamento interrotto]
  367. ^ (EN) Lauren Kreisler, The Official Singles Charts' biggest selling artists of all time revealed!, The Official Charts, 4 giugno 2012. URL consultato il 17 luglio 2012.
  368. ^ https://www.officialcharts.com/chart-news/60-incredible-chart-facts-and-feats-about-madonna__23566/
  369. ^ Madonna breaks book record - www.theage.com.au
  370. ^ .http://money.cnn.com/2014/12/02/luxury/richest-recording-artists/.
  371. ^ http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/5391154.stm.
  372. ^ http://news.bbc.co.uk/2/hi/7047969.stm.
  373. ^ http://www.mtv.it/.
  374. ^ (EN) 100 Greatest Artists of All Time, Rolling Stone. URL consultato il 28 marzo 2012.
  375. ^ (EN) Michael Musto, The 12 Greatest Female Gay Icons of All Time, su OUT Magazine, Here Media, 25 agosto 2014. URL consultato il 26 agosto 2014.
  376. ^ [4]
  377. ^ (EN) The Brits Winners, Brit Awards. URL consultato il 20 luglio 2012.
  378. ^ (EN) HFPA 2011 Nominations & Winners, Golden Globes. URL consultato il 28 marzo 2012.
  379. ^ a b MTV Europe Music Awards: tutti i premiati di stasera, Rockol, 11 dicembre 1998. URL consultato il 20 luglio 2012.
  380. ^ a b (EN) Aneta Tadeusiak, MTV Europe Music Awards 2000, UK Mix. URL consultato il 20 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2010).
  381. ^ (EN) MTV Video Music Awards, MTV. URL consultato il 20 luglio 2012.
  382. ^ Christopher Ciccone e Wendy Leigh, Life with my Sister Madonna[collegamento interrotto], SSE, 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59270244 · ISNI (EN0000 0001 0782 262X · SBN IT\ICCU\RAVV\090347 · LCCN (ENn84156128 · GND (DE118829688 · BNF (FRcb138969311 (data) · NLA (EN35697093 · NDL (ENJA00470886 · WorldCat Identities (ENn84-156128